2020 TASSI NEGATIVI PER TUTTI!

Scritto il alle 08:30 da icebergfinanza

Risultati immagini per abyss hedgeye

Il dovere professionale ci impone di parlare di cose serie oltre che di gossip finanziario o di illusioni economiche, quindi una piccola premessa sull’ultimo report relativo ai consumi USA in attesa che il Black Friday dia l’ultimo tocco di illusione all’economia americana…

Immagine

Tralasciando la superficie, andiamo ad esplorare l’iceberg sotto il pelo dell’acqua.

Mentre le vendite al dettaglio cinesi sono cresciute al ritmo più lento dal 2003 in America i consumi core, sono aumentati di un misero 0,1 %, ben peggiore delle previsioni. Il rimbalzo complessivamente è stato trainato dalle vendite di auto a debito tanto per cambiare e di carburante. Ben sette delle 13 categorie principali sono in calo.

Unico settore che galleggia è quello delle vendite online, che piano piano, sta distruggendo i centri commerciali, senza fretta ovviamente, la Fed sta tenendo in piendi anche il settore commerciale immobiliare.

Negozi di mobili e arredamento per la casa, di elettronica ed elettordomestici, di abbigliamento, articoli sportivi, hobbistica e rivendite di libri oltre ai servizi di ristorazione sono in declino da due mesi e meno male che l’occupazione è ai massimi.

Su base annua, la crescita delle vendite al dettaglio sta rallentando drasticamente.

Immagine

Si certo, ormai la produzione manifatturiera non interessa più a nessuno, non serve a nulla produrre, il crollo di quasi 0,8% a ottobre è il peggior crollo degli ultimi dieci anni, pensate che gli scienziati prevedevano un calo della metà.

Certo loro vi diranno che è tutta colpa dello sciopero General Motors, anche i mesi scorsi quando non c’era, ma la produzione di attrezzature aziendali è sotto del 2,5 % da inizio anno, la Fed e Powell possono raccontare tutte le balle che vogliono sulla forza devastante dell’economia USA, il settore costruzioni è in calo per la terza volta negli ultimi quattro mesi.

Chi se ne intende, sa che gli investimenti sono essenziali per un ciclo economico e anche questi stanno crollando, gli ultimi dati sul PIL hanno bisogno di qualche taroccamento per migliorare, i margini si sono contratti…

Intanto siamo a 0,4 di crescita trimestrale, ma festeggiamo ogni giorno insieme a Donald nuovi record storici, come ai bei tempi, prima di ogni crisi economica che si rispetti.

A proposito di Donald, in Cina non sembrano molto contenti di come stanno andando i deal…

Donald è troppo impegnato con l’impeachment, i cinesi speravano che in linea di principio fosse d’accordo sul togliere i dazi, ma forse è meglio attendere le elezioni prima di fare qualsiasi accordo, altro che fase UNO.

Nel frettempo l’amico Jay ha fatto un salto alla Casa Bianca, due chiacchiere davanti al caminetto…

“Appena terminato un incontro molto positivo e cordiale alla Casa Bianca con Jerome Powell. Si è parlato di tutto inclusi i tassi di interesse, i tassi di interessi negativi, l’inflazione bassa, il dollaro forte e i suoi effetti sulla manifattura, gli scambi commerciali con la Cina, l’UE e altri”, twitta Trump al termine dell’incontro.

“Su invito del presidente, Powell ha incontrato” Trump e Mnuchin “alla Casa Bianca per parlare di economia, crescita, occupazione e inflazione” afferma la Fed in una nota.

“I commenti di Powell sono stati in linea con quelli delle audizioni in Congresso della scorsa settimana. Powell non ha parlato delle attese per la politica monetaria, fatta eccezione per il mettere in evidenza che la strada dipenderà interamente dalle informazioni economiche che arriveranno”, aggiunge la Fed.

“Powell ha detto che la Fed determinerà la politica monetaria per sostenere la massima occupazione e la stabilità dei prezzi e assumerà le decisioni solo sulla base di analisi attente, obiettive e non politiche”, conclude la nota.

Certo, tutto tranquillo, tutto sereno, amici come prima…

(ANSA) – WASHINGTON, 19 NOV – “Nel mio incontro con Jay Powell ho contestato il fatto che il tasso della nostra Fed è troppo alto rispetto ai tassi di interesse di altri Paesi competitori. Infatti i nostri tassi dovrebbero essere più bassi di tutti gli altri (noi siamo gli Usa). Un dollaro troppo forte danneggia il manifatturiero e la crescita!”: lo ha twittato Donald Trump dopo l’incontro di lunedì mattina alla Casa Bianca con il presidente della Fed Jerome Powell, ignorando di nuovo la tradizionale indipendenza della banca centrale americana.

Io intanto preparo i popcorn, da qui alla fine del primo trimestre 2020, sarà davvero uno spettacolo, il clou forse in estate, ma vediamo, non c’è fretta, va tutto bene no?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.8/10 (11 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +11 (from 11 votes)
2020 TASSI NEGATIVI PER TUTTI!, 9.8 out of 10 based on 11 ratings
6 commenti Commenta
charliebrown
Scritto il 19 novembre 2019 at 12:45

Mentre mi è sembrato di poter dedurre che il rialzo del mercato dei t-bond sarà posticipato al 2021 (questo per la volontà di Trump di sostenere le quotazioni delle azioni nell’anno delle elezioni presidenziali), non riesco a capire quale spettacolo dobbiamo aspettarci nel primo trimestre 2020 con clou possibile in estate. Forse uno spettacolo di bugie?

stanziale
Scritto il 20 novembre 2019 at 07:12

https://www.ilsussidiario.net/news/caso-mes-cosi-leuropa-grazie-a-conte-fara-fuori-le-nostre-banche/1950836/
In Italia non siamo un repubblica presidenziale, ma quando c’e’ da fare un danno grave al popolo italiano e fare un favore ai poteri esteri (germania e francia), allora il presidente del consiglio puo’ assumere poteri che neanche Mussolini o Hitler si sognavano, e senza dire niente a nessuno. Se invece volesse fare qualcosa a favore del popolo italiano, ovviamente non avrebbe poteri. Comunque la faccenda resta misteriosa, lui dice che non ha firmato nulla. Sara’ stato l’usciere?

noldor
Scritto il 20 novembre 2019 at 11:55

Io ho inteso che i nuovi minimi dei rendimenti dei T-bond dobbiamo attenderceli nel 2020, anche se personalmente preferirei il 2021 perché sono uscito a settembre e vorrei avere più tempo per rientrare.
charliebrown@finanza,

claudio1965
Scritto il 20 novembre 2019 at 16:48

Aggiungerei ma questa gente ci governa non ha un minimo di dignità ? per il popolo che dovrebbero rappresentare come possono venderci cosi hai tecnocrati europei che non aspettano altro di mettere le mai su l’unica cosa che ci rimane i risparmi delle famiglie fatti con sacrifici nel tempo, che personaggi che gente di merda ( scusate per il francesismo ).

stanziale
Scritto il 20 novembre 2019 at 17:34

noto che Conte e’ in forte difficolta’, infatti colto in fallo, ha montato la polemica contro Salvini, e viceversa, sulla riforma del mes…poi Patuelli…i grillini sono contro, almeno una parte…
chissa’ che, alla fine, i soldi per d. bank non li caccino solo i tedeschi…
secondo me finisce come con il mare che volevano regalare ai francesi…
IL PIAVE MORMORO’

charliebrown
Scritto il 20 novembre 2019 at 21:30

noldor@finanza,

Se è come intendi tu, lo spettacolo con clou in estate 2020 sarebbe proprio il ribasso dei tassi negli USA. In effetti il titolo di questo post è “TASSI NEGATIVI PER TUTTI NEL 2020”. Io sono imbarcato su questa nave da tempo, e l’opinione del capitano sui treasuries è chiara. Solo che qualche volta mi sfuggono i dettagli, le tempistiche appunto alle quali il capitano allude.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Secondo Treccani, estrapolare significa estrarre qualcosa da un contesto, estendere la validit
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
I mercati ci hanno regalato un 2019 (fino ad ora) molto positivo. La tendenza è restata unidire
Aggiornamento settimanale. L’esito mi sembra interessante, qui sotto a confronto inflow e out
Ftse Mib: continua la fase correttiva per l'indice italiano che si porta al test della trend line ri
Anche se molto in sordina, dalla Germania stanno arrivando notizie tutt'altro che favorevoli nei
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Uno dei problemi chiave del momento in cui viviamo è sicuramente il debito. Poi mettetela come
Il mercato prima corregge e poi rimbalza. la configurazione del COT Report cambia di pochissimo.
Ftse Mib: l'indice italiano si riporta nei pressi della media mobile 200 periodi in attesa degli imp