SALVA BANCHE: OBBLIGAZIONI SUBORDINATE COME CAMPI DEI MIRACOLI.

Scritto il alle 11:00 da icebergfinanza

Cammina, cammina, cammina, alla fine sul far della sera arrivarono stanchi morti all’osteria del Gambero Rosso.

— Fermiamoci un po’ qui, — disse la Volpe, — tanto per mangiare un boccone e per riposarci qualche ora. A mezzanotte poi ripartiremo per essere domani, all’alba, nel Campo dei miracoli. —

Vecchi racconti di truffa e avidità, come quelli di questi giorni, non sono altro che la nemesi di otto anni durante i quali,  questa crisi non ha insegnato nulla a nessuno o quasi.

Sarà un lungo racconto, per chi non ha tempo, il gatto e la volpe lo aspettano, pazienti!

In sintesi una robetta da nulla, una sorta di bankrun in piena regola se si pensa che in Italia sono  60 miliardi di euro le obbligazioni subordinate in circolazione

Iniziamo partendo da qui, prima che il politico a caccia di voti  o il promotore della porta accanto, sempre a caccia di clienti,  vi racconti l’ennesima fesseria.

Se sono saltate quattro banche e altre ne salteranno nei prossimi anni, non significa che tutte le banche d’Italia stanno per saltare, chiaro sino a qui?

C’è chi dice che in Italia manca l’educazione finanziaria, come quella che eccelle nei paesi anglosassoni, si proprio quella dove milioni e milioni di dotti, medici e sapienti si sono fatti rifilare miliardi di cartolarizzazioni subprime e fregare la casa e la salute.

Proviamo a partire da un minimo di consapevolezza finanziaria…

Il parametro più significativo per comparare il coefficiente di solidità tra un istituto e l’altro è il “CET 1 Common Equity Tier 1” ovvero il rapporto tra il capitale a disposizione della banca e le sue attività PONDERATE PER IL RISCHIO

Qui sotto è la situazione del sistema bancario italiano nell’ultimo test delle BCE.

Quindi vediamo di distinguere e non generalizzare.

Ora facciamo un rapido passo indietro, mentre mezzo mondo si diverte a dichiarare fragile il sistema finanziario italiano.

Credo che tutti i lettori di Icebergfinanza sanno che l’Italia ha contribuito per oltre 125 miliardi di euro al fondo ESM…

Se qualcuno crede davvero che i fondi servano per aiutare gli Stati dimenticando che questa è in realtà…

UNA CRISI DI DEBITO PRIVATO e non PUBBLICO

…dia un’occhiata qui e scoprirà dove sono finiti parte dei fondi, ovvero a salvare le banche di altre nazioni tra cui…

Financial assistance – European Stability Mechanism

Inutile ricordare a tutti, come vi raccontiamo dal 2011,  che prima di impedire al nostro Paese di salvare le proprie banche con interventi pubblici o con il ricorso al Fondo interbancario per la tutela dei depositi visto come una forma di aiuto di Stato, nessuno ha avuto da ridire mentre la Germania salvava le sue banche dal fallimento con oltre 418 miliardi di euro…

 

La domanda è una ed unica!

Per quale motivo l’Italia ha accettato senza distinzione alcuna l’unione bancaria e l’avvento del ” bail-in  ” pur sapendo che viste le circostanze e l’austerità e la deflazione salariale e il pareggio di bilancio, patto di stabilità e altre amenità varie imposte avrebbero avuto ripercussioni sulla nostra economia reale e di conseguenza sui bilanci delle banche?

Collegamento permanente dell'immagine integrata

Per tutelare i risparmiatori e evitare nuove crisi! Fantastico!

Per anni abbiamo esaltato la solidità patrimoniale delle famiglie italiane, abbiamo raccontato che pochi Paesi al mondo vantano un alto grado di ricchezza privata come la nostra.  Ecco dove ha cercato di attingere il sistema bancario italiano.

Ma certo è tutta colpa della Commissione europea che non ci ha lasciati usare il fondo pinco pallo, dicono all’unisono Padoan e Renzi e Bankitalia, una battuta rispedita al mittente dalla stessa commissione che scarica tutte le responsabilità sul Governo italiano e le sue scelte.

Ma tu guarda, la Germania si è salvata le sue banche in parte nazionalizzandole e ora non vede l’ora di aiutarci, condividendo la tutela dei risparmiatori. E’ mai possibile che nessun politico abbia compreso la trappola messa in piedi da chi aveva tutto l’interesse ad assistere ad un indeboilimento del sistema Italia?

Schaeuble, no assicurazione depositi

In realtà come ci racconta Claudio Borghi…

Prima di proseguire però è fondamentale comprendere come un sistema finanziario come il nostro che ha retto in maniera eccellente alla crisi subprime, ora sia in grave difficoltà come ci racconta il professor Alberto Bagnai…

(…) La crescita economica (e quindi la capacità per famiglie e imprese di rimborsare i propri debiti col sistema bancario nazionale) e l’equilibrio dei conti con l’estero (e quindi la capacità di ripagare con i proventi delle esportazioni le proprie importazioni, senza indebitarsi col sistema bancario estero) sono due obiettivi incompatibili. Il motivo (lo ripeto) è che se un’economia cresce di più, a parità di altre condizioni cresceranno di più le sue importazioni (che dipendono dal reddito degli abitanti), e quindi l’obiettivo di maggiore crescita viene pagato in termini di deficit estero. È il famoso “vincolo esterno” del quale abbiamo parlato ad esempio qui, spiegando come esso condizioni la crescita di lungo periodo di un sistema economico. Di fatto, un paese non può permettersi di crescere oltre un certo limite, dettato da quanto crescono i suoi partner commerciali, il resto del mondo. Se la Germania reprime la propria crescita, ad esempio comprimendo gli investimenti e facendo deflazione salariale, gli altri paesi europei devono fare altrettanto o vanno in deficit (indebitandosi con la Germania, loro principale partner commerciale, per acquistare prodotti tedeschi). Questo perché reprimendo la crescita del suo reddito, la Germania reprime la crescita delle proprie importazioni, cioè delle nostre esportazioni, e quindi condiziona la nostra capacità di importare beni senza indebitarci (cioè finanziando le importazioni coi proventi delle esportazioni). (…)

(…) Il problema delle banche italiane è quello di fare le banche, cioè di erogare credito alle imprese (71% di credito a imprese contro il 56% di media europea) e in particolare alle PMI (36% contro 17%). Eh già! Perché mentre le banche con “vocazione” più speculativa magari quando viene la crisi guadagnano (esempio: prendono a prestito dalla BCE a tassi irrisori e comprano titoli di paesi che offrono tassi altissimi causa spread), quelle con “vocazione” più commerciale soffrono, perché l’austerità deprime i redditi dei loro clienti.

Più chiaro di così si muore, se qualcuno non lo ha ancora capito può dedicarsi all’ippica!

Ma ora torniamo all’argomento del giorno, ovvero quanto è accaduto a migliaia di risparmiatori italiani, alla ricchezza delle famiglie italiane, ricchezza che non dimentichiamocelo, qualche miliardo di euro  non contribuirà mai più ad alimentare l’economia italiana.

“Il 24 marzo 2015 l’ESMA, l’autorità europea di tutela del risparmio invia la seguente raccomandazione: “il detentore di una obbligazione subordinata si trova in una posizione meno favorevole rispetto al detentore di una obbligazione ordinaria, da momento che il rimborso è subordinato, appunto, al rimborso prioritario di altri debiti. Questa posizione meno favorevole è difficile da valutare per l’investitore medio retail. Il prospetto e/o la documentazione legale di questi titoli è difficile da comprendere. Per questo tali titoli dovrebbero (should) essere considerati complessi.”

Un passaggio che fa capire chiaramente cosa c’è dietro le parole del commissario europeo al mercato finanziario Jonathan Hill secondo cui in Italia sono stati venduti “prodotti finanziari inadeguati a persone forse ignare”.”

Forse ignare, giusto, perchè qualche furbo che godeva di rendimenti intorno al 7 % e ora fa il finto tonto lo si trova sempre.

Che facevano Bankitalia e la Consob in questi anni invece di vigilare?

Chi sono due facce della stessa medaglia che il lettore è bene che conosca.

La prima è questa…

“Io Luigino me lo sento sulla coscienza perché mi sono comportato da impiegato di banca e se fossi stato una persona che rispettava le regole non gli avrei fatto fare quel tipo di investimento”. Lo afferma a Repubblica Marcello Benedetti, ex impiegato della banca Etruria di Civitavecchia, il funzionario che ha venduto obbligazioni per centomila euro a Luigino D’Angelo, il pensionato che si è tolto la vita per averli persi.

“Luigino – racconta Benedetti – fu uno dei primi clienti della banca a cui proposi questo investimento, firmò il questionario che sottoponevamo a tutti, nel quale c’era scritto che il rischio era minimo per questo tipo di operazione. In realtà, nelle successive carte che il cliente firmava, era presente la dicitura “alto rischio”, ma quasi nessuno ci faceva caso. Era scritto in un carteggio di 60 fogli”.

“Avevamo l’ordine – fa quindi sapere l’ex funzionario di banca Etruria – di convincere più clienti possibili ad acquistare i prodotti della banca, settimanalmente eravamo obbligati a presentare dei report con dei budget che ogni filiale doveva raggiungere. L’ultimo della lista veniva richiamato pesantemente dal direttore”.

…la seconda ovviamente è questa…

I titoli subordinati di Banca Etruria, il cui valore è stato azzerato, in mano al pensionato di Civitavecchia Luigino D’Angelo, morto suicida lo scorso 28 novembre, erano stati emessi nel 2006 e sono stati da lui comprati all’inizio del 2013 sul mercato secondario e non quindi ‘spinti’ dalla banca nella rete di filiali dando disposizioni ai propri dipendenti. È quanto spiegano fonti finanziarie secondo cui l’istituto aveva già collocato nel 2006 questi titoli per soddisfare i propri bisogni di capitale e quindi l’iniziativa, nel caso, è stata presa dall’ex dipendente dell’istituto su cui pende un’indagine penale in fase di istruttoria su un altro tema e che sarebbe alla base del suo licenziamento.

La verità verrà accertata dagli organi competenti a noi interessa raccontarvi cosa sta dietro alcune leggende metropolitane.

Personalmente non interessano particolarmente le vicende della famiglia Boschi mabasterebbe dare un’occhiata a questo articolo per comprendere che in realtà più che una banca, questa era un’associazione a delinquere…

Tutti i retroscena del fallimento della vecchia Banca Etruria …

“I 13 ex amministratori e i 5 ex sindaci cumulano 198 posizioni di fido a loro concessi per ben 185 milioni. Ne vengono utilizzati 142 con perdite per la banca di 18 milioni. Non solo ma di questi soldi dati agli amministratori ben 90 milioni finiscono tra i prestiti in incaglio e sofferenza. Non verranno cioè restituiti. Fanno parte di quel lento accumulo di prestiti malati che sono la vera croce per l’istituto.”

Ma attenzione perchè non finisce qui il bello deve ancora arrivare…

“La prima lacuna del decreto salva banche è la mancata decadenza o la sospensione dei requisiti di onorabilità per gli organi amministrativi o di controllo delle banche in risoluzione. Il Testo unico bancario del 1998 prevede questo tipo di “sanzione” per gli istituti falliti, uha procedura diversa rispetto a quella adottata per Banca delle Marche, Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio, Cassa di Risparmio di Ferrara, CariChieti. I quattro istituti sono stati però commissariati, e di conseguenza gli amministratori così come i componenti degli organismi di controlli non possono accedere ad altri incarichi in nuove banche. C’è quindi una lacuna per quanto riguarda la procedura della risoluzione adottata. Ancora più problematica appare un’ulteriore normativa del “salva banche”, che consente azioni di responsabilità nei confronti degli amministratori solo con l’autorizzazione del commissario della società. Questo tipo di tutela per azionisti e obbligazionisti è possibile con una delibera dell’assemblea dei soci dell’istituto. Come ricorda “La Stampa” di sabato 12 dicembre 2015, l’articolo 35 del decreto che ha recepito la direttiva del bail-in All’articolo 35 del decreto si legge: «L’esercizio dell’azione sociale di responsabilità e di quella dei creditori sociali contro i membri degli organi amministrativi e di controllo e il direttore generale (…), spetta ai commissari speciali sentito il comitato di sorveglianza, previa autorizzazione della Banca d’Italia». Dunque, senza il benestare dei commissari, del comitato di sorveglianza e di palazzo Koch non si potrà esercitare l’azione di responsabilità”. Questa interpretazione restrittiva della norma UE rende più difficile le eventuali azioni di risarcimento.”

Le misure favorevoli agli amministratori non cambiate dal decreto

Vi ricorda nulla questo? Certo un manipolo di falliti e ladri, con l’aiuto di un decreto allegro, una volta spente le luci dei riflettori, potrà tornare ad amministrare e distruggere qualche altra creatura aziendale.

Di tutto ciò statene pur certi sui media principali troverete ben poca traccia!

In fondo è tutto così semplice, Pinocchio, il gatto e la volpe, le cinque monete d’oro e il campo dei miracoli che … non esiste, senza generalizzare ovviamente.

Come racconto nei miei incontri in giro per l’Italia, nella finanza tutto si crea, nulla si distrugge, tutto si trasferisce da una tasca all’altra.

Una storia che si ripete, nulla cambia tutto è per sempre uguale.

Questo sistema ha bisogno di uomini e donne ignoranti ed inconsapevoli per sopravvivere, ha bisogno di un bidone dove gettare la propria spazzatura.

Come direbbe il buon Edoardo, nel nome del progresso il dibattito sia aperto, parleranno tutti quanti, dotti medici e sapienti, tutti intorno al capezzale di un malato molto grave. La politica dovrebbe aver il buon gusto di fare silenzio, visto che molte delle banche coinvolte negli ultimi anni dal Monte dei Paschi di Siena sino alla Banca Etruria e le  fondazioni, non sono altro che le loro galline dalle uova d’oro.

Nel fine settimane ho letto di tutto e di più, consigli e manifesti ovunque, un inno al risparmiatore, quasi una razza in via di estinzione da salvare, consigli dell’ultima ora per spostare i propri risparmi da una banca all’altra, da un prodotto finanziario all’altro, il solito squallido manifesto postumo.

C’è addirittura chi consiglia di scegliere solo banche di grandi dimensioni possibilmente quotate in borsa.

E’ naturale che in mezzo a questa “repressione finanziaria” la tendenza è quella di concentrare il potere finanziario in poche grandi banche. Le banche più grandi sono le più solide, le più sicure dicono loro, anche se magari sono quelle che hanno contribuito maggiormente alla crisi, ma poco importa.

Ieri il direttore generale di Bankitalia, tanto per cambiare, ha detto che la riforma del credito cooperativo avviata dal governo è fondamentale, «perché sono molte banche e molto piccole e cominciano ad avere serie difficoltà a resistere in un mercato che si sta globalizzando e che chiede di avere molto capitale»

Fa piacere che finalmente la Banca d’Italia abbia ammesso che … «da relativamente poco tempo, da 3 o 4 anni abbiamo cominciato a investire nella tutela del cliente delle banche, è una funzione che la legge ci assegna da un po’ di anni, l’abbiamo svolta inizialmente forse con timidezza».

Solo in Italia puoi assistere a Governo, Bankitalia e Consob che scaricano la colpa sulla Commissione europea, la quale a sua volta rimpalla la totale responsabilità della scelta, rispedendola la mittente. Solo in Italia, il Governo può pensare di lasciare decidere chi ha diritto ad eventuali rimborsi ” aiuti umanitari” alla Consob, ovvero chi doveva vigilare, per poi cambiare idea dopo che il canarino inserito nella miniera è morto asfissiato.

Quello che importa è che oggi bisogna eliminare tutto ciò che è piccolo, farlo credere fragile …

Bcc: «Si eviti l’equazione che vuole le banche territoriali più fragili delle altre…

Ma fermiamoci qui perchè gli sciacalli sono di casa in questa vicenda.

In questo caso ovviamente la colpa è sempre se solo di chi travestito da pollo ha sottoscritto un prodotto finanziario semplice con allegate ben 245 pagine di bugiardino, giusto per usare l’ironia…

245 pagine di fumetti in legalese, da leggere la sera prima di andare a dormire per un pensionato sono uno scherzo, sostengono alcuni, se non sa leggere nessuno lo obbliga a sottoscrivere una simile operazione.

Sto pensando ai milioni di fessi che hanno comprato una Volkswagen, Audi o Porsche che prima di acquistarla non si sono letti come funzionano le emissioni C02 o a tutti quelli che vanno sotto i ferri del chirurgo e ci restano per sempre.

La colpa è loro perchè prima di fare l’intervento dovevano studiare medicina, anche se non capivano nulla, mica erano obbligati a farsi operare suvvia.

Come sempre la verità sta nel mezzo, ma spesso e volentieri a pensare male, senza generalizzare ovviamente si fa peccato ma ci si azzecca.

“E le tue monete d’oro?”
“Le ho sempre in tasca, meno una che la spesi all’osteria del Gambero Rosso.”
“E pensare che, invece di quattro monete, potrebbero diventare domani mille e duemila! Perché non dài retta al mio consiglio? Perché non vai a seminarle nel Campo dei miracoli?”
“Oggi è impossibile: vi anderò un altro giorno.”
“Un altro giorno sarà tardi”, disse la Volpe.
“Perché?”
“Perché quel campo è stato comprato da un gran signore e da domani in là non sarà più permesso a nessuno di seminarvi i denari.”

Da domani non sarà più possibile seminare obbligazioni subordinate…

«A questo punto è necessario e urgente che per prodotti come le obbligazioni subordinate venga vietata la vendita allo sportello, per legge». Il direttore della Banca d’Italia Salvatore Rossi torna a chiedere una norma che impedisca la vendita alla clientela al dettaglio di questi strumenti perché con le nuove norme sul bail-in «è davvero cambiato il mondo nel campo della gestione delle crisi bancarie».

Ma certo geniale, così risolviamo il problema, perchè non aggiungervi anche le obbligazioni strutturate, le unit linked, gli etf a leva e … Ragazzi, altro che Pinocchio, questo è il vero campo dei miracoli, non sanno più che pesci pigliare!

Buona Consapevolezza… e speriamo che me la cavo!

Nel fine settimana forse, torna il nostro Machiavelli!

Ricordati che l’informazione indipendente ha bisogno anche del Tuo sostegno.

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’ oceano infinito di questa tempesta perfetta …Chiunque volesse ricevere le ultime analisi di Machiavelli può liberamente contribuire al nostro viaggio

cliccando qui sopra …

o sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.8/10 (13 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +10 (from 10 votes)
SALVA BANCHE: OBBLIGAZIONI SUBORDINATE COME CAMPI DEI MIRACOLI., 9.8 out of 10 based on 13 ratings
10 commenti Commenta
marco72_
Scritto il 14 dicembre 2015 at 11:40

@icebergfinanza:

Pero’ e’ anche vero che in “mondo normale” la banche dovrebbero vivere di vita propria, e non contare su “bail-in” o “bail-out” che siano. In un “mondo normale” anche i possessori di obbligazioni “senior” dovrebbero essere a rischio in caso di fallimento. In un incontro pubblico di alcuni fa (spero di non aver frainteso) ti ho sentito sostenere proprio questo (ed io concordo …). Obbligazione e’ un prestito che faccio alla banca, ergo se la banca fallisce …

Naturalmente, capisco anche quale possa essere il rischio di un fallimento a livello sistemico … la storia insegna. E capisco anche il discorso che fai riguardo l’Europa e l’Italia, la disparita’ di trattamento … Chiaro che se qui in Italia siamo gli unici a giocare con la vita dei risparmiatori, mentre altrove si salvano le banche a tutto spiano con soldi pubblici … forse abbiamo qualche problema di equita’. Ovvio che il “mondo normale” non esiste.

Chiaro anche che non sto affermando che i risparmiatori sapevano quello che stavano facendo, non tutti quantomeno. Chiaro che qui abbiamo della povera gente a cui sono stati venduti prodotti a loro non adatti, in barba a tutte le direttive mifid e quant’altro – e la cosa e’ scandalosa, vista la dimensione del fenomeno. Questi risparmiatori sono stati truffati, a dir poco … Oltretutto … una regola fondamentale per investire … fosse anche il titolo piu’ solido del mondo, non e’ forse un pochino rischioso investire tutti i propri risparmi su un unico titolo, di un unico emittente? Quindi doppiamente crimimale chi ha fatto investire tutti i risparmi su quel titolo …

Una mia testimonianza. Gestisco, oltre ai miei (che gestisco in proprio), alcuni investimenti di mio padre – pensionato con un profilo di investitore conservativo. Alcuni anni fa, la sua banca (Carige, tanto per non fare nomi) ci aveva impedito di acquistare un titolo di stato a 7 anni perche’ per lui troppo rischioso, non compatibile con il suo profilo di rischio. Ok, va bene. Poi tempo dopo gli propongono di acquistare “un pacchetto” di azioni della Banca. Ah ecco … investire in azioni della banca invece e’ un investimento adatto a lui??? Naturalmente, gli ho detto di rifiutare (e non solo perche’ l’investimento era inadeguato … sappiamo poi come sono andate le cose).

aorlansky60
Scritto il 14 dicembre 2015 at 12:10

vorrei sottoporre alla cortese attenzione di Capitano ed equipaggio,

quanto da me ponderato in relazione ai noti fatti recentemente avvenuti, riguardanti la vicenda di 4 istituti di credito italiani [Banca Etruria Lazio – CaRiFe – Banca d.Marche – CaRiChieti]

premesso che l’art 47 della Costituzione Italiana cita :

«La Repubblica incoraggia il risparmio in tutte le sue forme; disciplina, coordina e controlla l’esercizio del credito. Favorisce l’accesso del risparmio popolare alla proprietà dell’abitazione, alla proprietà diretta coltivatrice e al diretto e indiretto investimento azionario nei grandi complessi produttivi del Paese.»

partendo da questa base, si può asserire con ragione che quanto realizzato dal Governo italiano [in associazione con Banca d’Italia] tramite il dL 180 del 22 NOV 2015, che ha di fatto compromesso, , il risparmio privato di oltre 140.000 soggetti italiani

è di chiara natura ANTI COSTITUZIONALE

pertanto, è ragionevole pensare di muovere -oltre alla Magistratura Italiana- un esposto alla che, una volta preso in esame il dL 180 e valutatane la chiarissima incoerenza di fondo nonche l’evidente incompatibilità di fatto con quanto citato dal suddetto articolo 47 della Costituzione [che è da ritenersi come riferimento assoluto], ne arresti qualsiasi risoluzione ai fini pratici.

Vi è anche da osservare che quanto realizzato con il dL 180, in linea con le direttive Europee per quanto riguarda la regolamentazione bancaria degli Stati membri eurozona, rispetto all’entrata in vigore effettiva (01 GEN 2016) della stessa e per questo passabile di seria messa in discussione.

Se invece passa per “buona” l’attuazione del dL 180 così come pensata da Gov italiano e Banca d’Italia, questo lancia gravi dubbi circa la tenuta, l’autorevolezza e la stessa ragione d’essere dell’Art. 47 della Costituzione Italiana, nonche gravi dubbi su coloro -Governo italiano e Banca d’Italia in primis – che ne possono [a loro piacimento] stravolgere i significati originari.

aorlansky60
Scritto il 14 dicembre 2015 at 12:39

@

In sintesi una robetta da nulla, una sorta di bankrun in piena regola se si pensa che in Italia sono 60 miliardi di euro le obbligazioni subordinate in circolazione…

di cui 35 mld di € sottoscritte direttamente da famiglie e soggetti privati italiani, come sembra emergere da una statistica che mi è passata sotto gli occhi qualche giorno fà… da PAURA il solo pensarlo…

.
.
.

E’ mai possibile che nessun politico abbia compreso la trappola messa in piedi aveva tutto l’interesse ad assistere ad un indebolimento del sistema Italia?

che dire Andrea?

Osservazione precisa e significativa, la Tua. Ineccepibile. La prova dei fatti [e di quanto stà avvenendo nella realtà macro economica] è tutta dalla Tua parte e delle tesi e concetti che sostieni.

Speriamo non sia troppo tardi; anche se… per come siamo invischiati attualmente (livello di praticamente al COLLO di ognuno di noi), difficile pensare di uscirne PRESTO e SENZA troppi DOLORI…

draziz

Molto bello questo post!! Veramente.
Personalmente non avrei saputo reperire meno della metà dei dati e delle notizie.

Capitano, una domanda: perchè c’è ancora tanta gente che crede ai politici ed al carrozzone di guitti e saltimbanchi che, cambiando continuamente pelle, continua a martoriare questo Paese?

Tutti abbiamo studiato alle scuole elementari.
Una cosa che insegnano, ma viene dai più dimenticata, è come le fiabe raccontino di situazioni fantastiche dove tutto può accadere.
Quello che non viene detto è che sono state scritte da persone reali che spesso raccontano fatti veramente accaduti…
La realtà supera la fantasia e diventando grandi molti tornano ad aggrapparsi alle favolette, ai somari che volano, fino a scoprire che anche a loro sono cresciute le orecchie d’asino e che…gli zecchini d’oro sono…spariti!!

aorlansky60
Scritto il 14 dicembre 2015 at 15:14

@ :

una domanda: perchè c’è ancora tanta gente che crede ai politici ed al carrozzone di guitti e saltimbanchi che, cambiando continuamente pelle, continua a martoriare questo Paese?

… … … … … … … … … … … … … … … … … … … … …

Se mi permetti, provo a darti la mia chiave di lettura :

una commistione tra

1) ignoranza (impreparazione alla materia socio/economica ben al di sotto della media o di quel minimo che si possa riconoscere tale) in che si fanno di conseguenza regolarmente abbindolare dalle “belle parole” del primo gatto e della prima volpe di turno, che periodicamente arrivano a transitare nella contrada;

2) collusione (interessi personali a saltare sul carro del vincitore momentaneo, come lo può essere al momento il pd

(una forza politica esteriormente dipinta “di sinistra” o “progressista” come la vorrebbero descrivere i suoi esponenti, ma che in realtà richiama ne più ne meno la vecchia decrepita ormai imbalsamata DC (notare che non detto “sepolta”… eh eh eh… sai, a volte ritornano…), sostenuti come sono da e dal potere economico del ns paese (BANCHE), senza i quali il pd e la sua “nouvelle vague” NON ANDREBBERO DA NESSUNA PARTE)

che vede come suo principale esponente uno assai valido nella scienza della comunicazione (RICHIAMO importantissimo al punto 1: per un abile contafiabe, occorre un parco buoi numeroso che gli dia forza per essere sostenuto) completamente sprovveduto di conoscenza economica, e attorno a lui quella nuova squadra di giovani rottamatori (di cui si è circondato) che in realtà non sono altro che ambiziose nuove leve in giovane età che hanno abbracciato per convenienza personale il carro del vincitore; niente di nuovo sotto la luce del sole, una storia vecchia come il mondo.)

Non è errato tuttavia ricordare che matteo renzi, in qualità di 1mo ministro quale carica che è stato chiamato a ricoprire, NON lo ha fatto per consenso democratico popolare, ma (fortuna sua), da UNO(bontà sua) che a sua volta ricopriva la carica di pres. d.Repubblica, il quale -contrariamente ai doveri preposti dalla sua posizione e qui occorre ricordare che per Costituzione la nostra NON è una Repubblica Presidenziale – è andato spesso BEN oltre il suo perimetro di competenze.

(*) evidentemente, un operazione che può riuscire solo in un paese come il nostro [e qui di nuovo puntuale richiamo al punto 1 della mia disamina, in quanto ai 45 milioni di italiani adulti sprovveduti, che continuamente corrono dietro a cose vacue e futili dimenticandosi di quelle IMPORTANTI, tanto da formare un opinione pubblica che non conta assolutamente nulla] ormai paragonabile di fatto ad una dittatura di stampo sudamericana.

ndf
Scritto il 14 dicembre 2015 at 15:26

“Ancora più problematica appare un’ulteriore normativa del “salva banche”, che consente azioni di responsabilità nei confronti degli amministratori solo con l’autorizzazione del commissario della società”

Questo blog è una fonte infinita di informazioni circostanziate che ci rendono consapevoli del degrado morale che la nostra classe politica ha raggiunto.
Altrettanto deprimente è rendersi conto di quanto le persone ne siano ignare e non facciano niente per informarsi.
Certo che si puo’ leggere Icebergfinanza per avere spunti operativi per il proprio portafoglio ma questo blog è tanta roba sutto molti altri punti di vista.
Sig. Mazzalai, ha mai pensato di andare a parlare alla Leopolda?

stanziale
Scritto il 14 dicembre 2015 at 19:46

Prevedo in Italia, prima del collasso finale e l’implosione di questo maledetto euro e sistema finanziario e valutario mondiale criminale, un aumento generalizzato delle tasse, sulla casa, irpef, utenze locali, e sulle imprese dal 70% all’80%.

dorf001
Scritto il 14 dicembre 2015 at 23:48

draziz@finanza,

aorlansky60,

ragazzi, la questione è semplice. e continuo a ripetere all’infinito queste cose :

Giacinto Auriti

Dopo tutto quello che sta succedendo, questa affermazione di Auriti trova riscontro nell’evidenza dei fatti. Come dargli torto e come non condividere ?
“Fu un gigante del pensiero in un mondo accademico di pigmei”

https://www.facebook.com/29641179834/photos/a.10151070077739835.457277.29641179834/10151076442059835/?type=3&theater

by DORF

dorf001
Scritto il 14 dicembre 2015 at 23:50

draziz@finanza,

aorlansky60,

e voglio continuare sul tema. per cui vi ri-dico:

leggete alcune frasi celebri di AURITI.

qui : https://www.facebook.com/media/set/?set=a.10151070077739835.457277.29641179834&type=3

se guardate bene, c’è una foto che è con Ratzinger. il futuro Papa sapeva tutto sul signoraggio. perchè AURITI lo incontrò 5 volte e gli spiegò tutto.

ma lui, il futuro papa non parlò mai. sempre zitto.

capito mi hai?

e il papa veneto che durò 33 giorni, numero caro alla massoneria, fu assassinato dai preti cardinali.

perchè voleva estirpare la massoneria dalla chiesa e voleva mettere in riga le 2 banche vaticane.

qualcuno di lor signori preti gli disse: lei pensi alle anime e non al denaro. gli chiusero la bocca.

e sono 200 anni che và avanti sto andazzo.

io sono 12 anni che provo a svegliare la gente. ma vedo che è totalmente inutile.

siamo circondati da una massa di imbecilli. cioè quasi 60 milioni di italiani. non tutti son cosi’ eh….ma provate voi a svegliare una cosi’ gran massa di super ignorantoni. una fatica immane. e ricordate che i giornali e tv servono per nascondere la verità alla gente. i giornalisti sono la peggior feccia umana, dopo i banchieri.

altro che le 12 fatiche di ercole. qui ci vuole un intervento Divino. e la tragedia è che questi super ignoranti votano pure.

dovrebbero impedirglielo. per circonvenzione di incapace. e il sistema gongola con questa gentaglia ignorante. sai come si possono spennare facilmente? quale miglior pollo puoi trovare al mondo? meglio dell’italiano non ce nè.

vabbè dai, ora basta.

vi saluto

kry
Scritto il 15 dicembre 2015 at 11:32

In italia il ” campo dei miracoli ”
altove hanno Babbo Natale
https://it.finance.yahoo.com/notizie/finlandia-800-euro-al-mese-per-tutti-125947742.html
con la befana passata in anticipo
http://it.tradingeconomics.com/finland/leading-economic-index

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Secondo Treccani, estrapolare significa estrarre qualcosa da un contesto, estendere la validit
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
I mercati ci hanno regalato un 2019 (fino ad ora) molto positivo. La tendenza è restata unidire
Aggiornamento settimanale. L’esito mi sembra interessante, qui sotto a confronto inflow e out
Ftse Mib: continua la fase correttiva per l'indice italiano che si porta al test della trend line ri
Anche se molto in sordina, dalla Germania stanno arrivando notizie tutt'altro che favorevoli nei
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Uno dei problemi chiave del momento in cui viviamo è sicuramente il debito. Poi mettetela come
Il mercato prima corregge e poi rimbalza. la configurazione del COT Report cambia di pochissimo.
Ftse Mib: l'indice italiano si riporta nei pressi della media mobile 200 periodi in attesa degli imp