ILLUSIONE IMMOBILIARE: LA DEPRESSIONE CONTINUA!

Scritto il alle 08:51 da icebergfinanza

Nell’ormai lontano 2008 nella prima analisi dedicata ai sostenitori di Icebergfinanza dal titolo ” REALISMO IMMOBILIARE”  una analisi fondamentale  in tre lunghe parti della terribile depressione immobiliare che avrebbe travolto l’America e molti paesi nel mondo, condivisi con i miei cari compagni di viaggio che prima del 2012 non vi sarebbe stata alcuna ripresa, anzi che i prezzi sarebbero collassati di almeno un 30/40 % e che solo nel 2012 probabilmente le vendite di abitazioni avrebbero trovato una loro stabilizzazione.

Nessuna sfera di cristallo ma notti e notti a studiare le grandi crisi immobiliari e la loro empiricità e a cercare di individuare in America quali esperti meritavano la nostra fiducia, quali di loro non avevano alcun conflitto di interesse nel condividere i loro studi e le loro conoscenze.

Da Robert Shiller a Gary Shilling, passando per l’immenso Bill McBride questi sono stati i miei maestri in questi cinque lunghi anni, anni nei quali da Greenspan a Buffett in molti puntualmente ogni anno chiamavano la fine della depressione immobiliare.

L’economia americana resta uno dei motori mondiali. Un mercato che, volenti o nolenti, non può prescindere dall’immobiliare. Nelle fasi di espansione, tra il 2001 e il 2002, senza la ricchezza “estratta” dal mattone sarebbe stata addirittura recessione. Quindi, la domanda è d’obbligo: il real estate Usa ripartirà? «Sul fronte dei prezzi – risponde Andrea Mazzalai, massimo esperto di immobiliare statunitense e fondatore di Icebergfinanza.com – non abbiamo ancora raggiunto il livello più basso. Guardando agli indici Case-Shiller e Corelogic, stimo per il residenziale un ulteriore downside del 10 per cento. Comunque, siamo nella fase finale della crisi: ci vorrà ancora un anno». SOLE24ORE 18 aprile 2011

Anche nella mia terra dove i prezzi hanno raggiunto livelli insostenibili, costruttori e immobiliaristi e spesso e volentieri anche clienti continuavano a guardarmi in maniera ironica, sostenendo che da noi i prezzi ben difficilmente sarebbero scesi. In realtà anche da noi questo sta accadendo, un meccanismo dinamico ma inesorabile, come la storia alla quale nessuno può sfuggire anche se fortunamente a parte qualche inevitabile eccesso, la situazione non ha mai raggiunto i livello di America, Inghilterra, Irlanda e Spagna.

Ora quando suggerisco di stare molto attenti a quello che sta accadendo soprattutto in Australia e Canada dove i rapporti tra prezzi, redditi disponibili e costo degli affitti mediamente sono molto elevati in molti sorridono e lavorano di fantasia.

A tempo debito parleremo anche della fase embrionale di una nuova illusione immobiliare mondiale!

Tornando a noi come suggerisce Lance Roberts di Streettalklive e come abbiamo visto tramite Twitter in mio canale socialnetwork al quale vi invito ad iscrivervi per avere sempre notizie e informazioni inedite, illudersi che dietro l’angolo vi sia una ripresa del mercato immobiliare americano solo perchè si vendono due case in più o perchè i costruttori sono più fiduciosi della disperazione di qualche mese fa non aiuta a comprendere come in realtà ci vorranno anni per uscire da questa depressione.

Crediti fiscali a non finire, programmi governativi di sostegno immobiliare a gogo, dilazionamento dei pignoramenti, la più imponente dose di manovre monetarie della storia, ZIRP Quantitative Easing 1/2/3 Operation Twist compresa, acquisti di spazzatura strutturata immobiliare da parte della Federal Reserve, unico acquirente di questa illusione, frodi, manipolazioni, settlement, accordi e rimborsi e via dicendo, non sono riusciti in questi lunghi anni a fare il solletico a questa immensa depressione immobiliare!

Fallimento totale, fallimento assoluto e senza immobiliare sognatevi qualsiasi ripresa degna di nota nei prossimi anni. Nei prossimi mesi sempre che l’America sia in grado di evitare una recessione evidente tranne che per le esigenze elettorali, l’unico contributo potrà venire dalle vendite di nuove abitazioni, che suporteranno la crescita in piccola percentuale, ma i prezzi continueranno a scendere e già oggi avremo un’ulteriore conferma.

Qualcuno sta dimenticando centinaia e centinaia di case pignorate e mai immesse sul mercato dalle banche per paura di deprimere i prezzi ulteriormente, il famigerato “Shadow inventory” sta dimenticando che 12 milioni di americani sono mediamente “underwater” ovvero con il mutuo residuo da pagare superiore al valore della casa e se i prezzi non scendono queste famiglie difficilmente consumeranno oltre il proprio debito.

La situazione sta lentamente migliorando ma ci vorranno anni, non certo mesi come suggerisce qualche immobiliarista, investitore o politico interessato. Da una depressione, da una voragine una volta toccato il fondo non si può che risalire ma il deleveraging continua.

Qualcuno dimentica che miliardi di dollari di prodotti strutturati finanziari dipendono dai valori delle case, dal loro prezzo e che questa spazzatura nei prossimi mesi e anni sta giungendo a scadenza, spazzatura nascosta dalle banche americane al terzo livello contabile dei loro bilanci o negli oscuri meandri della Federal Reserve.

Ieri era da piegarsi in due dalle risate mentre alcuni media esaltavano la salita del 2 % dell’indice pending home, ovvero l’indice che misura le prospettive e l’intenzione di acquisto delle famiglie sulla base delle disponibilità reddituali future. Le revisione al ribasso di dicembre non conta per questi menestrelli della speranza interessata, una revisione che cancellerebbe tutto l’incremento di gennaio e le aspettative del mercato.

Come scrive Bill McBride nel suo Calculatedrisk anche il buon Buffett non ne ha indovinata una in questi anni. Nel febbraio 2010 disse che un anno o giù di li i problmei del mercato immobiliare erano alle spalle ad eccezione delle zone in cui sono avvenuti i maggiori eccessi e le abitazioni di alto livello. Nel febbraio 2011 disse che un recupero sarebbe iniziato entro la fine del 2011 e noi siamo ancora qua ad attendere ma almeno nella sua ultima lettera ha ammesso di avere torto marcio.

Nessuno sa in realtà quando finirà questo inferno, la mia previsione si basava solo su studi empirici e su dinamiche ampiamente documentate da grandi esperti americani, sono stato fortunato, ma la fortuna aiuta gli audaci.

Se vi capita date un’occhiata a quanto è accaduto in Germania dopo l’Iperinflazione di Weimar e in Giappone nella doppia Lost Decade, senza dimenticare le dinamiche demografiche fondamentali, assolutamente fondamentali!

E’ stata spedita la nuova analisi dal titolo “STRONG BUY ITALIA” un viaggio nell’Italia che verrà, osservando le dinamiche che ci attendono nelle prossime settimane per gettare le basi per i prossimi anni.

Chi fosse interessato all’analisi ANNO 2012: ESPLOSIONE DEL DEBITO! che fa il punto sui rischi e stelle polari del 2012 può richiederla con una libera donazione cliccando sul banner in cima al blog o QUI

Icebergfinanza partecipa al ” ENEL BLOGGER AWARD 2012 ” Se qualcuno di Voi trova un attimo di tempo ed è disponibile a sostenerci , questo è l’indirizzo per votare Semplicemente grazie! http://www.enelbloggeraward.com/

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.9/10 (7 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +8 (from 8 votes)
ILLUSIONE IMMOBILIARE: LA DEPRESSIONE CONTINUA!, 9.9 out of 10 based on 7 ratings
1 commento Commenta
kry
Scritto il 28 febbraio 2012 at 09:23

Se non erro il pil italiano era condizionato per buona parte dal settore edilizio. Per continuare a far si che il pil fosse positivo lo stato ha elargito molti contributi drogando il mercato. Ora anch’io mi domando su quali basi pensiamo ad una crescita del mercato immobiliare quando nelle mie zone ci sono capannoni,negozi,appartamenti nuovi e vuoti con una crisi che non ti permette di aprire nuove attività produttive,di commercio e di conseguenza non favorisce un flusso migratorio positivo per le unità abitative.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
REVOLVERSMAPS

ICEBERGFINANZA NEL MONDO

Articolo dal Network
Alla fine anche lo SP500 ce l’ha fatta, è tornato alle quotazioni a cui si trovava a metà fe
Avrete avuto modo ieri di vedere il post sulle aspettative di crescita economica redatte dal Con
Ftse Mib. Dopo aver rotto con volatilità la trend line rialzista che ha accompagnato i corsi da me
Queste le movimentazioni monetarie. Sulle Mibofuture stabili e chiusura della componente call da 20
Vi propongo alcuni dei grafici più interessanti che ho trovato nelle ultime 24 ore in rete, gra
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Lasciamo da parte i mercati finanziari. Tanto ormai spero sia chiaro a tutti quali siano le dina
Ftse Mib. Dopo aver rotto con volatilità la trend line rialzista che ha accompagnato i corsi da me
Come abbiamo visto nel fine settimana i rendimenti americani hanno rotto livelli importantissimi
L' Argentina evita il default: trovato l'accordo con i creditori. Anche se è presto per cambiar