OLIGARCHIA AL POTERE: IL FANTASMA DI MARIA ANTONIETTA !

Scritto il alle 07:19 da icebergfinanza

 

Mentre il fabbisogno dello Stato italiano migliora di oltre 12 miliardi nei primi dieci mesi dell'anno, oltre al suggerimento che anche tassi all' 8 % sul nostro debito per due anni con crescita zero sarebbero sostenibili per il nostro Paese Corriere della Sera  ( …ma mi raccomando non ditelo a nessuno non vorrei che i menestrelli  del fallimento dello stato italiano ci restassero male  ) e il buon Bernanke  ci racconta che la disoccupazione non è una buona cosa e che la disuguaglianza sta aumentando in maniera sensibile, andiamo a vedere le comiche previsioni di una Federal Reserve che non è stata in grado di prevedere neanche lontanamente una sola dinamica di questa crisi, che si tratti di occupazione piuttosto che di crescita.

Proiezioni della crescita PIL 
Federal Reserve  Reserve Bank
 Variazione del PIL reale 1 2011 2012 2013 2014
Gennaio 2011  Proiezioni 3,4-3,9  3,5-4,4  3,7-4,6 NA
 Aprile 2011 Proiezioni 3,1-3,3  3,5-4,2  3,5-4,3 NA
 Giugno 2011 Proiezioni  2,7-2,9  3,3-3,7 3.5 to 4.2 3,5-4,2 NA
Nove Novembre 2011 Proiezioni 1,6-1,7 2,5-2,9 3,0-3,5  3,0-3,9

 Si
Fa sorridere la previsione di una crescita tra il 2,5 % e il 2,9 % per il prossimo anno, anno nel quale l'America sarà in recessione!

Si proiezioni da parte di un manipolo di esaltati monetaristi che si attribuiscono l'onore di aver salvato il mondo da una grande depressione un pò come attribuire a un medico responsabile di un errore nella diagnosi il merito di aver inventato una cura miracolosa. Forse il paziente ha bisogno di un nuovo medico.

Se poi ci aggiungiamo che un'altro scienziato keynesiano come Krugman,  si sta agitando perchè a breve ci sarà un fuga di massa ad opera dei risparmiatori italiani dai conti correnti, con abbandono dell'euro e ritorno alla lira,  significa che di medici falliti in America ce ne sono in abbondanza.

Ci ha già provato un'altro illuminato americano durante l'estate a segnalare via twitter che gli italiani si stavano precipitando in massa agli sportelli, peccato che era notte e tutti dormivano.

Sono mesi e anni che Krugman chiede di innondare di spesa pubblica il mondo intero, debito su altro debito, una ricetta assolutamente fallimentare. L'unica soluzione è far fallire chi ha seminato il mondo di debito, come le banche tedesche che hanno riempito la cicala greca di debiti per comprare le loro Porsche Cayenne.  

Ma andiamo oltre e veniamo al tema del post. Come più volte sottolineato un manipolo di pericolosi esaltati, il perverso intreccio tra politica, finanza, imprenditoria e media ha sequestrato la vita sociale delle Nazioni spesso connivente in maniera interessata o ingenuamente ingnorante e del presente e del futuro delle Giovani Generazioni.

Non c'è un passo della Storia nel quale un immenso squilibrio nella distribuzione delle ricchezza non abbia portato ad una guerra o ad una rivoluzione o ad una depressione economica!

Guardate qui sotto in questa tabella proveniente dal Der Spiegel cosa è accaduto in America negli ultimi anni, paese nel quale oltre 47.000.000 di esseri umani vivono con i food stamps buoni pasto offerti dal governo sul quali JPMorgan lucra abbondantemente.

 The second Gilded Age. Has America became an oligarchy?

Basterebbe il grande romanzo di  Francis Scott Fitzgerald " Il grande Gatsby " per attualizzare questa epoca di ricchi dementi e balordi l'essenza stessa della depravazione della natura umana.

 "Così continuiamo a remare, barche contro corrente, risospinti senza posa nel passato"… perchè il passato lo abbiamo dimenticato ed invece è qui ben presente e pronto ad impossessarsi del futuro!

Fanno sorridere le mille tavole rotonde, dibattiti e conferenze che raccontano la crisi dal punto di vista macroeconomico, gli squilibri strutturali, gli "scienziati" economici che guardano ai loro grafici.

Recentemente qualcuno parlando di Corzine o di Gupta, uno ex senatore, uomo Goldman Sachs e managar di MFGlobal recentemente fallita e l'altro ex prima donna della McKinsey e poi consulente sempre Goldman e di altre aziende ha parlato di crisi etica a Wall Street, dimenticando che questi poveri esaltati divorati dalla sete di potere e di denaro, di etico non hanno mai avuto nulla se non la demoniaca capacità di recitare le sacre scritture.

. 

Concludo  condividendo un articolo apparso tempo fa che testimonia come il passato sta bussando alle porte del presente e del futuro!

"13 milioni e mezzo di americani sono ancora senza lavoro e l'inflazione continua a viaggiare su livelli piuttosto elevati.

Il delicato momento degli Usa, però, non ha trovato spazio nelle parole del presidente della Federal Reserve di New York, William Dudley, il cui ostentato ottimismo ha indispettito diversi cittadini che alcune settimane fa hanno partecipato ad un incontro pubblico al Queens.

Mentre Dudley continuava a dipingere un quadro dei prezzi a tinte estremamente rosee, uno dei presenti lo ha interrotto chiedendo educatamente: "Mi scusi signore, ma quando è andato a fare la spesa l'ultima volta ?". Il numero uno della Fed di New York, senza scomporsi, e senza cogliere il riferimento all'impennata dei prezzi dei generi alimentari e della banzina, ha candidamente insistito: "Guardi che oggi lei può comprare un iPad 2, che è due volte più potente, allo stesso prezzo di un iPad 1".

"Un'osservazione degna di Maria Antonietta", ha rimarcato sulle colonne di Esquire, Ken Kurson, acuto osservatore politico ed ex collaboratore di Rudy Giuliani quando era sindaco di New York.
Il caso di Dudley, insieme alla citazione della regina che invitò i francesi affamati a mangiare brioches in mancanza di pane, hanno fornito a Kurson lo spunto per un editoriale dal titolo: "Lasciamo che mangino gli iPad". Un duro atto d'accusa, anche contro il governo, "che non può fare nulla semplicemente perchè non riconosce l'esistenza del problema".

Kurson definisce "spazzatura" l'ottimismo del governo e osserva che "basterebbe considerare i prezzi di alcuni beni fondamentali come il combustibile, anzichè quelli dei 'giocattoli' di alta tecnologia, per comprendere che il dollaro si sta indebolendo, nel contesto di un'economia americana già indebolita".

Il pessimismo di Kurson fa da coltraltare all'ottimismo di Dudley. "Questo accade nei paesi del Terzo Mondo, posti in cui la moneta non riscuote la fiducia del mondo", scrive l'ex collaboratore di Giuliani: "ora sta accadendo qui, siamo in acque davvero pericolose e c'è una reale possibilità che accadono cose che non avremmo mai immaginato" (America24)

Si c'è una reale possibilità che accadano cose che non avremmo  mai immaginato, anche se noi siamo da tempo preparati!

Per chi volesse contribuire liberamente al nostro viaggio cliccando qui sotto c'è a disposizione un'analisi dettagliata sulla reale situazione del nostro Paese per andare oltre il terrorismo mediatico e alcune leggende metropolitane che imperversano sui mercati.
 

  









  

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags:   |
82 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 08:50

Caro Capitano,

per gli amministratori delle multinazionali tedesche e francesi
e non solo, era proprio un gioco da ragazzi razziare nei mercati
finanziari snocciolando i dati della produzione che cresceva
indebitando intere nazioni , ma lucrando in borsa multipli del loro
debito gonfiando come zampogne i titoli delle loro società.

Bisognerebbe andare di giorno o di notte a prenderli nelle
loro dimore dorate e processarli nelle pubbliche piazze
altro che nei tribunali…..dove nessun giudice ha mai voluto
aprire un'inchiesta seria.

E poi a qualche gerarca rosso viene anche la brillante idea
di proporci qualche esemplare di siffatta razza come futuro
presidente del consiglio….ma roba da matt….

Carpe diem

 

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 08:55

giusto !!
questo è il punto…
vogliono farci mangiare gli iPod……e  il bello è che ci hanno convinto a farlo !!
tutti schiavi del consumismo………carte di credito , mutui, carte prepagate per avere cose superflue
il debito per avere l'iPod…………forse da noi ha contagiato solo lo stato e nn il privato, ma qui nn è stato l'iPod, .. è stato il malgoverno , le collusioni, il malaffare , la mafia.
nell'uno e nell'altro caso però si deve  tornare a bisogni più semplici e necessari.
perchè anche se nn è colpa nostra i " debiti vanno saldati "
M

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 09:05

Un acuto comento di Lodovico Festa che spiega quali siano le forze in campo e quali gli avversari dell'Italia. Poichè scrive sul Giornale, Festa non può esplicitare che tutto il suo ragionamento porta dritto alle dimissioni (o dismissione) di Berlusconi, ma si capisce che lì vuole andare a parare. Si comprende anche che il nemico numero uno dell'Italia è per lui Mario Draghi.

Mi sembra tuttavia un po' troppo ottimista. Nell'ambito della "guerra senza limiti" saranno utilizzati strumenti micidiali contro la nostra Patria. Che l'assalto finisca con le dimissioni di Berlusconi è una pia illusione.
I formidabili dati sul fabbisogno di ottobre fanno ritenere che il rapporto deficit/pil a fine anno sarà di poco superiore al 3%, probabilmente il migliore dell'eurozona, quindi ci sarà un nuovo downgrade.
UK probabilmente si avvicenerà al 10% di deficit, con un debito pubblico reale  pari a circa il 150% del pil. Le verrà assegnata la quadrupla A.

La Cassandra

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 09:09

Ecco l’articolo.
Le cause del crollo borsistico di lunedì, anche in una fase meno acuta, vanno ben ponderate. Tra queste, primaria è la fragilità dell’asse franco-tedesco, evidente quando Atene dopo la sigla di accordi di massima, annuncia un improvviso referendum generando il caos. Chi chiede di farci commissariare da una guida così, prepara un destino d’inferno.
Nel 1992-1993 Parlamento e governi sotto tutela internazionale attuarono politiche d’emergenza con alcuni risultati sul momento, ma preparando cali di produttività strutturali, carenze d’investimenti, privatizzazioni senza liberalizzazioni, fiscalità divisiva della società. E allora Europa con i Kohl e i Mitterrand, e Stati Uniti con i Bush senior e i Clinton avevano leadership solide.
Salvarsi nell’immediato dandosi anche un futuro è possibile solo con un governo politico che risponda al popolo e assuma strategie non solo emergenziali, ma anche di prospettiva.
Non è semplice: la magistratura «combattente» ha ben destabilizzato le istituzioni della sovranità popolare. E abbondano topini nel formaggio che nella crisi cercano fettine da sgranocchiare: si è arrivati persino a firmare appelli con George Soros, già devastatore della lira.
Il lavorìo di corpi separati, élite antipopolari, nomenklature e piccoli establishment ha indebolito la nostra autonomia nazionale, ancor più preziosa in presenza di leadership globali così fragili. Ciò si constata anche in casi minori: da Edison, ormai controllata da una società dello Stato francese, a Lorenzo Bini Smaghi che ascolta più la Bundesbank che il suo governo e il presidente della Repubblica.
La crisi attuale non si risolve con una salvifica uscita di scena di Silvio Berlusconi, propiziatoria solo di una resa incondizionata della sovranità popolare e nazionale. Governi tecnici, maggioranze di transfughi e topini consegnerebbero le chiavi della nazione a chi non ha neppure un disegno strategico. Nessun Carlo V all’orizzonte.
L’alternativa è tenere duro senza però arroganze, riflettendo con le persone di buona volontà: positivi in questo senso i segnali di Matteo Renzi e Sergio Chiamparino; Pier Ferdinando Casini dopo primi opportunismi sulle «macellerie sociali» – magari più responsabile dopo la condanna, forse insensata ma sicuramente esagerata, a tre anni e mezzo di Francesco Gaetano Caltagirone per le vicende Bnl – propone confronti più costruttivi. Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti pur impegnati dal «dovere» di trattare con assoluto scrupolo le forme di licenziamento (con precisazioni importanti da parte del segretario della Uil), rilanciano su tagli alla politica e strategie anti-evasori, terreni per buone intese. La Confindustria forse si è resa conto come il primo problema non sia inseguire la Cgil (né Luca Cordero di Montezemolo).
In mezzo a una dura tempesta s’intravede una rotta da intraprendere. Per buone scelte è comunque indispensabile la coscienza che non vada ripetuto il ’92: per una volta ci si può comportare da colonia, la seconda volta si cederà strutturalmente.

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 09:17

ma dai…………………………"""""<<<<< il giornale>>>>>"""""
del fratello del Berlusca
M

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 09:27

Caro M, invece di vivere di pregiudizi, è bene saper approfittare dei contributi che vengono da commentatori acuti e competenti, come Festa, anche se scrivono sul Giornale. Sul Giornale scrivono sia il mediocre Porro e il pessimo Sallusti che l'ottimo Rondolino. Comunque Porro e Sallusti sono sicuramente migliori della Sarzanini e di Beppe Severgnini!

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 09:41

1 Ma quale crollo della borse ?

in  due settimane sono cresciute del 15 , 20  %   e nessuno lo ha enfatizzato come una cosa strabiliante
ora si storna,  e non siamo nemmeno al punto di partenza del rialzo e si parla di crolli epocali  !   finiamola e riguardiamoci i valori di borsa dei titoli
di qualche anno fà   le azioni sono sopravvalutate abbondantemente.
Ma Bisogna fare spettacolo e pirotecnico altrimenti , chi potrebbe digerire
la rapina che si apprestano a compiere ai ns danni ,  in Grecia come da Noi ?
e finiamola con  con le minacce continuate e aggravate che sia in arrivo la fine del mondo !   coro che stà accomunando tutti i politici e pure il Presidente , al solo scopo di imporre o un governo tecnico o quello attuale o un altro ,  purchè provveda in fratta e furia a rapinare il Paese e  prima che si accorgano con chi hanno a che fare.
 

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 09:55

Se ho ben compreso il messaggio del capitano con elevata probabilità, stante che il processo di impoverimento delle classi lavoratrici va avanti indisturbato da almeno due decenni senza il minimo accenno di inversione di tendenza, ci sarà in un futuro non molto lontano un evento antropologicamente catastrofico (depressione economica, rivoluzioni, guerra) che di solito, tra l’altro, hanno un fortissimo impatto negativo proprio sulle classi sociali più deboli che divengono due volte vittime: prima del processo di squilibrio e poi di quello cruento che ne è conseguenza, quest’ultimo di solito ha come unico risultato positivo quello di portare, non sempre peraltro, ad un periodo più o meno breve in cui c’è un minor squilibrio nella distribuzione delle risorse che dura sino al successivo ciclo di concentrazione delle ricchezze e così via di seguito.
Sono grato al nocchiero che ci ospita per aver diffuso e diffondere ancora una delle poche informazioni corrette e disinteressate relative alla situazione economica, tuttavia non condivido la nota di ottimismo finale derivante dalla conoscenza e quindi preparazione a quanto potrà succedere di inaspettato; infatti a mio parere non ci si potrà salvare in quanto il mondo è elevatamente interconnesso e non ci si può nascondere in massa in nessun posto, inoltre quando c’è guerra le regole normali non valgono più e niente, neanche possedere qualche chilo di oro, ci potrà mettere al riparo da carestie, violenze e sopraffazioni.
Sicuramente il capitano ha in passato scritto qua e là note illuminanti in merito ma non avendole colte chiedo cortesemente un piccolo riassunto su cosa fare per mettersi in qualche modo al riparo dalle possibili, e sempre più probabili, tempeste.
Grazie
Gian Luca

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 10:28

Nessun commento ma oltre a opinioni relative a svendite allo straniero (che è senza soldi) qualcuno riflette sul fatto che nessuno oggi si prende a carico altri apparati produttivi (anzi in tanti se ne vorrebbero liberare) dato che la capacità produttiva è attorno al 65 – 70 percento in media ?

Si riflette sul fatto che il patrimonio immobiliare per avere valore deve essere affittato e quindi produrre cash flow, cosa oggi e domani impossibile dato che siamo già in recessione e ci stiamo avviando in depressione ? Certo se vendi il Colosseo è diverso.

No, nessuno vuole comprare alcunchè tranne ENI (che non verrà venduta, tranquilli) e poco altro. L'ottimo post di Andrea contiene una tabella con le previsioni della FED allo scopo di mostrare come le autorità mentano presentando la realtà poco x volta e in ritardo sperando di guadagnare tempo. Ma le previsioni ci sono, ECRI le fa e non le hai mai sbagliate. Ne ho parlato più volte e comunque ne trovate le tracce in tanti siti finanziari.

Ma lasciamo perdere gli USA. Ieri ho ricevuto gli ultimi dati sugli ordinativi tedeschi: sono terrificanti. Stanno scendendo da 6 mesi dietro file e sono scesi sotto 50 per due mesi dietro fila, un segnale che ha sempre anticipato recessione. Signori la Germania è il nostro maggiore cliente e le sue vendite stanno crollando. Il governo tedesco è più onesto di quello USA ma sta riducendo in modo drastico le previsioni per il 2012.

Nossignori, quanto scrive il Giornale è una serie di stupidaggini volte a difendere l'indifendibile e a cercare un bersaglio che non c'è. Quando ci fu il precedente episodio di privatizzazioni c'erano compratrori, oggi ci sono sono venditori, dappertutto tranne che in oriente dai dove non arriverà nessun aiuto. Dopo secoli di oppressione sta arrivando il loro momento, una inversione di ruoli mai avvenuta con tanta rapidità nella storia.

Non c'è alternativa per questo paese alla sua rifondazione, a una vera azione contro la burocrazia parassitaria che governa il paese da decenni. L'unica nota positiva è che malgrado i tassi sui BTP alle stelle, se l'azione sarà incisiva, la situazione reale è tale che si potrà tra mille difficoltà, uscire dalle secche in qualche anno. Ma lo straniero lasciamolo stare, è l'italiano che deve sistemare casa sua.

Ne aveva accennato Andrea o in un post o in un commento. Lo riprendo per la sua eccezionale importanza. Tutte gli acquisti di beni stranieri si fanno a debito. Per esempio Lactalis che è una azienda privata la cui holding non presenta bilanci da anni si è comprata Parmalat con i soldi delle banche francesi (perchè dentro Parmalat, caso unico in Italia, c'è tanta cassa….) ma è stata comunque una operazione medio piccola. Il prossimio anno vanno in scadenza CENTINAIA DI MILIARDI DI EURO DI OBBLIGAZIONI BANCARIE ! Altro che titoli governativi ! Dove li trovano i soldi per il rinnovo dei titoli perchè chi li possiede ora non vede l'ora di riaverli indietro (pregando che da qui ad allora non succeda nulla). Date un'occhiata alle quotazioni delle obbligazioni bancarie, un mercato non preda di HFT e quindi assai più veritiero di quello azionario.

Signori qui c'è una gara a livello mondiale a RICERCARE LIQUIDITA' PER PAGARE I DEBITI NON A IMPIEGARLA PER NUOVI ACQUISTI. La piantino giornalisti ignoranti e zucconi e politci corroti e illusi di "sperare" di risolvere qualcosa vendendo. Fine della corsa. Sono anni che l'ottimo Andrea vi racconta di DEBT DEFLATION, cosa avete capito se state a strologare di stranieri piene di soldi pronti ad accalappiare i giolelli italiani ?

viandante

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 10:36

e ovviamente da quanto affermato prima discende che se tu grande istituzione finanziaria o persino governo, hai bisogno di tanti soldi e sai di non averli, è tuo i nteresse che il vicino di casa che ha i tuoi stessi problemi o magari meno, sia visto come inaffidabile da chi possiede i soldi che ti servono…. esattamente il contrario della corsa all'acquisto non credete ?

viandante

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 10:37

quello di cui si tiene poco conto da parte di molti è che fra non molto quando proseguirà e si aggraverà il crollo di operatori finanziari/banche, compresi fallimenti d qualche banca "troppo grande per fallire", la situazione sarà così grave che i politici (più europei piuttosto che statunitensi che sono quasi irrecuperabili come fantocci delle grandi banche) si troveranno di fronte alla scelta tra curarsi della "gente" (gli elettori) o delle banche (molto influenti ma non elettori e, nel clima attuale e ancor più futuro, molto compromettenti a livello di opinione pubblica).

pensate a quali siano i centri del sistema bancario mondiale e saprete dove il colpo sarà più duro. fino a proporre scenari che ancora oggi paiono impensabili.

in tutto questo la priorità di EU/eurozona/euro è stare a galla, gonfiando i galleggianti con l'integrazione, e possibilmente con più democrazia, che dopo in una scena mondiale sconvolta, nel mondo post-crisi, serviranno i muscoli se non vogliamo finirla nazionalisti e orgogliosi ma irrimediabilmente sconfitti e ininfluenti, preda dei venti.

miau

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 10:41

w il mercato che ti conta i peli del c..o. bund luglio2021 3,25 prezzzo 112,58 al mercato secondario . btp agosto 2021 3,75 prezzo 82.35 differenza 30 punti con tasso più alto.visco annuncia che l'italia può sopportare anche l'8% e il comandante lo fa notare bene.cosi avremmo la differenza tra bund e btp a 60 punti. ottima analisi visco veleno 50

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 10:41

Buongiorno.  Un sito che attacca quotidianamente i "nazional-complottisti", come li chiama (e fin qui tutto ok) passa poi  ad ospitare commenti farneticanti,  come tal Luigizia (non nuovo a commenti di puro odio) di 3 post fa che auspica l'assassinio del "tappo".  Francamente ci sono rimasto male. I blogger dovrebbero darsi una autoregolamentazione e non pubblicare queste cose.  Con tutto il rispetto per il blogger  in questione che spero si sia solamente sbagliato. 
          Stanziale

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 10:58

Guardate che il mondo della finanza lo sta capendo, poco alla volta, come finirà….

Banks in Europe have to refinance 655 billion euros ($911 billion) of senior bonds next year and may need government backing if the debt crisis continues to block access to markets, according to CreditSights Inc.

Unless funding access eases, we might see banks having to use government guarantees again, and it will add to the pressure on them to reduce assets in order to lower refinancing needs,” said Simon Adamson, an analyst at the independent research firm in London. “I would think only a small proportion has been pre-funded, given that the markets have been virtually closed since July.
Western European lenders raised about 80 billion euros of senior unsecured debt this year, according to data compiled by Bloomberg. That’s down from 97 billion euros for the same period in 2010, as investors worry that banks, the biggest holders of sovereign debt, will face losses as the crisis escalates.”

…..

“European banks are the key to the future, and bank shares are still bleeding with no fundamental improvement to be expected in the near term. Raising capital remains difficult for most actors, even after the EBA (European Banking Association) reduced the capital needs significantly compared to what was initially estimated by various professionals. So we are entering one of these very interesting times in history where we will see banks reducing their balance sheet at the same time when European governments start implementing austerity budgets. Such a combination is definitely not supportive for the European economy as a whole, and will have far reaching impacts on the Global worldwide economy (Yes, European banks lend worldwide, not only to Europe).”

…..

“The $3.4 trillion in lending to emerging markets from banks in Europe, including Germany and the U.K., compares with $299 billion from Japan and $727 billion from the U.S., according to BIS data as compiled by Royal Bank of Canada.”

potrei continuare x ore. Ma ora forse avete capito…. spero di non leggere altre storie sulle zombie banche straniere morte e sepolte pronte a comprare le nostre belle aziendine e i nostri palazzi a meno che uno mi mostri dei bei numeri che vanno in direzione opposto a quanto scritto sopra.

viandante

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 10:58

Guardate che il mondo della finanza lo sta capendo, poco alla volta, come finirà….

Banks in Europe have to refinance 655 billion euros ($911 billion) of senior bonds next year and may need government backing if the debt crisis continues to block access to markets, according to CreditSights Inc.

Unless funding access eases, we might see banks having to use government guarantees again, and it will add to the pressure on them to reduce assets in order to lower refinancing needs,” said Simon Adamson, an analyst at the independent research firm in London. “I would think only a small proportion has been pre-funded, given that the markets have been virtually closed since July.
Western European lenders raised about 80 billion euros of senior unsecured debt this year, according to data compiled by Bloomberg. That’s down from 97 billion euros for the same period in 2010, as investors worry that banks, the biggest holders of sovereign debt, will face losses as the crisis escalates.”

…..

“European banks are the key to the future, and bank shares are still bleeding with no fundamental improvement to be expected in the near term. Raising capital remains difficult for most actors, even after the EBA (European Banking Association) reduced the capital needs significantly compared to what was initially estimated by various professionals. So we are entering one of these very interesting times in history where we will see banks reducing their balance sheet at the same time when European governments start implementing austerity budgets. Such a combination is definitely not supportive for the European economy as a whole, and will have far reaching impacts on the Global worldwide economy (Yes, European banks lend worldwide, not only to Europe).”

…..

“The $3.4 trillion in lending to emerging markets from banks in Europe, including Germany and the U.K., compares with $299 billion from Japan and $727 billion from the U.S., according to BIS data as compiled by Royal Bank of Canada.”

potrei continuare x ore. Ma ora forse avete capito…. spero di non leggere altre storie sulle zombie banche straniere morte e sepolte pronte a comprare le nostre belle aziendine e i nostri palazzi a meno che uno mi mostri dei bei numeri che vanno in direzione opposto a quanto scritto sopra.

viandante

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 10:58

Guardate che il mondo della finanza lo sta capendo, poco alla volta, come finirà….

Banks in Europe have to refinance 655 billion euros ($911 billion) of senior bonds next year and may need government backing if the debt crisis continues to block access to markets, according to CreditSights Inc.

Unless funding access eases, we might see banks having to use government guarantees again, and it will add to the pressure on them to reduce assets in order to lower refinancing needs,” said Simon Adamson, an analyst at the independent research firm in London. “I would think only a small proportion has been pre-funded, given that the markets have been virtually closed since July.
Western European lenders raised about 80 billion euros of senior unsecured debt this year, according to data compiled by Bloomberg. That’s down from 97 billion euros for the same period in 2010, as investors worry that banks, the biggest holders of sovereign debt, will face losses as the crisis escalates.”

…..

“European banks are the key to the future, and bank shares are still bleeding with no fundamental improvement to be expected in the near term. Raising capital remains difficult for most actors, even after the EBA (European Banking Association) reduced the capital needs significantly compared to what was initially estimated by various professionals. So we are entering one of these very interesting times in history where we will see banks reducing their balance sheet at the same time when European governments start implementing austerity budgets. Such a combination is definitely not supportive for the European economy as a whole, and will have far reaching impacts on the Global worldwide economy (Yes, European banks lend worldwide, not only to Europe).”

…..

“The $3.4 trillion in lending to emerging markets from banks in Europe, including Germany and the U.K., compares with $299 billion from Japan and $727 billion from the U.S., according to BIS data as compiled by Royal Bank of Canada.”

potrei continuare x ore. Ma ora forse avete capito…. spero di non leggere altre storie sulle zombie banche straniere morte e sepolte pronte a comprare le nostre belle aziendine e i nostri palazzi a meno che uno mi mostri dei bei numeri che vanno in direzione opposto a quanto scritto sopra.

viandante

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 10:58

Guardate che il mondo della finanza lo sta capendo, poco alla volta, come finirà….

Banks in Europe have to refinance 655 billion euros ($911 billion) of senior bonds next year and may need government backing if the debt crisis continues to block access to markets, according to CreditSights Inc.

Unless funding access eases, we might see banks having to use government guarantees again, and it will add to the pressure on them to reduce assets in order to lower refinancing needs,” said Simon Adamson, an analyst at the independent research firm in London. “I would think only a small proportion has been pre-funded, given that the markets have been virtually closed since July.
Western European lenders raised about 80 billion euros of senior unsecured debt this year, according to data compiled by Bloomberg. That’s down from 97 billion euros for the same period in 2010, as investors worry that banks, the biggest holders of sovereign debt, will face losses as the crisis escalates.”

…..

“European banks are the key to the future, and bank shares are still bleeding with no fundamental improvement to be expected in the near term. Raising capital remains difficult for most actors, even after the EBA (European Banking Association) reduced the capital needs significantly compared to what was initially estimated by various professionals. So we are entering one of these very interesting times in history where we will see banks reducing their balance sheet at the same time when European governments start implementing austerity budgets. Such a combination is definitely not supportive for the European economy as a whole, and will have far reaching impacts on the Global worldwide economy (Yes, European banks lend worldwide, not only to Europe).”

…..

“The $3.4 trillion in lending to emerging markets from banks in Europe, including Germany and the U.K., compares with $299 billion from Japan and $727 billion from the U.S., according to BIS data as compiled by Royal Bank of Canada.”

potrei continuare x ore. Ma ora forse avete capito…. spero di non leggere altre storie sulle zombie banche straniere morte e sepolte pronte a comprare le nostre belle aziendine e i nostri palazzi a meno che uno mi mostri dei bei numeri che vanno in direzione opposto a quanto scritto sopra.

viandante

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 11:03

Dott. Mazzalai,
le faccio i complimenti per le sue analisi sempre corrette, obbiettive e ben documentate da elementi concreti a supporto.
Mi piace leggerla, e spero rimanga sempre indipendente dal sistema, e soprattutto dal mega mondo di blogger che sparano sentenze e terrorismo gratuito al solo scopo di ingrassare il proprio portafoglio a scapito di povera gente.

Continui così

Luca

Scritto il 3 novembre 2011 at 11:09

Chiunque d’ora in poi sara’ preso ad insultare altre persone su questo blog dovrà risponderne personalmente in sede penale. Vi assicuro che abbiamo in mezzi grazie ad amici per rintracciare gli anonimi vigliacchi! Ho sempre chiesti rispetto per chiunque, ho offerto rispetto, esigo rispetto! Spero di essere stato chiaro Andrea

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 11:15

Da Reuters:
"Thirty companies paid no income tax 2008-2010: report" 
ovvero, con libera interpretazione, " piu' grande e potente sei, meno tasse paghi".

Direi che è una sintesi significativa dei nostri confratelli d'oltreoceano, di coloro che continuano a farci il predicozzo…

RobRob

PS: questo pero' non toglie che in Italia siamo messi mica tanto bene…

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 11:21

Dott. Mazzalai, poco fa ho sentito un commento su radio capital di un esperto che a fronte della domanda "….. i risparmiatori possono fidarsi a lasciare i risparmi nelle banche italiane" ha risposto:
"Basta fare terrorismo mediatico: i risparmi nelle nostre banche sono al sicuro"

Non sarebbe ora che effettivamente si finisse di spararsi addosso creando panico ingiustificato, usando il potere incontrollato dei mezzi di comunicazione con i quali non c'è neppure possibilità di replica?

Grazie
Luca

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 11:23

Il ns  Viandante e' tornato Viandante! ..  si pensava che era andato  all'anagrafe a farsi cambiare il nome in troll !  :-))
  Stanziale

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 11:25

Se c'è un TROLL qui, quello è proprio lei STANZIALE!

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 11:39

x luca cosa c'entra la news all'ultimo minuto sui cds o come dici tu terrorismo mediatico,quello non fa paura a nessuno  decide il mercato chi è solvibile o il contrario .vedi grecia portogallo irlanda adesso italia e spagna .il mercato lo decide contandoti i pelini nel sederino. se la grecia ha la m…a fino ai capelli è giusto che i suoi titoli non valgano nulla .idem x noi se il boss di banca italia dice che noi siamo solvibili anche con i rendimnti all'8%. ti faccio un esempio tra il   btp decennale il bund tedesco parità di interessi 3.75 e stessa scadenza ci sono 30 punti se fosse all8% potrebe essere di 50 punti.cosa c'entra una notizia o una critica da parte dei media..veleno 50

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 11:52

C'è una montagna di debito da rifinanziare dal 2012 in poi e questo lo si sa da tempo. In USA solo per il debito pubblico si parla di 2000 miliardi per non parlare dei junk bond  155 mld 2012, 212 mld 2013, 338 mld 2014 fonte "2012:la grande crisi" di Aldo Giannuli.

Chi rifinanzierà tutta questa carta e dove andranno i tassi per attirare gli investitori. Se l'economia reale non riparte e sembra proprio già destinata a tutt'altro,  quanti salvataggi di Banche, Stati ed Aziende verranno messi in piedi e quanti soldi dovranno stampare le Banche centrali per sostituirsi agli investitori?

Junka

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 12:10

Junka uno stato sovrano che dispone della propria moneta non ha bisogno di emettere bond, fa un giroconto alla banca centrale. Ovviamente questo pone problemki di inflazione e non risolve nulla se non si effettua una massiccia redistribuzione della ricchezza. Alla fine finisce tutto in un gran falò ma nel breve si guadagna il tempo necessario alla possibilità di realizzare le riforme di cui sopra. Il debito privato, è tutt'altra faccenda. Se il privato indebitato non trova un finanziatore fallisce. Il problema addizionale all'eurozone è che tutti i paesi sono di fatto assimilati a debitori privati e quindi possono fallire anche se solo solvibili ma momentanemante illiquidi. L'Italia è illiquida ma non insolvente con un patrimonio privato varie volte superiore al debito publico. Grecia e Portogallo sono invece illiquide e insolventi. Mi riesce difficile pensare che alla fine quando l'onda della m… investirà in pieno Parigi con prossima fermata Francoforte nulla cambierà nell'atteggiamento dei tedeschi verso la BCE.  E' tristissima questa follia che sta distruggendo un continente che avrebbe, se preso nel suo complesso, numeri incomparabilmente migliori di quelli USA.

viandante

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 12:45

i PAD …mi correggo.. ^_^
__________________________

sono in sintonia con Viandante :

"Nossignori, quanto scrive il Giornale è una serie di stupidaggini volte a difendere l'indifendibile e a cercare un bersaglio che non c'è."

——————————————–
@ compasso
se anche qualche n° nn era esatto le tue idee di fondo sono condivisibili , concrete e secondo me giuste
M

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 13:45

Viandante, qualcosa non mi quadra. Ma quanto dura questo breve perchè da sempre viene monetizzato il debito solo che adesso lo stanno facendo a ritmi folli. Quanto tempo manca al rifiuto della moneta cartacea.
E un'altra cosa non mi torna: Perchè stanno minando la fiducia sapendo che senza di questa il sistema non regge.
Junka

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 14:41

Capitan Andrea Mazzalai sei fortissimo

Ho imparato moltissimo da te. Grazie di cuore.

Giobbe8871

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 14:45

@ Viandante.

Scusi Viandante, ma non aveva detto che sarebbero accaduti cose ecclatanti a breve ? Se non erro l'aveva detto in ottobre, ai primi del mese scorso…. si riferiva a Dexia ? Non credo. Diceva di essere "pieno" di Bot  che rendono 10 volte i bot tedeschi.
A cosa si riferiva ?

Trovo sempre interessanti i suoi commenti.

Giobbe8871

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 14:50

vorrei segnalare a lor signori un volumetto appena uscito di Luca Ricolfi dal titolo – La repubblica delle tasse- servirebbe anche ad Andrea per il suo manifesto e a molti per capire che forse il tremonti e molti politici dx-sx  e sopratutto molti economisti , non capiscono na nonchia….
Forse tanti anni di propaganda politica spacciata per verità rivelata ancora non verrà messa in forsr, ma un pò di dubbi  alimenterà…
PS. oggi girando in mezzo alla ggente si sentivano giusto i discorsi provocati dall' insipienza dell'opposizione pur di far saltare il Berlusca…(paura)..ritiriamo i soldi dalle Bk e mettiamoli nel materasso altrimenti…
Ricordo che i politici giocano la loro partita indifferenti a  ciò che succede..
Gianni Z.
PPs.
il mio personale programma :
aliquota fiscale sul reddito societario al 25%
Contributi al 25%
istituzione di bordelli e loro tassazione
Federalismo al costi standard veri, con fondo perequativo minimale
Regioni in debito si finanziano con tassa speciale su abitanti.
Acquisto debito 2012 riservato pro quota a cittadini italiani cfon rendimento al  5%.
Abbattimento 50% chiese e costruzione parcheggi
abbattimento contributi a Chiesa , partiti , e trasformazione in libero finanziamento deducibile dalle tasse.
A voi il resto…..

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 14:54

Junka, in un sistema monetario fiat il debito viene monetizzato x forza dato che il denaro prende vita attraverso l'emissione di debito. Il problema è la velocità con cui questo avviene, il rapporto tra denaro (debito) immesso e la quantità di beni disponibili e la platea di potenziali acquirenti di tali beni e servizi. Conta poi dove questo denaro è andato a finire. Se come avviene ora (e in passato solo alla fine degli anni 20) è squilibrato nella maniera forsennata suggerita dal post di oggi accade che il denaro, concentrato in poche mani, non viene speso nell'economia di tutti i giorni, in quella che serve a John Smith o Mario Rossi, ma finisce in giochi finanziari il cui unico scopo è alzare il valore finanziario (cartaceo o fittizio) di tali asset. Questo gioco va avanti da 30 anni, periodo in cui il valore delle case e delle azioni è salito in modo totalmente disgiunto dalle retribuzioni e da tutto ciò che è reale. Nel contempo questa follia finanziaria ha portato a uno sviluppo eccessivo della capacità produttiva, largamente determinato dallo sviluppo dell'automazione, e quindi a una offerta esagerata di beni non necessari e al contempo a un aumento dei prezzi di ciò che è strettamente necessario (le due cose sono in realtà legate ma il discorso si farebbe lungo). Allora se la platea vastissima dei John e dei Mario non ha abbastanza euro come può esserci quel livello di inflazione tale da generare lo tsunami dell'iper inflazione e della conseguente fine del sistema monetario ? Questo non vuole dire che non c'è e non ci sarà inflazione perchè i dati dicono il contrario. Solo professori divenati teste di cazzo come Krugmann possono affermare che l'inflazione al 4% con i tassi a zero è troppo bassa ! Al contrario questa tassa occulta non fa altro che trasferire altre risorse da chi non ha difese (John e Mario) a chi ne ha (dai petrolieri agli altri monopolisti che alzano le tariffe con la complicità dei governi deboli come il nostro). Per determinare il crollo della fiducia nella moneta di carta ci vuole altro. L'iper inflazione ha altre origini e se il sistema crollerà sarà perchè i John e i Mario arriveranno a un livello di tale disperazione da non poter fare altro che ribellarsi, quando non vedranno altre alternative. Ma al sabato i ristoranti sono ancora abbastanza pieni, la gente va in vacanza, magari un pò meno. C'è ancora ampio spazio x la discesa all'infermo e quindi c'è sempre la possibilità di non finirci ma ci vogliono grossi cambiamenti.

Malgrado questo, e so dove vuoi arrivare, se uno ha la possibilità di avere denaro in eccedenza a quanto necessario nei 4 o 5 anni, un pò di oro lo comprerei. Una PUT sul genere umano. Se tutto va bene, la PUT scade e non varrà più nulla, ma hai ancora un lavoro e sei felice, altrimenti forse hai qualche chance in più. Meglio pensare positivo.

 

viandante

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 15:02

Montecristo:

Come   dissi  ieri  io   avrei  tagliato   il   tasso   del'1%   ma   comunque   almeno   Draghi   sembra   essere   sulla  buona   strada,addirittura  all'unanimità  ,ricordate   quello   di   prima   Triscetto…   secondo   me   la  vedeva   proprio   al  contrario    ha   alzato   due   volte  i tassi   in  passato   e  dopo   qualche   giorno  i mercati   sono   crollati,mamma   mia   che   roba.Bravo   Draghi

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 15:04

buongiorno

stamane c'è stato il ritorno a scuola con memorabile litigata con il prof di filosofia tra 3a e 4a ora di lezione.
E' da quando è iniziato l'anno che continua a tirare su altarini e cappelle ai santi laici dello stato come li definisce lui, quelli che ci hanno portato in europa. Quelli che dice, ci hanno permesso di entrare in quella che più si avvicina all'Internazione voluta da Marx.
Ho provato a fargli capire che la ue è l'unione si ma dei banchieri, dei tecnocrati delle università sforna robottini che sono bravi ma che contemplano una sola direzione, e sono capaci di affamare interi stati fregandosene.

Solita risposta…sei troppo giovane, non capisci, non sai che vittoria è stata l'euro in un continente sempre in guerra. Non abbiamo realizzato tutto quello che volevamo nel '68 ma con l'europa ci siamo andati vicino.
(intanto fa tanto il comunista ma il figlio fa il broker in banca, come ama dire lui).
Voi ragazzi avrete piazze, vie ecc intitolare a Ciampi, Prodi, Amato, Napolitano.

Ho risposto che mi sto informando e che ci sono teorie non di sprovveduti che oramai parlano apertamente che in quegli anni è avvenuta la svendita alla finanza straniera di aziende pubbliche italiane. Che ne parlò persino Cossiga, sputtanando Draghi. E che se vuole glieli stampo e li porto a scuola (i portatili nemmeno li vuole vedere!). Risponde che cossiga è stato un doppiogiochista…il peggiore presidente di sempre….gli dico che anche Napolitano non è che stia facendo tanto.
A questo punto non c'ha visto piu…ha iniziato a darmi del berlusconiano, dell'infarcito di grande fratello e de filippi…ingnorante ecc.

Mentre continuava a urlare che ero un berlusconiano e che dicevo queste cose perche non studiavo (sul libro che dice lui naturalmente…che poi a malapena arriveremo alla II guerra mondiale tra l'altro) e che per questo ho miopia storica, perchè non capisco che "il passato è prodromico all'attualità!….ma tu nn sai che significa perchè non studi e guardi solo la tv!", ho risposto " veramente è lei che mi pare ripeta le stesse cose che dicono da anni in tv, in tutte le trasmissioni in cui si fanno tanto gli esperti continuando a riassettare polsino e manica della giacca". .

Allora ha aggiunto Che adesso vedrò appena faranno il governo di salvezza nazionale con gente competente ecc.
Intanto si era alzato dalla sedia…
insomma facendola breve, siamo andati avanti 20 min buoni così, alla fine ha anche sbattutto per terra un libro che era sulla cattedra…e mi ha "invitato a farmi un giro fuori per arieggiare il cervello". Prima di uscire mi ha dato la bella notizia che ha intenzione di parlare con i miei delle mie idee per capire "da dove arrivino certe idee sovversive!" e che parlerà in consiglio scolastico di una proposta di ore da dedicare per spiegarci come si deve la crisi".
Ho dovuto mordermi la lingua dal rispondergli "allora stiamo freschi!".

E io comunque il cervello me lo sono arieggiato:
ho intenzione di presentare una controproposta per il consiglio e per il dirigente scolastico. Dedicare pari tempo al pofessore e a un gruppo di studenti che voglionano dire la loro (1 ora il prof e 1 ora per gli studenti tutti assieme).
Inoltre vorrei proporre anche che la cosa successivamente  fosse estesa a tutta la scuola per almeno le classi del triennio superiore (dal 3° al 5°).
Starei pensando di proporre una sorta di conferenza in aula magna con dibattito e domande sopratutto…Andrea che dici se accettano e ti invito vieni??

scusate se vi ho tediato questa poco interessante cronaca di una giornata di scuola dal ritorno di un ponto…ma credo che sia significativa per capire il mondo dei vostri figli.

Luca17

Ah! ovviamente la maggior parte dei compagni "bravo cogl…e"ti sei giocato il buon voto nelle sue materie".
La cosa mi rode ma in un certo soenso sarebbe per me quasi un vanto (peccato perchè la filosofia la spiega bene…è sull'attuale che ragiona monotomaticamente).

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 15:19

Giobbe8871, nessuno conosce il futuro. Si può però studiando il passato e il presente fare delle fondate ipotesi sullo scenario più probabile. Se leggi questo blog sai di che cosa parlo. Se mai ci sono delle differenze di vedute tra me e l'autore sono sui dettagli che poco significano. Di che cose eclatanti ne stanno accadendo a raffica…. c'è solo l'imbarazzo della scelta non credi ! E, sì, la mia modesta liquidità la tengo in parte in BOT che ruoto alla scadenza. Investo poco in titoli a lunga scadenza non perchè sia giusto o sbagliato ma per una mia personale avversione al rischio. Sono un chicken da questo punto di vista.

viandante

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 15:36

desiderei avere delle opinioni su quanto letto ieri su un altro blog
– il referendum greco è stato un cavallo di troia
– la possibile causa della discesa dei listini è stata che MF Global non ha separato i conti dei clienti  dai fondi propri
in pratica il pericolo non sta mai dove vogliono fartelo vedere ma da qualche altra parte. 
claudio

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 15:48

LUCA17 sei un grande
ho 34 anni un po piu vecchio di te ma dentro mi sento ancora un 20enne

continua cosi…mi son sempre stati sulle palle i professori che impongono il proprio pensiero…senza esprimerlo per aprire un dibattito e ascoltare…far crescere i propri studenti dando loro la possibilita di creare le proprie idee e magari cambiarle…

i voti son le cose piu stupide mai inventate…io li toglierei…ahah molte volte i professori son dei falliti nella vita che hanno solo i voti come rivalsa nella societa…

fregatene e coninua ad essere educato forte e segui le tue convinzioni

e i tuoi amici magari cambieranno idea

PORTELLO

Scritto il 3 novembre 2011 at 15:53

Attenzione al botto Jefferies Group dopo quello di MFGlobal!!!!!

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 16:19

Grazie Viandante,
ma mi convince di più la teoria austriaca dove per inflazione si intende la massa monetaria e dove l'aumento dei prezzi arriva successivamente. MI compro anche un po di terra, consapevole che da solo non mi salvo.
J.

Scritto il 3 novembre 2011 at 16:21

Luca,

non vale proprio la pena, se il tuo professore è una persona intelligente apprezzerà il fatto che a 17 anni segui gli eventi socio-economici più del grande fratello , poi naturalmente ha le sue idee che hai il dovere di rispettare se vuoi che lui rispetti le tue, ma non porti in posizione antagonista che non ha senso.
A 17 anni si ha questa pulsione all'antagonismo ideologico che normalmente si basa su semplificazioni che distorcono la realtà.

Se il tuo profesore è un cretino , a maggior ragione, non  ne vale la pena.

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 16:32

ing bnp paribas ultimamente hanno venduto tra tutte e due 13500 miliardi di btp italiani.le banche tedesche dice il comandante  comprano titoli italiani non ho capito cosa giocano una scommessa su di una partita di calcio? 50% di vincere la scommessa o si perde o si vince venghino signori come diceva totò.veleno50

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 16:40

veleno,

cosa ci dici, che sono andati short del 710% dell'intero debito italiano?

Carpe

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 16:45

luca 17 di persone che fanno a gara a fare i puri ce ne sono a destra a manca . quindi le tue tendenze politiche tienile per te,cosa vuoi che gliene freghi ai commentatori del modo di pensare di un professore di filosofia .

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 16:52

caro carpe non spieghi nulla sulla domanda uno compra l'altro vende fai te. comunque è più probabile che io non abbia capito la tua risposta .ciao veleno50

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 16:54

Cuculo si sono consapevole che queste pulsioni all'azione per abbattere l'ostacolo che ci siamo trovati d'avanti già bello e finito è nella natura dell'essere giovani…per l'azione serve la sintesi e le semplificazioni altrimenti alla fine non si agisce mai.
E allo stesso modo sono consapevole che la resistenza della maturità è principalente amalgamata con la negazione delle proprie scelte o posizioni, col non voler prendere atto di cosa si è fatto.

Questo ci sta e lo accetto. Ma quando si butta sul tavolo che solo l'esperienza conta…questo è un non sense, significa escludere a priori le persone più giovani, e soprattutto facendolo in modo consapevole.
Tra l'altro è un colpo basso…se volessi rispondere al pari livello dovrei dire "hai quasi 60 anni, mediamente tra 10 sarai rincoglionito, sei il passato"…questa sarebbe la risposta per chi ti dice "sei troppo giovane, ma che ne sai".
Invece io penso che questo sia un discorso del cavolo. Pensa che bello, l'entusiasmo dei giovani con l'esperienza dei maturi. Una aiuterebbe l'altro.
Per secoli la tecnica e quindi la ricchezza ha camminato così: nelle botteghe arrivava il garzone, portava forza, giovinezza, entusiasmo e anche la possibilità di rivivere quanto capito durante la propria vita e questo consentiva di ripassare e anche correggere. Il ragazzo guadagnava tanto.
Le scuole e le università potrebbero essere oggi dei laboratori da un potenziale enorme!

Quindi inutile è metterla sulla scontro. Dicendomi "non capisci perchè sei giovane" e io lo riportavo sulla questione accennando a qualcosa, e allora lui "allora sei berlusconiano e guardi troppa tv" (che poi quando mai…ma lasciavo correre, che poi sono sicuro ne guardi lui piu di me)…gli dico che porto articoli per parlarne e mi grida addosso.

Io questo avrei ovluto e vorrei…un aiuto a capire, incontri onesti, su dati e con tanta voglia di ascoltarsi.

Invece mi sa che molti di "voi" adulti abbiano tanta paura (forse più di molti di noi) e che gridiate e non vogliate sentire per nn lasciare tempo al vostro cuore di dirvi che forse c'è da lavorare ancora un po' per migliorare le cose o almeno arginare un pericolo.
Ho letto che durante la prima guerra mondiale vennero richiamati anche dei 50enni. Che avrebbero dovuto dire loro.
Non voltatevi facendovi guardanci dall'alto e facendovi scudo con la superbia…a noi nn appare come insegnamento o saggezza ma solo come ignavia.

Luca17

Vi lascio ho due studi di funzione da fare ancora!
Torno a leggere tra due ore

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 17:01

@ #41
 

luca 17 di persone che fanno a gara a fare i puri ce ne sono a destra a manca . quindi le tue tendenze politiche tienile per te,cosa vuoi che gliene freghi ai commentatori del modo di pensare di un professore di filosofia .

le mie non erano questioni politiche, o non mi hai capito tu o non mi sono spiegato io…io nn seguo proprio la politica, al massimo nel mio piccolo cerco di essere un cittadino consapevole e concreto (pur ancora non votando).

Per il resto che ho scritto mi sono scusato in partenza.
Comprendo che in generale è meglio che io eviti… :))

Luca17

 

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 17:06

Veleno50,

scrivi 13500 miliardi di BTP, ma tu sai quant'è
l'intero debito pubblico italiano?

E' una cifra sbagliatissima quella che scrivi…..solo questo,
ed in borsa i numeri sono tutto……pensa se tu passassi un
ordine di quella grandezza?

At salut.

Carpe Diem

Scritto il 3 novembre 2011 at 17:34

Luca ignora e prosegui per la Tua strada facendo leva sulla Tua consapevolezza.Andrea

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 18:05

x luca17

Fai attenzione a scuola vige la "meritocrazia" in cui il merito spesso non è avere idee proprie ma seguire quelle che ti vengono suggerite acriticamente. Non so cosa sia meglio per te o cosa suggerirti ma fare la guerra di posizioni con il tuo insegnante non è molto saggio o produttivo anche se è estremamente giusto avere idee proprie. Forse è bene se segui i consigli de ilcuculo ed andrea prosegui per la tua strada senza rendertela troppo tortuosa. Nel senso ascolta il tuo "insegnante" impara da lui e cerca di capire perchè le sue idee non stanno in piedi senza però fare muro contro muro.
i professori di filosofia sono fra i peggiori in assoluto quando perdono di vista il significato della materia che insegnano. I peggiori sono quelli che pensano che Bertrand Russel sia un genio… il genio che ha inventato il movimento pacifista e che contemporaneamente voleva lanciare bombe atomiche su mosca per risolvere la guerra figuriamoci.

Poi ci sono altri che pensano che la filosofia dal punto di vista pratico non serva a nulla, ma loro servono invece.

Eppure basta fare un giro fra qualche aforisma di un grande filosofo per darti consigli "saggi":

In genere è consigliabile palesare la propria intelligenza con quello che si tace piuttosto che con quello che si dice. La prima alternativa è la saggezza.  La seconda è vanità.

Il filosofo non deve mai dimenticare che la sua è un'arte e non una scienza

La mia filosofia non è per nulla adatta a che si possa vivere di lei. Essa è priva dei requisiti primi essenziali per una ben retribuita cattedra di filosofia.

La verità passa per tre gratini: viene ridicolizzata, viene contrastata, viene accettata come ovvia.

Quei signori (i professori di filosofia) vogliono vivere, e precisamente vivere della filosofia: da questa traggono sostentamento con moglie e prole, e tutto – nonostante il "povera e nuda vai filosofia" del Petrarca – tutto essi hanno arrischiato su di lei.

Ora però non farti venire in mente di fare la guerra con il tuo insegnante di filosofia  a causa del filosofo Arthur Schopenhauer ;-)

Giuseppe

 

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 18:44

Dott. Mazzalai guardi cosa scrive il signor Stefano bassi

In ogni caso
a parte Mussari, Vespa, Tamburi, Visco…
e qualche Blogger incompetente, disonesto o fuori dal Mondo….
ormai chi è rimasto a comprare i BTP?

Scritto il 3 novembre 2011 at 19:05

Lasciate perdere certi atteggiamenti si commentano da soli e non aggiungo altro! Andrea

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 19:32

Sinceramente la storia del fallimento di Jefferies assomiglia molto ad una bufala, poi per l'amor di Dio tutto può essere, ma assomiglia davvero molto ad una bufala, per il timing, che avviene subio dopo MF global, e per il diverso modello di business di Jefferies. E' un rumor che sa molto di caccia alle streghe senza troppa sostanza, e che di certo i grandi Global Broker non cercano di frenare anzi, per loro togliere di mezzo un pò di piccoli o mid size brokers vuol dire meno concorrenza e più possibilità di mantenere inalterati o addirittura accrescere i loro ricavi anche in un momento duro di mercato. Per cui attenzione. Ormai Mf Global è fallita non andiamo a cercare a breve il prossimo.

Il Fringuello

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 19:35

carpe hai ragio veleno50ne ho sbagliato la cifra sono 13,5 miliardi ,però non mi  hai risposto

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 20:40

Luca ricorda che "la filosofia è quella scienza per la quale e con la quale, tutto resta tale e quale"

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 20:47

Luca 17,
mi ricordo pure io,  proveniente da una famiglia laica, di quando   andavo a scuola alle superiori ed ero incappato un'insegnante  di lettere cattolica molto  bigotta  che  pretendeva che gli autori venissero commentati  e giudicati  nella sua ottica. Mi scontrai con lei   su una poesia del Foscolo, quella della morte del figlioletto,  e sul Manzoni venendo conseguentemente  penalizzato nei suoi giudizi..
  Così capii  due cose:  La prima che le materie di studio sono  di due categorie: quelle  scientifiche non opinabili discrezionalmente  e quelle umanistiche invece discrezionali (tra quest'ultime possiamo metterci sicuramente anche l'economia,  btw).  La seconda  che se vuoi  vivere  tranquillo da studente e  far carriera nel mondo del lavoro poi,  a meno di far un lavoro autonomo, devi  conformarti, non opporti  e trangugiare  rospi.
Chi  va per la sua strada controcorrente al potere costituito  ha vita difficile.  Ma  non è una raccomandazione  questa, solo una constatazione. Fanne l'uso che vuoi.
Io ti ammiro per la tua precoce  maturità  ed indipendenza intellettuale e faccio il tifo per te nella disputa verso il tuo professore:  lo  hai contestato  attaccando  le sue posizioni rigide e sclerotizzate mettendo  in crisi le sue certezze,  suscitando in lui reazioni intolleranti .
E non è poco…. anche se prenderai un brutto voto  vuoi mettere la soddisfazione !

hector

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 21:16

Leggendo i commenti mi sembra che in molti siano concentrati su se stessi. Questo è un invito all’ascolto.
Oggi, in occasione dei suoi 80 anni, mi permetto di citare un donna intelligente e sensibile…”un colore mi può incantare, uno sguardo mi può innamorare, un sorriso mi fa sperare”.
Nei commenti sento troppo astio, frustrazioni e voglia di rivincite.
Raffaele

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 21:28

Mi riferisco agli interventi degli ultimi tempi. E’ un invito alla riflessione.
Raffaele

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 21:32

Veleno50,
scusa non vorrei passare per maleducato,
ma ti confesso che non ho capito in cosa non
ti ho risposto, se tu potessi riformulare la
domanda te ne sarei grato…..forse è un mio limite.

Carpe diem

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 21:46

UN MONDO CHE CAMBIA MOLTO IN FRETTA….

paesi una volta ricchi e potenti sono ora dei nani, la storia corre e non ha pietà di chi perde…. la fine di un'era

Brazil to overtake UK as sixth-largest economy

Brazil will overtake the UK to become the world's sixth biggest economy this year, according to new projections.The Latin American giant's GDP for 2011 is expected to hit $2.44 trillion (£1.51 trillion) compared with $2.43 trillion for the UK, the latest monthly forecasts from the Economist Intelligence Unit (EIU) show.

This will see Brazil, which last year overtook Italy to become the world's seventh biggest economy, move up one more place to sixth with the UK falling to seventh.

fonte: THE TELEGRAPH

UN TROLL

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 21:48

Accidenti Raffaele cosa tiri fuori…. non pare vero che Monica Vitti possa aver compiuto 80 anni. Una donna emblema della gioia di vivere, una grande meravigliosa artista Italiana, e si dalla grande sensibilità. Ah entrare nel Blog e leggere il tuo post è stato… come tornare a casa dal lavoro e mettersi a cucinare… grande.

Il Fringuello

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 21:55

Caro Fringuello anche quello fa parte dell’essere italiani. Ma pare non sia più tanto di moda.
Raffaele.

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 21:59

Un Troll 57  assistere all'ascesa dei paesi emergenti nel mondo, paesi con milioni e milioni di persone, di anime, è la vittoria più bella cui la nostra società potesse aspirare, non c'è alcuna sconfitta da meditare ma grandi vittorie e grandi conquiste per l'umanità ancora da poter cogliere e sognare. Speriamo solo sappiano usare bene e in maniera saggia e consapevole il potere e la ricchezza che oggi iniziano ad essergli riconosciuti.

Il Fringuelo

Scritto il 3 novembre 2011 at 22:21

Buona sera

Perchè perdere tempo in cose futili (per la maggioranza anche se importanti per il singolo).

http://www.monetaproprieta.it/site/index.php?option=com_content&view=article&id=51:la-calma-dopo-la-tempesta&catid=36:articoli&Itemid=53

I problemi a volte nascono per dei motivi semplici, renderli complicati è uno dei modi per nascondere la verità.

Seguite i SOLDI (intesi come ricchezza)

SD

Scritto il 3 novembre 2011 at 22:21

Buona sera

Perchè perdere tempo in cose futili (per la maggioranza anche se importanti per il singolo).

http://www.monetaproprieta.it/site/index.php?option=com_content&view=article&id=51:la-calma-dopo-la-tempesta&catid=36:articoli&Itemid=53

I problemi a volte nascono per dei motivi semplici, renderli complicati è uno dei modi per nascondere la verità.

Seguite i SOLDI (intesi come ricchezza)

SD

Scritto il 3 novembre 2011 at 22:21

Buona sera

Perchè perdere tempo in cose futili (per la maggioranza anche se importanti per il singolo).

http://www.monetaproprieta.it/site/index.php?option=com_content&view=article&id=51:la-calma-dopo-la-tempesta&catid=36:articoli&Itemid=53

I problemi a volte nascono per dei motivi semplici, renderli complicati è uno dei modi per nascondere la verità.

Seguite i SOLDI (intesi come ricchezza)

SD

Scritto il 3 novembre 2011 at 22:21

Buona sera

Perchè perdere tempo in cose futili (per la maggioranza anche se importanti per il singolo).

http://www.monetaproprieta.it/site/index.php?option=com_content&view=article&id=51:la-calma-dopo-la-tempesta&catid=36:articoli&Itemid=53

I problemi a volte nascono per dei motivi semplici, renderli complicati è uno dei modi per nascondere la verità.

Seguite i SOLDI (intesi come ricchezza)

SD

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 22:41

^Ciao Luca….ti parlo d´Europa !

Il problema e´che in Italia nessuno ne sa nientze, nessuno sa che cosa fa la Commissione, cosa fa il Consiglio Europeo o cosa fa il Parlamento..come funziona ilo processo legislativo ect ect…insomma un buco e ogni tanto qualche politico dice…ce lo chiede l´Europa dimenticando che le linee guida le danno gli Stati Membri (Italia compresa) poi vi sono paesi come in quello che vivo, nell´Est in cui i giovani studiano corsi di Laurea quali Europeistica e relative materia, sono preparatissimi e capiscono i meccanismi decisionali e sanno bene come farli funzionare…per cui, spiace dirlo contano piu´di noi che per inerzia ed ignoranza ci mandiamo i trombati o i riciclati, senza nessun interesse e lo scollamento tra le varie componenti dello stato e´ lampante.

Pensa sempre con la tua testa ma non farti accecare da imbonitori e pennivendoli…e non ti fare intrappolare nella logica fascismo e comunismo…vai oltre e guarda il domani !

Saluti
Massimo (EE)

utente anonimo
Scritto il 3 novembre 2011 at 23:02

S.D.

Riguardo alla questione auriti e signoraggio, per quel poco che ho capito. O è trattata in maniera troppo semplicistica ed infatti molti dei cosiddetti "signoraggisti" balbettano, sbagliano i congiuntivi e alla fine non si capisce bene quello che dicono a fronte di una realtà un pò più complessa oppure è stato semplicemente GENIALE il professor Giacinto Auriti.
E ti spiego il "geniale": consapevole che non fosse possibile spiegare alla massa nei dettagli il funzionamento del sistema monetario ha battuto sul fatto della proprietà della moneta affrontando il tema centrale del problema monetario. Se la sua gestione è privata come ora tu non hai la minima possibilità di controllarla anzi i banchieri si dichiarano al di fuori della legislazione penale per mantenere l'autonomia ed il valore della moneta… questo non lo possono fare se la proprietà della moneta è dei cittadini.

Perchè in effetti non è possibile considerare la "questione signoraggio" posta da auriti come una truffa bella e buona, o un falso mito e contemporaneamente sentire l'economista Antonino Galloni – allievo di Federico Caffè- definire Giacinto Auriti addirittura un Gigante!

Ora si sente da anni in giro la storia dell'oro e dell'argento come uniche vere monete e che la fiat money è una truffa, ovviamente è vero il contrario non c'è abbastanza oro ed argento per far girare un'economia "umana" e l'unica possibilità è appunto la fiat money il cosiddetto signoraggio che però deve essere legata all'economia reale e non ai casinò della finanza! guarda caso tutto l'esatto contrario di quello che è stato fatto. L'errore è quello di pensare che la moneta sia un valore di per se quindi non è rivolta a produrre qualcosa di concreto ma a produrre qualcosa che accentri il potere, in quest'ottica la moneta è puro potere, potere di per se stessa e non strumento di sviluppo umano quindi si può pensare che si possa fare qualcunque cosa che porti a possederla anche peggiorare le condizioni dei più anzichè migliorarle! Per la serie "gli ultimi saranno ultimi solo se i primi sono irraggiungibili".
Tutto ciò non avrebbe senso in un sistema monetario gestito in maniera differente, per creare i ricchi bisogna creare i poveri, il fatto è che questo sistema è tutto fondato sulla PAURA e alla fine sono tutti "poveri" sia i milionari che i morti di fame ed in quest'ottica il possesso di più soldi ti prosciuga nell'anima ti rende misero e povero anche di più di un precario.

Questo è il problema di fondo secondo la mia interpretazione. Ovviamente andrebbe trattato meglio ma non c'è spazio qui e francamente io non sono in grado di farlo anche altrove.

Giuseppe

Scritto il 4 novembre 2011 at 00:16

Giuseppe #63

Voglio precisare che io non mi occupo di finanza e non vivo con essa, vivo di economia reale e lavoro nel settore edile, mi interesso a "questo mondo" per il semplice fatto che mi preoccupo per il mio futuro e per quello dei miei cari….più semplice di così.
Nel mondo finanziarizzato di oggi credo che tutti dovremmo preoccuparci dei NOSTRI INTERESSI e anche cercare di FARLI i nostri interessi e naturalmente quelli dei nostri cari e della nostra comunità; per quanto riguarda il resto "del mondo" comportarci secondo le regole che ci hanno imposto !!!!!!!

Per quanto rigurada il signoraggio credo sia un falso problema, non penso che qualcuno possa creare denaro e farselo pagare al valore nominale……sarebbe da idioti e non abbiamo a che fare con idioti…anzi.
Il problema della fiat money (moneta fiduciaria) nasce dal fatto che è creata esclusivamente a DEBITO; come potremo mai ripagare questo debito se gli interessi non sono stati creati ???? potremo solamente "rubarceli" l'un l'altro non sarà mai possibile creare nuova ricchezza per tutti se la moneta che possediamo è gravata da interessi !!!!!! ed oltre tutto gli interessi non esistono.

La proprietà della moneta è un problema ancora più grave, v isto che il denaro è un mezzo di potere (e non venitemi a raccontare che non lo è….altrimenti…..ognuno per la sua strada !!!!) come è possibile che io non sia proprietario della moneta che possiedo ?? sarebbe come dire che non siamo proprietari neache della nosta casa o macchina o addirittura VITA.
Anzi forse è così non siamo realmente proprietari proprio di un bel niente, se gli comoda ci lascieranno vivere degnamente……….altrimenti saremmo costretti ad essere schiavi.

Non credere che qualcuno soffra più di tanto per le miserie degli altri (non siamo tutti cattolici !!!!) oppure che soffra al punto di autodistruggersi. Come potrebbe soffrire della nostra povertà se non sà neanche che esistiamo ?

L'oro è un metallo raro che interessa a molti.

Un saluto

SD

utente anonimo
Scritto il 4 novembre 2011 at 00:46

Grazie per la risposta S.D. ho capito come la vedi

Rispondo solo sulla parte finale, io non ho parlato di sofferenza ma di povertà, essere ricchi in un sistema ingiusto significa essere ricchi in un mondo misero, tutto qui non significa nemmeno soffrirne significa che anche chi è ricco ha tutto da perderci.
Steve jobs era ricchissimo ma essendo il mondo misero è morto lo stesso.

Buona notte a te

Giuseppe

Scritto il 4 novembre 2011 at 02:21

ciao Giuseppe, ora vedo che parli di AURITI.  beh dai hai capito abbastanza.  ma hai un pò la memoria corta.  già ti avevo detto di galloni no?  

riepilogo.  un grande professore a cui hanno dedicato pure  una scuola a Roma, e a cui anni fà banca d'italia chiese molte volte consigli.  scomparso misteriosamente, chissà perchè.  

suoi alievi importanti, e coetanei.  draghi, galloni, e anche visco, il nuovo capo banca d'italia.  quindi non era idiota sto prof.  e non aveva la lingua biforcuta. cioè a tutti insegnava le stesse cose.  e allora mi spieghi perchè ora draghi nega l'esistemza della truffa del signoraggio e invece galloni te lo dice?  e ti ho mandato dei suoi video a riguardo.   

AURITI. ha scoperto la legge del valore indotto della moneta.  accettato anche dai ladroni della BCE. traduzione= la moneta cartcea produrla, costruirla, costa pochi centesimi.  e ha valore solamente perchè il popolo la accetta.  tutto qui.  il valore lo dai tu giuseppe, no draghi.  quindi sei tu il giusto proprietario della banconota all'atto dell'emissione.  ma loro, i banchieri ladri ti hanno truffato.  ti fanno credere ilmcontrario, e tu come un pirla ( metaforicamente eh) accetti e ti metti a 90 gradi e paghi tutto quello che vogliono loro.  AURITI.  il deanto la BC lo deve accreditare subito ai cittadini, non addebitartelo.  chiaro?  il denato è già tuo, quindi saresti in debito con te stesso?  pazzesco!  e in più ci lucrano sopra.

poi 2 furto.  le banche commerciali private ( lo sono tutte) nazionali ( italia= 9000 e più) vogliono anche loro un pò di bottino.  allora hanno implementato il vecchio trucco della moltiplicazione dei pani e dei pesci.  si chiama trucco della riserva frazionaria, ma qui dal capitano la chiamano leveraggio.  tipo commerzbank.  1:150.   vuol dire che ha nel caveau 1 mione di euro, e ne presta 150.  di cui 1 vero e 149 finti, inesistenti.  creati dal nulla fatti col computer.  son questi tizi che la merkel difende. dei super ladri.    AURITI. fine effetto leva.  cioè rapporto 1: 1.  fine dei giochi.  non sei d'accordo?  tu presti solo quello che hai in banca e basta!!  chi cazzo pensi di essere? DIO???? no, x niente.  quinidi bisogna ridurre questi banchieri ladri dei semplici mortali come tutti noi. punto.  poi ci sarebbe tanto altro su AURITI. la prossima ok?    senti ti dico che vicino a padova il 3 e 4 dicembre c'è una 2 gg in cui si parla di questi problemi.  vengono anche professori di economia tedeschi, te gusta?  non credre che anche in germania c'è gente che son tanti anni che si batte contro queste porcate!  che vuole moneta al popolo e reddito di cittadinanza.  o come lo chiamo io, reddito di esistenza.  ti saluto.

DORF

utente anonimo
Scritto il 4 novembre 2011 at 12:38

viandante ha detto:<i> E' tristissima questa follia che sta distruggendo un continente che avrebbe, se preso nel suo complesso, numeri incomparabilmente migliori di quelli USA.</ì>

è per questo motivo che per quanto possa apparire "ingenua" la logica conclusione è che la strada da percorrere sia maggiore integrazione. non solo per considerazioni meramente economiche ma anche geopolitiche.
io sono ottimista del fatto che certe scelte saranno obbligate (sarà importante però introdurre democrazia), son pure ottimista sul fatto che per quanto possa essere cataclismica non sarà distruzione, ma quante sofferenze si risparmierebbero se si avesse da subito una certa visione.

miau

utente anonimo
Scritto il 4 novembre 2011 at 22:33

Grazie per l'intervento DORF.

La teoria di Auriti la conosco da tempo, il valore indotto della moneta, ma le cose un conto è leggerle o ascoltarle. Molto diverso è capirle per capirle devi approfondirle nei dettagli. 
Quello che capisco io è che il cosiddetto signoraggio è la vera moneta quindi la moneta è illimitata (fonte Galloni) e che l'unico problema nell'usarlo è convincere la gente a continuare a lavorare a produrre beni in equilibro con la circolazione monetaria per evitare l'inflazione.
Conosco anche Barnard o le dichiarazioni del sito di larouche movisol a riguardo che definiscono auriti fascista duro e puro e la teoria del signoraggio ridicola perchè quando si stampa denaro lo si fa sempre a debito.
In questa ottica il problema è soprattutto formale, chi deve stampare questo denaro lo stato o i privati? E soprattutto con quale fine deve essere stampato?
Alla fine sono tutti d'accordo che il problema principale il cardine di tutto è il libero mercato che annulla completamente l'uomo l'essere umano e le sue scelte perchè il futuro nostro sono le nostre scelte non il caos del mercato.

Auriti per i video che ho visto mi sembra di una intelligenza, dignità, profondità di cultura e coraggio davvero unici, ma questo lo dico io che di economia tecnicamente non capisco molto, sui concetti astratti invece me la cavo e so perfettamente che i "liberisti" non conoscono nemmeno lontanamente il significato della parola "stato" sono scandalosamente ignoranti anche i più celebri.
Non parliamo della scuola austriaca che sembra non sapere che l'inflazione non dipende solo dalla massa monetaria ma anche dalla velocità con cui circola la moneta stessa.
Quando hai a che fare con questi geni Auriti è automaticamente un gigante.

Grazie mille per i video non li avevi messi di risposta a me ma a luca, io ho l'abitudine di leggere tutto e andare ad aprire i vari link perchè sono curioso.
Grazie anche per l'invito a padova dista troppo da dove sto io altrimenti ci sarei andato sicuramente.
Se hai altro materiale posta qualche link 

Un abbraccio

Giuseppe

utente anonimo
Scritto il 5 novembre 2011 at 01:02

ciao giuseppe.  come da tua richiesta ti scrivo di qua.  allora AURITI. lo hai detto tu, quell'uomo era un santo.  molto cattolico, retto e fedele alle sue idee.  quando un uomo non lo riesci a smontare sulle sue idee, alora lo devi infamare.  allora giù di offese.  comunista, fascista, pezzo di m…  e via cosi'. lo sai che hanno tentato 3 volte di ammazzarlo?  come mai? se non contava nulla  che paura avevano di un vecchio?  

io conosco gente d'abruzzo viva, che lavorava con lui, ai tempi del SIMEC.  a me han dato molti suoi dvd sia video che audio.  delle sue lezioni.    avevo invitato anche il suo avv. pimpini nel 2009 a verona. quando ho organizzato una conferenza sul signoraggio. sala piena.  

ci vuole il reddito di cittadinanza. e  moneta al popolo.  barnard fà casino. con la sua storia di indebitarsi all'infinito.  non si può, è male!  

AURITI l'ha detto mille volte.  ci vuole la rarefazione della moneta.  ad un certo punto devi fermare le stampe.  e quindi capisci bene giuseppe che pensava pure all'ambiente.  non era pazzo forsennato malato del PIL.  cioè DEVI tener  corto dello sfruttamento sia della terra che delle industrie.  non puoi superare la soglia massima di tolleranza.  sennò oltre che il default rischi di distruggere il pianeta.  e direi che siamo già a buon punto.  

banca d'italia tutta statale.  tutte le cose importanti x un paese devono essere tutte statali.  chi le governa?  esempio.  devi metterci gente onestissima di cui ti fidi al 100%.  tipo mazzalai.  tipo galloni.  tipo gallino  (vai a vedertelo su google).  tipo rocco carbone del gruppo SIMEC amico intimo di AURITI.  che io conosco.  tipo pimpini.  altri nomi falli tu.  ma che siano onesti e competenti. ahhh altri nomi.  stefano d'andrea e alberto conti.  vatteli a vedere sul sito comedonchisciotte.  sono tra i meglio.  da qualche parte ho messo il video di una loro conferenza.  non so se in risposta a  PG   mi pare.  controlla. 

ora ti metto un video del difensore di AURITI, avv. Pimpini.  a mistero 1 anno fà l'hanno invitato a parlare di queste cose.  qunidi guarda il video 1  poi il 2.
volgiono far sparire il denaro cartaceo, e imporci quello elettronico. cosi' ci fregano del tutto.  chi mai potrà accorgersi più del furto? con il denaro virtuale nessubo più potrù scamparla ai loro controllo.  l'obiettivo finale è di metterti il micro-chip sotto pelle.  cosi' srai controllato a vita. e se fai il furbo ti fanno un bel reset.  ti dicono: sei terminato.

cmq guarda questo video.  http://www.youtube.com/watch?v=nGMh2q76OnI

ricordati la parte 2.  
ahh galloni.  sai che è insieme nella lotta con marco saba.  vai a vedrti su yuotube i suoi video.  e guardati pure quelli di marco della luna e alfonso marra.  sono 2 avvocati.  bene ora ti saluto.

DORF

utente anonimo
Scritto il 5 novembre 2011 at 01:02

ciao giuseppe.  come da tua richiesta ti scrivo di qua.  allora AURITI. lo hai detto tu, quell'uomo era un santo.  molto cattolico, retto e fedele alle sue idee.  quando un uomo non lo riesci a smontare sulle sue idee, alora lo devi infamare.  allora giù di offese.  comunista, fascista, pezzo di m…  e via cosi'. lo sai che hanno tentato 3 volte di ammazzarlo?  come mai? se non contava nulla  che paura avevano di un vecchio?  

io conosco gente d'abruzzo viva, che lavorava con lui, ai tempi del SIMEC.  a me han dato molti suoi dvd sia video che audio.  delle sue lezioni.    avevo invitato anche il suo avv. pimpini nel 2009 a verona. quando ho organizzato una conferenza sul signoraggio. sala piena.  

ci vuole il reddito di cittadinanza. e  moneta al popolo.  barnard fà casino. con la sua storia di indebitarsi all'infinito.  non si può, è male!  

AURITI l'ha detto mille volte.  ci vuole la rarefazione della moneta.  ad un certo punto devi fermare le stampe.  e quindi capisci bene giuseppe che pensava pure all'ambiente.  non era pazzo forsennato malato del PIL.  cioè DEVI tener  corto dello sfruttamento sia della terra che delle industrie.  non puoi superare la soglia massima di tolleranza.  sennò oltre che il default rischi di distruggere il pianeta.  e direi che siamo già a buon punto.  

banca d'italia tutta statale.  tutte le cose importanti x un paese devono essere tutte statali.  chi le governa?  esempio.  devi metterci gente onestissima di cui ti fidi al 100%.  tipo mazzalai.  tipo galloni.  tipo gallino  (vai a vedertelo su google).  tipo rocco carbone del gruppo SIMEC amico intimo di AURITI.  che io conosco.  tipo pimpini.  altri nomi falli tu.  ma che siano onesti e competenti. ahhh altri nomi.  stefano d'andrea e alberto conti.  vatteli a vedere sul sito comedonchisciotte.  sono tra i meglio.  da qualche parte ho messo il video di una loro conferenza.  non so se in risposta a  PG   mi pare.  controlla. 

ora ti metto un video del difensore di AURITI, avv. Pimpini.  a mistero 1 anno fà l'hanno invitato a parlare di queste cose.  qunidi guarda il video 1  poi il 2.
volgiono far sparire il denaro cartaceo, e imporci quello elettronico. cosi' ci fregano del tutto.  chi mai potrà accorgersi più del furto? con il denaro virtuale nessubo più potrù scamparla ai loro controllo.  l'obiettivo finale è di metterti il micro-chip sotto pelle.  cosi' srai controllato a vita. e se fai il furbo ti fanno un bel reset.  ti dicono: sei terminato.

cmq guarda questo video.  http://www.youtube.com/watch?v=nGMh2q76OnI

ricordati la parte 2.  
ahh galloni.  sai che è insieme nella lotta con marco saba.  vai a vedrti su yuotube i suoi video.  e guardati pure quelli di marco della luna e alfonso marra.  sono 2 avvocati.  bene ora ti saluto.

DORF

utente anonimo
Scritto il 5 novembre 2011 at 01:02

ciao giuseppe.  come da tua richiesta ti scrivo di qua.  allora AURITI. lo hai detto tu, quell'uomo era un santo.  molto cattolico, retto e fedele alle sue idee.  quando un uomo non lo riesci a smontare sulle sue idee, alora lo devi infamare.  allora giù di offese.  comunista, fascista, pezzo di m…  e via cosi'. lo sai che hanno tentato 3 volte di ammazzarlo?  come mai? se non contava nulla  che paura avevano di un vecchio?  

io conosco gente d'abruzzo viva, che lavorava con lui, ai tempi del SIMEC.  a me han dato molti suoi dvd sia video che audio.  delle sue lezioni.    avevo invitato anche il suo avv. pimpini nel 2009 a verona. quando ho organizzato una conferenza sul signoraggio. sala piena.  

ci vuole il reddito di cittadinanza. e  moneta al popolo.  barnard fà casino. con la sua storia di indebitarsi all'infinito.  non si può, è male!  

AURITI l'ha detto mille volte.  ci vuole la rarefazione della moneta.  ad un certo punto devi fermare le stampe.  e quindi capisci bene giuseppe che pensava pure all'ambiente.  non era pazzo forsennato malato del PIL.  cioè DEVI tener  corto dello sfruttamento sia della terra che delle industrie.  non puoi superare la soglia massima di tolleranza.  sennò oltre che il default rischi di distruggere il pianeta.  e direi che siamo già a buon punto.  

banca d'italia tutta statale.  tutte le cose importanti x un paese devono essere tutte statali.  chi le governa?  esempio.  devi metterci gente onestissima di cui ti fidi al 100%.  tipo mazzalai.  tipo galloni.  tipo gallino  (vai a vedertelo su google).  tipo rocco carbone del gruppo SIMEC amico intimo di AURITI.  che io conosco.  tipo pimpini.  altri nomi falli tu.  ma che siano onesti e competenti. ahhh altri nomi.  stefano d'andrea e alberto conti.  vatteli a vedere sul sito comedonchisciotte.  sono tra i meglio.  da qualche parte ho messo il video di una loro conferenza.  non so se in risposta a  PG   mi pare.  controlla. 

ora ti metto un video del difensore di AURITI, avv. Pimpini.  a mistero 1 anno fà l'hanno invitato a parlare di queste cose.  qunidi guarda il video 1  poi il 2.
volgiono far sparire il denaro cartaceo, e imporci quello elettronico. cosi' ci fregano del tutto.  chi mai potrà accorgersi più del furto? con il denaro virtuale nessubo più potrù scamparla ai loro controllo.  l'obiettivo finale è di metterti il micro-chip sotto pelle.  cosi' srai controllato a vita. e se fai il furbo ti fanno un bel reset.  ti dicono: sei terminato.

cmq guarda questo video.  http://www.youtube.com/watch?v=nGMh2q76OnI

ricordati la parte 2.  
ahh galloni.  sai che è insieme nella lotta con marco saba.  vai a vedrti su yuotube i suoi video.  e guardati pure quelli di marco della luna e alfonso marra.  sono 2 avvocati.  bene ora ti saluto.

DORF

utente anonimo
Scritto il 5 novembre 2011 at 01:02

ciao giuseppe.  come da tua richiesta ti scrivo di qua.  allora AURITI. lo hai detto tu, quell'uomo era un santo.  molto cattolico, retto e fedele alle sue idee.  quando un uomo non lo riesci a smontare sulle sue idee, alora lo devi infamare.  allora giù di offese.  comunista, fascista, pezzo di m…  e via cosi'. lo sai che hanno tentato 3 volte di ammazzarlo?  come mai? se non contava nulla  che paura avevano di un vecchio?  

io conosco gente d'abruzzo viva, che lavorava con lui, ai tempi del SIMEC.  a me han dato molti suoi dvd sia video che audio.  delle sue lezioni.    avevo invitato anche il suo avv. pimpini nel 2009 a verona. quando ho organizzato una conferenza sul signoraggio. sala piena.  

ci vuole il reddito di cittadinanza. e  moneta al popolo.  barnard fà casino. con la sua storia di indebitarsi all'infinito.  non si può, è male!  

AURITI l'ha detto mille volte.  ci vuole la rarefazione della moneta.  ad un certo punto devi fermare le stampe.  e quindi capisci bene giuseppe che pensava pure all'ambiente.  non era pazzo forsennato malato del PIL.  cioè DEVI tener  corto dello sfruttamento sia della terra che delle industrie.  non puoi superare la soglia massima di tolleranza.  sennò oltre che il default rischi di distruggere il pianeta.  e direi che siamo già a buon punto.  

banca d'italia tutta statale.  tutte le cose importanti x un paese devono essere tutte statali.  chi le governa?  esempio.  devi metterci gente onestissima di cui ti fidi al 100%.  tipo mazzalai.  tipo galloni.  tipo gallino  (vai a vedertelo su google).  tipo rocco carbone del gruppo SIMEC amico intimo di AURITI.  che io conosco.  tipo pimpini.  altri nomi falli tu.  ma che siano onesti e competenti. ahhh altri nomi.  stefano d'andrea e alberto conti.  vatteli a vedere sul sito comedonchisciotte.  sono tra i meglio.  da qualche parte ho messo il video di una loro conferenza.  non so se in risposta a  PG   mi pare.  controlla. 

ora ti metto un video del difensore di AURITI, avv. Pimpini.  a mistero 1 anno fà l'hanno invitato a parlare di queste cose.  qunidi guarda il video 1  poi il 2.
volgiono far sparire il denaro cartaceo, e imporci quello elettronico. cosi' ci fregano del tutto.  chi mai potrà accorgersi più del furto? con il denaro virtuale nessubo più potrù scamparla ai loro controllo.  l'obiettivo finale è di metterti il micro-chip sotto pelle.  cosi' srai controllato a vita. e se fai il furbo ti fanno un bel reset.  ti dicono: sei terminato.

cmq guarda questo video.  http://www.youtube.com/watch?v=nGMh2q76OnI

ricordati la parte 2.  
ahh galloni.  sai che è insieme nella lotta con marco saba.  vai a vedrti su yuotube i suoi video.  e guardati pure quelli di marco della luna e alfonso marra.  sono 2 avvocati.  bene ora ti saluto.

DORF

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
E’ indiscutibile, la situazione per le banche italiane è sicuramente migliorata, ma è sbagli
Analisi Tecnica Leggero ritocco del massimo in area 23800/23900 e profonda long black candle in Dar
Stoxx Giornaliero Buona domenica a tutti, i livelli che avevamo indicato l’ultima volta che
DJI Giornaliero Buona domenica a tutti, eccoci con l’ultimo appuntamento mensile sull’an
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Arrivano due tasselli importanti. Il voto che sancisce la fine dei dubbi sulla BREXIT e l'arrivo d
Ftse Mib: l’indice italiano è andato a testare nuovamente la trend line rialzista di breve period
Come da manuale ora abbiamo in un colpo solo tutto quello che l'antibiblioteca di Eco suggeriva,
"L’anno bellissimo"  preconizzato dal presidente del Consiglio n. 1 ( Preconizzare = annunciare s
Il Fomc doveva scorrere via liscio senza particolari novità. Ed in effetti non sono successe de