OLTRE LE IDEOLOGIE, NON RESTA CHE L’UOMO!

Scritto il alle 17:12 da icebergfinanza

 

Come più volte sottolineato in questi tre lunghi anni la finanza ha sequestrato la democrazia, la finanza e talvolta l’economia o meglio alcune scuole economiche hanno sequestrato la vita sociale, l’esistenza dell’ Umanità.

Oggi, in nome del rischio sistemico, la paura che il fallimento di questa o quella istituzione troppo grande per fallire possa trascinare il mondo in una depressione, la paura che il fallimento di questo o quello Stato sovrano possa travolgere il mondo intero, si trasferiscono immense risorse dagli Stati, dalla cultura, dall’istruzione, dalla sanità, dalla ricerca, dai contribuenti ipotecando il futuro delle Nazioni, congelandone la loro ricchezza.

Oltre sessanta milioni di disoccupati in tutto il mondo e una precarietà che si respira in ogni angolo del pianeta. Secondo l’ILO oggi 212 milioni di esseri umani sono senza lavoro, oltre 34 milioni rispetto al 2007, ma addirittura più di 10 milioni sono giovani.

Sono cifre provvisorie,  che riflettono la limitatezza dei sistemi di rilevazione ufficiali, che non tengono conto dei cosidetti effetti collaterali, della schiavitù, del ricatto, dello sfruttamento, della precarietà, della flessibilità che origina insicurezza, delle ore lavorate, di stipendi che offendono la dignità dell’uomo a fronte di rendite e profitti che urlano vendetta.

In nome del profitto supremo, del capitalismo puro si rifiuta la soluzione agli squilibri mondiali, che viene dell’ equità e dalla redistribuzione dei redditi, soluzione che ideologie sinistre ed interessate rendono più difficile di quello che in realtà è. Stiamo perdendo tempo ad ascoltare l’eco di ideologie accademiche che hanno riempito di sacerdoti i templi delle università mondiali, stiamo perdendo tempo ad ascoltare coloro che dimenticano che l’economia è una branca dell’etica e che Adam Smith, amava più la " Teoria dei sentimenti morali " che l’egoismo del panettiere e del macellaio.

Oggi il capitalismo irresponsabile, principale responsabile insieme alla politica e alla finanza, assecondato dall’ ignoranza ed ingenuità del popolo, abbagliato a sua volta dalla sensazione di ricchezza perenne ed infinita, deve ancora rispondere del demenziale contagio all’economia, all’umanità del dogma del profitto innanzitutto, del dogma del breve termine, della sua etica perversa e fallita.

E’ pura illusione credere che si uscirà da questa trappola, senza avere riformato la politica, la finanza, l’economia ed aver accresciuto la responsabilità degli individui. E’ da irresponsabili credere di uscire da questo medioevo proponendo sempre e solo dibattiti tra scuole di pensiero economico, sempre e solo ricette ormai obsolete che rifiutano il cambiamento o la responsabilità, urlando la genialità del capitalismo che qualche esaltato ancora oggi continua a proporre senza riforme.

Eppure Giovanni Paolo II, secondo considerato uno dei massimi artefici del crollo del comunismo e del muro di Berlino, nella " CentesimusAnnus " non risparmiò una sana critica costruttiva al capitalismo, attraverso la sua visione di una incrollabile fede nella persona umana come tale.

Comunismo e liberismo hanno sempre esaltato il primato dell’economia sulle altre sfere della vita umana. Le loro ideologie tendono da sempre a materializzare, quantificare e despiritualizzare l’esistenza di un uomo. La spiritualità, i sentimenti, le emozioni negate dal comunismo sono oggi seppelliti dal consumismo e dal materialismo contemporaneo. 

" Nella Rerum novarum Leone XIII affermava con forza e con vari argomenti, contro il socialismo del suo tempo, il carattere naturale del diritto di proprietà privata.Tale diritto, fondamentale per l’autonomia e lo sviluppo della persona, è stato sempre difeso dalla Chiesa fino ai nostri giorni. Parimenti, la Chiesa insegna che la proprietà dei beni non è un diritto assoluto, ma porta inscritti nella sua natura di diritto umano i propri limiti.(…)

Il marxismo ha criticato le società borghesi capitalistiche, rimproverando loro la mercificazione e l’alienazione dell’esistenza umana. Certamente, questo rimprovero è basato su una concezione errata ed inadeguata dell’alienazione, che la fa derivare solo dalla sfera dei rapporti di produzione e di proprietà, cioè assegnandole un fondamento materialistico e, per di più, negando la legittimità e la positività delle relazioni di mercato anche nell’ambito che è loro proprio. Si finisce così con l’affermare che solo in una società di tipo collettivistico potrebbe essere eliminata l’alienazione. Ora, l’esperienza storica dei Paesi socialisti ha tristemente dimostrato che il collettivismo non sopprime l’alienazione, ma piuttosto l’accresce, aggiungendovi la penuria delle cose necessarie e l’inefficienza economica.

L’esperienza storica dell’Occidente, da parte sua, dimostra che, se l’analisi e la fondazione marxista dell’alienazione sono false, tuttavia l’alienazione con la perdita del senso autentico dell’esistenza è un fatto reale anche nelle società occidentali. Essa si verifica nel consumo, quando l’uomo è implicato in una rete di false e superficiali soddisfazioni, anziché essere aiutato a fare l’autentica e concreta esperienza della sua personalità. Essa si verifica anche nel lavoro, quando è organizzato in modo tale da «massimizzare» soltanto i suoi frutti e proventi e non ci si preoccupa che il lavoratore, mediante il proprio lavoro, si realizzi di più o di meno come uomo, a seconda che cresca la sua partecipazione in un’autentica comunità solidale, oppure cresca il suo isolamento in un complesso di relazioni di esasperata competitività e di reciproca estraniazione, nel quale egli è considerato solo come un mezzo, e non come un fine.

Nella sostanza comunismo e capitalismo hanno annullato o silenziato l’essenza umana, la sua spiritualità, la sua essenzialità.

Come scrivo ormai da due anni, il fallimento intrinseco di ogni ideologia economica che ha contagiato il sistema, nasce dalla negazione dell’essenza stessa dell’uomo.

(…)È qui che sorge il fenomeno del consumismo. Individuando nuovi bisogni e nuove modalità per il loro soddisfacimento, è necessario lasciarsi guidare da un’immagine integrale dell’uomo, che rispetti tutte le dimensioni del suo essere e subordini quelle materiali e istintive a quelle interiori e spirituali. Al contrario, rivolgendosi direttamente ai suoi istinti e prescindendo in diverso modo dalla sua realtà personale cosciente e libera, si possono creare abitudini di consumo e stili di vita oggettivamente illeciti e spesso dannosi per la sua salute fisica e spirituale. Il sistema economico non possiede al suo interno criteri che consentano di distinguere correttamente le forme nuove e più elevate di soddisfacimento dei bisogni umani dai nuovi bisogni indotti, che ostacolano la formazione di una matura personalità. È, perciò, necessaria ed urgente una grande opera educativa e culturale(…)

Interessante e decisamente attuale è inoltre questo passaggio sul debito, che vede all’improvviso un rovesciamento della condizione storica…

(…) Al presente sugli sforzi positivi che sono compiuti in proposito grava il problema, in gran parte ancora irrisolto, del debito estero dei Paesi più poveri. È certamente giusto il principio che i debiti debbano essere pagati; non è lecito, però, chiedere o pretendere un pagamento, quando questo verrebbe ad imporre di fatto scelte politiche tali da spingere alla fame e alla disperazione intere popolazioni. Non si può pretendere che i debiti contratti siano pagati con insopportabili sacrifici. In questi casi è necessario — come, del resto, sta in parte avvenendo — trovare modalità di alleggerimento, di dilazione o anche di estinzione del debito, compatibili col fondamentale diritto dei popoli alla sussistenza ed al progresso.(…)

Certo si parlava di paesi poveri, non certo dei paesi occidentali ma è indubbio che qualcosa sta cambiando.

E’ da puri illusi credere che si uscirà da questa crisi grazie alle economie emergenti, pura illusione credere alle politiche economiche e monetarie che hanno fallito e che sono ancora oggi supportate e proposte da un sistema di individui che non hanno il coraggio di ammettere il fallimento di un capitalismo nel quale si socializza quotidianamente le perdite e si assumono rischi che sono figli di un azzardo morale, supportato in ogni momento, dimenticando sempre e comunque l’uomo.

Più crescita economica, più produttività, più consumi, più investimenti, più innovazione, più tecnologia,  se no siamo fottuti….

Oggi le aziende in nome della produttività, del breve termine, sull’altare dei mercati finanziari e i governi urlando il rischio default hanno facile gioco a imporre quello che per anni hanno evitato di fare assecondando una crescita insostenibile per paura di un pugno di voti, accarezzando e supportando ogni cicala che sognava il migliore dei mondi possibili, attraverso un’economia di carta che ha seppellito quella reale.

" La Chiesa riconosce la giusta funzione del profitto, come indicatore del buon andamento dell’azienda: quando un’azienda produce profitto, ciò significa che i fattori produttivi sono stati adeguatamente impiegati ed i corrispettivi bisogni umani debitamente soddisfatti. Tuttavia, il profitto non è l’unico indice delle condizioni dell’azienda. È possibile che i conti economici siano in ordine ed insieme che gli uomini, che costituiscono il patrimonio più prezioso dell’azienda, siano umiliati e offesi nella loro dignità. Oltre ad essere moralmente inammissibile, ciò non può non avere in prospettiva riflessi negativi anche per l’efficienza economica dell’azienda. Scopo dell’impresa, infatti, non è semplicemente la produzione del profitto, bensì l’esistenza stessa dell’impresa come comunità di uomini che, in diverso modo, perseguono il soddisfacimento dei loro fondamentali bisogni e costituiscono un particolare gruppo al servizio dell’intera società. Il profitto è un regolatore della vita dell’azienda, ma non è l’unico; ad esso va aggiunta la considerazione di altri fattori umani e morali che, a lungo periodo, sono almeno egualmente essenziali per la vita dell’impresa. "

Come diceva Yunus… " Ho come la sensazione che l’economia basi le sue leggi su presupposti che ignorano gli esseri umani. Tratta gli uomini come macchine e nega gli elementi essenziali della natura umana. Considera gli imprenditori come uomini dalle capacità eccezionali e così ignora le potenzialità della gran massa dell’umanità. L’economia ama definirsi come una scienza sociale ma non lo è! Parla di lavoro e manodopera, non parla di uomini , donne e bambini quindi non può ignorare l’ambiente che pretende di analizzare!”

Certo continuiamo ad ignorare l’essenziale, la nostra stessa essenza annegando la paura e la solitudine nel turbo capitalismo, urlando, facendo rumore, per non sentire la voce incessante che sale dal cuore, per paura di accorgerci che in fondo, in fondo siamo esseri umani con un’anima.

Prima di tutto l’uomo


Non vivere su questa terra
come un estraneo
o come un turista nella natura.
Vivi in questo mondo
come nella casa di tuo padre:
credi al grano, alla terra, al mare
ma prima di tutto credi all’uomo.
Ama le nuvole, le macchine, i libri
ma prima di tutto ama l’uomo.
Senti la tristezza del ramo che secca
dell’astro che si spegne
dell’animale ferito che rantola
ma prima di tutto
senti la tristezza e il dolore dell’uomo.
Ti diano gioia tutti i beni della terra
l’ombra e la luce ti diano gioia
le quattro stagioni ti diano gioia
ma soprattutto, a piene mani
ti dia gioia l’uomo!

Nazim Hikmet

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags:   |
71 commenti Commenta
Scritto il 19 giugno 2010 at 16:18

Ecco dove volano i gabbiani…http://www.youtube.com/watch?v=uVY9p1IHops&feature=player_embedded#!Feels like all the days are goneJust catch the breezeYou know it had to fallRain, washes, ways downAnd I, I want the world to passAnd I, I watch the wind to flyYou can believe in everythingYou can believe it allHey, are you feeling something newJust watch the rain, it helps in all you doThe breeze, it blows, it blows everythingAnd I, I want the world to passAnd I, I want the sun to shineYou can believe in everythingYou can believe it allSlowdive-Cath the BreezeNamastéValentina

Scritto il 19 giugno 2010 at 16:18

Ecco dove volano i gabbiani…http://www.youtube.com/watch?v=uVY9p1IHops&feature=player_embedded#!Feels like all the days are goneJust catch the breezeYou know it had to fallRain, washes, ways downAnd I, I want the world to passAnd I, I watch the wind to flyYou can believe in everythingYou can believe it allHey, are you feeling something newJust watch the rain, it helps in all you doThe breeze, it blows, it blows everythingAnd I, I want the world to passAnd I, I want the sun to shineYou can believe in everythingYou can believe it allSlowdive-Cath the BreezeNamastéValentina

Scritto il 19 giugno 2010 at 16:18

Ecco dove volano i gabbiani…http://www.youtube.com/watch?v=uVY9p1IHops&feature=player_embedded#!Feels like all the days are goneJust catch the breezeYou know it had to fallRain, washes, ways downAnd I, I want the world to passAnd I, I watch the wind to flyYou can believe in everythingYou can believe it allHey, are you feeling something newJust watch the rain, it helps in all you doThe breeze, it blows, it blows everythingAnd I, I want the world to passAnd I, I want the sun to shineYou can believe in everythingYou can believe it allSlowdive-Cath the BreezeNamastéValentina

Scritto il 19 giugno 2010 at 16:18

Ecco dove volano i gabbiani…http://www.youtube.com/watch?v=uVY9p1IHops&feature=player_embedded#!Feels like all the days are goneJust catch the breezeYou know it had to fallRain, washes, ways downAnd I, I want the world to passAnd I, I watch the wind to flyYou can believe in everythingYou can believe it allHey, are you feeling something newJust watch the rain, it helps in all you doThe breeze, it blows, it blows everythingAnd I, I want the world to passAnd I, I want the sun to shineYou can believe in everythingYou can believe it allSlowdive-Cath the BreezeNamastéValentina

utente anonimo
Scritto il 19 giugno 2010 at 18:16

Caro Andrea,bel post, ma visto che non tratta di mercati e mi aspetto pochi post mi prendo un commento chilometrico con il tuo permesso !Non mi piace dire che le ideologie siano morte, sarebbe come dire che le idee siano estinte, il capitalismo e' anch'esso un' ideologia, non dimentichiamolo, le idee sono importantissime per lo sviluppo umano.Non credo pero' che si possa arrivare al concetto di capitalismo responsabile, mi spiace ma credo che la politica (democraticamente eletta) debba avere la meglio sul mercato, che oggi non e' eletto da nessuno, anzi sempre piu' arrogante ed autoreferenziale, il capitalismo da se non e' capace di autoregolarsi…lo abbiamo visto qualche anno fa. Fintanto che il capitalismo al massimo livello si accorda con la politica per ottenere posizioni di monopolio (come diceva Braudel) allora e' chiaro che l' egoismo monopolista non porti altro che miseria ai cittadini !La storia, a mio avviso fino ad oggi e' stata sempre a senso unico nel non demonizzare alcuni aspetti estremi del capitalismo, dimenticandoli o giustificandoli.Chi si ricorda la prima guerra dell' oppio tra UK e Cina ? Chi sa che il vero motivo della guerra era quello di piegare la Cina che al tempo aveva messo fuori legge proprio l' oppio inportato dalla Compagnia delle Indie in Cina con i cui proventi si riusciva a ribilanciare l'enorme deficit commerciale UK ! Si avete capito bene si voleva una droga come l' oppio legale !O chi si ricorda dell' alcool dato a inizio secolo ai fanciulli per bloccare la crescita ed utilizzare meglio la loro statura come spazzacamini o minatori!Parlando del Papa, vi ricordo anche CARITAS in VERITATE che menziona che quello che e' necessario e' Verita' e Giustizia oltre ovviamente alla carita ! Occorre VERITA' quante volte ci giriamo dall' altra parte o distorgiamo la verita' a nosto piacimento, questo e' il punto da cui partire e non bisogna aver paura a stare dalla parte della VERITA' senza se e senza ma. Chissa' se l'uomo aprira' gli occhi il cuore e la mente per andare oltre alla melma attuale dove, con rammarico la gente fa la coda e s'indebita per il superfluo abbandonando magari i veri tesori che sono quelli cui amiamo…investite nel capitale umano della vostra famiglia…le cedole vi saranno sempre e molto ricche di affetto e sentimenti !SalutiMassimo

utente anonimo
Scritto il 19 giugno 2010 at 18:43

come funziona la mente ? come funziona l'uomo ? quali sono i suoi valori e le sue credenze?  come funziona la massa critica ??dal cilindro un comunicatore ha tiirato  fuori la rivalutazione dello JUANcu cu

utente anonimo
Scritto il 19 giugno 2010 at 21:14

rivalutazione di che …..del cucu beati voi che credete alle leggende metropolitane

Scritto il 19 giugno 2010 at 22:57

Buona seraBello e condivisibile l'articolo del Capitano Andrea, ma………..voglio linkare dei video al riguardo. L' essere umano e la "società" è quello che è, per cambiarlo servirà del tempo, forse molto tempo, più di quello che noi possiamo immaginare:http://www.youtube.com/watch?v=KbidLa2JbVA&feature=relatedhttp://www.youtube.com/watch?v=5YANjIKfNEoVorrei anche rispondere all' Anonimo che chiedeva dove sono spariti i Gabbiani, probabilmente si sono o stanno per estinguersi, come nel passato si sono estinte migliaia di specie viventi in  questo insignificante terzo pianeta del sistema Solare e come in futuro ne spariranno…………degli altri.SD

Scritto il 19 giugno 2010 at 22:57

Buona seraBello e condivisibile l'articolo del Capitano Andrea, ma………..voglio linkare dei video al riguardo. L' essere umano e la "società" è quello che è, per cambiarlo servirà del tempo, forse molto tempo, più di quello che noi possiamo immaginare:http://www.youtube.com/watch?v=KbidLa2JbVA&feature=relatedhttp://www.youtube.com/watch?v=5YANjIKfNEoVorrei anche rispondere all' Anonimo che chiedeva dove sono spariti i Gabbiani, probabilmente si sono o stanno per estinguersi, come nel passato si sono estinte migliaia di specie viventi in  questo insignificante terzo pianeta del sistema Solare e come in futuro ne spariranno…………degli altri.SD

Scritto il 19 giugno 2010 at 22:57

Buona seraBello e condivisibile l'articolo del Capitano Andrea, ma………..voglio linkare dei video al riguardo. L' essere umano e la "società" è quello che è, per cambiarlo servirà del tempo, forse molto tempo, più di quello che noi possiamo immaginare:http://www.youtube.com/watch?v=KbidLa2JbVA&feature=relatedhttp://www.youtube.com/watch?v=5YANjIKfNEoVorrei anche rispondere all' Anonimo che chiedeva dove sono spariti i Gabbiani, probabilmente si sono o stanno per estinguersi, come nel passato si sono estinte migliaia di specie viventi in  questo insignificante terzo pianeta del sistema Solare e come in futuro ne spariranno…………degli altri.SD

Scritto il 19 giugno 2010 at 22:57

Buona seraBello e condivisibile l'articolo del Capitano Andrea, ma………..voglio linkare dei video al riguardo. L' essere umano e la "società" è quello che è, per cambiarlo servirà del tempo, forse molto tempo, più di quello che noi possiamo immaginare:http://www.youtube.com/watch?v=KbidLa2JbVA&feature=relatedhttp://www.youtube.com/watch?v=5YANjIKfNEoVorrei anche rispondere all' Anonimo che chiedeva dove sono spariti i Gabbiani, probabilmente si sono o stanno per estinguersi, come nel passato si sono estinte migliaia di specie viventi in  questo insignificante terzo pianeta del sistema Solare e come in futuro ne spariranno…………degli altri.SD

utente anonimo
Scritto il 20 giugno 2010 at 07:26

la soluzione a gran parte dei problemi si ottiene lavorando tutti per far raggiungere velocemente LA MASSA CRITICA. uno dei veri poteri è il vero potere e la vera capacita che hanno i media e i comunicatoriper quanto attiene i gabbiani  non si vedono morti da nessuna parte,  quindi, ritengo abbiano cambiato Aria,   perchè ? fiutano qualcosa ?lo JUAN  è la moneta cinese e la sua rivalutazione non è poca cosa. resta il fatto che io prendo 1.200  euro   che vale la metà  di quello che prendevo25 anni fà e mi avvio velocemente alla fame.L'ignorante

utente anonimo
Scritto il 20 giugno 2010 at 08:12

Ma perchè confondi sempre causa con effetti:"La finanza ha sequestrato la democrazia": e' esattamente il contrario.E' il sistema democratico-sociale che è ed ha fallito.E' la stessa cosa di chi (BANCHIERI CENTRALI) da sempre parla di inflazione come aumento dei prezzi, cioè confondono ad arte causa con effetto (inflazione=aumento di moneta).Se vai avanti così ha ragione chi diceva che sei emissario di GS e fai parte del truffone ordito ai nostri danni

Scritto il 20 giugno 2010 at 08:34

@7 E’ la tua ideologia che ti fa vedere orizzonti che non esistono….giocare con le parole per distruggere la realtà o quello che non vuoi assolutamente vedere il che presuppone questo si chissà quali scopi. Ma Internet serve anche per questo per insinuare la cultura del sospetto…..Andrea

Scritto il 20 giugno 2010 at 08:38

"Faccia  a faccia"L'uomo è sempre più di fronte alle proprie creazioni come di fronte a se stesso (http://www.fondazionebassetti.org/it/pagine/2008/06/faccia_a_faccia.html )«una sola cosa comprendo: che sta per morirel'idea d'uomo che compare nei grandi mattini»[Pier Paolo Pasolini, Nuova poesia in forma di rosa]…La mano dell'uomo vivente è troppo impigliata nei fili dell'oggi e dell'ieri,è troppo ricolma di vita e di plasma di vita!Non potrà mai la mano dell'uomo mondarsiper il tranquillo pianto del proprio fratello!E dunque, soltanto una mano di angelo biancodalle lontane radici nutrite d'eterno e d'immensopotrebbe filtrare serena le confessioni dell'uomosenza vibrarne sul fondo in un cenno di viva ripulsa.(Alda Merini)Valentina 

Scritto il 20 giugno 2010 at 08:38

"Faccia  a faccia"L'uomo è sempre più di fronte alle proprie creazioni come di fronte a se stesso (http://www.fondazionebassetti.org/it/pagine/2008/06/faccia_a_faccia.html )«una sola cosa comprendo: che sta per morirel'idea d'uomo che compare nei grandi mattini»[Pier Paolo Pasolini, Nuova poesia in forma di rosa]…La mano dell'uomo vivente è troppo impigliata nei fili dell'oggi e dell'ieri,è troppo ricolma di vita e di plasma di vita!Non potrà mai la mano dell'uomo mondarsiper il tranquillo pianto del proprio fratello!E dunque, soltanto una mano di angelo biancodalle lontane radici nutrite d'eterno e d'immensopotrebbe filtrare serena le confessioni dell'uomosenza vibrarne sul fondo in un cenno di viva ripulsa.(Alda Merini)Valentina 

Scritto il 20 giugno 2010 at 08:38

"Faccia  a faccia"L'uomo è sempre più di fronte alle proprie creazioni come di fronte a se stesso (http://www.fondazionebassetti.org/it/pagine/2008/06/faccia_a_faccia.html )«una sola cosa comprendo: che sta per morirel'idea d'uomo che compare nei grandi mattini»[Pier Paolo Pasolini, Nuova poesia in forma di rosa]…La mano dell'uomo vivente è troppo impigliata nei fili dell'oggi e dell'ieri,è troppo ricolma di vita e di plasma di vita!Non potrà mai la mano dell'uomo mondarsiper il tranquillo pianto del proprio fratello!E dunque, soltanto una mano di angelo biancodalle lontane radici nutrite d'eterno e d'immensopotrebbe filtrare serena le confessioni dell'uomosenza vibrarne sul fondo in un cenno di viva ripulsa.(Alda Merini)Valentina 

Scritto il 20 giugno 2010 at 08:38

"Faccia  a faccia"L'uomo è sempre più di fronte alle proprie creazioni come di fronte a se stesso (http://www.fondazionebassetti.org/it/pagine/2008/06/faccia_a_faccia.html )«una sola cosa comprendo: che sta per morirel'idea d'uomo che compare nei grandi mattini»[Pier Paolo Pasolini, Nuova poesia in forma di rosa]…La mano dell'uomo vivente è troppo impigliata nei fili dell'oggi e dell'ieri,è troppo ricolma di vita e di plasma di vita!Non potrà mai la mano dell'uomo mondarsiper il tranquillo pianto del proprio fratello!E dunque, soltanto una mano di angelo biancodalle lontane radici nutrite d'eterno e d'immensopotrebbe filtrare serena le confessioni dell'uomosenza vibrarne sul fondo in un cenno di viva ripulsa.(Alda Merini)Valentina 

utente anonimo
Scritto il 20 giugno 2010 at 08:41

Molti soggetti delle comunità virtuali, non potendo disporre di interazioni empatiche o intuitive, sviluppano la comunicazione con l’altro come un proseguimento della realtà dell’ego, caratterizzata da aspettative di tipo egoico, ossia che l’altro debba essere, quanto più possibile, simile a loro stessi. In tal modo, il senso di gruppo si trasforma in un reciproco riconoscimento dell’ego, che soffoca le differenze e produce radicalità di opinioni. Non saranno dunque la tolleranza o la capacità di imparare dall’altro a guidare i rapporti, ma la ricerca di conferme della propria identità, e la rivendicazione della differenza rispetto ad altri gruppi considerati inadeguati

L'ignorante

utente anonimo
Scritto il 20 giugno 2010 at 08:56

La verità è che Internet non ha di per sé il potere di cambiare nessuno, perché il cambiamento richiede lavoro su se stessi e un alto livello di consapevolezza, che non sono facili da avere.

Dunque, la “socializzazione” su Internet, molto spesso si risolve nel rafforzare il temperamento emotivo delle persone, amplificandolo. Ciò non può avvenire in quei canali sociali non virtuali, in cui ognuno è presente fisicamente e stabilisce un rapporto reale con l’altro, dovendo assumersi le responsabilità di tutto ciò che fa e dice.La società “massificata” è una società rabbiosa, ingannata e indotta a sentirsi impotente. La rete, essendo priva degli aspetti empatici  della comunicazione, può amplificare le esigenze emotive, creando una “socializzazione” disarmonica, troppo carica emotivamente, in cui non si approda a nulla.  che ne pensate ?   L'ignorante

utente anonimo
Scritto il 20 giugno 2010 at 09:17

Montecristo:Cosa  ne  pensate  di   questa  libera  fluttuazione  dello yuan?quali effetti   potrà avere   sui  mercati  questa  notizia?

Scritto il 20 giugno 2010 at 09:44

Certamente caro compagno di viaggio, ed è per questo che molti di noi da tempo hanno deciso di attraccare in porto ed hanno preferito una stretta di mano, uno sguardo un sorriso,un volto corrugato…Ma siano molto…molto meno ingenui, o almeno voglio crederlo, di quanto possa sembrare…poi ciascuno di noi è cio che è, che pensa di essere, ma soprattutto ha la forza di essere…nulla propio nella da eccepire:…"il cambiamento richiede lavoro su se stessi e un alto livello di consapevolezza, che non sono facili da avere…"certamente un grande infinito, profondo estenuante lavoro,non facile, ma non impossibile…RICORDATE LE PAROLE DI OSHO CITATE DA SD, NON DIMENTICATELE:MI PIACCIONO TROPPO, LE SENTO MIE…Fa male dimenticarsi di sé e vivere seguendo un copione scritto da altri. Ricordati di te!… e di quel senso di verità che trovi solo nel tuo cuore.Districarti nell’intenso groviglio di emozioni nate dall’aver smarrito te stesso nella folla, non dovrebbe essere troppo difficile.Se smetti di pensare e cominci invece a camminare, il tuo fardello si alleggerisce e inizi a intuire il tuo percorso, a scoprire una tua “visione”.Se pensi alla strada che devi percorrere ti trovi tremendamente a disagio e la vita diventa troppo complicata.E l’amore non può esistere come monologo; è un dialogo, un dialogo pieno di armonia.Milioni di persone soffrono: vogliono essere amate ma non sanno come amare.e….e certamente non è un dialogo virtualee ancora…La maggioranza è formata da sciocchi , da veri sciocchi.Guardati dalla maggioranza.Se tante persone seguono qualcosa, è prova sufficiente che è una cosa sbagliata.LA VERITA' ACCADE AGLI INDIVIDUI NON ALLE MASSENon c'è niente di vago e indefinito nella tua intensità e nella tua  passione nel momento in cui smetti di andare a destra e a sinistra e ti impegni direttamente.LA CONSAPEVOLEZZA è LA TUA STESSA NATURA: PUOI DIMENTICARLA, MA NON PUOI PERDERLA.NON PUò ESSERE RUBATA!QUALUNQUE COSA  distrugga la liberta' non è amore, deve trattarsi d'altro…in fondo …qualunque cosa accada…cosa rimane?: come scrive Andrea, L'uomo con la sua "anima", con le sue luci e le sue ombre, anche se spesso sono più ombre che luci…tutto quiVi lascio con una canzone della Grande Gianna!http://video.libero.it/app/play?id=28bf3cd64d2ffe1d8fdf71e332fa4063POSSIAMO SEMPRE(Gianna Nannini)in fondo…diciamo, anche se in modi e forme diverse,  tutti le stesse cose e soprattutto necessitiamo tutti delle stesse cose… certamente non di sterili monologhi!Valentina

Scritto il 20 giugno 2010 at 09:44

Certamente caro compagno di viaggio, ed è per questo che molti di noi da tempo hanno deciso di attraccare in porto ed hanno preferito una stretta di mano, uno sguardo un sorriso,un volto corrugato…Ma siano molto…molto meno ingenui, o almeno voglio crederlo, di quanto possa sembrare…poi ciascuno di noi è cio che è, che pensa di essere, ma soprattutto ha la forza di essere…nulla propio nella da eccepire:…"il cambiamento richiede lavoro su se stessi e un alto livello di consapevolezza, che non sono facili da avere…"certamente un grande infinito, profondo estenuante lavoro,non facile, ma non impossibile…RICORDATE LE PAROLE DI OSHO CITATE DA SD, NON DIMENTICATELE:MI PIACCIONO TROPPO, LE SENTO MIE…Fa male dimenticarsi di sé e vivere seguendo un copione scritto da altri. Ricordati di te!… e di quel senso di verità che trovi solo nel tuo cuore.Districarti nell’intenso groviglio di emozioni nate dall’aver smarrito te stesso nella folla, non dovrebbe essere troppo difficile.Se smetti di pensare e cominci invece a camminare, il tuo fardello si alleggerisce e inizi a intuire il tuo percorso, a scoprire una tua “visione”.Se pensi alla strada che devi percorrere ti trovi tremendamente a disagio e la vita diventa troppo complicata.E l’amore non può esistere come monologo; è un dialogo, un dialogo pieno di armonia.Milioni di persone soffrono: vogliono essere amate ma non sanno come amare.e….e certamente non è un dialogo virtualee ancora…La maggioranza è formata da sciocchi , da veri sciocchi.Guardati dalla maggioranza.Se tante persone seguono qualcosa, è prova sufficiente che è una cosa sbagliata.LA VERITA' ACCADE AGLI INDIVIDUI NON ALLE MASSENon c'è niente di vago e indefinito nella tua intensità e nella tua  passione nel momento in cui smetti di andare a destra e a sinistra e ti impegni direttamente.LA CONSAPEVOLEZZA è LA TUA STESSA NATURA: PUOI DIMENTICARLA, MA NON PUOI PERDERLA.NON PUò ESSERE RUBATA!QUALUNQUE COSA  distrugga la liberta' non è amore, deve trattarsi d'altro…in fondo …qualunque cosa accada…cosa rimane?: come scrive Andrea, L'uomo con la sua "anima", con le sue luci e le sue ombre, anche se spesso sono più ombre che luci…tutto quiVi lascio con una canzone della Grande Gianna!http://video.libero.it/app/play?id=28bf3cd64d2ffe1d8fdf71e332fa4063POSSIAMO SEMPRE(Gianna Nannini)in fondo…diciamo, anche se in modi e forme diverse,  tutti le stesse cose e soprattutto necessitiamo tutti delle stesse cose… certamente non di sterili monologhi!Valentina

Scritto il 20 giugno 2010 at 09:44

Certamente caro compagno di viaggio, ed è per questo che molti di noi da tempo hanno deciso di attraccare in porto ed hanno preferito una stretta di mano, uno sguardo un sorriso,un volto corrugato…Ma siano molto…molto meno ingenui, o almeno voglio crederlo, di quanto possa sembrare…poi ciascuno di noi è cio che è, che pensa di essere, ma soprattutto ha la forza di essere…nulla propio nella da eccepire:…"il cambiamento richiede lavoro su se stessi e un alto livello di consapevolezza, che non sono facili da avere…"certamente un grande infinito, profondo estenuante lavoro,non facile, ma non impossibile…RICORDATE LE PAROLE DI OSHO CITATE DA SD, NON DIMENTICATELE:MI PIACCIONO TROPPO, LE SENTO MIE…Fa male dimenticarsi di sé e vivere seguendo un copione scritto da altri. Ricordati di te!… e di quel senso di verità che trovi solo nel tuo cuore.Districarti nell’intenso groviglio di emozioni nate dall’aver smarrito te stesso nella folla, non dovrebbe essere troppo difficile.Se smetti di pensare e cominci invece a camminare, il tuo fardello si alleggerisce e inizi a intuire il tuo percorso, a scoprire una tua “visione”.Se pensi alla strada che devi percorrere ti trovi tremendamente a disagio e la vita diventa troppo complicata.E l’amore non può esistere come monologo; è un dialogo, un dialogo pieno di armonia.Milioni di persone soffrono: vogliono essere amate ma non sanno come amare.e….e certamente non è un dialogo virtualee ancora…La maggioranza è formata da sciocchi , da veri sciocchi.Guardati dalla maggioranza.Se tante persone seguono qualcosa, è prova sufficiente che è una cosa sbagliata.LA VERITA' ACCADE AGLI INDIVIDUI NON ALLE MASSENon c'è niente di vago e indefinito nella tua intensità e nella tua  passione nel momento in cui smetti di andare a destra e a sinistra e ti impegni direttamente.LA CONSAPEVOLEZZA è LA TUA STESSA NATURA: PUOI DIMENTICARLA, MA NON PUOI PERDERLA.NON PUò ESSERE RUBATA!QUALUNQUE COSA  distrugga la liberta' non è amore, deve trattarsi d'altro…in fondo …qualunque cosa accada…cosa rimane?: come scrive Andrea, L'uomo con la sua "anima", con le sue luci e le sue ombre, anche se spesso sono più ombre che luci…tutto quiVi lascio con una canzone della Grande Gianna!http://video.libero.it/app/play?id=28bf3cd64d2ffe1d8fdf71e332fa4063POSSIAMO SEMPRE(Gianna Nannini)in fondo…diciamo, anche se in modi e forme diverse,  tutti le stesse cose e soprattutto necessitiamo tutti delle stesse cose… certamente non di sterili monologhi!Valentina

Scritto il 20 giugno 2010 at 09:44

Certamente caro compagno di viaggio, ed è per questo che molti di noi da tempo hanno deciso di attraccare in porto ed hanno preferito una stretta di mano, uno sguardo un sorriso,un volto corrugato…Ma siano molto…molto meno ingenui, o almeno voglio crederlo, di quanto possa sembrare…poi ciascuno di noi è cio che è, che pensa di essere, ma soprattutto ha la forza di essere…nulla propio nella da eccepire:…"il cambiamento richiede lavoro su se stessi e un alto livello di consapevolezza, che non sono facili da avere…"certamente un grande infinito, profondo estenuante lavoro,non facile, ma non impossibile…RICORDATE LE PAROLE DI OSHO CITATE DA SD, NON DIMENTICATELE:MI PIACCIONO TROPPO, LE SENTO MIE…Fa male dimenticarsi di sé e vivere seguendo un copione scritto da altri. Ricordati di te!… e di quel senso di verità che trovi solo nel tuo cuore.Districarti nell’intenso groviglio di emozioni nate dall’aver smarrito te stesso nella folla, non dovrebbe essere troppo difficile.Se smetti di pensare e cominci invece a camminare, il tuo fardello si alleggerisce e inizi a intuire il tuo percorso, a scoprire una tua “visione”.Se pensi alla strada che devi percorrere ti trovi tremendamente a disagio e la vita diventa troppo complicata.E l’amore non può esistere come monologo; è un dialogo, un dialogo pieno di armonia.Milioni di persone soffrono: vogliono essere amate ma non sanno come amare.e….e certamente non è un dialogo virtualee ancora…La maggioranza è formata da sciocchi , da veri sciocchi.Guardati dalla maggioranza.Se tante persone seguono qualcosa, è prova sufficiente che è una cosa sbagliata.LA VERITA' ACCADE AGLI INDIVIDUI NON ALLE MASSENon c'è niente di vago e indefinito nella tua intensità e nella tua  passione nel momento in cui smetti di andare a destra e a sinistra e ti impegni direttamente.LA CONSAPEVOLEZZA è LA TUA STESSA NATURA: PUOI DIMENTICARLA, MA NON PUOI PERDERLA.NON PUò ESSERE RUBATA!QUALUNQUE COSA  distrugga la liberta' non è amore, deve trattarsi d'altro…in fondo …qualunque cosa accada…cosa rimane?: come scrive Andrea, L'uomo con la sua "anima", con le sue luci e le sue ombre, anche se spesso sono più ombre che luci…tutto quiVi lascio con una canzone della Grande Gianna!http://video.libero.it/app/play?id=28bf3cd64d2ffe1d8fdf71e332fa4063POSSIAMO SEMPRE(Gianna Nannini)in fondo…diciamo, anche se in modi e forme diverse,  tutti le stesse cose e soprattutto necessitiamo tutti delle stesse cose… certamente non di sterili monologhi!Valentina

utente anonimo
Scritto il 20 giugno 2010 at 11:04

Per #12 Montecristo…a me questa notizia pare veramente una forzatura creata ad arte di qualche SPIN DOCTOR per far vedere che la Casa Bianca sta facendo qualcosa.Hanno strappato un vago…si vabbe' faremo qualcosa…come un grande risultato. Ma di fatto senza dire ne' come ne' quando siamo da capo.Un saluto e buona domenica.Massimo

utente anonimo
Scritto il 20 giugno 2010 at 11:29

quante sono le api rimaste ?  quanti sono insetti rimasti ?  quanti sono i gabbiani rimasti ?

Scritto il 20 giugno 2010 at 11:46

L'ho già detto ieri ma lo ripeto : sopra casa mia a Viareggio è pieno di gabbiani che strillano come dannati, abito a meno di un chilometro dal mare e ce ne sono frotte che si inseguono urlando. Altrimenti passa davvero la leggenda metropolitana che stanno sparendo i gabbiani. Il problema maggiore è che mi svegliano verso le 5 del mattino quando danno il massimo di sé.

utente anonimo
Scritto il 20 giugno 2010 at 12:22

Montecristo:Per   RaffaeleE  meno  male   che  vedevi  il  bund  bullisch,io  intanto   segnalavo  un  cigno  nero  sul  bund e  così  sembra  stia  accadendo. 

utente anonimo
Scritto il 20 giugno 2010 at 12:26

tassa sulle banche al prossimo G 20 :  colerà  a picco  senza nemmeno che venga discussa la cosa.debito pubblico e banche centrali problema irrisolvibile n. !

Scritto il 20 giugno 2010 at 12:45

Valentina #13 anche a mè ogni tanto piace rileggere la citazione di Osho ed in particolare quando scrive che "La Verità accade agli individui e non alle masse"  .Anche quello che scrive L' Ignorante #10 e #11 è condivisibile, certamente la comunicazione su Internet è impersonale, ognuno è "isolato" nel proprio piccolo mondo ed a volte sembra di parlare con una macchina e non con delle persone reali. Ma anche con i sui limiti è sempre meglio della TV o di altri tipi di media, almeno una persona ha una piccola possibilità di interagire. In fondo questo è Internet……….nel bene e nel male dobbiamo accettarlo per i suoi limiti tecnologici.Poi a volte, come ha fatto Icebergfinanza (ed anche altri siti) può capitare che gli utenti riescano ad incontrarsi per conoscersi di persona; secondo la mia umile opinione credo che questo sia già molto, riuscire a far incontrare delle persone che probabilmente non si sarebbero mai nè conosciute e neanche lontanamente "parlate" hehehehe.Un saluto e Namastè ValentinaSDPS: a proposito dello Yuan Cinese, che problema c'è….intanto ne "stampano" quanti ne vogliono…..e senza pagare la "tangente" a nessuno  hihihihi

Scritto il 20 giugno 2010 at 14:13

Namasté SD…per chi non lo conoscesse, è un grande saluto…che vuol dire, molto più di ciò che sembra…dovremmo impare a farci contagiare, dopo averle comprese, dal meglio di altre culture, perchè ciascuno  ha qualcosa di migliore, ed a nostra volta contagiare con il nostro….di meglio…internet, non mi stancherò mai di dirlo, e sinceramente non mi interessa con che scopi sia nato, è l'uso che se ne fa e che ne sappiamo e vogliamo fare…dipende sempre se vuoi metterti in gioco o no, se vuoi vivere superficialmente le cose,per chi interagisce seriamente, e penso che tanti, se siamo qui lo stiamo facendo, è uno sforzo ulteriore…un impegno a dare il giusto peso alle parole,oltre l'apparenza, oltre a volte le parole stesse,per far percepire appunto, quella modulazione di voce e di toni, quell'espressione che non si vede, ma c'è!Ritrovare il senso delle parole e dei contenuti, senza rimanerne però eccessivamente intrappolati…io la vedo coì…nulla di semplice e scontato in tutto ciò…Ci sono frasi, molto belle e intense, che il Capitano ha seminato lungo il viaggio e che conservo, come la citazione di OSHO, perchè non voglio dimenticare, e questo anche e soprattutto grazie ad internet..Il Capitano scrive:Nessuno può uccidere l'anima delle Vostre idee, delle Vostre certezze, delle Vostre speranze, nessuno può uccidere la Vostra essenza, ne questo sistema,  (ne inernet, aggiungo) ne le sue illusioni.Nessuno, solo Voi, solo Voi, potete uccidere quello in ciò che credete, i vostri valori!avete capito bene? solo Voi/noi….e..un'altra citazione che amo:"Abbiamo imparato un pò troppo tardi  che l'origine dell'azione non è il pensiero ma la disponibilità alla responsabilità". Dietrich BonhoefferPartendo anche da qui, disponibilità alla responsabilità,  che qui si manifesta con ciò che diciamo e come lo diciamo, e come, anche qui, ci poniamo con gli altri, io non sto fingendo o prendendovi in giro e Voi?e prosegue…"O siamo in grado di contagiare gli altri attraverso la testimonianza (aggiungo testimonianza che si manifesta anche e attraverso internet) e il cambiamento che nasce dal nostro stile di vita o non abbiamo alcuna speranza di cambiare nulla…"reale e "virtuale" si compenetrano e contagiano a vicenda fino a raggiungere un'armonia reciproca…ma…c'è sempre un ma…si può scegliere se e come farlo…se e come!Namasté(è un grande saluto di speranza)Valentinap.s. att.ne i fantasmi peggiori sono nascosti nella nostra mente e nel nostro cuore…si caro Francia…ci vuole coraggio anche credere in se stessi…combatti contro il tuo male e combatterai contro il male del mondo, non è una semplice affermazione retorica, è un impegno quotidianoperchè…"non c'è vento per le vele del marinaio che non sa dove andare",si può anche perdere la rotta e naufragare, ma prima  o poi arriva il momento che devi sapere dove andare…e soprattutto come…altrimenti..non c'è/non ci sarà mai vento nelle nostre vele!La rotta la si potrà anche perdere un'infinità di volte, l'importante credo che sia ritovarla, proseguendo poi  a vele gonfie…e…possiamo raccondarci un'infinità di cose…ma c'è una sola cosa…solo una, che può gonfiare le vele…solo una!

utente anonimo
Scritto il 20 giugno 2010 at 14:16

signoraggio, debito pubblico, agenzie di reting, preti pedifili, sindacati corrotti, contratti collettivi addio,  trattato di lisbona , politici corrotti, scie chimiche,  armi  che modificano la ionofera,solo per fare qualche esempio.   ma le stiamo scoprendo queste coseo hanno pianficato di farcele scoprire ?  e in tal caso  chi e perchè ?ora godiamoci la partita

utente anonimo
Scritto il 20 giugno 2010 at 15:52

@8Non  hai risposto e continui a usare parole senza costrutto.Usi la neolingua.

utente anonimo
Scritto il 20 giugno 2010 at 15:54

@8sospetto che diventa certezza

Scritto il 20 giugno 2010 at 19:48

Di solito non dialogo con i fantasmi……in particolarmodo quelli che hanno un sapore d’altro tempi. Andrea

Scritto il 20 giugno 2010 at 23:07

Cina Cina liberalizzare il cambio non cambia niente. Cina senza democrazia non aprirà il mercato ai consumi e ai bisogni del popolo cinese L'apparato, l'oligarchia, il regime permetterà la sola circolazione di prodotti cinesi al 100 per 100. cioè prodotti in Cina da fabbriche cinesi che non lavorano per conto di produttori occidentali e userà il surplus derivante dalla rivalutazione per pagare meno le materie prime non so da dove mi viene questa certezza, ma cercherò di focalizzare i dati che evidentemente per ora ho elaborato a livello inconsciosaluti a tutti

Scritto il 20 giugno 2010 at 23:39

Buona seraSe a qualcuno interessa posto un link ad un articolo economico scritto da una persona che sà sicuramente "fare di conto" (meglio di mè…sicuramente hehehe) : http://economiaincrisi.blogspot.com/2010/06/il-pifferaio-magico.htmlE non venitemi a raccontare che la finanza/economia ha qualcosa a che fare con la matematica o statistica oppure onde…..varie….a meno che non riuscitate a dimostrarmelo matematicamente !!!!!Scalper2 #25 io non conosco molto la Cina, forse qualcosa sull' Oriente in generale!!! ma concordo con il suo post e forse non centra neanche la Democrazia !!!Chissa perchè in Germania si vendono molte Mercedes anche se esistono auto più economiche???SD

Scritto il 20 giugno 2010 at 23:39

Buona seraSe a qualcuno interessa posto un link ad un articolo economico scritto da una persona che sà sicuramente "fare di conto" (meglio di mè…sicuramente hehehe) : http://economiaincrisi.blogspot.com/2010/06/il-pifferaio-magico.htmlE non venitemi a raccontare che la finanza/economia ha qualcosa a che fare con la matematica o statistica oppure onde…..varie….a meno che non riuscitate a dimostrarmelo matematicamente !!!!!Scalper2 #25 io non conosco molto la Cina, forse qualcosa sull' Oriente in generale!!! ma concordo con il suo post e forse non centra neanche la Democrazia !!!Chissa perchè in Germania si vendono molte Mercedes anche se esistono auto più economiche???SD

Scritto il 20 giugno 2010 at 23:39

Buona seraSe a qualcuno interessa posto un link ad un articolo economico scritto da una persona che sà sicuramente "fare di conto" (meglio di mè…sicuramente hehehe) : http://economiaincrisi.blogspot.com/2010/06/il-pifferaio-magico.htmlE non venitemi a raccontare che la finanza/economia ha qualcosa a che fare con la matematica o statistica oppure onde…..varie….a meno che non riuscitate a dimostrarmelo matematicamente !!!!!Scalper2 #25 io non conosco molto la Cina, forse qualcosa sull' Oriente in generale!!! ma concordo con il suo post e forse non centra neanche la Democrazia !!!Chissa perchè in Germania si vendono molte Mercedes anche se esistono auto più economiche???SD

Scritto il 20 giugno 2010 at 23:39

Buona seraSe a qualcuno interessa posto un link ad un articolo economico scritto da una persona che sà sicuramente "fare di conto" (meglio di mè…sicuramente hehehe) : http://economiaincrisi.blogspot.com/2010/06/il-pifferaio-magico.htmlE non venitemi a raccontare che la finanza/economia ha qualcosa a che fare con la matematica o statistica oppure onde…..varie….a meno che non riuscitate a dimostrarmelo matematicamente !!!!!Scalper2 #25 io non conosco molto la Cina, forse qualcosa sull' Oriente in generale!!! ma concordo con il suo post e forse non centra neanche la Democrazia !!!Chissa perchè in Germania si vendono molte Mercedes anche se esistono auto più economiche???SD

utente anonimo
Scritto il 20 giugno 2010 at 23:41

Cosa ne pensate di questo sito che da segnali di trading?C'è da fidarsi secondo voi?http://www.mirrortrading.com

Scritto il 21 giugno 2010 at 01:09

ciao a tutti.  ciao pure alla vale.  anzi, siccome sei una curiosona, vedi trento, ti mando un video x te.  dovresti capire.  vedi mò.http://www.youtube.com/watch?v=rU789_SJ6Is&a=u0kJSp_pTjo&playnext_from=MLpoi altra cosa x te. mi sbaglio o tu hai letto di blondet schiavi delle banche?  se si, perchè non ne discutiamo qui?  siccome ho visto blondet 1 mese fa a verona in conferenza, già che c'ero mi son preso sto libro, con dedica.  bello e interessante.  alcune cose non le sapevo.  un pozzo di notizie utili. alla fine x uscire da questa crisi, antropologica, morale oltre che economica ci sono solo 2 o 3 soluzioni.  e  basta!  usiamo la moneta di gesell o la teoria di auriti.  tutti e due erano x l'uomo vero, non x le macchine  e x il denaro.  in più auriti era un forte cattolico.  e fù lui a scoprire la teoria del valore indotto. e fù lui a coniare la parola che a te piace tanto: la società organica.  che non è altro quella fatta da persone vive e concrete. non le società fittizie.  le famose entità giuridiche.  come fà una fabbrica essere responsabile di sè stessa?  auriti era contro hegel.  un  bene non può godere di se stesso, non può essendo una cosa morta, non vivente.  solo gli umani viventi possono avere e godere della facoltà di appunto godere di un bene.  nel senso di averne beneficio, in maniera consona/appropriata e non egoista e usuraria.  da qui la teoria del valore indotto.  che riconosce pure quella ladrona della bce.   il denaro che la bce (privata)  fà stampare  dalle  sue tipografie private, non costa nulla. solo pochi centesimi.  non è coperta da oro.  il vero valore lo dà il popolo semplicemente accettando queste banconote.  se andate sul sito della bce lo leggerete pure voi.   quindi il denaro è del suo proprietario, cioè di noi popolo.  e quindi perchè  cazzo sta bce di merda mi indebita?  perchè mortadella prodi uomo goldman sachs insieme con darghi e company, leggi napolitano,  ci hanno venduto al nemico?  all'europa dei burocrati e banchieri ladroni usurai? come si è permesso mortadella  di svendere la costituzione italiana?  l'art.  1?  la sovranità è del popolo.  hanno venduto al nemico la sovranità monetaria. art. 105 di maastricht.   leggete anche margrit kennedy, tedesca.  soluzioni:  1) il debito pubblico è una finzione.  il popolo deve rinnegarlo.se  il denaro è mio, e ho un debito con me stesso,  faccio una remissione dei debiti e basta. sennò se lo paghino i politici ladroni che hanno rubato negli ultimi 40 anni. 2) creo una banca pubblica statale.  la banca d'italia, che è privatissima, la riporto sotto controllo statale-  3)  io stato con regole econometriche rigide e serie, stampo il denaro esatto che mi serve x far ripartire il paese. le famose infrastutture.  tipo: ponti, ospedali, autostrade,  acquedotti, insomma tutta roba utile che serve.  osservando però rigidamente la costituzione italiana.  in questo caso articolo che parla della salvaguardia dell'ambiente.  perchè se lasci fare agli  industriali criminali devastano tutto.  a quelli non frega un cazzo di distruggere tutto.  basta che facciano soldi, e basta.  è il loro unico obbiettivo.  leggasi marceglia e company.  per finire potrei citare l'economista nobel, maurice allais.  un altro grande.  anche a lui cercarono di tappare la bocca. quindi dovete decire alla svelta.  o desidersate finire come il terzo mondo o vi date una mossa. e dovete combattere prima di tutto il nemico che è in voi.  cioè la vostra avidità e ingordigia.  finchè non vi togliete dalla testa il concetto (falso) dell'interesse, nessuno si salverà dalla catastrofe.  come dice blondet: il miraggio degli interessi, e in generale dei profitti finanziari, è la carota che il sistema bancario fa dondolare davanti agli occhi dell'asino umano, perchè continui a tirare la carretta.    bene  x ora basta.  notte a tutti.  DORF 

Scritto il 21 giugno 2010 at 01:09

ciao a tutti.  ciao pure alla vale.  anzi, siccome sei una curiosona, vedi trento, ti mando un video x te.  dovresti capire.  vedi mò.http://www.youtube.com/watch?v=rU789_SJ6Is&a=u0kJSp_pTjo&playnext_from=MLpoi altra cosa x te. mi sbaglio o tu hai letto di blondet schiavi delle banche?  se si, perchè non ne discutiamo qui?  siccome ho visto blondet 1 mese fa a verona in conferenza, già che c'ero mi son preso sto libro, con dedica.  bello e interessante.  alcune cose non le sapevo.  un pozzo di notizie utili. alla fine x uscire da questa crisi, antropologica, morale oltre che economica ci sono solo 2 o 3 soluzioni.  e  basta!  usiamo la moneta di gesell o la teoria di auriti.  tutti e due erano x l'uomo vero, non x le macchine  e x il denaro.  in più auriti era un forte cattolico.  e fù lui a scoprire la teoria del valore indotto. e fù lui a coniare la parola che a te piace tanto: la società organica.  che non è altro quella fatta da persone vive e concrete. non le società fittizie.  le famose entità giuridiche.  come fà una fabbrica essere responsabile di sè stessa?  auriti era contro hegel.  un  bene non può godere di se stesso, non può essendo una cosa morta, non vivente.  solo gli umani viventi possono avere e godere della facoltà di appunto godere di un bene.  nel senso di averne beneficio, in maniera consona/appropriata e non egoista e usuraria.  da qui la teoria del valore indotto.  che riconosce pure quella ladrona della bce.   il denaro che la bce (privata)  fà stampare  dalle  sue tipografie private, non costa nulla. solo pochi centesimi.  non è coperta da oro.  il vero valore lo dà il popolo semplicemente accettando queste banconote.  se andate sul sito della bce lo leggerete pure voi.   quindi il denaro è del suo proprietario, cioè di noi popolo.  e quindi perchè  cazzo sta bce di merda mi indebita?  perchè mortadella prodi uomo goldman sachs insieme con darghi e company, leggi napolitano,  ci hanno venduto al nemico?  all'europa dei burocrati e banchieri ladroni usurai? come si è permesso mortadella  di svendere la costituzione italiana?  l'art.  1?  la sovranità è del popolo.  hanno venduto al nemico la sovranità monetaria. art. 105 di maastricht.   leggete anche margrit kennedy, tedesca.  soluzioni:  1) il debito pubblico è una finzione.  il popolo deve rinnegarlo.se  il denaro è mio, e ho un debito con me stesso,  faccio una remissione dei debiti e basta. sennò se lo paghino i politici ladroni che hanno rubato negli ultimi 40 anni. 2) creo una banca pubblica statale.  la banca d'italia, che è privatissima, la riporto sotto controllo statale-  3)  io stato con regole econometriche rigide e serie, stampo il denaro esatto che mi serve x far ripartire il paese. le famose infrastutture.  tipo: ponti, ospedali, autostrade,  acquedotti, insomma tutta roba utile che serve.  osservando però rigidamente la costituzione italiana.  in questo caso articolo che parla della salvaguardia dell'ambiente.  perchè se lasci fare agli  industriali criminali devastano tutto.  a quelli non frega un cazzo di distruggere tutto.  basta che facciano soldi, e basta.  è il loro unico obbiettivo.  leggasi marceglia e company.  per finire potrei citare l'economista nobel, maurice allais.  un altro grande.  anche a lui cercarono di tappare la bocca. quindi dovete decire alla svelta.  o desidersate finire come il terzo mondo o vi date una mossa. e dovete combattere prima di tutto il nemico che è in voi.  cioè la vostra avidità e ingordigia.  finchè non vi togliete dalla testa il concetto (falso) dell'interesse, nessuno si salverà dalla catastrofe.  come dice blondet: il miraggio degli interessi, e in generale dei profitti finanziari, è la carota che il sistema bancario fa dondolare davanti agli occhi dell'asino umano, perchè continui a tirare la carretta.    bene  x ora basta.  notte a tutti.  DORF 

Scritto il 21 giugno 2010 at 01:09

ciao a tutti.  ciao pure alla vale.  anzi, siccome sei una curiosona, vedi trento, ti mando un video x te.  dovresti capire.  vedi mò.http://www.youtube.com/watch?v=rU789_SJ6Is&a=u0kJSp_pTjo&playnext_from=MLpoi altra cosa x te. mi sbaglio o tu hai letto di blondet schiavi delle banche?  se si, perchè non ne discutiamo qui?  siccome ho visto blondet 1 mese fa a verona in conferenza, già che c'ero mi son preso sto libro, con dedica.  bello e interessante.  alcune cose non le sapevo.  un pozzo di notizie utili. alla fine x uscire da questa crisi, antropologica, morale oltre che economica ci sono solo 2 o 3 soluzioni.  e  basta!  usiamo la moneta di gesell o la teoria di auriti.  tutti e due erano x l'uomo vero, non x le macchine  e x il denaro.  in più auriti era un forte cattolico.  e fù lui a scoprire la teoria del valore indotto. e fù lui a coniare la parola che a te piace tanto: la società organica.  che non è altro quella fatta da persone vive e concrete. non le società fittizie.  le famose entità giuridiche.  come fà una fabbrica essere responsabile di sè stessa?  auriti era contro hegel.  un  bene non può godere di se stesso, non può essendo una cosa morta, non vivente.  solo gli umani viventi possono avere e godere della facoltà di appunto godere di un bene.  nel senso di averne beneficio, in maniera consona/appropriata e non egoista e usuraria.  da qui la teoria del valore indotto.  che riconosce pure quella ladrona della bce.   il denaro che la bce (privata)  fà stampare  dalle  sue tipografie private, non costa nulla. solo pochi centesimi.  non è coperta da oro.  il vero valore lo dà il popolo semplicemente accettando queste banconote.  se andate sul sito della bce lo leggerete pure voi.   quindi il denaro è del suo proprietario, cioè di noi popolo.  e quindi perchè  cazzo sta bce di merda mi indebita?  perchè mortadella prodi uomo goldman sachs insieme con darghi e company, leggi napolitano,  ci hanno venduto al nemico?  all'europa dei burocrati e banchieri ladroni usurai? come si è permesso mortadella  di svendere la costituzione italiana?  l'art.  1?  la sovranità è del popolo.  hanno venduto al nemico la sovranità monetaria. art. 105 di maastricht.   leggete anche margrit kennedy, tedesca.  soluzioni:  1) il debito pubblico è una finzione.  il popolo deve rinnegarlo.se  il denaro è mio, e ho un debito con me stesso,  faccio una remissione dei debiti e basta. sennò se lo paghino i politici ladroni che hanno rubato negli ultimi 40 anni. 2) creo una banca pubblica statale.  la banca d'italia, che è privatissima, la riporto sotto controllo statale-  3)  io stato con regole econometriche rigide e serie, stampo il denaro esatto che mi serve x far ripartire il paese. le famose infrastutture.  tipo: ponti, ospedali, autostrade,  acquedotti, insomma tutta roba utile che serve.  osservando però rigidamente la costituzione italiana.  in questo caso articolo che parla della salvaguardia dell'ambiente.  perchè se lasci fare agli  industriali criminali devastano tutto.  a quelli non frega un cazzo di distruggere tutto.  basta che facciano soldi, e basta.  è il loro unico obbiettivo.  leggasi marceglia e company.  per finire potrei citare l'economista nobel, maurice allais.  un altro grande.  anche a lui cercarono di tappare la bocca. quindi dovete decire alla svelta.  o desidersate finire come il terzo mondo o vi date una mossa. e dovete combattere prima di tutto il nemico che è in voi.  cioè la vostra avidità e ingordigia.  finchè non vi togliete dalla testa il concetto (falso) dell'interesse, nessuno si salverà dalla catastrofe.  come dice blondet: il miraggio degli interessi, e in generale dei profitti finanziari, è la carota che il sistema bancario fa dondolare davanti agli occhi dell'asino umano, perchè continui a tirare la carretta.    bene  x ora basta.  notte a tutti.  DORF 

Scritto il 21 giugno 2010 at 01:09

ciao a tutti.  ciao pure alla vale.  anzi, siccome sei una curiosona, vedi trento, ti mando un video x te.  dovresti capire.  vedi mò.http://www.youtube.com/watch?v=rU789_SJ6Is&a=u0kJSp_pTjo&playnext_from=MLpoi altra cosa x te. mi sbaglio o tu hai letto di blondet schiavi delle banche?  se si, perchè non ne discutiamo qui?  siccome ho visto blondet 1 mese fa a verona in conferenza, già che c'ero mi son preso sto libro, con dedica.  bello e interessante.  alcune cose non le sapevo.  un pozzo di notizie utili. alla fine x uscire da questa crisi, antropologica, morale oltre che economica ci sono solo 2 o 3 soluzioni.  e  basta!  usiamo la moneta di gesell o la teoria di auriti.  tutti e due erano x l'uomo vero, non x le macchine  e x il denaro.  in più auriti era un forte cattolico.  e fù lui a scoprire la teoria del valore indotto. e fù lui a coniare la parola che a te piace tanto: la società organica.  che non è altro quella fatta da persone vive e concrete. non le società fittizie.  le famose entità giuridiche.  come fà una fabbrica essere responsabile di sè stessa?  auriti era contro hegel.  un  bene non può godere di se stesso, non può essendo una cosa morta, non vivente.  solo gli umani viventi possono avere e godere della facoltà di appunto godere di un bene.  nel senso di averne beneficio, in maniera consona/appropriata e non egoista e usuraria.  da qui la teoria del valore indotto.  che riconosce pure quella ladrona della bce.   il denaro che la bce (privata)  fà stampare  dalle  sue tipografie private, non costa nulla. solo pochi centesimi.  non è coperta da oro.  il vero valore lo dà il popolo semplicemente accettando queste banconote.  se andate sul sito della bce lo leggerete pure voi.   quindi il denaro è del suo proprietario, cioè di noi popolo.  e quindi perchè  cazzo sta bce di merda mi indebita?  perchè mortadella prodi uomo goldman sachs insieme con darghi e company, leggi napolitano,  ci hanno venduto al nemico?  all'europa dei burocrati e banchieri ladroni usurai? come si è permesso mortadella  di svendere la costituzione italiana?  l'art.  1?  la sovranità è del popolo.  hanno venduto al nemico la sovranità monetaria. art. 105 di maastricht.   leggete anche margrit kennedy, tedesca.  soluzioni:  1) il debito pubblico è una finzione.  il popolo deve rinnegarlo.se  il denaro è mio, e ho un debito con me stesso,  faccio una remissione dei debiti e basta. sennò se lo paghino i politici ladroni che hanno rubato negli ultimi 40 anni. 2) creo una banca pubblica statale.  la banca d'italia, che è privatissima, la riporto sotto controllo statale-  3)  io stato con regole econometriche rigide e serie, stampo il denaro esatto che mi serve x far ripartire il paese. le famose infrastutture.  tipo: ponti, ospedali, autostrade,  acquedotti, insomma tutta roba utile che serve.  osservando però rigidamente la costituzione italiana.  in questo caso articolo che parla della salvaguardia dell'ambiente.  perchè se lasci fare agli  industriali criminali devastano tutto.  a quelli non frega un cazzo di distruggere tutto.  basta che facciano soldi, e basta.  è il loro unico obbiettivo.  leggasi marceglia e company.  per finire potrei citare l'economista nobel, maurice allais.  un altro grande.  anche a lui cercarono di tappare la bocca. quindi dovete decire alla svelta.  o desidersate finire come il terzo mondo o vi date una mossa. e dovete combattere prima di tutto il nemico che è in voi.  cioè la vostra avidità e ingordigia.  finchè non vi togliete dalla testa il concetto (falso) dell'interesse, nessuno si salverà dalla catastrofe.  come dice blondet: il miraggio degli interessi, e in generale dei profitti finanziari, è la carota che il sistema bancario fa dondolare davanti agli occhi dell'asino umano, perchè continui a tirare la carretta.    bene  x ora basta.  notte a tutti.  DORF 

Scritto il 21 giugno 2010 at 07:55

Namasté Dorf, dici bene sono proprio una curiosona hihihi,altro che "San Tommaso", non ci credo se non ci" metto il naso e ci sbatto pure la capoccia"!, non ci credo proprio…Grazie per il video, ho capito,hihhihiNo, ho letto altre cose di blondet, ma non ancora quel libro, lo farò presto certamente..ho letto, di stampa alternativa -eretica, dopo banca bassotti, 1° non entrare in banca di( A.G.) e di Gianluigi De Marchi , sempre ed.eretica:Sopra la banca il bancario campa sotto la banca il cliente crepa,…(che ti ho fatto vedere a Trento, ed anche altri dello stesso genere)E' impossibile cambiare le regole…dice Toro seduto, se condividessi questo pensiero non potrei nemmeno alzarmi la mattina, alcune cose, dovranno cambiare, e non mi interessa se passa per una  illusione, non mi esimerò certo dal fare la mia parte…Devono obligatoriamente cambiare, partendo dagli istituti bancari, dal di dentro o dal di fuori, prima o poi cambieranno, "basta metterci sempre a 90°quando entriamo in banca", basta, ma sul serio…E' vero Capitano, io sono il migliore consulente di me stesso, ma allora togliamo i consulenti, è come dire che perchè devo subire un'operazione allora mi opero da solo….ed è anche vero che sono il miglior medico di me stesso…ma ci sono ruoli, competenze e soprattutto responsabilità a ciascuno i propri…Consapevolezza sempre, inequivocabilmente ma è necessario ridefinire , in modo molto chiaro e inequivocabile questi ruoli, competenze e responsabilità…a ciascuno il proprio lavoro e le responsabilità che ne derivano ad ogni livello, ad ogni livello.Facendo poi, quando ci sono e se ci sono, degli esempi e delle realtà virtuose un modello.Buon vento marinai, Buon ventoValentina

Scritto il 21 giugno 2010 at 09:25

SI ANDREA, NON RESTA CHE L’UOMO! MA CHE SIA ONESTO E NON MIRI SOLO AL PROFITTO DEL BREVE TERMINE E SAPPIA GUARDARE PIU’ LONTANO![..] SABATO, 19 GIUGNO 2010 OLTRE LE IDEOLOGIE, NON RESTA CHE L'UOMO! Come più volte sottolineato in questi tre lunghi anni la finanza ha sequestrato la democrazia, la finanza e talvolta l'economia o meglio alcune scuole econ [..]

Scritto il 21 giugno 2010 at 09:25

SI ANDREA, NON RESTA CHE L’UOMO! MA CHE SIA ONESTO E NON MIRI SOLO AL PROFITTO DEL BREVE TERMINE E SAPPIA GUARDARE PIU’ LONTANO![..] SABATO, 19 GIUGNO 2010 OLTRE LE IDEOLOGIE, NON RESTA CHE L'UOMO! Come più volte sottolineato in questi tre lunghi anni la finanza ha sequestrato la democrazia, la finanza e talvolta l'economia o meglio alcune scuole econ [..]

Scritto il 21 giugno 2010 at 09:25

SI ANDREA, NON RESTA CHE L’UOMO! MA CHE SIA ONESTO E NON MIRI SOLO AL PROFITTO DEL BREVE TERMINE E SAPPIA GUARDARE PIU’ LONTANO![..] SABATO, 19 GIUGNO 2010 OLTRE LE IDEOLOGIE, NON RESTA CHE L'UOMO! Come più volte sottolineato in questi tre lunghi anni la finanza ha sequestrato la democrazia, la finanza e talvolta l'economia o meglio alcune scuole econ [..]

Scritto il 21 giugno 2010 at 09:25

SI ANDREA, NON RESTA CHE L’UOMO! MA CHE SIA ONESTO E NON MIRI SOLO AL PROFITTO DEL BREVE TERMINE E SAPPIA GUARDARE PIU’ LONTANO![..] SABATO, 19 GIUGNO 2010 OLTRE LE IDEOLOGIE, NON RESTA CHE L'UOMO! Come più volte sottolineato in questi tre lunghi anni la finanza ha sequestrato la democrazia, la finanza e talvolta l'economia o meglio alcune scuole econ [..]

Scritto il 22 giugno 2010 at 09:15

Mi sn permesso di usufruire di alcune parti del tuo articolo ke trovo veramente fantastike in un mio post del mio progetto. Sxo ke la cosa ti sia gradita e nn aver fatto danno:

OLTRE LE IDEOLOGIE, L’UOMO EDENIANO

Grazie di esistere Grande Capitano :)

Scritto il 22 giugno 2010 at 09:15

Mi sn permesso di usufruire di alcune parti del tuo articolo ke trovo veramente fantastike in un mio post del mio progetto. Sxo ke la cosa ti sia gradita e nn aver fatto danno:

OLTRE LE IDEOLOGIE, L’UOMO EDENIANO

Grazie di esistere Grande Capitano :)

Scritto il 22 giugno 2010 at 09:15

Mi sn permesso di usufruire di alcune parti del tuo articolo ke trovo veramente fantastike in un mio post del mio progetto. Sxo ke la cosa ti sia gradita e nn aver fatto danno:

OLTRE LE IDEOLOGIE, L’UOMO EDENIANO

Grazie di esistere Grande Capitano :)

Scritto il 22 giugno 2010 at 09:15

Mi sn permesso di usufruire di alcune parti del tuo articolo ke trovo veramente fantastike in un mio post del mio progetto. Sxo ke la cosa ti sia gradita e nn aver fatto danno:

OLTRE LE IDEOLOGIE, L’UOMO EDENIANO

Grazie di esistere Grande Capitano :)

Scritto il 30 giugno 2010 at 00:06

dell’economia nella quale nuotiamo, volenti o nolenti, serve capire qualcosa, no?[..] Francuccio Gesualdida qui …In America inneggiano alla spesa, al consumo, al sostegno della crescita, anche il GATTO e la VOLPE, Geithner e Summers, ci dicono che:Uauuuu coloro che hanno provocato questa crisi, oggi ci dicono che tutto ci&ograve [..]

Scritto il 30 giugno 2010 at 00:06

dell’economia nella quale nuotiamo, volenti o nolenti, serve capire qualcosa, no?[..] Francuccio Gesualdida qui …In America inneggiano alla spesa, al consumo, al sostegno della crescita, anche il GATTO e la VOLPE, Geithner e Summers, ci dicono che:Uauuuu coloro che hanno provocato questa crisi, oggi ci dicono che tutto ci&ograve [..]

Scritto il 30 giugno 2010 at 00:06

dell’economia nella quale nuotiamo, volenti o nolenti, serve capire qualcosa, no?[..] Francuccio Gesualdida qui …In America inneggiano alla spesa, al consumo, al sostegno della crescita, anche il GATTO e la VOLPE, Geithner e Summers, ci dicono che:Uauuuu coloro che hanno provocato questa crisi, oggi ci dicono che tutto ci&ograve [..]

Scritto il 30 giugno 2010 at 00:06

dell’economia nella quale nuotiamo, volenti o nolenti, serve capire qualcosa, no?[..] Francuccio Gesualdida qui …In America inneggiano alla spesa, al consumo, al sostegno della crescita, anche il GATTO e la VOLPE, Geithner e Summers, ci dicono che:Uauuuu coloro che hanno provocato questa crisi, oggi ci dicono che tutto ci&ograve [..]

Scritto il 30 giugno 2010 at 00:06

dell’economia nella quale nuotiamo, volenti o nolenti, serve capire qualcosa, no?[..] Francuccio Gesualdida qui …In America inneggiano alla spesa, al consumo, al sostegno della crescita, anche il GATTO e la VOLPE, Geithner e Summers, ci dicono che:Uauuuu coloro che hanno provocato questa crisi, oggi ci dicono che tutto ci&ograve [..]

Scritto il 30 giugno 2010 at 00:06

dell’economia nella quale nuotiamo, volenti o nolenti, serve capire qualcosa, no?[..] Francuccio Gesualdida qui …In America inneggiano alla spesa, al consumo, al sostegno della crescita, anche il GATTO e la VOLPE, Geithner e Summers, ci dicono che:Uauuuu coloro che hanno provocato questa crisi, oggi ci dicono che tutto ci&ograve [..]

Scritto il 30 giugno 2010 at 00:06

dell’economia nella quale nuotiamo, volenti o nolenti, serve capire qualcosa, no?[..] Francuccio Gesualdida qui …In America inneggiano alla spesa, al consumo, al sostegno della crescita, anche il GATTO e la VOLPE, Geithner e Summers, ci dicono che:Uauuuu coloro che hanno provocato questa crisi, oggi ci dicono che tutto ci&ograve [..]

Scritto il 30 giugno 2010 at 00:06

dell’economia nella quale nuotiamo, volenti o nolenti, serve capire qualcosa, no?[..] Francuccio Gesualdida qui …In America inneggiano alla spesa, al consumo, al sostegno della crescita, anche il GATTO e la VOLPE, Geithner e Summers, ci dicono che:Uauuuu coloro che hanno provocato questa crisi, oggi ci dicono che tutto ci&ograve [..]

Scritto il 30 giugno 2010 at 00:07

dell’economia nella quale nuotiamo, volenti o nolenti, serve capire qualcosa, no?[..] Francuccio Gesualdida qui …In America inneggiano alla spesa, al consumo, al sostegno della crescita, anche il GATTO e la VOLPE, Geithner e Summers, ci dicono che:Uauuuu coloro che hanno provocato questa crisi, oggi ci dicono che tutto ci&ograve [..]

Scritto il 30 giugno 2010 at 00:07

dell’economia nella quale nuotiamo, volenti o nolenti, serve capire qualcosa, no?[..] Francuccio Gesualdida qui …In America inneggiano alla spesa, al consumo, al sostegno della crescita, anche il GATTO e la VOLPE, Geithner e Summers, ci dicono che:Uauuuu coloro che hanno provocato questa crisi, oggi ci dicono che tutto ci&ograve [..]

Scritto il 30 giugno 2010 at 00:07

dell’economia nella quale nuotiamo, volenti o nolenti, serve capire qualcosa, no?[..] Francuccio Gesualdida qui …In America inneggiano alla spesa, al consumo, al sostegno della crescita, anche il GATTO e la VOLPE, Geithner e Summers, ci dicono che:Uauuuu coloro che hanno provocato questa crisi, oggi ci dicono che tutto ci&ograve [..]

Scritto il 30 giugno 2010 at 00:07

dell’economia nella quale nuotiamo, volenti o nolenti, serve capire qualcosa, no?[..] Francuccio Gesualdida qui …In America inneggiano alla spesa, al consumo, al sostegno della crescita, anche il GATTO e la VOLPE, Geithner e Summers, ci dicono che:Uauuuu coloro che hanno provocato questa crisi, oggi ci dicono che tutto ci&ograve [..]

Scritto il 30 giugno 2010 at 00:07

dell’economia nella quale nuotiamo, volenti o nolenti, serve capire qualcosa, no?[..] Francuccio Gesualdida qui …In America inneggiano alla spesa, al consumo, al sostegno della crescita, anche il GATTO e la VOLPE, Geithner e Summers, ci dicono che:Uauuuu coloro che hanno provocato questa crisi, oggi ci dicono che tutto ci&ograve [..]

Scritto il 30 giugno 2010 at 00:07

dell’economia nella quale nuotiamo, volenti o nolenti, serve capire qualcosa, no?[..] Francuccio Gesualdida qui …In America inneggiano alla spesa, al consumo, al sostegno della crescita, anche il GATTO e la VOLPE, Geithner e Summers, ci dicono che:Uauuuu coloro che hanno provocato questa crisi, oggi ci dicono che tutto ci&ograve [..]

Scritto il 30 giugno 2010 at 00:07

dell’economia nella quale nuotiamo, volenti o nolenti, serve capire qualcosa, no?[..] Francuccio Gesualdida qui …In America inneggiano alla spesa, al consumo, al sostegno della crescita, anche il GATTO e la VOLPE, Geithner e Summers, ci dicono che:Uauuuu coloro che hanno provocato questa crisi, oggi ci dicono che tutto ci&ograve [..]

Scritto il 30 giugno 2010 at 00:07

dell’economia nella quale nuotiamo, volenti o nolenti, serve capire qualcosa, no?[..] Francuccio Gesualdida qui …In America inneggiano alla spesa, al consumo, al sostegno della crescita, anche il GATTO e la VOLPE, Geithner e Summers, ci dicono che:Uauuuu coloro che hanno provocato questa crisi, oggi ci dicono che tutto ci&ograve [..]

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Ftse Mib: l'indice italiano prosegue la fase correttiva con primo target 23.000 punti. In caso di br
Uno non fa in tempo neanche a preparare l'outlook 2020, con la famosa "PROFEZIA" che subito arri
La guerra commerciale è diventato un tormentone, e i mercati quasi sono assuefatti ai suoi alti
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: al via la fase correttiva sugli indici europei. Ora l'indice mira 23.000 punti e in caso d
In diversi paesi europei esistono già da anni forme di reddito di base che si accompagnano ad a
Ormai di parole ne abbiamo fatte troppe e sempre più spesso sui giornali gli stessi editori van
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Si sa, la matematica non è un’opinione. Ma i mercati finanziari non sono mai il perfetto risu
Ftse Mib: Dopo una breve fase laterale, il 4 novembre l’indice italiano ha rotto in gap up il live