MONDI ALTERNATIVI, PENSIERI ALTERNATIVI: GIOVANI GENERAZIONI!

Scritto il alle 13:55 da icebergfinanza

In fondo chissà, la soluzione alle volte non è neppure nascosta tra le pieghe di questa crisi, si magari una soluzione immediata, che aiuti ad arginare le conseguenze, una soluzione di breve termine, ma per il lungo termine amo ricercare la soluzione al di fuori dell’economia, al di fuori degli ambienti accademici.

Ogni qual volta condividendo i miei pensieri parlo o accenno al futuro, guardo con Speranza all’orizzonte della nostra vita, allora parlo di " Giovani Generazioni", parlo dei frutti della Vita, parlo di semi di Speranza, guardo oltre il presente e credo nella Famiglia, in un mondo che spesso perde la Speranza, vive l’angoscia del futuro, i nostri figli, i nostri nipoti, sono sogni di Dio, sono la luce in fondo al tunnel.

Ieri parlando con alcuni ragazzi abbiamo affrontato il tema della povertà, abbiamo condiviso attraverso il gioco cosa significhi vivere senza alcun futuro, abbiamo solo "sfiorato" per un istante, solo per gioco, quello che quotidianamente milioni e milioni di persone vivono sulla loro pelle.

La reazione dei ragazzi di fronte alla povertà, agli amici che solo per gioco o per destino erano seduti al tavolo del continente africano piuttosto di quello asiatico mentre loro sedevano davanti ad ogni ben di Dio, testimoniava la voglia di condivisione, di accettazione che spesso solo un ragazzo, un bambino sa offrire. La sua riflessione spontanea talvolta ma non sempre, va al di la di quello che spesso gli adulti amano ricercare ovvero il loro interesse personale.

Ma un giorno anche loro saranno adulti e allora solo allora, chissà se il bambino che amava sognare un mondo migliore avrà resistito agli uragani e alle tempeste di questa vita, alle sirene dell’interesse personale, del successo, del potere, del tutto e subito, del breve termine.

Devo dire che il nostro esempio, l’esempio di questa sociètà spesso non è certo un’orizzonte in cui riporre la Speranza o i sogni in un futuro migliore, spesso noi stessi siamo artefici della disperazione dei nostri figli, ci rassegnamo senza combattere, lasciandoci trasportare dalla corrente che tutto uniforma, tutto nasconde, spesso anche l’Amore della Famiglia che ancora scorre nei fiumi della società talvolta inariditi.

Cosa centra la Famiglia con l’economia mia mia mia……..?

Si la Famiglia, spesso nella nostra società spirano venti contrari, nella stessa atmosfera culturale, le correnti contro la Famiglia originano vortici e uragani che tendono a minarne le fondamenta, in fondo la stessa economia oggi spesso e volentieri guarda più alla produzione che alle risorse umane.

Un’isola nella tempesta la Famiglia, non esiste isola più accogliente se non attraverso la condivisione dell’accettazione, del perdono , di un sorriso, di un abbraccio, fiducia e fedeltà, responsabilità e sacrificio ciò che oggi spesso non è condiviso nella società.

Sen ci dice che ……Se invece gli individui, come persone sociali, hanno valori e obiettivi di più vasta portata, che includono  la comprensione per gli altri e un impegno verso norme etiche, allora la promozione della giustizia sociale non dovrà necessariamente fronteggiare un’incessante opposizione a ogni cambiamento."(…) mentre secondo Dasgupta, “abbiamo bisogno gli uni degli altri, ci dobbiamo fidare, anche indirettamente. La società, prima ancora che l’economia, funziona quando ci sono delle interazioni reciprocamente vantaggiose perché si fondano sulla mutua fiducia”.

Un’isola dove contemporaneamente, quotidianamente si infrangono le onde di un insieme di problemi, di diverse personalità dove purtroppo talvolta ma non sempre, nella stessa isola vivono tanti Robinson Crosue ognuno per conto suo.

Oggi la Famiglia è spesso oggetto di conquista commerciale, un’isola i cui porti devono essere conquistati, per scaricare merci e conquistare clienti.

I nostri figli, i nostri nipoti, il nostro futuro hanno bisogno di testimonianza, vogliono respirare l’aria del cambiamento vogliono le nostre attenzioni, hanno bisogno di parlare, desiderano sentirci vicini……ma non sempre sappiamo offrire loro quello che ci costa fatica…..

GIU’_LE_MANI_DAI_BAMBINI  è una campagna di informazione che mira a sensibilizzare l’opinione pubblica sui disagi dell’infanzia: raggruppa oltre centosessanta tra Università, Ordini dei Medici, associazioni genitoriali, socio-sanitarie e di promozione sociale, le quali rappresentano tramite i propri iscritti oltre 8 milioni di italiani. La scommessa è stata quella di aggregare in un comune tavolo di lavoro realtà delle più differenti estrazioni e sensibilità, non necessariamente del settore pediatrico, le quali si sono impegnate a mettere a disposizione una quota del proprio tempo e delle proprie risorse ogni anno al fine di sostenere progetti e campagne sociali a favore dell’infanzia, ed in particolare a favore dei bambini italiani: non l’infanzia lontana – che pure merita la massima attenzione – ma il bimbo che soffre dietro la porta accanto alla nostra.

"Negli Stati Uniti ad oltre undici milioni di bambini vengono somministrati quotidianamente anfetamine o psicofarmaci allo scopo di tentare di risolverne i disagi. Nelle scuole italiane, sono stati recentemente avviati programmi di screening di massa per individuare i bambini sofferenti di problemi di carattere psicologico. Se tuo figlio perde le cose, è disattento a scuola, interrompe spesso gli insegnanti od è aggressivo coi compagni di classe, non è detto che sia malato. Prima di sottoporlo ad una cura dagli esiti incerti e dagli effetti collaterali potenzialmente distruttivi, raccogli informazioni complete sul nostro portale, oppure contatta il nostro Comitato per ricevere a casa una pubblicazione gratuita. Spesso un bambino ha solo necessità di essere ascoltato con attenzione. Non etichettare tuo figlio. Ascoltalo!"

Il caso più eclatante è quello della cosiddetta “sindrome da deficit di attenzione e iperattività”, meglio conosciuta con l’acronimo inglese ADHD, “malattia” che viene ormai diagnosticata fin dal primo anno di età e la cui “cura” prevede la prescrizione di psicofarmaci, terapia le cui linee guida sono contestate da associazioni di genitori, insegnanti, medici e giornalisti per la loro eccessiva genericità, che porrebbe a facile rischio di abuso nella somministrazione a bambini ed adolescenti.
È una vera e propria tendenza, quella di “schedare” bambini irrequieti e indisciplinati come “malati mentali”: sono ribelli, “creano problemi”, ed il farmaco diventa apparentemente il modo migliore per tenerli a bada.

Più ne sono consapevole, più mi chiedo dove mai sta avviandosi questo nostro vecchio mondo, si muore di obesità, ci si suicida per il troppo benessere, si contribuisce indirettamente allo sterminio per fame di milioni di persone, i bambini vengono "aiutati" con una buona dose di psicofarmaci, l’anticamera della morte dell’anima, si dell’ anima prima che del corpo e noi ci preoccupiamo di come sarà il futuro, di dove andranno a finire i nostri soldi, di come raccimolare scorte di cibo e in quale paese nascondere i nostri risparmi……

Mi dispiace, forse sono troppo "diretto" ma in fondo questa è la realtà, la mia realtà soggettiva….. 

……Bambini irrequieti e indisciplinati, chissà per quale motivo, tutti malati mentali, ribelli da tenere sotto osservazione…..magari tenessero sotto osservazione qualche irrequieto indisciplinato che continua ad operare nella finanza e nell’economia, c’è un farmaco dai poteri straordinari, quello di allontanarlo per sempre da un mondo nel quale non è contemplato il reato di "crimini contro l’Umanità"…….magari a recuperare il senso del limite, il senso della vita aiutando coloro che soffrono di questa crisi!

…….i nostri figli, si il nostro futuro….

E una donna che portava un bimbo al seno disse,
Parla con noi dei Figli.
E lui disse:
I vostri figli non sono vostri figli.
Essi sono i figli e le figlie della brama della Vita per la vita.
Essi vengono attraverso voi ma non per voi.
E benché essi siano con voi essi non appartengono a voi.
Voi potete dare loro il vostro amore, ma non i vostri pensieri,
Poiché essi hanno i propri pensieri.
Voi potete custodire i loro corpi, ma non le loro anime,
Poiché le loro anime dimorano case di domani, che non potrete visitare, neppure in sogno.
Potrete essere come loro, ma non cercate di farli simili a voi,
Poiché la vita procede e non si ferma a ieri.
Voi siete gli archi  e i vostri figli sono frecce vive scoccate lontano.
L’Arciere vede il bersaglio sulla strada dell’infinito, ed Egli con forza vi tende  affinché le sue frecce possano andare veloci e lontane.
Piegatevi  nelle mani dell’Arciere con gioia:
Poiché come egli ama la freccia che vola, così Egli ama l’equilibrio dell’arco

[da: " Il Profeta" di Gibran Kalil Gibran]

Ecco perchè credo nelle "giovani generazioni" al di la della rotta che la loro vita saprà offrire, abbiamo ancora una speranza per far si che i nostri semi, i semi in cui crediamo un giorno possano dare il proprio contributo ad un mondo ad un’economia che sempre e comunque abbia al centro l’uomo e la sua Essenza.

Invece di creare e costruire un mondo di regole, un mondo pieno di cartelli che ti indicano cosa devi fare, come devi comportarti, quello che devi dire, dobbiamo creare un ambiente, un’isola aperta a tutti dove chiunque possa approdare, un’isola dove i nostri figli sentano il profumo dell’ Etica.

Si l’unica isola, presente sul mappamondo, che l’ Uomo ama visitare ogni giorno, si quella dell’ Utopia ma che in fondo giorno dopo giorno diventa Realtà!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
38 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 17 gennaio 2009 at 14:25

Caro Andrea,
un abbraccio, sì un abbraccio di gratitudine,di solidarietà,di piena condivisione dei mondi alternativi che ci proponi e che ognuno di noi vorrebbe per i propri figli e nipoti.

parlando come nonna poi, vorrei per i miei nipoti degli educatori come te e non persone “vuote dentro”.

educatori che sapessero trasmettere “Qualcosa” oltre a nozioni………….se poi sapessero anche trasmettere “Qualcuno” ecco che i miei sogni di nonna di un mondo migliore per i miei nipoti potrebbero realizzarsi…….

Un abbraccio Andrea……è una gioia del cuore leggerti, un bacio ai tuoi cuccioli ed a tua moglie.

Grazie,grazie,grazie!!!
ccp

Scritto il 17 gennaio 2009 at 15:09

Forse ho davvero sbagliato forum. Se devo sentirmi citato Gibran (a quando “Il piccolo principe”? od Erich Fromm?), se devo sorbirmi tutto questa Utopia Pauperistica e New-Agers, preferisco seguire la dottrina sociale della Chiesa Cattolica Apostolica Romana. Ma, siccome richiede troppi sacrifizi al mio attuale way of life – pur ammettendo io stesso di essere un perdente triste e sconfortato -, preferisco cercare un altro forum dove mi si diano consigli concreti sul che fare per recuperare un pò di soldi persi in borsa. Non ho bisogno di Guru Esistenziali. La Via, la Verità e la Vita so già dove stanno, anche se ne sono molto lontano. Ho bisogno di consigli pratici, laddove esistesse qualcuno in grado di darli. Ed ormai ne dubito. Scusate il disturbo, ma vi lascio alle vostre utopie fumose e sessantottine.

Scritto il 17 gennaio 2009 at 15:49

Ciao.
da MM

Scritto il 17 gennaio 2009 at 15:51

haha malincinico.
Credi che chi sa guadagnare in borsa vada a consigliare sui forum o blog?
Lasciatelo dire ma non hai capito proprio ancora niente della speculazione.
Forse devi perderne ancora un po per capire.
Buona fortuna.

utente anonimo
Scritto il 17 gennaio 2009 at 15:55

x malincinico,

se lasci hai perso un occasione per veramente “vincere”………….

mi dispiace per te e per tanti che fondano le loro certezze sui soldi e sulla necessità di “recuperare”

ma possibile che non abbiate capito nulla? non vi siete resi conto che è solo con la serenità (quella che traspare da ogni post di Andrea ) che si fanno meno cavolate? anche in borsa (per chi ci gioca)

Non credete in Dio? e chi vi dice di crederci !
L’atteggiamento che traspare da chi cerca di “recuperare” è di sconfitta è di uomini persi che tutto legano a ciò che hanno di sostanza, senza sapere che il loro tesoro è “dentro” ,basterebbe avere l’umiltà di cercare di trasformarsi ………….

malincinico………..bravo vai a cercare altri che ti dicano cosa devi fare ,nessuno mai ti ha detto che sbagliare è umano ma perseverare è diabolico??…………
Alla fine ti rimarranno solo più le lacrime per piangere…………

La risposta di ciò che devi fare la devi cercare tu e con un po’ di sforzo la troverai………….coraggio!!

Metti una pietra sul passato e lascia perdere la borsa………..avrai guadagnato e se avrai occhi aperti ed orecchie attente lo capirai da solo quello che domani dovrai fare!

Hai bisogno anche tu di un abbraccio!! accettalo da una nonna ….ciao.
ccp

Scritto il 17 gennaio 2009 at 15:58

e poi scusa ma Erich Fromm è un grande.
L’ho letto a 17 anni , quando era in piena, piena piena crisi, e mi è stato di grande aiuto.
MM

utente anonimo
Scritto il 17 gennaio 2009 at 16:20

Possiamo scegliere quello che vogliamo seminare,ma siamo obbligati a mietere quello che abbiamo piantato.
Detto orientale.
In finanza soprattutto.
Stefano

utente anonimo
Scritto il 17 gennaio 2009 at 16:35

Grazie Andrea
è davvero un piacere leggerti. Hai ragione: il più grande investimento che possiamo fare tante volte non lo vediamo e sono i nostri figli. Ed anche da loro dobbiamo imparare. Ad avere occhi ingenui che riescono ancora a vedere le cose pulite e semplici che sono quelle che contano davvero.

Non è neopauperismo postsessantottino. Mi spiace sinceramente per #9. Stai immiserendo tutto quanto se appiattisci il tutto ad un meschino recupero dei soldi persi in borsa. A parte che non c’è nulla di più deleterio della sindrome di quello che si vuole rifare, ma occorre saper mettere a fuoco le cose nelle corrette proporzioni. Non che non sia importante fare riflessioni economiche… ma con Andrea si respira un’aria diversa. Al centro c’è l’uomo….

Andrea, continua così. Se purtroppo qualcuno non comprende quanto siano importanti le riflessioni che si fanno qui, mi spiace (ma lo dico sinceramente, senza ironia) per loro.

Un caro saluto a tutti
Daniele

Scritto il 17 gennaio 2009 at 17:42

Nessuno è esente dalle implicazione dei turbamenti.. umani ….
Non possiamo scegliere di non cambiare..possiamo solo scegliere la direzione del nostro cambiamento-e tentare di conservare lo spirito
dell’ infanzia, (quello più puro ed istintivo) dentro di sé tutta la vita per conservare la curiosità di conoscere, il piacere di capire, la voglia di comunicare.

E..NON CI SONO NEMICI PEGGIORI (e sottolineo NEMICI PEGGIORI) CHE QUELLI ANNIDATI ALL’ INTERNO DEL NOSTRO CUORE
(a minare questo spirito infantile) e l’ unico viaggio che vale la pena di fare è al centro di Noi stessi, alla ricerca di quella voce originaria che è nella profondità del proprio essere.

Citando Fromm…” la famiglia può essere considerata l’ agente psicologico della società”
( E.Fromm, Fuga dalla Libertà).
Lasciando distruggere la famiglia verrà distrutta la società..
e Noi l’ avremo permesso, anziché impegnarci ad essere uomini e donne migliori.

“Il piu’ grande bisogno del mondo e’ il bisogno di uomini; di uomini che NON SI POSSONO COMPRARE NE’ VENDERE; di uomini che sono fedeli ed onesti fin nell’intimo della loro anima; di uomini che non hanno paura di chiamare il male con il suo vero nome; di uomini la cui coscienza e’ fedele al dovere come l’ago magnetico lo e’ al polo; di uomini che staranno per la Giustizia anche se dovessero crollare i cieli” . E. G. White

Ma da dove verranno questi uomini e donne …chi farà loro, per un pò, da “guida”?

Si ha bisogno di spazio e tempo per crescere e dell’ accompagnamento di un Testimone consapevole, durante il lungo viaggio che si è intrapreso..

Ma chi rivestirà mai il ruolo di testimone consapevole a guida e protezione dell’ infanzia se ciò
che si vede e sente, maggiormente è la perdita di consapevolezza?

Ma .…guardo l’ immagine di
una roccia..tante rocce quante sono le nostre Vite, Le Nostre Famiglie..le Nostre provenienze
con alla sommità un pino marittimo…..ed anche in solitaria in zone impervie, mi dico..
Cresce una Speranza…

Nessun sentimentalismo..una GRANDE SPERANZA…
e..La coscienza non è “mai a posto”… non si fa mai abbastanza…(non in senso materiale ovviamente)
soprattutto con i Fanciulli, “dono di Dio”, gli adulti di domani.

GRAZIE, anche oggi, ANDREA..…..
Valentina

P.s Si MM, Fromm era/è un grande, consiglio al nostro compagno, malinconico, già il “nome è indicativo”
di rispolverarne alcune letture ancora estremamente attuali.
Buona serata e un caro saluto a Tutti, un abbraccio..

Scritto il 17 gennaio 2009 at 21:46

Caro Malincinico ho appena finito di parlare con il “Piccolo Principe”( ….a proposito è già passato spesso da queste parti….) ho cercato anche Erich, Gibran invece è ormai di casa….. ho provato a chiedere loro cosa ne pensano del futuro della Borsa, chiedere loro consigli per dove investire o speculare…. forse è meglio lasciar perdere non potresti mai immaginare cosa mi hanno risposto!

Buona fortuna Andrea

utente anonimo
Scritto il 17 gennaio 2009 at 22:59

Ma i calvinisti sono tanto forti?
E se riscopriamo la fede e gli ideali quando la borsa va male vuol dire che il mondo sta benissimo, che i forti vincono ancora e che invece continueranno a perdere a perdere i perdenti di sempre, gli schiavi, i deboli, i sottomessi ….
Va bene così, ancora un poco e mi preoccupavo anch’io

Scritto il 17 gennaio 2009 at 23:27

Per Malincinico

Condivido in parte quello che dici, e a meno che tu non cerchi qualcuno che ti faccia riguadagnare quello che ai perso in borsa, cosa che sarà molto difficile nel prossimo futuro, senza correre il rischio di perdere ancora molti soldi, ti consiglio due possibilità.

Seguire:

http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/

se intendi continuare a provare ad investire nel mondo finanziario i tuoi soldi.

o altrimenti se cerchi consigli su altri tipi di investimenti in caso di grave crisi economica globale vai su:

http://www.ecolcity.it

nella sezione, sopravvivere alla crisi globale, troverai anche dei consigli per difendere i tuoi risparmi.

Saluti

Roberto

utente anonimo
Scritto il 18 gennaio 2009 at 00:22

Capitano Andrea,grande come sempre

mi ha fatto immensamente piacere leggere questo tuo post che altro non è , credo, che una pagina del
tuo impegno come EDUCATORE (qualcuno si chiederà dove trova il tempo)presso una comunità scout, immagino.

qualche giorno fa , precisamente il …………13 Gennaio 2009 – 11:35

postavo………

non se ne esce da questa crisi , se non cambiando il sistema….

…..il modello sociale in cui fino adesso abbiamo vissuto ci ha anteposto l’edonismo all’essere; il consumo al lavoro; il debito al risparmio; il profitto ai valori;

……..

…….ci meravigliamo oggi del suo modo di fare e di essere , (Andrea) perchè non conosciamo il suo vissuto e questo ci rende qualche volta diffidenti; il suo vissuto che se lo conoscessimo , ci testimonia della sua coerenza come EDUCATORE,
oggi che è cosi raro incontrare qualcuno che educhi e sia coerente tra dire e fare;
…….

grande Andrea , perchè
anche in questo forum ci sono non solo quelli che cercano – “dritte” per riprendersi dalle perdite accumulate,
e che se avessero umiltà e pazienza
di mettersi in ascolto, sicuramente a tempo debito potrebbero percepire sulla nostra rotta la fine degli ICEBERGS -ma anche UOMINI e DONNE , che qualsisi professione
svolgano o ruolo abbiano ,mamme , papà , nonni, allenatori, ecc… ecc.. hanno un solo imperativo:
costruire una società migliore.

***********************

leggendo il giornale di oggi mi è sorto un dubbio.

questa crisi ha decretato la fine della democrazia in USA?

FUNERALI della PUBLIC COMPANY o della democrazia scietaria intendevo.

** da Wikipedia….PUBLIC COMPANY

Una società ad azionariato diffuso è una azienda – solitamente di grandi dimensioni – che suddivide il proprio capitale di rischio tra moltissimi azionisti. La frammentazione del capitale di rischio viene mantenuta impedendo ai soci di possedere un numero di azioni superiore ad una percentuale minima del totale (tipicamente dal 3 al 5%). Questo comporta che non sia presente un gruppo di controllo tra i possessori di azioni. Sarà, invece, il gruppo dirigente a prendere le decisioni. Quella delle società ad azionariato diffuso è una tipologia di impresa poco sviluppata in Italia (società a proprietà diffusa: 17,7% sul totale nel 2006) e in generale in tutto il Vecchio Continente, mentre negli Stati Uniti sono diffuse e spesso quotate in borsa. È nota anche come public company ma è importante notare che l’aggettivazione “pubblica” è posta in un’accezione ben differente da quella di impresa pubblica, cioè appartenente allo Stato o altro ente pubblico.

********************

leggo sul sole 24 ore di oggi l’acquisto da parte del miliardario Wilbur Ross..

della First Bank and Trust, RILEVANDO il 68,1% DEL CAPITALE, banca con sede in Florida, colpita negli ultimi 2 anni dalla crisi finanziaria globale.

” è proprio per questo che l’ho comprata, – ha detto Ross – perchè vedo potenzialità di crescita”.

un saluto a tutti i naviganti

carpe diem49

utente anonimo
Scritto il 18 gennaio 2009 at 00:54

Malinconico,
ma dove vai ?? Ma rimani qui con noi !!!!!
Non perdere tempo con i soldi, sono solo pezzi di carta.
Ricordati che nostro capitano è un inguaribile ottimista, lui consiglia di rimanere in riva al fiume, ma forse è meglio incamminarsi sulla collina.
matteo

Scritto il 18 gennaio 2009 at 02:00

Per Andrea

Ciao Andrea sono Roberto di Ecolcity, credo che come capitano del veliero dovresti essere più comprensivo con i tuoi marinai, in fondo Malincinico non ha fatto delle affermazioni campate in aria.

In fondo questo veliero naviga da quasi 2 anni, anticipando con analisi precisa gli eventi della grave crisi economica nel quale ora ci troviamo.

Tu hai insegnato ai tuoi marinai, fra cui ci sono anche io, a vedere oltre la linea di confine dell’informazione ufficiale.

Ora tutti ci siamo siamo idealmente sul tuo veliero, ma realmente sul Titanic Italia.

Grazie al tuo aiuto sappiamo che la nave dove viviamo è entrata in collisione con un enorme iceberg e che sta imbarcando acqua nelle stive.

In questo periodo molti di noi, grazie al tuo aiuto, hanno capito che era meglio stare sul ponte della nave e quindi per ora siamo salvi.

Però si cominciano a sentire le grida di coloro che non hanno avuto la nostra fortuna e sono rimasti nelle stive, ed anche messaggi confusi di rassicurazione arrivano dagli altoparlanti della nave.

Qualcuno di noi comincia a pensare (e come dargli torto) che realmente la nave possa affondare e vorrebbe che il veliero ideale si trasformasse in un veliero reale in grado di proporre iniziative di salvataggio.

Praticamente noi passeggeri del Titanic Italia ci siamo accorti che questa nave reale dove siamo non ha che poche scialuppe di salvataggio che già molti,coloro che poi sono causa del disastro, silenziosamente hanno occupato.

Allora prima che la nave reale affondi, i marinai ti chiedono di trasformare il tuo veliero ideale in una grande scialuppa, ma tu sembri volerlo far rimanere un veliero ideale.

Ora caro capitano è il momento che ognuno si assuma le proprie responsabilità, se pensi che il tuo veliero rimarrà sempre un vascello immaginario.
Il mio consiglio-richiesta e che tu aiuti i tuoi marinai ad imbarcarsi su qualche scialuppa reale.

Come ai aperto la rubrica di mondi alternativi, aprine un’altra dove magari analizzi, con la tua solita lucidità, le iniziative reali che magari esistono su internet, come:

Mercato libero con 1000 per cambiare, Arcipelago Scec con la moneta complementare, Ecolcity con i villaggi ecologici, ecc.. .

Purtroppo in questo momento conoscere la storia di Yunus e del microcredito, ci fa piacere ma non ci è utile.

Nessuno sa se questa nave affonderà in mesi o anni, se rimarrà a galla magari con le stive piene di acqua, ma una cosa è certa, la gente nelle stive sta annegando ed i veri capitani non abbandonano mai i loro marinai.

————————-

Io vivo a Roma e sono mi occupo di impianti di sicurezza elettronica, per lavoro giro per aziende, negozi ed abitazioni private.

Molte aziende cominciano a ridurre il personale, molti negozi sono vuoti e molte persone fanno fatica a mantenere il proprio tenore di vita.
Ed è opinione comune che le cose non miglioreranno, anzi la sensazione generale è che peggiorino.

Quindi è possibile che entro il 2009, possano crearsi situazione economiche e sociali molto pericolose.

Comunque grazie per il tuo prezioso lavoro.

Roberto

http://www.ecolcity.it

utente anonimo
Scritto il 18 gennaio 2009 at 07:36

per roberto di ecolcity

mi sa che tu vuoi la botte ubriaca e la moglie piena.

ma sei così sicuro che conoscere la storia di Yunus e del microcredito,
di Gibran , o di Le Petit Prince di Antoine de Saint-Exupéry. o parlare
di fiabe e racconti non sia utile?

bisogna intendersi di quale utile parli tu.

ma ti rendi conto di cosa stai dicendo e cosa richiedi? tu roberto di http://www.ecolcity.it ?

chiedi il paradiso in terra . non esiste, siamo qui di passaggio …ed
inoltre….

chiedi al nostro Capitano, di essere Gesù, e
gli chiedi di fare i miracoli , ma poi lo rimproveri
di non aver Pietà per i suoi marinai.

ma ti rendi conto di quel che dici , tu roberto di http://www.ecolcity.it ?

Gli chiedi di risuscitare i morti (pecuniarmente intendo) , e
vorresti anche che aprisse una rubrica di analisi di portafoglio titoli ,
di ogni passeggero che visiti questa nave, – anzi scusami ,questo veliero virtuale – e che lo facesse
guadagnare sempre , e/o che che gli facesse recuperare i soldi
persi in borsa, ed ancora che esaudisca ogni desiderio espresso.

roberto, – di http://www.ecolcity.it
credimi , bisogna essere grati immensamente al Capitano,
non solo per l’analisi macro che è riuscito a fare, e che continua a fare , ma per le pillole
di saggezza che sa regalarci con i suoi post

con cordialità
carpe diem49

utente anonimo
Scritto il 18 gennaio 2009 at 09:18

per il #15
se il tenore di vita di molte persone è tenuto alto dal superfluo o, peggio, dallo spreco , se si riduce un po è cosa buona e giusta.

scovazza64

utente anonimo
Scritto il 18 gennaio 2009 at 12:08

Ottimo articolo del Capitano Andrea, ma visto che oggi è domenica voglio essere provocatore:

W la disoccupazione (magari al 50-60% hihihi).

Un Reddito per Tutti.

Un saluto e buon lavoro hihihihi.

SD

Scritto il 18 gennaio 2009 at 12:47

Per scovazza64

Avrei dovuto essere più chiaro, qui a Roma, una casa in periferia costa dai 200-400.000 Euro per 50-70 mq..

Famiglie che vivono di stipendio guadagnano in media 2.000 Euro se hanno la fortuna di lavorare in due, se hanno un mutuo di 800 – 1000 euro o un affitto simile, se ci metti le altre spese fisse arrivi minimo a 1.200 euro, quindi e normale che non c’è la facciano ad arrivare alla fine del mese.

Basta che uno dei due perda il lavoro e le difficoltà si tramutano in tragedia.

—————————–

Per carpe diem49

Ciao, scusami sei sicuro di aver capito quello che ho scritto, non mi sembra di aver chiesto al capitano di darci soluzioni per guadagnare soldi, forse non conosci le iniziative di cui parlo.

Sono tutte iniziative solidali che servono per unire le persone in progetti comuni utili in caso di grave crisi.

Io non rimprovero il capitano di nulla anzi lo ringrazio per quello che fa, gli ho solo dato dei consigli ed ho fatto una richiesta, io credo che sia una persona intelligente ed attenta, quindi deciderà lui.

Di fronte una grave crisi come quella che si prospetta, le iniziative solidali, potrebbero essere un buon modo di mettere in pratica le pillole di saggezza di cui si parla in questo blog.

Cordiali Saluti

Roberto Ecolcity

Scritto il 18 gennaio 2009 at 15:11

Riguardo all’articolo:

Per aiutare i bambini a diventare nuove generazioni positive, bisogna prima capire che cosa agisce sulle loro menti, sulla loro salute e la loro anima.

Cerchiamo di capire perché, le nuove generazioni, presentano in infanzia e successivamente da adolescenti molte più problematiche di quelle generazione passate. (basta vedere le allergie).

Stabiliamo quali sono le cause di queste problematiche e poi forse potremo aiutare prima noi stessi e poi i nostri figli.

Io non ho figli, e questo mi impedisce di capire molte cose, ma mi aiuta nel momento in cui entrando in contatto con un giovane, riesco ad immedesimarmi in lui e stabilire un contatto alla pari.

La cosa che più noto è che molti di questi sono completamente staccati dalla realtà.

Non credono nell’importanza dello studio, non capiscono la pericolosità delle droghe, del fumo e dell’alcool, non credono nei valori morali e nella società.

Ora dopo una analisi di oltre 25 anni, posso affermare con certezza, che questa distruzione di valori è stata attentamente programmata e fortemente attuata da almeno 40 anni, ed ultimamente, viene portata avanti con tutti i mezzi possibili e con un intensità mai vista prima.

Come fai ad aiutare un bambino a crescere sano, se non sai quello che subdolamente agisce su di te e quello che agisce su di lui.

Quando scopri che da decenni le persone sono psico-programmate, che vengono sistematicamente e volutamente avvelenate e che che quello che pensi ed il modo in cui agisci non sono frutto della tua libera scelta.

Insomma che sei uno schiavo alla quale viene fatto credere di essere libero.

Solo quando riuscirai ad accorgerti di questo, potrai cominciare a liberarti ed aiutare gli altri a farlo.

Fino a quando penserai che nella tua mente, ci sono i tuoi liberi pensieri, non potrai aiutare nessuno.

Come diceva Gesù: “può un cieco guidare un altro cieco”.

Ora l’argomento è talmente vasto che è impossibili dargli un indirizzo, quindi limitandomi alle cause umane che influenzano subdolamente le nostre menti mi limito a una breve lista:

Messaggi subliminali
Questi sono quelli che più influenzano le nuove generazioni inserendo nel loro inconscio delle vere e proprie programmazioni che agiranno nella loro vita senza che loro ne siano coscienti.
Sono inseriti in ogni forma di comunicazione umana gestita oramai al 90% da grandi corporazioni.

Avvelenamento attraverso farmaci, prodotti di cosmesi, alimenti, acqua, aria, radiazioni e radiofrequenza ecc. .

Condizionamento sociale, attuato con messaggi in chiaro attraverso tutti i mass media. (forse questa è l’unica forma che parecchie persone riescono a percepire).

Per ora questi bastano.

Iniziamo ora a dare consigli utili.

Se non vuoi che tuoi figlio consideri da adolescente le droghe, il satanismo, la violenza ecc.. un qualcosa di positivo, non fargli vedere i cartoni animati e allontanalo dai videogiochi.

Vuoi vedere come programmano nell’inconscio i bambini a diventare futuri utilizzatori di cocaina:

http://it.youtube.com/watch?v=BwvNdo_IGXg&feature=PlayList&p=E46768D48A946751&playnext=1&index=10

—–

Non vuoi che i tuoi figli soffrano di disturbi della personalità o ipereccitabilità e che abbiano capacità intellettive ridotte.

Non dare ai tuoi bambini il fluoro in qualsiasi forma, gocce, pastiglie, dentifricio collutori, integratori, acqua potabile ecc..

E si, proprio quello che sono anni che ci consigliano i dottori e la televisione. Peccato che sia una sostanza tossica.

vedi:
http://www.dentisti-italia.it/dentista.asp?id-a=133&id-c=24

—–

Se poi vuoi cominciare a capire una delle forze che agisce contro la tua vita, ma soprattutto quella dei tuoi figli comprendi prima che cosa è la massoneria, quali sono i suoi intenti.

http://www.juliusevola.it/pdf/protocolli.pdf

Informati anche del legame tra la massoneria, il satanismo e la venerazione di satana.

—–

Se vuoi conoscere il perché le società è sempre più indebitata ed i genitori, hanno sempre meno tempo da dedicare ai propri bambini.

Informati di cosa è il Signoraggio

http://www.signoraggio.com/

Solo la consapevolezza di cosa dobbiamo evitare e combattere ci renderà liberi.

Saluti

Roberto Ecolcity

utente anonimo
Scritto il 18 gennaio 2009 at 15:18

Caro Roberto di ecolcity,

scusami, considerata la mia età,
sessanta, un po’ di buona creanza non guasta.

ai miei tempi, ci educavano, che se il nostro interlocutore non avesse compreso il nostro pensiero, a rivolgerci con un … scusami , ma non mi sono spiegato bene… dunque…

1) rimproveri il Capitano di non aver ascoltato le grida di aiuto di Malincinico, e di avere il cuore di pietra e di essere più comprensivo;

2) ribadisci che Malicinico non ha fatto affermazioni campate in aria .. e come sarebbe a dire che anche il Capitano non ha capito;

3) ti contraddici, perchè ammetti che l’analisi del Capitano è stata precisa e circostanziata, ma di fatto non efficace, perchè ammetti
di stare idealemte sul veliero, ma nei fatti ,non avendo creduto all’analisi del Capitano ,sul Titanic come tu affermi,
4) poi ancora in un altro capoverso ci informi che non dobbiamo stare in ambasce per te , perchè stai sul ponte del Titanic e sei salvo, ma ti preoccupi amorevolmente di coloro che ancora sono nelle stive , che vista l’acqua che la nave ha imbarcato, sono quasi tutti morti , ma c’èancora qualcuno che grida aiuto..e va salvato

5) ed ancora ci informi che arrivano messaggi confusi di rassicurazione dagli altoparlanti della nave (non specifichi da parte di chi ,… ma è esplicito “è il vostro Capitano che vi parla….);

e dopo mi fermo qui per non farla lunga.

ma ancora una cosa…se la lingua italiana ha ancora una validità, questo è quanto hai scritto

…Ora caro capitano è il momento che ognuno si assuma le proprie responsabilità, se pensi che il tuo veliero rimarrà sempre un vascello immaginario.
Il mio consiglio-richiesta e che tu aiuti i tuoi marinai ad imbarcarsi su qualche scialuppa reale. ….

e che tu scrivendo quello che hai scritto, intendi dire che il Capitano si deve assumere le sue responsabilità.

e quali crimini avrà mai commesso?

quello di avere avvertito in tempo che sarebbe arrivato l’inverno in borsa? e questo lo ritieni un delitto?

…e quando ormai si è in pieno inverno, e ci si presenta in costume da bagno, e questo inverno non si sa quanto durerà, richiedi al Capitano di mettersi a sferruzzare per fare cappotti da dare a chi non ha voluto o saputo indendere .

chi è causa del suo mal, pianga se stesso

Caro roberto di ecolcity, considerata la mia età ti posso asscurare che “in silenzio calpesto i vicoli ” delll’ecologia e dellla solidarietà da molti decenni anche se non ho un sito;

ultimissima cosa : non ho inteso nel mio post precedente sostituirmi al Capitano, volervo solo ricordare che se si ha la pazienza di andare a leggersi tutti i post precedenti (ed è una bella fatica ed io personalmente ancora non li terminati), ti posso assicurare che le indicazioni concrete da parte del Capitano non sono mai mancate.

inoltre non voglio mettere in dubbio la tua buona fede quando dici ….” gli ho solo dato dei consigli ed ho fatto una richiesta, io credo che sia una persona intelligente ed attenta, quindi deciderà lui. ….

concordo su quest’ultima parte , ma io personalmente non me la sentirei di dare dei consigli o fare richieste…….
avendo io rispetto di quanto scritto sul cartello appeso all’entrata di questo veliero.

cordiamente

carpe diem49

**** scusate, ….
e per oggi ho terminato.

Scritto il 18 gennaio 2009 at 16:44

ma va ….i figli si educano con l’esempio……possono vedere quello che vogliono.

e poi se c’è un colpevole per questa crisi e per tutto non si deve certamente trovare tra i giovani , ma tra i vecchi che comandano il mondo.

i trovo che i giovani siano tanto migliori di noi , sanno stare insieme, e sanno anche vivere con noi, alla pari (che secondo me è un pregio).

se sono mammoni e fragili è xkè noi gli abbiamo creato tanti di quei problemi.

le droghe , i capelli lunghi , la mini gonna , il bere il sabato sera, lo hanno inventato nel 68.

secondo me sono una risorsa ………
che forse salverà il mondo

utente anonimo
Scritto il 18 gennaio 2009 at 17:31

Maatmatithiak #22, purtroppo non è così e non per giustificare Roberto.
Da Wikipedia:

Messaggio subliminale (dal latino sub, sotto, e limen, soglia, in riferimento al confine del pensiero conscio) è un termine mutuato dal linguaggio della pubblicità ma che – in psicologia – si riferisce ad un’informazione che il cervello di una persona assimilerebbe a livello inconscio. Può essere trasmesso attraverso scritte, suoni o immagini che trattano un qualsiasi argomento che nasconde al suo interno – come in un codice cifrato – ulteriori frasi o immagini avulse dal contesto iniziale che rimarrebbero inconsapevolmente nella memoria dell’osservatore.
STORIA:
Si cominciò a parlare pubblicamente dei “messaggi subliminali” nel 1957 quando Vance Packard pubblicò il libro I persuasori occulti. Poco dopo James Vicary rese pubblici i risultati di un suo studio in cui egli affermava che gli avventori di un cinema in cui venivano inseriti brevi messaggi subliminali nei fotogrammi del film (“bevi Coca-Cola” e “mangia popcorn”) aumentavano effettivamente i consumi dei prodotti in questione [1]. A cinquant’anni dall’esperimento oggi la storia di Vicary ha assunto toni folcloristici[2].
Essenzialmente lo scopo di un messaggio subliminale sarebbe, se inserito nei comunicati pubblicitari, di invogliare il consumatore ad acquistare uno specifico prodotto. Oppure, attraverso la scrittura e la grafica in genere ma anche attraverso il suono, potrebbe servire a propagandare pensieri ed ideologie di qualsiasi natura.
Alcuni stimoli che raggiungono il subconscio possono avere un qualche piccolo effetto sulle emozioni ed il comportamento, ma è da sottolineare il fatto che ad oggi non è provata alcuna efficacia di questi messaggi nascosti nelle pubblicità [3] [4]. Sebbene per un certo periodo le agenzie pubblicitarie abbiano mostrato interesse per questo possibile metodo di condizionamento, oggi quasi nessuno si affida a tali metodi per condizionare gli acquisti dei potenziali clienti, anche se rimangono diffuse numerose teorie cospirative sul fenomeno.

INCONSCIO
Il termine “inconscio” (in tedesco Unbewusstsein) è stato utilizzato da Karl Robert Eduard von Hartmann per indicare il principio della sua filosofia. Egli si rifaceva ai precedenti delle “percezioni insensibili” di Gottfried Leibniz e quindi teorizzava l’esistenza di una zona inconscia. L’esistenza di una zona inconscia divenne un cardine della scuola di Wolff e fu ammessa da Kant.
Fu però Schelling che descrisse l’inconscio come un aspetto essenziale: “Questo eterno inconscio… che si nasconde… e imprime alle azioni libere la sua identità” (System der transzendentalen Idealismus, IV, F). Arthur Schopenhauer riteneva inconscia la volontà di vivere. Su questa stessa linea si inseriva Henri Bergson.
Freud e i successivi psicologi del profondo fecero dell’inconscio, insieme ai concetti complementari di proiezione e rimozione che lo giustificano, il cardine del pensiero e della prassi psicoanalitica, portando questo concetto a livelli di diffusione mai raggiunti prima. In un certo senso, tutta la storia della psicoanalisi corrisponde ad un tentativo di articolare progressivamente una compiuta teoria della mente fondata sul costrutto teorico di inconscio.

Saluti

Scritto il 18 gennaio 2009 at 20:44

si si può fare qualcosa anche in questo senso……..
ciò nn toglie che questa generazione di giovani nn è peggiore di quelle passate (io personalmente sono convinto che sia migliore).

nella storia di atrocità commesse in nome di tutto ,di religione ,potere soldi, patria.(in cui si giustifica tutto anche la violenza gratuita)

delitti e atrocità nemmeno paragonabili a quelle di questi tempi..
e che messaggi subliminali hanno visto quelli che facevano i giochi nel colosseo,gli atzechi che sterminavano i loro stessi figli,
gli spagnoli in america.
nel medioevo le guerre continue,
i 60 milioni di morti nel 45,
i campi di concentramento,

ma non posso elencarli tutti.

io se dovessi muovere un accusa ai giovani di adesso ,..direi che sono troppo rinunciatari e apatici…….
dovrebbero lottare di piu per difendere il loro futuro

Scritto il 18 gennaio 2009 at 22:11

Per carpe diem49

Scusami ma perché pretendi di tradurre quello che uno scrive, se proprio lo vuoi fare usa il beneficio del dubbio.

Mi hai messo in bocca delle cose assurde, interpretando e distorcendo quello che ho scritto per assumere la difesa di qualcuno che non è stato assolutamente attaccato.

Per esempio:

5) ed ancora ci informi che arrivano messaggi confusi di rassicurazione dagli altoparlanti della nave (non specifichi da parte di chi ,… ma è esplicito “è il vostro Capitano che vi parla….);

Leggi bene le stive sono quelle del Titanic Italia ed il capitano è in questo caso il governo italiano e gli altoparlanti sono i mass media che cercano di rassicurare le persone con messaggi alquanto ambigui.

Sicuramente avendo scritto un discorso metaforico posso anche non essere stato chiaro, ma tu stai veramente esagerando.

il fatto stesso che tu forzosamente vuoi attribuire a quello che scrivo una valenza negativa, non è molto educato da parte tua.

leggi bene quello che ho scritto a
Malincinico

“Condivido in parte quello che dici, e a meno che tu non cerchi qualcuno che ti faccia riguadagnare quello che ai perso in borsa, cosa che sarà molto difficile nel prossimo futuro, senza correre il rischio di perdere ancora molti soldi, ti consiglio due possibilità…..”

Ma dove le vedi le cose che scrivi, se vuoi te lo traduco in altro modo ma non riesco a capire perché vuoi leggerlo in tutti i modi negativamente.

Ora per favore come te lo devo dire che io non ho nessuna intenzione di attaccare Andrea.

In tutto quello che hai tradotto, hai deformato e/o ti sei inventato le cose.

L’unica cosa che hai tradotto quasi bene è il richiamo ad assumersi ognuno delle responsabilità (vale per tutti) nel caso questa crisi volgesse al peggio, ma non certo nei termini che tu dici, ma ho solo, richiesto e consigliato ad Andrea di analizzare delle iniziative che qualcuno ha messo in campo in Italia per capire se secondo lui possono avere una qualche utilità.

Ora lui è libero di farlo o non farlo, ma non ti sembra, che se uno chiede un parere cosi difficile ed importante ad una persona, vuol dire che ha una grande stima della persona e di quello che scrive.

E prima che la tua mente partorisca chissà che cosa sulle genuinità del mio intervento, scrivi Ecolcity su Google e guarda a quanti forum e blog partecipo, solo 4 o 5 e solo perché condivido quello che scrivono, quindi quando io cito Ecolcity non è per cercare visibilità, senno andavo su quello di Beppe Grillo o su blog che hanno migliaia di accessi.

Ora devi sapere che quando ho aperto Ecolcity, visto che da più di un anno leggevo tutti i suoi articoli, ho scritto ad Andrea gli ho chiesto se voleva partecipare a questa iniziativa e cosa ne pensava e ora ti voglio far partecipe di una comunicazione privata che abbiamo avuto.

Da: [email protected]

Oggetto: Ho bisogno del suo aiuto per una iniziativa.

A: [email protected]
Data: Sabato 19 luglio 2008, 21:48

Buongiorno Sig. Andrea

Ho letto questo articolo L’ALBA DI UN’UTOPIA! è volevo inserirlo in una iniziativa, che ho iniziato di recente.

Questo sito si chiama http://www.ecolcity.it/ e vuole essere una risposta operativa alla prossima crisi economica, una risposta che molti
definirebbero utopica, ma che io sono convinto che se promossa dalle persone giuste potrebbe diventare una realtà.

Magari potevo inserirlo nella sessione ecol persone solo citando la fonte, ma preferirei se lo inserisse lei, magari anche citando il suo blog.

Seguo il suo blog da molti mesi e mi sono reso conto della sua capacità di vedere la realtà vera e questo le da la possibilità
di prevedere con buona approssimazione gli eventi economici che verranno.

Unire spiritualità della persona ed economia come lei fa spesso, dimostrando sensibilità, per molti potrebbe essere una eresia, ma non per me.

L’economia è vera economia solo se nasce nel rispetto dell’uomo, mentre quella che stiamo vivendo è una falsa economia, un’alchimia
non per creare giustizia sociale, ma solo per soddisfare l’egoismo umano.

E’ una guerra dove si nascondono i morti e quindi si fa vedere
solo quello che è positivo.

Mi piacerebbe se nel caso le piacesse l’iniziativa, se lei potesse criticarla con la tua esperienza e conoscenza di economia.

E sarei anche più contento nel caso le piacesse, se entrasse a far parte del team dei promotori.

Saluti e grazie per i suoi interessanti articoli

Roberto Franzè

————–

Da: andrea mazzalai [mailto: [email protected] ]
Inviato: lunedì 28 luglio 2008 7.18
A: [email protected]

Oggetto: R: Ho bisogno del suo aiuto per una iniziativa.

Caro Roberto, io non sono nessuno per poter criticare ne approvare la tua iniziativa, sono solo una persona comune che si è lasciata trascinare da un’impulso come avrai letto!

Tu devi seguire il tuo istinto, la visibilità è una cosa che nasce con il tempo, attraverso il lavoro, la passione, la convinzione, la consapevolezza nelle proprie idee e forze, attraverso il passaparola.

Seguirò la tua iniziativa, anche se il mio tempo lo rubo alla notte e sono in tanti a chiedermelo, se possibile tienimi informato.

Buona navigazione nelle acque delle tue convinzioni! Andrea

———-

Da: [email protected]
Oggetto: R: Ho bisogno del suo aiuto per una iniziativa.
A: [email protected]
Data: Lunedì 28 luglio 2008, 22:50

Ti ringrazio della tua risposta, porterò avanti l’iniziativa e spero che possa essere di utilità per le persone nel prossimo futuro.

Quando ci saranno delle novità importanti, ti informerò.

Complimenti per il secondo veliero che naviga in iniziative per una sana economia.

Saluti

———–

Ora caro carpe diem49 spero di averti dimostrato la stima che io nutro per Andrea, ed anche se mi sono sentito offeso dal suo richiamo alla visibilità.

Ma non per questo, non ho continuato a seguire il suo blog, a segnalarlo ai miei amici e ad intervenire quando pensavo che un mio commento fosse di qualche utilità.

Ecolcity non cerca visibilità, perché nasce tra amici che si frequentano, quindi ho dovuto anche faticare per convincere gli altri partecipanti a divulgare le nostre esperienze al fine di aiutare altri che avessero intenzione di creare iniziative simili.

Saluti

Roberto Ecolcity

Scritto il 18 gennaio 2009 at 22:47

Per Maatmatithiak

Condivido che l’esempio è il miglior modo di educare i propri figli, però io ho posto altri problemi.

La famiglia (tessuto familiare) in generale è sempre meno presente nelle vita dei bambini, vuoi perché i genitori lavorano in due, vuoi perché specialmente nelle grandi città, spesso non si vive più vicino ai propri parenti, vedi nonni o zii o cugini.
In questi ultimi decenni è diventato più forte l’influsso che il resto della società ha nell’educazione dei bambini.

In America un bambino passa dalle 4 alle 8 ore davanti la televisione o ad un videogioco, in Italia si arriva dalle 2 alle 4 ore, e spesso senza la sorveglianza di un adulto.

Se prima di rispondere avessi letto il materiale che ti ho segnalato, avresti capito come in questi anni la famiglia sia stata messa sotto attacco, proprio per questo motivo, solo distruggendo la famiglia si potrà annientare l’individualità delle persone ed arrivare a controllarle più facilmente.

Ti invito ad informarti sugli argomenti che ti ho segnalato, poi ne potremo parlare in modo più sereno.

Saluti

Roberto Ecolcity

Scritto il 19 gennaio 2009 at 00:22

Per Maatmatithiak #24

In effetti quello che dici può sembrare sensato ma non lo è, io non parlo solo del subliminale, ma di tutti i tipi di informazione, che esistono e degli eventi che qualcuno provoca ad arte per indurre i molti a fare cose che non sono nella loro natura.

Le guerre sono proprio un esempio giusto, tu pensi che i tedeschi erano delle belve assetate di sangue e che volessero uccidere gli abitanti e distruggere le città delle altre nazioni.

Per costringere persone pacifiche a commettere quegli orrori, gli è stato inculcato fin da piccoli che loro erano la razza Ariana e che erano una razza superiore, Hitler finanzio ricerche in tutti il mondo per dimostrare che il popolo tedesco era la discendenza di una razza eletta.

Patrizi e plebei
Romani e barbari
Civilizzati e selvaggi
Ariani e non ariani
Cattolici ed Islamici
Giudaici ed Islamici

Non esiste una guerra o una violenza collettiva che non sia stata compiuta senza prima aver convinto le masse della loro superiorità di razza o di civilizzazione o di credo o di pensiero.

Fin dall’antichità bastava deformare l’informazione per guidare migliaia di persone a fare gesti che non avrebbero mai fatto.

Divide et impera dice una locuzione degli antichi Romani

Il problema è sempre esistito, ora la tecnica subliminale è solo uno dei modi con cui si agisce sulla mente di un individuo, essendo una tecnica che agisce sull’inconscio dell’individuo è molto più efficace, perché supera le barriere razionali che ogni individuo si crea per la sua difesa;
nel caso dei bambini questi assorbono questi pensieri indotti senza difesa, mentre negli adolescenti che sono nella fase creativa di questa barriere, queste induzioni ne deformano la struttura, rimanendo sia nell’inconscio che nel conscio.

Ora come la possiamo chiamare se non guerra la morte di migliaia di giovani l’anno per incidenti stradali, giovano convinti che senza lo sballo non ci si può divertire, ho le migliaia di persone morte per la droga.

Come dici tu la violenza del singolo è sempre esistita, e sempre esisterà ma ogni volta che la violenza diventa collettiva c’è sempre una distorsione mentale indotta.

Un milione e mezzo di iracheni sono morti perché la razza civile ed evoluta doveva evitare che i cattivi barbari avessero la bomba atomica, peccato che poi si è scoperto che non era vero e che le prove erano false.

Ma nessuno poteva dire nulla perché 11 settembre gli USA erano stati attaccati.
Peccato che dopo qualche anno i sondaggi dicono che la maggioranza degli Americani non crede alla verità ufficiale, e che più di un terzo degli americani credono che sia stato un auto-attentato.

Distorcere la percezione della realtà negli individui permette di controllarli, la tecnica subliminale è una delle più potenti e più subdole.

Una ragazzo si drogherà, userà la violenza, crederà nel satanismo ecc.. pensando che questo è quello che lui desidera fare, e questo desiderio lui lo considererà più autentico di uno che lui ha creato con la propria ragione, perché quello che arriva dall’inconscio lui lo sentirà arrivare da dentro, come un istinto primordiale e non come frutto del suo ragionamento.

Prima di finire, voglio solo informarvi, che i messaggi subliminali fino a qualche anno fa, erano messaggi a sfondo sessuale e che incitavano all’uso della droga, da qualche hanno invece si stanno diffondendo messaggi ti tipo satanico ed io ne ho trovati molti anche nei cartoni animati per bambini realizzati dalle grandi catene cinematografiche.

Scusatemi tutti ma oggi mi andava da scrivere.

Saluti

Roberto Ecolcity

Scritto il 19 gennaio 2009 at 01:28

spero Roberto tu abbia chiesto il permesso di Andrea per pubblicare una sua mail….
MM

Scritto il 19 gennaio 2009 at 02:04

Come potete vedere l’ora non è delle migliori per continuare a tenere il timone ma vorrei solo aggiungere due piccole parole.

Se scrivo un post sulla famiglia sulle nuove generazioni è perchè ci credo, perchè darei la vita per i loro sogni, i sogni dei miei figli, i sogni dei figli della terra…..confesso che il Piccolo Principe mi ha sussurrato che ….tutti i grandi sono stati bambini una volta …..ecco perchè uso spesso le fiabe e le favole!

Comunque sia un piccolo messaggio….

” Non si conoscono che le cose che si addomesticano”, disse la volpe.” gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla. Comprano dai mercanti le cose già fatte. Ma siccome non esistono mercanti di amici, gli uomini non hanno più amici. Se tu vuoi un amico addomesticami!”
” Che bisogna fare?” domandò il piccolo principe.
” Bisogna essere molto pazienti”, rispose la volpe.
” In principio tu ti sederai un po’ lontano da me, così, nell’erba. Io ti guarderò con la coda dell’occhio e tu non dirai nulla.

……..Le parole sono una fonte di malintesi.

Ma ogni giorno tu potrai sederti un po’ più vicino….”

Tutti possono sedersi sulla tolda di questo veliero, tutti nessuno escluso!

Andrea

Scritto il 19 gennaio 2009 at 07:47

ragazzi,
ma nel medioevo il coprifuoco era una cosa normale….di tutti i giorni.
perchè…. perchè non si poteva uscire di notte …si rischiava la vita.

e il far west ….gente che andava in giro con 2 pistole e fucile in spalla.

e prima … il coltello faceva parte dell’abbigliamento…. non per bellezza.

e per fortuna che non si conosceva la droga (o la macchina) ….c’era solo il vino per abbruttirsi.
la sera erano tutti ubriachi e i piu forti si sfogavano battendo mogli e figli.

e questi che cartoni animati hanno visto?

tu in pratica dici che le guerre si fanno perchè si viene manipolati ,subliminati, e forse è vero , ma quante atrocità gratuite vengono commesse, quanti si sono mascherati da combattenti per sfogare i loro istinti.

se i mezzi che ci sono adesso ci fossero stati anche prima chissà che stragi del sabato sera .. chissà che sballi.

e poi ……non spostiamo il problema…….se c’è una crisi, se siamo in difficoltà, E’ COLPA NOSTRA , NON DEI GIOVANI

utente anonimo
Scritto il 19 gennaio 2009 at 09:46

robe’ cca nisciunu è fesso
lo spot della loren “accatativillu” non passa ,

e credimi non traduco nulla di quanto da te scritto.

anche se precisi che….

Ecolcity non cerca visibilità, perché …….

ma poi….. come la mttiamo con…..

….caro marinaio

ricodati, che per investire i tuoi soldi, solo e soltanto in caso di grave crisi, c’ è

http://www.ecolcity.it

nella sezione, sopravvivere alla crisi globale, troverai anche dei consigli per difendere i tuoi risparmi.

http://www.ecolcity.it

consigli su altri tipi di investimenti in caso di grave crisi economica globale vai su:

http://www.ecolcity.it

sei proprio un grande,
anzi che dico ,grandissimo

da oggi in poi so ,dove e a chi
chiedere consiglio per i miei
risparmi.

grazie ed ancora grazie
per avermi fatto conoscere ecolcity

cordialmente e buona fortuna roberto di ecolcity

carpe diem49

Scritto il 19 gennaio 2009 at 12:02

Per maatmatithiak #30

Guarda che io non sono contrario a quello che tu dici, ho solo detto che nelle società moderne nell’educazione dei bambini e degli adolescenti, ci sono altri elementi che influiscono e bisogna considerarli, non ho mai detto che non esiste anche l’abbrutimento umano, che l’esempio non conta, ho che l’amore che gli si da non è una cosa importante, era solo un modo di ampliare il discorso non di limitarlo.

Una frase che non capisco è questa:

e poi ……non spostiamo il problema…….se c’è una crisi, se siamo in difficoltà, E’ COLPA NOSTRA , NON DEI GIOVANI

Capisco che l’incomprensione è facile quando si discute di un argomento attraverso la scrittura, ma dove hai letto questa cosa nel mio scritto?

io non ho mai detto che la crisi è colpa dei giovani, perché nel mio discorso non accenno alla crisi.

Semmai da quello che ho scritto, si può dedurre il contrario, perché affermando che i giovani vengono influenzati loro malgrado, da quelli che loro ritengono strumenti di comunicazione sani, in parte li giustifico quando assumono comportamenti sbagliati.

Io penso che quando questa crisi economica ha messo le sue radici (1972 ), i giovani attuali non erano nemmeno nati e che loro la pagheranno senza avere nessuna colpa.

Comunque grazie delle tue risposte, a me non sembra che la pensiamo tanto diversamente.

Roberto Ecolcity

utente anonimo
Scritto il 19 gennaio 2009 at 16:37

Mi sembra incredibile che al giorno d’oggi possano esistere storie come questa:

http://www.salviamoemanuele.blogspot.com/

Non tanto per l’errore (??) medico che l’ha causata, ma per l’abbandono quando accadono queste cose. Uno stato dei popoli dovrebbe avere a cuore situazioni come questa, e invece ti lascia a te stesso… e invece si pensano a salvare le solite banche.

Io ho pianto leggendo la storia di Emanuele.

SR.

Scritto il 19 gennaio 2009 at 16:49

Per carpe diem49

Si dice: Errare è umano, perseverare è diabolico.

Lei mi stai giudicando ed offendendo senza nemmeno conoscermi.

Lei si è inserito in un commento che era espressamente rivolto al capitano.

Lei lo ha stravolto per alimentare una polemica sterile.

Ho provato a spiegarle che quello che avevo scritto non aveva l’intenzione di offendere il capitano.

Le ho illustrato che la natura di Ecolcity non cerca visibilità perché non vende nulla e non ha pubblicità.

Ecolcity non ha bisogno di visibilità perché è una iniziativa locale e comunque agisce su di un ambito limitato.

Io ho preso l’iniziativa perché lavoro con l’informatica di mettere l’iniziativa in rete per scambiare pareri tra persone che avessero preso già iniziative simili.

Poi qualcuno ha iniziato ad utilizzarlo per promuovere proprie iniziative e lo ha potuto fare perché non è un blog, ma è un social network dove tutti sono alla pari.

Quindi la gestione costa soldi, tempo e fatica.

Quando sono iniziati ad aumentare i contatti, alcuni mi hanno cominciato a chiedere il perché di tale iniziativa.

Io gli ho detto che sia perché si ama la natura, sia nel caso di grande recessione, investire i propri in terreni poteva salvaguardarli, visto che le case sono sotto bolla speculativa.

Inizialmente inviavo via e-mail i link di articoli che trovavi su blog finanziari, tra cui anche questo, ma questo era complicato da gestire.

Poi ho aperto una rubrica dove ho raccolto alcuni articoli (citando la fonte) e ne ho riassunto altri in articoli miei.

Tutto questo mi è costato centinaia di ore di lavoro, sottratte al mio lavoro, alla famiglia ed al mio riposo, senza contare i soldi che ho speso per fare il sito e tenerlo in rete.

Ho fatto tutto questo perché ritengo che in caso di grande recessione, non avremo il tempo di organizzarci, spendo il mio tempo per costruire una comunità virtuale che raccolga progetti da poter usare ne caso le cose dovessero andar male.

E lo sa perché sono certo che finirà male, perché le persone condizionate dal cinismo non credono, che al mondo esistono milioni di persone che aiutano e cercano di aiutare gli altri senza ricevere nulla in cambio.

E’ il cinismo che lei ha dimostrato in come mi ha risposto, che sono certo che nemmeno le appartenga, in quanto la sua difesa del capitano, per quanto fuori luogo e mal condotta, sono a dimostrare la bontà del suo intervento.

Purtroppo sarà questo cinismo condizionante che impedirà alle persone di intervenire per evitare il peggio.

I politici stanno svendendo l’Italia, i capitalisti la stanno saccheggiando e portano i loro soldi all’estero, gli imprenditori portano le loro aziende all’estero, le banche stanno riversando i loro debiti sugli ignari cittadini.

Ma gli ignari cittadini offuscati dalla loro ignoranza e dall’egoismo dilagante, invece di organizzarsi per cercare delle soluzioni, cercano ognuno di difendere il proprio orticello.

Sono sicuro che se lei spendesse un po’ del suo tempo a conoscere l’iniziativa, capirebbe che nasce per difendere le persone oneste, da quello molto probabilmente oramai non riusciremo ad evitare.

Perché quando passeremo dalla deflazione all’iperinflazione il sistema Italia non reggerà.

Non abbiamo autosufficienza energetica, stiamo perdendo le attività produttive, e siamo stati incapaci di creare nuove generazioni in grado di sfruttare le alte tecnologie.

Mi creda anche se utopico solo la nascita di migliaia di nuovi villaggi autosufficienti, che siano anche produttori di energia da fonti alternative, e la costruzione di nuove mini città a basso consumo ed altamente tecnologiche potrebbero diminuire le conseguenze di questa crisi.

Anche nel si riuscirà a tamponarla nel breve termine, non avremo ottenuto altro che rimandare il problema di qualche anno, che è quello che io spero per fare in modo che molte iniziative partano.

Per cui ritengo che abbiamo altre problematiche da affrontare e ci conviene affrontarle senza divisioni.

Lei vuole farmi delle critiche, le accetto volentieri, questo è quello che io penso che lo stato, ed in sua sostituzione i cittadini debbano fare per rilanciare l’economia italiana.

http://www.ecolcity.it/cms/economia-come-si-puo-rilanciare

Chiaramente è una mia idea ed io non sono nemmeno un economista, ma chissà visto come questi illustri economisti ci hanno ridotto, forse le persone comuni possono avere idee migliori, confrontiamoci sulle idee, magari ne esce qualcosa di buono.

In fondo spesso uno scusarsi reciproco, fa nascere buone amicizie.

Per cui mi scusi se malgrado quello che scrivo non riesco a dimostrarle, che quello che faccio e per Amore verso gli altri e non per altri fini meno nobili.

Con Sinceri Saluti

Roberto Franzè

utente anonimo
Scritto il 19 gennaio 2009 at 18:37

Cari compagni di viaggio,

anzichè perderci in sterili polemiche fra di noi,perchè non proviamo a mettere le nostre energie per migliorare questo mondo ed riuscire a sbarcare in quei mondi alternativi di cui ci parla Andrea?

Ho dedicato 2 ore del mio tempo per vedere i file di cui vi incollo il link e ne sono uscita nauseata, già sapevo della manipolazione per la riduzione della popolazione mondiale avendo letto il libro di Schooyans Michel : Nuovo disordine mondiale. La grande trappola per ridurre il numero dei commensali alla tavola dell’umanità (http://www.unilibro.com/find_buy/result_scrittori.asp?scrittore=Schooyans+Michel&idaff=0)……..ma vedere i 14 video che Mercato libero ha postato ieri ( http://it.youtube.com/watch?v=G7J5AqdoCY0&feature=PlayList&p=1411DF15106193AF&index=0&playnext=1 ) mi ha veramente colpito al cuore e quindi anche al cervello : occorre fare qualcosa,mi sono detta, ingenuità la mia? forse.
Comunque penso che uomini e donne di buona volontà ce ne sono ancora ed allora ho preso un altro po’ di tempo per postare questa mia .

Buona serata a tutti,
ccp

“http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=6391

utente anonimo
Scritto il 19 gennaio 2009 at 19:43

ccp sì, fare qualcosa, ma cosa possiamo fare contro chi ha un potere così enorme??
La verità è che siamo gli schiavi delle banche, e schiavi rimarremo.

Credo che internet per com’è ora sia stato un imprevisto bastone tra le ruote del carro nwo, un bastone che presto provvederanno a rimuovere o ammorbidire. In tutto il modno ci sono già progetti di limtazione della banda per i siti “non-mainstram”, bozze di legge creati dai camerieri dei banchieri per blindare i blog… per non parlare di un blogger coreano (del sud) arrestato qualche settimana fa solo perche scrivendo la verità su questa crisi ha “creato panico”.

Mentre le nostre coscienze si stanno appena sveglaindo e ci iniziamo a rendeere conto della situazione in cui siamo, questi avranno già messo le toppe al sistema e potranno riscostruirlo a loro piacimento.

Ho paura che non c’è via d’uscita, non ci sarà un’altra rivouzione francese. No.

Aspettiamoci un ennesimo imminente false flag per creare altro caos; seminando terrore e caos lavorano molto meglio. E poi una guerra risolverebbe tantissimi problemini (loro)…

grazie per i vostri preziosi commenti.

SR.

utente anonimo
Scritto il 20 gennaio 2009 at 01:24

Ciao ccp
condivido le tue preoccupazioni

Oramai sono 3 anni che cerco di diffondere queste cose, anche se in maniera molto velata, ed anche se questo video è già agghiacciante, quello che io ho avuto modo di ricercare ed analizzare è anche più preoccupante.

Purtroppo devo informarvi che internet non è un momento in cui le cose gli sono sfuggite di mano, ma è uno strumento creato a posta per controllarci e catalogarci.

Posso solo dare dei consigli.

Attenti agli antivirus e a tutti quei programmi che scansionano i vostri file.

Attenti ai motori di ricerca tipo
google e yahoo.

Attenti soprattutto a siti web tipo Facebook cioe a tutti quei sistemi dove inserite i vostri dati biometrici tipo la foto del volto.

Non mettete nessuna informazione importante che può mettervi nei guai sul vostro PC.

Se poi proprio volete fare una rivoluzione, ve ne aggiungo altri.

Trovate il modo di essere anonimi su internet, purtroppo è costoso e difficilissimo.

Praticamente un documento falso da usare in locali che danno accesso ad internet, entrateci travestiti da sesso opposto.

Una SIM dati intestata ad una persona che nemmeno vi conosce,
e collegarsi lontano più di 10Km dal luogo dove si vive.

Il notebook ed il modem GSM compratelo con lo scontrino ed in contanti in un supermecato

La stampante fate lo stesso, ricordate che le stampanti lasciano codici invisibili sulle pagine.

Non inserite nessun vostro dato e di nessun altro sul vostro computer o documenti che possano far identificare voi o chi vi è vicino.

Spegnete il notebook e staccate il modem e la batteria e riponeteli in una cassetta metallica per evitare che trasmettano almeno 10 km prima di arrivare a casa.

Fate tutto quello che scritto sopra anche con il vostro telefonino, il vostro GPS e la vostra auto tecnologica.

Fate fare tutto questo a tutti quelli che vogliono partecipare alla rivoluzione.

E ora scambiatevi le vostre informazioni per prepararvi alla rivoluzione.

Come dite è impossibile!!!

Infatti se volete fare una rivoluzione saranno proprio i mezzi che pensate di usare che ve lo impediranno.

In questi ultimi anni milioni di persone sono state schedate attraverso un super programma che le cataloga, con codice di pericolosità sociale per il sistema,
che viene ricavato dalla navigazione in internet e da quello che comprano con la carta di credito.

Da poco tempo questo sistema che era in test, è entrato in funzione negli USA ed è in sperimentazione in Europa.

E in grado di catalogare miliardi di persone e di controllare per ora centomila varchi al minuto, attraverso la lettura biometrica del volto o la lettura degli RFID che saranno inseriti in tutti i documenti di riconoscimento dal 2010.

Chi pensate che metteranno per prima nei campi di concentramento già pronti, nel momento che avranno il potere?

Leggetevi il trattato di Lisbona, perché nel momento della sua ratificazione finale, tutti i nostri diritti democratici non esisteranno più.

Internet non è la libertà ma la massima tecnologia della prigionia.

La vera libertà e quando io posso parlare senza essere ascoltato dal grande fratello, e questo nelle comunicazioni tecnologiche è impossibile

Ora per chi ha orecchio intenda, torniamocene in campagna

Saluti

RE

utente anonimo
Scritto il 20 gennaio 2009 at 14:27

Ciao RE,

grazie delle dritte che ci hai passato,ne farò tesoro.

siamo proprio messi male!

sono convinta anch’io che la salvezza sarà nella campagna, torneranno buone le terre dei nonni!!!

Peccato che la stragrande maggioranza dei giovani non sappiano distinguere una pala da un badile!

Grazie e buona giornata
ccp

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Stoxx Giornaliero Buongiorno a tutti, situazione molto fluida sullo Stoxx, settimana scorsa a
DJI Giornaliero Buona domenica a tutti, nel mese di luglio il primo dei tre facenti parte de
  All’interno del caos politico che ci sta interessando, con teatrini che nemmeno nel
Ftse Mib: l'indice italiano dopo il test di ieri dei 21.000 punti, apre positiviamente in scia alle
Finalmente una bella notizia in arrivo dall'economia reale, mentre un gruppo di ignoranti e inco
Il mitico simposio di Jackson Hole rappresenta da anni un appuntamento quantomai atteso. Come se
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Il mese scorso avevo promesso che avrei elencato alcuni degli errori più banali che mi è capit
Ftse Mib: ieri l'indice italiano ha chiuso bene in scia alle indiscrezioni che vogliono la possibili
Leggendo i verbali dell'ultimo FOMC, Donald Trump non deve aver trascorso una serata felice, la