DEUTSCHE BANK E LE FORZE OSCURE DEI MERCATI!

Scritto il alle 11:09 da icebergfinanza

Risultati immagini per palazzo deutsche bank tempesta

Ebbene si è vero è tutta colpa della speculazione!

La scorsa settimana, l’amministratore delegato di Deutsche bank, John Cyran, ha scritto una lettera ai propri dipendenti riportata da Bloomberg , dicendo che non c’è nessuna base per le attuali speculazioni,  “La nostra banca – scrive Cyran – è diventata oggetto di pesanti speculazioni”. “Il nostro lavoro – prosegue – è di far sì che le distorte percezioni dall’esterno non influenzino ancora di più le nostre attività. Ci sono delle forze di mercato che vogliono indebolire la fiducia nei nostri confronti. Perfino l’incertezza sul risultato delle azioni legali negli Usa non giustificano l’attuale declino delle nostre azioni”. “Mai negli ultimi 20 anni – dice ancora Cyran – la nostra banca è stata così sicura come oggi per quanto riguarda il bilancio. Con riserve superiori a 215 miliardi di euro la banca ha un cuscinetto di capitale molto ampio”.

Immagino che quando il loro capoeconomista propose un fondo pubblico europeo di salvataggio con i soldini dei contribuenti, pensava proprio a Monte dei Pasci di Siena e non certo a Deutsche Bank  o no?

Risultati immagini per palazzo deutsche bank tempesta

Gomblodooooo orrendo gomblodoooo!

Fa sorridere no, la banca essenza stessa della speculazione, frode e manipolazione, si lamenta che forze oscure di mercato vogliono indebolire la fiducia nei suoi confronti.

Poi all’improvviso…

ROMA – Il gup di Milano Livio Cristofano ha rinviato a giudizio tutti e 16 gli imputati – 13 persone fisiche e tre banche – per il caso Mps. Tra loro ci sono gli ex vertici e manager del Monte dei Paschi di Siena, Giuseppe Mussari, Antonio Vigni e Gian Luca Baldassarri, la banca Deutsche Bank (cinque ex dipendenti sono finiti a processo), della filiale inglese e italiana dell’istituto tedesco, della filiale londinese della giapponese Nomura, di Nomura International Plc.

“Ci difenderemo in tribunale e non abbiamo ulteriori commenti per oggi”, ha dichiarato Deutsche Bank.

Che sfortuna sempre e solo Deutsche Bank, poverina tutti ce l’hanno con lei!

Il tribunale accusa Deutsche Bank: “Frode per nascondere le perdite

L’operazione Santorini realizzata con la banca tedesca nel mirino dei magistrati di Firenze: “Una messa in scena”Una operazione «fraudolenta», una «clamorosa messa in scena orchestrata dagli organi operativi di Banca Monte dei Paschi e Deutsche Bank» allo scopo di nascondere una perdita in bilancio. Non si tratta di una generica accusa di parte o di una generica ricostruzione dei fatti, ma di una sentenza di un tribunale italiano. Che fissa per la prima volta le responsabilità della banca tedesca nel disastro di Mps.

Come racconta Mike chissà perchè hanno cambiato solo ora la metodologia di calcolo dei derivati? Is Deutsche Bank Cooking its Derivatives Book to Hide Huge Losses?.

db-fy2015

Come scrive il Sole 24 Ore…

Se la maggior parte degli analisti è convinta che la banca non sia certo sull’orlo del collasso e che probabilmente non avrà bisogno degli aiuti di Stato ventilati negli ultimi giorni (legalmente possibili, ma politicamente tossici per il cancelliere Angela Merkel sia sul fronte interno sia su quello europeo, dopo la linea dura assunta sulle banche italiane, come sosteneva oggi la stampa tedesca), è altrettanto diffusa la convinzione che avrà bisogno quanto prima di un aumento di capitale e che potrebbe annunciarlo una volta chiusa la partita con il Dipartimento di Giustizia Usa. «Gli ultimi eventi hanno sottolineato che l’attuale modello di business di Deutsche Bank è insostenibile – afferma ancora Kirkegaard – Semplicemente non le può essere consentito di operare con un bilancio da 1.500 miliardi di euro e solo poche decine di miliardi di euro di capitale».

E ora tenetevi forte perchè se questa notizia fosse vera, non ci vuole molto a comprendere i continui attacchi di queste settimane a Mario Draghi e alla sua politica economica…

Immagine

. Fa parte di queste posizioni, secondo informazioni raccolte dal Sole 24 Ore in ambienti finanziari a Londra e a Francoforte, una “scommessa” sui tassi d’interesse che comporta per Deutsche Bank una perdita finché i tassi restano agli attuali livelli vicino allo zero.

Ahahahahhhh! In mezzo ad una deflazione da debiti che terrà per lungo tempo i tassi a zero questi si sono messi a scommettere su un rialzo dei tassi o chissà quale altra diavoleria.

Se penso ancora a quella lontana primavera del 2011 e alla DEUTSCHE BANK: LA TRUFFA CON L’ITALIA INTORNO   mi viene da sorridere, sai è normale che una banca si sbarazzi di sette miliardi di titoli di Stato in un colpo solo, sai giravano certe voci sull’Italia!

Cosa hanno fatto i nostri eroi in Deutsche Bank tra la fine del 2010  e giugno del 2011, visto che in Italia e nei paesi periferici stava per arrivare la fine del mondo?

Ma ovviamente hanno liquidato, visto l’importo, solo la posizione in titoli di Stato italiani, limitandosi come vedremo a spostare le virgole per gli altri Paesi PIGS ( acronimo di Portogallo Irlanda Grecia e Spagna )

ImmagineCliccare sulla foto per ingrandire

Fonte Credit Risk Exposure to Certain European Countries

Per il momento ci fermiamo qui e vi lasciamo con alcune domande figlie del buon senso!

a) Per quale motivo Deutsche Bank nel primo trimestre del 2011 non ha azzerato la posizione GRECIA?

a) Per quale motivo Deutsche Bank addirittura ha aumentato l’esposizione al Portogallo che era sostanzialmente nulla e quella all’Irlanda?

Sveglia ragazzi, sveglia,  date retta alle leggende metropolitane raccontate da gente Semiseria!

Sarà interessante osservare cosa accadrà oggi mentre in Germania sono chiusi e festeggiano la festa dell’Unità Nazionale, soprattutto mentre circolano notizie che Deutsche Bank non si è ancora seduta al tavolo delle trattative con gli americani per concordare il livello della multa, dopo che le solite volpi venerdì hanno fatto uscire la notizia a sorpresa.

Speriamo che vengano risolti anche i problemi tecnici ed informatici di molti dei clienti di DB ;-)

Immagine

Per il resto come abbiamo scritto nell’ultimo manoscritto la settimana si annuncia alquanto emozionante soprattutto per il dollaro, in arrivo in serata i dati del settore manifatturiero mondiale e soprattutto l’indice ISM americano. Mercoledì invece il settore dei servizi e i dati sull’occupazione della ADP che anticipano il momento clou atteso per venerdì, con i nuovi dati per il mese di settembre sul mercato del lavoro americano. In serata la ciliegina sulla torta ovvero Moody’s comunicherà la revisione del rating Italia.

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta, l’informazione indipendente…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (21 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +16 (from 16 votes)
DEUTSCHE BANK E LE FORZE OSCURE DEI MERCATI!, 10.0 out of 10 based on 21 ratings
13 commenti Commenta
falco [email protected]
Scritto il 3 ottobre 2016 at 13:17

la mia percezione di Deutsche Bank e’ quella di un ististituto di credito mastodontico che riesce piu’ a capire in che direzione andare a causa di una perdita di redditivita’ e un gestione folle e impressionante come del resto ha il sistema bancario europeo .
Johon Cryan sostiene che esistono ” Forze Oscure” che mirano a destabilizzare la banca , bisognerebbe spiegarle che le Forze oscure si chiamano “DERIVATI” inseriti in un bilancio ad un valore ipotetico!!!! l’altro demone si chiama ” litigation” quasi 25 miliardi di cause legali se verra’ chiusa quella di 14 mld Usa a 5,5 mld.
Facendo rifereimento a quanto sopra e’ impossibile che :
– la banca rispetti gli attuali requisiti patrimoniali in quanto avendo una posta a Bilancio “ciucca” cambia I risultato operativo
– L’utile dichiarato ante imposte ( 1 miliardo ) non e’ reale perche’ e frutto dei un artifizio contabile ( sempre provocato da una posta ciucca relativa ai DERIVAti) , I tassi bassi purtroppo impattano ache sugli altri istituti.
– le reserve dichiarate di 215 miliardi sono frutto di attivita’ su cui si sta dibattendo pertanto quanto di quella liquidita’ sarebbe consumata in caso di un corretta valorizzazione dei DERIVATI IN PANCIA .
Questo e’ quelllo che DB dovrebbe spiegare ai suoi azionisti e al mercato magicamente potrebbe riottenere un minimo di fiducia , quantomeno metterebbe alla luce I problemi very della banca .
Ormai il mercato e la gente non hanno piu’ l’anello al naso

ciao da Falco

idleproc
Scritto il 3 ottobre 2016 at 14:25

Tenere anche presente che esistono le “bombe” ad orolgeria ma come sempre in “guerra” la tempistica è fondamentale sia per attivarle che per disinnescarle almeno fino a quando si può.
Credo che sia di questo che si lamentino o facciano finta di lamentarsi, ci sta in ballo il TTIP e altro oltre alla politica estera.
Sempre con propaganda a seguito, come d’uso.

stanziale
Scritto il 3 ottobre 2016 at 19:18

Mi domando quanto ancora il governo piddiota debba sopportare gli insulti della ue e quanto noi italiani possiamo ancora permetterci i piddioti, che si sottomettono a tutti i diktat dei tedeschi e francesi , validi solo per L’Italia
http://www.milanofinanza.it/news/good-bank-vertice-al-tesoro-dopo-stop-bce-a-ubi-201610030956368654
la ubi ha tutti i parametri a posto, ma la bce va sempre a cercare buio.

giobbe8871
Scritto il 3 ottobre 2016 at 20:49

è straordinariamente interessante DB…ah ah

giobbe8871
Scritto il 3 ottobre 2016 at 21:05

quando leggo DB, penso sempre a MPS e …. banca 121, vi ricordate il banchiere Vincenzo De Bustis ?

• Roma 12 luglio 1950. Banchiere. Ex amministratore delegato di Deutsche Bank Italia (2003-2008). Ex amministratore delegato del Monte dei Paschi di Siena (2000-2003). Nel 2008 si trasferisce a Londra per mettere in piedi un fondo di private equity (Bridge Capitals), che dopo pochi anni (2011) viene assorbito da una merchant bank romana quando lui torna a fare il banchiere a tempo pieno diventando direttore generale della Banca Popolare di Bari, carica che ricopre attualmente.
• «Cresciuto professionalmente nel triangolo capitolino Banca di Roma, Cofiri, Bnl, quando arrivò in Puglia, nel 1992, la Banca del Salento aveva 877 dipendenti e 5 mila miliardi di lire di raccolta. Otto anni dopo, in partenza per la direzione generale della banca senese, l’istituto di credito salentino, ribattezzato Banca 121, poteva vantare 16 mila miliardi di raccolta, 1400 dipendenti e 1700 promotori. Si fregiava del titolo di miglior “Virtual bank” italiana, ovvero pochi vecchi sportelli e tanto internet. Una crescita a mille grazie anche alla consulenza di Giorgio Mariotti, vecchio marpione della Borsa negli anni Settanta e Ottanta. D’Alema rimase impressionato dalla creatività e anche dalla grinta di un banchiere che stava facendo così bene proprio nel suo feudo salentino. Le loro strade rimasero separate fino al 1996. Non si può dire allora che De Bustis sia un “banchiere rosso doc”. Semmai un trasversale, come lo ricordano a Siena» (La Stampa).
• Problemi per alcuni spericolati prodotti finanziari (MyWay e ForYou) varati ai tempi in cui stava a Banca 121. Chiacchiere perché Deutsche Bank finanziò le scalate di Fiorani e Consorte.

http://www.cinquantamila.it/storyTellerThread.php?threadId=DE+BUSTIS+Vincenzo

giobbe8871
Scritto il 3 ottobre 2016 at 21:19

Mai negli ultimi 20 anni – dice ancora Cyran – la nostra banca è stata così sicura come oggi per quanto riguarda il bilancio. Con riserve superiori a 215 miliardi di euro la banca ha un cuscinetto di capitale molto ampio”.

Immagino che quando il loro capoeconomista propose un fondo pubblico europeo di salvataggio con i soldini dei contribuenti, pensava proprio a Monte dei Pasci di Siena e non certo a Deutsche Bank

Con riserve superiori a 215 miliardi di euro la banca ha un cuscinetto di capitale molto ampio”

Con riserve superiori a 215 miliardi di euro la banca ha un cuscinetto di capitale molto ampio”

aorlansky60
Scritto il 4 ottobre 2016 at 10:33

@ Stanziale

Mi domando quanto ancora

1) il governo piddiota debba sopportare gli insulti della ue

e

2) quanto noi italiani possiamo ancora permetterci i piddioti

nella mia personalissima visione,

risposta 1) : l’attuale governo [italiano] è filo-allineato al 100% verso l’UE [anche se renzi ultimamente stà lanciando qualche segnale di insofferenza verso bruxelles su alcuni temi per es. rigore osservanza dei bilanci e immigrazione clandestina] per cui nonostante eventuali sbuffate di nervosismo [da parte di qualche ns esponente dell’esecutivo] c’è da aspettarsi che il ns governo seguirà fedelmente i diktact provenienti da bruxelles; anche quelli più penalizzanti nei confronti dell’italia…

risposta 2) : finchè la “baracca” [da intendere come paese] reggerà; nonostante i molti preoccupanti scricchiolii che si sentono sempre più frequentemente provenire da più parti (gli stessi prima che crolli una casa compromessa nelle sue fondamenta).

Al momento in italia esiste una larga fetta di elettori fedele al pd; per venire compromessa questa fiducia, occorre che accadano fatti GRAVI [a colpire direttamente gli interessi di questi elettori], per es. : non penso proprio che le molte decine di migliaia di soggetti “trombati” dalle 4 banche decotte lo scorso anno, specie quelli di Etruria, CariFerrara e Banca Marche (radicate in territori tradizionalmente molto fedeli alla sinistra e al pd) concederanno ancora la propria fiducia al pd nelle prossime tornate elettorali, a cominciare dal referendum del 4 Dic…

così come avverto i [sempre più forti] segnali di insofferenza provenienti da molti territori italiani conseguenti la tuttora irrisolta faccenda dell’emigrazione clandestina, problema per il quale l’Europa ha risposto chiudendo le frontiere (da ovest a est, dalla Francia alla CH all’Austria, Slovenia, Croazia, Ungheria etc) delegando l’Italia a mero contenitore di nulla facenti, visto che il ns paese al momento [e per chissà quanto tempo ancora date le precarie previsioni economiche] NON è in grado di assorbire tutta questa potenziale forza lavoro inserendola nel proprio tessuto produttivo/industriale, un tessuto che è stato falcidiato e raso al suolo nel corso degli ultimi 8 anni.

kry
Scritto il 5 ottobre 2016 at 00:03

aor­lan­sky60,

2) quanto noi italiani possiamo ancora permetterci i piddioti

— P E RM E T T E R C I —

2 date

31 GENNAIO 2017

e

16 APRILE 2017

…. dopo non ci sarà più da ridere.

veleno50
Scritto il 5 ottobre 2016 at 09:29

aor­lan­sky60,

Che misero commento,non devo votare SI al referendum per i problemi di alcune banche posizionate in territori del centro Italia, e i veneti con le loro due popolari disintegrate cosa devono votare.L’immigrazione è colpa dei piddini ? Ieri probabilmente ti sei alzato dopo aver dormito poco, arrabbiato, hai scritto qualcosa per sfogarti un po.ciao

veleno50
Scritto il 5 ottobre 2016 at 09:30

kry@​finanza,

Ciao kry perchè quelle date? buona giornata

kry
Scritto il 5 ottobre 2016 at 10:08

ve­le­no50@fi­nan­za,

Ciao Veleno.

Stranamente ti possono riguardare.

31 gennaio è la data che certificherà la decisione del 31 dicembre di chi chiude la partita iva.

16 Aprile saranno quelli che volontariamente rinunceranno a continuare a versare i contributi INPS.

Ti posso garantire che uno già lo conosci senza mai averlo visto e assicurare che non sarà il solo.

Buona giornata anche a te.

perplessa
Scritto il 9 ottobre 2016 at 00:36

e li si invitano vengono, soprattutto se si danno diritti di prelazione nell’assegnazione delle case popolari e aiuti economici con i soldi del comune, a spese dei contribuenti. prova ad andare a guardare nel sito del tuo comune, cosa elargisce. io ho guardato nel mio, ma magari nel tuo non succede. Si da il caso che il mio sia piddino.se gli si permette di fare gli ambulanti senza licenza, se si afferma che i piccoli proprietar di immobili che non affittano agli afro sono razzisti, e via dscorrendo.

ve­le­no50@fi­nan­za: L’im­mi­gra­zio­ne è colpa dei pid­di­ni ?

perplessa
Scritto il 9 ottobre 2016 at 00:41

alcuni sono ottantenni che credono ancora che il pd sia il partito comunista italiano

aor­lan­sky60: Al mo­men­to in ita­lia esi­ste una larga fetta di elet­to­ri fe­de­le al pd;

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Analisi Tecnica Perso il supporto in area 19000 il nostrano si porta subito al test del supporto a
Ve lo ricordate il ministro delle Finanze olandese e presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsse
Ve lo ricordate il ministro delle Finanze olandese e presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsse
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Stoxx Giornaliero Buongiorno, siamo quasi arrivati al dunque sul principale indice dell’eur
DJI Giornaliero Buonasera e ben ritrovati per l’analisi sull’indice mondiale per eccellen
Setup e livelli angolari DOW JONES Setup Annuale Ultimo :2017 Range: 19667 – 24876 Uscit
La settimana ha avuto come grande protagonista il petrolio. E i mercati sembrano prendersi un pi
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Ftse Mib: l'indice italiano tenta di recuperare i 19.000 punti in apertura. In caso di break dei 19.