ITALIA: BLACK ROCK STRONG BY ITALY!

Scritto il alle 21:27 da icebergfinanza

Sono ormai lontani i tempi nei quali analisti ed economisti quotidianamente facevano a gara a panicare gli investitori con previsioni funeree per il futuro del nostro Paese.

Chi non ricorda i messaggini  di quell’idiota di giornalista americano che “twittava”  la corsa agli sportelli della popolazione italiana in piena notte, con le banche chiuse o ancora lo scoop del giornalista del Wall StreeT Journal che serafico affermava che il governo italiano aveva inevitabilmente truccato i nostri bilanci.  “I mercati stanno probabilmente sottovalutando il livello di difficoltà con cui l’economia italiana dovrà confrontarsi, e che l’attuale stato dei conti pubblici è peggiore di quanto riferito”.

Dovevamo fallire in Gennaio e ora non ci resta che attendere Marzo, poi probabilmente sarà la volta di Giugno!

Ricordate gli illuminati di Black Rock, quelli che a giugno dello scorso anno, suggerivano di fuggire dal debito pubblico italiano, solo perchè nel 2012 scadeva quasi la metà dell’intero debito pubblico italiano pubblicando i loro calcoli alla Trilussa e quella sceneggiata che va sotto il nome di Black Rock Sovereign Risk, quelli che a Gennaio comunicarono la fuga da Unicredit per poi sussurrare che era stato tutto un malinteso che erano stati fraintesi!

Ebbene questi soloni, il numero due mondiale dell’industria dei fondi di investimento, si quella che investe quotidianamente milioni di risparmiatori falciando i loro risparmi, questi soloni dicevo la scorsa settimana in una intervista  lla CNBC hanno condiviso l’ovvietà del senno di poi, che l’Europa continuerà nel suo recupero grazie al LTRO di liquidità appena ingurgitata.

Rick Rieder, responsabile per il reddito fisso di Black Rock ha suggerito di comprare debito italiano  ” Buy Italian debt. It’s the best value. ”  e di non comprare le obbligazioni degli altri paesi periferici dove ci sono rischi elevati!

Perchè mai comprare i nostri titoli se a gennaio il loro indice di rischio segnalava il nostro Paese come il più pericoloso al mondo dopo Irlanda Portogallo Grecia e Egitto peggio di Ungheria e Argentina e Colombia e etc etc.

E questi sarebbero il numero due della gestione patrinmoniale mondiale!

Attenzione però perchè la festa è finita! Arriveranno tempi migliori!

Roba da non credere inoltre hanno suggerito di evitare i titoli del tesoro Americano e che gli High Yield ora sono uno dei pochi investimenti interessanti al giorno d’oggi!

Poi tanto per cambiare, rilassatevi il QE3 la terza puntata del Quantitative Easing è ancora sul tavolo! http://pragcap.com/blackrock-on-credit-strategy

E pensare che molti di noi erano già fuggiti all’estero, perdendosi la parte più bella dello spettacolo epocale che si stava realizzando. Se penso a quanti si sono avvicendati al capezzale della nostra povera Italia in questi mesi per condividere la loro “Lectio Magistralis” sul default e sulla ristrutturazione che verrà, alzo gli occhi al cielo e sorrido!

Bene il viaggio attraverso la Consapevolezza continua!  ITALY IS BACK ma attenzione e ITALIAOTTO MESI DOPO!

Se ritieni interessante questo articolo condividilo con i Tuoi amici utilizzando i tasti di condivisione Twitter, Facebook, Linkedin e tanti altri ancora in fondo all’articolo stesso.

E’ stata spedita la nuova analisi dal titolo “STRONG BUY ITALIA” un viaggio nell’Italia che verrà, osservando le dinamiche che ci attendono nelle prossime settimane per gettare le basi per i prossimi anni.

Chi fosse interessato all’analisi ANNO 2012: ESPLOSIONE DEL DEBITO! che fa il punto sui rischi e stelle polari del 2012 può richiederla con una libera donazione cliccando sul banner in cima al blog o QUI

Icebergfinanza partecipa al ” ENEL BLOGGER AWARD 2012 ” Se qualcuno di Voi trova un attimo di tempo ed è disponibile a sostenerci , questo è l’indirizzo per votare Semplicemente grazie! http://www.enelbloggeraward.com/.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.3/10 (15 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +12 (from 12 votes)
ITALIA: BLACK ROCK STRONG BY ITALY!, 9.3 out of 10 based on 15 ratings
6 commenti Commenta
Scritto il 4 marzo 2012 at 22:28

Con il LTRO il buy è inevitabile… :wink:

icebergfinanza
Scritto il 5 marzo 2012 at 08:26

Dream Theater,

Solo che i pragmatici esterofili questo non lo comprendevano tutti intenti a urlare ai quattro venti…

john_ludd
Scritto il 5 marzo 2012 at 08:47

Dream Theater,

Vero però è tutto molto tirato. Quindi direi che con LTRO il buy “era” inevitabile. Oggi non vedo più margini. E anche in questo caso, come in tutti gli altri casi di inondazione di liquidità, chi speculativamente ha comprato oro, argento e petrolio ha guadagnato molto di più che rincorrendo i debiti sovrani. Tutto è diventato una bisca, solo che il tavolo è truccato e il denaro è come quello del monopoli. Se poi noto che il meglio del meglio sono stati i rialzi di banche che erano e restano fallite come Commerzbank, SG e MPS allora mi posso tranquillamente bere un caffè aspettando il diluvio prossimo venturo. Una volta si parlava di investimenti, oggi anche nonna Pina è uno speculatore.

ilcuculo
Scritto il 5 marzo 2012 at 09:08

Con il primo LiTRO di liquidità el banche si sono messe al sicuro per il loro debito, con il secondo LiTRO aiuteranno a tenere bassi gli spred ed scollineremo il primo quadrimestre di rifinanziamento in agilità, al più con un leggero accrociamento della durata media del debito…

L’Italia non fallisce….

Ma il declino non is arresta e questo è anche peggio perchè se non rimettiamo in pista la macchina produttiva italiana il nostro futuro è segnato.

john_ludd
Scritto il 5 marzo 2012 at 10:02

ilcuculo@finanza,

LTRO è un prestito senior su tutto il resto. Nel breve ha effetti positivi, nel lungo è una pietra tombale sulle banche che ne hanno fatto uso massivo. Lo scopo principale non dichiarato è quello di riportare il debito sovrano all’interno dei confini nazionali. La BCE presta il denaro ma con l’obbligo implicito di acquistare debito pubblico. Se, come accadrà, tra 3 anni le banche non saranno in condizioni di restituire i prestiti cosa accadrà ? Non ho buone sensazioni, ma certo l’eventuale break up della zona euro è facilitata da LTRO e non il contrario. D’altra parte questo era il vero problema: nessun paese ben gestito dovrebbe collocare debito pubblico fuori dai confini nazionali. E’ abbastanza irrilevante che si emetta moneta oppure no. Un creditore estero può far fallire uno stato in maniera esplicita se quest’ultimo ha un eccesso di debito in valuta estera, oppure abbatterne il valore della moneta con conseguente importazione di inflazione estrema se lo stato ha debito in moneta propria, un default mascherato come quello che avverrà in USA e GB. Sensazioni, non profezie. Questo sistema finanziario è uno zombie che si nutre del poco sangue rimasto e nessuno lo riporterà in vita. Nel lungo termine avremo un sistema assai migliore ma prima dovremo scavare per uscire da una buca molto profonda.

yaldus
Scritto il 5 marzo 2012 at 11:45

@John_Ludd che scrive “… il vero problema: nessun paese ben gestito dovrebbe collocare debito pubblico fuori dai confini nazionali”
Proprio questo è il nostro grande problema! Sempre sciagurati saranno quei consulenti finanziari di stato i quali, negli anni novanta, suggerirono ai politici di chiedere i denari alla Francia! Da allora, addio sovranità della nostra povera Italia!

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
SENTIX: scende sotto lo ZERO l'indice di fiducia degli investitori. Ma occorre andare oltre a ques
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Ftse Mib: l'indice italiano apre debole riavvicinandosi pericolosamente al supporto statico collocat
Lo schiaffone di venerdi è sicuramente pesante da digerire. Una debacle che nasce fondamentalme
La questione dei mutui, in particolare il rischio di un possibile aumento e inasprimento delle c
Per rafforzare l’integrazione pensionistica complementare la Commissione Ue fin dal giugno 2017 ha
Guest post: Trading Room #302. La settimana scorsa è stata una delle peggiori dell'anno per la bo
Inizia una settimana davvero decisiva per le sorti dei mercati, una settimana ricca di appuntame
Analisi Tecnica E come da manuale, siamo andati a chiudere il gap a 19780 portandoxi in un'area mol