AMERICA: PAYROLL OCCUPAZIONE …UNA RONDINE FA PRIMAVERA!

Scritto il alle 08:04 da icebergfinanza

Nessuna illusione, ormai lo sappiamo tutti che in autunno ci sono le elezioni americane, se serve taroccare qualche dato per tenere alto il morale è cosa buona giusta, visto che in passato non è mai accaduto…

Falsi dati su disoccupazione Usa per favorire Obama

New York, 19 nov. (TMNews) – Nuove accuse sulla manipolazione dei dati di disoccupazione negli Stati Uniti prima delle presidenziali. Il tasso di disoccupazione negli Usa, nel settembre 2012, fece registrare una diminuzione dello 0,3%, attestandosi sul 7,8 per cento. Fu un dato positivo per l’economia americana, diffuso poco prima delle presidenziali, che aiutò Barack Obama a confermarsi alla Casa Bianca. Allora, l’ex amministratore delegato della General Electric, Jack Welch, accusò l’amministrazione di aver manipolato i dati e ora nuove accuse arrivano dal New York Post, in un articolo di John Crudele.

Secondo il Post, le persone incaricate di condurre i sondaggi – su cui si basano i dati sulla disoccupazione – subirono pressioni per falsificare i dati, completando le schede sullo status lavorativo dei cittadini, in caso di risposte incomplete o assenti. In realtà, il problema dei dati inventati risale al 2010, quando un impiegato del Census Bureau – incaricato dal dipartimento del Lavoro a condurre i sondaggi – fu scoperto mentre ‘fabbricava’ le risposte. “Ma non è l’unico” ad averlo fatto, ha assicurato la fonte del quotidiano, secondo cui diventò un’abitudine per molti impiegati, soprattutto nella campagna elettorale dello scorso anno, e che prosegue anche oggi.

Noi così per gioco proviamo ad indovinare cosa accadrà oggi ai dati sull’occupazione sulla base delle premesse tra cui la prima privata e indipendente è questa…

Stati Uniti, boom di licenziamenti a fine aprile

(Teleborsa) – Tornano a lievitare i licenziamenti negli Stati Uniti, bilanciando i segnali di miglioramento del mercato del lavoro americano, evideziati nei mesi scorsdi. Un dato che peggiora il quadro delineato ieri dal rapporto ADP. Secondo il rapporto Challenger, Gray & Christmas, le principali società statunitensi hanno annunciato ad aprile un taglio di 65.141 posti di lavoro, in aumento del 35% rispetto al mese precedente. A marzo i licenziamenti sono stati pari a 61.582 unità (+5,8%), mentre a febbraio si era registrato un calo del 31,7%.  Da inizio anno i datori di lavoro hanno annunciato complessivamente 250 mila licenziamenti, il 24% in più rispetto al 2015. Si tratta del taglio più forte di posti di lavoro dal 2009. Il settore energetico è quello che continua a registrare il più ampio taglio di posti di lavoro, a causa dei disinvestimenti delle compagnie petrolifere, … ma vi sono stati dei ridimensionamenti di organico anche in altri settori.

L’altra è questa…

Usa: +17mila a 274mila richieste iniziali sussidi disoccupazione, peggio delle stime

Per la seconda settimana consecutiva, il numero di lavoratori che per la prima volta hanno fatto richiesta per ricevere sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti si è attestato in aumento nei sette giorni al 30 aprile. Secondo quanto riportato dal dipartimento del Lavoro, le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono cresciute di 17.000 unità a 274.000.(…) Gli analisti attendevano un dato in rialzo a 260.000 unità, dalle 257.000 della settimana precedente.America24

Altri dati li abbiamo visti ieri con il netto calo dell’occupazione del settore privato ADP e in generale attraverso la fiducia dei consumatori. Abbiamo visto come continua l’emorragia nel settore manifatturiero dai dati ISM e come il settore dei servizi abbia aggiunto circa 150.000 posti.

Loro, quelli della mano di dio, gli analisti di Goldman, si aspettano addiritura un aumento a 240.000 posti, chissà forse hanno pagato qualche bonus alle persone incaricate di condurre i sondaggi, per fare il lifting.

La sintesi è che i dati, se la verità fa l’occhiolino, saranno decisamene inferiori alle aspettative, ma è meglio tirare una monetina, non si sa mai.

2 commenti Commenta
aorlansky60
Scritto il 6 Maggio 2016 at 14:56

da nota di Ag appena emessa :
Negli Stati Uniti sono stati creati 160.000 posti di lavoro, il dato più basso da settembre, mentre gli analisti attendevano la creazione di 205.000 posti di lavoro.

aorlansky60
Scritto il 6 Maggio 2016 at 14:59

…naturalmente, il dato è riferito al mese di APRILE appena trascorso.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
ICEBERGFINANZA NEL MONDO
Articolo dal Network
29 febbraio 2024 UNICREDIT Lettura grafica e analisi dei posizionamenti monetaria relativi alla sc
Come vedremo nel fine settimana insieme al nostro Machiavelli, le ultime minute hanno rivelato c
Guest post: Trading Room #512. Il grafico FTSEMIB weekly ha raggiunto vette importanti ma anche un
La trimestrale di NVIDIA stupisce i mercati e il rally continua. Ma allo stesso tempo, il mercato ob
La Cina è un'immensa mina deflattiva esplosa nell'oceano globale, una spettacolare bolla immobi
Lo so, deve essere stato difficile per ben 13 anni aspettare l'inflazione, chiamare l'inflazione
Guest post: Trading Room #511. Il grafico FTSEMIB weekly ha una struttura che continua ad essere r
Malgrado i dati macro non sicuramente eccezionali per i mercati, con un'inflazione che sale e cambia
Giornata perfetta ieri, con nuovi massimi sui mercati europei come aveva previsto su Twitter il
Oggi, terzo venerdì del mese, è giornata di scadenze tecniche. Scadranno le opzioni su azioni, le
CONTATORE