ASPETTANDO … BABBO NATALE FED.

Scritto il alle 11:05 da icebergfinanza

 Il 2015 probabilmente verrà ricordato come la più grande farsa monetaria della storia!

Oltre un anno e mezzo per attendere il nulla, ovvero un aumento di 0,25 punti base da parte della Federal Reserve, quasi un anno per scoprire che il quantitative easing di Draghi a quasi nulla è servito, ne per rilanciare l’inflazione, ne per rilanciare i mercati.

L’unico risultato certo è la repressione finanziaria, a breve tassi negativi ovunque.

Oggi ciò che conta è il commento a margine, o meglio le parole che saranno usate per accompagnare l’aumento dei tassi.

Quello che è assolutamente certo è quanto sintetizzato qui sotto…

Embedded image permalink

In sintesi quello che andiamo ripetendo ormai da cinque anni, l’unico modello da prendere in considerazione per comprendere quando questa crisi finirà è quello della crisi giapponese degli anni ’80, ovvero tassi zero per tanti anni ancora.

Questo dimostra l’assoluta efficacia del nostro modello empirico, la nostra bussola che da anni segna senza errori la direzione da prendere.

Un aumento, forse due, tutto già scontato nonostante un’economia anemica, una crescita abbondantemente sotto il potenziale e poi basta un nulla…

Un numero qualsiasi di nuovi fattori potrebbe costringere la Fed a invertire la rotta e tagliare nuovamente i tassi: uno shock esterno che colpisce l’economia degli Stati Uniti, bassa inflazione persistentemente, lo scoppio di qualche nuova bolla finanziaria che colpisce l’economia, o di moto ha perso in un ciclo economico che, a 78 mesi, la fine di un ciclo che ormai è tra i più lunghi tra le complessive  33 espansioni che l’economia statunitense ha vissuto dal 1854.

Nel frattempo nulla da fare per i fans dell’inflazione anche questa volta in America, per l’ennesima volta…i prezzi al consumo negli Stati Uniti sono rimasti piatti in novembre, schiacciati dal calo dei prezzi del carburante. Tuttavia, il trend più generale mostra segnali di rafforzament sulla scia dell’aumento dei costi dei servizi. Sono aspetti che saranno tenuti in considerazione dalla Federal Reserve nel decidere se alzare il costo del denaro per la prima volta dal 2006. Secondo quanto reso noto dal dipartimento del Lavoro americano, l’indice dei prezzi al consumo è rimasto fermo, dopo il rialzo dello 0,2% di ottobre. (America24)

Cosa se non un semplice grafico per mettere le dinamiche nella giusta prospettiva, in un’economia che secondo loro ha raggiunto la piena occupazione, scoppia di salute dopo la più imponente iniezione di stimoli fiscali e monetari della storia dell’economia.

Titolo e Core CPI

Thanks to Advisor Perspectives

Ancora meglio se la prospettiva si allunga e la tendenza diventa palese…

Inflazione Dal 1872

L’indice Manifatturiero del distretto di New York recupera lentamente dopo una caduta che ormai dura da sette mesi su 9, senza dimenticare che gli ultimi sono i mesi più importanti per il settore manifatturiero in genere.

 

United States NY Empire State Manufacturing Index

Infine un rapido sgurado alle vendite al dettaglio, i consumi in America.

Nel frattempo mentre i fondi hanno avviato la lavatrice di fine anno, come scritto ieri dietro le quinte torna a salire la tensione nelle banche esposte al settore energy …

Wells Fargo, maggiore banca americana per capitalizzazione di mercato, teme il ribasso delle materie prime e mette in guardia contro “possibili stress” del portafoglio di attività collegate all’energia. (…) “Alcuni investitori hanno liquidità sufficiente per superare il ciclo, ma altri saranno sottoposti a stress significativo e potrebbero essere costretti a vendere asset o a ricapitalizzare”, ha detto al Financial Times, spiegando che Wells Fargo “è nel settore energetico da oltre trent’anni e non temiamo i cicli,

…ma quello in corso appare più ampio e potrebbe durare più a lungo”.

Ma di questo ne parleremo insieme a Machiavelli nel prossimo manoscritto. L’appuntamento è per l’inizio del 2016 e molto dipenderà dall’evoluzione da qui a fine anno.

Noi un’unica certezza l’abbiamo è l’analisi EMPIRICA e il genio del grande LEONARDO, ovvero nulla cambia, tutto è per sempre uguale.

Ricordati che l’informazione indipendente ha bisogno anche del Tuo sostegno.

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’ oceano infinito di questa tempesta perfetta …Chiunque volesse ricevere le ultime analisi di Machiavelli può liberamente contribuire al nostro viaggio

cliccando qui sopra …

o sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie

Immagine.jpg20

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.2/10 (12 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +8 (from 10 votes)
ASPETTANDO ... BABBO NATALE FED., 9.2 out of 10 based on 12 ratings
Tags:   |
6 commenti Commenta
reragno

Vorrei fare i miei complimenti al Capitano che diventa sempre di più noto anche ad altri blogger che riportano i suoi articoli per spiegare quello che non fanno gli organi di informazione:

http://www.maurizioblondet.it/salva-banche-prestiti-subordinati-campo-dei-miracoli/

kry
Scritto il 16 dicembre 2015 at 23:21

Visto l’aumento dei tassi che dire
a tutto ci pensa Babbo Natale che sta portando in anticipo un SACCO di doni …

http://www.finanza.com/Finanza/Dati_Macroeconomici/Nord_America/notizia/Stati_Uniti_inatteso_calo_della_produzione_industriale_a_no-449395

questo poi

http://www.finanza.com/Finanza/Valute_e_materie_prime/Nord_America/notizia/Petrolio_prezzi_tornano_a_scendere_Stati_Uniti_verso_la_li-449392

non c’e che dire se non che

sono arrivati alla canna del gas … ormai quasi GRATIS

https://it.finance.yahoo.com/q?s=NGF16.NYM ( oggi minimo a 1,79 )

[ di questo passo la vedo dura investire nelle energie alternative ]

kry
Scritto il 16 dicembre 2015 at 23:46

Aspettando …. BABBO NATALE

anche noi godiam con BABB(E)O NATALE.

http://www.finanza.com/Finanza/Notizie_Italia/Italia/notizia/Pil_Renzi_vede_crescita_raddoppiare_nel_2016_a_16-449364

d
Scritto il 17 dicembre 2015 at 09:17

kry@finanza,

è tipico degli ubriachi vedere doppio…..

kry
Scritto il 17 dicembre 2015 at 09:54

d@finanza,

Anch’io l’avevo pensato anchè perchè chi guida una nazione dovrebbe rendersi conto di quanto mi sto domandando:

” Sono solo io che vedo le bilancie commerciali di molti paesi migliorare nonostante una diminuzione delle esportazioni ? ”

Forse conosce già i dati che sto aspettando relativi all’italia del mese di ottobre in uscita tra qualche minuto.
Ciao.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: l'indice italiano segna un po' di debolezza oggi. Ricordiamo che dalla prossima settimana
E si, purtroppo continuiamo a parlare di Brexit, mentre loro continuano a credere alle favole, n
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Alert pensioni per l'Italia che arranca nella classifica di sostenibilità dei sistemi pensionistic
Ftse Mib: l'indice italiano oggi apre debole. Il quadro grafico però rimane invariato. Possibile ne
Quali sono i ritorni, ovvero i rendimenti attesi dalle varie asset class nei prossimi 5 anni? Ec
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Nel mese di ottobre sono salite le tariffe di luce e gas per i consumatori ancora in regime di maggi
Questo mercato sta diventando veramente difficile da gestire, soprattutto per il breve termine,