GRECIA E AMERICA: LA FARSA CONTINUA!

Scritto il alle 09:30 da icebergfinanza
  

PRIMA DI INCOMINCIARE RICORDO A TUTTI L’APPUNTAMENTO DI DOMANI A BOLOGNA ORE 18.00  come da locandina in fondo al post e in cima al blog. Non mancate!

Davvero i Don Chisciotte di Grecia, Tsipras e Varoufakis hanno fatto tutto questo casino per cinque mesi, creando paura, panico, sofferenza, recessione e fuga di capitali nel loro Paese per arrivare a questo risultato, il risultato che tra le righe sta scritto sui giornali, ovvero il nulla, con non cambierà il destino della Grecia?

Mentre i ministri greci ed europei se la spassano in giro per l’Europa su jet privati e in alberghi da 300/500 euro a notte  noi torniamo ad occuparci dell’economia americana, America dalla quale è nata la crisi e unico luogo nel quale la crisi finirà.

Sembra davvero di essere tornati ai bei tempi della lontana primavera 2007, quando tra i dati uno sconosciuto blogger qualunque di provincia intravvedeva l’arrivo della Grande Recessione.

Gli ordini di beni durevoli negli Stati Uniti sono calati in maggio per la terza volta in quattro mesi, segno del fatto che le aziende americane continuano a preferire la cautela. Come riporta il dipartimento al Commercio, gli ordini di beni destinati a durare più di tre anni, sono scesi dell’1,8%. Gli analisti attendevano un ribasso dell’1%, dopo il calo dell’1,5% di aprile (rivisto al ribasso dal -1% della prima stima). (America 24)

Chiara la dimensione dei numeri e delle revisioni per non parlare del consenso di unitili e costosi economisti ed analisti che non ne indovinano una a morire  o serve un grafico dopo quello della produzione industriale?

http://icebergfinanza.finanza.com/files/2015/06/durable%2BGoods%2B2015-06-23.png

United States Durable Goods Orders

Thanks to TradingEconomics

C’è da dire una cosa a discapito dell’economia americana, ovvero che dopo il freddo e la neve dei primi tre mesi, ora ci sono i tornadi, la grandine, il caldo e le cavallette del secondo trimestre a giustificare tale andamento.

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta …

Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio … cliccando qui sopra o sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie.

Scherzi a parte una scusa c’è davvero…

Nei primi cinque mesi dell’anno gli ordini sono in calo del 2,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. A incidere sul ribasso di maggio è il calo del settore trasporti, penalizzato dal rallentamento degli ordini di aerei, scesi del 35,3% (escludendo i trasporti il dato sarebbe in aumento dello 0,5%). Escludendo i numeri volatili del settore difesa, in rialzo, il dato è salito del 2,1%. Gli ordini di beni capitali, indicatore importante degli investimenti delle aziende, sono aumentati dello 0,4%, dopo il calo dello 0,3% di aprile, il settimo consecutivo.

… anche se la realtà è sempre questa ovvero che il Pil è fatto anche di questi particolari e inoltre il settore manifatturiero non gode di buona salute.

Immagine

Si certo si vendono più case ma il diavolo è nascosto nei dettagli, si come un intero treno di diavoli è nascosto nei dettagli della proposta greca di lunedi della quale potete trovare traccia QUI.

Chi è il diavolo? Ma dai, non ditemi che non lo sapete!

The full Greek proposal to the institutions

“The proposals contain 7.9 billion euros of measures, of which 7.3 are from increases to tax and social security contributions.”

Poi all’improvviso….

  • IMF DISAGREES WITH GREECE ON CORPORATE TAX, VAT AND PENSIONS – EU SOURCES (Marketnews)

Immagine

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (13 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +11 (from 11 votes)
GRECIA E AMERICA: LA FARSA CONTINUA!, 10.0 out of 10 based on 13 ratings
7 commenti Commenta
d
Scritto il 24 giugno 2015 at 13:54

Caro Andrea, come dimenticare quei mesi del 2007?
leggendo i tuoi post per la prima volta provai il condiviso senso di sgomento davanti a quello che in quel tempo solo pochi vedevano. lo stesso sentimento che provo ora.

d
Scritto il 24 giugno 2015 at 13:55

C’è solo un piccolo particolare: questa volta le munizioni sono finite

reragno
Scritto il 24 giugno 2015 at 14:06

d@finanza,

E’ giusto così: la crisi non ha insegnato nulla.
Che si riparta da zero e si punti sull’uomo e sul benessere di tutti non sugli HFT tanto cari alla City e a Wall Street

aorlansky60
Scritto il 24 giugno 2015 at 15:24

C’è solo un piccolo particolare: questa volta le munizioni sono finite

ma non è detto…

se messi con le spalle al muro, coloro che conducono il banco potrebbero provare ad intensificare la misura di droga in concessione se occorre (il “faremo qualsiasi cosa, se occorre, e vedrete che sarà sufficiente” pronunciato nel luglio2012 entrato nella leggenda, leggi : ulteriori QE, tanti soldi facili a tasso zero) visto che è TANTO quello che hanno da perdere per quello che hanno messo in gioco, un volume ormai incalcolabile e incontrollabile entrato in circolo;

per di più, visto che ormai non è più solo una questione di “borsa americana” o di “borsa UK” ma essendo tutte le piazze mondiali legate tra loro, se inizia un epidemia di panico (a proposito, nonostante un apparente disgelo di due giorni fà, sembra che siano ritornati certi attriti tra FMI e gov greco e che l’idilio non sia poi così scontato come hanno scommesso le borse nelle ultime due sedute…) e il contagio si diffonde (in fondo, non andò così anche molti decenni fà???…) allora potrebbe accadere qualcosa di spettacolare (per modo di dire)…

kry
Scritto il 24 giugno 2015 at 15:39

GRECIA E AMERICA: LA FARSA CONTINUA! …. FRANCIA O SPAGNA PUR CHE SE MAGNA !

andrea4891
Scritto il 24 giugno 2015 at 21:19

dici che Tsipras e Varoufakis con la loro politica hanno rovinato il loro paese in cinque mesi più di quanto MARIO MONTI rovinò l’Italia in una settimana o poco più ??!!

non credo: in Grecia era rimasto ben poco da rovinare, e questi due splendidi giocatori riescono ancora, dopo 5 mesi, a prendere in giro le puzzolenti signore che hanno in mano i destini d’Europa e di mezzo mondo

kry
Scritto il 25 giugno 2015 at 09:29

Tra una farsa ed un altra sembra che un pezzo della sana buona ed indipendente informazione finanziaria stia per mollare. http://intermarketandmore.finanza.com/time-out-72814.html

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Ftse Mib: l'indice italiano prosegue al ribasso e, dopo aver infranto il supporto statico dei 23.00
The Big Short. Anche la giornata di ieri è stata contraddistinta dalla rottura di importanti suppor
Ieri per la prima volta in assoluto dopo l’inizio di un lungo viaggio durato oltre 6 anni ab
Le motivazioni sono state ampiamente descritte nelle ultime settimane. Adesso siamo qui a commen
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
La volatilità in questi giorni ovviamente regna sovrana, il mondo si è risvegliato dal sogno G
FTSE MIB: come da attese ieri l'indice italiano ha tentato il rimbalzo e lo ha fatto con un pattern
Tutti i mercati hanno ormai oltrepassato l'area di crossover della distribuzione e si sono diretti r
Contagiati, morti, guariti in Italia e nel mondo. Anche se i conti non mi tornano Per l
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u