AMERICA: LA DEPRESSIONE UMANA CONTINUA!

Scritto il alle 08:43 da icebergfinanza

Mentre in America le revisioni trasformano il rospo occupazionale in un piccolo principe noi preferiamo dare un’occhiata sotto i vestiti per osservare come in realtà il principe è solo l’ennesima illusione!

Se date un’occhiata alle revisioni degli ultimi 19 mesi vi accorgerete del grado di affidabilità dei numeri che escono mensilmente ad opera del BLS ufficio del lavoro americano…

 

By David Yanofsky — February 1, 2013

Bureau of Labor Statistics Jobs Revisions Chart

Cosa vuoi mai che è quando sbagli di 100000/200000 posti di lavoro più o meno, uno tira l’altro l’importante è che i conti tornino.

Pensate che nel terzo trimestre del 2006 il BLS aveva segnalato la creazione di circa 498.000 posti di lavoro grazie anche al contributo positivo del settore edilizio. Qualche trimestre dopo puff… badate bene che non si trattava di una semplice revisione, ma di un totale annullamento dei dati precedentemente comunicati che portarono il totale della forza lavoro creata a 19.000 unità e che solo nel settore edilizio erano stati persi 77.000 posti di lavoro.

Non importa se i posti di lavoro sono a part-time…

… in fondo anche lavorare un ora al giorno leva il medico di torno!

« SOSTIENI L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE « SOSTIENI L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE « SOSTIENI L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE « SOSTIENI L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE … un’eco spesso e volentieri inascoltato!

Con qualche tassa qui e la nei prossimi mesi nella nuova austerità made in Usa chissà cosa accadrà senza il già anemico sostegno dello Stato…

L’indagine sulle famiglie ha portato solo 17.000 posti di lavoro e una media anemica di 2000 nuovi posti di lavoro negli ultimi tre mesi, anche se è volatile non giustifica questi numeri.

Il lavoro temporaneo e le ore settimanali puntano al ribasso evidenziando una dinamica in contrazione per i prossimi mesi e il livello delle retribuzioni salariali spazza via le esaltazioni dell’ultimo trimestre.

La piena occupazione per gli Stati Uniti nei prossimi anni sarà quando l’indice raggiungerà il 7 o il 6,5 % il resto solo chiacchere in libertà, soprattutto se il continuo e persistente abbandono della forza lavoro continuerà a “truccare” il dato reale di una disoccupazione che va ben oltre il 10 %.

E infine davvero sicuri che nei prossimi mesi o anni l’America non vivrà una nuova recessione piccola o grande che sia?

Quello che è certo è che 180.000 posti di lavoro al mese non significano nulla sino alle revisioni che verranno, non cancellano la possibilità di una nuova recessione. Storicamente come ci fa vedere John Hussman nei sei mesi prima di ogni recessione la crescita media mensile viaggia sempre tra i 300 e i 100 mila posti di lavoro.

L’unica cosa certa è che gli psicopatici di Wall Street hanno dato un chiaro segnale che conferma gli obiettivi di Machiavelli 2013 e non saremo certo noi quelli che non seguono il Grande Fratello anche se per quanto riguarda il nostro Paese le cose stanno cambiando in attesa della ripresa dell’ultima grande occasione!

Per chi volesse sostenere liberamente il nostro viaggio è disponibile MACHIAVELLI 2013 UN ANNO DOUBLE FACE un post da non perdere sulle prospettive geopolitiche, macroeconomiche e tecniche di un anno che si preannuncia decisamente DOUBLE FACE!

« SOSTIENI L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta … Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando sul banner  in cima al blog o sul lato destro della pagina  può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando qui sopra o in cima al blog Semplicemente Grazie!

 

.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (5 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)
AMERICA: LA DEPRESSIONE UMANA CONTINUA!, 10.0 out of 10 based on 5 ratings
2 commenti Commenta
ciaula
Scritto il 4 febbraio 2013 at 13:33

Ciao Andrea.
Il tuo post è estremamente eloquente sulla situazione americana. Ma lì hanno anche altri problemi, che non attengono direttamente alla sfera economica.
Gli Usa stanno diventando un luogo in cui le più elementari libertà civili stanno venendo fagocitate da un sistema di controllo sempre più orwelliano: http://lemieconsiderazioniinutili.blogspot.it/2013/02/liberta-democrazia-made-in-usa.html

Non è un gran bel segnale; anche perchè noi europei tendiamo sempre ad appiattirci sull’agenda Usa…
Perdonami l’off-topic.

icebergfinanza
Scritto il 4 febbraio 2013 at 15:12

ciaula@finanza,

Fa come se fosse casa tua… abbraccio Andrea

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
REVOLVERSMAPS

ICEBERGFINANZA NEL MONDO

Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Mercati: persiste la debolezza sui mercati internazionali. Ieri brutta chiusura per il Nasdaq 100. D
Nonostante i ribassi di questi ultimi giorni c'è ancora poco interesse da parte degli operatori a m
Come era prevedibile, il mercato si muove come un orologio e in ambito intermarket notiamo quant
Argomento già discusso, ma assolutamente da riprendere essendo di grande attualità. I tempi s
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Il CESI è stesso oggetto delle mie analisi. E’ l’acronimo di Citigroup Economic Surprise In
Ftse Mib. L'indice cerca di impostare un rimbalzo e ora si trova a pochi passi dal livello importan
Su tutti i sottostanti si assiste alla parziale chiusura della componente future ed a movimentazioni
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u