UNA LUCE ALL'ORIZZONTE…..DUE ANNI DI SPERANZA!

Scritto il alle 07:19 da icebergfinanza
 

Una luce all’orizzonte……..si la luce dell’Uomo, della sua essenza, in un oceano di Speranza, due anni di Speranza…….mi dispiace ma oggi l’economia e la finanza non sono invitati a questa festa, si abbiamo bisogno dell’economia, abbiamo bisogno della finanza, etica, tradizionale, ma oggi è la festa di una piccola Utopia!

Si Speranza, perchè nonostante tutto, nonostante le mie analisi ho sempre cercato di intravvedere una luce in fondo a questo tunnel, perchè nonostante questa profonda e strutturale crisi, ho sempre creduto che alla fine non può che rinasce un sistema migliore, non perfetto ma sostenibile, non per tutti ma alla portata di tutti….la Storia insegna che le rivoluzioni anche solo culturali, dell’anima cambiano il mondo, magari solo per un istante, ma lo cambiano profondamente…..

" Chi fissa immagini piccole e vicine avrà difficoltà a vedere e distinguere quelle grandi e lontane….." …… si perchè solo laggiù all’orizzonte di questa crisi io vedo la Speranza!

Abbiamo già esplorato qua e la alcune possibili soluzioni a questa crisi, soluzioni non certo accademiche, come stimoli fiscali piuttosto che politiche monetarie, innovazioni di sistema piuttosto che politiche di redistribuzione dei redditi ma spesso al di là di una maggiore regolamentazione del mercato e politiche espansive di spesa pubblica piuttosto che opere infrastrutturali questa terribile crisi ha offerto solo contributi accademici che provengono dal passato, una sorta di "guerra" tra scuole economiche.

Oggi un’analisi alternativa dimostra che questo sistema è da rifondare, rifondare nella sua responsabilità sociale, responsabilità nei confronti dell’ambiente e nei confornti delle generazioni future.

Oggi è un sistema che deve essere rifondato non con politiche proposte dalle istituzioni, ma attraverso la consapevolezza, la responsabilità del singolo, la sua partecipazione attiva nelle piccole scelte quotidiane, una responsabilità che deve andare oltre il messaggio di questa società, un messaggio sostanzialmente commerciale. Oggi dobbiamo essere protagonisti della nostra vita e per farlo dobbiamo spendere il nostro tempo ad informarci, a comunicare, educarci a scendere negli abissi della sostanza, dell’essenza delle cose, delle informazioni, essere consapevoli della Realtà per poter scegliere, non di cambiare il mondo, ma di incominciare a cambiare la nostra esistenza.

Ogni volta che rileggo questo splendido inno scritto da un anonimo e rivisitato da me in chiave marinara, ritrovo in me la forza di guardare oltre la tempesta quotidiana, oltre le mie debolezze……

 Spingerò il mio Veliero sulla rotta
navigherò tra gorghi e mulinelli,
la gioia mi ha trovato, la pienezza,
non starò più fermo ad apettare.

Viene il giorno in cui chiedi a te stesso, la rotta da seguire,
viene il tempo in cui ti guardi e i tuoi sogni son caduti.
E’ il momento di rischiare, di decidere da soli, non fermarsi e lottare per non essere abbattuti.

Sulle spalle una mano che ti spinge a trattenerti, vuol fermare l’avventura, ma ritorno a navigare.

Ho incontrato troppa gente che mi ha dato senza avere, voglio dare queste braccia, non c’è molto da aspettare.

E’ parola come vento, tra le vele quella stretta, gli uni e gli altri nell’Amore, non avere che un Canto, questo tempo non ha niente da offrire a chi aspetta, prende tutto, prende dentro, sai fin dove non sai quanto.

Non è la rotta di chi parte e già vuole arrivare, non la rotta dei sicuri, dei sicuri di riuscire, non è fatta per chi è fermo, per chi non vuole mai cambiare.
E’ la rotta di chi parte e arriva per ripartire."

Come già detto non si tratta di cambiare il mondo, incominciamo da noi stessi probabilmente faremo molta più strada verso la serenità di quanto i sogni possano regalarci…..a proposito anch’io ho davanti ogni giorno la sfida del cambiamento come ognuno di Voi e ogni giorno faccio un passo avanti e due indietro, spesso in un istante precipito sino a dove sono partito,  però ho la sensazione di essere in movimento…..e vi assicuro è una meraviglia.

Dobbiamo amministrare il presente come un istante del nostro passaggio, della nostra rotta, dobbiamo guardare al futuro non come un qualcosa che ci è dovuto ma come qualcosa che dobbiamo amministrare oggi come una speranza nel domani,un futuro che dobbiamo rendere sostenibile, per l’ Uomo, per gli ultimi, per i sotterranei dell’Umanità e se proprio vogliamo essere egoisti almeno facciamolo per i nostri figli, per i nostri nipoti, per le future generazioni.

Chiedo scusa se alle volte, mi ripeto, se non sono innovativo nei miei pensieri, ma al di la delle poltiche economiche credo che bisogna ripartire dall’uomo, se la globalizzazione ha sostanzialmente fallito è solo perchè non è ha preso in considerazione l’uomo e i suoi bisogni, il rispetto delle culture e delle tradizioni.

Un’economia di capitali e delle merci non esiste senza l’uomo e la soddisfazione dei suoi bisogni, un’economia che guarda alla soddisfazione dei "centri di interesse" è un’economia fallita.

Abbiamo parlato di "Social Business" e " Mondi Alternativi " reali non utopie, ma sono abbastanza realista da non voler che questi mondi monopolizzino la nostra vita, le nostre economie.

Il microcredito, ad esempio è un piccolo gioiello e tale deve restare, è un’innovazione che parte dai bisogni dell’uomo, dei poveri, degli ultimi, finanza creativa positiva che integra questo sistema, che lo accompagna che insegna alla sorella maggiore una via alternativa, magari non riproducibile su scala globale, che le ricorda che la finanza è pura intermediazione, che la finanza tradizionale è un’ancella dell’ Economia.

Sul mercato devono esistere due sistemi, devono avere la possibilità di coesistere per correggersi ed aiutarsi a vicenda, non vi può essere integralismo in un sistema, nessun pensiero unico in un sistema  che è responsabile della vita di miliardi di persone. 

Creatività ed innovazione ecco la speranza che esce dal sistema tradizionale, si creatività che nasce dai talenti dell’uomo, creatività positiva, quante sono le risorse che oggi il sistema, i governi mettono a disposizione dell’ innovazione, un’innovazione che deve essere responsabile a servizio dell’uomo…….

Oggi si parla di " Green Economy "  la nuova frontiera, esplorata più volte in passato da uomini e donne che hanno lasciato messaggi di speranza, spazzati via da enormi interessi, spazzati via da coloro che si oppongono al cambiamento.

Oggi è festa al porto, festa per questa comunità magari virtuale, ma di uomini e donne protagonisti della loro vita, mi sono spesso chiesto che effetto farebbe ritrovarci tutti insieme all’improvviso, realmente, insieme giovani generazioni, nonni e nonnine, studenti e lavoratori, operai e manager, esseri umani che condividono un ideale, che hanno alla base della loro vita valori condivisi, non importa la religione, il coloro della pelle, l’estrazione sociale, ma credo che sarebbe come essersi sempre incontrati.

Non credo sia facile ma è certamente possibile. Ne riparleremo sicuramente!

Ora vorrei condividere con Voi un piccolo segreto, ma non troppo, in gennaio è nato il prologo del "possibile" mio primo libro, devo ammettere di essere emozionato!

Sarà un libro per la gente comune, poca tecnica e più sostanza, un’avventura tra fiabe e leggende, storia e crisi attuale, un po come lo stile di Icebergfinanza, citazioni e aforismi, per scendere in profondità negli abissi di questa crisi, per conoscere insieme, per crescere insieme, per ritrovare una luce nell’oscurità del mare dove la vita prosegue, un libro inedito, con riferimenti a questa avventura ma il più universale possibile, il più semplice possibile.

Un’immenso cantiere questo viaggio, cantiere rigorosamente navale, come la nostra Vita!

Inoltre da oggi in poi, probabilmente cambierà lo stile di Icebergfinanza, il lavoro di analisi e ricerche di questi due lunghi anni,   difficilmente sarà sostenibile in futuro, richiede un’infinità di tempo che difficilmente mi potrò permettere anche per rispetto alla mia famiglia, alla mia salute, questo non è il mio lavoro, il lavoro che dignitosamente mi permette di vivere….c’è un limite oltre il quale non bisogna osare.

La mia responsabilità nei confronti di Voi miei compagni di viaggio non è mai stata in discussione, non avrei mai potuto lasciare due righe senza rendere sino in fondo consapevole liberamente il lettore, ma non mancherà in un’altra forma, potete esserne certi.

Proverò a lasciare riferimenti e notizie in stile più sobrio, magari più post contemporaneamente, notizie, curiosità, riferimenti sempre rigorosamente documentati che la Vostra consapevolezza vi aiuterà a comprendere.

Non mancheranno, i " Mondi Alternativi " e le analisi su questa crisi, ma probabilmente non nasceranno più post oceanici……o almeno spero di riuscirvi!

Il più bel regalo che questa avventura ha saputo donarmi siete Voi, si ho avuto grandi soddisfazioni dalle mie visioni, dalle mie analisi, non soddisfazioni economiche ma umane attestati di stima, ma nulla potrà mai sostituire il calore umano, la condivisione delle speranze e delle paure dell’uomo, saper che in fondo la Speranza è una luce laggiù all’orizzonte alimentata quotidianamente nel silenzio, da milioni di uomini e donne che vivono la vita semplicemente donandosi quotidianamente. E’ un lungo cammino, siamo tutti all’inizio di un lungo cammino del quale magari non vedremo il punto di arrivo, tocca a noi seminare…….magari non avremo la fortuna di raccogliere, ma la gioia di averlo fatto nessuno ce la potrà mai togliere.

Permettetemi infine un ultimo pensiero per coloro che soffrono, gli ultimi, gli indesiderati, gli sfruttati ed in  maniera particolare ai " Sogni di Dio " i bambini, ragazzi, giovani generazioni, senza andare lontano li troverete anche vicino, nella porta accanto, non si tratta sempre e solo di elemosina, ma di un abbraccio, di un sorriso, di sostenere progetti e comunità che danno dignità all’uomo. Un pensiero anche per coloro che da questa crisi, dallo tsunami dell’avidità dell’uomo hanno visto spazzati via i loro sogni, il loro lavoro, il loro futuro……..

Ah …..dimenticavo io non ho fatto nulla……ho solo messo a disposizione un veliero per permettere ad ognuno di Voi di salirci liberamente e liberamente condividere tutto ciò che in fondo è l’ Uomo……. l’ Uomo che ama la vita, che vuole scoprire l’essenziale invisibile agli occhi!

Semplicemente Grazie ……..Andrea

UNO TSUNAMI DI UMANITA’………

 

………Una goccia….una piccola goccia che cade nell’oceano, come il semplice battito della farfalla….questo siete Voi, questo è ognuno di Voi, un piccola ed allo stesso tempo immensa goccia, che si scioglie nell’oceano, propagandosi all’infinito, piano piano lentamente ma inesorabilmente……..

E all’improvviso, il vento si placò, la goccia, una piccola goccia si stava propagando, attraverso l’oceano, goccia su goccia sino a giungere in vista del porto……

….non era più sola, erano un insieme di piccole gocce, una accanto all’altra divenute un autentico Tsunami di Umanità che tutto travolge che commuove, che rinfresca che ti fa sentire dentro una forza irresistibile…….ecco perchè credo all’Uomo, ecco perchè credo alle nuove generazioni….ecco perchè oggi ogni goccia che ha raggiunto la mia Vita, la Vostra Vita prosegue oltre sino a raggiungere l’orizzonte.

Alle volte le parole non riescono a esprimere quello che la tempesta del Cuore procura….solamente Grazie, della Vostra Speranza, della Vostra Essenza…..grazie della Vostra Poesia.

Ma ora è il momento di ricostruire, da fondamenta già esistenti, come è stato scritto è il momento di proporre idee, progetti per un mondo migliore, attento all’uomo e alla sua Essenza, un’economia per l’uomo e non un’economia al servizio dei vizi dell’uomo….è vero è anche il momento di chiedersi se quando usciremo da questa crisi avremo sempre lo stesso sguardo di un bimbo che guarda al cambiamento…..non sempre dobbiamo toccare il fondo, spesso è vero, ci dobbiamo immergere nell’abisso delle nostre vite per accorgerci che noi stessi siamo il Cielo!

Minny……qualunque cosa sia, condividi le tue senzazioni, le tue paure, la tua sofferenza con qualcuno, ci sono uomini e donne che camminano ogni giorno con le braccia aperte e non ce ne accorgiamo, sono accanto a noi, non farlo su un blog, non virtualmente…. comunque sia non sei sola, non sei affatto sola….un abbraccio sincero…..

…..si giovani generazioni, future generazioni grazie della tua poesia, dell’uragano di Vita che ci hai donato Anne Bonny…..pirata della Vita……

……..ho voluto solo citare la più giovane e non citerò la più vecchia …..perchè non vi è età su Icebergfinanza, ho voluto ricordare chi soffre perchè oggi la sofferenza raggiunge ogni fiordo degli oceani della vita……sofferenze che neanche possiamo immaginare e di queste dobbiamo essere consapevoli e partecipi responsabilmente nella nostra vita quotidiana…….ma ho inciso ogni Vostra parola sull’albero maestro dele nostro veliero……che neanche il mare quando un giorno sarà affondato potrà mai cancellare!

Un abbraccio Andrea


VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags:   |
101 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 08:26

A volte ci illudiamo che l’uomo possa avere la capacità di governare se stesso e il mondo. Ci dimentichiamo che l’uomo, qualsiasi uomo è malato nel suo spirito di amor proprio. Perquante buone intenzioni e buona volontà possa avere, l’uomo è di natura debole e coruttibile, se non i tutti i suoi valori ma sicuramente in alcuni. Onestamente possiamo credere che il potere e la ricchezza o il senso non corrompono anche il migliore degli uomini? Guardiamo la storia e chiediamocelo. Maledetto l’uomo che confida nell’uomo, chi aveva scritto questa frase forse già lo sapeva dove saremo andati a finire se non avessimo trovato lo spirito intelligente che ci ha creati, non per vivere senza di Lui, ma per Lui con Lui e in Lui. Nico!

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 08:50

Tantissimi auguri Andrea e Grazie per tutto quello che stai facendo! Franz

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 09:05

24 GENNAIO – BUON COMPLEANNO ANDREA
“Avrebbero potuto dunque dirsi unanimemente felici, gli abitanti di quel paese, non fosse stato per una pur sempre numerosa categoria di cittadini cui non si sapeva quale ruolo attribuire: gli onesti. Erano, costoro, onesti non per qualche speciale ragione; erano onesti per abitudine mentale, condizionamento caratteriale, tic nervoso. Insomma non potevano farci niente se erano così, se le cose che stavano loro a cuore non erano direttamente valutabili in denaro, se la loro testa funzionava sempre in base a quei vieti meccanismi che collegano il guadagno al lavoro, la stima al merito, la soddisfazione propria alla soddisfazione d’altre persone. In quel paese di gente che si sentiva sempre con la coscienza a posto, gli onesti erano i soli a farsi sempre degli scrupoli, a chiedersi ogni momento cosa avrebbero dovuto fare. Erano una “contro società” che non aveva mai avuto nessuna pretesa di diventare “la” società. Un’immagine di qualcosa che le parole non sanno più dire, di qualcosa che non è stato ancora detto e ancora non sappiamo cos’è.”( I.Calvino – 1980 “La coscienza a posto”)

Certo è solo la rotta, guai se fosse una meta, deve rimanere la nostra utopia, se fosse un luogo certo qualcuno l’avrebbe scoperto e conquistato e trasformato e negato agli altri, amare è sempre gratuito ma è magico quando te lo restituiscono e nulla chiedono.
Grande festa oggi al porto, auguri Andrea, auguri a tutti i naviganti, auguri a tutti quelli che si sentono con la coscienza a posto, auguri al popolo di onesti, auguri agli uomini di buona volontà, auguri a tutti quelli che non fanno rumore, a ciascuno il suo……a ciascuno la sua immagine di qualcosa che le parole non sanno più dire……………
gracav

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 09:39

Tanti auguri al grande capitano e al suo meraviglioso blog nella speranza che questa avventura continui.

Ad Majora

Muec65

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 10:06

Buon Compleanno…e cento di questi giorni !
Massimo

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 10:24

Auguri! E grazie di tutto!

Matteo

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 10:33

Happy Birthday Capitano!!!

Sei Un Grande!!! Un Grandissimo!!!

Luca

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 11:05

Al comandante della nave, compagno di viaggio e viandante della vita una Luce Immortale ti assista per sempre.
Buon Compleanno.
Piero

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 11:34

Un Grandissimo e affettuoso augurio al Capitano Andrea, che in questi 2 anni ci ha guidato a fatto scoprire (sopratutto nel mio caso) mondi alternativi di cui ignoravo l’esistenza. Grazie ancora perchè se oggi mi sento più ricco (culturalmente) lo devo a questo veliero e a tutto l’equipaggio

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 11:35

…ops… ho dimenticato di firmare il mio commento (il comm. 9)
Saluti
Mirko B.

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 11:48

Gentile Andrea,

leggo da mesi il blog ma è il primo commento che mi sono deciso a postare.
Nei momenti di crisi le persone ascoltano quelli che sanno dare loro speranze e la visione che un mondo diverso é possibile.
Quello che è stato scritto in questo blog da te e (di conseguenza) da molti lettori, ne è una conferma.
Purtroppo però la controprova della sincerità (non tua ma della ciurma) di quello che si è scritto in questi mesi, ce l’avremo soltanto in periodi più floridi.
E’ soprattutto in momenti di crescita che ci si deve ricordare degli “ultimi” oppure ci si ricorda che l’uomo deve tornare al “centro” solo in momenti di crisi?

Mi manca la fiducia nel prossimo?
Non lo so, ma continuerò a leggere il blog e spero sinceramente che continui ad avere lo stesso successo anche in periodi nei quali la crisi sarà passata ed allora saremo tutti (perchè il pericolo lo corro anch’io) alle prese con i nostri “affari”.

Disilluso idealista

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 11:53

Ha solo due anni eppure sembra un veterano, è riuscito a conquistarsi prima l’attenzione, poi il rispetto ed infine l’amore di moltissime persone che insieme a lui sono cresciute spiritualmente e moralmente, gli odi che inizialmente aveva suscitato in coloro che ancora credevano ideologicamente nella crescita infinita, ora mi sembrano stemperati, al massimo qualcuno è solo arrabbiato per non averlo seguito.
Si è compiuto un grande miracolo
BUON COMPLEANNO ICE
BUON COMPLEANNO ANDREA !!!
Un ringraziamento particolare credo debba essere rivolto alla Famiglia di Andrea che ha accettato che ci dedicasse tanto tempo: GRAZIE DI CUORE!!!

Mas

Scritto il 24 gennaio 2009 at 12:01

Auguri, Icebergfinanza, piccola e meravigliosa creatura, luce dei nostri occhi e del nostro spirito.
Auguri al fantastico veliero, mai messo alla prova dalle tempeste, perché ha sempre navigato in acque tranquille.
Auguri a tutti i compagni di viaggio, pirati da strapazzo, rivoluzionari impentiti e bistrattati dagli increduli, ora spariti, questi ultimi, nel vortice più profondo.
Auguri al meraviglioso Capitan Andrea, indomito sognatore, che ha saputo riunire la ricerca della verità e la scientificità di informazione con quello che c’è di più buono nel cuore di tutti noi ed ha saputo tirarcelo fuori.
Auguri all’Ammiraglia, compagna di Andrea, che ha sopportato e sopporterà il fatto di condividerlo con noi ancora per un po’.

Due anni di verità, due anni di duro studio per lui, ma anche di grandi soddisfazioni che, spero, si concretizzeranno con un incontro, dove tutti ci potremo conoscere e darci un volto, oltre che un nome. Due ani di lezione, non solo agli economisti stra-pagati per dire e fare stra-falcioni, ma anche ai giornalisti, tutti allineati a raccontare la superficialità, senza approfondire gli argomenti.
Due anni per conoscere una delle migliori persone che potevamo incontrare in questa meravigliosa avventura che è la Vita.

Bill

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 12:06

penso sia giusto, Capitano, ricordare anche il lungo periodo trascorso insieme, e corregimi se sbaglio.

Quando sono salito sul veliero, nella tarda primavera del 2007, il nostro grande Capitano vedeva iceberg mostruosi ad ogni cambio di vento. La crisi, che sarebbe scoppiata a partire da ottobre, tardava e ci lasciava perplessi, ma eravamo tutti sempre fiduciosi, certi della grande abilita’ del nostro Capitano a manovrare tra i flutti.
Finalmente, abbiamo visto i terribili iceberg che il Capitano aveva paventato per tanti mesi ed e’ stata, per tutti noi, la grande rivincita nei confronti dei “pochi di buono”, dei soliti “soloni” a poco prezzo, dei presuntuosi e degli ignoranti, che hanno sempre accompagnato questo viaggio, guardandolo dall’esterno.
Qualcuno, dopo di cio’, e’ sceso in cerca di nuove avventure, tantissimi altri hanno continuato a salire ed arricchiscono con la loro presenza il viaggio infinito del nostro Capitano.
Faccio quindi tanti sinceri auguri a tutti i costoro, vecchi e nuovi marinai: i tempi sono cambiati, non ci sono piu’ iceberg dinanzi al nostro veliero, solo paura ed amarezza dentro e intorno a noi.

Eppure, continuo ad essere fiducioso, sono anzi certo che il nostro Capitano ci aiutera’ sempre a solcare i mari, paventando iceberg ad ogni cambio di vento, nella oramai non piu’ segreta speranza di trovare, in barba a tutti gli scettici, l’Isola che non c’e'”
Auguri a tutti
pinio

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 12:13

buon comleanno ANDREA a te e famiglia , mentre ti scrivo sta nevicando è proprio un bel augurio al blog e a tutti noi ,noi saremo sempre presenti un saluto / minghin/

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 12:22

Tantissimi Auguri a Te e al tuo Blog che in questi lunghi mesi è stato veramente un faro nella notte.
spero solo, ma nutro poche speranze, che questa crisi possa risolversi senza arrivare all’estremo di una guerra civile.

ciao da giacomo di modena

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 12:36

E festa sia! Alzo il calice al Capitano Andrea. Ora sono pieno di speranza e di consapevolezza che questo veliero ci porterà al di là della tempesta, già vedo una luce all’orizzonte!
Giorgio V

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 12:55

Grazie,
Carlo29 To

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 13:17

grazie, sono a bordo dal primo giorno,sono un tuo sostenitore;ti ringrazio per quel che hai fatto, soprattutto per come l’hai fatto,con l’augurio che tu possa mantenerti, lucido,nobile nello spirito e nella pratica per continuare ad avvistare in anticipo le insidie che ci attendono.
Un grande augurio di buon complenno
enzo

Scritto il 24 gennaio 2009 at 13:26

è stato bello incontrarti

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 13:30

non è tanto che sono a bordo…ma quì finalmente capisco dove stiamo andando…
Buon compleanno Andrea!!

(sono un acquario anch’io e quest’anno abbiamo un oroscopo strepitoso!!)

Aka.

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 13:38

E luce sia.
Grazie Andrea e ancora buoncompleanno.
Lui580

ps. Sono rimasti 2 gnocchi di patate?
Potrei portare una bottiglia di vino in cambio….

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 13:43

Ammiraglio della Coscienza, ciurma felicemente perplessa convinta incredula, la Festa continua!! Oggi è un giorno speciale, perché si rendono i giusti ed insufficienti onori al grandissimo Uomo, ma la Festa è iniziata quando Andrea ha spiegato le vele del nostro Veliero. E’ vero che esso ci ha aiutato ha evitare perdite finanziarie ecc. ecc., ma questo, mi rendo conto oggi, è stato tutto secondario. Me ne rendo chiaramente conto oggi quando il Capitano ha scritto: “faremo molta più strada verso la serenità di quanto i sogni possano regalarci…..”. Insomma, sono due anni che è Festa perché sul Veliero si è tornato a parlare di Coscienza; agli idealisti disillusi, a chi aveva perso la fiducia nell’uomo, che innalza odi all’uomo solo quando è in difficoltà, dico che se ero tra gli scoraggiati, oggi grazie al Capitano ho riscoperto che solo la Coscienza preserva dall’essere in balia dei cicli economici o umorali. Solo la Coscienza ci preserva di rifare gli stessi errori, di diventare nuovamente sordi.
Questa è la mia festa, e penso che forse la migliore Festa ed il migliore augurio per un Uomo come Andrea, sia riconoscere che lui ha offerto e resa possibile questa Festa a tutti Noi.
Un grande cin cin a ognuno di Voi.
Canna al Vento

Scritto il 24 gennaio 2009 at 14:03

La Luna solca il cielo e la barca solca il mare.
Le leggi hanno nomi diversi ma il mistero è lo stesso.
L’ intesa di una barca con il mare è la stessa che c’ è tra la luna e la terra,
tra la terra e le stelle,
tra le stelle e il più, tra il più e il tutto.
La barca, il mare, la luna, la terra e le stelle..ci sono misteri piccoli e misteri grandi,
ma tutti i misteri costituiscono lo stesso mistero.
Tutte le spiegazioni lasciano sempre qualcosa inspiegato.
Il mistero va al di là di quel che può essere una spiegazione.
Oltre ogni cosa sconosciuta c’ è
l’ ignoto successivo.
Oltre ogni ignoto c’ è lo stesso mistero.
Dà un nome al mistero. Chiama il mistero meraviglia. …
Le parole non bastano.

(Ray Grigg, Il tao della Barca)

La vita buona è, tra le altre cose, anche una vita di libertà,
e non una vita in cui si è forzati a vivere in un modo particolare,
per quanto ricca essa possa essere per altri aspetti
Amartya Sen, Commodities and Capabilities

CAPITANO vento in poppa….
Alla ricerca della Fiducia perduta prima umana e poi forse Sistemica..
Grazie per la chiara rotta verso la Vita Buona…L’ isola che ora c’ è…

Auguri anche a VOI, cari Lupi di mare…
Unendomi al pensiero di Mas
mando un sincero ringraziamento e caro saluto ai Tuoi cari..
A chi Ti permettere, con serenità di essere sempre tra Noi…
..”rubando” le parole di un compagno di Viaggio di un po’ di tempo fa…
Orgogliosi, orgogliosissimi, soprattutto loro di averti come Capitano!..
Valentina

p.s non togliendo nulla ai nuovi venuti..ma leggere i commenti consequenziali di Mas…Bill…pinio..minghin..e felice di sentirti Canna al Vento..
mi ha portato indietro per un po’ con la mente..quando silenziosamente Vi seguivo e…
non nascondo la commozione…

ccp la caparbietà non sempre è un difetto, spesso necessaria si tramuta in pregio…
la caparbietà di essere onesti e autentici..Veri, penso che sia uno splendido pregio..
accetto l’ invito non virtuale per gli gnocchi..grazie..
Cari saluti e un abbraccio

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 14:04

Come potevo mancare a questo importante anniversario. E’ per me un onore aver solcato insieme a voi in questo oceano cari compagni.
Devo dire che questo viaggio mi ha fatto crescere ma, una cosa di cui sono stato sempre colpito è stato il coraggio di Andrea !
E’ facile ora gridare alla crisi quando ora la vediamo nel nostro lavoro, nel vicino accanto a noi ecc….
Andrea con coraggio e determinazione ci illuminava la via quando ancora le borse toccavano i nuovi massimi !
Un grande uomo diceva: Il coraggio è la prima delle qualità umane, perché è quella che garantisce le altre !

Cari compagni e caro Andrea mi avete dato tanto ed è difficile trovare le parole di gratitudine adatte ma il mio desiderio è che il viaggio non finisca perché in questa nave spesso vengo a rifugiarmi e a ricercare un po’ di umanità unita ad una stupenda poesia.

Grazie di cuore a tutti !

Colgo l’occasione per fare un saluto particolare ai vecchi compagni.

By Fabio

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 14:04

Buon compleanno nostro capitano!
Giuseppe
Cagliari

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 14:18

Auguri capitano, cosa aggiungere alle tue straordinarie parole?
nulla……

Mariano

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 14:41

Il mio Grazie, a chi mi ha svegliato!

Sollevo dal mio capo questo grande cappello dalle larghe falde in cui furtivo e annichilito nascondevo il mio pensiero. Tolta la maschera della futilità e spogliato dal declino ho scoperto l’immensità che io temevo e da cui fuggivo. Assonnato e stordito, confuso e fervido imitatore camminavo lento cercando di sbraitare per non lasciarmi sfiorare dalla paura del mio centro, del mio dentro. Ora mi vedo e sorrido. Dal mio sincero sgabello mi guardo intorno e rinato respiro. Aspetto la vita che verrà e le sue nuove contraddizioni da scovare. Ammiro i grandi umili uomini che mi hanno teso una mano per sollevarmi e scuotermi dal mio lungo oblio. Ora vedo e so. Non cerco più mantelli in cui celare il mio viso. Mi immergo nella vita e costruisco la rinascita che verrà. Ora di questo dovremmo parlare. Solo scrivere di come fare a e di come intervenire. Basta aspettare le carcasse abbandonate del drago che inceneriva. Or invece lo scruto e sorrido. Perchè non è necessario aspettare che sia arrivata la sua fine per potersene liberare. Dunque avanti Capitano! Oggi mi sei piaciuto. Scopriamo la nuova via e perseveriamo. Solo così tra qualche tempo ci ritroveremo a navigare in acque più chete.
Auguri di Buon Comleanno!
Ips

Scritto il 24 gennaio 2009 at 14:42

Mio caro grande capitano… che dire… sono commosso. Sarò più lungo del solito ma mi scuserete per questo cari compagni di viaggio.
Quando vedo questo entusiasmo intorno al nostro veliero ti ribadisco che la tua magia è stata proprio questa: ricordarci che quando le persone valgono e sono positive negli intenti sono contagiose e producono intorno a loro un’altrettanta atmosfera positiva fatta in primis di etica e di onestà. QUESTO ho capito e letto giorno dopo giorno, piano piano, vedendo ingrossare le file dei tuoi lettori e anche di quelli che postano. E’ difficile vedere un blog dove mancano completamente gli attacchi o le persone che semplicemente per mettersi in luce alzano i toni in maniera disarmonica. Ebbene qui pochissime volte e’ successo e quando cio e’ accaduto sono rientrati prontamente alle loro origini perchè si sentivano pesci fuor d’acqua. Non c’e’ bisogno di rispondere, si sentono a disagio da soli e questo merito va dato a te che hai tracciato la via maestra e a tutti noi che abbiamo saputo raccogliere il messaggio.
Un pensiero va alla tua famiglia che ti dà appoggio e comprende quello che stai facendo. Ti prego di farglielo presente ma se leggono qualcosa (come spero succeda già) capiranno subito. Sei troppo ok per non far partecipi i tuoi familiari e loro sanno benissimo che ricchezza hanno vicino a loro. Caro Andrea ti considero ormai uno della famiglia sul serio; so benissimo che il virtuale è limitato e , come ha detto il papa ultimamente, la rete è una risorsa dell’umanità (credo la più grande scoperta dell’ultimo secolo) ma non deve banalizzare i rapporti di amicizia. Però a volte la vicinanza di ideali è molto importante per far sentire vicine le persone. Ecco però che (non so se ti ricordi) già da tempi immemorabili ti chiedevo un incontro con tutti noi. Posso personalmente adoperarmi per fare un incontro in un posto altrettanto magico … che ne dici di Assisi?! Credo che sarebbe bellissimo e sarebbe anche il coronamento parziale di un viaggio che è giusto continui nei modi e nei tempi che riterrai opportuni.
Per il libro, mio caro Andrea, sono felicissimo perchè è un desiderio che avevo espresso e che vedo si sta realizzando. Da parte mia o nostra credo possa esserci un contributo economico finalizzato alla sua realizzazione come espressi da tempo (non so se i contributi a iceberg siano dedicati anche a quello oppure apri una link nel sito dedicato ai ocntributi economici per il libro). SArebbe bello che in qualche modo anche noi ci sentissimo una piccolissima parte attiva che magari alleviano a te la parte più materiale (economica nel caso).
Per ultimo lascio una idea, una mia personale utopia che va contro le tue aspirazioni e i tuoi desideri ma … visti tutti i guru, gli esperti e gli analisti nonchè i vari presidenti di banche centrali, giornalisti etc etc che non sanno che pesci pigliare o che hanno visto la crisi solo quando era innegabile affermare il contrario (magari sono dettati dall’alto per assumere certi comportamenti) e leggo Andrea che da sempre ha le idee chiarissime sia sulle origini della crisi che sulle eventuali soluzioni possibili (e tu lo sai visto che tutto quello che hai previsto è puntualmente accaduto – ti copiano persino le citazioni “…la madre di tutte le crisi …”) penso che potresti e dovresti avere un ruolo sociale più importante. Tu possiedi un dono, la conoscenza mista a modestia onestà ed etica e quindi rappresenti per me una persona che deve per forza assumere un ruolo in una società che vuole e deve rifondarsi. Le tue idee, i tuoi scritti devono trovare audience maggiore perchè mi sento un privilegiato accedere a informazioni di questo livello. Ma immaginare tu con un ruolo importante all’interno delle istituzioni(magari non avresti potuto nulla… ma chissà), non posso escludere che se c’e’ una possibilità, una solo che questa crisi possa essere risolta, ebbene sarebbe giusto percorrerla. Non voglio darti responsabilità ulteriori, già e’ tanto quello che hai fatto e quello che stai facendo, però che bello pensare per un attimo tu che operativamente potevi dare un contributo alle leve del potere per fargli capire quello che dici a noi da molto. Il libro è cmq un primo piccolo passo Ma il nostro caro Andrea… o che bello vederlo in qualche ruolo istituzionale che conta .. sarebbe una rivoluzione … sarebbe il nostro Obama (semprechè i fatti siano la conferma delle speranze in America).
Per il post che sussurra delle perplessità circa la vicinanza dei compagni di viaggio solo in tempi di crisi che poi si allontaneranno una volta passata la burrasca posso solo rispondere che forse è così ma basta cambiare l’obiettivo; oggi la crisi finanzairia, domani potrebbe essere la creazione di una comunità in qualche posto meno fortunato … se c’e’ vicinanza di ideali e rispetto tra persone gli obiettivi ci saranno sempre e noi saremo sempre una ciurma degna di un GRANDE CAPITANO.

AUGURI ICEBERG
AUGURI ANDREA
AUGURI COMPAGNI DI VIAGGIO

Siete fantastici

PG

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 14:54

Caro Fabio, ti credevo più bello!!!

Bill

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 15:06

grazie di cuore Capitano Andrea.

con umiltà
carpe diem49

****************

PS: concordo in toto con quanto postato da PG.

anch’io privatamente ho chiesto al nostro Capitano di trovarci di persona in un posto ed in una data a sua scelta, per conoscerci , e buttare le fondamenta di un qualcosa di più ….

il festival di economia di Trento “sarebbe un’occasione” mi è stato risposto.

a te PG coordinare l’evento.

e se i compagni di viaggio fossero dell’idea perchè non realizzarla?

per qualsiasi cosa sono sempre a disposizione PG

carpe diem49

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 15:17

Auguri e complimenti sinceri.
G.

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 15:30

salute e felicita’ perenni per te ANDREA! Grazie
Enrico.
P.S. Tremonti ha elogiato pubblicamente Prodi….finche’ c’e’ vita c’e’ speranza.

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 15:51

Ciao Bill …. direi che si diventa così dopo qualche anno passato a seguire l’ ingegneria finanziaria !

Ciao a presto !

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 15:57

Per ora mi unsco al coro che ti ringrazia per tutto il lavoro che hai svolto e che hai voluto condividere. Prima o poi riuscirò a dare voce anche alle mie paure e speranze ed allora sarai uno tra i primi a leggerne le parole. Per ora soffro troppo per avere anche solo un briciolo di forza…
minny

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 16:14

tanti auguri capitano…

Luca
Mantova

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 16:25

Capitano, mio Capitano, auguri a te e a Icebergfinanza, un augurio a tutta la ciurma che possa sempre ritrovarsi sul nostro veliero per confrontarsi e condividere come questi due lunghi anni. Anch’io sono dell’idea di non disperdere la nostra amicizia virtuale, e di riunirci nel mondo reale per conoscersi e rafforzare la nostra amicizia, Lunga vita al Capitano, ma anche lunga vita a tutti noi, pendagli da forca, pirati da strapazzo, sognatori, illusi, creatori di utopie, controcorrente per risalire il fiume e trovare la sorgente della conoscenza, della verità, e del rispetto reciproco, magari anche dell’AMORE verso il prossimo, con la fiducia o la speranza che ilo mondo possa anche cambiare in meglio. Il vostro umile mozzo Mozart

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 16:30

Buon Compleanno Capitano!
Un caloroso abbraccio virtuale ma sincero per ciò che sei, per ciò che hai creato, per la serenità che trasmetti.
Buona festa Andrea, a te e a chi ti sta vicino.
Alberto

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 16:53

Per Minny. Io adesso debbo scendere dal Veliero: sono di guardia su una torre sperduta. Prima di scendere, però, volevo dirti una cosa, e non perché abbia qualcosa da insegnare, ma solo perché forse ho vissuto come tutti qualcosa del genere. Soffrire toglie la forza, ma la forza toglie la sofferenza. Come ci si dà forza? Intanto iniziando a parlare. Trova tu le modalità, i tempi, le garanzie (per esempio scrivendo privatamente al Capitano)….ma parla, tira fuori quello che hai….e tutto apparirà sotto un’altra luce e tornerà Bellezza. Un grande saluto a tutti; vorrei essere più presente, ma il Capitano mi ha assegnato ad una sperduta Fortezza Bastiani :-))….secondo me perché inquinavo l’aria con le mie solfate ahahahah. Dalla lontana torre però sono quasi sereno; se mia figlia (15 mesi) sarà più povera di me, signicherà che dovrà rinunciare al telefonino, al Grande fratello, alle Nike….insomma, sarà stata un gran botta di fortuna per me e per lei! Mi rabbuia il destino degli Ultimi….ma questo diventa uno stimolo per fare qualcosa qui e ora. Vi abbraccio tutti miei compagni di viaggi, falliti di Wall street ahahah, ma infine uomini. Canna al Vento

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 17:05

Obama ha firmato un ordine esecutivo con cui rimuove un divieto nell’uso di fondi federali per la promozione dell’ interruzione di gravidanza all’estero (sin’anche al termine dei nove mesi )

Non mi risulta che ci siano altri mammiferi sul pianeta che ammazzino i loro cuccioli……..

Ecco il metodo per ridurre i le popolazioni : NWO

La grande trappola per ridurre il numero dei commensali alla tavola dell’umanità!!!

Vergogna,vergogna,vergogna!!!!

Obama affonderà se stesso e la sua America,non vedo nulla di buono in questo provvedimento, tanto più che in america si conta l’80% a favore della vita e contro l’aborto.

Mi dispiace,ma questa notizia ha offuscato la mia gioia per questa festa di compleanno!!

Grazie di tutto Andrea,grazie a tutti voi………aderisco con piacere ad un incontro reale in qualsiasi luogo vorrete fissarlo.

Brindo a tutti quanti noi!!
ccp

PS i gnocchi li hanno sbaffati tutti ma sempre disponibile a farli per tutta la ciurma in un prossimo incontro reale.
un abbraccio

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 17:08

Son con te da un anno. Spesso è stato tremendo trovare nei tuoi scritti la conferma a quelle che per me erano “sensazioni”, ma ti ringrazio per la speranza…..
Auguri
Stefano- Cesano Maderno

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 17:57

Per il grande capitano, magari questo mancava nei suoi grandi report e grafici.

http://www.comstockfunds.com/files/NLPP00000%5C292.pdf

ma dove andremo a finire…..forse sulla luna?????

http://it.finance.yahoo.com/echarts?s=%5EGSPC

Stampate il tutto e comparate il rialzo.

Ad Majora
Muec65

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 18:22

Auguri
La coscienza del caos

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 18:26

….allora i gnocchi ce li abbiamo …..grazie alla disponibilità
di nonna ccp

ed il vino lo porto io ….essendo di modena………lambrusco……naturalmente.

indiremo la giornata del
buon incontro e del buon ristoro….
….anche e soprattutto dell’anima……e come se ne abbiamo tutti bisogno.

un abbraccio a tutti
da nonno
carpe diem49

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 18:29

In attesa del libro… Buon Compleanno ancora.
Stefano

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 18:37

Intanto tanti auguri caro Andrea, non dico che è stato bello incontrarti perchè questo non è un addio, sono sicuro che ci risentiremo, meno spesso, ma ci risentiremo.

Che dire se non continuare sul pensiero di Andrea, di rivoluzionare il microcosmo della nostra vita quotidiana, magari cominciando a guardare meno immondizia che arriva dalla Tv, passare più tempo con la nostra famiglia e amici, comprare meno cazzate ed imparare a spendere meglio e sopratutto a dare un giusto valore alle cose, e a questo i “dimenticati” i poveri nel mondo ci aiutano a svegliare le nostre coscienze quando facciamo la spesa.
Si potrebbe cominciare con imparare ad avere memoria delle azioni, promesse (mai mantenute) dei nostri politici e ricordarsene quando si va a votare.
Si potrebbe spiegare ai nostri figli cos’è l’economia e come funziona…. è solo una delle tante cose che si può fare per rendere il mondo e sopratutto l’Italia un posto migliore di quello che purtroppo è oggi.

M.B

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 19:18

Gnocchi in rialzo.
Se mi fanno un derivato anche su quelli davvero perdo la calma.
Saluti
Lui580

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 19:32

Tanti auguri Andrea, tanti auguri al nostro capitano e al nostro equipaggio.
Continua così, a trasportarci in questa valle di lacrime ormai allagata.Grazie di esistere perchè da quando ti ho conosciuto la “speranza ” oggi più che mai vive con la mia vita, e quella di chi mi circonda.Oggi più che mai abbiamo una grande opportunità, quella di costruire veramente un mondo migliore da queste ceneri.Auguri ancora.
Andrea G.

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 19:42

Grazie infinite Andrea per averci aiutato a rendere concrete sensazioni che molti di noi avevano su questo sistema attraverso le tue analisi…
Ma soprattutto desidero ringraziarti per la generosità, l’amore per la vita e per l’Umanità che ci comunichi coi tuoi articoli
La speranza che il mondo migliori sta in persone umili, “semplici” come te, ma dotate di Coraggio, Intelligenza, Amore per la Verità.
Sono approdato a questo blog cercando notizie e informazioni di finanza , ma vi ho trovato molto, molto di più…
Un augurio di cuore perchè il tuo e ormai anche nostro Veliero possa continuare -in qualunque forma deciderai di farlo – il suo viaggio…
Auguri Andrea!

Paolo

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 20:10

Good Banks invece di «banche spazzatura»
Alfonso Tuor

http://www.cdt.ch/articolo.php?id=2

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 20:43

Auguri di buon compleanno al Capitano Andrea e Icebergfinanza.

Il tempo per se stessi e famiglia è fondamentale come la salute, non è importante se i tuoi articoli si diraderanno, in futuro.

Noi non siamo come i padroni dell’economia mondiale che ruba il “tempo” e la “vita” degli altri hehehe (hihihi).

SD

Scritto il 24 gennaio 2009 at 20:44

.(..).

Scritto il 24 gennaio 2009 at 21:02

( Ho 16 anni, mi chiamo Anne Bonny; pirata dalla nascita, con la conformazione naturale per l’usare il pc di vale !!! Voglio dare il mio piccolo contributo specialmente perché ai party non dico mai di no soprattutto se si mangia !!! Non ho resistito al richiamo d’imbarco di questo maestoso e fascinoso veliero, in un giorno così importante auguro al capitano e ai marinai mille secoli di “noi” così combattivi e reali, scusate se mi sono dilungata ma ho voluto esporre i miei pensieri
riguardo la discussione sui giovani )

Non so chi sono ma sento oggi che sono più di ieri, che lentamente ma con costanza mi avvicino al fulcro incandescente, ma ancora grezzo che è nel cristallo spigoloso, gelido e dalle mille facce che ora mi contiene inesorabilmente. Amo definirmi pirata perché cerco e voglio rubare ad ogni persona, visione o discorso l’essenza più positiva e sentimentale e tante volte mi sento stupida e inutile; caricata da un debito troppo grande che va pian piano crescendo, che un giorno non so come e quando dovrò pagare. E’ così deludente osservare dei miei coetanei, che stimo sotto alcuni profili, distruggersi per sentirsi vivi per provare lo sballo di un istante così devastante, sono fantasmi nelle tenebre dell’ipocrisia tra i rovi pungenti della frenesia solo un incessante e irrefrenabile voglia di libertà che li rende schiavi in catene frustati dai pensieri costruttivi di chi il mondo lo vuole rifare, ancora una volta mi manca il respiro e la voce per gridare il mio imponente e massiccio No !!
Ancora una volta vorrei salvare ogni vita che deve affrontare tentazioni così immorali e per niente salutari…
Una volta ancora mi affido alle mani stanche e segnate di Dio !!
Credo che il bambino che amava sognare un mondo migliore continua a resistere e affrontare uragani e tempeste di questa vita solo se crescendo, cercherà assiduamente, con determinazione, se stesso, la sua vera identità; l’indole innata e costruttiva del ” cavaliere di domani ”.
Essenzialmente concepisco come il male peggiore della mia generazione, la solitudine che divora le certezze e conduce a una notte fitta e buia, basterebbe ricordarsi di alzare lo sguardo e osservare le stelle sfiorandole per un istante, ma non è così semplice.

Considero importante ricordare: “ CHI DUNQUE SI FARA’ PICCOLO COME QUESTO FANCIULLO SARA’ IL PIU’GRANDE NEL REGNO DEI CIELI “
Matteo 18,7 da 4 a 5

Perché ogni volta che osservo un bambino correre, cantare, volare con la fantasia, giocare con semplicità tra gli altri, non posso fare a meno di sorridere augurandomi,
per lui e per me; che la speranza, l’alba dopo la notte, le stelle e la determinazione ci accompagnino sempre in questo tortuoso cammino fitto di rovi, dune, salite e curve per condurci al confine di un giorno migliore.

TANTI AUGURI CAPITANO, TANTI AUGURI ICEBERG DA ANNE BONNY CHE CON UN SORRISO VI “DERUBA” UN PO’ TUTTI !!!!

p.s. al festival dell’economia a Trento, forse ci sarò anche io; “ociù ai dinèèr”
(occhio ai soldi)

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 21:18

Grande,aspetto con ansia il tuo libro.
Auguri.Daniele

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 21:19

ETF umanità Mazzalai +1000%

AltaPatagonia

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 21:30

bevo alla salute di voi tutti..e alla vostra buona stella..e approfitto della sosta in porto per lasciare la nave..il capitano mi sembra stanco e scambia uno scoglio per un guscio di tartaruga..Big Inflation Coming..

http://news.goldseek.com/Zealllc/1232730612.php

Con Affetto

Devin

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 22:07

caro Devin,

sono un nonno in pensione e frequentando questo veliero da un paio di mesi ,mi è venuta la passione di andar per mare.

avendo ancora un po’ di tempo libero
mi piacerebbe prendere la patente nautica .

ti chiedo una cortesia,
tu che sei un esperto ,mi potresti indicare la scuola nautica che hai frequentato ?

e se non chiedo molto, mi piacerebbe leggere, per i mari che tu
hai solcato, e le rotte seguite nei tuoi viaggi, il tuo diario di bordo.

grazie anticipatamente, se vorrai fornimi quanto richiesto.

cordialmente

carpediem49

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 22:07

che tu abbia sempre il vento in poppa capitano!

Capitan_Ð

utente anonimo
Scritto il 24 gennaio 2009 at 22:17

si Andrea, è venuto il giorno in cui chiedi a te stesso, la rotta da seguire.

solcare con te (grazie a te) i mari della madre di tutte le crisi è una porta per la consapevolezza, la stiamo attraversando e tutto mi sembra diverso.

ora non voglio avere paura. voglio restare lucido.

voglio essere consapevole, voglio sapere, voglio il risveglio, voglio condividere le mie scoperte, voglio continuare ad andare avanti, voglio essere parte di un nuovo insieme, con la parola al centro della scena, solidale, responsabile.

si, ora lo voglio, con tutte le mie forze. e qualcosa accadrà, quando abbastanza di noi lo vorranno.

sin da piccolo ho sempre creduto che in una notte senza stelle … se continuavo a cercare ne avrei trovata qualcuna. perché, pensavo, le stelle … ci sono.
ora che sono più grande continuo a credere che in questa notte buia si possa, talvolta, incontrare persone di valore.

è oltre una anno che mi sono imbarcato sulla tua nave e posso dirlo con certezza, ho incontrato un uomo di valore, il nostro comandante, Andrea.

l’augurio per il tuo libro è scontato, saprai trovare la giusta formula, come hai fatto finora, e andrà bene (di certo ti chiederò una copia autografa). ed è scontato anche l’aiuto (se lo vorrai) da parte nostra.

grazie Andrea, grazie davvero.
sono commosso, ho gli occhi lucidi. è meglio se mi fermo qui.

michele s. (milano)

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 00:36

Auguri Andrea, stai diventando grande.

Fausto

Scritto il 25 gennaio 2009 at 03:49

Ciao Andrea avevo gia’ scritto un paio di volte nei mesi passati, ora che sono dall’altra parte del mondo in Nuova Zelanda tutto assume un contorno ed una sostanza differente .Si questa ns vita ed umanita’ va rifondata, per sopraggiunta maturita’ in senso degenerativo come la storia ci ha sempre dimostrato in tutte le civilta’. Ora con la velocita’ che ciaccompagna ogni giorno la disintegrazione e’ sicuramente velocissima. Ma lasciando stare i pessimo presente, concordo in pieno sul futuro e aggiungo come gia’ detto in precedenza di puntare quasi tutto sui bambini e su di una differente educazione ed approccio alla vita in primis l’uso del denaro, l’economia e l’ambiente, qui in NZ il rispetto per l’ambiente territorio grande quasi quanto l’Italia e’ una filosofia di vita quotidiana in ogni settore !
Al mio ritorno vorrei poterti contattare direttamente se possibile !

Magico59

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 08:23

Una goccia….una piccola goccia che cade nell’oceano, come il semplice battito della farfalla….questo siete Voi, questo è ognuno di Voi, un piccola ed allo stesso tempo immensa goccia, che si scioglie nell’oceano, propagandosi all’infinito, piano piano lentamente ma inesorabilmente……..

E all’improvviso, il vento si placò, la goccia, una piccola goccia si stava propagando, attraverso l’oceano, goccia su goccia sino a giungere in vista del porto……

….non era più sola, erano un insieme di piccole gocce, una accanto all’altra divenute un autentico Tsunami di Umanità che tutto travolge che commuove, che rinfresca che ti fa sentire dentro una forza irresistibile…….ecco perchè credo all’Uomo, ecco perchè credo alle nuove generazioni….ecco perchè oggi ogni goccia che ha raggiunto la mia Vita, la Vostra Vita prosegue oltre sino a raggiungere l’orizzonte.

Alle volte le parole non riescono a esprimere quello che la tempesta del Cuore procura….solamente Grazie, della Vostra Speranza, della Vostra Essenza…..grazie della Vostra Poesia.

Ma ora è il momento di ricostruire, da fondamenta già esistenti, come è stato scritto è il momento di proporre idee, progetti per un mondo migliore, attento all’uomo e alla sua Essenza, un’economia per l’uomo e non un’economia al servizio dei vizi dell’uomo….è vero è anche il momento di chiedersi se quando usciremo da questa crisi avremo sempre lo stesso sguardo di un bimbo che guarda al cambiamento…..non sempre dobbiamo toccare il fondo, spesso è vero, ci dobbiamo immergere nell’abisso delle nostre vite per accorgerci che noi stessi siamo il Cielo!

Minny……qualunque cosa sia, condividi le tue senzazioni, le tue paure, la tua sofferenza con qualcuno, ci sono uomini e donne che camminano ogni giorno con le braccia aperte e non ce ne accorgiamo, sono accanto a noi, non farlo su un blog, non virtualmente…. comunque sia non sei sola, non sei affatto sola….un abbraccio sincero…..

…..si giovani generazioni, future generazioni grazie della tua poesia, dell’uragano di Vita che ci hai donato Anne Bonny…..pirata della Vita……

……..ho voluto solo citare la più giovane e non citerò la più vecchia …..perchè non vi è età su Icebergfinanza, ho voluto ricordare chi soffre perchè oggi la sofferenza raggiunge ogni fiordo degli oceani della vita……sofferenze che neanche possiamo immaginare e di queste dobbiamo essere consapevoli e partecipi responsabilmente nella nostra vita quotidiana…….ma ho inciso ogni Vostra parola sull’albero maestro dele nostro veliero……che neanche il mare quando un giorno sarà affondato potrà mai cancellare!

Un abbraccio Andrea

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 10:13

Buon compleanno a te e al blog e grazie per quello che stai facendo.
ugo67

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 12:34

buon compleanno e complimenti. :-) come diceva l’astronauta che mise il primo piede sulla luna … un piccolo passo per me, un grande passo per l’umanità.

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 12:41

aggiungo… avendo avuto secoli di dominazioni in Italia, ci siamo abituati a considerare lo Stato come qualcuno da fregare e chi è al Governo a trattare i cittadini-sudditi come qualcosa da spremere fin che ce n’è.
al momento le cose continuano su questa strada, purtroppo.
Io dico: Compatrioti! dobbiamo reagire e responsabilizzarci. è con l’esempio, buono, che si modificano le cose di questo mondo.

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 14:12

Ciao Carpe Diem..
seguo questo veliero praticamente da quando salpò dal porto per la prima volta..ma prima di lui ho viaggiato su altri velieri per anni..se intendi che scuola..beh le mie preferenze sono sempre state per la scuola austriaca..i ragazzi di usemlab ne portano avanti l’eredità in italia, già dal 2004 avevano tracciato le sorti di questa crisi..comunque non ci vuole un genio a prevedere iperinflazione..basta guardare il grafico della base monetaria M0 amerricana..basta leggere un impressionante + 100% su base annua..mai successo nella storia..semplicemente impressionante..poi per quanto mi riguarda non ho mai tenuto diari di bordo..il mio lavoro è investire in borsa nel campo aurifero..se sei interessato ai miei risultati posso tranquillamente farteli visionare in privato.
i commenti che pubblico su questo blog sono stati per lo più ignorati, a volte mi sono sentito rispondere con sufficienza e bollato di superficialità.
non ho mai risposto a questi insulti semplicemente perchè non è mia abitudine giudicare una persona senza nemmeno conoscerla.
troppa superficialità su questo veliero..lo lascio alla sua rotta.
E’ pur vero che questo rimane uno dei migliori blog di economia in italia…ma lo è anche perchè il livello medio degli altri siti è semplicemente imbarazzante.
un saluto

Devin

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 16:09

Devin #66. Perchè…………non dimenticare che nel blog ci sono tante….tantissime persone comuni, agricoltori, lavoratori edili, commerciati, studenti eccetera, scusate se ho dimenticato qualcuno.
Non credo che siamo tutti professionisti dell’economia mondiale o trader professionisti……

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 16:13

Devin #66 perchè non discutiamo un pò (solo un pò….hehehe) di come si costruisce un abitazione o condominio, come si fanno gli impianti tecnologici di una casa o perche un fabbricato “non cade” e stà in piedi. Oppure perchè non discutiamo di Aeronautica e del perchè un aereo vola!!!! o magari di Fisica Quantistica!!!!
Non parlare così……..
Un saluto a tutti

SD

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 16:14

Ciao Devin, io non ti conosco è diciamo che ultimamente bazzico ogni tanto in questo blog. Per quanto riguarda i commenti “superficiali” non mi arrabbierei. In fondo qui ognuno può dire la sua. Purtroppo non siamo abituati a parlarci in maniera accademica magari argomentando le tesi e/o citando le fonti ecc… ma ci lasciamo prendere da opinioni personali “senza però avere una buona conoscenza in materia”.
Approfitto dei presenti(compreso te Devin) e di Andrea per portare alla luce un problema che già tutti conosciamo ma che ora sembra essere sempre più evidente.
Riporto il grafico di bespoke:
Tutti noi conosciamo il fenomeno della vera e propria esplosione del debito pubblico di TUTTI gli stati. Ma la preoccupazione aumenta quando pensiamo ad uno stato come la Grecia !
La Grecia la definirei come un paese al limite del terzo mondo con un’instabilità politica ALLARMANTE ! (mi domando come mai nessuno ne parli, tuttavia cercate Grecia su google news). Lo spread con il Bund è il Cds greco stanno crescendo a livelli inquietanti !
Il problema che vorrei porre alla vostra attenzione è: cosa succede in caso di default Greco ? L’Europa in questo scenario sarebbe unita (alla luce dei ripetuti no da parte della Germania ad un euro-bond e al non aiuto di lontana memoria nella cosiddetta crisi dello SME…vi ricordate un certo Soros e la Boe e il non intervento della Buba ?)
Inoltre FMI non mi pare che possa fare poi così tanto !
Il problema di un’eventuale default potrebbe far scoppiare una reazione a catena stile Lehmann con paesi come l’ Italia, Portogallo ecc… che non riuscirebbero più a emettere debito per poi non parlare di una nuova voragine che si aprirebbe per gli emittori dei CDS !)
Dovrò documentarmi meglio in materia… certo che il rischio degli “Stati” è uno scenario da non sottovalutare ! Soprattutto alla luce dei nuovi rialzi dell’oro! (e qui vorrei la tua opinione Devin…spero di natura fondamentale)
Mi dispiace se ho buttato giù 4 righe con magari qualche errore d’Italiano su questo “nuovo” problema.
Alla prossima !

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 16:16

Vediamo se ora riesco a mettere l’immagine di beespoke :

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 17:53

Ciao Devin,

grazie innanzitutto per la risposta educata che hai voluto darmi.

Mi fa piacere che tu riconosca che ICEBERGFINANZA rimane
uno dei migliori blog di economia in Italia ..

“…ma lo è anche perchè il livello medio degli altri siti è semplicemente imbarazzante. ”

Dunque vorresti dire che il nostro Capitan Andrea è bravo , perchè conosce solo poche più lettere dell’alfabeto degli altri , anzi gli altri sanno fare solo un “O” (melonato) aiutandosi anche con un bicchere e neppure quello se lo facessero a mano libera.

non mi sembra un bel riconoscimento da parte tua. Ne convieni?

ed ancora
per dirla tutta, ieri, giorno del compleanno del nostro Capitano, ho avvertito
una mancanza di buona creanza da parte tua , sbagliando sicuramente i tempi,
sei entrato a gamba tesa oppure mi è sembrato che tu abbia messo i piedi
nel piatto ..

con l’avvertimento datoci che ormai il nostro Capitano è stanco e confonde una
lucciola per una lanterna.

ti sembra carino? dai ammettilo .

non so se tu voglia veramente lasciare questo veliero, io personalmente non ci credo, perchè qualche incursione in futuro la farai e come dice il nostro Capitano
chiunque è il benvenuto , purchè accetti le regole di una buona convivenza civile.

Devin,
uno come te che l’ha seguito per due anni e, visto che il nostro Capitano, fino adesso non ha sbagliato, una strambata, perchè ti ostini a gridare ed insistere
che l’inflazione è ad un millimetro da noi , e non ci vuole un genio a prevedere
addirittura IPERINFLAZIONE.

il nostro Capitano nei giorni passati ci confermato che all’orizzonte non si vede
nessun ICEBERG chiamato IPERINFLAZIONEI, quando lo avvisterà , saremo i primi a saperlo e noi tutto sommato abbiamo fiducia in lui, e non mi sembra
un crimine .

mi fa piacere che il tuo lavoro è quello di investire in borsa nel campo aurifero con ottimi risultati..e ci credo ….e ti auguro buona fortuna!

…ma non è questo quello che io chiedevo alludendo al tuo diario di bordo.

….qui siamo interessati anche e non solo , ma soprattutto ad investire in VALORI che sono
più preziosi dell’oro, e se come dici, hai seguito questo veliero dall’inizio, sicuramente li dovresti conoscere, se la tua coscienza non è stata a dormire
in questo tempo.

prendo atto , che aprofitti della sosta in porto per scendere da questo veliero….
e qusto mi conforta , perchè quelli che rimaniamo , la tua discesa mi convince
che chi rimane non è preso dalla SINDROME DI STOLCOMMA.

ma sappi come dice il nstro Capitano che chiunque qui è il benvenuto, anche di ritorno,
purchè il rispetto dell’altro sia il primo comandamendo da osservare.

io sono solo da alcuni mesi a bordo , non sono un economista e non sempre
capisco tutto quello che vi è scritto e/o che vi si scrive (soprattutto in inglese che io non conosco) ma…. so mettermi in ascolto ….e mi sembra che l’aria che si respira sia più che buona, a livello di discussione

certo alcuni tendono a fare i maestri e non sempre sono all’altezza a mio parere .. e secondo me questo un po’ irrita..
ma educatamente lo si può far notare, e credo che questo non sia un crimine

spero che tu prenda questa mia risposta non come un insulto e ti
auguro BUON VIAGGIO

cordialmente

carpe diem49

PS : conosco personalmente alcuni dei “ragazzi di usemlab” , ma li
è un’altro discorso.

Scritto il 25 gennaio 2009 at 18:05

Ciao SD..
ribadisco la cosa..molte persone danno troppe cose per scontato e parlano senza conoscere il loro interlocutore..se vuoi parliamo volentieri di fisica quantistica..anche perchè ho studiato proprio fisica alla statale di milano..non aggiungo altro caro SD.
Per #69..io non mi preoccuperei solo per la Grecia..se hai notato nella settimana passata le varie agenzie di rating (ammesso che ci sia ancora qualcuno che le prende sul serio..e purtroppo è così) hanno tagliato il giudizio sul debito a lunga scadenza di grecia-spagna-portogallo e lo faranno per irlanda italia austria etc etc a tempo debito..
è chiaro che si tratta di una manovra pilotata..con i US future trentennali in caduta libera hanno bisogno di attrarre i soldi verso i titoli di stato americani a scapito di quelli europei, visto che per il 2009 si prevede un fabbisogno di circa 4 trilioni di $ per mandare avanti il carrozzone americano.( e la cina se ne sta tirando fuori)
Se poi tutte queste persone che parlano di deflazione mi spiegassero come diavolo si fa a parlare di deflazione, che per definizione è un restringimento della massa monetaria, a fronte di un MZM a +13% per il 2008 e un M0 a +100% (nella storia non ha mai superato il 16%) sempre per lo stesso periodo..beh nei sarei grato.
Queste persone sono spesso critiche sulle rilevazioni statistiche sull’andamento dell’occupazione e, invece, prendono per oro colato le indicazioni date dal CPI.
Se mi parlate di reflazione concordo..ma deflazione è un’altra cosa..non ha niente a che fare con le leggi di domanda/offerta.
Sempre per #69..se torni indietro nei mesi vedrai che a novembre 2008 ho chiamato in un commento il minimo sull’oro come effettivamente fu (scripta manent)..e ho preannunciato un rally per il metallo in questione..magari non ho azzeccato la tempistica esatta, lo ammetto, ma il trend è stato quello..mi sono sentito rispondere con sufficienza che se l’oro fosse andato a 1000$, nei confronti dell’euro avrebbe invece perso terreno..peccato (caro sapientone..tu sai chi sei) che venerdì a fronte di una chiusura a 900$ l’oro ha stabilito il suo record storico contro l’euro intorno a 700€ per oncia..
Se vuoi analisi fondamentali beh..non potrei condensarla in poche righe e annoierei i più..se vuoi posso inviarti via mail le mie considerazioni senza problemi.
Per #67..non ce l’ho con le persone che intervengono in questo blog (tranne in rarissimi casi)..anzi..cerco di leggere ogni singlo commento e di impararne qualcosa..non mi sembra però carino se espongo i miei dubbi o perplessità e sentirmi rispondere che sono ingenuo o di tornare a guardare il grande fratello..così..senza argomentazioni.
Non me la prendo..io so che nessuno qui ha come interesse principale il grande fratello (a parte quella ragazza con due airbag fenomenali) altrimenti non sareste qui a discutere di economia..è qualcun altro che dovrebbe capirlo.
ciao a tutti

De(vin)

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 18:52

Ciao Devin, sono stanco, si molto stanco, è fatica scrivere di notte ma per il resto mi dispiace è tutto un’altro discorso.

Se vuoi potrei darti alcuni indirizzi di pura scuola austriaca che parlano di deflazione pura …..ma la mia idea non proviene da quella scuola.

La mia visione proviene da uno studio approfondito della ” Lost Decade” della Grande Deflazione giapponese e sino a prova contraria oggi ci stiamo indirizzando verso quell’orizzonte……i nostri timonieri sono talmente sicuri di non ripetere quell’esperienza che conoscendoli credo che ci stanno portando in quella direzione…..e non centra nulla il CPI e tantomeno se permetti la massa monetaria intesa come inflazione = fenomeno monetario.

Io guardo ad altri indicatori e se proprio vogliamo dare un’occhiata all’orizzonte nella mia visione di una possibile recessione a W contemplo anche la possibilità che all’improvviso si metta in moto un meccanismo nel quale il cavallo incominci a bere di gusto e lo stalliere sia costretto a chiudere tutti i rubinetti provocando un collasso epocale nell’economia.

Sfido chiunque a parlare di iperinflazione in questi anni in cui il denaro scorreva a fiumi e riempiva gli oceani, l’inflazione è già tra noi trasmessa dalla filiera del commercio, dallo shock petrolifero, dalla speculazione ma quando crollano i valori azionari, quelli immobiliari, le materie prime si disintegrano, il denaro è congelato
la recessione si avvia alle soglie di una depressione e non bastano i tassi a zero o stampare moneta se poi nessuno la usa questa moneta deve entrare in circolazione e questa circolazione deve essere pari perlomeno alla velocità con cui la deflazione fa crollare la fiducia, la domanda.

Ma in fondo si tratta di attendere…l’inflazione ha già distrutto il potere di acquisto della classe media ora vediamo quello che saprà fare la deflazione e chissà che non arrivi qualche sorpresa.

Ciao Andrea

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 19:00

Ciao Carpe Diem..
beh se conosci i ragazzi di Usemlab sai benissimo quale sia il loro punto di vista e da quanto tempo hanno tracciato la rotta che poi si sta puntualmente rivelando corretta.
L’unica cosa che non ho gradito da parte loro è stata questa chiusura verso il resto del mondo.

“con l’avvertimento datoci che ormai il nostro Capitano è stanco e confonde una
lucciola per una lanterna.
ti sembra carino? dai ammettilo”

Penso che in fondo si..potrei avere anche mancato di rispetto ad Andrea..anche se non intenzionalmente..e di questo me ne scuso veramente.
Per il resto ribadisco quanto già detto in passato..abbiamo visioni discordanti..ed è un bene perchè se tutti pensano nello stesso modo nessuno pensa.

Se nei miei commenti sono sembrato un maestrino e questo ha irritato..beh mi spiace..questo sicuramente non era il mio intento.
La mia intenzione invece era quella di condividere con gli altri, senza pretendere nulla in cambio, una visione che fosse diversa dall’attendere in riva al fiume..in particolare riguardo l’oro..anche perchè nella vita di tutti i giorni c’è la necessità di mangiare e non ho mai visto il cibo gettarsi spontaneamente nella bocca di nessuno mentre attende assorto il futuro.

“….qui siamo interessati anche e non solo , ma soprattutto ad investire in VALORI che sono
più preziosi dell’oro, e se come dici, hai seguito questo veliero dall’inizio, sicuramente li dovresti conoscere, se la tua coscienza non è stata a dormire
in questo tempo. ”

Una frase bella..ma vorresti cordialmente spiegarmi in che cosa si è concretizzato questo pensiero nel corso di questi due anni?
In un libro di prossima uscita?
Un problema, uno dei tanti, dell’Italia è che tutti scrivono e nessuno legge…non lo dico io..lo dicono le statistiche sulle vendite dei libri.
Se uno sa, o pensa di sapere, che le cose stiano seguendo un certo percorso che sarà difficile e faticoso per molti, beh credo che sia moralmente dovereso da parte sua renderne partecipe la maggior parte delle persone possibili.
In questo caso Andrea e il suo blog hanno avuto un discreto successo..mi sarei aspettato non un libro che, raramente, raggiunge le grandi masse..men che meno se è un libro che tratta di economia.
Mi sarei aspettato un’unione di forze tra questo blog e altri che seguono la stessa filosofia..come mercato libero..usemlab ..donchisciotte e altri.
Trasformare cioè queste informazioni da scritte, che raggiungono pochi, in qualcosa di diverso.
Un vero e proprio canale video..attraverso il video puoi attirare l’attenzione delle grandi masse di persone e regalare loro un’informazione corretta..che non è solo informazione..è conoscienza e libertà.
Mercato Libero ci sta provando con 1000per cambiare..c’è chi propone lo scec
..invece qui..ottima informazione..ma per pochi..ma di concreto..

..niente..nada..nothing..nichts..

spero di non essere stato nuovamente offensivo..
un saluto a tutti

Devin

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 19:26

10 100 1000 andrea mazzalai. questa e’ cultura vera, quella che si dovrebbe insegnare a scuola. ma si sà chi avrebbe il coraggio di perdere il posto di lavoro ? auguri e non mollare. grazie
alex da udine

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 19:27

Un saluto a tutti in questo anniversario che cade in un periodo ancora difficile in cui molti dei problemi fin qui evidenzati dal nostro Andrea hanno portato a maturazione i propri frutti velenosi, altre criticià appariranno anche se, è mia opinione che le grandi “sorprese” (sorprese?) siano finite, e che il mondo economico finanziario habbia oramai un quadro abbastnza chiaro de disastro. Le quotazioni di borsa al di la delle speculazioni scontano scenari apocalittici e le guidance che ci propongono i CEO nel presentarci i dati Q4 per il 2009 sono tamente pessimistiche da parere altrettanto demenziali di certe “sparate” degli ultimi anni. La nostra economia è una petroliera con un dislocamento monster con una inerzia rilevante.

Le nebbie si stanno diradando, il che non vuole dire che sappiamo che rotta prendere, in primo luogo perchè nessuno ha ancora fatto per bene il punto nave, in secondo perchè dobbiamo decidere dove vogliamo andare.
Il mondo economico finanziario non è certo una democrazia ma vive di comportamenti colletivi che vengono gestiti più o meno bene dai pifferai (o sirene) di turno.
Ai tanti marinai mancano spesso gli strumenti, tecnici e cultural per prendere decisioni consapevoli.
(considerate che secondo una recente analisi ISAE il 35% delle persone in Italia non sa leggere, non dico un contratto di mutuo a una nota informativa di un investimento, ma !! L’ESTRATTO CONTO DELLA PROPRIA BANCA !!

Di fronte a quanto è successo su i mercati negli utimi 10 anni credo che una delle cose di cui ci sia più bisongo sia educazione economico finanziaria di base per tutti e comunicazioni certificate da enti terzi non soggetti a pesanticonflitti di interessi.

Dobbiamo capire i trend macroeconomici di lungo periodo, legati ai cambiamenti che ci sono stati, e non sono ripetibili (sviluppo dei trasporti, delle reti di comunicazione, globalizazzione dei mercati) e di quelli che sono in corso ( problema energetico, demografico e dello smaltimento dei rifiuti).

Caro Andrea, capisco perfettamente le tu difficoltà e proseguire con analisi dettagliate come quelle viste negli ultimi mesi, devono esserti cestate ore di analisi e fatica di sintesi, con risultati eccezionali ( a volte mi lacia un poco perplesso lo stile messianico-profetico, ma è una questione più di forma che di sostanza) di cui dobbiamo tutti ringraziarti.

Proporrei per il futuro, se ti interessa, di provare ad alzare la testa e spingere lo sguardo più lontano dei rigurgiti finali di questa crisi e di guardare ad un fututo più lontano dove vivranno i nostri figli e nipoti e che, per molta parte dipenderà da noi.

un saluto

[email protected]

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 19:36

Ehi Devin,

non starai mica approfittando della festa di compleanno per fare pubblicità a blog che in realtà hanno il solo scopo di attirare clienti per i loro servizi di consulenza?
Guarda che Andrea è un po’ diverso…..

Mas

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 19:59

Mas le tue insinuazioni sono di pessimo gusto..e non hai capito nulla o non hai letto bene quello che ho scritto..e comunque non ha importanza..non ho bisogno di fare pubblicità a nessuno..non ho bisogno dei soldi di nessuno..tantomeno sono qui a vendere i numeri del lotto come i maghi.
ciao

De

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 20:00

Andrea,
oggi mi sento rompipalle come una donna mestruata..

“Se vuoi potrei darti alcuni indirizzi di pura scuola austriaca che parlano di deflazione pura”

beh a me sembra che la maggior parte degli “austriaci” abbiano individuato nella situazione attuale qualcosa di più simile al crack up boom di Misesiana memoria che altro..

comunque avendo grande stima per quello che dici sarà sicuramente interessante leggere le tue conclusioni sulla somiglianza giappone anni ’90 – mondo ’09.

“..e non centra nulla il CPI e tantomeno se permetti la massa monetaria intesa come inflazione = fenomeno monetario.

Io guardo ad altri indicatori”

dunque..indicatori sui prezzi core e non core no..indicatori degli aggretati monetari no..boh..prezzi delle commodities e petrolio manipolati?..velocità della circolazione della moneta? e poi che altro?
La deflazione è un fenomeno monetario e per misurarla non utilizzi indicatori monetari..è come misurare le temperatura senza termometro..

comunque…

“se proprio vogliamo dare un’occhiata all’orizzonte nella mia visione di una possibile recessione a W”

scusami..ma fino a un mese fa non era una recessione a L ?

vabbè basta così..

Per Erasmo…

“Ai tanti marinai mancano spesso gli strumenti, tecnici e cultural per prendere decisioni consapevoli. ”

a chi ti riferisci scusa? perchè credi di conoscere bene il livello culturale delle altre persone che frequentano questo blog? io ho letto molte cose valide…forse lo hai scritto riferendoti a questa affermazione…

“è mia opinione che le grandi “sorprese” (sorprese?) siano finite, e che il mondo economico finanziario habbia oramai un quadro abbastnza chiaro de disastro. Le quotazioni di borsa al di la delle speculazioni scontano scenari apocalittici e le guidance che ci propongono i CEO nel presentarci i dati Q4 per il 2009 sono tamente pessimistiche da parere altrettanto demenziali di certe “sparate” degli ultimi anni”

sono senza parole..

“considerate che secondo una recente analisi ISAE il 35% delle persone in Italia non sa leggere, non dico un contratto di mutuo a una nota informativa di un investimento, ma !! L’ESTRATTO CONTO DELLA PROPRIA BANCA !! ”

cioè fammi capire..ti lamenti dell’ignoranza delle persone, che poi voglio dire..gli estratti conti li fanno volutamente sembrare opere ermetiche, e poi mi scrivi abbia con la h? sei poco credibile..

per quanto riguarda insegnare una cultura di base di economia a tutti mi sembra una cosa saggia..

ciao

De

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 20:40

Caro Devin,

nella tua attività da TRADER presumo, anzi deduco da quanto tu scrivi..

“.il mio lavoro è investire in borsa nel campo aurifero..se sei interessato ai miei risultati posso tranquillamente farteli visionare in privato.”..

..ci credo che tu sia anche bravo, ma mi sembra però che tu abbia una necessità di metterti in vetrina , necessità dettata anche
dal buon sentimento che è quello di volere condividere questa tua bravura con altri…. soprattutto nell’ambito del settore aurifero..

ma siccome come c’è scritto all’ingresso del veliero non si danno indicazioni operative , rispetta almeno il sentimento espresso dal nostro Capitano , che non
vuole parlare di trading , ma di strategie operative , che la stragrande maggioranza
accetta e ringrazia, avendo messo in salvo i propri risparmi e che certamente
non mangia con il trading. e che ha ben compreso cosa significa stare in riva al fiume.

ci sono altri forum dove puoi apportare e distribuire questo tuo sentimento di condivisione e confrontarti anche nell’analisi dei vari strumenti finanziari con persone che hanno visioni diverse dalle tue.

per quanto riguarda “la visione dell’attendere in riva al fiume..”
significa ..ӏ meglio restare liquidi appesi a qualche salvagente EURIBOR!

anzi visto che si parla anche di oro ..

copio ed incollo quanto scriveva il nostro Capitano in data ” …..

cordialmente
carpe diem49

29 Novembre 2007 – 22:19

Ciao Jack benvenuto a bordo, non ti ho dimenticato, lasciami il tempo di fare alcune verifiche e ci sentiamo, ma sin da ora posso consigliarti che l’oro è pur sempre un investimento ad alta tensione con buone prospettive nel prossimo anno, ma da montagne russe, al quale destinare solo una parte del proprio bottino, mentre per il resto è meglio restare liquidi appesi a qualche salvagente EURIBOR!

Ciao Andrea
icebergfinanza

e rispondeva anche in modo dettagliato ancora in data …

01 Dicembre 2007 – 21:51

Rispondendo a Jack provo ad evidenziare le soluzioni per investire in oro che passano attraverso alcune vie obbligate escludendo quella del possesso di oro fisico.

Questo non significa fornire consiglio operativi quindi livelli di entrata o quale strumento scegliere, ma cercare di evidenziare la varie soluzioni possibili.

Una delle vie obbligate investendo in fondi è quella di passare purtroppo dalla valutazione del dollaro che è inversamente correlato all’oro.

In Italia l’unico fondo regolarmente quotato è l’ ETFS GOLD Exchange Traded Fund, il GOLD BULLION SECURITIES della LYXOR è quotato sulla borsa di Londra.

Tutto dipende poi dalle commissioni di transazione.

Per essere più precisi, si tratta di un ETC (Exchange Traded Commodity ) con il vantaggio di avere un’ esposizione sulle commodity senza l’ onere di mantenimento di posizioni sul mercato a termine o di consegna fisica della materia prima acquistata.

Ci sono alcuni però per quanto riguarda gli investimenti in fondi e te li riassume questa nota da BLOOMBERG per BORSA & FINANZA.

Lunedì 12 novembre, l’Exchange-Traded Commodity (Etc) legata all’andamento spot dell’oro, sponsorizzata da Lyxor Finance, denominata Lyxor Gold Bullion Securities (Gbs) è stata resa disponibile sulla Borsa di Londra anche nella valuta locale, la sterlina inglese, sulla piattaforma multi-currency, e negoziabile con il nuovo codice Gbss (il codice Isin, invece, è rimasto il medesimo: GB00B00FHZ82). La novità più importante, però, è il recente riconoscimento da parte della Commission de Surveillance du Secteur Financier del Lussemburgo di “eligibilità” del Lyxor Gold Bullion Securities per i fondi e le Sicav armonizzati lussemburghesi, che dovrebbe aprire le porte a nuovi investimenti e conseguente crescita degli asset. Questa Etc è quotata anche sul mercato Etfplus di Borsa Italiana dal 20 aprile scorso, ed è stata la prima garantita dalla materia prima fisica (lingotti d’oro puro) e ad essa puramente correlata, prima del listing del Etfs Physical Gold (Isin: JE00B1VS3770), promosso da Etf Securities Ltd.

Sono due, dunque, le Etc quotate a Piazza Affari che permettono d’investire direttamente nel prezioso giallo, che quest’anno (dati al 15 novembre 2007) è salito nientemeno che del 26% in termini di dollari, ma “solo” del 14% se convertito in euro, causa il forte e persistente indebolimento del biglietto verde sulla moneta unica europea, con punte, al 8 novembre scorso, del 31% e 19%, rispettivamente.

Una terza Etc quotata su Etfplus è l’Etfs Gold (Isin: GB00B15KXX56), che a differenza delle precedenti espone l’investitore a quelle che sono le variazioni dei prezzi dei contratti future sull’oro negoziati presso il Comex, misurati dal Dow Jones-Aig Gold Sub-Index.

Investire tramite future (quello che fa l’indice) implica, però, l’assunzione di due rischi addizionali, quello sull’evoluzione dei tassi (è richiesta, infatti, una marginazione del 10%, legata ai Treasury a 3 mesi) e quello relativo al periodico rinnovo dei contratti, che possono essere fonte di guadagno come di perdita. In particolare, per l’oro, è statisticamente dimostrato che il dover vendere il contratto vicino alla scadenza per acquistare l’utile successivo ha portato sempre ad una perdita di valore, poiché i future rinnovati hanno prezzi superiori a quelli acquistati in precedenza. La curva forward che delinea l’andamento dei prezzi dei future alle varie scadenze assume in questo caso specifico una forma ascendente e l’appellativo di “contango”. Il risultato è che una simile Etc possa non rispecchiare appieno e correttamente l’effettivo andamento dei prezzi della materia prima sottostante e sottoperformare l’asset di riferimento. Inoltre, rispetto al Lyxor Gold Bullion Securities e all’Etfs Physical Gold, l’Etfs Gold ha un costo annuo (0,49%) superiore di 9-10 punti base ed un differenziale più ampio sulle proposte di acquisto e di vendita: del 1,5% anziché del 1%. Se si vanno ad analizzare i dati di Borsa Italiana relativi al mese di ottobre, però, che non si discostano di molto dalle statistiche di settembre e dei mesi precedenti, si nota bizzarramente che l’Etfs Gold è molto più scambiato dell’Etc dello stesso emittente, ma garantita dall’oro fisico, con un rapporto addirittura di circa 8 a 1.

E che l’Etc di Lyxor, che investe anch’essa direttamente nei lingotti d’oro, è la più scambiata in termini di controvalore, presumibilmente grazie anche ad una maggior presenza sul mercato europeo (il primo Gold Bullion Security è stato quotato su Londra il 9 dicembre 2003). Il perché sia utile investire una piccola quota del proprio portafoglio in oro è dato fondamentalmente da due motivazioni: la capacità di protezione nei confronti dell’inflazione e della debolezza del dollaro, e la bassa, se non inversa, correlazione in rapporto alle tradizionali asset class (azioni e obbligazioni). Tra le materie prime, poi, l’oro è quella meno volatile, perché la sua produzione e le riserve sono dislocate in diversi paesi, e dunque è meno soggetta a shock politici o economici. Le prospettive di medio-lungo periodo, infine, sono di un’ulteriore crescita dei prezzi. In parte dovute all’incremento della popolazione in alcuni paesi emergenti, quale l’India, che è il primo consumatore mondiale, con una quota del 27%, dove l’oro è per lo più impiegato nell’industria gioielliera. In parte al fatto che le miniere attive sono limitate, e così le capacità estrattive, e trovare nuovi giacimenti ed avviarli alla produzione richiede dai 7 ai 10 anni di tempo; pertanto, la richiesta d’oro sembra destinata ad aumentare.

Resta ovviamente chiaro secondo il sottoscritto che investire in oro oggi ai prezzi attuali presuppone una visi
one che tiene conto di una possibile stagflazione, di variabili geopolitiche o crisi finanziarie profonde. Senza inflazione non avrebbe molto senso!

Esiste poi la possibilità di acquistare direttamente AZIONI AURIFERE ma in questo caso si assiste ad un effetto leva in quanto oltre al rischio cambio si avrà il rischio titoli legati all’andamento di borsa.

Se si comprano azioni aurifere e da tener presente che il potenziale di rivalutazione di un’azione ordinaria di un’azienda mineraria dipende dalle aspettative del mercato per quanto riguarda il prezzo futuro dell’oro, i costi e ricavi dell’azienda, le prospettive future e mille variabili riconducibili all’investimento mobiliare.
Potenziale di crescita e prospettive future, nonchè contendibilità di un’azienda specie nei confronti dei colossi. Quindi non sarebbe male identificare una possibile preda di un take over o M&A.

Comunque sia è difficile evitare il passaggio dal dollaro e il passaggio dal franco svizzero non sarebbe altro che un doppio rischio.

Per quanto riguarda gli altri metalli visto e considerato il fattore liquidità e le ultime dinamiche lascerei perdere argento e platino.

Ciao Andrea
icebergfinanza

Scritto il 25 gennaio 2009 at 20:56

De(vin),

perdonami l’ortografia, scritta velocemente e quell’ h galeotta non sarà l’unico errore…

Non metto in dubbio il livello di competenza economico-finanziaria di nessuno, tantomeno la tua che è sicuramente superore alla mia che ,di estrazione scientifica, mi sono solo dato una “infarinata” di economia per necessità professionale (sciegliendo un buon maestro però) .

Non ho un blog e non cerco sostenitori per cui francamente non mi pongo il problema dela mia “credibilità” quando esprimo le mie opinioni.

Propongo solo di provare a guardare ed adiscutere, su questo blog, e altrove, oltre Queasta crisi che Quelli bravi (come Andrea) hano visto un oco prima degli altri ma che ora non ha più bisogno di visione ma soo di occhi.

Chi ha visione dovrebbe cominciare a guardare oltre.

un saluto

erasmo67

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 21:21

Scusa De sono molto confusa, e ho capito poco o nulla..

Se qualcuno ti ha offeso chiedo scusa io per loro..
Ma..alle feste non ci devono “essere muloni”J(mi ha detto Anne Bonny),
e ieri era festa del Capitano ma anche Nostra.
Non ci sarebbe Capitano senza ciurma,
non ci sarebbe ciurma senza Capitano.
Due anni di intensa navigazione non sono pochi, fai parte della ciurma.
Anche Bill, un giorno che segnalò un sito sul signoraggio disse che le segnalazioni sembravano cadere nel vuoto..
Invece ti dico che nulla va perso su questo Veliero,
Ti sei fermato con Noi due anni, perché solo ora..perché ieri..
non capisco..
Personalmente frequento usemlab, ed è vero son in gamba, ma un’ altra cosa.

Contesti al Capitano che alla teoria non seguono i fatti …

Cominciamo ad essere noi il cambiamento che vogliamo vedere..
Il Capitano in questo Viaggio ha dato maggior visibilità
ai Mondi alternativi, che sono reali, ci sono sempre stati
e non da oggi, sempre presenti ancor prima che la crisi si manifestasse.
Perché sono filosofie di Vita..ma dai più snobbati.

C’ è tempo per ogni cosa ed “è la Vita stessa che produce in Noi i desideri giusti
quelli con cui essa vuole continuare e crescere.
L’ importante è seguire questa traccia, non abbandonarla mai.”

Ci sono gruppi e Capitani solitari che in internet fanno
giornalmente tanto, Iceberg, mercato libero, don chisciotte,
usemlab, benettazzo, disinformazione, Ecolcity,e Signoraggio.com
dici poco con le sue fiere delle verità..
il Capitano ha una grande dote comunicativa parla ai cuori, trova anche solo
un sito di finanza che abbia visitatori di 16 anni…
facendo la Nostra parte, se non iniziamo a seminare partendo da loro
chi Saranno Gli uomini e le Donne di domani, che non si faranno né comprare né vendere..?
Chi saranno? e Noi come avremo contribuito?

Anche nelle scuole e nelle Università c’ è tanto da fare..
Penso al Capitano itinerante per scuole ed Università a seminare pillole di Finanza Etica…
C’ è bisogno di gente non Vuota che sappia trasmettere conoscenza e consapevolezza,
ritornare e fare con vocazione perché l’ insegnamento, come altre professioni umane è tale.

Tutto per dirti De, rimani, ogni compagno che se ne va è un’ amico andato perduto…

Rimani e comincia a seminare ciò che vorresti veder crescere…

A proposito avete notato la mancanza di stella pat, è un pò che non si sente….
Tanti sono passati di qui, difficile ricordare tutti i nomi, ma si Capitano, nessun sentimentalismo..
ma ogni parola sarà sempre nei nostri cuori, anche le critiche quelle vere, quelle utili.
Grande..Magnifico intensissimo Viaggio..

Se non sono per me stesso, chi sarà per me?
Se sono per me stesso soltanto, che cosa sono?
Se non ora quando?
(Detto Talmudico)

Un caro saluto
Valentina

utente anonimo
Scritto il 25 gennaio 2009 at 23:40

Per Devin #72 mi fà piacere che sei laureato in fisica, e forse anche altre lauree!!!! e quindi che hai profonde conoscenze di natura tecnico-scientifica, oltre che economica; ti renderai conto che persone geniali con un QI>150 non nascono tutti i giorni. Non dico altro sulla questione…………

Io non intendo discutere di economia “accademica”, non mi interessa, per dirla in parole povere “mi dissocio completamente” dalla discussione accademica.

Poi ognuno degli “accademici”, responsabili per la povertà e dolore causato dalle varie scelte economiche, dovrà assumersi le proprie responsabilità, ma non di fronte a Dio o la morale o per altri motivi di tipo etico; ma di fronte all’umanità e ai milioni di persone che ne subiranno le conseguenze.

Nei libri di storia, oltre ai passati dittatori e aguzzini vari; c’è posto anche per loro, così almeno potranno vantarsi del fatto che i loro nomi e comportamenti resteranno nella memoria dei popoli.

A mè interessa semplicemente imparare, conoscere e capire per riuscire a non farmi travolgere dalle vicende economiche.

Un saluto

SD

P.S. Se ti avanza “tempo” potresti occuparti anche di energie alternative oltre che di economia hehehe.

utente anonimo
Scritto il 26 gennaio 2009 at 02:14

BuonCompleanno, sì, ma quanta fatica!
Fatica nel cercare di contrastare tutta questa ondata di pessimismo che trasuda dalle parole di tutti voi. Ho scritto e scrivo e parlo ancora di Speranza. Ma devo dire che molte notti ho incominciato a pensare al mio futuro con angoscia. Sono stata ammalata per tanti anni, solo adesso inizio ad intravvedere un po’ di futuro e qui leggo di sogni spezzati. Beh, non lo accetto.. Mi tocca recuperare ancora tanti anni di vita, di studio, per crearmi una posizione decente.. ma se ascoltassi voi…sarei alla frutta. Per chi ho lottato? Tutto distrutto. Tanto vale mollare tutto.. no no no no no. Mi spiace Andrea ma mi ribello ancora. La tua speranza è invece a volte una farsa. Dici che aspetti una nuova economia, sostenibile ed etica. Altrimenti? Tutto finito? NO NO NO Come puoi pensare che tutto sarà perfetto… la famigliola felice…nessun bambino soffre… bisogna lottare per realizzare questo. Anche durante una crisi e non aspettare come giustamente diceva il post del grande cappello e della sua rinascita, che tutto sia distrutto. Lottare e costruire anche se il giorno dopo verrà qualcuno a distruggere. Fa paura parlare in questi termini di speranza? Forse, ma così è più vera.
E’ da tempo che mi faccio una domanda: ma chi sei Andrea? Che lavoro fai? Perchè non esci allo scoperto? Perchè non provi ad incontrare altri studiosi di economia e fare un lavoro insieme? Che studi hai fatto? Come lavori alle tue analisi? Che strumenti usi? Io studio Economia. E cerco di farmi una mia idea personale di tutto quel che accade. Leggo, ascolto ma prima di esprimermi provo a capire da sola. Perdonami, ma non cerco di distruggere il tuo lavoro elevatissimo e preciso, ma voglio capire di più. E capire come fai ad essere così certo della fine apocalittica che tanto ti attrae. Voglio capire perchè. E perchè non riesci a capire che scrivere in questi termini è anche una assunzione di responsabilità. Ogni parola detta durante una crisi produce grande eco. E ciò può provocare reazioni differenti in ciascuno. Ad esempio l’imprenditore che ha chiuso baracca e burattini per non collassare prima ancora che fosse cominciata la sua battaglia. Speranza. E’ lontana dalla perfezione dell’Uomo. Ma è vicina alle nostre menti ogni giorno. Perchè ci sono persone che si tolgono la vita? Perchè non sperano. Anche in un campo di sterminio ciò che aiuta è la Speranza. Anche se il giorno dopo non cambia niente. Tu speri Andrea, ma solo se si realizza il tuo sogno. Io spero anche nella tempesta. Ti piace ricordare però di tutte le volte in cui azzecchi le analisi? Certo, umano e comprensibile. Lo ripeti e lo sottolinei. Lasciando da parte i discorsi sul narcisismo che ci contraddistingue un po’ tutti, tutti vogliamo avere ragione. Tutti amiamo essere riconosciuti. Tu speri che noi tutti riconosciamo il valore di quello che scrivi, che qualcuno fuori da questo blog faccia altrettanto, che il mondo lo capisca e metta in pratica le tue parole. Speri che qualcosa cambi. Speri nelle nuove generazioni. Speri in un futuro lontano in cui forse regneranno pace e prosperità. Io invece credo in domani mattina e in quella del giorno seguente e così via. Nelle contraddizioni del mondo, della società e dell’economia. Le mie analisi non sono così nefaste nonostante tutto. E voglio continuare a sperare perchè voglio alzarmi ogni mattina con la voglia di imparare cose nuove. Tu parli di ottimismo. Ma non so se tu ci creda davvero. Persono nuove con cui fare una nuova economia. Parole. Parole parole. Fino a che non si vedranno economisti e politici onesti allo stesso tavolo, difficile perchè ciascuno supporta una tipologia di interessi differente ed in conflitto, e con la fiducia, la voglia di farlo. Quindi poichè difficilmente la banda degli onesti sovvertirà per davvero questo ordine di rappresentanza, queste istituzioni, dobbiamo accontentarci di modesti e limitati uomini. Chi ha da insegnare si alzi e provi a dire la sua ma non su un blog. Si candidi, si organizzi. Parole parole parole. Quindi aver Speranza è un gesto molto complicato. Qualcuno tempo fa scriveva del grano e della zizzania. Niente di più vero. Siamo così. Tutti vorremmo fare ma poi guai a toccarci il lato debole. Abbiamo quasi paura che ad esempio persino le popolazioni più povere al di là del nostro mare possano recuperare forza e coraggio ribellarsi e usurparci il trono. Perchè allora continuiamo a far finta di niente?
Buon Compleanno Andrea, continua così, ma cerca di credere che ogni tanto Dio mette mano nella nostra confusione per fare ordine, anche se sa che dopo qualche tempo tutto tornerà di nuovo nel caos… nessuno è perfetto, tranne Dio. Ma a Lui andiamo bene così… per cui io continuo a sperare perchè anche se fuori piove io immagino e aspetto l’arcobaleno!
La Ribelle

utente anonimo
Scritto il 26 gennaio 2009 at 02:17

Arieccoci..

“..ci credo che tu sia anche bravo, ma mi sembra però che tu abbia una necessità di metterti in vetrina ”

senti da quasi due anni leggo questo blog e da poco meno di uno intervengo in commenti.
mai e dico mai in un anno avevo accennato alla mia professione o quale tipi di studi avessi intrapreso.
Non ho bisogno di mettere in vetrina proprio nulla.
se l’ho fatto recentemente è stato semplicemente per spiegare a chi trattava le altre persone con sufficienza che non si deve mai dare nulla per scontato..

“ma siccome come c’è scritto all’ingresso del veliero non si danno indicazioni operative , rispetta almeno il sentimento espresso dal nostro Capitano”

hai perfettamente ragione..non mi permetterò più di dire nulla che sia a carattere operativo.

Per SD..cerchi sempre di sminuire le altre persone con sarcamo..senso di superiorità? inferiorità? ti richiedo per l’ennesima volta..conosci davvero la persona con cui stai parlando? o comunque te ne importa qualcosa?
a me non sembra..
non mi metto a discutere con te e la motivazione la puoi trovare in un famoso proverbio.

Erasmo..quello era un colpa basso lo ammetto..scusami..ma apprezzo l’intelligenza con cui hai risposto.
Però insomma..io discuto volentieri di economia..perchè in primis questo è un sito che tratta di economia..quindi se alcune cose non mi quadrano e porto delle argomentazioni a sostegno della mia tesi ,che è diversa da quelle di Andrea, mi aspetto che le altre persone ribattano portando ulteriori variabili che io non ho considerato..
questa è una discussione in cui si impara qualcosa.
Invece chi osa dire qualcosa che sia “contro” viene tacciato di voler fare pubblicità o di voler vendere qualcosa..oppure di non essere all’altezza..però non uno..dico UNO..che mi porti delle valide argomentazioni.
Andrea è bravo..ma non è la Bibbia.
Se mi dice che non ha senso , per esempio, investire in argento ti posso invece portare la testimonianza di decine di persone con le palle che dicono esattamente il contrario.
Molte delle cose che dice sono state dette prima di lui da altre persone.
Gli articoli stessi sono un collage di dati, articoli, pensieri e grafici di altri.
Poi lui aggiunge i suoi commenti,le sue idee e le sue interpretazioni dei fatti. che mi piacciono e condivido il più delle volte.

Valentina..da quello che ho letto e dalle tue parole mi sembri una persona molto dolce ed equilibrata..
forse per mia mancanza ho seguito poco i mondi alternativi..faccio un pò fatica a capire in concreto di cosa si tratti..se vorrai spiegarmelo meglio ti sarò grato.
quello che mi piacerebbe è vedere un pò più di spirito critico..in fondo anche il Buddha diceva che non si dovrebbe accettare i suoi insegnamenti solo per devozione, ma unicamente dopo l’analisi e l’investigazione..
notte a tutti

Devin

utente anonimo
Scritto il 26 gennaio 2009 at 02:24

Bravo Devin
La Ribelle

utente anonimo
Scritto il 26 gennaio 2009 at 02:46

Ribelle..trovo molto bello quello che scrivi..hai una freschezza che la maggior parte di noi hanno perso..sarà per le esperienze negative che tutti attraversano nel corso della vita..sarà per le molte sofferenze che ci bombardano quotidianamente..non sò..è come se il cuore si restringesse un pò ogni giorno fino a non aver più spazio a sufficienza per accogliere l’amore e i sogni.
Purtroppo quando un organismo è invaso da tumori e metastasi è inutile lottare..la conseguenza sarà la morte.
Puoi ribellarti quanto vuoi ma le leggi di natura sono queste.
Adesso vado verso un meritato sonno..
ari notte

De

utente anonimo
Scritto il 26 gennaio 2009 at 03:19

Ciao Devin

Concordo con te sul fatto che in questo blog non vi sia uno scambio di diverse visioni sullo stato dell’economia, come avviene su altri siti come Libero Mercato o altri e che non siano ancora partite iniziative concrete.

Ma la faccenda della gnoccata di gruppo mi dice che qualcosa si sta muovendo.

Io la penso come te, a mio avviso oggi c’è molto bisogno che i vari blog si uniscano per concordare iniziative comuni.

Però magari ognuno ha i suoi tempi (anche se la situazione attuare richiederebbe una certa celerità), io seguo da tempo i blog di controinformazione, due anni fa ne ho contattato alcuni, per proporre iniziative di incontro comuni.

Pensa come sarebbe bello un incontro ed un confronto tra gli autori dei blog che molti di noi conoscono.

Pero ho trovato qualcosa che le persone vere non dovrebbero avere, la paura di perdere l’identità delle proprie iniziative in un progetto comune.

Forse questa crisi c’è la meritiamo ed anche la dittatura che ne seguirà.

Se nemmeno i migliori di noi sono capaci di unirsi, in una situazione come questa, siamo proprio messi male.

Centinaia di iniziative solitarie che non provano nemmeno a dialogare, pensa ad unirsi.

Questo blog poi è un caso a parte, non mi era mai successo di partecipare ad un blog, dove le persone citano versi pieni di Amore per la vita e per gli altri, dove poi ti ritrovi offeso e giudicato da persone che nemmeno ti conoscono, solo perché dici che per un argomento la pensi diversamente, o se metti un link di accusano di farti pubblicità.

Certo non parlo di Andrea che io ho imparato a stimare in questi anni.
In fondo io penso che anche al capitano non dispiaccia di avere una ciurma disomogenea.

Io mi auguro che tu rimanga nel blog cosi come ho deciso di fare io.

Ora mi prenderò le solite offese gratuite (al quale questa volta non risponderò nemmeno).

Comunque continuerò a cercare di unire e non di dividere, perché questo lo hanno già fatto coloro che ci vogliono schiavi.

Invece mi piacerebbe molto una tua idea su quello che secondo te avverrà per l’oro, che io considero un ottimo indicatore per capire gli sviluppi della crisi.

Ti lascio la mia email

[email protected]

Saluti

utente anonimo
Scritto il 26 gennaio 2009 at 04:22

Devin caro, continui a dare pure tu per scontato il collasso senza possibilità di appello. Ma hai bene idea di quello che vuol dire? Hai idea di ciò che può significare per tutti noi? Che in tutto il mondo ci sarà gente che farà la fame, tutte le attività distrutte, nessuno si salverà se non chi ha un campicello… deflazione o iperinflazione… il grande dilemma? Tutto da gettare. Senza alcuna possibilità di ripresa. I tre quarti del mondo che vanno ko vuol dire fine di tutto. No caro amico, credo che sia troppo pensare ad uno scenario simile, così assurdo, omogeneo da non lasciare speranze neppure ad alcun uomo di trovare una minima soluzione. Tutto deve necessariamente fallire…mmmh.. Quindi, perchè lavorare domani? Tanto tutto finirà! Perchè pagare le rate di un mutuo a tasso variabile o fisso se poi perderai tutto? Tanto vale prendersi una piccola barca e provare a navigare a vista in cerca di qualche piccolo atollo e aspettare di scavarci le fosse. Ma non capite che è proprio la perdita della speranza quella che rovina l’uomo? Avevo spiegato tempo fa che medici importanti mi avevano previsto difficoltà e difficoltà per guarire… farmaci… situazione grave. Bene, non ci ho creduto ed ho sperato a dispetto di tutti. Ho lottato giorno e notte. Ho vinto. E la prova è che sono qui sveglia ancora per il caffè di troppo, ma sana. E piena di vita. Allora? Che vuol dire aspettare la morte? E forse l’uomo non prova a sperare fino alla fine? Hai mai letto un libro che parla di lezioni di vita scritto da un professore vicino alla morte? Nel prossimo post ti scrivo il nome e titolo. E’ un inno alla vita. Se penso al mio futuro.. che posso vedere? Nulla? Piuttosto me lo invento! Ma non accetto di pensarmi finita e fallita. Forse il tuo dolore ti ha chiuso e ti ha tolto il sorriso. Il mio mi ha liberato dalla paura infruttuosa, dall’ipocrisia, dall’indifferenza. Sono viva e dunque penso, sogno, scelgo, resisto. Mi puoi raccontare quel che vuoi ma io vado avanti lo stesso. Se tu e gli altri vi foste sbagliati… vorrebbe dire buttare via il futuro per un inganno. Se aveste ragione, allora troverei un modo per andare avanti e sentirmi orgogliosa di e per aver lottato e sperato e combattuto fino alla fine. E magari nonostante tutto…vinto. E’ il vostro pessimismo che uccide l’uomo. Ma credo in Dio, e spero nella forza che l’uomo sprigiona quando si tratta di reagire per non lasciarci le penne. Per quel che mi riguarda, morirei al limite col sorriso stampato in faccia, ma la soddisfazione alla rassegnazione di vedermi raggomitolata in una smorfia di disperazione mai! Mi racconterei anche una barzelletta per sorridere, ma di certo con una preghiera troverei pace..
Ora vado a dormire. Spero di averti rotto un po’ di scatole… tanto erano piene di scartoffie e troppe disillusioni. E fatela finita con questi grandi discorsi da insetticida.. nessuno si salva… bla bla bla…. Lavorate per trovare soluzioni. Io devo ancora imparare. Ma un giorno, quando saprò dire qualcosa di sensato, sarò in prima fila per portare il mio piccolo contributo per il bene comune e la mia voglia di vivere. Questo è il mio piccolo grande sogno… Ora dimmi, chi avrà mai il coraggio di spezzarlo?
Notte
La Ribelle

Scritto il 26 gennaio 2009 at 06:24

be’ devin, ci sei riuscito finalmente a prenderti un grammo di attenzione, pero’ hai scelto il momento sbagliato; Questo e’ il veliero di Andrea non il tuo, se a te nessuno ti vuole, e’ solo colpa tua, sbagli i tempi, le parole, … tutto.
Quando hai detto un sacco di fesserie parlando di fisica, nessuno di noi ha foluto sbeffeggiarti. Capisci devin?
Non sai nulla di fisica, cerca di essere piu’ modesto, e forse qualcosa di buono la imperarerai anche tu.
Senza offesa
Spugna

utente anonimo
Scritto il 26 gennaio 2009 at 07:07

Ciao Ribelle…..benvenuta a bordo cercherò di essere il più chiaro e semplice possibile!

Se faccio un post dal titolo ” Credit Default Swaps Game Over ” non è per spaventare il Mondo, l’uomo comune, l’imprensitore o chissà chi altro ma lo faccio solo per sottolineare l’irrazionalita di strumenti questi si di distruzione di massa, la speculazione uccide i sogni e la vita di milioni di persone.

Per quanto rigurada l’arcobaleno io no sto alla finestra ad attenderlo, non lo immagino solo a parole, lo vivo tutti i giorni nelle mie debolezze attraverso al mia vita, lo intravedo in molte realtà che alcuni di Voi non comprendono o non vogliono conoscere perchè immaginano solo soluzioni economiche e null’altro!

Si parole, discussioni accademiche mentre nei mondi alternativi ci si da da fare per una reale alternativa a questo sistema….poi l’arcobaleno nasce dalla tempesta anche attraverso il cambiamento di ognuno di noi, nell’etica e nella responsabilità sociale.

Sono stanco di stare alla finestra ad attendere l’arcobaleno del sistema che vive di breve termine…io non offro nessuna soluzione accademica a questa crisi ma un’alternativa che già esiste e che io non ho inventato, io non ho fatto nulla.

Se poi Speranza è stare alla finestra ad attendere che il tempo cambi da solo perchè questa è una legge di natura allora ….pronti alla prossima tempesta al prossimo uragano.

Si in rete alcuni urlano l’insostenibilità di questa crisi, ma ognuno ha il suo metodo e il suo scopo…….liberi di scegliere.

Io ho un mio stile…..non ho intenzione di fare rivoluzioni senza la rivoluzione del cambiamento personale…..non serve a nulla cambaire il mondo se non cambiamo noi stessi, perchè il Mondo siamo noi!

Buona giornata Andrea

Scritto il 26 gennaio 2009 at 07:15

Caro Devin,

mi sembra che la tua sia solo gelosia, e non accetti che tuo “fratello”
abbia da parte della ciurma tanta cosiderazione ed attiri stima e fiducia,
mentre i tuoi commenti come tu dici …..”sono stati per lo più ignorati, a volte mi sono sentito rispondere con sufficienza e bollato di superficialità. “……

inoltre , ma posso sbagliarmi , ho la sensazione che tu sin dall’inizio ti sei imbarcato su questo veliero non con umiltà, mettendoti in ascolto ed a servizio della “squadra”, ma con spirito di contrapposizione, perchè a differenza dei tanti poveri marinai, sei più acculturato, e sostanzialmente non ti sei mai sentito di far parte della ciurma, e spesso
vorreste essere tu al timone ad indicare la rotta.

Caro Devin,
mi sembra che non resti che costruirti un veliero tutto tuo ed aspettare
marinai e passeggeri che vi salgano a bordo

cordialmente

carpe diem49

utente anonimo
Scritto il 26 gennaio 2009 at 08:53

si può dire quello ke si vuole, xò l’argomento sollevato da DEVIN è interresante.
sono dati e cifre quelle ke riporta.
la massa monetaria è aumentata in maniera spaventosa.
questo è un dato di fatto.

ora io non sto a discutere se una visione o un’altra è + corretta.

io penso , ma dove sono tutti questi soldi ke la massa nn vede neanke col binocolo.
dove sono fermi , se la gente comune ne ha sempre meno.

forse sarà concentrata in poche mani? …..boh
io so che se la gente comune , la massa, nn ha soldi nn spende.
e come fanno ad aumentare i prezzi se nn c’è domanda?

riflessioni semplici di tutti i giorni, ke nn sono studiate sui libri ,ma ke si basano su quello ke mi dice il comportamento dei miei conoscenti.

utente anonimo
Scritto il 26 gennaio 2009 at 12:00

Per Ribelle

Ciao è come dici tu si rischia che i nostri pensieri e riflessioni negative, invece di essere di aiuto alla risoluzione del problema, concorrano in gran parte ad aumentarne gli effetti indesiderati.

Ma ha ragione anche Andrea quando dice, che i problemi derivano dall’uomo e che per risolverli bisogna che lavoriamo su noi stessi.

Ha ragione anche Devin che vuole che tanti discorsi, si concretizzino in iniziative concrete.

Ha ragione chi inizia a socializzare mangiando gli gnocchi insieme.

Ho ragione anche io quando dico che costruire nuovi villaggi ecologici potrebbe essere una iniziativa concreta.

Ed ha ragione anche Valentina, quando con la sua solita grazia, cerca di unire e non dividere.

Ora chi ci vuole schiavi non vuole che le nostre ragioni si uniscano, perché altrimenti queste diverranno capaci di opporsi e di disegnare progetti in grado di modificare o trovare alternative alla situazione esistente.

Purtroppo al mondo non esiste solo il problema dell’economia, ma anche quello della disuguaglianza, dell’inquinamento ambientale, dell’estrema povertà, ecc…

Io credo che questa crisi (che non è solo quella economica), potrà essere positiva, se l’uomo messo davanti ai limiti del suo sviluppo saprà cercare delle soluzioni nuove, questa volta si spera orientate all’armonia tra le persone e con la natura.

Ora però dipende da noi se ci riuniremo e combatteremo coloro che vogliono riportarci al medioevo, ci sarà una nuova primavera, altrimenti saremo condannati ad un gelido e cupo inverno per anni.

UNIAMOCI

Roberto Ecolcity

utente anonimo
Scritto il 26 gennaio 2009 at 12:14

paragonare usemlab a iceberg finanza è sbagliato.
Sono due cose diverse.
Io frequento entrambi ma è come paragonare il formaggio alla carne, entrambi sono cibo, ma sono due cose diverse.
Meglio avere due visioni contrapposte e farsi la propria idea, che avere informazione sandardizzata!!!!!

E non mi venite a dire che uno è meglio dell’altro! Bah

MM
+zero

utente anonimo
Scritto il 26 gennaio 2009 at 13:15

Caro Spugna,
che diavolo stai dicendo?

de

utente anonimo
Scritto il 26 gennaio 2009 at 14:10

quello che ho detto e confermo
spugna

utente anonimo
Scritto il 26 gennaio 2009 at 19:42

Semplicemente A S S U R D O !!!

Ragazzi,
questo è il blog di Andrea.

Banale constatazione, ma dice moltissimo. E ogni ulteriore considerazione sarebbe superflua.

Come moltissimi di voi mi sono imbarcato sul veliero di Andrea per un interesse di tipo economico; le sue osservazioni ed i suoi pensieri mi erano sembrati più convincenti di tanti altri.
Quello che più mi dava “credito” dei pensieri di Andrea era quella manifesta volontà di NON dare consigli operativi. FINALMENTE! – mi sono detto – Un ciarlatano in meno a spendere virtualmente i soldi degli altri.

A chiunque era sufficientemente chiaro che questa crisi era/è differente dalle altre e che ogni previsione era/è vera come il suo opposto o il suo rovescio.
Quello che ho trovato nei testi di Andrea, inclusi quelli sui mondi alternativi, era/è una ricca analisi, supportata da dati, condita da commenti umoristici (forse troppo sottili per qualcuno) e arricchita di umanità e rispetto per il prossimo.
Ho letto tutti gli articoli (e tutti i commenti), recuperato il mio ritardo. Forse il leggere tutto insieme mi ha dato una visione differente dal seguire giorno per giorno lo sviluppo del blog. Forse ho colto l’insieme.

Ho considerato il fine (l’uomo) e non il mezzo (l’analisi economica) del blog di Andrea. Ho amato (e amo) Andrea, il suo modo di pensare, il suo modo di scrivere, i suoi obiettivi e le sue conclusioni.
Ho usato la mia testa e non quella di altri e così continua a fare.

NON E’ UN BLOG DI ECONOMIA, questa è stata la mia conclusione, anche se il tema economico era la base per il resto.
QUESTO BLOG E’ LA MANIFESTAZIONE DEL PENSIERO DI ANDREA.
Libero, indipendente, aperto a tutti, con diritto di mugugno come su qualsiasi veliero piratesco che si rispetti.
Ma è sempre il blog di Andrea e tale resterà.

Rispetto moltissimo Andrea e il suo pensiero: non è pessimista, non è catastrofista.
E’ per l’uomo ed a favore dell’uomo, dei suoi sentimenti del suo cuore. E chissenefrega se contiene grafici, foto, collage di altri blog o di altre pubblicazioni. Il lavoro di ricerca dove lo mettiamo? (Grazie, Andrea)

Caro Devin, cara Ribelle, trovo le vostre critiche e i vostri attacchi sopra le righe, fuori registro, fuori tono.

Siete ospiti ed abbiate la decenza di trattare chi vi ospita (e tutti noi altri lettori del blog) con il dovuto rispetto.
E’ essenzialmente una questione di buona educazione (per cominciare) e di abitudine al rispetto del prossimo (per completare). Vi sono mancati totalmente entrambi nei vostri interventi – pur dispiaciuto per il vostro dolore e per le vostre evidenti traversie passate o presenti.
Trovo le vostre rimostranze verso Andrea semplicemente ridicole, nella forma e nella sostanza.
Trovo i vostri incitamenti all’azione di Andrea o le vostre recriminazioni semplicemente imbarazzanti.

Devin, Ribelle, dove siete voi? Cosa fate per il mondo? Dov’è il vostro blog? Dove sono le vostre “barricate”? Dov’è il vostro illuminante pensiero?
I vostri commenti mi paiono delle provocazioni infantili. Pura e sterile polemica. Anche un pò isterici, ad essere sincero fino in fondo.

Ribelle, io sono scampato alla morte per ben 3 volte e non faccio tutte le sceneggiate che fai tu. Sono nelle mie mani, non in quelle di Dio. Nell’arco di pochi mesi sono morti il mio grande amore e mia madre, ho perso il lavoro di una vita e per poco non perdevo me stesso. Sono qui e non rompo le palle ad Andrea per puro spirito di invettiva pensando di essere un grande pensatore solo perchè sono un sopravvissuto, non mi arrogo il diritto di condannare gli altri pensando che essere un miracolato mi da il diritto di sopraffare gli altri.

Devin, se sei il genio che credi di essere e di non aver bisogno di nulla, renditi utile per gli altri e dona quello che puoi (anche il tuo sapere) e vedrai che ti sentirai meglio. Avrai capito così il messaggio di Andrea e scoprirai la gioia di metterlo in pratica.

Provo vergogna per voi.

Andrea, barra al centro e vento alle vele.

Buona serata a tutti.

Marco Colacci ;-)

utente anonimo
Scritto il 27 gennaio 2009 at 18:44

MILLE AUGURI DI COMPLEANNO!!!
E UN GRAZIE INFINITO….

IL CIGNO NERO

utente anonimo
Scritto il 27 gennaio 2009 at 19:40

Ciao ragazzi,

mi son beccata l’influenza e causa febbre, ho cominciato a leggere dal fondo:

99# Marco Colacci

ho letto la tua risposta e mi risparmio i precedenti 98 post, vado sulla fiducia e ti dico bravo,condivido!!

In casa altrui si entra sempre in punta di piedi,si chiede permesso e si ringrazia, salutando quando si esce!!

Forse sono cose d’altri tempi, sempre attuali per chi sa farsi amare, ed Andrea è uno di questi,educato e rispettoso.

L’australiana mi impone riposo, buona serata a tutti compagni di viaggio.
ccp

PS Marco,anch’io ho avuto nel 2008 due lutti in famiglia 60 gg l’uno dall’altro e so cosa significa, forza comunque e andiamo avanti,ti sono vicina col pensiero.

utente anonimo
Scritto il 28 gennaio 2009 at 21:37

eterno

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Mentre il principale indice tedesco tenta di aggiornare il massimi storici mentre la Germania è
Stiamo ai fatti e il resto releghiamolo a “discorsi da bar”. Come sapete, negli USA è temp
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: dopo una breve fase laterale, il Ftse Mib ha rotto il 4 novembre in gap up il livello chi
  Le incongruenze e le stranezze sono tante, spesso tante. Sulle pagine di questo blog a
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Qualcosa si sta muovendo sia sui derivati del COT Report ma anche sui mercati. Torna a salire l'
Nei giorni scorsi l’ex parlamentare americano Ron Paul, ha lanciato su twitter un sondaggio mo
Giovedì 14 novembre si svolgerà il webinar Trading & Investimenti UniCredit con ospite Stefan
Gli italiani continuano a caratterizzarsi per l’alta propensione al risparmio ma non avendo eccess