LA BOLLA PIU’ GRANDE DELLA STORIA

Scritto il alle 07:33 da icebergfinanza

Nelle ultime settimane, abbiamo ascoltato i banchieri centrali dichiarare che non c’è nessuna bolla in circolazione, si proprio loro che sono i maggiori responsabili della creazione delle bolle finanziarie nella storia. L’unico denominatore comune delle grandi crisi è il debito e chi, se non le banche centrali, poteva creare tutto il debito in circolazione oggi, la più spettacolare dinamica di debito della storia?

Una premessa! Se siete sensibili, ottimisti di maniera, se non volete osservare la realtà, non leggete, fuggite da questo luogo di perdizione, vi prego andatevene via, salvatevi, continuate a sognare.

Immagino già per le prossime elezioni quanti villaggi Potemkin, costruiranno i nostri politici, si certo abbiamo diritto a sognare ad essere felici, ma senza ignorare la realtà, facendo del nostro meglio per migliorare la situazione intorno a noi.

Risultati immagini per debt global mc kinsey

Risultati immagini per new record debt

Gli ultimi uragani, i missili del Cicciobomba fanno sorridere al confronto di mercati finanziari instabili, banchieri e speculatori al confronto sono come 100 bombe ad idrogeno, gente instabile, psicopatica, gente spesso e volentieri pericolosa che si prende rischi enormi con i soldi altrui, perché in realtà ha bisogno di usare i capitali del sistema produttivo, dell’economia reale, perché uno psicopatico difficilmente è grado di produrre qualcosa di suo.

Giusto per darvi l’idea di cosa sto parlando qui sotto avete una stima parziale e superficiale dei danni provocati dall’ultima crisi e attenzione che stiamo parlando di danni finanziarie e non umani, la crisi passata ha creato oltre 200 milioni di disoccupati in tutto il mondo.

Lo scorso anno insieme a Machiavelli in esclusiva vi abbiamo fatto conoscere quello che sta accadendo in Australia, dove le banche stanno mettendo in pratica le stesse pratiche fraudolente che hanno portato alla grande Recessione americana, poi all’improvviso…

Australian Banks Sitting on A$500 Billion of ‘Liar Loans,’ UBS Says

Qualcosa di cui preoccuparsi per ingegnare in atterraggio morbido del mercato immobiliare… ahahahhh, ma tanto non c’è nessuna bolla immobiliare in Australia, i banchieri centrali la negheranno, sino all’ultimo.

Loro le definiscono informazioni finanziarie “imprecise” hanno concesso mutui facendo finta di nulla, manipolando redditi e patrimoni, no, non i mutuatari, ma gli stessi creditori li hanno aiutati a nascondere la realtà, come avvenne in America.

Solo il 67 per cento ha dichiarato che le informazioni erano precise, in calo dal 72 % dell’anno prima, le “inesattezze più comuni” come le chiamano loro sovrastimavano il reddito e sottovalutavano le spese familiari, come ha rilevato l’indagine. Il tutto suggerisce che quando la bolla scoppierà, quando la deflazione da debiti sommergerà l’Australia, le perdite delle banche saranno maggiori del previsto.

Ora non venitemi a chiedere perché puntiamo sull’Australia sempre e comunque, date un’occhiata a dove sono i tassi ora e dove saranno in mezzo alla prossima crisi.

Non c’è solo l’ Australia, loro i banchieri centrali, pubblicano vari beige book o libretti Potemkin, io invece ve ne suggerisco un altro di Beige Book, quello del mercato immobiliare, la fine della ripresa immobiliare, l’inizio della prossima crisi, il più grande big short della storia…

LA RIPRESA DEL MERCATO IMMOBILIARE USA E’ FINITA!

e ancora… THE BIG SHORT: LA CRISI CHE VERRA’!

THE NEXT BIG SHORT! NINJA MOMENT!

Si lo so Bellezza, è difficile farti comprendere come sono bravi loro a sottrarre ricchezza all’economia reale, nella finanza, tutto si crea dal nulla, nulla si distrugge, tutto si trasferisce da una tasca all’altra…

Risultati immagini per icebergfinanza guerre crisi danni

Si certo, la Yellen ha appena dichiarato che non avremo più crisi almeno sino a quando lei rimarrà in vita e Draghi la scorsa settimana, ha detto che non vede bolle in circolazione, che non ha notato alcun effetto negativo collaterale ad opera del QE.

Hanno ragione coloro che dicono che sino a quando l’orchestra suona bisogna ballare, il problema è che i fessi non si sono ancora accorti che quelli con i soldi stanno già salendo sulle scialuppe, le mani forti stanno vendendo alle mani deboli.

Ieri John Hussman, uno dei migliori analisti fondamentali ed empirici in circolazione ci racconta la sua personale visita Behind the Potemkin Village –

Risultati immagini per village potemkin

Secondo Wikipedia,  il principe li avrebbe fatti per impressionare Caterina II di Russia durante un viaggio in Crimea, villaggi di cartapesta dove alcuni attori si atteggiavano a falsi pastori fingendo di vivere una vita facile e felice.L’imperatrice fu stupita di vedere in questa regione anche un esercito ben organizzato e un’intera flotta finta ovviamente a Sebastopoli.

Oggi esiste un villaggio simile in Nord Corea, vicino al confine con la Corea del Sud, nella zona demilitarizzata, si chiama Kijŏng-dong, conosciuto anche come “Villaggio della Pace” utilizzato come  ‘Villaggio propaganda.

Questo sono oggi i mercati finanziari, villaggi propaganda.

I mercati sono così sopravvalutati ora che Hussman si aspetta un declino del 60% da questi livelli, che abbia letto i nostri ultimi due manoscritti?    ;-)

Quando si esamina i crolli della bolla tecnologica e della bolla immobiliare, è evidente che uno degli elementi centrali di questi crolli è stato il graduale riconoscimento da parte degli investitori che i pezzi sovrapposti di carta che detenevano erano in realtà piccoli Villaggi di Potemkin; temporaneamente gloriosi e impressionanti sulla superficie, ma sostenuti di quello che gli investitori avevano immaginato. Che tipo di “catalizzatore” è necessario per creare un villaggio di Potemkin o uno schema di Ponzi per arrivare infine a deludere? Solo la scoperta graduale o improvvisa della realtà, il riconoscimento che non esiste.

I ritorni di mercato non emergono dal nulla. Sono guidati dalla somma di tre fattori: crescita dei fondamentali, redditi derivanti dalla distribuzione del denaro e le variazioni nelle valutazioni (rapporto tra prezzi e fondamentali). (…)  Combinando le prospettive di crescita con un rendimento del dividendo delloS & P 500 di appena il 2,0%, la probabilità è che nei prossimi 10-12 verrà eliminato l’intero contributo della crescita e del dividendo , con conseguente rendimento totale nullo o negativo per l’indice S & P 500 in quel orizzonte, con una perdita stimata del mercato intermedio nell’ordine del 60%.

Ho scritto un libro intero sulla storia delle crisi finanziarie e delle bolle, e quando sarò in pensione, se ci arriverò, ne scriverò un altro, probabilmente mi toccherà scrivere che un intero stabilimento di polli da macello si era convinto che non ci saranno più crisi e recessioni, perché si erano fatti convincere dalle volpi che le banche centrali non avrebbero mai più permesso crolli o recessioni, la loro onnipotenza ha permesso loro di creare tanti villaggi Potemkin, nei cervelli della gente comune, degli investitori.

Sai Bellezza, non ci saranno più crisi, perché il mondo ormai è in mano ai software, gli algoritmi sanno quello che fanno, loro si che conoscono il rischio, Bellezza.

Abbiamo cavalcato insieme il leggendario volo dell’Araba fenice, ora è il tempo di stare a guardare, seduti in riva al fiume mentre l’acqua dei mercati sale e sale e ancora sale…

I prossimi giorni saranno decisivi, loro, hanno ancora da decidere se i prossimi due mesi saranno mesi di massimo o di minimo!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.8/10 (15 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +11 (from 11 votes)
LA BOLLA PIU' GRANDE DELLA STORIA, 9.8 out of 10 based on 15 ratings
13 commenti Commenta
Gianluca
Scritto il 12 settembre 2017 at 10:33

As for the decline in the dollar, we need the false move to set the stage to break the back of the world monetary system. ONLY then will we see a new reserve currency emerge. That will NOT happen with a lower dollar. A dollar rally will create sovereign debt crisis outside the USA and reduce trade exports for the USA, and the hunt for taxes will continue to reduce world GDP as today 2% is regarded as fantastic growth when 6% was the optimum in the 1980s.

tirlusa
Scritto il 12 settembre 2017 at 15:25

Mercati inguardabili, un oltraggio alla decenza e alla dignità umana. Comunque… avranno ragione loro e torto noi.

apprendista
Scritto il 12 settembre 2017 at 16:29

questi fanno quello che vogliono,oggi i dati usa sono decenti e $ cosa fa ? scende!!!!!! SECONDO ME IL $ NON E’ ESPRESSIONE DEL MERCATO MA E’ PESANTEMENTE MANIPOLATO ma chi cazzo di umano punterebbe su sta ciofeca di moneta,il nostro capitano e’ un grande ma oramai temo che possano fare tutto cio’ che vogliono ergo sarebbe meglio a questo punto uscire totalmente dai mercati finanziari ,in cui non c’e possibilita’ di scamparla ad eccezione di conti deposito anche esteri per sfuggire al prossimo collasso italia,io sono pesantemente investito su treasury e quindi $ come la realta’ vorrebbe ma…………ricordo sempre la frase di una amica che lavora come avvocato in borsa italiana curando la parte legale di documenti per le quotazioni che mi disse interrogata poco dopo ottobre 2008 sui mercati: ee ma qui collassa tutto risposta:loro fanno le regole loro le cambiano
tir­lu­sa@fi­nan­za,

nickcarter
Scritto il 12 settembre 2017 at 16:50

Non ci sarà nessun crollo epocale, ve l’ho già scritto in precedenza.

apprendista
Scritto il 12 settembre 2017 at 16:58

magari epocale no,ma come cazzo investi in azioni sapendo che potrebbe fare -20%in qualsiasi momento e poi con calma in pochi anni risalire,gia’ detto quando riusciro’ a “sistemare” i treasury mai piu’ qualunque investimento o meglio parcheggio in attesa di essere rapinati
nic­k­car­ter@fi­nan­za,

tirlusa
Scritto il 12 settembre 2017 at 17:07

Concordo.
Ma io mi chiedo, a questi prezzi qualcuno compra se continuano a salire (mi riferisco alle azioni). Ma come fanno a guadagnarci se le tengono in portafoglio? Per poterci guadagnare le appioppano a qualcuno….credo. Il parco buoi? E chi è cosi coglione da imbottirsi di azioni a questi prezzi? Ah, dimenticavo….il fondo norvegese.
Per quanto riguarda il dollaro, sorvolando sulle manipolazioni che sicuramente ci saranno ma che sono parecchio complicate in un mercato cosi liquido ed immenso come il forex, due considerazioni. La prima è che gli USA hanno bilancia commerciale cronicamente in rosso mentre la Germania in verde (l’euro è accomunato al marco) e questo fa si che una tendenza all’apprezzamento dell’euro nei confronti del dollaro sia nella natura delle cose. Questo da un punto di vista commerciale….ma da un punto di vista finanziario il differenziale dei tassi dovrebbe giocare a favore del dollaro. Il problema è che fino a quando i mercati saranno cosi speculativi il differenziale dei tassi non conta un cazzo. Che te ne fai di un punto percentuale di guadagno se ne puoi ottenere 100 comprando azioni che tanto valgono sempre. Quindi secondo me il differenziale dei tassi avrà un ruolo sull’apprezzamento del dollaro vs euro quando cominceranno a correggersi le bolle dei mercati azionari.
ap­pren­di­sta@fi­nan­za,

icebergfinanza
Scritto il 12 settembre 2017 at 17:15

La memoria è l’intelligenza degli idioti … ;-)

tirlusa
Scritto il 12 settembre 2017 at 17:25

I bond governativi statunitensi sono un buon investimento. Perché sei cosi preoccupato? Per il cambio?…….quello sale e scende…..quando è a un livello che ti sta bene e vuoi liberarti da ogni stress ti assicuri.
ap­pren­di­sta@fi­nan­za,

apprendista
Scritto il 12 settembre 2017 at 17:50

non sono preoccupato infatti,a parte il fatto che non ho mai fatto una copertura……….
tir­lu­sa@fi­nan­za,

apprendista
Scritto il 12 settembre 2017 at 17:52

No capitano se potessi accedere alle tue memorie globali performeresti come un pazzo in qualsiasi settore,poi non ho capito (sono un po tardo) a cosa era riferito
ice­berg­fi­nan­za,

icebergfinanza
Scritto il 12 settembre 2017 at 18:01

Non ci sarà alcun crollo epocale… ;-)
apprendista@finanza,

stanziale
Scritto il 12 settembre 2017 at 19:09

nickcarter@finanza,
Detto con simpatia e con cognizione di non causa ( visto non sono investito neanche con un euro) tu e capitan harlock mi ricordate quella della pubblicita’ (un po’ sgradevole) : possa un asteroide colpirmi se esist….

stanziale
Scritto il 12 settembre 2017 at 19:20

Svendiamo ai feancesi anche i cantieri navali militari https://scenarieconomici.it/calenda-e-padoan-fanno-interessi-dellitalia/ come aveva intuito ieri Dolcino; leggere in proposito anche articolo corroere sera ” fincantieri -stx, prove di pace societa’ mista tra italia e francia . La repubblica: stx, l’incognoita leonardo nella partita italia francia…..si cerca un ruolo per finmeccanica (tradotto. svendiamo ai francesi anche le competenze di finmeccanica).
Si prospettano altre legion d’honneur…
ps come noto l’eni dovrebbe andare ai tedeschi, alla fine, com stava per succedere ai tempi del governo tecnico…

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Apertura sotto la parità con volatilità ridotta per il Ftse Mib nell'ultima seduta della settima
Questo post era già pronto da un paio di giorni e ma come spesso accade di questi tempi davve
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Ultimo giorno di versione integrale dei grafici da non perdere. Avvicinandomi ai mercati finanzia
Piazza Affari consolida i rialzi e scambia ancora in trading range. L'indice FTSE Mib veleggia fra i
Il confronto avviato lo scorso anno fra i sindacati ed il governo sulle pensioni, ha permesso di giu
Era assolutamente scontato un “nulla di fatto” sui tassi di interesse, al FOMC chiusosi ieri
                Iniziamo da qui.
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
La “mano invisibile” di Smith negli ultimi anni è stata molto meno invisibile di quanto si