Cerca nel Blog

OLANDA…IL BUCO PRIVATO CON IL PAESE INTORNO!

Scritto il alle 13:10 da icebergfinanza

Credo fosse intorno a marzo dello scorso anno quando in OLANDA E GERMANIA: LA TRAVE E LA PAGLIUZZA e soprattutto in OLANDA… HALLOWEEN ASSICURATO! evidenziavo come in realtà la virtuosa Olanda altro non era che una sorta di  futuro buco nascosto con un Paese intorno.

Per carità, vi sono addirittura delle voragini con un paese intorno come ad esempio il Giappone e l’Inghilterra, se mettiamo insieme il debito complessivo, statale e privato, ma il problema dell’Olanda è essenzialmente qui…

Recentemente inoltre ho scritto anche che

Il deficit di bilancio dell’Olanda per quest’anno e per il 2014 sarà superiore al 3% del prodotto interno lordo. Lo indica l’istituto di previsione economica CPB. Il deficit sarà al 3,3% del pil quest’anno, e al 3,4% del pil nel 2014. Mentre l’economia si contrarrà dello 0,5% nel 2013.

Mica finisce qui però i virtuosissimi olandesi in fatto di sforamento del deficit non si sono certo risparmiati -4,5 % nel 2011 contro il nostro – 3,9 %  allegramente sforato anche nel 2012 con previsioni ben oltre il 3 % per il 2013 e 2014.

Ma andiamo avanti perchè ben pochi sanno che i Paesi Bassi uno dei land della Germania come tanti altri ha avuto il terzo maggiore aumento dei salari dall’introduzione dell’euro dopo Grecia e Portogallo oltre ad avere come abbiamo già visto il più alto debito privato dopo la Danimarca e complessivamente più elevato del nostro.

Alcuni lettori mi hanno segnalato il seguente articolo Olanda, in crisi tra rischio bolla immobiliare e debiti enormi ma come tutti ben sanno per noi non sono novità a parte per il 99 % degli italiani che ogni tanto vengono informati da qualche articolo qua e la, o in qualche programma dopo la mezzanotte dai media italiani, per non disturbare la leggenda metropolitana della grande e virtuosa Germania e del suo ultimo land l’Olanda, dove i ministri delle finanza diventano presidenti dell’Eurogruppo dove proporre la paranoia austerà in casa altrui mentre da loro si spende e spande o far fuggire i depositanti dalle banche del club MED magari per portare i soldi in Olanda e Germania, dove si trovano i buchi e le voragini con le banche intorno più grandi d’Europa.

Ma questo mi raccomando non ditelo agli italiani, potrebbero prendersi un coccolone e veder rovinata la leggenda metropolitana del virtuosismo nordico!

Per chi volesse sostenere liberamente il nostro viaggio è disponibile MACHIAVELLI 2013 UN ANNO DOUBLE FACE un post da non perdere sulle prospettive geopolitiche, macroeconomiche e tecniche di un anno che si preannuncia decisamente DOUBLE FACE!

« SOSTIENI L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta … Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando sul banner  in cima al blog o sul lato destro della pagina può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando qui sopra o in cima al blog Semplicemente Grazie!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (17 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +8 (from 8 votes)
OLANDA...IL BUCO PRIVATO CON IL PAESE INTORNO!, 10.0 out of 10 based on 17 ratings
6 commenti Commenta
icebergfinanza
Scritto il 4 aprile 2013 at 13:49

Anche oggi ICEBERGFINANZA e’ in diretta su https://mobile.twitter.com/icebergfinanza non perdete velo!

atomictonto
Scritto il 4 aprile 2013 at 14:00

Mi soffermo per un attimo sull’Inghilterra, vera fossa delle Marianne della finanza mondiale.
In questi ultimi 3 anni, come mostra il tuo grafico, l’UK ha fatto 2 operazioni congiunte di statalizzazione dei suoi 2 principali cadaveri bancari (aumento del debito pubblico dal 60 all’88% del PIL in 3 anni! deficit-monstre!) e ha stampato battelli di carta straccia con su la regina.
E nessuno mai parla del “sottostante-Paese”: un buon 70% dell’economia è basata sulla finanza ed il terziario, non producono praticamente nulla di decente in termini di export e la gran parte della cittadinanza non ha un soldo bucato ma è coperta di debiti (carte revolving con interessi-capestro che loro chiamano “credit cards” ma che sono DEBIT cards che agiscono come macine al collo degli Inglesi attuali e futuri visto che il debito non si estingue con la morte dell’indebitato ma cade sulo groppone dell’erede).
Eppure le ineffabili agenzie di rating mantengono su questa fossa di debiti senza speranze l’AA+ in confronto al quale noi con il nostro manifatturiero, le nostre proprietà immobiliari e i nostri deposti liquidi enormi siamo la Colombia (BB-).
Tutti i nodi verranno al pettine.

john_ludd
Scritto il 4 aprile 2013 at 14:27

Columbia Professor Michael Woodford, the world’s most closely followed monetary theorist, says it is time to come clean and state openly that bond purchases are forever, and the sooner people understand this the better.

“All this talk of exit strategies is deeply negative,” he told a London Business School seminar on the merits of Helicopter money, or “overt monetary financing”…

…Let’s go further and eliminate government debt on the bloated balance sheet of central banks,” he said. This could done with a flick of the fingers. The debt would vanish…

Lord Turner, head of the now defunct Financial Services Authority (UK), made the point more delicately. “We must tell people that if necessary, QE will turn out to be permanent.”…

http://www.telegraph.co.uk/finance/comment/ambroseevans_pritchard/9970294/Helicopter-QE-will-never-be-reversed.html

———-

Lentamente e inevitabilmente tutti quanti i governi nessuno escluso arriveranno alla stessa conclusione. L’ho sempre pensato, sempre sostenuto inevitabile e non ho certo cambiato idea perché questo è quello si faceva prima che le banche nazionali venissero separate dal tesoro e con un ambiente economico di gran lunga migliore di quello odierno che è a sua volta assai migliore di quello futuro.

dorf001
Scritto il 4 aprile 2013 at 16:29

comunque sia noi uomini non siamo solo merce. non siamo solo pezzi di ferro, pezzi di un ingranaggio. siamo molto ma molto di più. se solo lo capiste.

Vivere non significa solo esistere – Silvano Agosti

vedere qui. 10 minuti : http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=FAB27uT17Dw

by DORF

davyd
Scritto il 5 aprile 2013 at 08:39

Andrea, i titoli che metti ai tuoi articoli son troppo forti! meglio riderci su visto la situazione in cui ci troviamo tutti.

kry
Scritto il 5 maggio 2013 at 19:15

La verità e figlia del tempo. Andrea arriva prima e lentamente altri a distanza di un mese…… “Dissonanza cognitiva”, così un portavoce del Bureau for Economic Policy Analysis olandese ha definito in un’intervista al Financial Times l’atteggiamento dei politici del suo Paese nel non riconoscere come l’interazione tra esplosione del credito privato e tagli fiscali stia creando i presupposti del disastro. Il resto qui…. http://www.rischiocalcolato.it/2013/05/benvenuti-in-olanda-paese-virtuoso-sullorlo-del-burrone.html

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Nonostante il future Italiano stia seguendo ancora, per il momento, la previsione, continua a far ve
Essendo in ferie, da lunedì sto pubblicando solo una parte del report: quella per gli abbonati, tra
E alla fine i mercati andarono tutti a scoprire il bluff di Mario Draghi verrebbe da dire, l'obiet
L'unica assicurazione obbligatoria quando si sottoscrive un mutuo è quella contro il caso di sc
Una partita importante del campionato  delle valute si sta giocando tra euro e dollaro. La forza
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Stop al canone e all'influenza della politica sull'informazione televisiva. Sono alcune delle propos
Nonostante sul breve periodo la debolezza sui principali indici azionari si stia facendo sentire, il
Ieri il ministro Padoan, ha preso carta e penna e indignato ha scritto  al Foglio... Padoan: