FRACKING O NON FRACKING…E’ FORSE QUESTO IL PROBLEMA!

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Wikio
  • Yahoo! Buzz

Mentre la terra emiliana continua a tremare minando la fiducia esemplare della già martoriata e stupenda popolazione, travolgendo simboli e segni di un tempo glorioso, noi continuiamo il nostro viaggio attraverso le nebbie che avvolgono la struttura geologica di una nazione fragile, che puntualmente ad ondate alterne subisce la dura legge di madre Natura che ci riporta alla realtà di un’esistenza anch’essa fragile.

Quelle lancette della Torre di Novi che continuavano a funzionare nonostante tutto sono un simbolo da non dimenticare!

Nel frattempo ho ricevuto una lettera che con il consenso del suo autore pubblico, una lettera testimonianza diretta di quello che è accaduto in queste settimane a Finale Emilia ed alcuni amici nati e residenti a Finale Emilia stanno verificando alcune informazioni.

Ma ciò che e’ incredibile e’ l’immane lavoro di ricostruzione di Maria Rita D’Orsogna per dimostrare dati, foto e documenti alla mano che il fracking e’ già stato praticato in Italia a Grosseto dalla stessa ditta che detiene la maggioranza della ERS la stessa società che aveva l’esclusiva di Rivara http://dorsogna.blogspot.it/2011/06/quelli-di-rivara-hanno-gia-fatto.html

Rabbrividisco: “unconventional gas” vuole dire una cosa soltanto: fracking.

Non posso crederci. Rileggo la frase tre volte.

Noi invece ci crediamo eccome se ci crediamo!

Se poi i soliti giornalisti da gossip e bufale non sono d’accardo allora vadano a dare un’occhiata direttamente alla fonte ovvero  presso la Independent Resources ovvero la stessa società che controlla la ERS quella che gestisce il giacimento di Rivara.

Poi giri intorno e ti accorgi che sia sul Sole24Ore che sul Corriere della Sera  la stessa persona pubblica due articoli per fare chiarezza ma sempre alla propria maniera. Ovvimanete si tratta di un complotto di allucinazioni collettive!

Il mio augurio e la richiesta che faccio a Voi tutti e’ di vedere all’opera REPORT su questa vicenda contattateli suggeritelo! Se poi abbiamo toccato un tasto di interesse nazionale allora auguri!

Una precisazione è doverosa! Sino a prova contraria sarà la Procura a fare luce su quanto è in realtà successo nelle campagne dei paesi interessati dal terremoto di questi giorni.

Infatti come potete vedere QUI  e QUI a seguito di numerosi esposti e mail di alcuni abitanti la Procura di Modena ha aperto un’inchiesta per accertare eventuali responsabilità prontamente respinte dalla ERS mai fatto perforazioni la Procura lo accerterà.

Abbiamo già visto l’incredibile reazione dell’ UOMO NERO IN FRACKING (AGI) – Roma, 1 giu. – “La decisione del ministro Passera sul gas di Rivara e’ sbagliata per tre ragioni”. Lo sostiene in una nota il senatore Carlo Giovanardi (Pdl), sponsor politico del progetto di deposito sotterraneo di gas nel sottosuolo di Rivare, nel Modenese ma francamente un articolo come QUESTO poteva essere risparmiato ancora prima di sapere cosa in realtà è accaduto.

Quello che mi ho colpito è stata questa testimonianza…

I test sul terreno li hanno fatti, l’anno scorso fuori Finale Emilia in località Fruttarola sia io che mio padre abbiamo visto dei camion dell’Ers in mezzo alla campagna..non so che cavolo facessero ma di sicuro non stavano appostati a prendere il sole !!! Casulmente molti epicentri del terremoto sono venuti in locailità “fruttarola”, casualmente proprio in quell’area sono comparse delle crepe, è la terra che si ribella alla mano dell’uomo, e io CITTADINA FINALESE MI SENTO UNA CAVIA !!!

Allora sono andato a dare un’occhiata in giro e ho scoperto che …

Il terremoto nella Bassa modenese. Spaccature e vulcanelli «L’epicentro è qui» Il team dell’Ingv lo ha individuato in località Fruttarola di Massa Finalese GazzettadiModena

Mentre a San Carlo di Ferrara la liquefazione delle sabbie continua!

SAN CARLO (Ferrara) LIQUEFAZIONE. Un termine tecnico, che i ferraresi non pensavano potesse divenire così familiare, prima di una settimana fa. Ma — mentre oltre 7mila sfollati vivono nei palazzetti, nelle tendopoli (improvvisate e non), nei camper o in auto, parando i colpi delle continue scosse, decine al giorno — è questo il nuovo incubo del dopo-terremoto. Sabbia miscelata all’acqua delle falde alte, che ha ricoperto per giorni San Carlo, Mirabello e XII Morelli, i paesi costruiti, uno dopo l’altro, sopra il letto del vecchio fiume Reno. Non si parla d’altro. «In una sola mattina, dal mio giardino, ne hanno portati via 14 camion», racconta sconvolto un pensionato. Un magma scuro che ribolle dai tombini e dai pozzi. Dove non trova un pertugio si fa largo spaccando l’asfalto in impressionanti voragini, solleva case, marciapiedi, cancelli; inonda gli scantinati. Un mare di melma fuoriuscito sotto la spinta delle onde sismiche, che ha lasciato dietro di sé, in profondità, tunnel e cavità; vuoti che fanno inclinare i palazzi. E il rischio vero, oggi, è quello di sprofondare.

E’ impressionante il numero di perforazioni effettuate in passato nella zona del terremoto!

Ma veniamo all’altra testimonianza sulla quale ci tengo a ricordare di aver verificato personalmente la provenienza con l’invio dell’originale via mail dall’autore il signor Christian Casoni…

Al Presidente del Consiglio dei Ministri e Ministri competenti, con preghiera di girare agli interessati.

Mi presento, sono Cristian Casoni e abito a San Felice sul Panaro (MO), come riportano le cronache da domenica 20/05/2012 la zona in cui vivo è stata bersagliata da scariche di terremoto che continuano tuttora.

La popolazione è stremata e non vede una fine, siamo costretti a dormire in macchina per la paura di crolli.

Certo questo non è il motivo per cui Vi scrivo, come certamente sapete illustri Ministri (anche perché avete dato il via Voi alle sperimentazioni), la nostra zona geografica è interessata a sperimentazioni per stoccaggio di gas nel sottosuolo, da quando è partita la sperimentazione, e badate bene che smentire non serve a nulla, sono precipitati gli eventi.(vedi allegato)

Tutti abbiamo visto le trivelle in azione e i tubi con cui è stato pompato azoto liquido.

Questo pompaggio ha fatto si, poco prima della grande scossa di terremoto, che l’acqua, dalla pressione sottostante, uscisse copiosamente dai pozzi, senza contare sfiati infuocati dalla terra che apparivano qua e là nelle nostre campagne.

Si può negare tutto a questo mondo, ma non l’evidenza.

Se poi vogliamo dirla tutta, a questo si somma l’attività di fracking, dove le rocce nel sottosuolo vengono distrutte per estrarre anche l’ultima goccia di petrolio,  sul portale dell’azienda di perforazione Aleanna, spiega come vengono eseguiti i sondaggi. Inoltre sul sito sono presenti le mappe emiliane di intervento: ( http://www.aleannaresources.com/it/node/73 ).

 Signori, rappresentare e governare un popolo, una nazione, è prendersi cura, agevolare ed aiutare la popolazione, a me sembra invece che state vendendo il pianeta per due lenticchie, e per favore evitate mail di risposta dove date incarico ad un funzionario di smentire o di minacciare, non fate prima di tutto paura a nessuno, tanto al massimo si muore, ma voglio che sappiate che prima o poi la verità verrà a galla.

Se foste tutti persone senza interessi personali, uomini, dareste la vita per il vostro paese, per la vostra terra, ma vedo che non è cosi.

Io invece, insieme a migliaia di persone di buona volontà, siamo pronti a dare la vita affinché la verità venga alla luce, e lo dico con il cuore, lo dico per i miei figli, per i nostri figli, perché si meritano una terra con fondamenta ben radicate nell’Amore, nell’innocuità, nel bene comune e nella fratellanza.

Per questo alla fine vinceremo, l’Amore e l’onestà prima o poi spazzano via la corruzione e l’odio…

Voi da che parte state?

In fede, Cordiali Saluti

Cristian Casoni

Peppe Meola sul suo blog Le mie considerazioni inutili ci racconta le interessanti considerazioni di Maria Rita D’Orsogna , docente di fisica presso il Dipartimento di Matematica della “California State University at Northridge”, a Los Angeles, abruzzese di nascita,da tempo impegnata in battaglie civili per la tutela ambientale della sua terra natale e non solo. http://dorsogna.blogspot.com/

Perchè un’area scarsamente sismica improvvisamente diventa un’enorme “pedana vibrante“? Come è possibile che in una Nazione a forte rischio sismico, con un’esperienza di terremoti devastanti come la nostra, un’area come la pianura Padana possa “sfuggire” alle mappe di rischio? Può la struttura geologica di quell’area mutare il suo indice di pericolosità  cosi rapidamente?

Sono domande che un pò tutti ci facciamo, e che offrono lo spunto per cercare di approfondire un tema piuttosto oscuro e poco indagato (anzi, per niente) dai media mainstream: la relazione tra gli scavi nel sottosuolo per la ricerca di combustibili fossili ed i terremoti.

Maria Rita D’Orsogna col suo blog offre degli interessantissimi dati, informazioni e spunti di riflessione su questo controverso tema.

L’Italia è fragile – tutta – da nord a sud, e faremmo molto meglio a proteggere questo paese evitando di trivellare alla cieca, fracking o non fracking, o di fare stoccaggi sotterranei per il beneficio di Aleanna, Padania Energia, ENI, Northern Petroleum, Petroceltic, Po Valley, Shell, Rivara Erg Storage, o chi per loro, in cambio di dubbi vantaggi alla collettività  e molti rischi.

Continuate a leggere Le mie considerazioni inutili ci sono molte cose decisamente interessanti.

Mentre scrivevo questo articolo alcuni giorni fa non era ancora uscito il post di Grillo sempre riferito ad una lettera di Maria Rita d’Orsogna QUI

Come ho più volte sottolineato sono direttamente coinvolto da quanto è accaduto alla terra emiliana, ma ognuno di Voi liberamente potrà farsi una sua opinione, questi sono i fatti.

Ora la parola passa alla Verità figlia del tempo!

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.1/10 (11 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +9 (from 9 votes)
FRACKING O NON FRACKING...E' FORSE QUESTO IL PROBLEMA!, 9.1 out of 10 based on 11 ratings

Commenti (n° 7)Commenta

  1. la pagina  http://www.aleannaresources.com/it/node/73 non riporta piu’ nulla se non delle scuse e dichiarazioni sul fracking.

  2. Questa di realtà non la toglieranno. http://cnt.rm.ingv.it/ ultime 14 ore 11 scosse sotto i 3 gradi.

  3. Insisto, … e non sono mai stato un violento per natura, ma se non nasce qualche iniziativa clamorosa, sarà peggio dopo …….
    Basta vedere le nomine di ieri , secondo voi l’Italia poteva andare avanti senza la nomina della moglie di Vespa ? ….. Sono distanti dai problemi non anni luce, kilometri luce e in qualche modo dobbiamo spazzarli via !
    Tutti a Roma davanti al parlamento e quando milioni di persone ti tirano le uova o i pomodori, … cominceranno ad aver paura anche loro semplicemente ad andare in giro .
    Fossi il figlio del ministro che ha firmato l’autorizzazione mi vergognerei …. E poi volevamo il nucleare perchè ce lo ha la Francia, …… ma la stessa Francia se non sbaglio la tecnica del fracking la ha messa fuori legge !!!

  4. icebergfinanza scrive:

    Se qualcuno crede ancora alle favole dia un’occhiata http://dorsogna.blogspot.it/2011/06/quelli-di-rivara-hanno-gia-fatto.html

  5. icebergfinanza scrive:

    A Londra se ne strafregano delle decisioni italiane e andranno avanti con mazzette e lobbies c’e da scommetterci…. http://www.platts.com/RSSFeedDetailedNews/RSSFeed/NaturalGas/6344855

  6. icebergfinanza scrive:

    Guarda qui che lavoro stupendo ha fatto in sintesi Maria Rita d’Orsogna… Andate a leggervi l,articolo documentato con tanto di foto….Incredibile e tutti negano e i giornali italiani desaparecidos anzi tutti a parlare di complotto e di complottisti

    Nota: ci ho messo molto tempo a scrivere ed a ricercare questo testo, e spero che giornalisti e bloggers vogliano ricordare da dove vengono queste informazioni, considerato che e’ tutto volontariato da parte mia. Potrebbero esserci inesattezze o mancanze dovute al fatto che occorrerebbe molto piu’ tempo di quanto io abbia per fare delle investigazioni piu’ approfondite.
    Ma i giornalisti italiani cosa fanno?

    Alla Independent Resources: ho scaricato tutto, quindi anche se adesso rimuovete i siti,
    ho tutto nelle mie belle cartelle.

    **

    —–

    Occorre andarci con molta cautela.

    Per giorni ho cercato di capire se ci fosse fracking in Italia, per giorni tutti noi “esseri normali” abbiamo pensato che non si facesse fracking in Italia perche’ non era scritto da nessuna parte, ne da parte dei siti governativi, ne da parte delle ditte petrolifere solite e perche’ il nostro governo non ha mai detto niente su questo fracking, sui siti di reiniezione, sullo stoccaggio di gas che non fosse qualcosa di rassicurante.

    Intanto si apre una inchiesta della magistratura su “trivellazioni abusive”, ma intanto giornalisti, opinionisti e politici ci hanno detto – e per giorni – che e’ tutta colpa dei complottisti, che e’ tuttapposto, che va tutto bene. 

    E quindi, forse quello di cui sto per scrivere e’ una cosa straordinaria che e’ accaduta una volta soltanto in Italia, forse sono solo balle di petrolieri, forse non e’ vero niente, forse il sole di California mi ha accecato.

    Pero’ so leggere  – fracking in Italia – Ribolla, Grosseto, Italia, 2009 -  e c’e’ da pensare.

    Sono perplessa e arrabbiata, perche’ se questo e’ quello che sono riuscita a scovare io, chissa’ quanto altro c’e’ dietro che io e noi “persone normali” non sappiamo. 

    Ah, come vorrei una di quelle belle inchieste del New York Times, che ti parlano dei problemi *prima* che tu sappia che esistano….

    —–

    L’altro giorno cercavo informazioni sulla Erg Storage Rivara, per capire esattamente in che modo facessero lo stoccaggio del gas in Emilia.

    Questa Erg Storage e’ di proprieta’ della Erg, una societa’ italiana che la detiene al 15% e al restante 85% della ditta inglese Independent Resources, creata nel 2005.

    Hanno semplicemente deciso di prendere vecchi pozzi dismesso dell’ENI a San Felice sul Panaro e usarli come punto di partenza per stoccare gas – e per speculare.

    Dicono:

    The company’s business model is aimed at the construction of an energy trading platform, backed with energy assets, and geographically centered in Italy. The ultimate objective is to integrate sources of gas, storage, and transportation with consumers of gas operating in the wholesale market. Italy is destined to evolve from a major destination market to also become the primary energy land-bridge between North Africa and Europe. 

    Il modello di business della compagnia e’ centrato sulla costruzione di una piattaforma di scambio di energia, supportata dal possesso di fonti energetiche, e geograficamente centrata in Italia. Lo scopo ultimo e’ quello di integrare le sorgenti di gas, lo stoccaggio e il trasporto con i consumatori del gas che operano all’ingrosso. L’Italia e’ destinata a passare da un vasto mercato di destinazione a diventare anche il principale ponte energetico fra il Nord Africa e l’Europa.

    Hanno le idee chiare questi – ce lo trivelliamo, ce lo stocchiamo, lo vendiamo all’ingrosso, il tutto usando l’Italia come “autostrada del gas” e come parcheggio.

    Aggiungono che gli piace il posto perche’ la struttura sara’ grande, le unita’ costeranno poco, la posizione e’ ideale lungo “l’autostrada del gas” e perche’ sara’ piu’ facile stoccare e erogare gas con le loro nuove tecniche che differiscono da quelle “convenzionali”.

    Trovo allora questo articolo in cui si dice che il ministro dell’ambiente Corrado Clini, decide di bocciare Rivara a causa del terremoto e dei morti in Emilia.

    La Independent Resources  – con tipica arroganza dei petrolieri – ribatte che si dispiacciono delle perdite di vita umana, ma che la faglia e’ piu’ profonda del loro giacimento, che ci sono gia’ tanti altri pozzi non collegati al terremoto, e che le loro infrastrutture sono e saranno perfette, e che quindi si aspettano che il fermo sia solo temporaneo – in barba a Clini, all’Emilia, agli italiani.

    Tutto questo sebbene il ministero dica che il progetto e’ stato definitivamente bocciato e sebbene la regione Emilia Romagna avesse detto il suo no in data 27 Aprile 2012, prima ancora dello sciame sismico e proprio a causa di possibili terremoti:

    Despite what would appear to be a definitive rejection of the project by the Italian authorities, Independent Resources said in a statement Friday that it expects the project to eventually go ahead.
    Independent Resources “expects a pause for the project and considers this understandable under the circumstances,” it said in the statement. On April 27 the local government of the Emilia-Romagna region said it had formally turned down permission for the project’s appraisal phase, warning of a possible risk of earth tremors. The region said at the time that the decision was “definitive” and “rules out any chance of building” the storage facility.

    Nonostante quello che sembra essere un rigetto definitivo del progetto da parte delle autorita’ italiane, la Independent Resources ha detto in un comunicato di Venerdi’ che prevede che il progetto, alla fine, andra’ avanti. La Independent Resources “prevede una pausa per il progetto e considera tutto questo comprensibile alla luce delle attuali circostanze”, come detto nel comunicato. Il giorno 27 Aprile il governo locale dell’Emilia Romagna ha detto che aveva formalmente bocciato il progetto a causa di possibili rischi di terremoti. La regione disse a suo tempo che la decisione era “definitiva” e che “escludeva completamente qualsiasi possibilita’ di costruire” l’opera di stoccaggio.

    Ecco qui il testo completo della Independent Resources:

    Spero che le autorita’ italiane si facciano sentire e dicano a questa Independent Resources che no significa no, e che non e’ che se aspettano 2 o 3 anni magicamente tutto tornera’ come prima, trivelle e stoccaggio aperto per tutti.  Devono scomparire dall’Emilia Romagna, se non altro per la loro arroganza.

    —–

    Continuo ancora ad indagare su questa Independent Resources, leggendo solo i comunicati in inglese.

    In italiano infatti non ce ne sono, perche’ a loro interessa solo rassicurare e spiegare ai loro investitori che il progetto andra’ avanti, morti o non morti.

    Mica gli interessa di spiegare al cittadino medio di San Felice sul Panaro cosa vogliono fare.

    A un certo punto, mi imbatto in questo altro articolo della Independent Resources, e le sue altre concessioni in Italia.

    La leggo in modo quasi casuale, aspettandomi di trovare il solito bla bla dei petrolieri.

    La prima cosa che mi ha colpito sono state le parole

    “Presently, Independent Resources’ core development activities include a major underground gas storage facility, a major new source of unconventional gas onshore Italy, and a major source of conventional oil in Tunisia.”

    Al momento, il cuore delle attivita’ di svilupppo della Indepedendent Resources includono un importante centro di stoccaggio sotterraneo di gas, una nuova sorgente di gas non-convenzionale in terraferma in Italia, e una nuova sorgente di petrolio convenzionale in Tunisia.

    Rabbrividisco: “unconventional gas” vuole dire una cosa soltanto: fracking.

    Non posso crederci.

    Rileggo la frase tre volte.

    Clicco su un altro link.

    Sotto ai miei occhi:

    Ribolla Basin Shale Gas Play

    During 2008-2009 Independent recorded a total of 66 km of 2D seismic and drilled FB 1 well in August 2009.

    The FB 2 well (target zone present at a depth of 340 m, 1100 ft) was subsequently drilled to test the coal’s productivity in the shallow part of the basin, where the coal and the gas shale were found to be saturated with gas. 

    A hydraulic fracture job coupled with ceramic proppant, designed to enhance productivity, was followed by a seven weeks production test.

    Durante il 2008-2009 la Independent ha registrato un totale di 66 km di sismica 2D e ha trivellato il pozzo FB1 nell’Agosto del 2009. 

    Il pozzo FB 2 (di cui il target era a 340 metri di profondita’, 1100 piedi), e’ stato trivellato successivamente per testare la produttivita’ del carbone nella parte bassa del giacimento, dove il carbone e il lo scisti sono stati trovati essere saturi di gas.

    Un intervento di hydraulic fracturing, assieme ad un proppante ceramico, disegnato per aumentare la produttivita’ e’ stato seguito da un test di produzione di sette settimane.

    —-

    Prendo una pausa.

    Devo lavorare, non posso star qui a fare questo immane lavoro, io, da Los Angeles.

    Dove sono i giornalisti italiani? 

    Che significa ceramic proppant?

    Che significa coal gas?

    Dove si trova Ribolla?

    Come, hanno fatto fracking a Ribolla nel 2009 e nessuno l’ha saputo?

    Mi sento sola di fronte all’immenso petrolifero e vorrei non pensarci.

    Ribolla Basin Shale Gas Play.

    Invece ci penso e ci ripenso, mentre mi lavo i denti, a pranzo, mentro mi rigiro nel letto alla sera.

    Poi il jet lag ha la meglio e mi addormento.

    ——-

    Passa un giorno, vengo sommersa da email. Continuo ad indagare.

    Ribolla e’ un microscopico paese di 2115 abitanti in provincia di Grosseto. 

    Cerco di andare indietro nel tempo il piu’ possibile, per vedere da dove parte il tutto.

    La licenza si chiama Fiume Bruna, e la Indepenent Resources l’ha ottenuta dal governo italiano nel 2005.  Ha un’area di circa 247 chilometri quadrati, e a suo tempo c’era una miniera di carbone operata dalla Montecatini.

    Dal 1839 al 1954, l’area era una delle piu’ importanti zone minerarie d’Italia. Tristemente era anche nota per le ripetute fughe di gas metano dal carbone. Infatti la miniera fu chiusa proprio in seguito ad una forte esplosione causata dalle fughe metanifere il 4 Maggio 1954.

    Ci fu la morte di 43 persone.

    Fu il piu’ grande disastro minerario d’Italia.

    Qui dal Corriere della Sera del 1954

    Ribolla, come le miniere con le uguali caratteristiche, era una miniera  di difficile escavazione a causa della presenza nei cantieri sotterranei del grisù. Il grisù è un miscuglio di vari gas in proporzioni variabili. Il componente essenziale del grisù è il metano ( l’unico combustibile), gli altri componenti sono l’azoto, l’ossigeno, l’acido carbonico, l’idrogeno e l’etano. Il grisù mescolato con l’aria in determinate proporsioni (5-15%) diventa una miscela esplosiva e basta una fiamma o addiruttura una scintilla per farla esplodere.Quando questa miscela brucia, si ha un aumento di temperatura fino a 2000°C; la pressione aumenta e la massa gassosa tende a dilatare fino a 7 volte il proprio volume. Si origina così nelle gallerie una corrente d’aria caldissima, che si sposta con grande velocità (fino a 200 metri al secondo) comunicando l’accensione al grisù che eventualmente si trova negli altri vuoti, anche lontani rispetto al punto in cui ha avuto inizio la combustione. Si produce  una vera e propria esplosione, i cui effetti possono essere disastrosi: rovesciamento delle armature, crolli ecc. Gli uomini presenti in miniera muoiono per asfissia oppure perchè lanciati violentemente contro le pareti delle gallerie o bruciati dalle vampate di gas ad alta temperatura o avvelenati per presenza di ossido di carbonio.

    Di questa tragedia le generazioni giovani – me compresa – non sanno niente.

    La Montecatini gli diede dei soldi, il processo fini’ con l’assoluzione di tutti, e il disastro catalogato come “mera fatalita’”.

    Un altro ramo di storia italiana incrociata lungo questo percorso petrolifero di cui vorrei sapere di piu, ma chissa se ne avro’ tempo.

    E’ ora di andare al lavoro.

    —-

    Questa combinazione del metano e del carbone a Ribolla non e’ di importanza secondaria – la roccia infatti presente a Ribolla e’ caratterizzata da carbone poroso, e dentro questi pori c’e’ del gas metano.

    Proprio come il gas di scisti, solo che invece che essere scisti e’ carbone.

    Lo shale – scisti in italiano – e’ una roccia metamorfica che tende a sfagliarsi in piani paralleli, e che si e’ creata nel corso di milioni di anni da argilla sottoposta ad alta pressione – altri possibili “ingredienti” sono quarzo e calcite.

    A volte, come sappiamo bene, durante il processo di compattazione dell’argilla puo’ essersi intrappolato nella roccia del gas metano.

    E adesso c’e’ la corsa ad accaparrarsi quel gas, con il fracking.
    Trituro la roccia per prendere il gas.

    Similmente il coal bed methane si e’ intrappolato nel carbone durante il processo di carbonizzazione – la creazione del carbone da materiale organico di origine vegetale. Anche questo dura milioni di anni.

    Shale gas is one of a number of unconventional sources of natural gas; other unconventional sources of natural gas include coalbed methane, tight sandstones, and methane hydrates.

     
    shale – scisti

    carbone

    E dunque le tecniche per estrarre il metano dal carbone, piu’ o meno, sono le stesse che per lo scisti: fracking, triturare la roccia, in questo caso il carbone, microterremoti, monnezza di scarto.

    Anzi, indagando viene fuori che questo Coal Bed Methane e’ considerato il “fratello cattivo” del fracking “normale” – the evil twin of shale gas, perche’ i giacimenti sono piu’ vicini alla superficie, a circa 1000 metri al massimo, e dunque e’ piu’ facile inquinare le falde acquifere.  L’unica cosa buona e’ che non c’e’ idrogeno solforato in questo Coal Bed Methane, ma questa e’ ben magra consolazione.

    Se ricordiamo i terremoti dell’Inghilterra, a Blackpool, quelli collegati al fracking, viene fuori che erano proprio dovuti alle estrazioni di Coal Bed Methane – abbreviato in CBM:

    Back in May, Cuadrilla Resources made its first UK application of fracking to use Coal Bed Methane (CBM) technology to extract shale gas near Blackpool. CBM involves drilling into coal seams at depths of around 4,000 feet removing the water which unlocks trapped methane, a controversial technology in the US, because it involves hydraulic fracturing, ( fracking) pumping water and chemicals into seams at high pressures to help with extraction by fracturing formations.

    This is believed to carry serious environmental risks such as contaminating ground water and bringing hazardous waste to the surface. The process is banned in France and being reviewed by the German and UK Governments.

    In Maggio la Cuadrilla Resources ha fatto la sua prima applicazione di fracking per usare tecnologia Coal Bed Methane (CBM) per estrarre gas di scisti vicino a Blackpool. CBM implica il trivellare dentro falde di carbone attorno a 4,000 piedi (circa 1,200 metri) di profondita’, il rimuovere l’acqua che sprigiona il metano intrappolato. E’ una tecnica controversa negli USA perche implica il fracking, il pompaggio di acqua e sostanze chimiche ad alta pressione per aiutare l’estrazione con il trituramento delle formazioni rocciose.

    Questo e’ considerato aere gravi conseguenze ambientali, come ad esempio la contaminazione dell’acqua di falda, e il portare in superficie immondizia tossica. Il processo e’ stato bananto in Francia ed e’ sotto esame in Germania ed in the UK.

    Ed ecco che tutto torna: lo stesso metano incastrato nel carbone che ha fatto morire le persone nel 1954, e’ adesso visto come una sorgente di energia “estrema”, da sfruttare al meglio.

    Trituriamo il carbone, e prendiamoci il metano.

    Ma siamo sicuri che proprio questo e’ quello che la Independent Resources vuole fare a Ribolla?

    Estrarre questo Coal Bed Methane?

    Vado su Google.

    Digito le parole giuste.

    La mia barra va in tilt.

    Dozzine e dozzine di siti agli investitori con proprio questo: Ribolla Coal Bed Methane.

    Mi imbatto in questo comunicato, addirittura del 2006:

    Independent Resources plc 

    Key step for Italy’s first coal bed methane project 

    Independent Resources plc, (‘IRG’ or ‘the Company’) the AIM-quoted natural gas storage and exploration company, is pleased to announce it has commenced drilling a stratigraphic borehole to obtain detailed geological information on Italy’s first coal bed methane project. 

    The well is expected to provide data for the appraisal of the methane resources which are known to lie in the Fiume Bruna coal basin north of the town of Grosseto in central Italy. 

    The planned project is based on producing gas from a six metre thick coal seam. Past mining of the coal was limited to shallow depths, and was ultimately halted due to the generation of abundant methane in the deeper shafts. 

    IRG Technical Director Roberto Bencini said: ‘While the production of coal bed methane is now well-established in North America and elsewhere, this will be the first well associated with coal bed methane in Italy. It will be valuable for planning our next steps in appraising the commercial potential of the Fiume Bruna licence.’ 

    Drilling is expected to take around two weeks, with results due over the following months. The coal is expected at a depth of around 330 metres. 

    Piu’ chiaro di cosi si muore.

    Cioe’ la Independent Resources, proprietaria della ditta che vuole eseguire il sito di stoccaggio Rivara, gia’ nel 2006 annunciava che stava per eseguire il primo progetto di estrazione di metano da uno strato di carbone in Italia, tecnica che si fa usando il fracking.

    Nel sito di cui sopra dicono che invece il fracking e’ stato fatto nel 2009. Non so se siano due fraccaggi diversi, ad ogni modo 2006 o 2009 che sia, sono loro stessi che parlano di fracking.

    Ma poi chi e’ Roberto Bencini?

    Indaghiamo anche su di lui, ed ecco qui the smoking gun.

    Roberto Bencini – direttamente dalla presentazione agli investitori del 2010:

    Notare le parole CBM – Coal Bed Methane, uncoventional gas, mutlistage stimulation, shale gas.

    Tutte cose che significano fracking.

    L’ultima foto e’ il frac job, a Ribolla, Grosseto, Italia.

    Non si puo’ scappare.

    La Independent Resources ha postato una foto del frac job a Ribolla, approvata dall’UNMIG.

    Magicamente da queste foto ricompare il proppant – che altro non e’ se non un materiale che serve a tenere aperta la roccia fratturata artificialmente durante il fracking.

    Da Wikipedia:

    A proppant is a material that will keep a induced hydraulic fracture open, during or following a fracturing treatment, while the fracking fluid itself varies in composition depending on the type of fracturing used, and can be gel, foam or slickwater-based. 

    Un proppante e’ un materiale che mantiene aperta una frattura indotta idraulicamente, durante o dopo un trattamento di fratturamento, mentre il fluido fratturante varia in composizione a seconda del tipo di frattturamento usato, e puo’ essere a base di gel, schiuma o oleoso.

    Hanno trovato il carbone e il gas a circa 300 metri di profondita’. Sicuramente la storia continua. Ma per ora ci fermiamo qui. Pare che la Independent Resources stia cercando un partner per fare questo fracking in modo produttivo, dopo le prove degli anni scorsi e stannno facendo quello che si dice “farm out”, cioe’ trovare qualcuno piu’ esperto di loro per farlo e con cui dividere i profitti.

    Che dire.

    Ci sono le foto.

    Questo non significa che il fracking del 2006 o del 2009 ha causato il terremoto in Emilia, ma si aprono un sacco – un sacco di domande.

    Questi signori della Independent Resources in questi giorni non ha detto nemmeno una parola sul fracking.

    Avevano la coda di paglia? 

    Esattamente cosa hanno fatto a Rivara finora?

    Cosa sono i botti che la gente continua a dire di avere sentito?

    Puo’ essere che facessero delle prove di fracking anche li?

    E’ ancora cosi’ fantascienza questa ipotesi, visto che hanno gia’ fatto loro stessi fracking a Grosseto, visto che vogliono offrire un pacchetto completo – dalle trivelle allo stoccaggio alla commercializzazione – e visto che in zona ci sono molti pozzi dismessi, che forse potrebbero essere fraccati per offrire ancora altre gocce di gas?

    Ci si puo’ fidare di loro?

    Dove altro hanno fatto fracking?

    La sperimentazione del 2006 come e’ andata a finire?

    Lo stanno facendo adesso in altre parti d’Italia?

    E’ una coincidenza che *la stessa ditta* che vuole fare stoccaggio in Emilia e’ la stessa che fa fracking a Grosseto?

    Lo sanno a Grosseto, che hanno la potenzialita’ di avere in casa il fratello cattivo del fracking?

    Perche’ il nostro governo gli ha dato le licenze senza dire niente alla gente?

    Lo sapevano i nostri ministri loro cosa era il fracking, il coal bed methane, il proppante mentre gli dicevano si?

    Quando ci decidiamo a regolamentare le estrazioni di gas con il fracking in Italia?

    —————–

    Tutto questo e’ gravissimo, io credo.

    E’ dal giorno 20 maggio che si parla di fracking in Italia.

    Tutti i nostri governanti a dire no.

    Beh, un caso almeno e’ qui.

    La destra non sa cosa fa la sinistra.

    Che strano paese.

    Di nuovo, sono un semplice blogger con la laurea in fisica. Se ci sono errori, e’ tutto stato scritto in buona fede, ma vi assicuro che c’e’ dietro del lavoro immane.