DEBT: LA VERITA’ DELLA TRAVE E DELLA PAGLIUZZA!

Scritto il alle 07:36 da icebergfinanza

Come i lettori di Icebergfinanza ben sanno, il nostro lungo viaggio si è spesso e volentieri nutrito di favole, storie, fiabe, aforismi, leggende metropolitane, metafore e parabole. Il mio, il Vostro libro, sarà un bagno di saggezza popolare, talvolta conosciuta, talvolta inedita. Credo che, non vi sia alcuna fonte come ad esempio i testi sacri, da qualunque religione provengano, che siano intrisi di storia e parole di saggezza, di semplici ed immense Verità.

Come sta scritto nel Vangelo…." Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello, e non t’accorgi della trave che è nel tuo? Come puoi dire al tuo fratello: Permetti che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio, e tu non vedi la trave che è nel tuo? Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e allora potrai vederci bene nel togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello".

Come ho spesso sottolineato oggi lo sport più in voga è quello tra i paesi sovrani, è quello di cercare di distogliere l’attenzione dai propri problemi, problemi di indebitamento, additando spesso la pagliuzza che talvolta si trova in quello dell’altro.

La presbiopia testimonia la capacità di vedere bene da lontano ma malissimo da vicino, ed oggi sono molti i presbiti in circolazione.

Anche il grande La Fontane, splendido scritto di favole, scriveva …  "Quando vieni in questa valle porta ognuno sulle spalle una duplice bisaccia. Dentro a quella che sta innanzi volentieri ognun di noi i difetti altrui vi caccia, e nell’altra mette i suoi"

Ebbene oggi come i lettori di icebergfinanza ben sanno vi sono molti di quelli Stati considerati più virtuosi che farebbero meglio a dare un’occhiata alla propria trave!

Come scrive su Repubblica Andrea Tarquini …

BERLINO – Occorre che nell’Unione monetaria europea siano i Paesi più forti a decidere sul consolidamento, perché solo così possiamo farcela, dice la cancelliera Angela Merkel alla Sueddeutsche Zeitung. La Germania sta per proporre all’Eurogruppo un programma di rigore dei conti pubblici per tutti i membri della zona euro, incalza il suo ministro delle Finanze, Schaeuble. Per salvare l’euro, interviene il presidente della Bce, Trichet, occorre un enorme salto di qualità nella vigilanza reciproca della politica economia e finanziaria degli Stati membri, perché l’Europa "affronta la crisi più grave dalla Seconda guerra mondiale, forse dalla Prima".

…..forse la crisi più grave dalla prima guerra mondiale e meno male, che non era una Depressione…..!

Berlino "deve diventare il poliziotto dell’Eurogruppo", aveva detto pochi giorni fa Trichet. (…)  "Il vero problema sono gli alti deficit di bilancio nei Paesi dell’eurozona", ha detto la Cancelliera alla Sueddeutsche Zeitung, per cui lo scudo di difesa (i 750 miliardi di garanzie degli Stati membri) sono solo una soluzione provvisoria. "La Germania vuole che il problema sia affrontato alla radice, cioè i Paesi membri devono mettere in ordine le loro finanze pubbliche e sforzarsi di divenire più competitivi".

Ci vuole dunque un maggiore coordinamento delle politiche economiche e finanziarie, in cui "non i più deboli indichino le decisioni, bensì i più forti, solo così si può riuscire".

Uauuuuu….la cosa si fa interessante, la parola passa ai più forti!

" Da questa linea dura nasce la proposta senza precedenti, che Schaeuble presenterà all’Eurogruppo, cioè ai ministri economici e finanziari delle Nazioni partecipanti all’Unione monetaria: un programma di consolidamento comune. La salvezza della moneta unica insomma, secondo Berlino, richiede rinunce alla sovranità nazionale. La Bce appoggia la Repubblica federale senza riserve. L’eurozona ha anche bisogno, ha aggiunto, "di sanzioni efficaci contro ogni violazione del Patto di stabilità". Trichet sottolinea la gravità della situazione: i mercati "non funzionano, come al momento del crack Lehman", e la crisi è "la più seria dalla Seconda, forse dalla Prima guerra mondiale". Europa anno zero, insomma, è il messaggio.

Tralascio la richiesta di dimissioni di Trichet, da parte di un deputato tedesco CNBC , le spinte varie a favore di Weber, il guardiano dell’ortodossia tedesca nei confronti dell’inflazione, i sussirri di "scambio merce" avvenuti durante la crisi, io ti approvo il piano tu mi sostieni tizio cazio sempronio alla corsa alla banca centrale europea, ma ricordo a tutti di dare un’occhiata al post dal titolo:

THE WORLD’S BIGGEST DEBTOR NATIONS

Sia ben chiaro, non ho nulla contro la Germania, contro nessun altro paese, ma cerchiamo di essere più obiettivi!

Se cò non bastasse date una rapida occhiata a questi grafici che la McKinsey mette a disposizione sul suo sito:

Rising household leverage was masked by rising home prices.

First, it was one hell of a credit bubble.

E per concludere questo che potete trovare sul sito della grande Yves Smith, ovvero NAKED CAPITALISM.

Picture 46

Se guardiamo al debito delle famiglie Grecia ed Italia sono messe decisamente meglio di chiunque altro.

Concludo riportandovi la notizia, condivisa dal nostro grande Raffaele, che non troverete in alcun giornale, ovvero che Bono, il leader degli U2 sta facendo il giro dei paesi africani, per chiedere gentilmente la sopressione dei debiti pubblici dei paesi occidentali, una notizia sensazionale, un segno dei tempi!

….ovviamente si tratta di una semplice battuta!

Nel frattempo è decisamente entusiasmante il ritmo con il quale procede la dinamica delle Vostre richieste di prenotazioni per il mio libro che uscirà a settembre entusiasmante e commovente, oltre le mie più rosee aspettative.

Per chiunque volesse lasciare una prenotazione senza alcun impegno, per aiutarci ad avere un’idea di massima di quante copie mandare in stampa alla prima uscita l’appuntamento è cliccando qui sotto su …..


 

SE VUOI SOSTENERE ICEBERGFINANZA CLICCA QUI SOTTO!
 

 
Icebergfinanza come un cantastorie che si  esibisce nelle strade e nelle piazze delle città!   

La "filosofia" di  Icebergfinanza resta e resterà sempre gratuitamente a disposizione di tutti nella sua "forma artigianale", un momento di condivisione nella tempesta di questi tempi, lascio alla Vostra libertà, il compito di valutare se Icebergfinanza va sostenuto nella sua navigazione attraverso le onde di questo cambiamento epocale!   

Non solo e sempre economia e finanza, ma anche alternative reali da scoprire e ricercare insieme cliccando qui sotto in ……… 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
27 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 18 maggio 2010 at 08:01

Ciao Andrea, non credi sarebbe interessante affiancare all’ultimo grafico un indice tipo la pressione fiscale? Il debito non è una misura assoluta, sono i costi indiretti che mettono a terra una nazione. Mi spiego meglio: se in Italia il “Public” è molto indebitato e deve cercare di rimediare ad una situazione bollente, sará difficile poterlo fare in un sistema dove le imposte dirette ed indirette sono giá molto alte.Chissá, forse dopotutto è meglio avere un alto debito privato…Gnurant

Scritto il 18 maggio 2010 at 08:45

DEBITO PUBBLICO,DEBITO PRIVATO,PERCHE’ I PAESI D’EUROPA DEVONO SOCCOMBERE ALLE VOLONTA’ TEDESCHE?DOVE STA SCRITTO?NON E’ VANGELO[..] MARTEDÌ, 18 MAGGIO 2010 DEBT: LA VERITA' DELLA TRAVE E DELLA PAGLIUZZA! Come i lettori di Icebergfinanza ben sanno, il nostro lungo viaggio si è spesso e volentieri nutrito di favole, storie, fiabe, aforismi, leggende met [..]

Scritto il 18 maggio 2010 at 08:45

DEBITO PUBBLICO,DEBITO PRIVATO,PERCHE’ I PAESI D’EUROPA DEVONO SOCCOMBERE ALLE VOLONTA’ TEDESCHE?DOVE STA SCRITTO?NON E’ VANGELO[..] MARTEDÌ, 18 MAGGIO 2010 DEBT: LA VERITA' DELLA TRAVE E DELLA PAGLIUZZA! Come i lettori di Icebergfinanza ben sanno, il nostro lungo viaggio si è spesso e volentieri nutrito di favole, storie, fiabe, aforismi, leggende met [..]

Scritto il 18 maggio 2010 at 10:00

DIVIDE ET IMPERA !Questo era il vecchi detto romano, sinceramente penso che oggi nei paesi euro si abbia la senzazione di essere messi peggio al mondo e si cominci a litigare internamente a causa della bombardante campagna mediatica…ma cosi'non e' i Porcellini son messi meglio di tanti altri e sopratutto non mi stanco di dirlo la composizione dei beni dello stato e'sicuramente maggiore d quella di tanti paesi anglossassoni in cui ormai lo stato non esiste ne possiede nulla garanzia del debito.Credo che se i grafici del Capitano fossero piu' noti ci sarebbe una percezione migliore della situazione…ma guarda caso solo il questo ILLUMINNTE blog compaion, possibile che nessun giornalista, analista, opinionista non li veda…per cui o son tonti o vogliono esserlo ed in entrambi i casi e' grave.SalutiMassimo

utente anonimo
Scritto il 18 maggio 2010 at 12:07

FRUIMEX ma qualè il tuo gioco?

Scritto il 18 maggio 2010 at 12:39

Gnurant #16 (è solo per conoscere la tua origine ma anche dalle mia parti si dice grurant, più precisamente gnorant).Beh se non và bene il Gas Naturale perchè pericoloso, si può sempre ricavare una "specie di petrolio" dal carbone (di quest'ultimo c'è nè tanto ed inquina moltissimo!!!!), lo facevano già i Tedeschi durante la seconda guerra mondiale.Infine hai portato degli esempi che mi vanno proprio bene perchè io vivo in campagna e di agricoltura qualcosina nè capisco od almeno di quello che resta dell'agricoltura nostrana !!! Poi se mi parli di industria farmaceutica……..guarda che sono anti-medicina allopatica/scientifica (le cose bisogna chiamarle con il suo nome) e per quanto riguarda l'industria farmaceutica le medicine servono a curare le malattie e non a fare business!!! quindi se anche l'agricoltura nostrana ed una parte dell'industria farmaceutica resterà senza petrolio non sarà un grosso problema, anzi forse farebbe solo del bene. Vedrai che mezza Europa non resterà senza cibo….fresco o congelato che sia.Un salutoSD

utente anonimo
Scritto il 18 maggio 2010 at 15:02

@SD  Sono emiliano ma vivo in Germania. Non capisco, sinceramente, cosa significa quello che scrivi su gas e carbone.  Su agricoltura e medicina mi sa che tu parli di come vorresti che il sistema fosse strutturato, possiamo parlarne e probabilmente saremmo anche d’accordo.Ma Phitio nel post di ieri voleva portare l’attenzione su un altro aspetto del ragionamento: una fonte energetica duttile, “densa”, trasportabile e a cosí buon mercato come il petrolio come lo conosciamo rischieremo di non averla a disposizione per un bel pezzo. Non che finirá da un giorno all’altro, ma non sará piú a buon mercato. Hai letto il comunicato di ASPO?Ora come ora se non usassimo il petrolio per quanto riguarda l’agricoltura industriale e la petrol-chimica legata alla farmaceutica, molto semplicemente i prodotti alimentari e le medicine costerebbero molto di piú.Tu dici che mezza Europa non resterá senza cibo, ma se per 5 giorni senza aerei l’Inghilterra era giá a rischio di restare a secco? Sarebbe salutare un cambiamento della struttura del sistema, ma ogni cambiamento comporta costi e dolori, da non sottovalutare. Tornando al discorso gas: credi sia infinito? Ci fai andare anche un aereo a gas? O usiamo l’idrogeno?Saluti,Gnurant

Scritto il 18 maggio 2010 at 15:21

Caro Andrea, quello che dici è tutto vero. Il debito aggregato ci vede in vantaggio ma credo che il problema, in questo momento, sia un altro.Come tu hai fantasticamente riportato in questi mesi/anni le banche centrali per tappare i buchi delle banche hanno dovuto adottare politiche di quantitative easing. L' espansione della base monetaria ha avuto il doppio effetto di immettere liquidità nel sistema (aiutando in primis le banche) e di abbassare (o mantenere bassi) i tassi di interesse richiesti dal mercato sui colossali debiti nazionali (pur in presenza di un aumentato rischio di insolvenza da parte degli stessi stati vedi: USA etc.).La Merkel e di Trichet sanno benissimo che questa soluzione è solo momentanea(2-5 anni). Il mercato, prima o poi, tornerà a chiedere tassi di interesse sul debito maggiori; in questa ottica capirai benissimo che una cosa è essere l'Italia o la Grecia con i loro debiti PUBBLICI al 120%, una cosa è essere la Germania con il debito al 60-70%. Un tasso di interesse più alto per i primi è insostenibile per i tedeschi lo è molto di più. I primi possono essere messi molto facilmente sotto pressione dal mercato (ed è questo che Trichet e la Merkel non vogliono) la Germania, invece, si trova in una situazione di relativa tranquillità rispetto a possibili attacchi speculativi.  Se poi vogliamo parlare della solvibilità complessiva di ogni singolo stato il discorso che fai tu è, a dir poco, perfetto.Ma come sai benissimo… se vogliamo parlare di solvibilità complessiva del sistema (mondiale o di singoli stati) nessun paese è realmente solvibile :DUn saluto,ShikaNaruto

utente anonimo
Scritto il 18 maggio 2010 at 15:32

Ciao a tutti.Avrei una domanda per Andrea..sto guardando i grafici delle piu' grandi societa' imoobiliari

SIMON PROPERTY GROUPVORNADO REALITY TRUSTPUBLIC STORAGEetce stanno tutti andando alla "grande"…mi chedo, date le tue analisi e i dati che hai riportato nel tuo blog, se vi sia un motivo che va oltre la speculazione, la diversificazione, etccredi che invertiranno presto rotta queste societa' e con loro il mercato immobiliare? come mai non rispecchiano il mercato?Grazie se riesci (per il tempo) a risponderePORTELLO 

Scritto il 18 maggio 2010 at 15:58

Portello il mercato non ha nulla a che vedere con la realtà vive di euforia e depressione non ha vie di mezzo non le ama se qualcuno scommette sull immobiliare lo può fare a lungo termine in America e in altri paesi mentre per altri ancora e’ meglio che lasci perdere prima di restare travolto dalle macerie. Giappone e Germania non hanno insegnato nulla Andrea

Scritto il 18 maggio 2010 at 16:03

La questione del debito e’ complessa ma cerchiamo di vedere i problemi da ogni angolatura. Fiducia e speculazione sono le due variabili principali checche’ ne dicano gli economisti che vivono nelle loro torri d’Avorio figli spesso della loro ottusita’ accademica Andrea

utente anonimo
Scritto il 18 maggio 2010 at 16:09

Grazie per la risposta Andrea.PORTELLO

Scritto il 18 maggio 2010 at 16:48

#4 18 Maggio 2010 – 13:07

 

FRUIMEX ma qualè il tuo gioco?

 

 

utente anonimo

Caro anonimo,gioco con i bambini ma lavoro(gratuitamente) per gli adulti,saresti pregato di firmarti e mettere anche tu la tua faccia,il tuo nome e cognome ed il tuo numero di telefono!!!Hai mai sentito la frase " gratuitamente hai ricevuto e gratuitamente dona?"Andrea la conosce bene ed anch'io !!Buona giornata!Elisa

Scritto il 18 maggio 2010 at 16:48

#4 18 Maggio 2010 – 13:07

 

FRUIMEX ma qualè il tuo gioco?

 

 

utente anonimo

Caro anonimo,gioco con i bambini ma lavoro(gratuitamente) per gli adulti,saresti pregato di firmarti e mettere anche tu la tua faccia,il tuo nome e cognome ed il tuo numero di telefono!!!Hai mai sentito la frase " gratuitamente hai ricevuto e gratuitamente dona?"Andrea la conosce bene ed anch'io !!Buona giornata!Elisa

Scritto il 18 maggio 2010 at 16:57

Trackback

Invia / ricevi trackback su questo blog: Si No

Scegliendo "No" non riceverai e non inverai più le notifiche automatiche di trackback sui post.***********************Ciao Andrea,Ho da molto tempo impostato  NO  ma puntualmente sporco il tuo blog quando riprendo un tuo post e lo pubblico, sul mio blog per gli amici che hanno poco tempo di girare su internet così che si trovavo scodellate le notizie migliori.Mi chiedo,e chiedo a chi ne mastica di più, come evitare i collegamenti!Non mi piace entrare in casa altrui senza bussare ma con splinder (non quello professionale) mi ritrovo catapultata sul tuo blog.Chiedo scusa a te ed agli amici di codeste interferenze.Un abbraccio Andrea.Un saluto a tutti i naviganti.Buona serataElisa 

Scritto il 18 maggio 2010 at 17:22

Gnurant #6 io sono Veneto, probabilmente c'è qualche affinità linguistica.Certamente che conosco e seguo ASPO (l'ultimo comunicato non ho avuto il tempo per leggerlo….purtroppo) e sono consapevole dei problemi legati al picco del petrolio. Ne sono talmente consapevole che a casa mia uso la quasi totalita di energie alternative e se tutto andrà come dai miei programmi probabilmente arriverò quali al 98% e visto che sono in "vena" di confidenze stò valutando economicamente di installare 3-4 KW di pannelli fotovoltaici….così saro "autonomo" anche con l'energia elettrica (naturalmente a patto che ci siano i contributi, altrimenti forse ho un altra soluzione in fase di studio/prototipo).Parlare di agricoltura in Italia ed in Europa credo sia molto complesso, ci sono troppe variabili legate al territorio ed alle scelte politiche del passato; ma di una cosa sono certo, se le abitudini alimentari delle masse sono sbagliate di chi è la colpa?? hai scritto che l'Inghilterra con 5 giorni senza aerei era quasi a secco di alimenti?? bene….bene….sono loro che hanno scelto questo modello di distribuzione alimentare e sono sempre loro che hanno costruito un sistema basato totalmente sul petrolio. Io mi comporto in un altro modo e "mangio" delle altre cose, petrolio o non petrolio camperò lo stesso ma è una mia scelta personale, ognuno è libero di fare come gli pare.Un salutoSD

Scritto il 18 maggio 2010 at 17:56

Io sinceramente, cara Elisa" non vedo ne "sporco" ne interferenze!!!Di cosa poi ti dovresti scusare ???E' bello averti tra noi, voluta o "catapultata" che sia!Poi come ho già detto,a volte mi sento una sopravissuta..di donne qui ce ne sono poche,troppo…troppo poco…E…a questi "maschilisti" dobbiamo dare del "filo da torcere"…hihihischerzo naturalmenteVi voglio un mondo di bene!!Ma Tu lascia i collegamenti lo trovo simpatico…vero Capitano!Buona serataValentina

Scritto il 18 maggio 2010 at 18:28

Ciao carissima Valentina !

siamo in poche donne … vero … verissimo! Ed è una cosa cheuno, mi ostino a non capire …due, mi arrabbio proprio !

La donna, colei che dona la vita … non impiega parte del suo tempo per informarsi per il futuro PROPRIO di quelle creature che mette al mondo ! 

Cos'è … devono fare tutto gli uomini … o forse mettere un tocco di rosa in questi argomenti così duri, nudi e crudi non sarebbe utile?!

 

Tornando al commento di prima, non vorrei indurre i "ciechi" a mal comprendere un piccolo aiuto di divulgazione di info in rete … e l'intervento dell'anonimo di prima mi fa comunque pensare a quale tipo "pochezza" è giunto l'essere umano ! 

La maggior parte infatti è sempre più convinta che dietro ogni mossa o azione di un suo simile ci sia SEMPRE dietro un proprio tornaconto !Non è più neanche lontanamente presa in considerazione l'ipotesi remota che fare "qualcosa" senza avere nulla in cambio … o ancora meglio appunto DONARE CIO' CHE GRATUITAMENTE RICEVI !

 

Non è forse giunta l'ora di aprire gli occhi ed aiutare il nostro prossimo ad aprili non fosse altro che con le "armi" che possediamo ossia la diffusione di articoli, pensieri di uomini come Andrea ?

 

Vabbè … mi sto dilungando … ma penso e spero che il messaggio sia arrivato forte e chiaro unitamente all'invito a tutti di mandare gli articoli di Andrea a quante persone più possibile !

 

Mi ripeto: il REGALO che Andrea ci fa ogni giorno non può e non DEVE fermarsi ad una nostra personale ( ed egoistica ) lettura !!!

 

Senza contare il fatto che è più bello donare che ricevere !!!!!

 

Un abbraccio a tutti i naviganti !

Ciao

Elisa

ps. oggi senza chiederti autorizzazione ho divulgato il tuo splendido intervento nei commenti. Sei grande Valentina e se non ci fossi bisognerebbe inventarti !!! un abbraccio forte forte

Scritto il 18 maggio 2010 at 19:55

La donna s’informa, Elisa…s’informa molto …più degli uomini ritengo, e penso che in questo viaggio ci siano anche donne accanto ai propri uomini, o almeno lo spero…Il problema è che facciamo ancora tutto in silenzio troppo in silenzio…non che io sia un esempio di zelo, ci ho messo più di un anno e mezzo ad iscrivermi ed a postare…poi sinceramente ero anche un poco stanca di parlare e commentare ad alta voce tra me e me…e così eccomi qui…Il tempo a fatica, si trova, si trova sempre ed Andrea, come tanti, altri ne è un bellissimo esempio…E forse…io e Te e pochissime, proprio pochissime altre, siamo le uniche nemmeno “addette ai lavori”, forse ogni tanto fa capolino qualche studentessa di economia…ma…la strada è lunga…ancora lunga…Beh ciao, spero a presto..E che dire…grazie davvero di cuore per l’apprezzamento…fa sempre piacere!Un abbraccioValentinap.s il tuo intento e il tuo sforzo sono lodevoli e si comprendono, per chi li vuol comprendere, benissimo non Ti preoccupare…è che a volte, se non spesso, nell’approccio a cose e situazioni si è un po’ superficiali…p.s2 scusate la parantesi, ma dopo tre anni di lunga e intensa navigazione un po’ di solidarietà tra donne!!!HihihiBuona serata Compagni di viaggio, buona Serata..e mi raccomando..Non dimenticate di imbarcare..amiche, compagne…sorelle…figlie ecc..ecc..Capitanoooo Grazie per questo viaggio che mi ha permesso di conoscere persone autentiche… davvero…

Scritto il 18 maggio 2010 at 21:32

 x GAS TO LIQUID oppure COAL TO LIQUIDCon un processo il Fisher-Tropps si trasforma il Gas in un liquido stabile utilizzabile come combustibile, come ricorda SD in Germania lo producevano con lo stesso processo per sopperire la carenza di combustibile. Stesso processo vale per il Coal to liquid ma e' attualemente meno avanzato del primo, se vuoi altre informazioni fai una ricerca con le parole sopra e trovi tanto materiali, magari anche in tedesco.Il vantaggio e' di poter trasformare il gas in un combustibile simile al petrolio, inoltre rispetto al LNG (Gas Liquefatto) ha il vantaggio che l' investimento e' concentrato solo nell' impianto di liquefazione e a valle la catena e' libera, mentre con l' LNG devi usare un impianto criogenico (per congelare il gas) una nave gasiera dedicata (speciale) e un impianto di gasificazione a valle (che ti scongela il gas) per cui hai meno flessibilita' di approvigionamento.Un salutoMassimo

Scritto il 18 maggio 2010 at 21:39

Dimenticavo che ne dite dei CDS della CALIFORNIA ?Diche che gli squali si siano allontanati dalla Grecia e comincino a far ballare la California per prendere per le palle the US President in caso volesse fare una stretta sugli Hedge Funds ?Non trovo nessun grafico ma credo che stiano salendo…avete qualche buon sito da suggerire ?SalutiMassimo

Scritto il 18 maggio 2010 at 22:31

Andrea che ne pensi di questo video, penso che sei al corrente di questa tesi sulla politica politica iperinflattiva. La mia domanda è: Tu hai ragione a livello pratico e teorico a spiegare la teoria della deflazione. Però se gli stessi diavoli che hanno costruito tutto a tavolino dalla new economy ai subprime, secondo te non potrebbero creare la politica iperinflattiva?Video:http://www.youtube.com/watch?v=eb1n1X0Oqdw&feature=player_embedded

Scritto il 18 maggio 2010 at 22:31

Andrea che ne pensi di questo video, penso che sei al corrente di questa tesi sulla politica politica iperinflattiva. La mia domanda è: Tu hai ragione a livello pratico e teorico a spiegare la teoria della deflazione. Però se gli stessi diavoli che hanno costruito tutto a tavolino dalla new economy ai subprime, secondo te non potrebbero creare la politica iperinflattiva?Video:http://www.youtube.com/watch?v=eb1n1X0Oqdw&feature=player_embedded

utente anonimo
Scritto il 19 maggio 2010 at 01:28

La Germnia ha annunciato l'introduzione del divieto temporaneo di vendite allo scoperto e di credit-default swaps allo coperto su tuttii bond governativi di area euro a partire dalla mezzanote passata. Il divieto riguarderà anche le vendite allo scoperto sulle azioni di 10 banche e assicurazioni tedesche e sarà in vigore fino al 31 marzo 2011.Secondo me tale provvedimento rafforza la sensazione che l'obiettivo finale dell'attacco all'euro sia proprio la Germania e il suo sistema finanziario non proprio solidissimo.L'intervento è abbastanza forte, tempestivo e in parte inaspettato (soprattuto riguardo alle azioni).Tuttavia non è dato sapere quanto potrà essere efficace. Lo short selling, in occasione delle ricoperture delle stesse posizioni short, permette  di tanto in tanto di far trovare al mercato quel "denaro"  (compratori) che altrimenti sarebbe mancato.Togliendo di mezzo questa parte di mercato nelle fasi di panico si rischia di vedere i book svuotarsi completamente dalla parte dei compratori con effetti contrari a quelli sperati con il divieto di short selling.Discorso a parte per il divieto di vendite allo scoperto di governativi europei e  il divieto di posizioni scoperte sui cds. Almeno sui cds si tratta di una novità assoluta e un buon passo nella direzione giusta. Secondome i cds sono strumenti interessanti purché regolamentati in modo adeguato.Quanto al divieto di vendita allo scoperto di bond governativi vale lo stesso discorso fatto con le ricoperture per le azioni. Qui pero' il mercato,essendo over the counter, è più opaco rispetto a quello azionario. Il rischio che i compratori spariscano è ancora più forte rispetto alle azioni.In sintesi si puo' dire che nelle bische tira una brutta aria e i piccoli investitori rischiano di essere vera e propria carne da macello. Ma questo è il male minore: i giochi sono pesanti e la posta in gioco molto alta.Raffaele

Scritto il 19 maggio 2010 at 01:57

Bravissimo capitano proprio quello che cercavo per avere un quadro aggiornato sulla situazione del debito pubblico nel mondo.Vedo con piacere che quando le cose si complicano e la chiarezzaviene a mancare anche perche' l’informazione e la disinformazione aiutata dal depistaggio per favorire la speculazione organizzata,veri e propri trust,invece di fermarci  a osservare per capire meglio ,ci tuffiamo  nella fantapolitica più sfrenata.Non voglio tornare ad avere dubbi almeno sulle poche  cose certe che anche con il grande aiuto del capitano dovrebbero ormai essere chiare a tutti.Questa è una crisi scatenata dalla sovrapproduzione e non dalla carestia Siamo in grado di produrre molto di più di quello che siamo in grado di consumareNon siamo in grado invece di distribuire la ricchezza.Il debito pubblico degli stati ,come ci ha fatto vedere Andrea ,coinvolge tutti gli statiquindi mal comune mezzo gaudio.È chiaro che diventa un problema di equilibri e di scadenze e dalla capacità di stampare moneta cosa che l’Europa si era preclusa rispetto, agli usa e questo a scatenato la speculazione.Conoscete un tipo di pesca che si fa con la rete che si chiama cinta ?Funziona cosi: si recinta con la rete un pezzo di costa, poi si entra in mezzo Con la barca e si fa un gran baccano battendo con barattoli come tamburie battendo i remi sull’acqua ,i pesci spaventati, corrono in tutte le direzioni e finiscono nella rete.La notizia della dichiarazione della merkel riportata dal capitano è stata rilanciata Per ben tre volte da bloomberg .una prima volta dopo l’apertura dei mercati asiatici ,Una seconda volta con la dicitura finale" per correggere errori di battitura"dopo l’apertura dei mercati europei e una terza volta con la dicitura aggiornamento,dopo l’apertura dei mercati americani e il senso dell’articolo era che il provvedimento eccezionale ,preso dall’ Europa ,rischiava di essere un palliativo di brevissima durata.Riuscite a pensare cosa si può guadagnare con una speculazione che causa Una volatilità cosi elevata?Non ricordo il nome di quel capitalista ricchissimo tedesco che si è rovinato,scommettendo al ribasso sulla Volkswagen ,anni fa ,cosa che può succederead  un singolo anche se ricchissimo, ma ora ci troviamo di fronte a un trust  enormeal servizio di se stessi e degli interessi degli usa, in grado di organizzare la trappolaaiutare la Grecia a manipolare i conti pubblici inventare i cds manipolare l’informazione e intervenire all’unisono sul mercato con una potenza di fuoco inimmaginabile.http://www.usdebtclock.org/#interessante questo link che ci fa vedere come cresce il debito pubblico americanoche è già a tredicimila miliardi di dollari .Ma non scarrocciamo troppo, torniamo sulla rotta tracciata dal capitano omeglio sulla rotta che indica la storia, che sta riportando la finanza verso scogli sicurio se va meglio su una secca.La politica americana non consente nuove tasse ne tagli,anzi ha bisogno di altre risorse,per quella parvenza di riforma sanitaria di Obama e per gli investimenti nelle energie alternative e le spese militari ecc.Il modo per reperirle sembra incredibile c’e l’ha.Una crescita del pil e l’iva .  Direte l’iva è una tassa!Già ma pensate aumentare solo l’iva sulle importazioni!Sai come si incazzano i cinesi!!!Che tengono circa mille miliardi del debito usa,per questo serve la compromissione  dell’Europa  ,che non deve prestarsi a sostituire il dollaro.E se ci pensate è giusto che sia cosi perché la Cina non ci pensa per niente ad aprire i mercati all’occidente ,la Cina non è una democrazia ne è sulla strada per diventarla .La Cina è un’aberrazione del comunismo, un’oligarchia indefinibileQualcosa che non è mai esistita prima nella storia.Piccolo esempio di come funziona la Cina.La Cina a intenzione di investire moltonelle energie alternative eolico e solare. Andate in Cina vi fanno aprire una bellafabbrica di celle solari e poi le vendete all’occidente perché quelle che servonoa loro se le costruiscono da soli e non serve a niente che voi le fate meglio e più competitive. Poi ve li vedete i cinesi a fare gare di appalto per realizzare opere?Non  permetteranno mai la reciprocità.Che dite mi sono buttato anchio sulla fantapolitica.Comunque sono fiducioso che non si ricadrà nella recessione perché la storiaLa conoscono in molti e le capacità reattive possono essere immediate ,i tassi restano bassi e in Grecia e altrove serve più moralità e meno ruberie e sprechi.E poi hai visto mai che ci incamminiamo verso mondi alternativi?Sempre grazie Capitano  

Scritto il 19 maggio 2010 at 01:57

Bravissimo capitano proprio quello che cercavo per avere un quadro aggiornato sulla situazione del debito pubblico nel mondo.Vedo con piacere che quando le cose si complicano e la chiarezzaviene a mancare anche perche' l’informazione e la disinformazione aiutata dal depistaggio per favorire la speculazione organizzata,veri e propri trust,invece di fermarci  a osservare per capire meglio ,ci tuffiamo  nella fantapolitica più sfrenata.Non voglio tornare ad avere dubbi almeno sulle poche  cose certe che anche con il grande aiuto del capitano dovrebbero ormai essere chiare a tutti.Questa è una crisi scatenata dalla sovrapproduzione e non dalla carestia Siamo in grado di produrre molto di più di quello che siamo in grado di consumareNon siamo in grado invece di distribuire la ricchezza.Il debito pubblico degli stati ,come ci ha fatto vedere Andrea ,coinvolge tutti gli statiquindi mal comune mezzo gaudio.È chiaro che diventa un problema di equilibri e di scadenze e dalla capacità di stampare moneta cosa che l’Europa si era preclusa rispetto, agli usa e questo a scatenato la speculazione.Conoscete un tipo di pesca che si fa con la rete che si chiama cinta ?Funziona cosi: si recinta con la rete un pezzo di costa, poi si entra in mezzo Con la barca e si fa un gran baccano battendo con barattoli come tamburie battendo i remi sull’acqua ,i pesci spaventati, corrono in tutte le direzioni e finiscono nella rete.La notizia della dichiarazione della merkel riportata dal capitano è stata rilanciata Per ben tre volte da bloomberg .una prima volta dopo l’apertura dei mercati asiatici ,Una seconda volta con la dicitura finale" per correggere errori di battitura"dopo l’apertura dei mercati europei e una terza volta con la dicitura aggiornamento,dopo l’apertura dei mercati americani e il senso dell’articolo era che il provvedimento eccezionale ,preso dall’ Europa ,rischiava di essere un palliativo di brevissima durata.Riuscite a pensare cosa si può guadagnare con una speculazione che causa Una volatilità cosi elevata?Non ricordo il nome di quel capitalista ricchissimo tedesco che si è rovinato,scommettendo al ribasso sulla Volkswagen ,anni fa ,cosa che può succederead  un singolo anche se ricchissimo, ma ora ci troviamo di fronte a un trust  enormeal servizio di se stessi e degli interessi degli usa, in grado di organizzare la trappolaaiutare la Grecia a manipolare i conti pubblici inventare i cds manipolare l’informazione e intervenire all’unisono sul mercato con una potenza di fuoco inimmaginabile.http://www.usdebtclock.org/#interessante questo link che ci fa vedere come cresce il debito pubblico americanoche è già a tredicimila miliardi di dollari .Ma non scarrocciamo troppo, torniamo sulla rotta tracciata dal capitano omeglio sulla rotta che indica la storia, che sta riportando la finanza verso scogli sicurio se va meglio su una secca.La politica americana non consente nuove tasse ne tagli,anzi ha bisogno di altre risorse,per quella parvenza di riforma sanitaria di Obama e per gli investimenti nelle energie alternative e le spese militari ecc.Il modo per reperirle sembra incredibile c’e l’ha.Una crescita del pil e l’iva .  Direte l’iva è una tassa!Già ma pensate aumentare solo l’iva sulle importazioni!Sai come si incazzano i cinesi!!!Che tengono circa mille miliardi del debito usa,per questo serve la compromissione  dell’Europa  ,che non deve prestarsi a sostituire il dollaro.E se ci pensate è giusto che sia cosi perché la Cina non ci pensa per niente ad aprire i mercati all’occidente ,la Cina non è una democrazia ne è sulla strada per diventarla .La Cina è un’aberrazione del comunismo, un’oligarchia indefinibileQualcosa che non è mai esistita prima nella storia.Piccolo esempio di come funziona la Cina.La Cina a intenzione di investire moltonelle energie alternative eolico e solare. Andate in Cina vi fanno aprire una bellafabbrica di celle solari e poi le vendete all’occidente perché quelle che servonoa loro se le costruiscono da soli e non serve a niente che voi le fate meglio e più competitive. Poi ve li vedete i cinesi a fare gare di appalto per realizzare opere?Non  permetteranno mai la reciprocità.Che dite mi sono buttato anchio sulla fantapolitica.Comunque sono fiducioso che non si ricadrà nella recessione perché la storiaLa conoscono in molti e le capacità reattive possono essere immediate ,i tassi restano bassi e in Grecia e altrove serve più moralità e meno ruberie e sprechi.E poi hai visto mai che ci incamminiamo verso mondi alternativi?Sempre grazie Capitano  

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO Clicca qui sopra
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Articolo dal Network
Mercato ai massimi storici, e anche il COT Report ci fa vedere un mercato con le mani forti che si
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
In aiuto a chi cerca il lavoro giusto arriva Job Match, una piattaforma intelligente che mostra
Una pioggia di dividendi sta per arrivare a Piazza Affari. La stagione per alcuni titoli del Ftse Mi
Niente di nuovo sotto il cielo delle valute mondiali, il dollaro continua a dettare legge ovunqu
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: prosegue l'ottimismo sui mercati internazionali, con gli indici americani che segnano nuov
Colgo l’occasione per ricordare che spesso, per quanto riguarda l'invio dei manoscritti di Machiav
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
23 Se prima della notizia dell'embargo totale nei confronti del petrolio dell'Iran c'era forse il