BLACK FRIDAY… HOUSING!

Scritto il alle 08:40 da icebergfinanza

Si lo so c’è ancora qualche ingenuo che crede che ieri le vendite di nuove abitazioni sono aumentate in America, infatti, con i prezzi ancora vicini ai massimi e il costo dei mutui più che raddoppiato in alcuni casi triplicato, questi tirano fuori dal cilindro il classico coniglio bianco…

WOW… salgono nonostante gli alti tassi ipotecari!

Immagine

Sono salite del 7.5%!

Peccato che il dato ha margini di errore che oscillano sino al 20%!

Peccato che ognuno dei precedenti mesi è stato rivisto al ribasso, qui sotto la testimonianza 20,8 % è il margine di errore in più o in meno, il dato precedente rivisto in negativo di un 5,8%.

E’ il mercato immobiliare, bellezza, noi ti diamo qualche dato a caso e tu prendilo per buono, poi quando avremo il tempo e non interesseranno più a nessuno, ti comunicheremo le revisioni.

Figurarsi se si possono disturbare gli americani con qualche brutto dato ora che sono tutti intenti a mangiarsi la casa nel BlackFriday.

Ma non finisce qui.

Come sempre tutti i pesci abboccano all’amo del primo dato, pesci piccoli e pesci grossi, figurarsi gli algoritmi.

Peccato che i dati che il Census comunica, non tengono conto delle cancellazioni, ma solo dei preliminari di compravendita, che tra l’altro stanno andando in questa direzione…

Pending home sales chart courtesy of Trading Economics

Ovvio no, più i preliminari scendono e più le case si vendono, elementare Watson!

Siccome in molti non comprendono l’ironia di fondo, è chiaro che è impossibile che le vendite di nuove abitazioni stiano aumentando.

Inoltre come scritto prima, al Census, ritengono che non si debba tenere conto delle cancellazioni, ovvero di prelimari che diventano carta straccia.

Ali Walf, chief economist di Zonda, invece tiene conto della cancellazioni e la realtà è questa, con tanti saluti ai dati del Census…

Non solo, le cancellazioni stanno aumentando esponenzialmente!

Spero di aver contribuito a cancellare qualche facile illusione, ma ovviamente non interessa a nessuno la realtà.

Sembra davvero di essere tornati ai bei tempi della crisi subprime, aspettiamo l’epilogo.

Nel frattempo ieri abbiamo avuto la conferma definitiva della rottura della trend line al rialzo per i rendimenti a lungo termine in America…

Tutto valido sino alle prime settimane di dicembre, qualcosa si inventeranno sicuramente.

 

L’informazione indipendente ha bisogno anche del Tuo prezioso sostegno!

E’ uscito il nuovo Machiavelli, intitolato “LA CALMA PRIMA DELLA TEMPESTA’” per tutti coloro che hanno contribuito o vorranno contribuire al nostro viaggio.

I manoscritti da inizio anno sono stati una bussola perfetta dopo un periodo di crisi, ma come sempre la verità è figlia del tempo.

Ribadisco per l’ennesima volta che se ci sono problemi di ricezione, firewall, spam, comunicazione tra i diversi provider dovuti a invii multipli,  basta inviare una mail e il nostro STAFF che provvederà a risolvere il problema.

Grazie a chi vorrà contribuire liberamente al nostro viaggio!

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

 

A questo indirizzo il nostro PUNTOSELLA aggiornerà nei commenti la sua personale rubrica mensile…

ANGOLO CINEMATICA PUNTOSELLA

Ricordo a tutti coloro che avessero bisogno, che ICEBERGFINANZA è anche consulenza a 360 gradi, in mezzo a questa tempesta perfetta.

Cliccando sul link qui sotto e mandando una mail a icebergfinanza@gmail.com è possibile avere una consulenza strategica sui possibili sviluppi macroeconomici e finanziari dei prossimi mesi, oltre a ricevere i nostri manoscritti. Buona giornata Andrea

Chiunque volesse sostenere il nostro viaggio riceverà in OMAGGIO le analisi di Machiavelli. Per contribuire al nostro viaggio basta cliccare SUL BANNER  a fianco dei post sul lato destro della pagina o andare alla sezione DONAZIONI…

SEMPLICEMENTE GRAZIE!

6 commenti Commenta
squaremile
Scritto il 24 Novembre 2022 at 13:31

Incredibile come anche il mercato inglese presenti presenti una situazione simile in riguardo agli ultimi dati

mak1919
Scritto il 25 Novembre 2022 at 18:56

Siamo a fine anno ’22 è passato 1 anno ed i ‘TNote’ al momento quotano 82 dopo aver toccato un minimo a 77. Li ho venduti a 115 con piccolo gain altrimenti oggi sarei sotto di 33 figure anche se avrei incassato una cedola del 2,875% e beneficiato di un cambio a 1,04 contro 1,14 a cui ho venduto. Ho fatto bene? Non lo so, so solo che il timing è di fondamentale importanza. Saluti

veleno50
Scritto il 26 Novembre 2022 at 20:49

mak1919@finanza, Se leggo il tuo commento analiticamente torno subito ad investire in Italia. Comunque senza complicarti la vita un btp indicizzato all’inflazione +un tasso fisso potrebbe farti dormire tranquillo. Il comandante ha detto che non esiste il pericolo deffaut italia. Sarà vero?

mitopoietico
Scritto il 26 Novembre 2022 at 22:39

Il timing è fondamentale negli investimenti. E tuttavia, e’ possibile (o probabile) che verrà davvero un giorno in cui chi avrà investito i T Bond senza tentennamenti, e tenuto la posizione, avrà avuto a conti fatti miglior fortuna di chi avrà fatto scelte azionarie o altro. Anche tenere i soldi fermi è una scelta. Si perde l’11% garantito però

mak1919@finanza,

Il

aorlansky60
Scritto il 27 Novembre 2022 at 07:59

Il Comandante ha detto che non esiste il pericolo default italia. Sarà vero?

Caro Veleno,
🙂

noi due siamo abbastanza navigati in età per ricordarci bene cosa accadde una fatidica notte di Luglio 1992 quando l’Italia era in bilico sul baratro del DEFAULT, e un certo Giuliano Amato allora Pres.d.Consiglio prese la decisione che conosciamo e che ricordano fin troppo bene molti della nostra generazione…

Con quell’ atto deliberato ‘dal vertice’ fu creato “il precedente”… come a dire che potrebbe di nuovo accadere come misura ‘eccezionale straordinaria’, per evitare un nuovo ipotetico ‘stallo sul baratro del default’ dell’Italia… anche perchè nei c/c italiani, da fonte ABI ultimi dati aggiornati (SET2022) staziona un saldo totale di liquidità rapidamente esigibile pari a 2.101 miliardi di €, al netto di altri capitali investiti in strumenti finanziari di vario tipo, la cui considerazione porta il VALORE TOTALE di LIQUIDITA’ degli ITALIANI a qualcosa come 5.000 MILIARDI DI EURI.

[quasi] 2 volte l’entità del debito pubblico ITA pari a 2.740 miliardi di €
[da ultima rilevazione ufficiale di BankItalia]

Può bastare come garanzia?
Secondo me si, e secondo l’UE pure [credo] anche se a loro fa molto comodo ricordare sempre ‘l’elevato livello del debito pubblico italiano’ per tenerci ‘sui carboni ardenti’, ma in fondo loro [meglio e più di qualsiasi altro] sanno bene che l’Italia NON PUO’ FALLIRE, per due motivi :

– il primo è quello che ho appena descritto;
– il secondo è che ‘se l’Italia fallisce‘ si trascina dietro con se tutta l’UE e l’€ (e con essi tutto il resto del MONDO), e questo l’UE non se lo può permettere… e lo sa.

Io più dell’Italia, in sede Europea mi preoccuperei assai più di altri Stati (come per es. la Francia) che hanno un elevato livello di debito pubblico (al 120% nel caso della Francia al 2022) ma che non possono vantare garanzie simili a quelle dell’Italia descritte prima (il risparmio PRIVATO dei Francesi è decisamente INFERIORE a quello degli Italiani, anzi nel loro caso sarebbe bene puntare i riflettori sul DEBITO PRIVATO dei Francesi, ma anche sul debito privato di olandesi tedeschi belgi finlandesi danesi, DECISAMENTE PIU’ ELEVATO rispetto al debito privato degli ITALIANI).

lz800
Scritto il 27 Novembre 2022 at 12:04

Ricordatevi il capitano non darà mai consigli diretti di investimento e descrive fenomeni economici da cui è il lettore a trarre le proprie deduzioni. Per il poco che intravedo l’Italia a mia avviso non è più ostaggio dello spread come al tempo del golpe Berlusconi per un motivo fondamentale:: l’entrata in scena di nuovi attori come Cina, Russia e BRIC rende loro il debito sovrano del nostro Paese contendibile e appettibile e sicuramente le elites occidentali e i loro fantocci europei lo sanno bene e non hanno certo intenzioni di giocare e consegnarci in regalo ai loro avversari un paese manifatturiero, di eccellenze alimentari e turistico come il nostro …..

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
ICEBERGFINANZA NEL MONDO
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Nuova tassazione speciale Capital Gain per il 2023 Quanto sta capitando ha del paradossale ma sin
GENERALI – POSIZIONAMENTI MONETARI SCADENZA MARZO 2023 8 Dicembre A ridosso delle importanti s
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
C'è ben poco da raccontare in questi giorni, stiamo preparando l'OUTLOOK 2023 e il rapido aggio
Erano ormai anni che non si vedeva uno scenario simile coi tassi di interesse. Addirittura in al
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
ENI - POSIZIONAMENTI MONETARI SCADENZA MARZO 2023 6 Dicembre 2022 A ridosso delle importanti sca
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Il quadro del CFTC di Chicago ci fa vedere mani forti che continuano ad essere fiduciose, e smal
CONTATORE