DEBT & BUBBLE!

Scritto il alle 07:48 da icebergfinanza

In attesa di osservare cosa dirà stasera mangiafuoco Powell uno che ha già messo le mani davanti suggerendo che un banchiere centrale non può prevedere una bolla finanziaria, vediamo cosa suggerisce la storia al proposito, visto che sono usciti ieri i risultati trimestrali della più colossale bolla attuale, ovvero Tesla…

Al netto delle plusvalenze da trading sul bitcoin e degli incentivi ambientali che vende ad altre concorrenti, Tesla è il nulla, ovvero un’enorme voragine, la voragine con la macchinina a pile intorno.

Secondo il Global Times, le vendite di Tesla in Cina nel secondo trimestre sono destinate a un forte calo.

Durante la storica crisi dei Mari del Sud, all’inizio del 700, il clima di euforia generato da questa avventura favorì la creazione di innumerevoli altre società, che spuntarono come funghi. Alcune di queste società si basavano su un progetto solido, reale, ma il più delle volte si trattava di società fittizie o figlie comunque di idee e progetti strampalati.

Leggendario è il caso di quella società che nella sua ragione sociale nascondeva il seguente mistero: «Per la creazione di una società che porterà notevoli vantaggi
ma che per il momento nessuno conosce!».

La società era collocata attraverso un acconto sul prezzo complessivo, il cui saldo si sarebbe dovuto versare quando il mistero del vantaggio fantasma fosse stato rivelato. Inutile dire che, incassato l’acconto, il geniale truffatore si dileguò nella nebbia di Londra.

Come disse Albert Einstein, «due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana,
ma riguardo all’universo ho ancora dei dubbi».

Torniamo però a Londra, una Londra «insaponata» da mille bolle colorate, alimentate dall’impudenza dei «soffiatori», ma anche dall’ingenuità di coloro che assistevano
ammirati allo spettacolo. Il fiorire di queste società cominciò, a un certo punto, a dare fastidio a Blunt e alla sua South Sea. Grazie alle sue conoscenze egli non esitò dunque ad esercitare pressioni per far passare in parlamento una legge, la «Bubble Act», che di fatto toglieva di mezzo la concorrenza. La macchinazione, però, come spesso accade, gli si ritorse contro: la comparsa della legge provocò infatti il panico nel mercato finanziario londinese e la stessa South Sea ne fu coinvolta.

Inutile ripetere che tutto quanto sta accadendo avrà risvolti esplosivi in termini deflazionistici, come vedremo nel prossimo Machiavelli ci sono più di 10 buone ragioni per definire folli e ignoranti coloro che guardano all’inflazione perenne nei prossimi anni.

Stasera la Fed confermerà il gioco della martingala in atto, non potrà che ribadire con le solite chiacchiere, che i prezzi sono sostenibili, che il virus non è ancora sconfitto, che restano notevoli rischi al ribasso, che il sistema è fondamentalmente sano, che la ripresa sarà più forte delle aspettative, che l’inflazione sarà transitoria e soprattutto che passeranno lustri prima che i tassi vengano rialzati.

La martingala non è altro che una strategia utilizzata nel gioco di azzardo nel 18 secolo francese, testa o croce, la necessità di dover raddoppiare la scommessa, la puntata ad ogni perdita, in modo da recuperare la prima scommessa.

Ormai le banche centrali sono abituate a perdere le loro scommesse, sull’inflazione non se ne parla, il bello è che i banchieri centrali non sono altro che dei falliti osannati dalla folla, per aver risolto i danni che loro stessi provocano.

Il debito è diventato così grande in questo periodo, nell’ultimo decenni, e di così estrema importanza sistemica, che quando arriva una crisi, c’è sempre una mossa di politica monetaria più grande per garantire che le entità più indebitate non vadano in default rischiando un contagio a catena per l’economia globale.

Non solo continua ad aumentare in maniera esponenziale, la richiesta di prestiti in dollari, l’esposizione al dollaro…

Non da ultima la probabile emissione a breve di nuovi BTP in dollari da parte del governo italiano…

Ecco perché la deflazione da debiti resta la strada maestra da studiare, altro che illusioni inflattive.

Ieri il mago pirlino dei bond, Gundlach, si proprio quello che prevedeva un paio di anni fa i tassi a 10 anni vicini al 6 %, oggi suggerisce di spostarsi sull’Europa, perché il dollaro è destinato a un lungo e inesorabile declino.

Ovviamente per non sbagliarsi questo genio della lampada sostiene che l’inflazione non sarà affatto transitoria.

Ci sono così tanti debiti in circolazione che basta un accenno alla fine dei sostegni fiscali e monetari che crolla il mondo, arriva una nuova crisi, alto debito perenne, che raddoppia ad ogni scommessa, interventi monetari continui, default inesistenti tranne che per le piccole e medie imprese e miserabile produttività, in poche parole uno squallido ambiente da casinò continuo e perenne.

Ieri il croupier ha fatto risalire i rendimenti sperando di far paura alla Fed, peccato che mentre qualcuno si aspettava una pessima asta dei titoli di Stato americani a 7 anni, ieri l’asta è andata benissimo, solida e con un rendimento vicino a 1,30% ma indicatori totali estremamente solidi.

Sono giorni, settimane, mesi di attesa, nel frattempo in Europa prosegue l’illusione del recovery fund,

«Il bilancio della Ue 2021-27 e il Recovery Fund, per dispiegare i loro effetti, richiedono che la decisione sulle nuove risorse proprie venga ratificata da tutti gli Stati membri, come se fosse una modifica dei Trattati (e magari qualche paese penserà di ricorrere a un referendum…)…nelle 68 pagine dell’accordo di Bruxelles, suddiviso in ben 159 capitoli, sono state introdotte non poche innovazioni sul piano delle procedure e dei controlli di merito da parte dell’euroburocrazia sui finanziamenti da erogare, innovazioni che non sono previste in nessuno dei trattati europei, tantomeno nel trattato di Lisbona sul funzionamento dell’Unione europea, che di fatto, in mancanza di una Costituzione europea, ne fa le veci.

Ciò comporta che le innovazioni relative al Recovery Fund, benché approvate dal Consiglio europeo dei capi di Stato e di governo, al momento non hanno alcuna base giuridica, e, per averla, devono sottostare all’approvazione di tutti i 27 Parlamenti dei paesi Ue, esattamente come avviene per i trattati. In caso contrario, salterebbe tutto. (Milano Finanza)

Auguri Ragazzi, noi invece scommettiamo che nei prossimi anni avremo una nuova crisi in Europa, forse ancora più grave di quelle che hanno caratterizzato il nuovo secolo.

Dice bene Draghi, se falliamo stop alla politica fiscale in comune in Europa, l’ennesima illusione di chi non vuole mai fare i conti con la storia della Germania.

Ricordo a tutti coloro che avessero bisogno, che ICEBERGFINANZA è anche consulenza a 360 gradi, in mezzo a questa tempesta perfetta.

Cliccando sul link qui sotto e mandando una mail a icebergfinanza@gmail.com è possibile avere una consulenza strategica sui possibili sviluppi macroeconomici e finanziari dei prossimi mesi, oltre a ricevere i nostri manoscritti. Buona giornata Andrea

Chiunque volesse sostenere il nostro viaggio riceverà in OMAGGIO le analisi di Machiavelli. Per contribuire al nostro viaggio basta cliccare SUL BANNER  a fianco dei post sul lato destro della pagina o andare alla sezione DONAZIONI…

SEMPLICEMENTE GRAZIE!

3 commenti Commenta
ildebrando
Scritto il 28 Aprile 2021 at 12:27

Già, appunto ed è la situazione nella quale guardano a “nuovi territori” che fa parte della geopolitica determinata dall’economia oltre che da culture neofeudali e fissazioni metafisiche.
Sarebbe ignobile esprmersi su Draghi in quanto soggetto in questa fase della sua vita al Karma, tutti se li cura contemporanemante, a lotti, come singoli e sparpagliati.
Se è vero che è di scuola gesuita e assomiglia ad un mio ex collega, dovrebbe essere di gomma e reggere la sfida senza scaricare il problema a casa.
Sul virus finanziario ed euroantidoti, non mi esprimo.

charliebrown
Scritto il 29 Aprile 2021 at 10:08

Sono andato a vedermi ieri il grafico di un ETF basato sui treasuries a 10 anni, grafico dove con un colpo d’occhio si riassume quello che conta per un investitore italiano in quanto il valore dell’ETF include le due variabili sulle quali per l’investitore italiano si gioca la partita: prezzo dei treasuries e cambio del dollaro.
Il valore dell’ETF è sceso da fine aprile 2020 ad oggi fine aprile 2021. Invece era salito da aprile 2019 a aprile 2020. Dopo la discesa degli ultimi dodici mesi il valore dell’ETF è ritornato proprio quello che era ad aprile 2019.
Come ho detto le variazioni di prezzo di questo ETF riflettono le variazioni che ha avuto in due anni per un investitore italiano il valore di un treasury decennale.

ildebrando
Scritto il 30 Aprile 2021 at 17:54

Per precisare, il concetto di “stagflazione” non contraddice affatto le valutazioni di chi ci ospita, riguarda il comportamento generale del sistema e non serve all’investitore se non, a chi interessa, associato ad altro come serve a ben poco in questo senso osservare la sequenza storica delle crisi, la loro concatenata sempre più profonda negli eccessi anche geopolitici e sociali per risolverle.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
ICEBERGFINANZA NEL MONDO
Articolo dal Network
Paura, timore scriveva il Vettori ne
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Analisi Tecnica Il nostrano rompe anche i supporti dei 25000/25100 e va al test del successivo in a
La rottura del canale rialzista dello SP500 è chiara, ma il rimbalzo in un punto topico è altret
Ftse Mib. Dopo aver toccato il 13 agosto il massimo di periodo a 26.687 punti, l’indice italiano
Ieri all'improvviso mentre il trentennale stava per rompere l'importante supporto a 1,81, un'ond
I nodi vengono al pettine e avvicinandosi le scadenze delle cedole, inizia a sentirsi non solo l
Opzioni e Future 24 Settembre. I maggiori indici mondiali hanno chiuso con rialzi medi di oltre l
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
TIM è la rete mobile 5G più veloce d’Europa: Opensignal posiziona il gruppo nella top 30 mondial
CONTATORE