OLANDA: LA BOMBA DEI DERIVATI!

Scritto il alle 08:01 da icebergfinanza

DEFLAZIONE DA DEBITI: OPZIONE NUCLEARE TASSI NEGATIVI ...

Abbiamo ascoltato sabato le parole del primo ministro portoghese.

C’è qualcosa di diabolico nella criminale Europa del Nord, qualcosa di subdolo e diabolico…

Ue, Portogallo: discorso del ministro delle Finanze olandese
Roma, 27 mar. (askanews) – La richiesta avanzata dal ministro delle Finanze olandese, Wokpe Hoekstra, di mettere sotto inchiesta quei Paesi come la Spagna che non hanno le risorse di bilancio per far fronte all’epidemia di coronavirus è “ripugnante e contraria allo spirito europeo”: lo ha dichiarato il premier portoghese, Antonio Costa.
“Si tratta di un’assoluta incoscienza, una meschinità ricorrente” che “mina completamente lo spirito dell’Unione Europea e che rappresenta una minaccia per il futuro dell’Unione Europea”, ha ribadito Costa al termine del vertice in teleconferenza dei capi di Stato e di governo dell’Ue.
“Se l’Unione Europea vuole sopravvivere è inaccettabile che qualsiasi dirigente politico, di qualunque Paese, possa dare una risposta di questo genere di fronte a una pandemia come quella che stiamo vivendo”, ha continuato il premier portoghese: “Se manca il rispetto reciproco e se manca la comprensione che davanti ad una sfida comune dobbiamo avere la capacità di rispondere collettivamente, allora nessuno ha capito nulla di che cosa sia l’Unione Europea”.
Hoekstra aveva proposto un’indagine della Commissione Europea sui motivi per cui alcuni Paesi non hanno margini di bilancio per affrontare gli effetti dell’epidemia nonostante i sette anni consecutivi di crescita dell’Eurozona.

Alcuni mi hanno scritto che da un po di tempo non parlo più di economia e finanza, ma non c’è più nulla da dire, tutto è sotto i vostri occhi, tutto quello che vi abbiamo raccontato in questi anni si sta realizzando, oro, petrolio, euro, tbond, deflazione da debiti, nulla non si è realizzato delle previsioni del nostro OUTOLOOK 2020, se volete seguirci c’è il nostro manoscritto per tutti coloro che desiderano sostenerci liberamente, diversamente se volete sapere come mettere al riparo i Vostri risparmi il nostro servizio di consulenza è a vostra disposizione.

Chiunque volesse sostenere il nostro viaggio riceverà in OMAGGIO le analisi di Machiavelli. Per contribuire al nostro viaggio basta cliccare SUL BANNER  a fianco dei post sul lato destro della pagina o andare alla sezione DONAZIONI…

Ma allora perchè gli olandesi hanno bisogno di rivolgersi ai belgi per elemosinare qualche posto letto, visto che loro sono i migliori, quelli che hanno fatto i compiti a casa, dettati dai tedeschi?

Olandesi, ovvero tulipani, l’unica cosa che sanno produrre, tulipani oppure immondizia finanziaria. Non solo anche paradisi fiscali, gli stessi paradisi fiscali dove la famiglia Agnelli insieme alla Fiat si sono rifugiati, come conigli.

Erbe e piante officinali: 2014

Abbiamo visto insieme nel 2008, come ING con il suo conto arancio, ovvero una zucca vuota, ricolma di rischio e infarcita di fessi, è stata nazionalizzata, prima di fallire, dopo aver imbottito il suo patrimonio di mutui subprime e Alt-a.

Ora tornano alla ribalta…

Il caso della banca olandese
Il primo caso emerso in Europa riguarda la banca olandese Abn Amro che giovedì 26 marzo è stata costretta ad annunciare una perdita prima delle tasse di 250 milioni di dollari (200 milioni netti, pari a oltre il 10% degli utili annuali attesi prima della crisi) dopo che un suo cliente negli Stati Uniti si è dichiarato impossibilitato a far fronte alle “margin calls” sulle operazioni di compravendita di opzioni e future scattate nei giorni di massima turbolenza dei mercati.

Gli olandesi che fanno la morale all’Europa in realtà sono un colabrodo, un autentico e pericoloso colabrodo in mezzo all’Europa!

La terra dei bulbi di tulipani, i primi a scatenare una delle più spettacolari bolle della storia dell’economia mondiale, sono stati appunto loro, droga e tulipani e molti idioti travestiti da politici.

Osservate attentamente i dati qui sotto, le famiglie olandesi sono indebitate sino al midollo, un pericolo in mezzo all’Europa, il debito finanziario quello delle loro banche inoltre è una centrale nucleare stile Chernobyl, che emette radiazioni ovunque.

Immagine

Italia in questa classifica è agli ultimi posti, ma purtroppo abbiamo politici al potere che fanno fatica ad essere italiani, immondizia intellettuale di sinistra che quotidianamente fa la morale mentre ruba al Paese.

E’ ora di finirla di ascoltare dotti, medici e sapienti come Monti, Fornero, Giannino, Cottarelli, Prodi, Fazio, Giannini, Floris, Formigli, fare la morale al nostro Paese, il peggio che politica e giornalismo possono esprimere.

Ieri uno spettacolo celestiale al disgustoso programma dell’Annunziata, un De Bortoli ex direttore del Corriere della Sera, messo in un angolo come un somaro da un superlativo Luigi Zingales…

Zingales ha ricordato ad DeBortoli che non è elemosina la solidarietà, che anche la Louisiana dopo l’alluvione è stata aiutata con milairdi e miliardi di dollari dagli altri Stati, e che ovviamente l’Europa è finita. Ascoltate il video, anche Zingales ormai è sulla via di Damasco.

I tedeschi hanno la memoria corta, loro dimenticano facilmente tutto, non per nulla sono loro che hanno scatenato due guerre mondiali, sono un popolo davvero pericoloso.

Immagine

Speriamo che non abbiano lasciato in giro debiti questa estate passata quando sono venuti a pascolare sul nostro territorio. Anzi quando tutto sarà finito o quasi, meglio mettere qualcuno al Brennero e negli aereoporti a controllare che siano davvero sani, visto come il loro Governo riesce a nascondere nelle cifre ufficiali i morti.

Lo so, sono un po arrabbiato, ma Voi state dormendo, è dal 2011 che vi dico come è in realtà questa europa, chi sono i tedeschi, gli olandesi, gli austriaci e i finlandesi, loro cani da guardia, ma Voi vi siete ostinati a votare questa europa e i partiti in Europa che la sostengono, Italia, paese di furbi e soprattutto di fessi.

Sabato per fortuna, abbiamo avuto la conferma di chi è la maestrina che ha sostituito l’ubriacone Juncker, grazie al decisivo aiuto del Movimento Cinque Stelle, un altro partito di fessi…

Grazie Von Der Leyen, grazie di averci ricordato che l’Europa è solo uno slogan!

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta, l’informazione indipendente…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.4/10 (16 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +12 (from 12 votes)
OLANDA: LA BOMBA DEI DERIVATI!, 9.4 out of 10 based on 16 ratings
29 commenti Commenta
massimo64
Scritto il 30 marzo 2020 at 09:05

Beh… se di economia e finanza hai detto tutto e ormai bisogna scegliere tra ubriaconi, che siano juncker o salvini, si viene a perdere il senso del blog.

asabrax
Scritto il 30 marzo 2020 at 10:55

In relazione a quanto detto dal ministro olandese mi viene in mente l’ipotetico episodio che la storia attribuisce a Maria Antonietta all’inizio della Rivoluzione Francese. Durante una delle rivolte del popolo pare che la regina abbia chiesto ai suoi sudditi quale fosse il motivo di tanta indignazione; le fu risposto: “Maestà, il popolo protesta perché manca il pane““se non hanno pane, che mangino brioches!“……. Non si sa in realtà se questo episodio sia reale o no, ma rende perfettamente l’idea di quanto, in quel momento, fosse distante “il palazzo” dalla vita reale.Quella distanza fu bruscamente rididotta attraverso i fatti violenti che caratterizzarono il periodo del “Terrore” della Rivoluzione dove la stessa Maria Antonietta venne decapitata….

laforzamotrice
Scritto il 30 marzo 2020 at 12:32

Ma hai motivi personali per odiare così i tedeschi? Non si spiega in caso contrario il tuo astio decisamente esagerato. Mah…

    icebergfinanza
    Scritto il 30 marzo 2020 at 12:44

    Potrei averne visto che mio nonno è finito torturato dalla Gestapo e si salvò dal campo di concentramento perchè bombardarono la linea ferroviaria e si salvò per miracolo. Ma il punto non è questo il punto è che in questo Paese c’è un mucchio di immondizia intellettuale che guarda ancora ad un popolo che non ha memoria, non ha dignità, manipolatori, truffatori e soprattutto condannati dalla storia più volte, come oggi. Spiace, non sono tutti così, ma questa volta non si salveranno se diranno che eseguivano gli ordini. Spero di essere stato chiaro!

massimo64
Scritto il 30 marzo 2020 at 13:40

Uno cita salvini l’ubriacone e viene censurato. Un evidente segno di difficoltà

    icebergfinanza
    Scritto il 30 marzo 2020 at 13:52

    Di cosa parli… ubriacone!

john_ludd
Scritto il 30 marzo 2020 at 15:37

Pubblico questo lungo commento che non tratta direttamente di Olanda, che avrei da dire, Andrea ha scritto tutto quello che serve, peraltro già scritto tante volte, ma sono così pochi ad ascoltare.

è lungo e pure deprimente ma questo oggi è il mio stato d’animo. L’ho letto e riletto, chiedere ad Andrea di pubblicarlo mi sembra inevitabile.

Al di là della tragedia umana in corso che mi appare pure irreale, essendo chiuso in casa, arriva dalla TV o dai media, come un serial TV, c’è un ulteriore aspetto che mi lascia con un senso di profonda inquietudine malgrado l’abbia in qualche modo prevista e condivisa con voi per anni e che è nella sua essenza quanto scritto da Andrea in questi anni, un tumore metastatico diffuso in tutti i livelli elevati della società italiana (agli altri paesi ci pensi chi vi abita, non sono meglio). Mi chiedo come uscirne ma al di là di soluzioni tecniche di breve respiro non vedo altre soluzioni che lo scorrere del tempo che elimini per via naturale la generazione di cinquantenni cui appartengo e che in media ha fallito e non ho dubbi nel mettermi in prima linea tra i falliti, perché fallire da un punto di vista sociale è stato terribilmente conveniente per molti. Non so se chi ha oggi 30 anni sia in grado di rimuovere la stratificazione di condizionamenti che si ritrova come una seconda pelle, su quella successiva ho molta più fiducia. Le idee che circolano oggi non mi convincono, chi le propone molto di meno ancora, non ho certo voglia di guardare all’indietro, stilare una classifica, non serve più a niente, essendo così ovvio che anche solo per recuperare un instabile equilibrio su un livello comunque più basso del “prima” serve un livello di collaborazione che la società nel suo complesso sembra incapace di produrre. Mi inquieta che modelli sociali di cui ho sempre diffidato e diffido tuttora, abbiano dimostrato di essere stati gli unici in grado di rispondere alle esigenze della propria popolazione nel momento dell’estrema necessità e gli unici a mostrare di comprendere cosa abbiamo davanti a dunque gli unici ad avere piani credibili per una ripartenza estremamente graduale e controllata dell’economia. Mi procura un brivido antropologico di cui non posso liberarmi, mi costringe a rivalutare ancora di più quanto scritto da Dostoevskij, Conrad, Kafka.

Osservo che per anni persone senza problemi economici, con tanto tempo a disposizione si sono ritrovate su una panchina di fronte a un laghetto dove nuotano le anatre sotto un piacevole sole di primavera a discutere di libertà, di democrazia, di libero mercato, di quanto si sta bene in occidente. Poi non si accorgono che è arrivato l’inverno, il laghetto è gelato, niente più anatre, hanno paura e si precipitano a rubare quanti più cappotti possibile.

Ho letto un’enormità di articoli sull’unico argomento che esiste oggi ma questo mi ha gelato. Riporto il link in fondo, il traduttore di Google lavora benissimo. E’ apparso su un quotidiano di Singapore il 10 Marzo, è l’intervista a Yuen Kwok-yung professore di micro biologia a Hong Kong. In seguito all’epidemia di SARS nel 2003, il paese non ha dismesso il sistema di monitoraggio, lo ha potenziato, gli scienziati erano certi che si sarebbe presentato qualcosa di simile o peggio nel futuro. Anche in occidente gli scienziati erano in allarme da allora, ma la differenza è che a Hong Kong anche il governo lo era, pronto a recepire l’allarme precoce lanciato dai propri scienziati e bloccare l’economia basandosi sul principio di precauzione. Aveva già pronti tutti i piani per gestire l’emergenza, preparati nel corso degli anni, cioè quello che ci si attende da una struttura di governo efficiente che i cittadini mantengono attraverso la tassazione generale dunque il loro lavoro. Il professore e la sua equipe avendo avuto informazione di casi di polmonite insolita già a fine dicembre si recò a Wuhan e malgrado il tentativo allora in atto di minimizzazione da parte della autorità locali, maturò la convinzione (è uno tra i giganti mondiali in questa materia) che si era un presenza di un virus nuovo, potenzialmente distruttivo. Questo il punto chiave:

Già dal 4 gennaio, il governo di Hong Kong ha dichiarato l’epidemia un’emergenza, anche se la causa della polmonite non era chiara in quel momento, e non c’erano casi confermati a Hong Kong.

Hong Kong, un’economia basata interamente sui servizi, terzo centro finanziario mondiale, ha attuato subito le precauzioni che hanno permesso solo pochi casi e un numero minimo di vittime. Ora quando un governo come quello dichiara l’emergenza TUTTI gli altri governi sono da quel momento informati. A Singapore le misure sono state simili e poco distanti nel tempo, medesimo risultato.

Allora mi chiedo, certo sono sistemi verticistici, tecnocratici, solo parzialmente o per nulla democratici, ma sono stati in grado di mettere al riparo la propria popolazioe, di introdurre misure economiche di supporto ai più deboli con decorrenza immediata. Le mie residue certezze sono definitivamente crollate, dunque la democrazia è solo un’ideologia tra tante e ora temo che poichè la gente non ci crede più verrà guidata verso sistemi simili a quelli orientali ma senza la loro competenza tecnica e la loro millenaria cultura confuciana che è alla base di quei successi. Noi rischiamo un medio evo guidato dagli stessi che ci hanno condotto a questo punto o un ritorno a regimi tragici che hanno fallito nel passato e fallirebbero di nuvo oggi.

L’articolo riportato contiene pure una traccia delle misure che il governo di Hong Kong sta intraprendendo per riavviare il motore economico e qui, se quanto scritto in precedenza vi deprime, siamo allo sconforto. Non c’è alcuna traccia di fretta, al contrario una lucida, scientifica pianificazione indice di un’abissale differenza di competenze e la certezza che la popolazione eseguirà alla lettera senza se e senza ma.

Anthony Fauci l’epidemiologista americano che si trova nella terrible situzione di avere il ruolo di consulente della Casa Bianca (come lo era nelle precedenti) ha dichiarato di aspettarsi 100-200 mila morti negli USA. Saranno almeno il doppio, lo sa, ma non può dirlo. Il re degli imbecilli subito dichiara che “se moriranno solo 100.000 persone allora saremo stati bravi”, cioè lui che sino all’ultimo secondo ha evitato di imporre quelle misure che potevano salvarli, sarebbe bravo.

Non sono ancora pronto e credo mai lo sarò per iscrivermi al partito del “facciamo come loro” ma certo non ho nulla da spartire con la cultura occidentale come si è sviluppata negli ultimi decenni, dei partiti di governo e di opposizione, preferisco l’oblio, il vuoto esistenziale nel quale mi ritrovo.

Sì, localmente c’è chi fa e farà molto ma molto meglio, come in Veneto o Emilia Romagna, ma non ha nulla a che fare con l’appartenza a questo o quel partito e tutto a una cultura pluri secolare che deriva dalle città stato e dalla capacità di alcune popolazioni della penisola di essere uniti, senza aspettarsi l’aiuto del padre eterno e agire rapidamente. La nostra versione del confucianesimo, non voglio davvero neppure sentire cosa questo o quel capetto nazionale ha da dire perchè non ne ha.

Ascoltando, il meno possibile ma capita, frammenti di inutili corona virus show televisivi, frequentemente il conduttore, l’imbecille di turno, chiede ai suoi ospiti, i quali per lo più non sono migliori, se ne usciremo migliori. Ecco queste stupidaggini indice di una iconsapevolezza permanente mi rendono particolarmente depresso.

https://www.straitstimes.com/asia/east-asia/exclusive-qa-with-hong-kong-microbiologist-yuen-kwok-yung-who-helped-confirm

puntosella
Scritto il 30 marzo 2020 at 15:42

Per chi si ostina ancora a non capire….
…… quanti Quisling ancora tra di noi.

https://cosivailmondo.wordpress.com/2020/03/23/una-finestra-sul-futuro-i-leaks-di-varoufakis/

kry
Scritto il 30 marzo 2020 at 16:04

laforzamotrice@finanza:
Ma hai motivi personali per odiare così i tedeschi? Non si spiega in caso contrario il tuo astio decisamente esagerato. Mah…

Scusa ,
ma hai interessi personali per amare così i tedeschi? Non si spiega in caso contrario il tuo prostrarti a 90° decisamente esagerato.

puntosella
Scritto il 30 marzo 2020 at 16:42

Considerato che bisogna per ovvi motivi essere rinchiusi in casa
e se si ama leggere anche qualcosa distante dalle nostre visioni
politiche, cosa sempre opportuna, – io lo faccio su determinati argomenti
per mettermi sempre nel dubbio che la mia visione non sia offuscata
da lenti ormai opache – mi permetto di suggerire
a coloro che amano i tedeschi….. anche questi sono DOC
le suddette narrazioni sulla crisi dell’Unione Europea e soprattutto
dell’Euro Zona, sapendo in anticipo che nessuno dei narranti
possiede la Verità

Moderazione salariale tedesca e crisi dell’EZ

https://voxeu.org/article/german-wage-moderation-and-ez-crisis

oppure questo italiano che ama anche lui a modo suo moltissimo i tedeschi

https://goofynomics.blogspot.com/2017/12/leuropa-secondo-i-tedeschi.html

Buona lettura.

puntosella
Scritto il 30 marzo 2020 at 17:40

Chiedo scusa, ma mi ero dimenticato di allegare anche questo link, cose
che a noi ragazzi, negli anni settanta, spiegavano sapienti economisti, pochissimi,
vicini ai figli della gente comune che avevano fame di capire e ci insegnavano come girava
il mondo dell’economia e della finanza e che c’insegnavano anche che la prima analisi di un
bilancio di qualsiasi società, al di la di ogni tecnicismo accademico, doveva partire dalle
bollette di elettricità, gas ed acqua, poiché era la battuta… “il contatore non mente”.

https://goofynomics.blogspot.com/2017/02/nazismo-e-mercantilismo.html

massimo64
Scritto il 30 marzo 2020 at 17:44

icebergfinanza,

Meglio tardi che mai!

crimson king
Scritto il 30 marzo 2020 at 20:05

icebergfinanza, Signor Mazzalai, premetto io la stimo e la seguo nelle sue analisi economiche, ma anch’io , al di la delle vicende personali riguardanti la sua famiglia , ritengo esagerato il suo astio nei confronti dei tedeschi. Ora e’ risaputo che odio chiama odio e alla fine l’odio sfocia nelle guerre. E noi, come italiani, in tale contesto non abbiamo mai ben figurato. Le guerre non sono connaturate all’italiano, tant’e’ che un signore anziano mi soleva ripetere questo divertente aforisma, in dialetto veneto peraltro: “….ai tagliani faghe far l’amor no la guera”.
Con stima.

    icebergfinanza
    Scritto il 1 aprile 2020 at 07:36

    Le guerre si devono vincere per poter continuare a fare l’amore, ma la guerra che io quotidianamente faccio è quella per la VERITA’, perchè la VERITA’ E’ FIGLIA DEL TEMPO e io non posso fare a meno della VERITA’. L’unica guerra che si combatte su ICEBERGFINANZA è quella per la VERITA’ non importa che si tratti di tedeschi o olandesi, di sinistra o destra, di TRUMP o MACRON o MERKEL, oggi capirete nel post perchè siamo in GUERRA, AMORE PER LA VERITA’!

tommi1981
Scritto il 30 marzo 2020 at 20:07

Quello che si sa, ma che è sempre bene ribadire, è che un popolo che si ostina a produrre molto più di quanto consuma, non può che avere derive espansioniste. Questo in qualunque tempo e in qualunque luogo. L’UE non è un buon progetto finito male; è un progetto che non poteva finire che in questo modo.

stanziale
Scritto il 30 marzo 2020 at 21:22

Draghi uno dei massimi responsabili dei tagli alla sanita’ https://www.ilprimatonazionale.it/politica/coronavirus-sanita-rischia-collasso-colpa-mario-draghi-151456/

Giovanni
Scritto il 30 marzo 2020 at 23:46

icebergfinanza,

Invece l’esperienza di mio nonno materno raccontatami innumerevole volte è la seguente : all’età di 13/14 anni(mio nonno nacque nel 1928) nel pieno della guerra credo fosse il 1941 o 42, lui come quasi tutti in paese, soffrivano la fame vera in quanto il cibo scarseggiava drasticamente visto che buona parte era stato sequestrato dai fascisti e dai soldati tedeschi, così pensò bene imsieme ad un amico di cercarsi da mangiare dove forse ce ne sarebbe stato in abbondanza. Vista la tenera età con un’adeguata dose di incoscienza sfacciataggine coraggio paura ma soprattutto e per prima cosa, tantissima fame, sfidarono il destino, la meta fu il castello del paese, l’amico scelse di fare “da palo” giù alla base della torre mentre mio nonno si arrampicò lungo il canalone di scolo dell’acqua di una delle torri del castello di Gioia del Colle (in Puglia, Prov. Bari). Arrivato alla prima finestra entrò nella torre e si trovò in una stanza suddivisa a sua volta in due parti. Dalla parte in cui era entrato mio nonno c’erano stoccati cibi in scatola come carne e legumi, forme di formaggio e sacchi di farina e zucchero, non so se ci fosse dell’altro, invece dall’altra parte del locale ahime si intravedeva di schiena un tedesco che batteva a macchina da scrivere. Non perse troppi secondi per pensare, perché in meno che non si dica cominciò a lanciare giù dalla finestra scatolette e forme di formaggio . Beh vista la circostanza non solo il suo amico non riuscì a prendere al volo nulla in quanto data l’altezza tutto ciò che veniva giù sembravano veri e propri proiettili, ma ovviamente questi barattoli cadendo a terra facevano così tanto rumore che il soldato sentendo quei colpi smise di scrivere a macchina. A quel punto mio nonno, capì che forse era meglio dileguarsi ed in un batter d’occhio saltò sul davanzale della finestra e scivolò giù dal canalone. Arrivato giù, l’amico non c’era già più xchè si era già dato a gambe levate, ma tempo di cominciare a correre, quel bastardio di soldato tedesco cominciò a sparargli raffiche di mitragliatrice che per fortuna non lo raggiunsero mai data la presenza di miriadi di stradine e vicoli nelle immediate vicinanze alla torre. Così mio nonno in quell’occasione non riuscì comunque a mettere alcunché sotto i denti, ma in compenso si salvò la vita.

Ragazzi, facciamo i bagagli e senza nemmeno salutare torniamocene a casa e riprendiamoci la nostra sovranità e dignità.

Un abbraccio a tutti.

PS: Aiutiamoci, Comperate Solo ITALIANO !!!

ilribassista
Scritto il 31 marzo 2020 at 14:43

Ciao Andrea sono un pò sconcertato; nel caso in cui riportassi cose non vere significa che ricordo male e quindi mi scuso fin da subito.
Dici che la colpa è di chi ha votato ma, se non erro, qualche tempo addietro tu appoggiasti le idee di Renzi fino a quando, l’evidenza dei fatti, dimostrò il suo valore ed anche tu cambiasti opinione.
Capisco che la colpa è di chi vota ma quanto andiamo a votare abbiamo difronte a noi una scheda elettorale e possiamo scegliere solo tra quei nominativi.
Io sono un liberale (inteso che per valgono gli ideali del partito liberale italiano di Einaudi).
L’ultima volta che sono andato a votare ho deciso di dare il mio voto alla Lista del Popolo per la Costituzione perchè aveva, a mio parere, il programma politico che si avvicinava di più alle mie idee.
Il risultato elettorale ha sancito che il “mio” partito ha preso lo zero virgola.
Ti dirò, ne sono fiero, perchè ci siamo distanziati dagli altri.

Capisco la tua incazzatura ma io mi chiedo, quale partito politico, anche con il senno del poi, avrebbe fatto gli interessi degli italiani in europa?

Quelli che picchiavano le scarpe sui documenti?
Quelli che non si presentavano nelle commissioni e in parlamento?
Oppure quelli che ci hanno venduto?
Oppure quelli che non capiscono proprio nulla e votano a caso?

Quindi direi che più che prendertela con chi ha votato, prendiamocela tutti con quelli che i voti li hanno presi e, chi per incapacità, chi per altri motivi ancora peggiori hanno svenduto il Nostro Paese.

Infine un messaggio, importantissimo, per il mio “amico di penna” John Ludd: caro amico di penna l’altro giorno ho ricevuto un file musicale in 8d, la canzone era alleluia, spero che lo abbia ricevuta anche tu; mi dispiace ma non ho modo di inviartela perciò l’unica cosa che posso dirti è di cercarla, inserire le cuffie, chiudere gli occhi ed ascoltarla.
Sembra di essere in un’altra dimensione.
Un caldo abbraccio a tutti.
Anche al Nostro Capitano che ormai non riesce più a trattenere le sdegno che ha dentro, io ti capisco, ti appoggio, posso condividere ma se hai un blog penso che, purtroppo, i toni debbano essere diversi, poi sicuramente mi sbaglierò io anche perchè non posso nemmeno minimamente ipotizzare il numero di mail e messaggi che starai ricevendo in questi giorni perciò, se posso permettermi un suggerimento, scrivi un articolo in meno ma fallo con la giusta serenità.
Non so quali altre parole per supportarti visto che da sempre ti sostengo, anche con i fatti, e l’ho fatto anche quando parlavi bene di renzi –))) ah ah .. dai una battuta per far sorridere ci vuole.

Un caro abbraccio Andrea, sei grande, sei tutti noi, resisti
Federico

    icebergfinanza
    Scritto il 1 aprile 2020 at 07:39

    Io avrei appoggiato le idee di Renzi? Ahhahahahhahahhh! Trovami un solo scritto e ti faccio un monumento, Ussignor… Renzi! ahahahhahahaahh

stanziale
Scritto il 31 marzo 2020 at 17:29

http://www.rainews.it/dl/rainews/media/Un-farmaco-contro-il-rigetto-funziona-contro-il-coronavirus-sperimentazione-su-8-pazienti-in-Toscana-5126c839-3a18-4bfa-9b22-3230b487366f.html un nuovo farmaco sperimentato in Toscana dal 24.3 su 8 pazienti, tutti migliorati anche i non giovani.

kry
Scritto il 31 marzo 2020 at 18:12

L’ Olanda ha un altra bomba a cui pensare.
Sta seguendo la stessa identica traiettoria di contagiati della Lombardia con il 20% di defunti in più.
Patria dell’eutanasia mi chiedo se sono contenti.

kry
Scritto il 1 aprile 2020 at 09:54

icebergfinanza:

Le guerre si devono vincere per poter continuare a fare l’amore, ma la guerra che io quotidianamente faccio è quella per la VERITA’, perchè la VERITA’ E’ FIGLIA DEL TEMPO e io non posso fare a meno della VERITA’. L’unica guerra che si combatte su ICEBERGFINANZA è quella per la VERITA’ non importa che si tratti di tedeschi o olandesi, di sinistra o destra, di TRUMP o MACRON o MERKEL, oggi capirete nel post perchè siamo in GUERRA, AMORE PER LA VERITA’!

— ” Le guerre si devono vincere per poter continuare a fare l’amore ” —

E perchè ?
io preferiscco un altra verità … forse un illusione … chi SOPRAVviverà vedrà.

Ma girando la mia terra mi sono convinta che
NON C’E’ ODIO E NON C’E’ GUERRA QUANDO A LETTO L’AMORE C’E’

https://www.youtube.com/watch?v=OK4b8-2u8vM

Tanti auguri

….. erano altri tempi
Ciao Andrea ti stimo.

john_ludd
Scritto il 1 aprile 2020 at 10:43

kry@finanza,

certo, risparmieranno sulle pensioni.

ma non è una questione di Olanda o Germania cui aggiungerei senza esitare un secondo UK e USA, ma di CULTURA. L’età media degli ammessi alla terapia intensiva in Olanda, UK e USA è molto al di sotto che da noi, addirittura 47 anni in USA, da noi è prossima ai 70, il virus è lo stesso a voi le considerazioni. Sugli USA ho riportato le statistiche sul sito di Danilo, per l’Olanda c’è questo, caso mai qualche genio volesse smentirle:

https://twitter.com/lookner/status/1238951586287751171

john_ludd
Scritto il 1 aprile 2020 at 11:08

stanziale@finanza,

sono farmaci che limitano la reazione eccessiva del sistema immunitario quando si trova in presenza del virus e determina gli effetti devastanti sui polmoni che poi portano alla morte. Non curano il virus, nè lo limitano ma possono salvare molte vite. Vorrei vedere passi importanti nella prevenzione che non è stare chiusi in casa per l’eternità. Serve tecnologia, una burocrazia snella, decisioni rapide e gente che recepisca e non inizi a fare party in spiaggia appena mette il naso fuori di casa. La produzione deve essere messa in condizione di poterlo fare, cioè sicurezza per chi lavora. Servono miliardi di mascherine e guanti, dato che una mascherina N95 ha un tempo utile di 8-10 ore, serve riorganizzare le linee di produzione in modo che siano operative 24 ore su 24 a turni in modo da poter effettuare il distanziamento necessario. A chiudere sono tutti capaci, a riaprire non sembra, o la fai bene o metti a rischio i soliti noti per mantenere i profitti dei pochi.

In Cina la produzione è attorno all’80-90%, i limiti principali sono nell’approvvigionamento in quanto le fabbriche in occidente sono chiuse e in Corea e Giappone sono limitate, tutto è interconnesso. Sulla Corea non ho dati, a Singapore la gente è al lavoro MA … ci sono stati ZERO casi di contagio tra i sanitari a Singapore perché avevano tutto il necessario, dunque sono preparati per mettere in sicurezza anche l’ultimo degli immigrati. Ora la gente può circolare nelle strade ma hanno tutti la mascherina e sono previsti 5 anni di carcere se non si seguono le direttive sul distanziamento. Capisco, non è facile, vedi alternative ? Sì la sovranità etc… mica risolve il problema di ORA, una burocrazia farraginosa, spesso incompetente che opera su disposizioni borboniche all’insegna dell’inefficienza. C’è molto molto molto da fare per evitare di sprofondare definitivamente a livello Burundi. Anche i TOT euro da inviare a chi ne ha immediata necessità, non c’è un problema di soldi che non ci sono, è solo tecnico, la BCE copre almeno 150 miliardi di emissioni di nuovi BTP nei prossimi mesi e rinnova quelli in scadenza che ha in portafoglio, senza starnazzare di MES o corona bond. Ma se il governo è inefficiente e ancora di più la burocrazia italiana non è capace allora non lo è e non ti salva certo la sovranità monetaria. C’è molto che non va, molto, molto, molto. Però se sei un amministratore troppo attivo, e qualcuno cui non piaci vuole ostacolarti ti denuncia per peculato, l’avviso di garanzia arriva a velocità luce e l’assoluzione dopo 3 anni.

giobbe8871
Scritto il 1 aprile 2020 at 14:49

GRANDE MAZZALAI come al solito

E’ ora di finirla di ascoltare dotti, medici e sapienti come Monti, Fornero, Giannino, Cottarelli, Prodi, Fazio, Giannini, Floris, Formigli, fare la morale al nostro Paese, il peggio che politica e giornalismo possono esprimere.

giobbe8871
Scritto il 1 aprile 2020 at 14:55

john_ludd@finanza,

su con la vita John Ludd, non essere troppo pessimista verso i cinquantenni.
i trentenni non sanno come si stava bene prima del 1992 con la nostra lira.
Dopo arrivarono Ciampi, Prodi-Andreatti e ….mariuccio DRAGHI che demolirono il nostro bel Paese.
ma noi non siamo morti, e ce lo dobbiamo ricordare.

Sfruttiamo sia Meloni che Salvini ora, per poi appoggiare Vox Italia di Fusaro per uscire da sta merda UE, che parla tedesco. Come? Facendo come sempre noi italiani sappiamo fare ( Russia Cina USA-UK )

Forza ITALIANI

john_ludd
Scritto il 1 aprile 2020 at 19:36

giobbe8871@finanza,

guarda i meloni che vorrei tanto assaggiare sono irraggiungibili, quelli virtuali su youporn mi rendono ancora più depresso. Almeno oggi ho comprato una cesta di fragole dal pakistano sotto casa. 3 euro. Yum !

… prima del 92 saltavo i fossi per la lunga e correvo dietro alle minigonne ma di lire in tasca ne avevo talmente poche che per andare ad arrampicare ho usato la stessa corda sfilacciata per anni, altro che corona virus.

… Russia, Cina, UK, USA, per me pari sono come tutti i politici che hai menzionato, del prima e del dopo, preferisco i contadini, soprattutto quando scuoiano il maiale.

Ciao e … finché c’è pane e salame c’è vita.

aorlansky60
Scritto il 3 aprile 2020 at 11:20

@ Giobbe8871

“i trentenni non sanno come si stava bene prima del 1992 con la nostra lira.
Dopo arrivarono Ciampi, Prodi-Andreatti e ….mariuccio DRAGHI che demolirono il nostro bel Paese.”

Vero ciò che dici, anche se in questo momento drammatico -non solo per l’Italia ma per l’intera umanità- la verità che hai scritto passa in secondo piano.

Peraltro la colpa non è solo dei nomi che hai fatto (e ce ne sarebbero da aggiungere altri…) perche molto probabilmente essi furono vittime di MINACCE e RICATTI (naturalmente celati in forma molto discreta dai loro pari livello politici esteri) da parte di poteri assai più forti dell’Italia in quel momento storico, affinche i nostri vertici politici del tempo attuassero -come poi hanno fatto- la “vendita dell’Italia” agli interessi della finanza e delle multinazionali anglosassoni, che premevano fortemente da molto tempo affinchè l’Italia cadesse nelle “gentili premurose attenzioni” da parte di questi (l’inizio della perdita di sovranità economica italiana come ben sai è da annoverare al Marzo1981 quando fu deciso lo scorporo tra BankItalia e Ministero del Tesoro, anche se va ricordato che l’Italia è di fatto una specie di “protettorato” USA dal 10 Maggio 1945 dal quale difficilmente -praticamente mai, come la storia testimonia- si è potuta svincolare…) .

Ma anche tutte queste considerazioni non hanno più molta ragion d’essere (se non come dettagli che nemmeno i libri di storia documenteranno, seppur veri) di fronte alla catastrofe che si è delineata a livello globale. Ho appena letto un ag da parte di Borrelli (Prot.Civile) che prevede un “fermo” fino al 1mo di Maggio se dovessero permanere le condizioni attuali… non penso serva aggiungere altro, se non sperare che egli si sbagli.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
REVOLVERSMAPS

ICEBERGFINANZA NEL MONDO

Articolo dal Network
Ftse Mib. Dal punto di vista grafico, l’indice italiano è inserito da alcuni mesi in una fase la
Interessante fare un update, utilizzando i dati di Lipper per fare il punto su come si stanno m
Mercati particolarmente complicati e movimentazioni monetarie spesso contradditorie. Sulle Mibo s
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Quando bitcoin fa dei movimenti troppo violenti, come quelle degli ultimi giorni (+12% negli ult
Ftse Mib: apertura debole per il paniere italiano che si riporta sotto 19.000 punti. I livelli da mo
Non è che ci sia molto da raccontare in questi giorni, sono sempre le solite cose, nel delirio
Sulle opzioni Mibo si assiste all'apertura di call a strike 20250 ed alla chiusura parziale di put a
Lo so che parlare di MES significa finire in un ginepraio ma quando iniziano a girare una serie
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u