YIELD: IMPLOSIONE NUCLEARE!

Scritto il alle 08:40 da icebergfinanza

Immagine correlata

Tanto tuonò che piovve direbbe oggi il nostro Socrate, parlando con il suo allievo preferito una bellissima brocca di acqua in testa ai mercati, con tanti saluti dalla moglie di Socrate appunto, Santippe…

Il petrolio perde il 6 %, il decennale americano scende in una sola seduta di 9 punti base raggiungendo quota 2.30 % e il dollar index bene rifugio per eccellenza raggiunge il massimo da due anni, una bomba deflattiva spettacolare si sta abbattendo sui mercati, spazzando via tutti gli idioti che in questi anni hanno previsto inflazione.

La grande stagnazione continua.

In meno di 25 giorni, letteralmente sbricciolate le aspettative di inflazione, il grande Machiavelli ha visto giusto, per chi ha avuto fiducia in noi in questi anni sta arrivando per la seconda volta un pacco regalo meraviglioso. Ora è il tempo della gratitudine!

Decennale e trentennale USA hanno sfondato i precedenti minimi e come ben sapete la leggenda popolare dice che i minimi chiamano altri minimi…

Nuovi minimi dalla Brexit per i rendimenti inglesi…

Letteralmente devastante è stato il crollo dei rendimenti australiani, una performance di oltre il 9 % per il decennale e vicina al 20 % per i rendimenti a 30 anni, una performance mai vista nella storia dei rendimenti australiani.

Machiavelli è l’unico in Italia ad aver suggerito in tempi non sospetti di puntare sull’Australia!

In soli 8 mesi abbiamo messo a segno una performance del 15 % e siamo solo all’inizio, gli amici di Machiavelli sanno cosa ci attende, con tanti saluti a coloro che con gestioni patrimoniali e fondi vari annaspano vicino allo zero o convivono da anni con rendimenti negativi.

Cartoon of the Day: Tumbling After - 9739907E 41DD 4D71 87E1 B1716FB74DE3

Certo nel breve, Trump potrebbe invitare Xi ad una partita di golf o Macron distruggere la Le Pen e la Merkel risorgere, cieli blu infiniti all’orizzonte, ma nel medio termine, abbiamo un appuntamento con la storia, la deflazione da debiti non fa sconti  a nessuno.

DEFLAZIONE DA DEBITI: COSA POTREBBE ACCADERE.

Prossimo obiettivo il 2 % del decennale possibilità di performance pari al 2,5 % in conto capitale. Fantastico!

Stiamo letterlmente sbricciolando tutta la massa di idiozie e previsioni da baraccone messe in piedi in questi anni da parte di analisti ed economisti al servizio della finanza, nessuna possibilità di inflazione in mezzo ad una devastante deflazione da debiti.

Mentre qualcuno vi racconta di cieli blu infiniti, ieri dopo le vendite di case esistenti, sono crollate anche quelle di nuove abitazioni…

Una botta di quasi il 7 % mentre i tassi sui mutui stanno scendendo, i dettagli sotto la superficie del rapporto di oggi sono pessimi, le vendite di nuove case recentemente completate il contrario di quelle acquistate sulla carta, sono crollate del 14%, ma questo nessuno ve lo racconterà mai.

Inoltre l’indice PMI composito crolla vicino al livello di contrazione …

“La crescita delle attività commerciali è rallentata bruscamente a maggio, mentre le preoccupazioni della guerra commerciale e l’aumento dell’incertezza hanno inferto un ulteriore colpo alla crescita del portafoglio ordini e alla fiducia delle imprese”.

” Un calo ‘flash’ PMI al livello più basso da tre anni spinge i dati del sondaggio a un livello storicamente coerente con il PIL in crescita a un tasso annualizzato di appena l’1,2% a maggio . Il peggio potrebbe arrivare, perché l’afflusso di nuovi affari ha mostrato la crescita più piccola dalla crisi finanziaria globale. Nel frattempo il clima di fiducia delle imprese si è ridotto al minimo dal 2012, provocando una contrazione  in particolare per quanto riguarda le assunzioni. La crescita dell’occupazione a maggio è stata la più debole vista da oltre due anni. ”

Non meglio va in Europa che si sta preparando alla recessione…

Commentando i dati PMI Flash, Chris Williamson, Chief Business Economist presso IHS Markit ha dichiarato: “A maggio, l’economia dell’eurozona resta ferma in acque stagnanti. Crescono dunque i segnali che in questo secondo trimestre si riuscirà a raggiungere una crescita solo modesta. Allo stato attuale il PMI sta indicando una crescita del PIL di appena lo 0.2%. L’ulteriore peggioramento dell’ottimismo circa l’attività dell’anno prossimo, suggerisce che nei prossimi mesi la situazione economica potrebbe ancora peggiorare. Il pessimismo riportato riflette le preoccupazioni in merito alle previsioni di una minore crescita economica, i segnali di vendite più deboli e l’aumento dell’incertezza geopolitica. Come motivo di preoccupazione, in particolare è stato citato l’aumento delle guerre commerciali e la sofferenza del settore automobilistico. 

Noi ci fermiamo qui, appuntamento con la storia lunedì, comunque vadano le elezioni europee, il destino è segnato, uomo avvisato mezzo salvato!

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.8/10 (12 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +10 (from 10 votes)
YIELD: IMPLOSIONE NUCLEARE!, 9.8 out of 10 based on 12 ratings
1 commento Commenta
homo_invictus
Scritto il 28 maggio 2019 at 10:38

E nuovi minimi furono.
Ehehehe, mi raccomando europeisti della domenica, scommettete su Euro e sull’Unione Europea!

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Continuiamo la nostra serie di articoli sugli errori che fanno alcune persone usando le criptovalu
Ftse Mib: giovedì scorso, grazie al convincente meeting Bce che ha sorpreso in positivo i mercati,
In questi anni insieme a Machiavelli vi abbiamo spiegato per quale motivo sul mercato valutario
Mario Draghi nel famigerato meeting BCE della settimana scorsa non solo ha caldamente invitato i
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Su ha la consapevolezza che lo sforzo delle banche centrali è senza dubbio considerevole, ma or
Guest post: Trading Room #331. Grazie anche al nuovo governo, particolarmente gradito da Bruxelles
Ftse Mib: prese di beneficio sull'indice italiano che ritorna in area 22.000 punti, in scia alle ten
L'attenzione per far pagare meno tasse è tutta concentrata sui lavoratori dipendenti, almeno così
Analisi Tecnica Direi che ormai ci siano al test dei 22300 anche se non sono sicuro che andremo a