IOER : GLOBAL DOLLAR LIQUIDITY!

Scritto il alle 08:49 da icebergfinanza

Cartoon of the Day: Yo-Yo - 04.24.2019 10 yr yoyo cartoon

Andiamo a dare un’occhiata alle meraviglie dell’economia americana, una delle economie più taroccate al mondo dopo quella cinese ovviamente, prima di occuparci di un argomento estremamente tecnico ma davvero interessante per le implicazioni che avrà nelle prossime settimane sul dollaro.

Il PIL reale è aumentato del 3,2% nel primo trimestre, ma la sorpresa è tutta nascosta nell’inflazione, di cui parliamo tra poco.

Se poi qualcuno riesce a spiegarmi come fanno a volare gli inventari con importazioni e produzione diminuite durante tutto l’arco del primo trimestre, nel frattempo nessuno mi toglie dalla mente che questi dati sono fuori da ogni realtà.

Nel frattempo aspetto con trepidazione il prossimo aumento dei tassi della Fed, visto che l’economia americana va che è una meraviglia.

L’aumento del PIL reale nel primo trimestre riflette i contributi positivi da spese per consumi personali (PCE), investimenti in inventari privati, esportazioni, spese statali e locali e investimenti fissi non residenziali. Le importazioni, che sono una sottrazione nel calcolo del PIL, sono diminuite. Questi contributi sono stati in parte compensati da una diminuzione degli investimenti residenziali.

L’accelerazione della crescita del PIL reale nel primo trimestre ha riflesso una ripresa della spesa pubblica statale e locale, accelerazioni negli inventari privati e nelle esportazioni e una minore diminuzione degli investimenti residenziali.

Come ho scritto venerdì su Twitter, non credo ci sia nulla da esultare per il contributo dei  consumi PCE  solo 0,82 sommando pure il contributo CaPex si arriva appena sopra l’1 % salgono le esportazioni nonostante il dollaro forte ma il livello delle importazioni testimonia una caduta della domanda interna.

Si tratta della seconda contrazione consecutiva del livello delle importazioni, ovviamente nessuno o quasi lo fa notare, ma va bene così.

L’altra sorpresa è il livello dell’inflazione, l’indice dei prezzi PCE è aumentato dello 0,6%, a fronte di un aumento dell’1,5% nel quarto trimestre. Escludendo i prezzi di cibo ed energia, l’indice dei prezzi della PCE è aumentato dell’1,3%. Un dato terrificante, che distrugge tutte le favole sull’inflazione. L’indice dei prezzi core del PIL è stato dell’1,3% rispetto al 2,0% nel quarto trimestre.

Non è possibile passare dal 1,5 % al 0,6%, non si può gonfiare così i dati del Pil.

Ridicola quindi la richiesta del consigliere economico di Trump di ridurre i tassi…

Il PIL è cresciuto del 3,2% nel primo trimestre, numero che Kudlow ha definito “un numero esagerato”.  “Il tasso di inflazione continua a scivolare sempre più in basso”, ha detto Kudlow alla CNBC.

“… il tasso di inflazione sta scendendo, la Federal Reserve lo guarderà”, ha detto Kudlow.

Sia Kudlow che Trump hanno dichiarato apertamente che pensano che la Fed dovrebbe smettere di ridurre il suo bilancio e tagliare i tassi.

Abbiamo scritto la scorsa settimana “Dollar time” e il momento del dollaro sta arrivando, nascosto dentro il sistema ombra finanziario.

Facciamo prima un salto indietro al 2018, diamo un’occhiata all’indicatore IOER ovvero il tasso di interesse sulle riserve in eccesso imposto dalla Fed…

Il tasso dei fed funds si sta spostando verso la parte superiore dell'intervallo obiettivo della banca centrale

A giugno dello scorso anno, quando i fondi arrivarono a cinque punti base dal limite superiore della banca centrale, i funzionari presero la decisione senza precedenti di innalzare l’IOER di soli 20 punti base, mentre aumentavano il tasso obiettivo di 25 punti. Da allora ha continuato a insinuarsi più in alto.

Come apparso su Zero Hedge ieri, JPMorgan nella sua ultima nota settimanale ci spiega che …

… “gli effetti di liquidità del bilancio della Fed sono riemersi durante la scorsa settimana a seguito di un picco dei tassi interbancari durante la notte. (…) questi tassi sono tornati a salire nella settimana scorsa a 4bp e 5bp sopra IOER creando un movimento più persistente e preoccupante “.

… questa mossa persistente sta sollevando interrogativi sul fatto che le riserve – che come promemoria si sono ristrette rapidamente da quando la Fed ha iniziato a chiudere il suo enorme bilancio a fine 2017 –

 

… che anche spiega perché la FED ha recentemente invertito aggressivamente la sua precedente posizione di “pilota automatico” rispetto al bilancio e ai mercati che inaspettatamente sono stati informati che la contrazione del bilancio si sarebbe conclusa a settembre.

La questione è molto tecnica ma a noi interessa evidenziare le conseguenze.

Per gli analisti di JPMorgan, la notizia di aprile non è stata il forte calo dei saldi dei depositi di riserva, ma piuttosto l’aumento dei tassi interbancari relativi all’IOER che l’ha accompagnato, lo stesso aumento che indica che la Fed ha perso controllo dei tassi, un aumento che, per inciso, non si è limitato solo al tasso di riferimento della Fed, ma sono aumentati anche altri tassi interbancari.

Perché è notevole questa mossa nel tasso IOER e che cosa ha a che fare con la liquidità nel settore bancario?

La risposta è che il differenziale più elevato nel delta tra l’IOER e l’effettivo tasso dei fed funds è una funzione diretta delle riserve in eccesso nel sistema.

In sintesi, le condizioni di liquidità nel sistema bancario statunitense sono forse vicine al loro livello più basso in un decennio, vicine al minimo del 2009… 

 

JPM avverte che alcune banche potrebbero aver bisogno di ricorrere alla Fed per mantenere i loro saldi di riserva e soddisfare i loro fabbisogni di liquidità poiché le riserve non sono distribuite uniformemente attraverso il sistema bancario. 

 

 

La soluzione di JPMorgan: per evitare un ulteriore inasprimento, è che la Fed potrebbe essere costretta a anticipare la data di scadenza della contrazione del suo bilancio da settembre a giugno, o a tagliare i tassi di interesse abbassando l’IOER.

La terza e più problematica “soluzione” sarebbe che la Fed iniettasse liquidità attraverso operazioni di mercato aperto … anche se, come ammette JPMorgan, “alcuni partecipanti al mercato potrebbero vedere tali operazioni equivalenti al riavvio del QE”.

Non solo, gravi implicazioni questa politica della Fed ha anche sulla liquidità in dollari, dollari che diventano sempre più difficili da reperire.

State sintonizzati, ci aspettano settimane davvero interessanti sul dollaro.

A proposito tanto per cambiare in Spagna nessuno governo è possibile, Sanchez ha bisogno non solo di Podemos ma addirittura dei voti delle altre realtà indipendentiste, ma la grande sorpresa è l’incredibile 10 % raggiunto dalla destra estrema di VOX.

Ho l’impressione che alle prossime elezioni europee, ne vedremo delle belle, soprattutto nelle prossime quattro settimane.

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.9/10 (16 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +10 (from 12 votes)
IOER : GLOBAL DOLLAR LIQUIDITY!, 8.9 out of 10 based on 16 ratings
2 commenti Commenta
landini76
Scritto il 29 aprile 2019 at 11:48

Una domanda per il Capitano..

http://centralerischibanche.blogspot.com/2018/11/cosa-succede-quando-la-banca-crea-un.html

Io non ci credevo… pero in effetti pare ci sia una specie di truffa globale. Dovuto al fatto di equiparare la FIAT money a moneta convertibile in Oro, come ai vecchi tempi.

Cioè mi pare sia molto peggio di quello che sembra.

Che ne pensi?

idleproc
Scritto il 1 maggio 2019 at 02:57

landini76@finanzaonline,

Dettagli, il Sistema “is fuked”.
Il Capitano, come altri in altre specializzazioni altrettanto sofisticate rappresentano componenti soggettive razionali, sostanzialmente neutrali o indifferenti rispetto alle lore tasche quando devono valutare l’interesse comune che è sempre sociale.
Non hanno mai abbandonato il “metodo scientifico” e cercano di intervenire nel sistema per indirizzarne la dinamica in controcorrente sulla strada che alla fine è quella del buon senso e in senso riformistico reale non non quello dei noti farabutti.
Chi è più “politico” sa che deve partire dal livello reale della consapevolezza di massa ingannata dal processo degenerativo del sistema nel circuito ideologico dell’informazione o meglio propaganda di genea convinta per vie di tasche proprie e privilegi parassitari di vertice che il Sistema regga e che invece costituiscono le principali forze che lo porteranno alla rottura.
Il tentativo è solo doveroso con probabilità basse o nulle di riuscita, anche perchè chi viene spinto in posizioni di vertice per cambiare la direzione di alcuni processi viene inevitabilmente sopraffatto e incatenato dalle forze sopracitate.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Ftse Mib: l'indice italiano oggi subisce prese di beneficio dopo le parole di Trump di ieri sera. La
Analisi Fondamentale L'ultimo periodo è stato ricco di novità per la banca guidata da Jean Pier
La liquidazione dei dipendenti pubblici, il TFS (trattamento di fine servizio), viene pagata in temp
Mentre il principale indice tedesco tenta di aggiornare il massimi storici mentre la Germania è
Stiamo ai fatti e il resto releghiamolo a “discorsi da bar”. Come sapete, negli USA è temp
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: dopo una breve fase laterale, il Ftse Mib ha rotto il 4 novembre in gap up il livello chi
  Le incongruenze e le stranezze sono tante, spesso tante. Sulle pagine di questo blog a
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Qualcosa si sta muovendo sia sui derivati del COT Report ma anche sui mercati. Torna a salire l'