TTIP: FRANCIA E GERMANIA SALVANO L’ITALIA…PER ADESSO!

Scritto il alle 08:08 da icebergfinanza

Risultati immagini per ttip icebergfinanza

Ma tu guarda, proprio loro Francia e Germania, con le loro banche i maggiori responsabili di questa devastante crisi europea, all’improvviso, quando meno te lo aspetti, alzano una barriera insormontabile alle richieste del destino manifesto, si l’America,  al TTIP, trattato transatlantico di libero commercio.

Se fosse stato per Renzi e Calenda oggi, l’Italia affonderebbe nel transgenico e via dicendo…

Era infatti l’ottobre del 2014 quando il ragazzo con il gelato …

Roma – Il Trattato transatlantico per il commercio e gli investimenti ha “l’appoggio totale e incondizionato del governo” italiano. Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio Matteo Renzi, intervenendo a Palazzo Colonna, a Roma, dove si è tenuta una giornata di dialogo sul Ttip organizzata dal vice ministro per lo Sviluppo economico Carlo Calenda.

“Ogni giorno che passa è un giorno perso”, secondo Renzi, il quale si attende “un salto di qualità e uno scatto in avanti” nelle trattative, con l’augurio che si concludano “entro la fine del prossimo anno”. Perché il Ttip, ne è convinto il premier, “non è un semplice accordo commerciale come altri, ma è una scelta strategica e culturale per l’Ue”.

Giusto per fare una sintesi…TTIP: CALENDA E JUNCKER CANCELLANO LA DEMOCRAZIA |... e ancora TTIP: NON RISCHIAMO CHE SIA LA DEMOCRAZIA A…

Ora invece, dopo che mezza Europa esclusa l’Italia è scesa in piazza a protestare, sembra che …

 

“L’Europa non si piega all’America, il trattato commerciale Ttip è morto”

L’accordo commerciale fra Unione Europea e Stati Uniti Ttip è morto, almeno per ora, ucciso dalla crisi economica del 2008, dall’ondata populista in entrambi i continenti, dalla Brexit, e dalle elezioni imminenti in molti Paesi al centro delle trattative. A rendere ufficiale quanto già appariva ovvio a molti osservatori, è stato il ministro tedesco dell’Economia e vicecancelliere Sigmar Gabriel, che ieri ha parlato così in un’intervista: «I negoziati con gli Usa sono de facto falliti, perché noi europei non ci vogliamo assoggettare alle richieste americane. Le cose su questo fronte non si stanno muovendo».

La stessa cosa avevano detto i francesi, ma se qualche ingenuo pensa davvero che questa sia la fine di questo assurdo trattato si sbaglia. Il prossimo anno ci sono le elezioni in Francia e in Germania, per non parlare di quelle americane a breve, davvero pensate che un argomento così delicato, sarebbe giunto alla conclusione prima di fregare qualche milione di elettori?

Infatti sembra che…

Il Ttip non è ancora fallito. E l’accordo col Canada arriva in suo soccorso

Il Ceta è una sorta di brutta copia in piccolo del Ttip, che ne contiene intatte tutte le insidie. Innanzitutto prevede l’introduzione dell’Investment Court System (Ics): la corte bilaterale a protezione degli investimenti che dà alle grandi imprese la facoltà di fare causa ai governi che legiferassero contro i loro interessi, funzionando come un vero tribunale corporativo. Molte corporation americane, tra le quali Walmart, Chevron, Coca Cola e Monsanto, hanno, inoltre, società controllate canadesi, e quindi il Ceta potrebbe permettere loro di operare nei mercati dell’Ue in condizioni più favorevoli rispetto anche alle nostre imprese pure in assenza del Ttip. Il Ceta blocca i mercati canadese ed europeo agli attuali livelli di liberalizzazione dei servizi privati e pubblici, rendendo difficile impedire alle aziende canadesi e Usa di entrare nei servizi pubblici ìdell’Ue e rendendo di fatto impossibile la ripubblicizzazione dei settori già privatizzati. Per la prima volta si ridurrebbe oltreoceano la protezione dei prodotti agroalimentarieuropei Doc e Dop a una lista di poco più di 100 prodotti rispetto alle circa 2mila tipicità tutelate dall’Ue, permettendo inoltre a chi ha copiati fino ad oggi in Canada il centinaio di prodotti che da oggi verrebbero riconosciuti, di continuare a farlo.

Non so Voi, ma io sono sempre più agitato, Vi ammiro, non so davvero come riuscite a stare calmi, mentre questi si fottono il futuro dei Vostri figli e nipoti!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (11 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +9 (from 9 votes)
TTIP: FRANCIA E GERMANIA SALVANO L'ITALIA...PER ADESSO!, 10.0 out of 10 based on 11 ratings
Tags:   |
6 commenti Commenta
laforzamotrice
Scritto il 30 agosto 2016 at 08:47

Non siamo per nulla calmi, ma cosa si fa? please, non rispondermi “il voto”.

gnutim
Scritto il 30 agosto 2016 at 09:10

il nostro governo come sempre fa la sgualdrina in ogni occasione…
però le associazioni di consumatori, tra cui la nostra Altroconsumo, sembra abbiamo avuto grossa voce in capitolo nella trattativa.

Quindi non solo Francia e Cermania…..

madmax
Scritto il 30 agosto 2016 at 09:51

laforzamotrice@finanza,

Ecco che si fa: https://stop-ttip-italia.net

Scrivi manda email a tutti i parlamentari che conosci, rompi le balle in parole povere!

Questi negoziati funzionano perche’ ai nostri rappresentanti arriva solo la voce delle multinazionali, li invitano a pranzo in un bel hotel, gli mettono in mano una cartellina elegante piena di dati per far vedere come conviene tale trattato e magari li “massaggiano” con altro!

Riflettete: se il deficit commerciale US con gli EU e’ enorme a chi serve veramente tale trattato?
Se il trattato parla solo di commercio mi spiegate perche’ e’ VIETATO lo scambio di semente gratis tra agricoltori???? Magari per comprare solo semi Monsanto!!!

Il problema sta pure nell’ignoranza dei giornalisti che scrivono di tutto a parte qualcosa di utile per capire.

veleno50
Scritto il 30 agosto 2016 at 13:37

mad­max,

Ottimo Max come sempre , Comunque tutto deve essere ratificato dai parlamenti nazionali,Correggimi se sbaglio all’unanimità.ciao

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
REVOLVERSMAPS

ICEBERGFINANZA NEL MONDO

Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ogni tanto si sente la necessità di staccare, i motivi sono molteplici. Il primo fra tutti è p
E' incredibile come basta un sussulto per dimenticare 800 anni di storia, la deflazione da debit
Movimentazioni monetarie particolarmente eterogenee e fra i diversi sottostanti. Sulle Mibo e su Eu
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Abbiamo ottenuto un “salvagente” importante anche se condizionato. Questo salvagente si chia
Dopo la giornata scoppiettante di ieri che ha portato i prezzi dei principali sottostanti a ridosso
In un quadro intermarket che non cambia poi più di tanto, ci troviamo con un oro in grande diff
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Al momento il ruolo del Dollaro USA non è messo in discussione Questo articolo integra quanto gi