GERMANIA: SCIACALLI E AVVOLTOI D’EUROPA!

Scritto il alle 11:41 da icebergfinanza

imageNon c’è nulla da fare, se ci fate caso sono sempre e solo i giornalisti tedeschi olandesi finlandesi e anglosassoni quelli che sparano sul nostro paese.

Ovviamente non è giusto generalizzare ma noi sappiamo quale è l’influenza dei media su un popolo di drogati del tubo catodico.

Sciacalli e avvoltoi d’Europa, la carta straccia tedesca, olandese, finlandese e anglosassone non perde occasione per attaccare il nostro Paese, che non dimentichiamolo è il Paese con la più alta percentuale di risparmio privato al mondo,

imageIeri la Bild è tornata all’attacco con un articolo criminale a dir poco, il problema è che,  come sempre, in un paese di esterofili indefessi e fessi come il nostro, si continua a comprare automobiline truccate made in Germany e  mettere i risparmi in banche fallite, fraudolente e dedite alla manipolazione sistemica come testimoniano le numerose condanne degli ultimi anni.

L’Italia, secondo il quotidiano tedesco, è in pessima salute, tra scandali di corruzione, disoccupazione giovanile elevata e un settore bancario in grande difficoltà. “L’Italia è forse il grande malato d’Europa” si chiede il giornale. “In questo periodo di contrazione economica, è difficile immaginare una nazione dell’Europa centrale con maggiori preoccupazioni dell’Italia”. il giornale. “In questo periodo di contrazione economica, è difficile immaginare una nazione dell’Europa centrale con maggiori preoccupazioni dell’Italia”. (Traduzione tratta da Wall Street Italia)

Non si capisce come 10 miliardi di euro siano finiti nelle casse di quella che secondo il Fondo monetario internazionale e la FED è la banca sistemica più pericolosa al mondo per le sue attuali condizioni. O si certo le banche italiane sono tutte fallite, sono tutte delle piccole o grandi MPS, crediti deteriorati, sofferenze, NPL sono un rischio 1000 volte superiore ai derivati di DB, chissà perché fuori c’è la fila per comprarseli tutti all’outlet Italia.

Ecco la vera storia di un banchiere che si credeva un politico, uno che in politica non ne ha indovinata una, uno che all’ultimo momento mette insieme un manipolo di avventurieri e speculatori, UBS e fondi avvoltoi americani e anglosassoni pronti a sbranare per pochi centesimi le carcasse di MPS…

imageItaliani popolo di fessi esterofili che amano mettere in naso nel rischio sistemico…

image

“Lo stato è già completamente insolvente: il debito pubblico è pari a più del 130% del Pil, una trappola pericolosa per quello che dovrebbe essere invece un clima di investimenti salutare per le infrastrutture, l’istruzione, i servizi sociali”.

Sciacalli sino all’ultimo loro impongono austerità, dumping sociale e deflazione salariale in tutta Europa e poi sfottono parlando di clima salutare.

Sembra quasi che la BIld abbia fatto un ritratto perfetto della Germania, un paese che come abbiamo più volte visto, in fatto di corruzione e manipolazione ci batte alla grande un sistema bancario pubblico tra la Landesbanken e Sparkassen opaco e fallito al sevizio del sistema politico per non parlare delle due grandi banche come  Commerbank e soprattutto Deutschebank tenute in piedi da interventi statali e manipolazioni di bilancio come accade nel 2009.

No io non ce l’ho con il popolo tedesco, ma con la loro classe politica, la carta straccia che semina ovunque menzogne, con la nostra classe politica, con chi sta liquidando il nostro Paese al servizio del sistema finanziario,  con gli sciacalli esterofili che popolano questo Paese è vivono nutrendosi delle sue carcasse, con la spazzatura intellettuale che scorrazza libera ovunque negli editoriali su internet ovunque.

Noi in mezzo ad un oceano di menzogne cerchiamo di raccontare la realtà, la verità figlia del tempo da qualunque Paese, religione o identità provenga.

In serata vi racconteranno le ennesime menzogne sulle banche europee, una balla che tira l’altra come il fallimento di tutti i precedenti stress test europei, che sono stati seguiti sistematicamente dal fallimento di parte delle banche promosse.

Vedremo allora sino a che punto si spingerà il coraggio della verità di Draghi e della BCE nei confronti di DeutscheBank!

Al mio ritorno e insieme al nostro Machiavelli faremo noi lo stress test alle banche europee!

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta, l’informazione indipendente…

Chiunque volesse ricevere le ultime analisi di Machiavelli può liberamente contribuire al nostro viaggio CLICCANDO SUL BANNER a fianco dei post sul lato destro della pagina…

SEMPLICEMENTE GRAZIE!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.6/10 (25 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +18 (from 20 votes)
GERMANIA: SCIACALLI E AVVOLTOI D'EUROPA!, 9.6 out of 10 based on 25 ratings
Tags: ,   |
14 commenti Commenta
madmax
Scritto il 29 luglio 2016 at 12:51

Il problema e’ che i nostri giornalisti si accodano…traducono con google e poi dicono vedete lo scrivono pure loro!
Quanti hanno avuto il coraggio di riportare e seguire quanto Savino ha e’ andato a dire in UK: che sono la prima piazza per il riciclaggio!!!!

aorlansky60
Scritto il 29 luglio 2016 at 14:43

Nella problematica che investe MPS c’è un opzione di cui nessuno parla, stranamente (intendo tra gli alti vertici governativi italiani e neppure da parte dei vertici BCE o UE)

vale a dire l’entrata in campo in tutta forza del “Fondo Salva Stati” (MES) che l’UE potrebbe proporre (imporre?) all’Italia come “ultima spiaggia” se il caso MPS rischia di provocare un pericoloso effetto a catena a livello europeo, non difficile da immaginare conoscendo la stretta interconnessione con cui ormai sono legate tra di loro le principali grandi banche europee (e MPS è una di queste, non una qualsiasi piccola banca coop popolare sparsa indistintamente sul territorio italiano);

leggo da fonte odierna :

è in via di finalizzazione l’accordo per il consorzio bancario che dovrebbe essere composto da otto istituti di credito, a garanzia dell’aumento di capitale da 5 miliardi di euro di cui necessita Mps . Della cordata dovrebbero far parte, oltre ai global coordinator JP Morgan e Mediobanca, anche Goldman Sachs, Santander, Citi, Credit Suisse, Deutsche Bank e Bank of America Merrill Lynch.

al che il dubbio sorge spontaneo : con tutto l’armamentario di cui dispongono l’UE con la BCE nel proprio arsenale,

(vale la pena ricordare che il Fondo Salva Stati EU ha raccolto in 5 anni qualcosa come 700 miliardi di €uro dai vari Stati sottoscrittori -di cui oltre 60 miliardi versati dall’ITALIA in rapporto alla sua quota del 18% nel fondo stesso- dei quali finora utilizzati solo 150 miliardi per i casi di Cipro e Spagna che ne hanno richiesto l’entrata in campo in casa propria, a suo tempo)

che bisogno c’è di permettere a QUATTRO GRANDI BANCHE AMERICANE di entrare a far parte del banchetto ???
(perchè di questo si tratta…)

o forse che queste QUATTRO hanno GENTILMENTE ricordato a renzi draghi merkel e Comm UE “COME STANNO I RAPPORTI DI FORZA” pretendendo di non essere lasciati fuori dalla cannibalizzazione di MPS ??? (perchè sempre di questo si tratta…)

o forse che qualcuno in BCE e UE -tra quelli più informati dei VERI NUMERI che girano nell’underground bancario- sanno che quei soldi del Fondo Salva Stati attualmente in riserva potrebbero far molto comodo in caso di bisogno improvviso, nel caso una banca a caso -stretta parente degli “idioti di dusseldorf” e assai più problematica di MPS nel proprio potenziale deflagrante- dovesse incorrere nella necessità di essere “aiutata” (non diciamo salvata) in tempi non troppo lontani ???…

giobbe8871
Scritto il 29 luglio 2016 at 15:16

post eccezionale come SEMPRE Andrea!

i “magna” ITALIANI SONO MOLTI, anche in Italia

Non vedo l’ora di leggere i “Tuoi” stress test Mazzalai. Saranno sicuramente MIGLIORI di quelli di Mario Draghi

giobbe

giobbe8871
Scritto il 29 luglio 2016 at 15:20

…Vedremo allora sino a che punto si spingerà il coraggio della verità di Draghi e della BCE nei confronti di Deutsche Bank ?

farà come Gesù Cristo ?

giobbe8871
Scritto il 29 luglio 2016 at 15:33

non farà Nulla di Rilevante contro DB

altrimenti

giobbe8871
Scritto il 29 luglio 2016 at 15:34

che bella estate….

madmax
Scritto il 29 luglio 2016 at 16:24

Gli stress test e le regole!!!!
Scusate ragazzi ma alle volte mi sembrate bacucchi peggio di me, la BCE non fara’ assolutamente nulla alla DB, solo perche’ gli stress test si fanno con ben precise regole.
In tali regole i prodotto derivati non contano ma solo i NPL e la DB ne ha pochissimo (o dice di averne pochi).
Qua sta il punto, vi faccio un esempio, se nel gioco del calcio fossero ammesse le pistole e il poter sparare sugli avversari, non potete lamentarvi dicendo, no non e’ fair nel calcio non si usano le pistole!!!!
Il punto sempre lo stesso e’ dove era l’Italia quando si facevano tali regole???? Dormiva?
Chi erano i rappresentanti nostri? Stavano a pranzo o saltavano le riunioni o peggio ancora erano presenti e non capivano????

icebergfinanza
Scritto il 29 luglio 2016 at 17:52

Io ho altre informazioni ;-)
madmax,

stanziale
Scritto il 29 luglio 2016 at 18:41

Anche io ho altre informazioni! Posto a bestia in questi giorni, ma d’altra parte sono in ferie e sono giorni decisivi per la svendita di cio’ che rimaneva dell’Italia; complice il sole preso anche oggi e unendo i puntini, nonche’ cio’ che penso sulle banche da anni, provo ad anticipare gli eventi:
1. vengono chiamati al risamento mps gli italiani con soldi veri in quanto come da colonia non abbiamo la banca centrale. Pertanto in via del tutto eccezionale oltre a sacrificare i fondi pensionistici privati quelli che guarda caso l’avevano scampata alla fornero, si accettera’ che lo stato in qualche maniera un po’ intervenga e dico il perche’.
2. la bce ha chiesto a mps uno sforzo ancora maggiore del necessario, cioe’ ho letto, dopo l’operazione mps ripulita sarebbe la seconda banca italiana.
3. dopo aver rimesso in carreggiata mps con i soldi veri degli italiani, la si offre per pochi spiccioli, con l’aucap, alle banche cioe’ agli stati stranieri ovviamente usa uk germania francia queste due ultime siccome le regole le fanno loro le loro banche hanno liquidita’ necessaria. mps ben ricapitalizzata con una presenza capillare la terza in italia svenduta quindi.
4. finalmente si risolve il problema mps, l’avevano al culo a bruxelles che continuava a finanziare le pmi. Ora con un bel ceo magari francese, smettera’ questa sconveniente pratica, le pmi italiane che mps assisteva possono andare a fare in culo o meglio chiudere o almeno non competere sui mercati con le tedesche francesi. Inoltre , si gestira’ da mani estere i depositi italiani di mps che magari affluiranno perche’ i giornali piddioti diranno che ora e’ a posto.
5. UN MINUTO DOPO che cio’ sara’ contrattualmente fatto, e gli italiani avranno adempiuto: aiuto, aiutoooo…c’e bisogno del fondo salva banche per d. bank e le altre tedesche e francesi!!!!! infatti le nostre non avranno bisogno perche’ avranno superato gli stress test. E’ qui la figata. E, come ricordava aorlasky, abbiamo versato 60 mld o poco piu’, ne possiamo versare ancora 90 per le banche tedesche!!! celo chiede l’europa, e’ necessario farlo! diranno i piddioti….in questo caso si puo’, eccome se si puo’, aumentare il debito pubblico…..
6. naturalmente, un minuto dopo aver versato l’ultimo miliardo per le banche tedesche, si riattiva il divieto degli aiuti di stato. Ovvio.
7. Ora il fatto e’ che io sospetto, solo un leggero sospetto, che GIA’ STASERA , la bce fara’ capire su d.bank e le altre, cioe’ che devono ricapitalizzzare entro il 2018 probabilmente. Ve lo ricordate quando dicevano che stasera la bce dara’ delle indicazioni? Eccole!! Gia’ stasera capiremo che per l’ennesima volta l’abbiamo in quel posto dobbiamo ancora pagare per le banche degli altri. Quindi riassumendo. mps sistemata con i soldi veri degli italiani, le altre nostre vanno bene dicono loro, e’ ovvio che la dotazione del fondo salva banche va’ alle tedesche e francesi! con qualche contentino qua e la’ spagna olanda eccetera.

caravaggiorm
Scritto il 30 luglio 2016 at 22:49

Mah, avete idea di che razza di giornale da quattro soldi ultrapopolare sia la Bild?

Guardate qua

http://a2010.kiosko.net/07/06/de/bild.750.jpg

Giusto per dire che non si tratta della Milano Finanza tedesca. Da noi le varie Repubblica, la Stampa ci hanno scartavetrato i cosiddetti per le olgettine mentre il Paese veniva fatto a pezzi dalla finanza mondiale.
E per quanto riguarda la classe politica: quella tedesca e quella olandese (io sono expat in Olanda, narro la mia visione politica e le mie esperienze a questo indirizzo exiteconomics.blogspot.nl) sono sicuramente meglio di quelle italiane, considerando che i politici italiani si sono VENDUTI a Bruxelles per trenta denari.
L’Europa é irriformabile ed é un progetto tenuto in piedi dagli USA. L’euro rimarrá in piedi perché cosí vogliono gli USA. Ve lo immaginate l’euro che salta e i paesi europei che singolarmente iniziano a fare affari con la Russia o con la Cina senza sanzioni di mezzo o ricatti vari? Meglio prenderne atto e prepararsi per affrontare le conseguenze.

perplessa
Scritto il 31 luglio 2016 at 23:23

esatto, sta da vedere che gli usa vogliono fare il TTIp perchè le loro aziende commercino in lire, in pesetas o addirittura in dracme..come si fa a crederlo?

ca­ra­vag­giorm@fi­nan­zaon­li­ne:
Mah, avete idea di che razza di gior­na­le da quat­tro soldi ul­tra­po­po­la­re sia la Bild?

Guar­da­te qua

http://​a2010.​kiosko.​net/​07/​06/​de/​bild.​750.​jpg

Giu­sto per dire che non si trat­ta della Mi­la­no Fi­nan­za te­de­sca. Da noi le varie Re­pub­bli­ca, la Stam­pa ci hanno scar­ta­ve­tra­to i co­sid­det­ti per le ol­get­ti­ne men­tre il Paese ve­ni­va fatto a pezzi dalla fi­nan­za mon­dia­le.
E per quan­to ri­guar­da la clas­se po­li­ti­ca: quel­la te­de­sca e quel­la olan­de­se (io sono expat in Olan­da, narro la mia vi­sio­ne po­li­ti­ca e le mie espe­rien­ze a que­sto in­di­riz­zo exi­te­co­no­mics.​blogspot.​nl) sono si­cu­ra­men­te me­glio di quel­le ita­lia­ne, con­si­de­ran­do che i po­li­ti­ci ita­lia­ni si sono VEN­DU­TI a Bru­xel­les per tren­ta de­na­ri.
L’Eu­ro­pa é ir­ri­for­ma­bi­le ed é un pro­get­to te­nu­to in piedi dagli USA. L’eu­ro ri­marrá in piedi per­ché cosí vo­glio­no gli USA. Ve lo im­ma­gi­na­te l’eu­ro che salta e i paesi eu­ro­pei che sin­go­lar­men­te ini­zia­no a fare af­fa­ri con la Rus­sia o con la Cina senza san­zio­ni di mezzo o ri­cat­ti vari? Me­glio pren­der­ne atto e pre­pa­rar­si per af­fron­ta­re le con­se­guen­ze.

perplessa
Scritto il 31 luglio 2016 at 23:40

gli italiani sono esterofili imbecilli. quindi hanno il governo che si meritano. alcuni non sono nemmeno consapevoli di quello che dicono.quindi è normale che gli si rifili cultura esterofila e politiche esterofile. quelli, di “sinistra”(w giorgio gaber)che dicon: bisogna sapere l’inglese per andare all’estero..perciò mia figlia /o lo deve sapere..siccome loro al massimo sono andati a Milano Marittima o all’isola d’Elba, e lì hanno conosciuto il mondo, vagli a spiegare che in america latina ci sono etnie che parlano ancora linguaggi precolombiani, e buona grazia se parlano spagnolo, chissà magari i contadini cinesi invece parleranno un forbito inglese…

aorlansky60
Scritto il 1 agosto 2016 at 08:05

…nel weekend ultimo trascorso, è emersa questa ammissione ufficiale di FMI (a dir la verità poco promozionata dai nostri media) :

per salvare l’euro si è sacrificata la Grecia

…chissà che ne pensano i greci sulla faccenda, visto che dopo tutto sono i diretti interessati e certe misure NON DECISE DA LORO ma da ALTRI hanno toccato i greci sulla pelle viva,

ma sopratutto (domanda non difficile) : visto che i problemi dell’€uro sono tutto fuorchè risolti, chi sarà la prossima vittima sacrificale (per consentire ai tedeschi di tirare avanti ancora) ???

aorlansky60
Scritto il 1 agosto 2016 at 08:38

@ Caravaggiorm

L’Europa é irriformabile ed é un progetto tenuto in piedi dagli USA. L’euro rimarrá in piedi perché cosí vogliono gli USA. Ve lo immaginate l’euro che salta e i paesi europei che singolarmente iniziano a fare affari con la Russia o con la Cina senza sanzioni di mezzo o ricatti vari? Meglio prenderne atto e prepararsi per affrontare le conseguenze.

sottoscrivo in pieno, d’accordo al 100% su quanto scrivi.

Non occorre essere particolarmente preparati o dotti in economia per capire quanto hai detto, basta solo aguzzare gli occhi e le orecchie osservando attentamente i fatti che scorrono sotto di essi :

vi ricordate l’estate 2015 con LA CRISI GRECA e “l’omino in carrozzelle” che non vedeva l’ora di cacciare la Grecia fuori dall’€uro ?

chi è (barak obama ndr) che lo ha fatto ritornare su più miti consigli ricordandogli al contempo i diversi valori in campo (vale a dire USA vs DE vs Europa) e ponendo il veto assoluto su un uscita della Grecia dall’€urozona che avrebbe costituito un segnale politico pericolosissimo ai fini della credibilità internazionale e della fiducia stessa su cui si basa l’intero progetto €uro???…

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Mentre il principale indice tedesco tenta di aggiornare il massimi storici mentre la Germania è
Stiamo ai fatti e il resto releghiamolo a “discorsi da bar”. Come sapete, negli USA è temp
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: dopo una breve fase laterale, il Ftse Mib ha rotto il 4 novembre in gap up il livello chi
  Le incongruenze e le stranezze sono tante, spesso tante. Sulle pagine di questo blog a
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Qualcosa si sta muovendo sia sui derivati del COT Report ma anche sui mercati. Torna a salire l'
Nei giorni scorsi l’ex parlamentare americano Ron Paul, ha lanciato su twitter un sondaggio mo
Giovedì 14 novembre si svolgerà il webinar Trading & Investimenti UniCredit con ospite Stefan
Gli italiani continuano a caratterizzarsi per l’alta propensione al risparmio ma non avendo eccess