GLI SCIACALLI DEL MICROCREDITO!

Scritto il alle 23:55 da icebergfinanza

 

Gli  Egizi identificavano con uno sciacallo il dio Anubi, signore della morte e dell' oltretomba. Nel linguaggio comune, il termine "sciacallo" viene spesso usato in senso denigratorio per riferirsi a persone, soprattutto per indicare chi trae in qualche modo giovamento dalle difficoltà altrui.

Puntuali come la morte alcuni sciacalli stanno cercando di trarre giovamento dalla vicenda che vede il padre del microcredito Yunus accusato di una presunta appropiazione indebita di denaro erogato dalla Norwegian Agency for Developmnet Cooperation e di altri donatori pubblici svedesi, olandesi e tedeschi, evidenziata dal documentario “Fanget i Mikrogjeld” (Intrappolato nel microdebito) trasmesso alla fine di novembre dalla televisione norvegese, ad opera di Tom Heinemann. Valori

Al di la della vicenda che cercherò di riassumere condividendo un bel articolo di Romina Arena, è affascinante la superficialità con la quale il Sole 24 Ore ha decretato che il microcredito è sfuggito di mano al suo creatore…
 

 La cronaca ci dirà se Muhamed Yunus sarà davvero estromesso «per limiti di età» dalla sua Grameen Bank. Se l'azione della banca centrale del Bangladesh è killeraggio politico per tagliare al Nobel la strada della politica, come sostengono i suoi sostenitori. O se dietro i 10 miliardi di dollari concessi dall'istituto dalla fondazione a oggi ci sia qualcosa di poco trasparente. Già ora si può dire però che il microcredito è sfuggito di mano al suo creatore. Si è esteso su scala globale, gonfiandosi per territori (dal Sudamerica all'Europa) e tassi di interesse (sempre più alti) e ha così cambiato natura.

OAS_RICH(‘VideoBox_180x150’);

Quel che sembra saltato in questa ipertrofia sono due ingredienti essenziali: vicinanza e fiducia. Prestare denaro a chi è privo di garanzie reali è possibile – addirittura a tassi "oltre" il mercato – se si conosce chi mette braccia e volontà dietro un progetto di business, e questo innesca fiducia ed empowerment. Qualcuno invece ha copiato Yunus male, in giro per il mondo. Ha fatto del microcredito uno strumento di investimento per sé e non più di finanza etica. E ha purtroppo dato ragione a chi predica che l'unica ricetta contro la povertà sia alla fine quella del trickle down, lo sgocciolamento: si cresca, ad ogni costo, e qualche goccia ricadrà su chi non ha nulla.

Non   Non ho alcuna intenzione di entrare nel merito della vicenda perchè tutto è possibile nella vita, sia che Yunus sia bersaglio di una vendetta politica e quindi di un sentimento di invidia e fastidio che provoca la realizzazione del suo sogno,  sia che è responsabile di un progetto criminale rivolto alla massima soddisfazione economica personale.

Quello che è assolutamente ridicolo ed idiota è la leggenda del "trickle down" la goccia di ricchezza che cade sulla disperazione di milioni e miliardi di esseri umani che sentono oggi nel sangue il momento  della rivolta. 

Sono in molti quelli che oggi hanno interesse a vedere scomparire il microcredito al di la delle vicende umane del suo fondatore, sciacalli ed avvolti della peggiore specie.

 

 Ci sono notizie che spiazzano per la loro stucchevolezza, altre che disorientano perché non se ne riesce a definire il costrutto logico. Quella che riguarda il premio Nobel Muhammad Yunus, inventore del microcredito ai non bancabili della terra, è una di queste ultime. 

Yunus, infatti, è stato di recente cacciato dalla Banca che lui stesso ha fondato, la Grameen Bank. La decisione è stata presa successivamente alle imponenti pressioni fatte dalla Banca centrale del Bangladesh che ha contestato i metodi con i quali Yunus è stato nominato direttore della Grameen, nel 2000. Secondo l’accusa, Yunus avrebbe coperto l’incarico senza il parere preventivo della Banca Centrale. 

In realtà, a patrocinare l’allontanamento di Yunus sono stati i ripetuti contrasti tra il premio Nobel e le autorità del Bangladesh, soprattutto con il Primo ministro Skeikh Hasina Wajed. Inizialmente, infatti, era stato il governo stesso, che possiede il 25% della Grameen, ad intimare all’economista di autosospendersi dall’incarico. 

Il Ministro delle finanze Abul Maal Muhith Abudl ha avanzato delle riserve sull’opportunità che Yunus rimanga a capo della Grameen e questo non per motivi legati a qualche vizio di forma nella procedura di nomina, ma piuttosto per una pura questione anagrafica. “Troppo vecchio”, ha sostenuto il Ministro settantasettenne. In Bangladesh, la legge sul pensionamento prevede che gli incarichi dirigenziali debbano essere lasciati al raggiungimento del sessantesimo anno di età e Yunus è alla soglia dei 71 anni. 

yunus
 
Nel 2007 Yunus tentò di formare un partito che i leader politici non hanno mai visto di buon occhio

Nel 2010, a gettare benzina sul fuoco e dare man forte ai tentativi del governo di attaccare frontalmente il microcredito è stato anche un documentario realizzato dal giornalista Tom Heinemann nel quale si paventava la possibilità di una gestione irregolare della Banca a proposito di alcuni doni finanziari ricevuti dalla Norvegia e da altri Paesi. Il documentario ha innescato l’apertura di diverse inchieste ad Oslo e Dacca che però hanno scagionato pienamente Yunus e la Grameen. 

Dal canto suo, nel frattempo, la Grameen, in accordo con i consulenti legali, ha diffuso una nota nella quale dichiara senza mezze misure che Yunus rimane al suo posto, mentre il professore ha deciso di ricorrere all’Alta Corte di giustizia. Secondo il suo legale, il motivo delle ritorsioni sono di natura prettamente politica e non la violazione della legge. 

La matrice di questa pesante campagna di boicottaggio governativo risale al 2007 quando il Paese, in seguito ad un colpo di stato, era retto da una giunta militare ad interim. In quella circostanza Yunus tentò di formare un partito politico dal nome evocativo, Potere del cittadino, che i leader politici e la maggioranza del partito di Hasina Wajed (che è attualmente al governo) non hanno mai visto di buon occhio, considerandolo un avversario troppo competitivo per la corsa al potere. 

skeikh sasina sajed
 
Hasina Wajed era stata allontanata dal potere proprio in occasione dei fatti del 2007

La battaglia, in realtà, non è altro che lo scontro tra Hasina Wajed e Yunus portata al cuore delle attività cardini di quest’ultimo. Potere del cittadino, infatti, aveva come principale scopo politico la lotta alla corruzione, ovvero l’accusa con la quale Hasina Wajed era stata allontanata dal potere proprio in occasione dei fatti del 2007. 

Il Governo non ha mai appoggiato l’idea di fondo del microcredito, ma in dicembre è arrivato addirittura ad affermare, sempre attraverso la feroce Hasina Wajed, che questa attività, e per converso Yunus, succhia il sangue ai poveri e che l’economista gestisce la Grameen come fosse una sua proprietà personale. Del resto l’attività di boicottaggio del Governo non tralascia nulla dall’accusa di irregolarità finanziarie, all’evasione fiscale al sospetto che il microcredito imponga condizioni troppo onerose da sostenere. 

Il problema che disturba il sonno delle autorità del Bangladesh (e non soltanto in loro), sin dalla nascita del progetto Grameen Bank, è in verità la sua forte autonomia, il fatto che sia impossibile ricondurre le sue attività agli interessi degli apparati governativi e, perché no, anche il fatto che da sempre rifiuti le proposte di finanziamento provenienti dalla Banca Mondiale. 

microcredito
 
Yunus ha proposto una ricetta (economica) in grado di fornire uno spiraglio di speranza a tutti i dannati della terra

Un insolente gesto di indipendenza che la Grameeen sintetizza orgogliosamente così: “La Banca Grameeen non ha mai chiesto né accettato denaro dalla Banca mondiale perché non apprezza il suo modo di rapportarsi. Quando la Banca mondiale decide di finanziare un progetto, i suoi consulenti ed esperti finiscono per appropriarsene e non danno tregua finché non l’hanno rielaborato a modo loro. Noi non vogliamo qualcuno interferisca nel modello che abbiamo messo a punto e ci imponga il suo punto di vista”.Del resto, se ci facciamo caso, nel 2006 Yunus è stato insignito del premio Nobel per la pace, perché dargli quello per l’economia pareva un gesto troppo sfrontato. Una decisione molto discutibile, visto che in fondo Yunus non è Madre Teresa, ma un economista e in quanto tale ha proposto una ricetta (economica) in grado di fornire uno spiraglio di speranza a tutti i dannati della terra. 

Ma con tutto il suo strascico di dubbi è una decisione del tutto in linea con gli orientamenti economici mondiali nei quali 'i poveri' sono solo uno strumento per concepire progetti di aiuto che hanno come scopo quello di veicolare il denaro verso i governi, con questa agghiacciante logica: “Di solito, i fondi servono a costruire strade, ponti e altre infrastrutture, che si presume andranno ad aiutare i poveri ‘a lunga scadenza’. Ma sulla lunga scadenza si ha ampiamente il tempo di morire, e degli aiuti i poveri non vedono neanche il colore”. il cambiamento  

Qualche illuminato accademico, alcuni di quelli che vivono sulla luna, lontani mille miglia dalla realtà, è addirittura arrivato a sostenere che non vi è alcuna evidenza accademica che 35 anni di microcredito abbiano eliminato la povertà. E chi se ne frega delle loro evidenze accademiche, non sono riusciti a capire nulla della madre di tutte le crisi, figuriamoci se comprendono cosa significa ridare dignità ad un'anima.

Al di la degli eccessi e delle deviazioni, la storia ha già scritto il suo verdetto. Il microcredito ha ridato speranza a milioni di esseri umani, dignità e speranza, uno strumento di sviluppo economico con tutti i limiti e l'opportunità che esso può dare, una speranza che per molti diventa fastidio, il fastidio degli sciacalli.

.. 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
1 commento Commenta
utente anonimo
Scritto il 12 marzo 2011 at 04:40

Anche io sono dell'idea che vi sia stato un complotto a suo discapito, ma sardebbe interessante sentire i diretti interessati, che hanno usufruito del microcredito, se efettivamete debbono pagare interessi usurai da spingerli al suicidio, come viene paventato, Inoltre, sarebbe interessante vedere i prospetti informativi, i moduli dei contratti, sempre se siano attendibili. La cosa migliore rimane comunque sentire gli usufruitori.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Stoxx Giornaliero Buongiorno a tutti, situazione molto fluida sullo Stoxx, settimana scorsa a
DJI Giornaliero Buona domenica a tutti, nel mese di luglio il primo dei tre facenti parte de
  All’interno del caos politico che ci sta interessando, con teatrini che nemmeno nel
Ftse Mib: l'indice italiano dopo il test di ieri dei 21.000 punti, apre positiviamente in scia alle
Finalmente una bella notizia in arrivo dall'economia reale, mentre un gruppo di ignoranti e inco
Il mitico simposio di Jackson Hole rappresenta da anni un appuntamento quantomai atteso. Come se
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Il mese scorso avevo promesso che avrei elencato alcuni degli errori più banali che mi è capit
Ftse Mib: ieri l'indice italiano ha chiuso bene in scia alle indiscrezioni che vogliono la possibili
Leggendo i verbali dell'ultimo FOMC, Donald Trump non deve aver trascorso una serata felice, la