BAIL IN BANKITALIA: RIVEDERE TEMPI E MODI

Scritto il alle 11:30 da icebergfinanza

Benvenuti davvero nell’anno del senno di poi!

Dopo anni di discussioni sull’Unione bancaria e dopo mesi e mesi che si chiede a gran voce di approvare in ogni angolo di Europa il “bailin”all’improvviso quando ormai la volpe si è mangiata decine e decine di polli…

Bankitalia:rivedere tempi e modi bail in

Abbiamo incominciato l’anno con gli economisti del senno di poi…

L`Italia chieda la moratoria sui bail-in

Urge una moratoria sul Bail in

Perché l’Italia non chiede la moratoria del bail in, essendo l’Europa un’”area politica di moratorie” rese necessarie per le rigidità che introduce con le sue direttive in un mondo che chiede flessibilità nelle scelte?

Poi come sempre arrivano sul Corriere gli economisti “made in Amerika” come Alesina, protagonisti da tempo della notte degli alesini volanti, che suggeriscono che la colpa è tutta di quel branco di risparmiatori ignoranti.

Alesina arriva al punto di suggerire una patente finanziaria obbligatoria per chiunque decida di fare un investimento. Non sapevo che per investire qualcuno magari sulle striscie pedonali serva la patente, scherzi a parte, suggerisco ad Alesina di rifare la patente lui e tutti gli economisti demenona che in questi anni hanno scritto fesserie sul Corriere altro che la patente dei risparmiatori.

In questi anni la maggior parte degli economisti ed editorialisti hanno guidato senza patente, con il cellulare in mano e senza rispettare i limiti della decenza.

La patente che tutela il risparmio

Chi ci tutela dagli economisti alla Alesina?

Tornando a noi, vi pare possibile che solo ora Bankitalia arrivi a chiedere una revisione delle regole per il bailin…

(ANSA) – MILANO, 27 GEN – “Il giudizio sulle nuove norme (per il bail in delle banche ndr) è aperto, alla luce degli effetti degli interventi sin qui effettuati, è auspicabile da parte del legislatore sia italiano sia europeo una attenta rivisitazione delle modalità e dei tempi della loro attuazione”. Lo afferma il vice dg della Banca d’Italia Fabio Panetta in occasione di un convegno alla Bocconi. Secondo Panetta questo deve avvenire “soprattutto quando le debolezze del sistema creditizio hanno natura sistemica e derivano da eventi di natura eccezionale.

Alla luce degli effetti? Ma scherziamo? Ma anche un bambino era in grado di comprendere ciò che il “bailin” poteva scatenare in mezzo ad una depressione economica alla debolezza e al dissesto del sistema finanziario.

E’ il senno di poi, bellezza e tu non puoi farci nulla se non esserne consaevole!

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’ oceano infinito di questa tempesta perfetta …Chiunque volesse ricevere le ultime analisi di Machiavelli può liberamente contribuire al nostro viaggio

cliccando qui sopra …

o sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie

Immagine

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.9/10 (14 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +11 (from 11 votes)
BAIL IN BANKITALIA: RIVEDERE TEMPI E MODI, 9.9 out of 10 based on 14 ratings
Tags:   |
18 commenti Commenta
aorlansky60
Scritto il 28 gennaio 2016 at 12:46

Lo afferma il vice dg della Banca d’Italia Fabio Panetta

no beh, qui si rasenta il ridicolo (o il grottesco, a scelta);

chi è costui??… ed occupa la posizione di vice dg in BankItalia??…

oh my god, (siamo messi bene)…

ma quando si è trattato di firmare l’accordo [definito e noto a tutti come ] nel 2013, magari un pò più di attenzione ai particolari, no eh??…

(per capire in anticipo, cosa non difficile nemmeno per un somaro, che poteva rivelarsi un nodo al collo dell’economia dei singoli paesi membri, sopratutto in tempi in cui gli istituti bancari non navigano certo in buone acque viste le cifre stimate di NPL che si portano in pancia)

…a maggior ragione visto che siete pagati per farlo, siete economisti laureati ed occupate posizioni importanti in enti ed istituti reputati autorevoli, non potevate segnalarlo in tempo ai ns rappresentanti politici in sede di Comm UE prima che genuflettessero l’intero paese, con quella [dannata] firma ???!!!…

ma non conoscevate i volumi di NPL che gravavano nei bilanci delle banche italiane (visto che dopo tutto, BankiItalia è l’istituto delegato ad occuparsi “anche” di queste faccende) che già nel 2013 erano già a livello tale che avrebbero dovuto accendervi un solenne campanello d’allarme in testa ???… e non potevate immaginare la loro prospettiva di crescita che ci ha portati a fine 2015 a 201 mld (fonte ABI) ???…

l’italia chiede una moratoria sui bail-in

certo che come posizione di forza all’interno dell’UE, possiamo dire la nostra in merito, e sperare che gli altri (FR e DE) vengano incontro alle ns esigenze… si, come no, se il buongiorno si vede dal mattino [per come l’hanno letta i mercati finanziari poi tradotti in pratica nei gg successivi, oggi compreso che è una favola, date un occhiata ai listini dei tit bancari…] è bastato leggere i particolari dell’incontro di padoan avventuto il 26 c.m. a Bruxelles in merito a tutta la faccenda dei NPL italiani, per comprendere l’attuale potere decisionale del ns paese nei confronti della UE, della serie :

sono NPL vostri!” (nostri, visti dalla ns prospettiva, con l’aggiunta di sostituire “NPL” con i “c###i”…)

ho una statistica qui da qualche parte, che dice che del livello totale di NPL che gravano in area UE a fine 2015, Italia e Portogallo si caricano sulle spalle il 18% cadauno, peggiore livello assoluto UE secondo solo a quello dell’Irlanda (21%);
bene, a questo punto -visti i particolari “dell accordo” come l’ha definito il ns min dell’economia martedi sera- c’è da sperare una cosa sola, di convincere l’intera europa dicendole :

guardate che se lasciate le ns banche al loro destino, il rischio [per Voi] è che vi trasciniamo tutti quanti nel baratro

…non penso possiamo avere altri argomenti utili a ns favore.

mirrortrading
Scritto il 28 gennaio 2016 at 13:13

Alesina Ha ragione, in fondo sta dicendo la verità.
La patente è necessaria per difendersi dagli economisti simili a lui.

stanziale
Scritto il 28 gennaio 2016 at 13:17

aorlansky60,

Ieri sera avevo visto giusto. bail in e bad bank (per come e’ stata fatta) disegni criminali contro l?talia. Non e’ possibile esere cosi’ stupidi, e’ chiaro che sono in malafede, almeno i ns ministri e tecnici economici. Per quanto riguarda Renzi , si apre la discussione, in ordine alle responsabilita’:
1. e’ d’accordo al 100% e fa finta di essere tonto, la diatriba con bruxelles e’ una manfrina.
2. con capendoci di economia e’ stato fregato dal suo ministro.
3. aveva capito tutto, ma al momento non puo’ fare nulla, almeno fino alle elezioni nov. 2016, del resto Padoan gli e’ stato imposto.
Boh, ognuna delle 3 ipotesi al momento puo’ essere valida. Forse tutte e 3 (solo Renzi ci riesce).
Per quanto riguarda le banche italiane il discorso e’ semplice: hanno 350 miliardi di npl. Ammesso che tutti siano irrecuperabili, hanno pero’ oltre 400 miliardi di coperture, cioe’ capitale, riserve, fondi riserva….se non erro. Quindi sono probabilmente molto, molto, ma molto piu’ solvibili delle banche tedesche, francesi, inglesi ecc. che sappiamo la spazzatura gli esce dalle orecchie. MA sulla graticola siamo finiti noi per i ns politici traditori, confindustria, giornali, magistratura asservita ai poteri esteri. E italiani fessi e creduloni. Quindi sembra proprio che siamo alla svendita finale.

phitio
Scritto il 28 gennaio 2016 at 13:22

mirrortrading@finanza,

L’unica cosa di una serieta’ patentata di questi tempi e’ mettere i soldi nel materasso. Da quando in qua il risparmiatore deve pure mettersi a fare una formazione di investitore di rischio?
E allora perche’ non farsi anche una formazione da chirurgo, oculista, architetto, avvocato, giurista, chimico… Non si sa mai che se lo operano ad un rene e gli estraggono la milza per sbaglio, i la colpa e’ sua che non ne sapeva di chirurgia!

E quando sento di cose del genere che mi ritorna tutta l’orticaria per gran parte di questi personaggi che si chiamano economisti, pronti a propalare a faccia fresca le piu’ vili scemenze.

silvio66
Scritto il 28 gennaio 2016 at 13:48

aorlansky60,

Ciao Aorlansky,
Ricordiamoci che nel 2008 le banche italiane erano state sfiorate minimamente dalla montagna di titoli tossici che portarono al fallimento oltre cento banche americane e varie europee poi nazionalizzate. Proprio la frammentazione che oggi vi propinano come difetto strutturale ci salvò dalla catastrofe in quanto troppo piccoli e tagliati fuori dai grossi giri. La montagna di schifezze che ora ci propinano come causa dei nostri mali se le sono comprate tutte nel ultimi cinque anni sotto i governi monti letta renzi. Tutto per aggredire il risparmio privato. Per stare all attualità parliamo dell imposta di bollo che paghiamo in questi giorni dai tempi di monti. Se non la rendi disponibile possono venderti d ufficio le quote necessarie mettendoti in conto anche salate commissioni bancarie. Ti sembra possibile che senza una tua firma possano farlo? Eppur si muove diceva lo scienziato. Quando la gente capirà a quali cialtroni hanno dato e continuano dare fiducia ne vedremo delle belle. Mi auspico nelle urne non nelle piazze intendiamoci.

gnutim
Scritto il 28 gennaio 2016 at 14:36

sono ancora convinto che il miglior siort per difendere i ptf è proprio sul settore banks.

Le regole ridicole del Bail-in è come se suggeriscano di far fallire con più facilità le banche anzichè gestirle meglio

stanziale
Scritto il 28 gennaio 2016 at 14:38

silvio66@finanza,

Fra i cialtroni a cui la gente ha dato fiducia, pero’, rientrano anche m5s e associazioni consumatori, con i loro insulsi e farneticanti comunicati inneggianti alla casta criccacorruzione debito pubblico, banche ladre, sesomagnatitutto….e’ l’autorazzismo , loro e piddiota, che ha distrutto l’italia. Autorazzismo, compreso m5s, ben pilotato dall’estero, a mio modo di vedere. I numeri delle banche sono quelli, esposti nel commento precedente. Non vanno bene con l’euro, ma le altre all’estero sono molto peggio. Ma nessuno lo dice. Ed il mercato ha mangiato la foglia della autorazzistica debolezza politica italiana. Mai una volta che m5s parlino VERAMENTE di sovranita’ monetaria e ripudio dei trattati. E’ qui che non sono credibili, non difendono affatto il popolo italiano. Naturalmente neanche fi. Almeno In parte, Salvini…Poi per carita’ ognuno fa le sue valutazioni….la mia, modesta, e’ che nel 2016 o si esce dall’area germanica o veniamo disintegrati, non c’e’ piu’ tempo.

mastrociuchino
Scritto il 28 gennaio 2016 at 15:00

no comment, solo amarezza e disgusto per il livello raggiunto…
ciao Andrea e continua così, almeno periremo sapendo chi ha premuto il grilletto

silvio66
Scritto il 28 gennaio 2016 at 15:09

stanziale@finanza,

Ciao Stanziale,
Parliamo di atti di governo o di processo alle intenzioni fammi capire. Non mi risulta che il M5s sia stato al governo. Dici che non parlano abbastanza e sembri dimenticare che gli altri hanno fatto i fatti altro che parole. Tutti i Cappi che nei fatti ci strangolato li hanno firmati i partiti tradizionali o mi sbaglio. Non amo parlare di politica su Iceberg ma questa voglia di mettere nel calderone i 5s colpevoli di non dire abbastanza dinnanzi ai FATTI degl altri è inaccettabile.
Parliamo di mercati che è meglio.
Buona serata

stanziale
Scritto il 28 gennaio 2016 at 15:26

silvio66@finanza,
Certo, c’e’ una graduatoria….ma si puo’ essere colpevoli anche all’opposizione, se non la si racconta giusta. Sono stati sterilizzati milioni di voti nel nulla della politica grillina, voti e soprattutto persone che senno’ andavano in piazza, unico sbocco possibile e che sarebbe stato positivo, dal 2011. Ti chiedo scusa, non e’ un attacco personale a te, ma il pensiero va esposto, non me la sento di fare il diplomatico, di fronte allo sfacelo che ci attende da qui al 2018.

aorlansky60
Scritto il 28 gennaio 2016 at 15:37

ciao , ciao Stanziale

poco da ribattere, avete già detto tutto.

Certo che, per le banche italiane interessate ad un volume elevato di npl in rapporto al proprio patrimonio, sentire ancora parlare di RICAPITALIZZAZIONE necessaria (come già sento vociferare) fa venire i brividi; l’astruso teorema di salvataggio elaborato tra boiardi di Bruxelles e padoan sembra presagire proprio questa [possibile] soluzione a carico delle nostre banche, anche se magari non necessariamente nel brevissimo… resta da vedere DOVE riuscire a trovare risorse per questi aumenti nel caso [assai probabile] si dovessero [ri]presentare : penso in particolare a MPS dopo due aumenti di capitale realizzati negli ultimi due anni trascorsi… pazzesco.

mirrortrading
Scritto il 28 gennaio 2016 at 15:55

phitio@finanza,

Dei miei amici chr avevano i soldi piu o meno sotto al materasso han perso tutto. Sono stati ripuliti dai ladri.
Non si fidavano delle banche..

banche e ladri spesso son la stessa cosa, bisogna saper scegliere.

aorlansky60
Scritto il 28 gennaio 2016 at 16:50

una perla di Michele Anzaldi, deputato pd :

«Ballarò non è più una trasmissione di qualità e anche gli ascolti lo dimostrano. Prendiamo la trasmissione di ieri (mar 26 GEN, ndr) : il servizio pubblico dovrebbe tranquillizzare chi ha perso i propri risparmi, non fomentare».

nelle sue dichiarazioni, il deputato pd si mostra assai critico nei confronti del conduttore (Massimo Giannini) della nota trasmissione televisiva, reo a sua volta di essere stato particolarmente (troppo?) critico nei confronti del caso Etruria – e relativo coinvolgimento fam. Boschi più volte chiamata in causa, e non solo, strani giri di amicizie del papà Renzi coinvolto a sua volta nel caso Etruria che il conduttore avrebbe messo [eccessivamente] in luce, permettendo anche ad altri ospiti di rincarare la dose – fino a chiederne il licenziamento…

ma il punto saliente è un altro :

secondo costui, il regime -attraverso la tv pubblica- deve (dis)informare i cittadini occultando loro la verità dei fatti, cercando invece di “tranquillizzare” creando opportunamente fumo e diversivi; la perdita di interi patrimoni di famiglia, alla fine, sono solo dettagli trascurabili e comunque pienamente assorbili dal sistema (dove ho già sentito una storia simile??…).

Complimenti.

Se gli italiani vi votano ancora, a voi del pd alle prossime politiche, significa una cosa precisa :
che oltre che essere [un poco] scemi, sono anche [del tutto] auto-lesionisti. :lol:

alessandroecristina
Scritto il 28 gennaio 2016 at 20:41

stanziale@finanza,

nel caso non lo sapessi..a proposito di esterodiretti..http://www.meetup.com/Gli-amici-di-Beppe-Grillo-di-Napoli/boards/thread/23545502/0/

d
Scritto il 29 gennaio 2016 at 08:40

Perchè stupirsi?
siamo pratici: significa soltanto che si sta avvicinando il momento della razzia.
E’ chiaro che questa gente deve PRIMA mettere le mani avanti per non apparire del tutto nuda quando faranno quello che è già stato programmato.
Pertanto:
a) dicono che ci vuole un differimento, un ripensamento, una modifica, un accidenti che fermi il treno che è già in piena corsa sul binario.
b) dicono che l’investitore deve essere responsabile: se sbaglia paga e poi non si vada a lamentare! Il corso te lo fanno loro. Diversificare è la parola magica: così te li portano via piano piano e non in una botta sola.

Altrimenti come fare per giustificarsi DOPO?

Prossimamente su questi schermi:
a) se i cittadini subiscono furti, razzie in casa è colpa loro: facciano corsi di arti marziali e maneggio di armi da fuoco e da taglio (però si deve trattare di difesa responsabile, dal momento che ogni eccesso sarà punito in maniera rigorosa: ci sarà altro corso su come difendersi senza offendere)
b) se i cittadini andando in giro per le strade sfasciano sospensioni, rompono i cerchioni e sfondano gli pneumatici è colpa loro: 1) non consultano gli appositi siti che mappano adeguatamente le buche, gli avvallamenti, i crolli nel sistema viario; 2) non hanno fatto il corso “consigli pratici per il viandante” che insegna a collaborare con le maestranze per la migliore manutenzione del manto stradale e comunque a usare rampe metalliche, verricelli e pale per trarsi d’impaccio anche nelle situazioni più estreme;
c) se il cittadino viene curato in maniera inadeguata o in ritardo è in colpa se non ha frequentato: 1) il corso pratico del soccorso “fai da te” o, in alternativa, 2) “la mia giornata al CUP” (centro unico prenotazione) con infografica per la fila più scorrevole.

Hanno ragione loro: con i decerebrati si può fare di tutto, tanto non reagiscono mai.

d
Scritto il 29 gennaio 2016 at 08:43

Dopo aver letto
http://www.corriere.it/editoriali/16_gennaio_07/patente-finanziaria-risparmiatori-editoriale-alesina-1bcc1708-b507-11e5-8efc-b58ffc8363b9.shtml
mi è venuto un piccolo dubbio: ma se non passi l’esame della patente finanziaria, cosa ne fanno dei tuoi risparmi?

aorlansky60
Scritto il 29 gennaio 2016 at 09:56

dopo la lettura dell’art di Alesina, sono stato pervaso da un fremito di paura (veramente, questa cresceva via via che proseguivo nella lettura…); :-(

…allora è vero che la stupidità stà dilagando, e gli stupidi, si sa, sono assai pericolosi per se ma soprattutto per i propri simili, anche quelli che stupidi non sono.

silvio66
Scritto il 31 gennaio 2016 at 12:39

stanziale@finanza,

Ciao Stanziale,
Rispetto le tue considerazioni, ma permettimi di proporti una diversa visione delle cose. Dici voti sterilizzati in quanto hanno tolto dalle piazze la gente incazzata che avrebbe dovuto protestare alla vecchia maniera con scontri tafferugli ecc..perché così sono sempre andate le cose. Ti dico la mia. Se la gente scendesse in piazza alla vecchia maniera si otterrebbe solamente di offrire su un piatto d argento la scusa per istituire leggi speciali repressive e limitanti dei diritti civili. Sulla lega possiamo dire che ha capito i suoi errori e grazie a Claudio Borghi si è rifatta un futuro. Credi che Rinaldi e Galloni abbiano portato i 5s su posizioni lontane da quelle di Borghi? Tolta l immigrazione dove restano profonde distanze ci sono ampie condivisioni tra lega e 5s e non solo in materia economica. Bossi nell ultimo sprazzo di lucidità non entrò a far parte della agenda napolitano e la Lega è stato l unico partito tradizionale ad non aver sostenuto il trio monti/letta/renzi.
Buona Domenica

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Non so come dirvelo ma Robert è un fumettista davvero fantastico, spettacolare, ha il talento d
Ftse Mib: l'indice italiano supera i 20.500 punti e rimette nel mirino i 21.000 punti. Importante sa
Per certi versi ce lo potevamo aspettare. Ma dal punto di vista logico ed etico, il mondo bancar
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
L’indice Citigroup Economic Surprise Index ci regala un’istantanea molto forte della situazi
La premessa è inevitabile, quota zero o tassi negativi non serviranno ad evitare all'America e
I tassi negativi sono sicuramente il grande argomento di queste ultime settimane. Un assurdo che
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ovvio, quanto  è accaduto nelle ultime settimane ha rovinato non di poco il quadro di fondo de
Ripensando in questi giorni al clamore che ha suscitato Libra, la moneta digitale che ha present