DRAGHI E LA SOVRANITA’ PERDUTA: PROFUMO DI TROIKA!

Scritto il alle 10:37 da icebergfinanza

Immagine

 

 

 

 

 

 

 

In fondo non aveva poi tutti i torti J.K.Galbraith, uno dei più grandi economisti del secolo, scorso, uno senza peli sulla lingua, quando diceva che

…la perniciosa inutilità della politica monetaria  e i rischi che derivano dal fare affidamento su di essa sono oggi una realtà.

Anche Milton Friedman non scherzava in questo senso…

“The Fed has had very few periods of relatively good performance,” he continues. “For most of its history, it’s been a loose cannon on the deck, and not a source of stability.”

La Fed ha avuto molti pochi periodi di relativa buona performance…per la maggior parte della sua storia è stata una mina vagante sul ponte e non un fattore di stabilità.

Ieri un Draghi all’ombra di un lampione ha fatto una dichiarazione disarmante per una banca centrale il cui scopo primario è la stabilità dei prezzi…

“Banca centrale non e’ stata l’unica a sovrastimare il tasso relativo ai prezzi al consumo” la causa principale di una cosi’ bassa inflazione e’ dovuta ai prezzi dell’energiae al tasso di cambio.

Mi stai dicendo che avete fatto lo stesso clamoroso errore di Trichet che aveva addirittura aumentato i tassi per paura di un’inflazione inesistente alimentata dai prezzi del petrolio e delle materie prime salite ad opera della speculazione che non sapeva dove mettere la liquidità in eccesso?

Mi stai dicendo che non vi siete accorti che un tasso di cambio cosi sfavorevole avrebbe contribuito ad alimentare l’inflazione?

Non non è possibile dichiarare che una banca centrale non è stata l’unica ad aver sbagliato. C’è un pirla qualunque che tiene un blog come il sottoscritto,  che scrive da SEI ANNI che questa è una debt deflation e che la crisi giapponese è la bussola per comprendere questa crisi e voi ci dite che avete sovrastimato l’inflazione senza fare nulla per molti mesi, se non anni?

Ieri Draghi ha lanciato un missile contro Renzi e la sua gestione della crisi economica, un missile che ci riporta indietro nel tempo e testimonia come ormai la finanza detta le condizioni alla politica, non dimenticate che questo è un uomo che ha dichiarato che il welfare è morto…

Draghi: “E’ ora di cedere sovranità sulla riforme.

“Il colpo più duro all’Italia arriva dalla Bce. Le parole di Mario Draghi lasciano poco spazio alle interpretazioni: “Uno dei componenti del basso Pil italiano è il basso livello degli investimenti privati”. Peggio, tutto è dovuto “all’incertezza sulle riforme, un freno molto potente che scoraggia gli investimenti”. Il colpo di grazia, però, arriva dall’ultimo passaggio dell’intervento di Draghi: “Per i Paesi dell’Eurozona è arrivato il momento di cedere sovranità all’Europa per quanto riguarda le riforme strutturali”

L’ennesimo missile della finanza sulla politica, una politica allo sbando incapace di comprendere quello che in realtà sta accadendo, il sequestro delle Nazioni.

(ASCA) – Roma, 7 ago 2014 – Matteo Renzi e’ “totalmente d’accordo con Draghi”, il presidente del consiglio lo ha detto a ‘In onda’ su La7: “Non so se e’ un affondo (ha aggiunto rispondendo a una domanda, ndr): se lo e’ affondo anch’io”.

E non serve aggiungere altro!

“Io sono d’accordo con Draghi. Il presidente della Bce ha detto una cosa sacrosanta: abbiamo bisogno di rimettere in ordine l’Italia per farla diventare più competitiva. Per questo motivo servono le riforme. Con le quali l’Italia torna a crescere e a volare”. “Abbiamo condizioni economiche per le quali siamo molto più forti delle paure di chi o teme un default o un fallimento. L’ipotesi che arrivino lettere da Bruxelles non esiste.

Poi, sulla questione della ‘cessione di sovranità’, il premier aggiunge: “Ha fatto un ragionamento più ampio sull’Europa. Non ha detto che l’Italia deve andare verso una cessione di sovranità” sulle riforme ma “ha parlato di Eurozona”. 

Beata ingenuità, stai sereno Matteo fai quello che ti dice Mario e governerai a lungo!

Abbiamo visto Renzi agitarsi per le parole di Weidmann… “La Bundesbank si occupi dei suoi compiti – ha ammonito – non di dare indicazioni sulle politiche da seguire”, perché “l’Europa è dei cittadini europei e non dei banchieri”...e ora che Draghi lancia un simile affondo,  OBBEDISCO!

No mi dispiace, in molti non comprendono quello che sta accadendo, forse abbiamo davvero bisogno di una dittatura per ritrovare la nostra identità!

Il Tuo sostegno è fondamentale per il nostro lavoro…

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta …

Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio … cliccando sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.7/10 (26 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +13 (from 17 votes)
DRAGHI E LA SOVRANITA' PERDUTA: PROFUMO DI TROIKA!, 8.7 out of 10 based on 26 ratings
16 commenti Commenta
mirrortrader
Scritto il 8 agosto 2014 at 11:09

Mi sembra abbastanza chiaro che la strada sia già tracciata.
Sinceramente a questo politicanti che continuano a difendere le caste, i tassisti ecc…
preferisco che arrivi uno con l’accetta (la troika) e finalmente tolga un pò di ingiusti privilegi non compensati dai doveri.

Come si dice, mal comune, mezzo gaudio.

reragno
Scritto il 8 agosto 2014 at 11:58

mirrortrader@finanza,

Purtroppo con la troika staremo tutti peggio e sono poco convinto che verranno tagliati gli ingiusti privilegi.

Nel piccolo come nel grande cane non mangia cane………

aorlansky60
Scritto il 8 agosto 2014 at 13:15

In fondo non c’è nulla di nuovo sotto la luce del sole… la storia si ripete e la storia non mente mai :

già nel ‘600 l’italia era terra di conquista per Spagnoli, Francesi e relativi mercenari.

debolezza di quel tempo : l’italia non era ancora nazione, ma quei conquistatori si.

stessa debolezza attuale : l’italia può considerarsi davvero nazione ? unita come lo sono quelle forti d’europa ?

La risposta a questa domanda la vediamo nei momenti di debolezza : il ns paese è attualmente preda di acquisti da parte di capitali esteri che si comprano le ns aziende al costo di un hot-dog. Da alcuni anni a questa parte la lista si è fatta lunga.

Per fare un es. alcuni anni fà Tremonti allora min dell’economia cercò di impedire la scalata di Parmalat ai francesi di Lactalis… peccato che lo fece solo a parole, mentre i francesi arrivarono con i fatti (5 mld di € prestati a Lactalis da un pool di 3 grandi banche Francesi che evidentemente avevano la forza per farlo, al contrario delle corrispettive italiane che non ne vollero sapere… Tremonti ci provò anche con Mr Ferrero, l’uomo dalla liquidità privata maggiore a livello nazionale : i figli ne furono tentati, ma pare che il vecchio abbia congedato l’ex min con garbo, senza neppure prendere in considerazione la proposta…)

E d’altra parte, non possiamo neppure troppo lamentarci dei ns rappresentanti politici, dato che quest’ultimi sono la conseguenza che emerge dalla popolazione tutta e quanto di meglio è in grado di esprimere il popolo italiano.

Non è un caso che la TROIKA abbia già messo piede in Grecia; per come vanno i dati, l’Italia può ritenersi la prossima candidata (a meno che l’andamento dei dati cambi, ma a breve termine temo che non sia prevedibile; spero comunque di essere smentito).

mirrortrader
Scritto il 8 agosto 2014 at 13:35

reragno@finanzaonline,

Se staremo tutti peggio, grazia al mal comune mezzo gaudio, ci sentiremo tutti meglio. :)

quesalid
Scritto il 8 agosto 2014 at 14:41

La Federal Reserve preoccupata della montagna di prodotti derivati della Deutsche Bank

http://www.ticinolive.ch/2014/08/08/federal-reserve-preoccupata-dalla-montagna-prodotti-derivati-deutsche-bank/

wasabi79
Scritto il 8 agosto 2014 at 16:41

Le ultime tue righe su una dittatura mi fanno paura, perchè è lo stesso pensiero che dal 2011 mi porto dentro e tutti mi prendono per pazzo………….Gli italiani vogliono vivere chiudendo gli occhi e quando si sveglieranno saranno la causa del loro male….

dorf001
Scritto il 9 agosto 2014 at 01:45

wasabi79,

ma dai un po di dittatura ci fa bene. l’italiano gode quando lo prendono a bastonate. ed è quello che draghi ha detto che farà.

DRAGHI FA PROFESSIONALMENTE SCHIFO, E PARLA PURE

toh leggiti qualche riga, cosi’ capisci un pò. qui : http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=13756

dorf001
Scritto il 9 agosto 2014 at 01:48

wasabi79,

alcuni commenti presi dall rete.

A me sembra che il piano di Draghi e dei suoi soci ( Europei e Yankee ) stia funzionando benissimo .

L’Europa non è altro che una lotta di classe su larga scala dove un gruppo di oligarchi che siede a Bruxelles ha deciso di prendere tutti i poteri e le ricchezze dei popoli di tutte le classi sottostanti .

L’avviso di Draghi ieri è chiaro .

Ci comunicano che a breve passeranno direttamente al controllo totale e totalitario sorpassando gli stati nazionali e quelle cazzate della democrazia .

e ancora: ….Il problema fondamentale non è tanto Draghi quanto i suoi padroni. Lui (come Monti e tanti altri) è un tecnico che invece di fare il capitalista (come imprenditore) o l’anti-capitalista (come rivoluzionario), e quindi rischiare, ha scelto, fin dall’inizio della sua carriera, di vendere il proprio lavoro come merce, come fanno tutti i lavoratori (subordinati e professionisti autonomi). E, naturalmente, lo vende a chi considera il più forte. Rispetto alle 147 multinazionali che direttamente od indirettamente controllano, anche tramite la finanza, l’80% dell’economia mondiale, Drgahi è solo un bancario, un dipendente.

e vai cosi’ : ….UN GOEBBLES DEI NOSTRI TEMPI.
DOPO LA RELIGIONE, DOPO LE SCIENZA, OGGI LA NUOVA CREDENZA E’ L’ECONOMIA. UNA CIARLATANATA. EPPURE IL POPOLO BUE CI CREDE.
E LE BANKE E LE MULTINAZIONALI PORTANO I POPOLI AL MACELLO.
CONTENTI NOI….

NOTTE

laforzamotrice
Scritto il 9 agosto 2014 at 09:01

dorf001@finanza,

Ieri sera ho discusso con un mio amico, lui sostiene che non stà al popolo controllare ciò che fanno i politici che lui ha votato, ma che sta solo a loro e agli organi preposti,magistratura, politica, corte dei conti, giornalisti, vegliare. Cioè una volta dato il voto, il “popolo” ha compiuto il proprio dovere, per cui può tranquillamente pensare al calcio e al gossip. Penso che abbia riassunto il problema, come ho scritto sul mio blog, la massa della “gente” sotto qualsiasi forma, non vuole responsabilità. Per questo io sono favorevole all’Uomo forte, alla dittatuta, perchè finchè non capiremo che la democrazia non è “delegare”, ma al contrario è impegno e partecipazione continua, cioè RESPONSABILITA’ diffusa non funzionerà mai, riducendosi ad un semplice mercato delle vacche. A questo punto, meglio il “signore”, almeno si seguirà una strada sola anzichè un continuo e paralizzante compromesso basato non sui doveri di tutti, ma sui privilegi. Perchè è questo che ci stà colando a picco, la logica ormai da anni non è la corretta divisione dei “diritti e doveri”, ma “tu concedimi un privilegio che io ne concedo un’altro a te”; cioè io chiudo un occhio e tu ne chiudi un’altro. Ovvio che stiamo andando a sbattere.

dorf001
Scritto il 9 agosto 2014 at 15:42

laforzamotrice@finanza,

ciao mister. sai che concordo molto con te, anche se no su tutto. 2 cose. 1) avevo postato qualcosa sul tuo blog, ma lo hai visto? o è stato cancellato? 2) dai incontriamoci a fare 4 ciaccole, magari a metà stra tra BS e VR. desenzano?

il tuo amico scusami, è un deficente. non dirglielo, o si’??? ho sempre pensato, negli ultimi 10 anni, che bisogna smetterla di delegare agli altri. nel senso : ti ho dato il voto, ora fai tu, pensaci tu. ehh no!! poi cosi’ quello fa il cazzo che vuole. io voglio la democrazia diretta. cioè il popolo stesso ci mette la faccia, e la testa, e poi decide responsabilmente. non è cosi’ difficile. però bisogna studiare. è quello che gli rompe le palle all’italiano. un popolo di ignorantoni. dillo pure al tuo amico. che è una capra.

scusa guarda alla svizzera. sono forse degli alieni? super intelligenti? no, son normali. ebbene sono 120 anii che là esiste la democrazia diretta. cioè la gente vota su tutto, e il sindaco deve obbedire, ripeto, obbedire alle direttive del popolo. e muto!!!

conosco gente a parma che conosce bene come si fa. ha studiato il problema. io a verona ho sentito conferenze e dibattiti sul tema. mi hanno dato un malloppone di 200 pag da leggere.

si può fare. certo è da prendere a calci in culo 20 milioni di italiani. tutti quelli che votano FI che votano PD e i centristi tutti.

tu vuoi l’uomo forte. ti posso dare ragione solo in un caso. questo qui deve sapere bene cosa serve fare. deve sapere tutto su economia, intendo moneta -signoraggio-riserva frazionaria.

deve sapere tutto su energia alternativa, e deve sapere tutto su ecologia-salvaguardia del pianeta. ma esiste un uomo cosi’?

io voglio un governo con uomini sani moralmente come AURITI. quindi vedrei bene al comando gente come MAZZALAI, GALLONI, BAGNAI, e tanti altri di quel tipo li’. poi serve gente come JOHN LUDD. e gente che sapia cosa vuol dire salvare il pianeta.

tu conosci un qualche dittatore che abbia queste caratteristiche’ purtoppo abiamo al governo mister BEAN-renzi. questa è la tragedia. e berlusca è tanto come lui. uguali sono.

siamo leggermente nella merda. aspettiamo che si sveglino i grillini. e che parlino di cose di cui discutiamo qui sul blog tutti i santi giorni. din don suonan le campane. se ci siete battete un colpo.

by DORF

andrea4891
Scritto il 9 agosto 2014 at 18:27

bisogna finalmente capire che servono le RIPORMEEEEEEEEEEEEE

e noi le stiamo facendo: riforma del senato, revisione dell’art 18 ….. abbasseremo di 1 grado la temperatura negli uffici pubblici (d’inverno come d’estate, però !!)

altre riforme ??!!

ah, si, venderemo il colosseo ai giapponesi, che se lo portino via, quel catorcio !!

e con queste riforme salveremo l’Italia, e potremo accogliere qualche altro milione di magrebini, subsahariani, mesopotamici, sudanesi ed etiopi

e questi nuovi italiani ridaranno spinta alla ns economia, senza bisogno di draghi, lagarde e altre troj(k)e

… o no :?:

yabadaba
Scritto il 10 agosto 2014 at 19:29

Mancano pochi giorni all’ufficialità di un Pil tedesco col segno negativo davanti. Forza, strigiamoci a coorte, siam pronti alla morte, l’Italia chiamò.
La guerra è ancora lunga ma intanto a Mosca questi non ci arrivano (rif 2^ guerra mondiale, autunno 1940)..

yabadaba
Scritto il 10 agosto 2014 at 19:31

Scusate, autunno 1941

gnutim
Scritto il 11 agosto 2014 at 10:12

andrea4891@finanzaonline,

no

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: l’indice italiano cerca di superare con poca convinzione area 20.500 punti, dove passa a
La notizia di ieri ha del clamoroso, incredibile, affascinante, la dimostrazione di come nella f
Sul mio blog avrete letto tanto tempo fa delle clausole CACs, quando nessuno le conosceva e ness
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
I nonni sono da sempre la colonna portante di molte famiglie, fonte di un welfare spesso irrinun
Si conferma il quadro da "correzione politica", con un COT Report che mette in evidenza ancora g
  Sabato mattina bitcoin segnava un +5% sulle ultime 24 ore. Pur seguendo in modo margin
Ftse Mib: l’indice italiano cerca di superare con poca convinzione area 20.500 punti, dove passa a
Visto che mancano pochi giorni alle scadenze di future ed opzioni andiamo a vedere in quali aree di
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA