LETTA: ROAMING …HOLLYWOOD EUROPE!

Scritto il alle 08:40 da icebergfinanza

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non ci volevo credere, non potevo credere ai miei occhi…

«Bisogna dire ai cittadini – ha sottolineato – che l’Europa è utile per la nostra vita».

Un esempio? La decisione di togliere il roaming presa nel vertice Ue a fine ottobre per rendere le comunicazioni con il cellulare all’estero meno costose. Una cosa positiva ma di questo, ha raccontato il presidente del Consiglio, «non è fregato niente a nessuno, né ai media né all’opinione pubblica. Di quel vertice ci si è appassionati al tema del telefonino della Merkel che era ascoltato dagli americani, forse». Invece «chi butta benzina sul fuoco delle cose che non vanno in Europa trova favore». LaStampa

E vai rooooooooaming per tutti, questo è ciò che veramente conta!

Ho pianto… dalle risate, tenetemi fermo o andate avanti Voi perchè a me viene da ridere!

“A Bruxelles diremo che l’unione bancaria deve essere raggiunta: lo so, non evoca un sogno ma è indispensabile” ha aggiunto Letta.

E ancora…  “Fermarsi a guardare la pagliuzza della differenza che c’è tra noi e i tedeschi rispetto alla grandissima sfidaglobale che ci attende, è pura miopia. Farlo può servire a vincere una campagna elettorale, ma alla fine costruirà solo macerie”. Letta contro gli antieuropeisti: “Miopi, producono solo macerie

Pagliuzza? Unione Bancaria? Abbiamo tutte le nostre responsabilità, ma perchè Lei,  non racconta agli italiani che i tedeschi non vogliono l’unione bancaria per il semplice motivo che non vogliono nessuno che guardi negli armadi delle loro banche e trovino i loro scheletri, scheletri subprime. Che Angela Merkel non ne vuole sapere di lasciare il controllo delle banche regionali, fondamentali per la politica, in mano all’Europa e alla BCE?

Perchè non spiega agli italiani che i tedeschi hanno amplificato l’agonia della Grecia e dell’Europa solo per poter rientrare in possesso dei capitali delle loro banche “infelicemente impiegati” nelle follie immobiliari e industriali di mezza Europa, Spagna, Irlanda e Portogallo compresi?

Glielo racconta Lei agli italiani il significato di “fiscal compact” e tutto quello che ne consegue?

Pagliuzze ovviamente! Questa la mia risposta!

Si fa presto ha fare di tutta l’erba un fascio, antieuropeisti, populisti e euroscettici, le persone intelligenti, sono in grado di comprendere subito chi sta approfittando della situazione, quali partiti e quali politici, stanno cavalcando l’onda per il proprio interesse personale e di partito.

Inutile nascondere quello che è accaduto ieri in nelle piazze, quei caschi tolti ad uno ad uno dimostrano che la gente comune, polizia e carabinieri compresi, non i delinquenti, non gli estremisti, non gli idioti, sono stanchi di questa Europa, di questa politica che ha distrutto il Paese.

Soluzioni? Ridare dignità a milioni di anime che hanno perso il loro lavoro altro che idiozie bocconiane o alemanne come austerità e competitività, basta deflazionare salari, tagli alla spesa lineari, basta politiche economiche figlie di un’ideologia fallita e soprattutto responsabilità chi ha sbagliato deve pagare, prima che la situazione sfugga al controllo e alla pazienza di uomi semplici e miti.

Come si fa a non essere d’accordo, lo dice la storia, è la stessa cosa verificatasi durante la  Repubblica di Weimar, peccato che Letta faccia fatica a comprendere quello che in realtà è accaduto e ad assurmersi le proprie responsabilità, le responsabilità di una classe politica che non ha saputo creare le condizioni migliori per costruire un’Europa dei popoli prima di mettere insieme in fretta e furia un mostro economico basato sulle monete e sui capitali.

Come riporta Wikipedia …  la delegazione di pace tedesca in Francia firmava il Trattato di Versailles, accettando pesanti riduzioni dell’esercito tedesco, pesanti pagamenti per le riparazioni, e la cosiddetta clausola della “Germania come unica responsabile dello scoppio della guerra”, che venne inserita su insistenza francese nonostante la contrarietà del presidente americano Wilson. Particolarmente pesanti sul piano morale risultavano l’articolo 227, in forza del quale l’ex imperatore Guglielmo II veniva messo in stato d’ accusa di fronte a un venturo Tribunale Internazionale “per offesa suprema alla morale internazionale” e l’art. 231, in cui appuntola Germania riconosce che essa e i suoi alleati sono responsabili per aver causato tutti i danni subìti dai Governi Alleati e associati e dai loro cittadini a seguito della guerra, che a loro è stata imposta dall’aggressione della Germania e dei suoi alleati”.

E’ forse questo oggi che vogliono i tedeschi, un’ammissione di responsabilità di mezza Europa?

“L’accettazione del Trattato rappresenta una sorta di “peccato originale” della Repubblica di Weimar, che alienò subito il favore di gran parte della popolazione tedesca, e che infine favorì l’impetuosa ascesa elettorale dei nazisti.”

“L’accettazione del FISCAL COMPACT e delle cosidette CONTRACTUAL ARRANGEMENTS rappresentano una sorta di “peccato originale” della Repubblica EUROPEA, che alienò subito il favore di gran parte della popolazione europea, e che infine favorì l’impetuosa ascesa elettorale dei populisti e antieuropeisti.”

La sente signor Letta la rima della Storia, lasci perdere il Roaming e vada oltre le chiacchere…

” Per il 1923 la Repubblica non poteva più permettersi di tener fede ai pagamenti delle riparazioni di guerra stabilite a Versailles e il nuovo governo divenne insolvente. Come risposta, nel gennaio del 1923, le truppe francesi e belghe occuparono la Ruhr, la regione a quell’epoca più importante dal punto di vista industriale, prendendo il controllo delle industrie minerarie e manifatturiere. Nel gennaio del 1923 vennero di nuovo indetti alcuni scioperi e venne incoraggiata la resistenza passiva. Gli scioperi durarono per otto mesi, causando grave sofferenza all’economia e determinando la necessità di importazioni.

Poiché anche gli operai in sciopero venivano pagati dallo stato, venne stampata valuta aggiuntiva che innescò un processo di iperinflazione. Il valore del Papiermark crollò da 4,2 per ogni dollaro statunitense a 1.000.000 di marchi per dollaro nell’agosto 1923 e a 4.200.000.000.000 per dollaro il 20 novembre. Il 1º dicembre venne introdotta una nuova valuta con il tasso di cambio di 1.000.000.000.000 di vecchi marchi per 1 nuovo marco, il Rentenmark. I pagamenti delle riparazioni vennero ripresi, e la Ruhr restituita alla Germania. Il 1923 vide anche un attacco dalla destra che prese forma nel Putsch della Birreria, messo in piedi da Adolf Hitler a Monaco di Baviera. Nel 1920 il Partito dei Lavoratori Tedesco (DAP) si trasformò nel Partito dei Lavoratori Tedesco Nazionalsocialista (NSDAP) — il partito nazista — che sarebbe divenuto la forza motrice del collasso della Repubblica di Weimar. Hitler divenne Segretario del partito nel luglio 1921. Nel novembre di quell’anno vennero fondate le SA (Sturmabteilung), che avrebbero agito come l’esercito personale di Hitler nella sua lotta per il potere. (Wikipedia)

No, non finirà cosi, non deve assolutamente finire cosi, anche perchè loro hanno già trovato la soluzione…Ue: Barroso, serve una Hollywood europea

(Il Sole 24 Ore Radiocor) – Milano, 9 dic – L’Unione Europea avrebbe bisogno di una propria versione di Hollywood che ha saputo trasmettere un’immagine chiara e univoca degli Stati Uniti. Lo ha detto il presidente della Commissione Europea Jose Manuel Barroso parlando all’iniziativa “a new narrative for Europe” organizzato dalla medesima commissione a Milano presso il palazzo dell’Ispi. “E’ vero – ha detto Barroso – come diceva prima il premier Letta, che temi come l’Unione Bancaria non scaldano il cuore della gente anche se sono fondamentali. Pero’ e’ vero che in Europea serva una discussione piu’ emotiva, servono emozioni, grandi manifestazioni, qualcosa di piu’ vicino alle persone, magari lo sport e il calcio”. “L’immagine dell’America – ha detto Barroso – e’ stata ben trasmessa da Hollywood ma il problema e’ che in Europa noi siamo tanti paesi diversi, con lingue e culture diverse. E’ tutto piu’ difficile ma il cinema puo’ diventare un mezzo per alimentare un’immagine europea nel senso piu’ ampio. Ne ho parlato anche con l’accademia cinematografica europea perche’ e’ difficile fare girare il film fatti in Europa da un paese all’altro. In genere questo succede solo a un film o due mentre i film americani girano molto piu’ velocemente”. Barroso ha auspicato inoltre che vi sia un autentico e sentito dibattito europeo in vista delle elezioni della prossima primavera. “Serve la mobilitazione di tutti – ha detto – e dei giovani in particolare”.

Si questa volta sto piangendo, no non dalle risate, sto piangendo veramente!

« SOSTIENI L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta …Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie!

Inoltre Vi aspettiamo tutti per la nuova avventura su   METEOECONOMY  per condividere insieme nuove informazioni e analisi non solo economico/finanziarie attraverso la tempesta perfetta.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.5/10 (24 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +8 (from 10 votes)
LETTA: ROAMING ...HOLLYWOOD EUROPE!, 9.5 out of 10 based on 24 ratings
35 commenti Commenta
jusemancio
Scritto il 10 dicembre 2013 at 08:58

della serie siccome l’europa non esiste ve la inculchiamo a forza con la propaganda.questi sono folli..

luigiza
Scritto il 10 dicembre 2013 at 09:14

Una domanda Andrea: eri sotto una colossale sbornia da bevuta di grappa quando hai scritto questo post sulle uscite di Letta e Barroso? Ma han detto proprio ‘ste cose?

Perchè se no eri ubriaco tu, allora quei due si son bevuti il cervello.

Ma neanche Bubu l’amico dell’orso Yoghi é cosi’ scemo. E credo neppure il cane Dudù lo sia pur accompagnandosi a due …..

mordor1979
Scritto il 10 dicembre 2013 at 10:27

Io non ho parole… Poi no di ditemi di non votare 5stelle con sto idioti al potere!!

galactus
Scritto il 10 dicembre 2013 at 11:09

Non resta altro che eliminare fisicamente questi idioti. Non credo ci siano alternative. I motivi sono semplici ma non chiari per queste persone, perchè per loro inconcepibili. Non se ne vanno nonostante non eletti democraticamente, non se ne vanno nonostante milioni di disoccupati senza futuro, aziende che saltano ogni giorno, nonostante tutto quello che ogni giorno vedono e toccano. Non se ne vanno perchè i loro stessi sentimenti non sono sentimenti che portano al bene comune, al rispetto dei cittadini al rispetto di chi, in ultima analisi li paga. Noi siamo i loro datori di lavoro ma non possiamo mandarli a casa per incapacità. Ho un’azienda e questa gente nemmeno gratis la prenderei. ALLA LUCE DI QUESTO, MI DISPIACE DIRLO, MA CREDO SIA GIUNTA L’ORA DI ELIMINARLI FISICAMENTE. IL TEMPO, ORMAI E’ SCADUTO. QUANTA GENTE DEVE PAGARE ANCORA PER QUESTI PSICOPATICI?

Scritto il 10 dicembre 2013 at 11:12

mordor1979@finanza,

ad oggi non abbiamo alternative :evil:
piaccia o non piaccia non ci sono alternative veramente, o subisci gli eventi nefasti dei non votanti e votanti per i soliti pezzi di “M”, oppure votiamo in massa chi si propone di mandare a fare in [email protected] questa classe dirigente. :twisted:

Scritto il 10 dicembre 2013 at 11:20

Qui il problema è che vedi i Forconi, vedi il malcontento che monta ogni giorno da ogni lato, vedi le continue cazzate che questi politici fanno, ci ritroveremo travolti da disordini sociali molto preoccupanti.
Quindi o facciamo la Rivoluzione PACIFICA con l’unico voto possibile per un vero cambiamento con il M5S, oppure vi prenderete la responsabilità di quello che accadrà nell’immediato futuro!!!
OSS

deportivotralarala
Scritto il 10 dicembre 2013 at 11:40

galactus@finanza,

occhio ai commenti perche’ potreste mettere nei casini Andrea, e non sarebbe cosa buona.
Raffaele

gnutim
Scritto il 10 dicembre 2013 at 11:49

i forconi hanno dato il via alla rivoluzione

Polizia si toglie il casco al loro passaggio, è l’inizio di una nuova era

Ora bisogna spingere sull’accelleratore

Scritto il 10 dicembre 2013 at 12:04

deportivotralarala@finanza,

Secondo me quando la gente non ha più nulla da perdere
xchè ha già perso tutto
esso sia un lavoro dignitoso
esso sia la propria impresa
esso sia la propria dignità di vivere con una pensione da quattro soldi
xchè chi doveva proteggerti curarti assisterti istruirti darti un lavoro
si è venduto per un piatto di lenticchie,
o si suicida od esprime la sua rabbia con queste parole!
Naturalmente tra il dire ed il fare c’è di mezzo il mare,
ma questo rende l’idea di quanto citato nel mio commento precedente
che la gente allo stremo o si suicida :cry: o reagisce cion violenza :evil: !
OSS

kry
Scritto il 10 dicembre 2013 at 12:14

galactus@finanza,

deportivotralarala@finanza,

In italia c’è ancora la libertà di parola a parole, occhio ai commenti più che per non mettere nei guai ANDREA perchè internet è perennemente rintracciabile e ciò che è scritto è per sempre al di là dei validi motivi espressi da Gebs74.

Scritto il 10 dicembre 2013 at 12:32

Sono cose vere e serie altro che più Europa così ci tolgono il roaming…..

Crisi, oltre un milione di bambini italiani in povertà assoluta. In un anno +30%…

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/12/10/crisi-un-bambino-italiano-su-dieci-vive-in-poverta-assoluta-save-the-children-30-nel-2012/807862/

OSS

silvio66
Scritto il 10 dicembre 2013 at 12:32

In uno stato di diritto la violenza si esprime nell’urna. Eliminarli fisicamente significa non votarli più. L’enorme intersezione comunicativa espressa nel web sta andando oltre le previsioni più ottimistiche. La cultura, il sapere, l’informazione sta dilagando a macchia d’olio in italia e nel mondo. Noi italiani siamo tra i più assidui e molti hanno potuto informarsi e rinfrescare le proprie convinzioni. Se l’ignoranza è il peggiore dei mali, e lo è, la cultura è la migliore delle virtù.

kry
Scritto il 10 dicembre 2013 at 12:47

IN RETE STA GIRANDO QUESTO—-Anch’io ho tolto il casco. Molto volentieri. I motivi della protesta li viviamo anche sulla nostra pelle. E se la situazione non cambia, la disobbedienza civile rischia di dilagare anche fra le forze dell’ordine».
Francesco, ma è un nome di fantasia, ha 38 anni, è un agente scelto del reparto mobile della Polizia ed è tra quegli esponenti delle forze dell’ordine che ieri, tra gli applausi della gente, a piazza Castello, a Torino, si sono tolti il casco antisommossa che indossano durante le manifestazioni……

icebergfinanza
Scritto il 10 dicembre 2013 at 12:53

Ognuno si assume la responsabilità di ciò che dice e scrive… ma chi mi conosce sa che percorrerò qualunque strada sino all’ultimo piuttosto che ricorrere alla violenza.
Sono in molti quelli che ridono alle mie proposte…la verità è figlia del tempo!

kry
Scritto il 10 dicembre 2013 at 12:56

silvio66@finanza,

Quante parole. Bastava solo scrivere:Eliminarli fisicamente significa non votarli più, se l’ignoranza è il peggiore dei mali, e lo è. Risparmiamo nello scrivere ce lo chiede l’europa. Ciaooo. :D

galactus
Scritto il 10 dicembre 2013 at 13:08

deportivotralarala@finanza,

kry@finanza,

Lungi da me metter nei casini Andrea, se siamo in una democrazia non abbiamo ancora alcun reato. Forse minaccia di reato oppure chissà quale altra sola. La realtà però non cambia. La politica, che controlla l’informazione vuole esattamente questo. Instillare la paura ed immobilizzare i pensieri. Quello che succede da anni ormai. Spostare di elezione in elezione e nulla cambia. Ed intanto sempre piu’ gente si impoverisce, sempre più politici ed amici collusi ingrassano e vivono da signori, loro e le loro famiglie, alla faccia dei propri datori di lavoro (noi tutti) che invece, in tanti casi fanno la fame. Ma stiamo scherzando?? E noi glielo lasciamo fare? Ma va la!!
Siamo arrivati al punto che lo stato ti vessa, ti distrugge economicamente e moralmente ed al contrario spreca, mangia, ingrassa, spende e spande e non DEVE RENDERE CONTO A NESSUNO e nemmeno si vergogna. Non vi sembra ormai il punto di non ritorno? Visto che tutti fanno finta di niente, cosa altro rimane per liberarsene?

galactus
Scritto il 10 dicembre 2013 at 13:23

icebergfinanza,

Ciao Andrea, se sono qua è perchè condivido i tuoi pensieri e le tue riflessioni e non aggiungo altro

stanziale
Scritto il 10 dicembre 2013 at 13:37

Secondo me sbaglia chi parla di elezioni, io credo che la strada intrapresa dai forconi, proteste civili e democratiche sempre piu’ estese, siano la strada migliore, anzi l’unica. Se si aspetta le elezioni, tra 3-4 anni, siamo tutti morti. Questi stanno togliendo tutto quello conquistato dal popolo negli ultimi 200 anni, lavori fissi, pensioni, sanita’ (quest’ultimo tra poco, con l’accordo di libero scambio usa-ue). Stiamo velocemente tornando ai servi della gleba e solo una minoranza lo ha capito ed e’ in grado di rispondere. Questa minoranza sta forse diventando sufficiente massa critica per imponenti manifestazioni, ma purtroppo non puo’ vincere le elezioni perche’ gli italiani sono intortati dalla propaganda di questa falsa democrazia. Ingrossare le fila dei forconi mi sembra la via giusta. Manifestazioni sempre piu’ numerose, poi il resto del popolo seguira’. Manifestare e’ lecito ed e’ un diritto, pero’ bisogna farlo senza nessuna bandiera politica, se ci dividiamo e’ finita.

stanziale
Scritto il 10 dicembre 2013 at 13:39

Ottimo il programma dei forconi, tra i punti principali sovranita’ monetaria con nazionalizzazione banca d’italia.

icebergfinanza
Scritto il 10 dicembre 2013 at 15:09

galactus@finanza,

:wink:

gnutim
Scritto il 10 dicembre 2013 at 16:03

mettere una bella x sul simbolo dei forconi non è male :)

seguo da vicino l’evoluzione

Scritto il 10 dicembre 2013 at 16:25

I film li faremo in tedesco con sottotitoli in francese?

kry
Scritto il 10 dicembre 2013 at 16:39

businesscommunity@finanza,

Ciao Claudio, se fosse un modo per arricchirci culturalmente perchè no, comunque sapendo come la pensano i francesi soprattutto riguardo ai film non è una strada assolutamente realizzabile.

Scritto il 10 dicembre 2013 at 16:47

L’europa è una grande idea, e sarebbe una grande opportunità. Ma certo non l’europa delle banche e dei burocrati come prima cosa. L’europa doveva nascere da una lingua comune, ll’esperanto, perchè solo da essa è possibile avvicinira le popolazioni, che pur mantenedo ognuna le proprie caratteristiche, vedi veneti e calabresi, avrebbero però potuto avvicinarsi molto. Ma come [email protected]@o si fa a sentirsi uniti se non ci si capisce? La moneta sarebbe stata il secondo passo, e poi via un passo per volta.
Di fronte alle sfide del futuro, prossimo, da soli possiamo solo essere scartini, e lo saremo al di la dell’arroganza che ogni pulce porta con se, la famosa mosca che “guida” il cavallo
W L’EUROPA, peccato gli europei.

kry
Scritto il 10 dicembre 2013 at 17:15

Ciao Andrea, sto constatando che sta aumentando la qualità dei passeggeri di questo veliero e penso ti faccia piacere quanto segue: Luigi Zambotti • 4 ore fa −
FK il tuo ineffabile sindaco é alla pari con Letta e Barroso.

Vatti a leggere su IcebergFinanza cosa hanno detto recentemente gli ultimi due.

A me tali affermazioni puramente dementi erano sfuggite.
Spero vivamente che siano le comiche finali….. per loro. http://www.rischiocalcolato.it/2013/12/9dicembre-il-mio-sindaco-dice-che-sono-un-populista-demagogico.html

sd
Scritto il 10 dicembre 2013 at 17:43

Buona sera

Purtroppo temo che sia ancora troppo presto perchè la protesta dei forconi dia dei risultati soddisfacienti…….ma chissà in futuro tutto è possibile……..nessuno al mondo può prevedere il futuro nemmeno il Sistema di Potere politico e/o economico.

I motivi possono essere tanti ma principalmente perchè il popolo non è in grado di auto-organizzare una forma di protesta efficace.

E poi non credo che gli italiani che siano dei “rivoluzionari” nel modello Francese, Russo o Sudamericano.
Probabilmente la maggioranza userà altri sistemi di protesta…….sistemi che il potere non può contrastare efficacemente perchè non-organizzati e quindi non controllabili da un potere centrale.

PORTATE PAZIENZA….che il vostro nemico stà già “annegando” e vi passera davanti sulla riva del fiume hehehe.

SD

silvio66
Scritto il 10 dicembre 2013 at 19:35

Se nelle manifestazioni di questi giorni dei “forconi” campeggiassero bandiere di questo o quel partito o sindacato, si parlerebbe di giusta protesta rivolta alle sorde istituzioni che affamano il popolo. Visto però che i suddetti partiti e sindacati sono proprio coloro che provocano il motivo del contendere, diventano sui nostri pessimi inaccettabili esibizioni di pericolosa anarchia.
Ciao kry, hai ragione, parlo troppo. :D

reragno
Scritto il 10 dicembre 2013 at 20:16

Questa classe politica verrà spazzata via come lo fu la famiglia Ceaușescu. Finalmente l’Italia si libererà da questi disgraziati che hanno rovinato e distrutto le famiglie di tanta povera gente.

Non dimentichiamo una cosa: dietro questa Europa c’è la massoneria, la stessa che si cela dietro gli States. Se non mi vedrete più scrivere qui vuol dire che mi hanno fatto sparire…

ilcuculo
Scritto il 10 dicembre 2013 at 21:45

reragno@finanzaonline,

Purtroppo anche dopo l’esecuzione di Ceausescu la Romania non ha conosciuto una radiosa primavera.

i forconari non sembrano titolari di una qualsivoglia proposta politica alternativa, il popolo non fa mai rivoluzioni, al più sommosse.

mirrortrader
Scritto il 11 dicembre 2013 at 01:25

Povero cuCULO… corri a votare PD e spendere altri 2 euro. Fai pena.

kry
Scritto il 11 dicembre 2013 at 02:18

mirrortrader@finanza,

Sono proprio curioso di vedere se manda a fanculo pure te.

kry
Scritto il 11 dicembre 2013 at 02:24

stanziale@finanza,

mirrortrader@finanza,

Ed io che avevo capito che i forconari fossero il nuovo pd che avanza …… si ma che avanza verso la forca.

veleno50
Scritto il 11 dicembre 2013 at 08:52

coi forconi vi mangiate i coglioni. l’enormità dei problemi la risolvono i forconi o grillo ma fatemi il piacere. tassazione delle rendite finanziarie al 25% compresi i buoni postali etcc recupero di circa 35/40 miliardi di euro. esenzione irpef fino a 15 mila euro sul reddito .limite massimo di una pensione 2500 euro.tiket sanitari per tutti e togliere l’esenzione a chi ha 65 anni. è una vergogna che un dipendente che prende 15000 euro lorde debba pagare il tiket e un pensionato di 65 anni con reddito di 34000 mila euro non paga un cazzo.se vogliamo togliere i forconi dalla strada dare a chi lavora e togliere a chi vive di rendita o no????

Scritto il 11 dicembre 2013 at 12:13

é solo una questione di buon senso, i previlegiati devono capire che il gioco non dura in eterno.
veleno50@finanza,

Completamente d’accordo con te, però ricordiamoci che non tutti quelli che hanno un capitale lo hanno rubato, ma se lo sono guadagnato, magari non al 100%, ma hanno creato ricchezza. http://www.laforzamotrice.it/?p=935
Dobbiamo unire le forze e riportare il LAVORO al centro dell’econimia.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
T-1 Inverso [3-5 Giorni] (h. xx)[Base Dati: 15 minuti] T-1 Inverso [3-5 Giorni] (h. yy)[Base
T-1 [3-5 Giorni] (h. xx)[Base Dati: 15 minuti] T-1 [3-5 Giorni] (h. yy)[Base Dati: 15 minuti]
Velocità T-2 / T-1 / T / T+1 [Base Dati: 15 minuti] Velocità T-2 / T-1 / T / T+1[Base Dati:
Stoxx Giornaliero Buon inizio di settimana a tutti, riprendiamo in mano la situazione ciclica
DJI Giornaliero Buona domenica a tutti, nel mese di luglio il primo dei tre facenti parte de
Col senno di poi sono piene le fosse. Meno male che prima della mia partenza per le agognate vac
Analisi Tecnica Negata brutalmente la long white che stava a sua volta negando la long black. La s
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Si è aperta la procedura di gara internazionale per l'affidamento dei lavori di realizzazione d