LEGGENDE METROPOLITANE AMERICANE!

Scritto il alle 20:01 da icebergfinanza

 Nell' Impero della socializzazione delle perdite ogni commento risulta superfluo…

Mentre i politici a Washington trattano per trovare un compromesso entro il prossimo 2 agosto che scongiuri il default tecnico del Paese, i colossi di Wall Street e la banca centrale americana si preparano al peggio. Le grandi istituzioni finanziarie americane studiano piani per ridurre la loro esposizione al rischio sul credito sovrano americano e per generare profitti in caso di insolvenza degli Stati Uniti. Mentre la Federal Reserve prepara dei piani per far fronte al default. 

Nei mercati finanziari, i titoli di Stato Usa sono valutati alla stessa maniera della moneta corrente e gli investitori spesso considerano i bond un modo sicuro d’investire il denaro. Con la minaccia del default all’orizzonte, le banche stanno analizzando questi depositi per stabilire se manterranno o meno il loro valore; i fondi comuni d’investimento – che detengono miliardi di dollari in titoli di Stato Usa –provano a convincere i propri consigli d’amministrazione a tenere i bond anche se il rating del Paese dovesse essere tagliato; e gli hedge fund stanno ammassando liquidità per acquistare debito americano se gli altri investitori dovessero fuggire. 

Anche se molti analisti di Wall Street credono che un default tecnico degli Stati Uniti sia improbabile, i mercati finanziari cominciano ad agitarsi. C’è stata un’impennata nella volatilità delle azioni e alcuni investitori dicono che i prezzi dei titoli azionari stanno crollando perché un default Usa potrebbe fare aumentare i costi operativi delle aziende. 

Gli Stati Uniti continuano a pagare poco per i loro debiti –i rendimenti sui bond decennali continuano a essere inferiori al 3 per cento –ma si teme che l’attuale dibattito possa fare impennare quei costi. E il costo dei prestiti per aziende e famiglie americane. 

Il presidente della Federal Reserve di Filadelfia e membro del board di politica monetaria della banca centrale americana, Charles Plosser, ha detto che Fed e Tesoro stanno collaborando da mesi per capire cosa fare se il governo dovesse venire meno alle proprie obbligazioni il prossimo 2 agosto. 

In caso di default, spiega Plosser al quotidiano online Huffington Post, poiché la Fed fa da banca del governo e smista gli assegni del Tesoro che pagano i dipendenti pubblici e i pensionati, si dovrà capire chi viene pagato e chi no. In secondo luogo la Fed presta denaro alle banche contro titoli del Tesoro dati in garanzia, ed è incerto cosa succederà in caso di default proprio su quei titoli. Questa in particolare "è una questione politica", ha detto Plosser America24http://america24.com/news/fed-e-wall-street-preparano-piani-per-default  

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
LEGGENDE METROPOLITANE AMERICANE!, 10.0 out of 10 based on 1 rating
3 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 23 luglio 2011 at 11:30

In un recente articolo Bill Gross scrive, con soave levità, una serie di tragiche verità (anche se alcune edulcorate) sulla situazione economico/finanziaria degli USA.

"Fra gli ultimi titoli che ho visto c'è quello secondo cui gli USA hanno 62.000 miliardi di dollari di debito. Credo che la notizia sia sbagliata per difetto. Non considera, ad esempio, i costi della riforma sanitaria, nè quelli di un'inflazione in crescita, oppure quelli di società comme Fannie Mae e Freddie Mac. METTENDO INSIEME TUTTO QUESTO IL ROSSO AUMENTA DI ALMENO 10 VOLTE LA CIFRA RIPORTATA DALLA STAMPA. La prima conclusione che mi viene in mente è che, visto che stiamo parlando di Stati Uniti e di giornali, la notizia sia in realtà un NECROLOGIO. Bisogna solo capire quando sarà pubblicato."

"…ho paura che gli Stati Uniti stiano seguendo la strada segnata dal Sol Levante. …..Stiamo trasformando l'economia americana in un buco nero. se non interverranno elementi come è successo in passato, ad esempio con la febbre di Internet, i valori dell'azionario non cresceranno più di tanto. Questo è un problema se consideriamo che FINO A QUALCHE ANNO FA L'AUMENTO DI PREZZO DELL'EQUITY METTEVA PIU' SOLDI IN TASCA AI RISPARMIATORI E QUESTO, A SUA VOLTA, GUIDAVA L'ECONOMIA. ORA QUESTO FENOMENO E' IN UNA FASE DI STALLO. BISOGNA RIDARE VITALITA' ALL'ECONOMIA DAL PUNTO DI VISTA INDUSTRIALE E DEI SERVIZI."

"LA CRESCITA ECONOMICA BASATA SUI PREZZI DELLE AZIONI HA FATTO IL SUO TEMPO E QUALCOSA DEVE CAMBIARE."   

"Gli Stati Uniti negli anni '50 hanno iniziato a creare un'economia basata sul debito: la famiglie si indebitavano, spendevano di più e facevano girare l'economia. il secondo passo è stato quello di tenere bassi i tassi di interesse. in questo modo le famiglie avevano meno difficoltà ad indebitarsi, spendevano di più, facevano lavorare le aziende e aumentare gli stipendi. E se l'economia cresce e il risparmiatore guadagna, aumentano anche le tasse che l'economia americana può versare. tutto questo però non è servito a diminuire il deficit pubblico….."

utente anonimo
Scritto il 23 luglio 2011 at 18:02

Ma non crederete veramente che gli Usa vadano in default ?!!?!?!?

fantasie!

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
ICEBERGFINANZA NEL MONDO
Articolo dal Network
Speciale puntata di Trading Floor con ospite Eugenio Sartorelli, trader professionista e formatore
Per una volta iniziamo dalla fogna politica che galleggia nel nostro Parlamento, una conclusione
Open interest e posizionamenti monetari. Prima di iniziare l'analisi dei posizionamenti monetari
Fare analisi sulle valute è una delle cose più difficili. Il forex è un mondo imprevedibile p
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ i
Permettetemi un “off topics” sulla questione privacy e social network  . Credo che tut
Nonostante il mercato americano chiuso per il Martin Luther King day, gli scambi sugli altri sottost
Scheda con migliori rendimenti, scadenze, taglio minimo, codice ISIN delle obbligazioni corporate
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ i
Dopo un ottimo 2021, i mercati prendono una pausa di riflessione. Ma nulla oltre ad una classica
CONTATORE