CRISTALLI FRAGILI! FRAGILI MERCATI!

Scritto il alle 21:06 da icebergfinanza

Abbiamo già visto come il  premio Nobel Kenneth Arrow amava ricordare che una società in cui nessuno teme le conseguenze dell’assumersi rischi è una società nella quale i comportamenti antisociali sono all’ordine del giorno, ogni forma di opportunismo ed edonismo è lecita.

E’ un rumore di cristalli troppo fragili, di cui nessuno è in grado di determinare il loro effettivo valore, cristalli nascosti nelle grotte del terzo livello, cristalli dal valore di un domani lontano.

Cristalli finanziari vagamente trasparenti, cristalli opachi dalla valutazione soggettiva. 

La formazione dei cristalli richiede un insieme di fattori che dipendono dalla velocità e dalle condizioni della solidificazione.

Ebbene il sistema finanziario, come abbiamo già visto nei precedenti post, interpreta spesso la socializzazione delle perdite con la stessa velocità della luce, il trasferimento del rischio attraverso la creatività finanziaria, cristalli emblemi del rischio sistemico.

"La struttura dell’informazione degli agenti economici, condiziona in modo forte la possibilità di allocare i rischi mediante il mercato. Per struttura dell’informazione non intendo soltanto  lo stato della conoscenza in qualsiasi momento del tempo, ma la possibilità di acquisire nel futuro informazioni rilevanti. Ricorrendo alla terminologia delle comunicazioni, possiamo parlare di questa possibilità come del possesso di un canale di informazioni e delle informazioni ricevute come di segnali dal resto del mondo".

(Kenneth Arrow)

Lehman Brothers colei che naviga su un oceano di liquidità, la stessa istituzione finanziaria che crea CLO e Special Purpose Vehicle/Entity (SPV/SPE) per potabilizzare  liquidità alla sorgente della Federal Reserve ( ricordo vagamente un’altra perla nostrana, Parmalat, adagiata su un oceano di liquidità, che comunicava ai mercati la sua voglia di crescere attraverso l’emissione di obbligazioni a gogo ) ci comunica tramite i suoi analisti che i mercati, l’equity non è più a buon prezzo!!!!

Sorgente quella della FED sostanzialmente " inquinata "….

http://www.aleablog.com/wp-content/images/2008/04/a2_004.png

 

Portfolio strategists at Lehman Brothers on Monday said that they believe there is a tactical case for overweighting deep value companies. "This is a significant change for us as we have had a long-standing bias in favor of growth," said strategist Inigo Fraser-Jenkins. He noted that growth stocks have performed strongly in the last twelve months and are no longer cheap. "There have been material downgrades to earnings for value stocks over the past six months. It is striking that there have been no significant downgrades for growth stocks," he said. Fraser-Jenkins added that the value is currently dominated by financials.

O sono un genio io, che da mesi ritengo i mercati sopravvalutati nella prospettiva di un recessione profonda o anche i migliori analisti alle volte riposano, non dormono, riposano!

Analysts continue to underestimate the severity of the credit-market crisis that’s cost the world’s largest financial institutions $245 billion in losses and writedowns since the start of last year. Home loans gone sour and declines in the value of mortgage debt are forcing banks to set aside more money in reserve and turn to outside cash infusions for capital. Bloomberg.com

Se poi anche gli analisti di GOLDMAN_SACHS riposano allora c’è da preoccuparsi!

April 14 (Bloomberg) — Goldman Sachs Group Inc. strategists said the U.S. corporate earnings season got off to an “awful” start and shares will drop as companies slash forecasts for the rest of 2008.

“We expect generally disappointing results and a swath of lowered profit guidance that will drive the Standard & Poor’s 500 Index lower,” a team led by David Kostin, Goldman’s New York- based U.S. investment strategist, wrote in a report today. General Electric Co., Alcoa Inc. and United Parcel Service Inc. reported profits or forecasts that trailed analysts’ estimates last week.

 

As such, a view on value necessarily comprises a view on the Financials. We think that the sector will rally from here, that it offers extreme value compared with its history and it has gone through a period of intense downgrades, with signs of moderating downgrading activity over the past two weeks.

Interessante inoltre dare un’occhiata ai CREDIT_DEFAULT_RISK di Merrill, Lehman e Morgan Stanley.

Cdslehmerms

Merrill Upped Ante as Boom In Mortgage Bonds Fizzled ….WSJonline

Some 10 months after the mortgage hurricane made landfall, Merrill Lynch & Co. is still trying to dig out.

On Thursday Merrill will report $6 billion to $8 billion in new write-downs, according to a person familiar with the matter. The latest would bring its total since October to more than $30 billion and mean that Merrill reports a third straight quarterly net loss, the longest losing streak in its 94-year history.

La sostanza non cambia 6 miliardi su, 8 miliardi giù, 30 miliardi di qua, trenta miliardi di là, l’insostenibile leggerenza della trasparenza!

WaMu Revises Pay Plan And a Director Resigns As Holders Press Change WSJonline

Washington Mutual Inc., under pressure from shareholders, will revise an incentive-pay program that shielded executives’ cash bonuses from some costs tied to mortgage losses and foreclosures.

The move was announced at the annual meeting of the nation’s largest thrift by market capitalization, where Chairman and Chief Executive Kerry Killinger said the director who oversaw the board’s finance committee during WaMu’s plunge into subprime and adjustable-rate mortgages had resigned.

Also, shareholders voted to ask Mr. Killinger to give up his role as chairman, as the bank continued to take a financial beating, with a first-quarter loss of $1.14 billion, or $1.40 …

Cristalli fragili, fragili finanze……..WAMU…S a BAILAR il TANGO del SUBPRIME!

 

Questa la classifica delle azioni sospese nell’universo finanziario lontane dalla realtà dei fondamentali secondo Lehman.

Ieri in un commento scrissi attenzione alle perle finanziarie dell’ Isola della Regina ed immancabile arriva la conferma…… questa lista è tutto un programma, guarda caso pensavo proprio a Royal Bank Scotland Group!

1082.jpg

Unicredit e Telecom Italia, cristalli fragili di casa nostra secondo Lehman!

 

IL LENTO TRAMONTO DEI CONSUMI!

C’è sempre un’alba e un tramonto per ogni cosa sulla terra e illudersi che i consumi americani potessero continuare a reggere questo ritmo era solo frutto di mancanza di realtà, qualunque analista dovrebbe leggere i dati sulla base non delle sue speranze o dei suoi timori, ma cercando di intravedere tra le righe una dinamica già scritta.

Le vendite al dettaglio " inflation adjusted " sono rimaste invariate nel mese di marzo.

L’aumento del 0,2 % è riconducibile essenzialmente agli aumenti degli alimenti, della benzina e del gasolio di riscaldamento, vendite di carburante balzate dell’ 1,1 %. Siamo alla peggior dinamica dal 2002.

Decisamente interessante al riguardo questo sito, NEWJERSEY_GAS_PRICES che evidenzia la differente situazione in atto nei vari stati americani con la California in fiamme, sotto ogni punto di vista, in maniera particolare per quanto riguarda il mercato immobiliare.

Source: New Jersey Gas Prices.
gas_map_apr_08.jpg

Esclusi energia ed alimentari le vendite sono rimaste anemiche e se proprio vogliamo guardare sino in fondo in termini reali, sono negative, cristalli fragili, un elefante nella stanza la recessione che vedrà ulteriormente diminuire le aspettative per il preliminare del PIL del primo trimestre. Nessun contributo positivo neanche dalla vendita di automobili alla lettura del PIL e l’innarestabile declino della vendita di mobili e materiale da costruzione è un termometro infallibile per determinare un punto di svolta nel mercato immobiliare.

 

>

 

 

 

 

 

 

  

thanks to http://www.haver.com/

 

CONTAGIO IMMOBILIARE !

In questi ultimi mesi la dinamica " subprime " e la Grande Depressione Immobiliare hanno monopolizzato l’attenzione di analisti ed osservatori , la pagliuzza nell’occhio immobiliare Americano, dimenticando spesso e volentieri la trave  presente in alcune realtà europee e mondiali. HOUSING_WOES_IN_US_SPREAD_AROUND_GLOBE!

 

In Ireland, Spain, Britain and elsewhere, housing markets that soared over the last decade are falling back to earth. Property analysts predict that some countries, like this one, will face an even more wrenching adjustment than that of the United States, including the possibility that the downturn could become a wholesale collapse.

Citing the reverberations of the American housing bust and credit squeeze, the International Monetary Fund last Wednesday cut its forecast for global economic growth this year and warned that the malaise could extend into 2009.

Particolarmente significativo il titolo dell’ Economist della scorsa settimana ovvero semplicemente THE_BUST_BEGIN!

Reuters

 

FOR years the housing market in Britain has defied gravity. For a few months in 2004 and 2005 house prices moderated, before taking off again. But now, finally, tighter credit and overstretched household budgets are pulling prices down.

A collective shudder ran down the spines of British homeowners on Tuesday April 8th when Halifax, a part of HBOS and the country’s biggest mortgage lender, revealed that house prices fell in March by 2.5%. The monthly decline recorded by the Halifax house-price index was the biggest since September 1992, when the housing market was enduring an agonisingly prolonged bust.

LA stessa S&Poor’s per quanto possa valere oggi il parere di una agenzia di rating, ha sottolineato che è in quei paesi dove la bolla immobiliare si è espansa per troppo tempo, che la correzione potrebbe essere grave e alquanto dolorosa.

Particularly at risk are the UK housing market, where the financial crisis is exacerbating issues of affordability and general economic gloom, and the Spanish housing market, which is coming to terms with a largess of new homes, S&P said.  CNNMONEY.com

 Se mai ve ne fosse bisogno eccoVi una HOUSEPRICE_CRASH_CALCULATORS!

 

Nel frattempo in America nulla di nuovo dal fronte immobiliare l’indice NAHB che testimonia la fiducia dei costruttori edili, resta in camera di rianimazione e le notizie sono pessime:

“With the traditional home buying season now well underway, we have not seen the bump in sales activity that we normally would this time of year,” said Sandy Dunn, NAHB president and a home builder from Point Pleasant, W.Va. “At this point, all eyes are on Congress and its efforts to craft meaningful legislation to help support the housing market and stabilize our nation’s economy before it heads deeper into recession.”

Traduco …….Con l’avvio della tradizionale stagione degli acquisti immobiliari ormai in corso non abbiamo visto il tradizionale balzo nell’attività di vendita come normalmente avviene da anni in questa stagione!

Ciò significa che la prossima settimana i dati relativi alle vendite di abitazioni nuove ed esistenti, non saranno certo entusiamanti,  contribuendo ad aumentare la dinamica di accumulo degli inventari e di conseguenza alla caduta dei prezzi.

Se volete un’ulteriore conferma, anche se localizzata in California, date un’occhiata a questo articolo…….da brividi! DQNEWS.com …..nella California del Sud mercato semicongelato, la stagione delle vendite inizia con un crollo del 50 % rispetto alla media e un nuovo record negativo nel prezzo mediano di vendita.

La Jolla, CA— The onset of spring did little to thaw Southern California’s semi-frozen housing market: The seasonal boost in sales between February and March was less than half its normal level and a record low. The weak start to the home buying season also saw another record dive in the median sales price, the result of depreciation, slow sales for higher-priced abodes and growing sales for discounted homes fresh out of foreclosure.

Non credo che nessuno abbia la più pallida idea di quello che è in realtà la situazione, con quell’idea istituzionale di cercare di spegnere ogni incedio reale con l’ottimismo di maniera.

Questo post di MIKE_SHEDLOCK illumina il lettore sulla situazione esplosiva in atto in California.

Just two banks, Washington Mutual and Countrywide, wrote more than $300 billion worth of option ARMs in the three years from 2005 to 2007, concentrated in California. Others—IndyMac, Golden West (the creator of the option ARM, and now a part of Wachovia)—wrote many billions more. The really amazing thing is that the meltdown in California is already happening and virtually none of these loans have yet reset.

Nel frattempo US_FORECLOSURES_JUMP_57 % secondo RealtyTrac con un raddoppio delle proprietà cadute nelle mani degli istituti finanziari, una famiglia ogni 538 con Nevada, Florida e California al top!

“We’re not near the bottom of this at all,” said Kenneth Rosen, chairman of Rosen Real Estate Securities LLC, a hedge fund in Berkeley, California and chairman of the Fisher Center for Real Estate at the University of California at Berkeley.

“The foreclosure process will accelerate throughout the year.”  

Looking ahead to 2010-2011 I see a different set of problems. Those problems are Alt-A and Pay Option ARMS. And that is where the liar loans (no-doc loans) are hidden. Liar loans are likely to blow up long before we get to 2011

But where prices fall 40 percent to 60 percent, all that goes out the window. Why? Because in expensive locales like San Diego, tens of thousands of people with 100 percent loan-to-value mortgages and option ARMs are living in homes in which they have no equity and on which they owe a lot more than the house is worth.


No, non abbiamo alcuna idea di quello che verrà, ne di quello che sta succedendo, so solo che questo fine settimana vedrò di finire il post relativo al mercato immobiliare, dal titolo " REALISMO IMMOBILIARE " e poi capirete in maniera consapevole dove stiamo andando!

Nessuna luce quindi in fondo al tunnel ed una possibile accellerazione delle foreclosure, nel corso del 2008, che contribuirà ad aumentare gli inventari e a fare scendere i prezzi della case.

Prepariamoci la prossima settimana a un’autentico tsunami dei dati relativi al mercato immobiliare. Date un’occhiata a questo POST   scritto in occasione dei precedenti dati e date un’occhiata ai grafici qui sotto!

thanks to http://housingdoom.com/

 

Existing Home Sales NSA

Thanks to CALCULATEDRISK

Se le vendite non decollano nel mese di Marzo, se il buon giorno si vede dal mattino, l’intera stagione è compromessa!

L’EMPIRE STATE MANIFACTURING ,OTTIMISMO GRATUITO!

April 2008 Report  http://www.ny.frb.org/survey/empire/empiresurvey_overview.html

General Business Conditions

 Spettacolare inversione a V da parte dell’Empire State Manifacturing dello Stato di New York e questa volta deve ammettere la mia superficilità ad aver enfatizzato in passato questo indicatore.

Ebbene visto l’entusiasmo del mercato in seguito all’inversione da – 22 a + 0,6 sono andato ad analizzarmi a fondo questo indicatore e guardate cosa vi ho trovato:

a) nuovi ordini in aumento e inflazione in tensione nei prezzi, maggiore livello dal 2005, occupazione vicino allo zero, future indexes più deboli e spesa in conto capitale al livello più basso dal 2003, ripeto investimenti in discesa costante.

b) in un sondaggio sulle tendenze occupazionali il 45 % prevede assunzioni mentre il 29 % no e udite udite alla richiesta delle cause dei precedenti allontanamenti dal lavoro hanno risposto che i pensionamenti sono stati di gran lunga superiori ai licenziamenti.

Volete sapere come viene determinato il risultato di questo indice…..

The survey is sent on the first day of each month to the same pool of about 200 manufacturing executives in New York State, typically the president or CEO. About 100 responses are received. Most are completed by the tenth, although surveys are accepted until the fifteenth.

100 risposte ad alcune domande modificano il sentiment dei mercati ……..dimenticando che …….Lunedì è uscito il CEO’s Conference Board Confidence Index sce per l’ennesima volta da 39 a 38 nel primo trimestre di quest’anno giù di 15 punti dallo scorso anno! Il più basso livello di fiducia dal quarto trimestre dell’anno 2000 il trimestre che precedette l’ ultima recessione, pessimismo più che giustificato dalla situazione, ma il mercato alla ricerca della ormai leggendaria luce in fondo al tunnel si esalta per un indice manifatturiero di uno stato essenzialmente basato sul Business.

Record del Petrolio? Ordinaria amministrazione! Inflazione alle Stelle? Sono mesi che la FED ci racconta che dovrebbe moderarsi, domani, posdomani, chissà! Foreclosure ai massimi e raddoppio dei pignoramenti, film già visto, visto e rivisto ed allora brindiamo all’ Empire State Manufacturing che rimonta ragazzi, questo rifiuto della realtà mi ricorda tanto il mercato durante gli anni 29/30 stesse sensazioni, stesse dinamiche!

http://www.conference-board.org/economics/indicatorsExpectations.cfm

A proposito di ottimismo, INTEL condivide un outlook per il secondo trimestre di tutto rispetto……che abbiano trasferito il quartier generale sulla …….Luna!

CORPORATE BANKRUPTCIES RISING! OCCHIO AI CREDIT DEFAULT SWAPS !

Activity in credit derivatives has continued to explode in spite of investors’ and regulators’ growing concern that recent events such as the Bear Stearns’ implosion have highlighted potential weaknesses in the infrastructure of this market.

The total volume of outstanding credit derivatives contracts stood at $62,200bn at the end of last year, up from $34,500bn a year earlier, the International Swaps and Derivatives Association will announce at its annual conference in Vienna today. This is 10 times the level of four years ago.

FINANCIAL_TIMES!

 

Large OTC Markets + Excessive Leverage + Fair Value Accounting = Systemic Risk
April 14, 2008

"Fair value" accounting is obviously appropriate for you if you are a securities broker. But should everybody else in the world be accounted for as if they were securities brokers? That is hardly obvious, indeed highly dubious. From the proponents of this dubious position we constantly hear that they are only insisting on "the facts" of market prices. Of course they admit that in many cases there is no active market or no market at all, but then we need estimates-as is true in many other areas of accounting. They also admit that markets can be panicked and reach fire sale prices that will be judged by later observers as irrational, but say that nonetheless that’s "the fact" of the market price now.

Alex Pollock
American Enterprise Institute

 

http://us1.institutionalriskanalytics.com/pub/IRAMain.asp

 

LIBOR O NON LIBOR. LA VERITA’ NASCOSTA!

Some banks don’t want to report the high rates they’re paying for short-term loans because they don’t want to tip off the market that they’re desperate for cash. The Libor system depends on banks to tell the truth about their borrowing rates….

Questions about Libor were raised as far back as November… In a recent report, two economists at the Bank for International Settlements, a sort of central bank for central bankers, also expressed concerns that banks might report inaccurate rate quotes…..

In a report published in March by the Bank for International Settlements, economists Jacob Gyntelberg and Philip Wooldridge raised concerns that banks might report incorrect rate information. The report said that banks might have an incentive to provide false rates to profit from derivatives transactions. The report said that although the practice of throwing out the lowest and highest groups of quotes is likely to curb manipulation, Libor rates can still "be manipulated if contributor banks collude or if a sufficient number change their behaviour."

Cristalli fragili, così ………..trasparenti!!!!!! Il calice non attrae le labbra se non traluce il colore del vino attraverso la trasparenza del cristallo. ( Gibran )

http://online.wsj.com/article/SB120831164167818299.html?mod=hpp_us_whats_news

E’ una crisi sostanzialmente finanziaria si sente ripetere, i bilanci della Corporate Americana non sono mai stati così in forma, la liquidità non è un problema per le aziende……..

Ebbene per alcune realtà con vi è alcun dubbio che sia cosi ma …….

 

 

US corporate bankruptcies are accelerating as the economic slowdown compounds the end of easy credit…..Increased levels of distressed corporate debt signal that failures will accelerate, says Lynn LoPucki, a professor at the University of California, Los Angeles law school who studies bankruptcies. 

The amount of distressed corporate bonds jumped to $206 billion April 11 from $4.4 billion in March 2007, according to a Merrill Lynch & Co. index of bonds yielding at least 10 percentage points more than Treasuries.  The share of leveraged loans considered distressed was 16 percent at the end of March, the highest since 1997, says Standard & Poor’s, based on loans trading below 80 percent of their face value.

Il livello di prestiti a leva considerati a rischio è salito al 16 % alla fine di marzo, il livello più alto dal 1997 secondo Standard & Poor’s, sulla base di prestiti commerciali sotto l’80 per cento del loro valore nominale.

“Money was so easy, companies that should have failed were kept alive,”

E si il livello di liquidità è stato così alto che chiunque ffaceva fatica a fallire!

 “Now in the corporate market, the shoe is just beginning to fall, and we’re poised for a major correction that has been coming for at least a decade.”

Siamo solo all’inizio, siete pronti per una correzione altrettanto decennale ?

"I think this is the beginning,” said Brett Barragate, a bankruptcy lawyer at Jones Day in New York. “ ork. “You have rising defaults into a market where it’s virtually impossible to get refinanced.”…. “ 

Figurarsi quale aiuto può avere un’azienda in difficoltà nella ristrutturazione del debito in un ambiente sostanzialmente CREDIT CRUNCH!

 

Se apprezzi la rotta di questo veliero, le analisi e le visioni del suo capitano, se ritieni interessanti notizie, curiosità e  " verità " nascoste che in molti oceani finanziari giaciono dimenticate negli abissi dell’ottimismo di maniera, un piccolo contributo per la " manutenzione " del veliero fà sempre piacere!

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
57 commenti Commenta
Scritto il 16 aprile 2008 at 07:05

Luci in fondo al tunnel, nella nostra Società ve ne sono molte di più di quello che crediamo…..importante è alimentarle, noi stessi possiamo essere una luce, credere in se stessi e nel cambiamento è essenziale!

Come dice Partha Dasgupta, “abbiamo bisogno gli uni degli altri, ci dobbiamo fidare, anche indirettamente. La società, prima ancora che l’economia, funziona quando ci sono delle interazioni reciprocamente vantaggiose perché si fondano sulla mutua fiducia”.

Nel suo ultimo libro “Economics. A very short introduction” quattro sono i pilastri della fiducia fondante delle comunità umane:

a) l’affetto reciproco che costituisce la comunità famigliare, che crea una casa vera
b) l’atteggiamento civico, sociale, studiato dall’economia comportamentale per cui se stringo la mano a qualcuno è perché mi fido e voglio pensare che non cerchi di imbrogliarmi. Il cinico dirà che ognuno ha un prezzo, ma forse non è proprio cosi!
c) Le regole della Legge, lo Stato di Diritto, quando è l’autorità esterna che garantisce il rispetto dei patti
d) Norme sociali che garantiscono l’attuazione degli accordi.

come dice Amartya Sen…….
” Se è vero che gli individui in realtà, perseguono incessantemente e senza compromessi solo il loro ristretto interesse personale, allora la ricerca della giustizia verrà intralciata a ogni passo dall’opposizione di tutti coloro che abbiano qualcosa da perdere dal cambiamento proposto. Se invece gli individui, come persone sociali, hanno valori e obiettivi di più vasta portata, che includono la comprensione per gli altri e un impegno verso norme etiche, allora la promozione della giustizia sociale non dovrà necessariamente fronteggiare un’incessante opposizione a ogni cambiamento.”(…)

Buona giornata Andrea

Scritto il 16 aprile 2008 at 07:56

Perfetto, Andrea.
Questo lo vivo tutti i giorni col mio lavoro (ho sempre cercato l’innovazione) ed ho sempre trovato molte persone che non fanno il bene dei pazienti, ma solo il loro interesse. E’ quello che ostacola i cambiamenti, ma si può anche capire….
E’ molto lungo… ne riparleremo.

Bill

utente anonimo
Scritto il 16 aprile 2008 at 11:23

Una domanda al ottimo Andrea :
ma gli utili smodati degli anni passati di questa finanza scriteriata e le enormi disponibilita’ liquide dei costruttori edili americani, dove li hanno messi?
non e’ che sono in agguato per comprarsi tutto a prezzi fallimentari magari tra 12/24 mesi?
perche’ io non credo assolutamente che questi abbiano investito in prodotti spazzatura o in aree urbane da edificare ai prezzi folli che avevano raggiunto.
grazie per l’eventuale risposta.

Robert.

utente anonimo
Scritto il 16 aprile 2008 at 12:47

‘’Questo rifiuto della realtà mi ricorda tanto il mercato durante gli anni 29/30 stesse sensazioni, stesse dinamiche!”

Caro Andrea, a proposito della crisi del 29 ti ricordo che l’indice americano recuperò quasi tutto prima di precipitare dando origine alla più grande crisi che la storia ricordi.

Ciao.

Mas

Scritto il 16 aprile 2008 at 13:29

Caro Robert, il termine ” privatizzazione dei profitti ” è la migliore risposta alla tua domanda!

Per il resto l’ingenuità naviga anche nell’oceano della ricchezza!

Andrea

utente anonimo
Scritto il 16 aprile 2008 at 13:33

Domanda da povero ignorante.

Ma visto che in natura nulla si crea e nulla si distrugge,
la stessa cosa vale per il denaro?
Cioè tutti i soldi che hanno guadagnato nel settore immobiliare.. che fine hanno fatto? Non è che c’è stato solo unp spostamento di liquidita?
Forse sulle commodity sta finendo?

Grazie e scusate la mia ignoranza.
M.

utente anonimo
Scritto il 16 aprile 2008 at 14:02

Vorrei provare a rispondere ad M in parole povere:
1. Una parte dei soldi realizzati con la speculazione immobiliare sono bloccati nel settore immobiliare sotto forma di appartamenti invenduti, che peraltro si svalutano di giorno in giorno
2. Un’altra parte dei soldi guadagnati è finita nel calderone delle svalutazioni delle banche. Se io ho guadagnato 100 e la banca mi presta altri 200 per comprare una casa che pago 300, se io non riesco a rimborsare il mutuo io perdo tutti miei 100 e la banca perde 200 meno quello che recupera vendendo la casa all’asta
3. Un’altra parte dei soldi è finita in azioni, e si è polverizzata nei crolli borsistici (attenzione! crolli di solo alcuni titoli; altri hanno parecchio da scendere prima di arrivare ad esempio ai minimi del 2003)
4. Un’altra parte dei soldi è finita in consumi voluttuari e di lusso, barche milionarie, voli in prima classe e bottiglie di cognac a 6000 $ come si usa a Le Cirque
5. Infine, una parte è finita nei paradisi fiscali, sui conti dei soliti furbi, o in quei fondi di investimento che stanno guadagnando miliardi (virtuali) speculando sulle materie prime

Se qualcuno vuol completare il quadro di cui sopra, saro’ molto grato.

Guido

Scritto il 16 aprile 2008 at 14:06

Inflazione sotto controllo negli States quindi nessun problema, l’ombra della deflazione made in Japan si distende dolcemente sui mercati, crolla l’utile di JP Morgan, crollano i permessi e i cantieri immobiliari e la vita continua!

Andrea

Scritto il 16 aprile 2008 at 14:12

Non continuate a scusarvi della Vostra presunta ignoranza, ignorante è colui che non anela alla conoscenza, nulla si distrugge nulla si crea nella chimica, ma in economia è leggermente diverso, così pure nella finanza noi comuni mortali ben poco sappiamo, naturalmente oggi un oceano di denaro si stà riversando sulle softcommodity in particolare e sulle materie prime tra l’indifferenza della moltitudine e la preoccupazione di circostanza delle istituzioni nazionali e sovranazionali.

Nulla cambia, forse, tutto è per sempre uguale.

Andrea

utente anonimo
Scritto il 16 aprile 2008 at 14:13

Grazie Guido.
M.

utente anonimo
Scritto il 16 aprile 2008 at 14:15

Grazie Andrea.
M.

Scritto il 16 aprile 2008 at 14:33

Riprende il volo dell’ ORO dopo le vendite del Fondo Monetario Internazionale.
…..http://www.kitco.com/charts/livegold.html

A proposito, credo per la prima volta, oggi l’ottimista Sole 24 Ore pubblica in prima pagina il ” nostro ” Nouriel Roubini con le ” QUATTRO LETTERE MISTERIOSE DELLA RECESSIONE AMERICANA! ” articolo che noi abbiamo già visto come sempre in anteprima nell’ ” ABECEDARIO DELLE RECESSIONE ” un riconoscimento forse tardivo alle ” visioni ” di un grande economista!

Andrea

Scritto il 16 aprile 2008 at 15:21

Caro Mas tu leggi l’analisi tecnica, io mi baso su quella fondamentale e vi è solo una considerazione da fare, sino ad oggi i mercati non hanno scontato nulla!

Se poi come sembra stà arrivando il vento gelido della STAGFLAZIONE allora questa sarà una nuova Grande Depressione perchè nessuno ha ancora compreso quanto stà accadendo.

Per quanto riguarda i mercati lasciamo che vivano la loro storia, fatta di speculazione e capitalismo selvaggio, oggi nei mercati la parola investimento assume i contorni di una leggenda, la manipolazione è all’ordine del giorno e quello che succederà sarà scritto sulla roccia del tempo.

Per il resto sarà solo uno dei tanti crolli di un impero, un crollo come un’altro che sarà seguito da una nuova alba di cui nessuno di noi conosce i contorni.

Andrea

utente anonimo
Scritto il 16 aprile 2008 at 15:26

Parliamo di casa nostra.

Roma, 15 apr – A marzo le immatricolazioni di auto in Europa (UE 23 + Efta) sono calate del 9,5% rispetto allo stesso mese del 2007 raggiungendo un livello di 1.654.214 unità dalle 1.827.128 precedenti. Lo si apprende dai dati provvisori forniti dall’associazione europea dei produttori di auto (Acea).
Le vendite dell’Europa Occidentale sono scese del 10,2% a 1.551.259 unità. Tra i cinque principali mercati, trend negativi per la Germania (-14,4%), per la Spagna (-28,2%), per l’Italia (-18,8%) e parzialmente per la Francia (-0,5%), mentre hanno tenuto le vendite in Gran Bretagna (+0,5%).

Non mi pare siano piccole variazioni.

Altair

utente anonimo
Scritto il 16 aprile 2008 at 15:52

Caro Andrea, se con il termine” leggi “ l’analisi tecnica ti riferisci al fatto che mi limito ha riportare commenti di analisti tecnici, sei in errore.
Cerco di utilizzarla per come sono capace senza nessuna pretesa di verità ma anche senza condizionamenti esterni.
Se invece con il termine “leggi “ intendevi la utilizzi , ti chiedo scusa del mio inutile intervento.

Con stima.

Mas

utente anonimo
Scritto il 16 aprile 2008 at 15:57

Breaking news:
Costruzioni e vendite di case ai minimi negli USA
Calo dei valori immobiliari in UK
Scorte petrolifere USA ai minimi e prezzo intorno ai 114$ al barile
Inflazione Eurolandia al 3.9%
Merrill Lynch annuncia altre perdite sui subprime ecc. ecc..
Ma intanto basta che Intel annunci risultati discreti perché tutti si mettano a salire come matti, comprese le borse europee.
Siccome una rondine non fa primavera, per favore, qualcuno che ci capisce (io faccio l’economista e non me ne intendo abbastanza :-))) mi sa spiegare che sta succedendo? E’ solo il mare di liquidità che gira? Stiglitz, Roubini noi del Blog siamo fuori di testa??

Guido

utente anonimo
Scritto il 16 aprile 2008 at 16:24

Caro Guido, la mia idea, come ho già avuto modo di sostenere, è che Banche e Fondi vogliano rifilare ai risparmiatori un bel po’ di spazzatura che si ritrovano in pancia, e per farlo hanno un unico modo: prima far risalire i mercati .

Ciao

Mas

utente anonimo
Scritto il 16 aprile 2008 at 17:27

Buon pomerggio a tutti
Nonostante qualcuno si era permesso di prendermi in giro quando, giorni fa avevo indicato una data per la seconda svolta nel 16 aprile….mi sembra che anche stavolta….è andata…io non rispondo agli altri con offese e derisoni che lasciano il tempo che trovano…ma con qualche fatto si….
Ed anzi fra l’altro a chi mi aveva detto che era short gli dissi che era giusto ma doveva chiudere qulla posizione proprio il 16 aprile
Adesso le posizioni si vendono il 23 o il 28 aprile seguendo il cammino che faranno gli indici
Ciao a tutti
Giulio

utente anonimo
Scritto il 16 aprile 2008 at 17:46

Io ho solo un presentimento, che i grandi speculatori sono qui in UE,
vogliono l’euro forte – stanno speculando sulle materie prime basilari alla vita
di molte genti e paesi – e hanno sottomesso le masse al proprio interno con
salari e stipendi che perdono potere ogni giorno dalla galoppante inflazione.

Se questa situazione continuerà per qualche anno, sorgeranno diversi problemi
Qui in UE e allora ringrazieremo il potere nascosto e avido di questo Unione.

Pietro

utente anonimo
Scritto il 16 aprile 2008 at 17:58

x giulio.
Visto che sei così bravo perché te la tiri così tanto? Non ti bastano i soldi che guadagni?
Cosa vuoi dimostrare e a chi?
Toni.

Scritto il 16 aprile 2008 at 18:06

Mas come ha potuto dubitare della mia frase, proprio tu mio carissimo compagno di viaggio…..

Carissimo la ” maledizione ” di internet è che è tutto virtuale ed è per questo che io non dò alcun consiglio operativo, inoltre è sempre difficile farsi comprendere sino in fondo.

Il riferimento all’analisi tecnica ed alla sua lettura era esclusivamente riferito all’uso, uso che la maggior parte del mercato se non la quasi totalità ne fà, poi ognuno la deve interpretare con la sua consapevolezza come hai dimostrato di saper fare tu.

Vedete come abbiamo più volte visto è inutile spiegare la psicologia del mercato, se ad esempio questa sera IBM lancia un profitwarning o dichiara un crollo degli utili domani crolla di nuovo il mercato anche perchè IBM come abbiamo già visto è il pezzo grosso che influenza l’andamento del DOW JONES.

Prima Mas faceva riferimento allo spike dei mercati nella Grande Recessione, per me lo spike è già stato fatto a giugno / ottobre dello scorso anno a seconda dei mercati, un eccesso di irrazionalità alimentata dalle operazioni LBO & M&A acquisizioni e fusioni societarie.

Fino a quando vi sono il 60 / 70 % dei gestori che credono che a fine anno i mercati saliranno di un 5/10 % non vi alcuna alternativa si sale per il nulla e si scende con la realtà!

Gestori che genuinamente ( date un’occhiata agli outlook per l’anno 2008 ) vivono di commissioni o analisti che sarebbe meglio analizzassero se stessi.

Inoltre la presenza del ” mercato ombra ” è in grado di manovrare a piacimento qualsiasi indice, tranne il FOREX troppo grande per i loro gusti.

Se qualcuno di Voi ama la vita da pirata o Corsaro dell’oceano finanziario oggi è il momento di rischiare sulla volatilità di onde che tornano solo ogni tot anni ( anche se vi chiedo solo di lasciar perdere derrate alimentari e materie prime essenziali ) , ma se siete semplici navigatori, risparmiatori, a quali mi rivolgo abitualmente torno a ribadire il mio pensiero:

Se avete seguito da sempre la rotta del nostro veliero siamo a margini del mercato dall’autunno dello scorso anno avendo evitato perdite del 10 %15 % in media, seguendo qualsiasi ETF in oro era possibile guadagnare un altrettanto non disprezzabile 15/20 % senza l’influenza del dollaro ora non resta che gettare l’ancora in un porto sicuro euribor per eccellenza valutando attentamente l’emittente anche perchè il mio minimo di mercato non verà raggiunto prima della tarda primavera del 2009.

Se interverranno motivi per cambiare rotta, state tranquilli sarete i primi a saperlo.

Buona Serata Andrea

utente anonimo
Scritto il 16 aprile 2008 at 20:08

Caro Toni, io non mi tiro niente, volevo solo dirvi e dimostravi che in un qualsiasi meracto, toro o orso che sia…….i momenti per guadagnare ci sono…e non si deve per forza rinunciare a stare nel mercato, anche se per brevi periodi.
Ci sono titoli e settori, che hanno fatto dal 20 al 50% dal 26 marzo al 7 aprile…e altrettanto faranno tra oggi e il 23 o 28 prossimi….seppure permane questo generale clima di catastrofe imminente…mi sembra che in pasato qualcuno ha detto che economia e borsa viaggiano o possono viggiare su binari differenti…e infatti altrimenti tutto sarebbe troppo facile
Giulio

utente anonimo
Scritto il 16 aprile 2008 at 20:45

se ci saranno motivi per cambiare rotta ormai sarà troppo tardi le borse saranno già salite e gli ultimi saranno ultimi caro Andrea

utente anonimo
Scritto il 16 aprile 2008 at 20:55

Scusa Andrea non volevo essere scortese e rispetto le tue opinioni ma a volte sembri soddisfatto se le borse scendono e questo non mi sembra giusto visto che ci sono tante famiglie che lì hanno messo i loro risparmi. Pincopallino

Scritto il 16 aprile 2008 at 22:45

Caro Pincopallo, non credo che per i risparmiatori l’unico investimento possibile sia l’equity ovvero le borse, nessuno, spero nessuno sia tanto ingenuo da mettere le sue ” uova nello stesso paniere “.

Secondo il mio concetto di diversificazione dell’investimento credo che un massimo del 20 % sia più che sufficiente da destinare al paniere azionario!

Quindi lasciamo perdere le famiglie e i loro risparmi!

Per quanto riguarda la discesa delle borse, se questo ti fà più felice, basta pensare positivo, cosi saliamo anche se la realtà è terribilmente diversa.

In tal caso consiglio a tutti il Casinò, lo spettacolo è assicurato!

Se allora parliamo di investimento, investimento responsabile, allora vedo, un’azienda che crea valore a favore di coloro che ripongono in essa la loro fiducia, i loro risparmi, per il resto la speculazione è solo un gioco, in alcuni casi un terribile gioco sporco!

Ciao Andrea

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 01:23

x22
Hai ragione, ma tu hai comprato al minimo e venduto al massimo? Mi congratulo con te.
Fai corsi? Quanto costano? Grazie.
Luigi.

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 01:26

X andrea.
Mi sembra che cominci a tirartela pure tu.
Occhio che ho visto molti (tutti) fallire nel momento che si allontanavano dall’umilta.
Te lo dico perche so che è il punto piu debole dell’uomo, la non umiltà
M.

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 07:33

Caro M. il saggio l’unica cosa che sa è quella di non sapere.
Credo che niente sia più lontano da Andrea di quello che tu sostieni.

Mas

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 07:46

olà, sono maat,
x M. del 27.
Io se fossi stato capace di prevedere gli scenari che si stanno puntualmente verificando non me la sarei solo “tirata” ma avrei affisso manifesti dapertutto e lo avrei gridato al mondo e non solo x rendere consapevoli gli altri,(come fa lui) ma x soddisfazione personale.
Quando si sa di aver svolto un grande lavoro, fatto bene, è giusto esprimere la propria gioia, come anche si può fare il contrario quando si pensa di non aver fatto bene.
Con questo volevo solo dire che io sarei molto pirotecnico ,tu forse avresti un profilo + basso ,ma a nessuno” frega “niente, l’importante è che il lavoro svolto sia di cosi alta qualità

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 07:59

OLà sono ancora MAAT
Forse fuori tema volevo spendere 2 parole sugli aumenti dei prezzi delle soft commodity .
io sono un collega di MINGHIN ,cioè coltivo anche un podere.
nel 2005 il prezzo dei cereali era del 50% inferiore al prezzo che noi percepivamo nel1990.
il problema era drammatico al punto che molti hanno fatto la scelta di non seminare e pagare le tasse e i tributi con quello che avevano in riserva.
adesso che i prezzi sono aumentati(non x tutti i prodotti agricoli vedi carne latte ecc..) sono aumentate in maniera sproporzionata le spese carburanti sementi concimi (es.la semina di grano quest’anno mi è costata il 150% in + dell’anno scorso).
il nostro problema è che i prezzi ci vengono imposti sia quelli di acquisto e sopratutto quelli di vendita.
la speculazione regna sovrana , e con la scusa dell’aumento del prodotto alla fonte, vengono caricati i guadagni di tutti.
a me picerebbe tornare indietro (anche rimettendoci) per non dare l’alibi a tutti quelli che stanno sfruttando il momento guadagnandoci e che non si fanno scrupoli di nessun genere, neanche quello di affamare una parte del mondo.

E’ solo una considerazione personale, non x difendere la categoria, ma x denuciare come il mercato venga manovrato.

Per 15 anni hanno imposto prezzi ogni anno sempre in + in calo , poi in 2 anni hanno fatto schizzare il prezzo del 70%

Scritto il 17 aprile 2008 at 09:25

Carissimo M.

A un visitatore che si descriveva come un cercatore della Verità il maestro disse:

” Se ciò che cerchi è la Verità, c’è una cosa che devi avere innanzitutto ”

” Lo so. Una passione travolgente per essa. ”

” No! Un’incessante disponibilità ad ammettere che puoi avere torto. ”

Credo di avere seminato spesso nel mio blog qua e là, questa frase:

” Le mie non sono Verità assolute, sono solo semplici visioni soggettive…. ”

accompagnata spesso da …….

” Io non conosco verità assolute, ma sono umile di fronte alla mia ignoranza “. K.Gibran

Mi scuso, se ho dato questa impressione, ma credimi anche se come dici tu il passo è breve, conosco il pericolo dell’esaltazione e lo sfido tutti i giorni.

……Il giorno dopo il maestro disse:
” Ahimè, è più facile viaggiare che fermarsi ”

I discepoli volevano sapere perchè.

” Perchè finchè vai verso un obiettivo puoi seguitare a sognare. Quando ti fermi hai di fronte la realtà ”

” Ma come possiamo mai cambiare senza nè obiettivi, nè sogni? “, chiesero i discepoli, perplessi.

” Il vero cambiamento è il cambiamento non voluto. Affrontare la realtà e il cambiamento non voluto si verificherà “.

Ebbene in questi mesi, non ho avuto il coraggio di fermarmi, di affrontare la realtà, la realtà del tempo che ” rubo ” alla mia Famiglia, non ho avuto il ” coraggio ” di sfruttare questo momento preferendo restare con i piedi per terra e rifiutando molte opportunità.

Nel comunicare la mia intenzione di ridurre il mio impegno, in questo non sono stato coerente con quanto scritto, con quanto condiviso, ora devo fare una scelta, non facile, ma devo farla!

Caro M. grazie per l’opportunità di condividere con Voi i miei pensieri.

Andrea

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 09:51

CARO ANDREA CREDO CHE FARESTI BENE A RIPOSARTI UN PO’ MAGARI DEDICARE PIU’ TEMPO ALLA TUA FAMIGLIA, IL VELIERO PUOI ANCHE ORMEGGIARLO E CAMMINARE A PIEDI, TI FARA’ BENE ORMAI SEI STANCO E DELUSO LE TUE PAROLE ORMAI SONO CARICHE DI INSOFFERENZA A PRESTO !

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 09:53

A volte è difficile esprimere i propri pensieri.
Vorrei essere piu chiaro.
Ho nel mio passato piu volte dopo guadagni consistenti, rovinato il lavoro fatto perchè ad un certo punto il mio EGO si è gonfiato.
Vorrei solo che caro Andrea non succedesse anche a te, visto l’eccellente lavoro che hai svolto fino ad oggi.
Te lo dico solo perchè so che brutta bestia è l’ego, e perchè so che è sempre pronto a rifarsi vivo.
Ma forse è solo il mio egoismo che vorrebbe che tu continuassi con il tuo ottimo lavoro…
M.

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 10:21

Probabilmente Andrea sarà stanco, ma deluso penso proprio di no, anzi.
Ha fatto e continua a fare qualcosa di straordinario.

Mas

Scritto il 17 aprile 2008 at 10:33

Confesso che alle volte trovo incredibile, come nonostante tutto, coloro che non condividono le nostre ” visioni “, proseguono il viaggio in nostra compagnia, pronti non appena possibile ad esprimere la loro opinione, a lasciare il loro messaggio in maniera alle volte ” colorita “, non appena il vento cambia direzione, quella brezza, quella sensazione che tutto sia finito, riaccende i cuori, riaccende le illusioni!

Il messaggio non cambia, il viaggio prosegue, si tratta solo di trovare un difficile equilibrio, anche se non è facile, per il resto stanco, deluso e amareggiato, sono sensazioni che non dimorano in questo viaggio, semai come dice M. il pericolo è in tutt’altra direzione.

Se poi qualche naufrago ritiene che la rotta di questo veliero non sia conforme alla sua visione, ritiene che sino ad oggi la navigazione sia frutto di casualità, ebbene nell’oceano finanziario ve ne sono di leggendari, talmente leggendari da chiamarsi…….TITANIC!

Ciao a tutti Andrea!

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 10:35

sembra che questa persona goda a riportare notizie negative e a prescindere da tutto lo trovo una cosa triste, vorrei sapere con che diritto pubblicano i suoi commenti su Yahoo finance

Scritto il 17 aprile 2008 at 11:05

Caro Anonimo 36, dica la verità, qual’è il suo lavoro, qual’è la sua visione delle cose!

Da quanto legge questo blog?

Un amico è tale quando ti comunica anche ciò che non và, quando è sincero sino in fondo!

Andrea

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 11:19

…….”Questa Persona” non gode a riportare notizie e visioni catastrofiche, ma riporta soltanto, dati alla mano, la realtà.
L’interpretazione è soggettiva, come anche ogniuno è libero di cacciare la testa sotto la sabbia e continuare a sperare…….

ULTRAVOX

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 11:31

Andrea forse lei sperava in un crollo dei mercati tipo 1929 per fare un mucchio di soldi, per questo deride sempre l’America.

Scritto il 17 aprile 2008 at 11:47

Caro Anonimo 39 se proprio vogliamo mettere i puntini sulle i, uso la mia ironia nei confronti di Wall Street e non di Main Street, nei confronti di un manipolo di avventurieri e speculatori professionisti e non certo del popolo Americano che vive sulla propria pelle una realtà che qualcuno ha confezionato ad arte!

Per il resto, creda quello che vuole, oppure passi dalla Consob e si faccia fare un elenco dei miliardi di investimenti che detengo, credo che si farà una bella risata!

La saluto Andrea

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 12:29

E’ proprio il segno dei tempi :
il mercato azionario ha rotto al rialzo a marzo, poi ha fatto qualche fnto movimento, riprenderara’ a salire con vigore fino al 25 aprile, poi storna, poi risalrira’ dopo la meta’ di maggio fino ad luglio /agosto e poi non voglio rovinarvi la sorpresa…………, e poi voglio vedere la faccia di molti idioti che pensano che tutto sia finito e che il blogger si sia bevuto il cervello, che sia un speculatore da strapazzo.
grande Andrea, non accettare provacazioni, lascia che i “Giulio” si credano i nuovi guru, a proposito andate su Advfn a leggere cosa scrive, a seguire le indicazioni che da alla lettera ti rovini piu’ che al video poker, ho passato una serata con amici a leggere, ti prego vai anche tu al leggerlo e’ Imbarazzante..

saluti
Mariano
sono stato un po assente ero negli States e adesso riparto per la City.
comunque cerchero’ di seguirti

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 12:32

La realta’ ed il desiderio !

Scarto i binari della discussione e pongo qualche semplice domanda, questo nostro bellissimo mondo sta andando verso un destino sostenibile ? Il modello di sviluppo attuale che produce 30.000 morti di fame al giorno e’ eticamente corretto ?

Sul vascello del Capitano (onore a lui) si discute di tutto ma sotto sotto, credo che tra ciurma, passeggeri e clandestini, a voi scegliere la vs. categoria la domanda a cui si cerca di rispondere sia dove stiamo andando !

Il problema e’che oggi comprando ETF o altre diavolerie sul grano e cerali posso pure fare qualche miliaio di euro di profitto ma poi ? Ma perche’ allora on fare ETF su quante persone muoino di malaria o HIV o di incidenti stradali da poter usare come hedge per case farmaceutiche i assicurazioni… su questa strada il limite non esiste se non arginato dal buon senso.

Pertanto perdiamo il contatto con la realta’ e non osiamo dire quello che e’ vero perche’ spesso ritenuto politicamente scorretto od una barba che non interessa a nessuno, ma intanto se consapevolmente accettiamo che 30.000 persone muoiano al giorno di fame accettiamo consapevolmente che un giorno questo possa accadere pure ai nostri futuri nipoti.

E concludo solo citando Toqueville:

«Può tuttavia accadere che un gusto eccessivo per i beni materiali porti gli uomini a mettersi nelle mani del primo padrone che si presenti loro. In effetti, nella vita di ogni popolo democratico, vi è un passaggio assai pericoloso. Quando il gusto per il benessere materiale si sviluppa più rapidamente della civilità e dell’abitudine alla libertà, arriva un momento in cui gli uomini si lasciano trascinare e quasi perdono la testa alla vista dei beni che stanno per conquistare. Preoccupati solo di fare fortuna, non riescono a cogliere lo stretto legame che unisce il benessere di ciascuno alla prosperità di tutti. In casi del genere, non sarà neanche necessario strappare loro i diritti di cui godono: saranno loro stessi a privarsene volentieri… Se un individuo abile e ambizioso riesce a impadronisrsi del potere in un simile momento critico, troverà la strada aperta a qualsivoglia sopruso. Basterà che si preoccupi per un po’ di curare gli interessi materiali e nessuno lo chiamerà a rispondere del resto. Che garantisca l’ordine anzitutto! Una nazione che chieda al suo governo il solo mantenimento dell’ordine è già schiava in fondo al cuore, schiava del suo benessere e da un momento all’altro può presentarsi l’uomo destinato ad asservirla. Quando la gran massa dei cittadini vuole occuparsi solo dei propri affari privati i più piccoli partiti possono impadronirsi del potere. Non è raro allora vedere sulla vasta scena del mondo delle moltitudini rappresentate da pochi uomini che parlano in nome di una folla assente o disattenta, che agiscono in mezzo all’universale immobilità disponendo a capriccio di ogni cosa: cambiando leggi e tiranneggiando a loro piacimento sui costumi; tanto che non si può fare a meno di rimanere stupefatti nel vedere in che mani indegne e deboli possa cadere un grande popolo».

La democrazia in America Tocqueville, 1840.

Massimo

p.s. io come tanti amo l’america e gli americani come paese, ma cio’ non mi previene di criticare chi li governa per spronarli a fare meglio e se non condivido le loro posizioni…

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 12:49

Se uno specchio riflette una realtà che non ci piace è colpa dello specchio o piuttosto di chi ha contribuito a rendere tale, la realtà che ci circonda?
Uno è libero di guardare la realtà attraverso uno specchio deformato, ma essa rimane tale.
Signor anonimo n. 36 si tolga i paraocchi e prenda la pillola rossa della consapevolezza.

Mas

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 14:08

Chi cammina in una strada completamente buia, solitamente si avvale di una torcia, affinché possa vedere eventuali ostacoli lungo la via, in modo da non inciampare e farsi del male.
Lo stupido o spavaldo pensa in genere che non serva e di essere autosufficiente e che a lui non capiterà nulla di tutto ciò.
L’accorto, in verità, vede più lontano e ne è felice e la sua andatura è più sicura.
Grazie Andrea per quanto fatto finora e per il futuro.

Pietro

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 14:43

WALL STREET è già in calo

http://www.wallstreetitalia.com/

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 15:12

Andrea Carissimo,

Scrivo molto poco, ma ti assicuro che leggo moltissimo.

Se hai sonno dorni, se sei stanco riposati, se hai sete bevi !

Il capolavoro di questo Veliero è che non ci sono scadenze, non ci sono trade aperti…, non c’è nessuna fretta …. l’unica cosa importante è che tu rimanga quì tra noi… con i tempi e i modi a te più consoni.

Roberto

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 15:48

Capitano purtroppo la riconoscenza non è un sentimento che alberga in tutti i cuori ma sono sicuro che la tua grandezza morale non verrà scalfita dal giudizio degli stupidi Claudio

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 15:56

Una risposta al Post 36…

Si critica chi si ama !

Ma di solito nella vita si tende a criticare propio chi si ama di piu’ e si prova cosi’ a fargli presente i propri comportamenti, d’altro canto a chi ci importa meno (aime’succede) si abbozzano formali sorrisi.
Ebbene per quanto ho letto e leggo su questo post e’proprio perche’ il Capitano ama questo mondo ed il mondo della finanza che critica, sarebbe maggiormente ipocrita e di nessun valore dare solo le notizie buone, perche’ il mondo e’ cosi. Sinceramente non gradirei un mondo dove, contrariamente a quanto accade in realta’, ci raccontassero che tutto va bene, si perderebbero gli stimoli a migliorarci ed in fondo a costruire con le nostre azioni quotidiane un posto migliore dove vivere ! In questo veliero io ci ho visto una straordinaria uanita’merche che non si trova quotata perche non la si fabbrica.

Ora smetto di bere caffe’…e grazie come sempre al Capitano.

Massimo

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 15:57

Lezioni di ortografia Cercasi…..
Massimo

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 16:14

Leggo sempre con piacere il blog almeno una volta al giorno; da mesi sono liquido e guardo i mercati cercando di indovinare quando ripartiranno, non credo proprio che un blog come questo influenzerà in positivo o in negativo i mercati, ma magari influenzerà in positivo i portafogli dei lettori più attenti.

Andrea per me puo’ scrivere quello che gli pare (se lo merita con tutte le ore di lavoro che ci mette) e se a volte si butta sulle poesie sono affari suoi.

Per quelli a cui il blog non piace, che lo trovano troppo pessimista, che pensano che facciamo il tifo al ribasso, che siamo catastrofisti, ecc ecc suggerirei di smettere di leggerlo e di dedicarsi al proprio portafoglio azionario/obbligazionario o alternativamente al proprio giardino/orto/frutteto accompagnati dal mio più cordiale vaffanborsa .

utente anonimo
Scritto il 17 aprile 2008 at 18:38

Scusatemi ho letto i vari post e mi permetto di uscire in punta di piedi come vi ero entrato ca 9 mesi fa. Leggevo sempre con piacere il blog di Andrea e i commenti dei pochissimi che lo popolavano e ricordo Fabio e il suo Ottobre rosso. Mi dispiace se qualcuno ha frainteso come sempre le mie parole, mi dispiace se qualcuno si è venuto a fare due risate….si tratta di persone che hanno perso tanto in borsa e che si cerca di aiutare a non commetetre altri gravissimi errori (proprio perchè su quel forum c’è chi incita all’acquisto di penny stocks)..poi su un forum ognuno può dire la sua..ma soprattutto a persone che hanno dilapidato soldi in borsa che non hanno nemmeno la terza media non puoi certo parlare come si potrebbe esprimere Andrea, seppure uno ne fosse capace…..Cmq ringrazio sempre il capitano di tutti (chi è dentro e chi è fuori dalla borsa), e soprattutto perchè mi ha permesso di indicare una strada, almeno per il primo trimestre dell’anno a tanti che invece avrebbero, nella smania di riprendersi, distrutto quel poco che era rimasto nel loro portafoglio.
IL tuo, carissimo Andrea è un lavoro immenso, e tutti quelli che hanno potuto leggere, anche perchè consigliati a suo tempo, hanno aumentato in modo considerevole il numero di visitatori e sono divetati ammiratori del tuo stile.
Spesso ne parliamo tra noi, anche se ripeto, e non me ne volere (ma so che non me ne vuoi) la catastrofe che deve ancora venire (perchè verrà) forse è ancora lontana. Penso di essere libero di espimere un punto di vista così come voi esprimete il vostro. Grazie ancora Andrea per la tua cordiale ospitalità
Giulio

Scritto il 17 aprile 2008 at 22:47

Grazie Massimo, UltravoX. Piero, Mas, Claudio, Roberto ed ancora Massimo per quella tua pennellata di Tocqueville che non conoscevo, grazie, alcuni commenti lasciano il tempo che trovano ed io ho ben presente la stima del nostro equipaggio, grazie anche a te Guido, forse in punta dei piedi si possono fare tante cose insieme!

Ciao anche a Te Mariano, vagabondo finanziario, salutami la City da dove provengono un buon numero di contatti e specialmente dalla lontana Scozia, terra che vorrei visitare innamorato come sono dell’Irlanda dalla natura simile!

Buona notte e sempre sull’onda!

Andrea

utente anonimo
Scritto il 18 aprile 2008 at 00:00

Ciao Andrea
ti seguo sempre e con immenso piacere
ma non trovi che ormai tutte queste polemiche oltre ad essere anonime e forse circoscritte anche a poche persone(forse sempre una persona sola con piu nick chi lo sa)stiano diventando anche stuchevoli?Non vorrei che ci facessero sprecare inutilmente energie ed attenzione che invece andrebbero rivolte altrove cioè ai mercati?
Non prenderla nel verso sbagliato,magari se venissi attaccato starei anche io a replicare e reagirei anche male,chi lo sa,ma la tua buona fede e la tua grande competenza non sono in discussione,le hai dimostrate tante volte,non trovo necessario replicare a tutti gli attacchi.Lasciali sfogare,se proprio non sono in grado di reggere un contraddittorio costruttivo e nemmeno possono fare a meno di leggerti.
Io spero che tu non ti faccia tediare troppo e trascuri la rotta per replicare a chi magari solo si diverte a creare casino.
Ti saluto e ti ringrazio per quello che fai,per l’immenso lavoro messo a disposizione di tutti,anche di quelli che dicono di non essere d’accordo con te.

utente anonimo
Scritto il 24 ottobre 2008 at 12:49

Recent Links Tagged With Amministrazione[..] Bookmarked your site as amministrazione at JabberTags! [..]

utente anonimo
Scritto il 24 ottobre 2008 at 12:49

Recent Links Tagged With Amministrazione[..] Bookmarked your site as amministrazione at JabberTags! [..]

utente anonimo
Scritto il 15 marzo 2009 at 21:05

MyNetFaves : Public Faves Tagged Grafici[..] Marked your site as grafici at MyNetFaves! [..]

utente anonimo
Scritto il 15 marzo 2009 at 21:05

MyNetFaves : Public Faves Tagged Grafici[..] Marked your site as grafici at MyNetFaves! [..]

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Stoxx Giornaliero Buongiorno a tutti, situazione molto fluida sullo Stoxx, settimana scorsa a
DJI Giornaliero Buona domenica a tutti, nel mese di luglio il primo dei tre facenti parte de
  All’interno del caos politico che ci sta interessando, con teatrini che nemmeno nel
Ftse Mib: l'indice italiano dopo il test di ieri dei 21.000 punti, apre positiviamente in scia alle
Finalmente una bella notizia in arrivo dall'economia reale, mentre un gruppo di ignoranti e inco
Il mitico simposio di Jackson Hole rappresenta da anni un appuntamento quantomai atteso. Come se
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Il mese scorso avevo promesso che avrei elencato alcuni degli errori più banali che mi è capit
Ftse Mib: ieri l'indice italiano ha chiuso bene in scia alle indiscrezioni che vogliono la possibili
Leggendo i verbali dell'ultimo FOMC, Donald Trump non deve aver trascorso una serata felice, la