ICEBERG IN VISTA! aggiornamento continuo

Scritto il alle 18:53 da icebergfinanza

 

AMPLIFICANDO L’ AZZARDO MORALE IN NOME DEL RISCHIO "SISTEMICO"!

La banca centrale BRITANNICA ha detto che offrirà fino a 4.4 miliardo libbre ($8.9 miliardo) il 13 settembre al tasso di interesse del segno di riferimento, attualmente al 5.75 per cento, anziché il relativo più alto tasso usuale di pena.

(AGI) – Roma, 5 set. – La Bce sta monitorando da vicino la volatilita’ dei mercati monetari della zona euro ed e’ pronta ad agire se necessario. Lo comunica l’istituto in una nota. "La volatilita’ nel mercato dell’euro e’ aumentata – si legge nella nota – e la Bce sta monitorando da vicino la situazione. Se la situazione dovesse persistere domani, la Bce e’ pronta a intervenire per rimettere ordine sul mercato monetario".

BOE_ECB_Act_to_protect_Economies_from_higher_rates

In via continuativa ormai giorno dopo giorno gli interventi delle banche centrali non riescono ad arginare le richieste di liquidità che provengono dai mercati.

Ognuno pensi e dica quello che vuole ma non vi è alcun dubbio che la mancanza di fiducia stà contaminando i mercati finanziari e il tasso LIBOR a tre mesi in dollari è aumentato per il decimo giorno consecutivo, di 36 punti base in un solo mese determinando l’intervento tramite comunicato da parte della BOE e della BCE.

Ricordo soltanto che la BOE Banca Centrale d’Inghilterra è l’unica banca che sino ad ora ha concesso prestiti ad un tasso reale di "pena" L’aumento dei tassi testimonia una nuova possibile ondata del "credit crunch" nelle prossime settimane.

THREE_MONTH_DOLLAR_LIBOR_RISES_TO_A_SEVEN_YEAR_HIGH 

LIBOR Rate from WSJ

Ormai credo che gli effetti combinati dell’implosione dei tre fenomeni principali di questa nuova era di alchimia finanziaria, stanno minando le fondamenta del sistema e producendo un sisma che non può che produrre un’infinità di spaccature e lacerazioni alla crescita economica.

"SUBPRIME" "CONDUITS & SIV " "HEDGE & PRIVATE EQUITY"

MOODY’S_TAGLIA_IL_RATING_A 14_miliardi di dollari di bonds venduti dai SIV mentre la SEC americana accende un faro sul sistema finanziario americano.

CONDUIT’S_RISK  

 

NEW YORK, 5 settembre (Reuters9 – Citigroup (C.N: Quotazione, Profilo) e altre banche potrebbero trovarsi appesantite dalle difficoltà di alcuni SIV affiliati cui fanno capo decine di miliardi di dollari in debito a breve termine .

Lo riporta il Wall Street Journal nella sua edizione Internet di oggi. Citigroup controllerebbe circa il 25% del mercato dei conduit, per un totale di circa 100 miliardi di attivi sotto gestione, dice il giornale, ricordando che veicoli di investimento del tipo dei "conduit" o SIV (structured investment vehicles) sono scelti per operare separatamente dalle banche e restare extrabilancio.

Citi ha comunicato agli investitori che i suoi SIV sono solidi e non ci sarebbe nulla che suggerisca problemi con i propri conduit in generale, secondo il quotidiano, che però sottolinea come le recenti difficoltà dei commercial paper hanno accresciuto i timori delle ripercussioni di SIV e conduit sulle banche controllanti.

Vorrei solamente ricordare che tempo fà Vi consigliai di tenere sotto occhio questa tabella di MOODY’S che avrebbe prodotto la cartina di tornasole per le possibili esposizioni del sistema bancario tedesco alla crisi " SUBPRIME ". Dopo IKB, WESTLB, LANDESBANK SACHSEN ieri anche la BAYERISCHE LANDESBANK ha comunicato di avere un’esposizione  per circa 1,9 miliardi di euro. Si tratta di una banca pubblica, come pubblica è la KFM che è intervenuta a ricapitalizzare la IKB con denaro pubblico dietro imput del governo tedesco! Un esempio sublime di " libero mercato ", la socializzazione delle perdite. La stessa Deutsche Bank è in chiara difficoltà con perdite nel trading e per alcune sue divisioni.

 

TIMING_PERFETTO!

The asset-backed ECP market has now evolved to a primary, stand-alone funding source for the biggest asset backed market players. IMN’s Paris conference brings together the players and the source in a unique two-day interface designed to take advantage of the latest developments


– Tony M. Gioulis, Head of Securitization UK/Europe, NABCapital

The growth of the European ABCP market is likely to further accelerate significantly in 2008. In addition to the underlying economic conditions, I see recent legal and regulatory developments as positive for this market. We will explore these often complex factors at the Global ABCP and SIVs conference this September. I expect some lively discussion there.

– Omar Bolli, Senior Vice President, Head of Asset Backed Finance, Norddeutsche Landesbank Girozentrale

And FT Alphaville’s favourite e se permettete questa è veramente SUBLIME………..

In an environment plagued by subprime related volatility, SIV’s represent a relatively safe haven of stable risk adjusted returns facilitated by structural protections designed to withstand and effectively respond to market vagaries.
– Kumar Tangri, Principal, Eiger Capital

– Tony M. Gioulis, Head of Securitization UK/Europe, NABCapital

 

 The Federal Reserve Board eagle logo links to home page

BEIGE_BOOK

CRUNCH_CONTAINED

 

 


Beige Book logo links to Beige Book home page for year currently displayed September 5, 2007

Summary

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags:   |
8 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 6 settembre 2007 at 07:36

La Federal Reserve ribadisce che la crisi dei mutui subprime è limitata, spegnendo gli entusiasmi per un taglio dei tassi d’interesse a breve.
Il rapporto sullo stato di salute dell’economia americana aggiornato dalla Banca centrale Usa al 27 agosto, delinea una crescita moderata, con alcuni segnali di rallentamento, senza conseguenze pesanti per le turbolenze dei mutui subprime.
Dal settore immobiliare arrivano segnali sempre più allarmanti: i contratti di compravendita di abitazioni negli Stati Uniti, a luglio, sono crollati del 12,2% contro previsioni per una flessione ben più modesta del 2,2%. Sull’occupazione, inoltre, si iniziano ad avvertire con più incisività gli effetti della recessione del comparto immobiliare e della crisi del mercato del credito rendendo più palpabile il rischio di una frenata dei consumi, che rappresentano i due terzi del Pil Usa. Il rapporto di agosto del Challenger, Gray & Christmas mostra che il numero dei licenziamenti programmati ha segnato un rialzo del 22% rispetto ad agosto 2006.
Parallelamente all’aumento dei tagli occupazionali si registra una brusca frenata delle assunzioni. Sempre oggi l’indice ADP Employer Services – considerato uno degli indicatori più seguiti dalla Federal Reserve – ha rivelato che ad agosto le aziende statunitensi hanno fatto il più basso numero di assunzioni da giugno 2003 (38.000 unità contro le 80.000 previste).

Ancora alla ricerca di ….

By Fabio

utente anonimo
Scritto il 6 settembre 2007 at 13:15

Intanto la BCE lascia i tassi invariati, e subito dopo la notizia l’euro comincia a correre di nuovo. Ma che cavolo si aspettava il mercato???una diminuzione??? Ma se quei pazzi della BCE parlavano quasi di AUMENTO!!!

utente anonimo
Scritto il 6 settembre 2007 at 15:13

Chiaro segnale quello di oggi (alla faccia della mia banchiera) che le cose non stanno andando bene .
Ripeto la mazzata decisiva si avrà con ottobre , se avete un pò dimestichezza con i principi contabili internazionali (ias/ifrs) per l ‘ europa … saprete sicuramente l’ effetto del ribasso dei mercati sugli attivi di bilancio !
Purtroppo uno svantaggio dei nuovi principi rispetto per esempio alla normativa nazionale italiana è l’ elevata volatilità di alcune valutazioni …. e non mi dilungo (guardare metodo investimento diretto per la valutazione delle partecipazioni di controllo ecc… )

Ripeto la mia caccia è aperta …. The Hunt For The Red October

Per le banche sembra assurdo , ma per il core business forse il non aumento dei tassi costa in qualche modo . Fate un pò un ragionamento per conti tipo conto-arancio ma il tutto vale per le altre banche !

Ciao a tutti
By Fabio

utente anonimo
Scritto il 6 settembre 2007 at 16:00

Segnalo che oggi è stata immessa dalla bce liquidità per ben 42 Miliardi di € … una cifra esorbitante se si pensa che è estata emessa per un giorno . Infatti operazione di finanziamento ad un giorno . Qua ogni giorno salvano da epici crack !

Link : http://www.ecb.eu/mopo/implement/omo/html/index.en.html

The hunt for red october
By Fabio

utente anonimo
Scritto il 6 settembre 2007 at 16:03

Oggi sono state emessi ben 42 miliardi in un finanziamento ad un giorno . Cifre esorbitanti se si guarda la durata del finanziamento . Ogni giorno per me sfioriamo il crack ed è grazie a mamma bce che non si sprofonda !

Ecco qui il link :
http://www.ecb.eu/mopo/implement/omo/html/index.en.html

The hunt for red october
by Fabio

utente anonimo
Scritto il 6 settembre 2007 at 16:06

Segnalo inoltre

15:40 CELLULARI: UNA VERA BOLLA- AAPL

E’ uscito un report di Dresdner su Nokia, che in merito alle società del settore della telefonia cellulare comincia a parlare del «fantasma di una bolla». Rim, la produttrice del BlackBerry, Apple e Nokia capitalizzano 110 miliardi di dollari. Nel report viene segnalato che ogni annuncio di nuovi prodotti, la scorsa settimana l’Ovi di Nokia e ieri Apple, trascini all’insù tutto il settore. Nell’ultimo anno Rim ha incassato ben 23 buy (pari al 65,71% delle scelte degli analisti), Apple 24 (88,89%) e Nokia 31 (64,58%). E solo negli ultimi tre mesi Rim è balzato dell’87%, Apple del 55% e Nokia del 47 per cento. E tutto questo dovrebbe far pensare gli investitori.

The hunt for red october
By Fabio

utente anonimo
Scritto il 6 settembre 2007 at 20:32

A gettar benzina sul fuoco concorre il fatto che Apple ha tagliato i prezzi del suo nuovo modello…
Massimo

utente anonimo
Scritto il 7 settembre 2007 at 06:14

Oil prices gained Friday after U.S. government data showed a larger-than-expected decline in domestic crude stocks. Light, sweet crude for October delivery rose 25 cents to $76.55 a barrel in Asian electronic trading on the New York Mercantile Exchange, midmorning in Singapore.

Bel colpo Bce ! … per tenere a galla gli speculatori dei mercati , dobbiamo tutti pagare con l’inflazione !

Bel colpo …. tanto la mossa di ieri non basta sicuramente

By Fabio

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
REVOLVERSMAPS

ICEBERGFINANZA NEL MONDO

Articolo dal Network
Stoxx Giornaliero Buongiorno a tutti, lo Stoxx prosegue la sua fase di correzione dovuta all
DJI Giornaliero Buonasera a tutti, vediamo dopo la pausa estiva che percorso ha intrapreso l
Chiusura positiva per i mercati nell'ultima seduta della settimana. Interessante vedere in ambito
Divergenza nei settori, nella sperequazione economica, nelle performance dei mercati. E il grande
Ftse Mib. L'indice si allontana da quota 19.000 punti. I prossimi supporti al ribasso si collocano
Un'immagine che vale più di mille parole, il nostro Rich è un disegnatore strepitoso, la calma
Se dovessimo guardare il mercato obbligazionario, mi verrebbe quasi da chiedermi se veramente va
Queste le movimentazioni monetarie sul mercato dei derivati. Sulle Mibo netta chiusura di posizio
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Mercati: persiste la debolezza sui mercati internazionali. Ieri brutta chiusura per il Nasdaq 100. D