LA SUPERMEGABOLLA CORPORATE!

Scritto il alle 11:40 da icebergfinanza

Risultati immagini per esselunga

Recentemente vi abbiamo proposto la bolla del secolo, si quella sulle obbligazioni sovrane, la carta straccia più importante al mondo…

LA GRANDE BOLLA SOVRANA! 

Ma­riuc­cio Dra­ghi, quel­lo che non vede nes­su­na bolla in cir­co­la­zio­ne, di­reb­be che oggi un ti­to­lo emes­so da una ditta di au­to­mo­bi­li­ne qua­lun­que è più si­cu­ra di un ti­to­lo di stato so­vra­no ame­ri­ca­no…

Ieri la notizia del giorno è che un manipolo di ingenui ha fatto a gara per accaparrarsi i bond della Esselunga, si quelli della grande catena di distribuzione alimentare…

Il bond da un miliardo di Esselunga va a ruba. È meglio di un Btp

Tra un po anche le aziende fallite e decotte, potranno emettere bond a rendimenti irrisori, tanto li compra zio Mario e la sua BCE, che si stanno trasformando in netturbini della finanza europea…

Il bond Esselunga da un miliardo? Come un Btp, anzi, meglio. È stata questa la valutazione del mercato che ieri ha risposto all’offerta dell’emissione obbligazionaria lanciata dal gruppo italiano dei supermercati chiedendo titoli pari a 9 volte quelli disponibili, per un valore complessivo di 9,2 miliardi. Un record per la società degli store — peraltro al debutto sul mercato dei capitali — che il mercato ha giudicato solida sul lungo termine facendo incetta di titoli.

La risposta degli investitori ha consentito di arrivare a rendimenti inferiori di circa 10 punti base a quelli dei Btp di analoghe scadenze, fatto straordinario per un emittente che ha un business non solo nazionale ma anche concentrato in certe regioni italiane.

Il problema non è tanto la liquidità che fornisce la Banca centrale europea, che tiene in piedi banche e aziende decotte a danno di quelle sane, il problema è che stanno rastrellando i risparmi degli italiani per metterli tutti dentro nella più colossale bolla della storia, quella dei titoli corporate e high yield, tralasciando i junk per carità di patria.

Per Voi che leggete il mitico Machiavelli e che sapete come funzionano gli HFT, le famosissime machinette, l’altra notizia è che…

Machines Took Over the Stock Market. Next Up, Bonds

In sintesi, le banche stanno provando attraverso nuovi sistemi software, nuovi algoritmi a manipolare anche il mercato delle obbligazioni che come ben sapete per il momento è ancora terra inesplorata per la manipolazione. La domanda che si pone il Wall Street Journal è se i programmi, i software riusciranno a prendere il controllo anche del mercato obbligazionario.

Le banche tra cui il Credit Suisse, Goldman Sachs e Morgan Stanley stanno facendo scommesse in questa direzione, creando nuovi sistemi di software per iruscire a manipolare una quota di un mercato che vale 6.000.000.000.000 mld di dollari. il mercato corporate.

Secondo un recente studio della Banca per i Regolamenti Internazionali si stima che solo il 40% degli scambi di titoli obbligazionari investment grade è stato eseguito attraverso computer anziché tramite telefono, rispetto al 75% del trading del debito pubblico, all’80% delle azioni e al 90% in una ampia gamma di contratti futures.

È un altro esempio di banche che si rivolgono alla tecnologia per cercare di generare una crescita dei ricavi a costi relativamente bassi.

Alcuni recenti sforzi per cambiare le forme di negoziazione delle obbligazioni hanno incontrato la resistenza o sono stati eliminati. Le piattaforme offerte diverse anni fa dai maggiori broker di Wall Street, tra cui Goldman e BlackRock Inc., sono stati abbandonati.

Ma iniziative più recenti, come le reti che collegano gli investitori di obbligazioni a scambi commerciali, hanno cominciato a mostrare trazione.

Ora loro ci riprovano!, sai bellezza come diceva il mitico Irving Fisher prima del crollo di Wall Street, non si può che salire, la borsa ha ormai raggiunto una notevole stabilità economica, le quotazioni delle azioni hanno raggiunto ciò che sembra essere un livello stabilmente elevato.

Alla fine credo di aver fatto bene ad attendere con il nuovo libro, credo che nei prossimi tre o quattro anni, avrò tanto di quel materiale da poterne scrivere addirittura due, uno è già pronto in buona parte, ma come dico spesso la verità è figlia del tempo e non bisogna avere fretta, bisogna essere pazienti.

Il prossimo Machiavelli si preannuncia davvero entusiasmante… a proposito occhio alla prossima settimana!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (18 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +15 (from 15 votes)
LA SUPERMEGABOLLA CORPORATE!, 10.0 out of 10 based on 18 ratings
10 commenti Commenta
gnutim
Scritto il 20 ottobre 2017 at 15:24

Attenzione alla Mifid II che prevede che i broker debbano provare che le transazioni dei bond fuori mercato siano state fatte a prezzi di mercato, quindi attraverso le piattaforme ufficili quali Bloomberg, ecc

Questa è un assist per quelli che vorrebbero imporre gli HFT per il mercato dei bond!!!! Ce la faranno i nostri eroi a fregarci pure lì?

andreblanz
Scritto il 20 ottobre 2017 at 16:53

Le famigerate mifid quotes and trades. Ovvero l’ammazzabroker. Tutto fatto in ottica di concentrare il mercato in un manipolo di player di grosse dimensioni. Renderanno ancora piu difficile la sopravvivenza del business bancario, togliendo di fatto, standardizzando via regole , una fonte di revenues (le commissioni), in un settore gia sotto pressione per l’avvento del fintech ( con ovvie ricadute sull’occupazione). Ci sarà poi un rischio concentrazione, tutti investiranno negli stessi strumenti e posizioni, con le stesse strategie , coprendo il rischio allo stesso modo (una anticipazione sono le gestioni indirette via ETF di cui i gestori fanno incetta) amplificando cosi l’illiquiditä del mercato nel caso di shock ( come nel 1987 con le stop loss…) tutti reagiranno allo stesso modo con palesi conseguenze. Il regulator che cerca di regolare il mercato per tutelare il consumatore ma che alla fine crea piu danni che altro; che poi smantelliamo lo stato per lasciar eche il mercato si autoregoli peró mettiamo regole antimercato nel mercato per definizione, quello finanziario.

laforzamotrice
Scritto il 20 ottobre 2017 at 18:08

Comunque vedo che la POVERA Italia ha sempre un sacco di soldi da piazzare. Mah…

icebergfinanza
Scritto il 20 ottobre 2017 at 23:09

Sintesi perfetta … sarà una strage di pecore!
andreblanz@finanza,

signor pomata
Scritto il 21 ottobre 2017 at 06:56

an­dre­blanz@fi­nan­za,
Esatto.
Distruggono e sviliscono lo stato nazione ossia il cittadino medio, quello che pe campare deve lavorare e non tiene il jet privato e le doppie nazionalità.
Tutto in nome del mercato.
Nel mercato poi vogliono regole in cui la regola è che devono poter controllare i prezzi.
Si nascondono dietro la parola mercato.

Gianluca
Scritto il 21 ottobre 2017 at 10:23

Buongiorno vorrei per piacere capire bene il tbond 30 anni ( di cui andrea scrive ) perché vorrei comprarlo, incassare cedola e il rischio cambio amen
Cosa ne pensate? Sto per comprare casa … facendo mutuo da 80000 … vedo che il rendimento lordo è 2.89%

puntosella
Scritto il 21 ottobre 2017 at 16:54

Quel che fotte la trasparenza sono le deroghe ed il regolamento che riguarda i Primary
e la Clearing House dove gli ordini eseguiti durante il giorno possono essere annulati
in Stanza…. e senza che alcuno possa mettere becco…. neanche la magistratura.

CONSOB: Commissione nazionale per le Società e la Borsa
Deroghe – Differimento‐ Esenzioni

Deroghe e Differimento della trasparenza possono essere autorizzati dalle
Autorità Competenti per:
 Ordini/Operazioni su strumenti per i quali non vi è un ‘liquid market’
 Ordini/Operazioni di dimensioni elevate (Large in Scale)
 Actionable Indications of Interest nei sistemi di negoziazione RFQ e
voice/operazioni superiori alla dimensione specifica (Size specific)
 Ordini conservati in un sistema di gestione ordini in attesa di divulgazione
(Deroga Order Management)
 ‘tipi’ di operazioni
Sono esentati dal regime di trasparenza:
 Gli ordini e le operazioni eseguite in controparte di membri del sistema
ESCB
 Gli ordini su derivati con finalità di copertura eseguiti da controparti non
finanziarie

Qui sopra solo alcune….. Canis canem non est

luigiza
Scritto il 22 ottobre 2017 at 13:14

>> Ieri la notizia del giorno è che un manipolo di ingenui ha fatto a gara per accaparrarsi i bond della Esselunga, si quelli della grande catena di distribuzione alimentare…

Questa poi! Ma se il da poco defuno patron della Esselunga sig. Caprotti lasciò in eredità alal sua segretaria ben 170 (centosttanta) milioni (queta é la cifra che ricordo di aver letto, come é possibile che i nuovi amministratori (i suoi figli?) debbano ricorrere al mercato per finanziare l’azienda?
Va bene che siamo nel regno di crrrrristo dove i Lupi dormono con gli Agnelli ed i Draghi col loro soffio magico fanno sparire debiti e bolle, ma qui mi sembra di essere ben oltre l’assurdo.
E’ diventato forse il regno dei Polli come par suggerire il titolare del bolg?

noldor
Scritto il 22 ottobre 2017 at 19:03

Secondo me è un ottimo investimento in questo momento. Cedola pari ad un BTP di durata equivalente, rischio insolvenza zero, rischio di cambio molto basso nel lungo termine, possibilità che da qui a breve si apprezzi molto se i rendimenti scendono.
Non capisco però cosa abbia a che fare con il mutuo(?).

Gian­lu­ca:
Buon­gior­no vor­rei per pia­ce­re ca­pi­re bene il tbond 30 anni ( di cui an­drea scri­ve ) per­ché vor­rei com­prar­lo, in­cas­sa­re ce­do­la e il ri­schio cam­bio amen
Cosa ne pen­sa­te? Sto per com­pra­re casa … fa­cen­do mutuo da 80000 … vedo che il ren­di­men­to lordo è 2.89%

Gianluca
Scritto il 22 ottobre 2017 at 22:00

noldor@finanza,

stavo pensando di dare in pegno i tbond per un mutuo liquidità

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Oggi aggiorno la situazione ciclica dell’indice americano S&P 500. I canali di lungo period
Oggi vorrei fare una riflessione su un concetto che ho letto ieri, scritto da un trader in Italia co
Aggiornando l’analisi di lungo periodo dell’indice Hang Seng attraverso il battleplan Ventennale
Come già detto ieri lasciamo da parte la fantasia e concentriamoci su quello che farà la giuri
FTSE Mib: Il listino italiano testa in apertura la resistenza a 22.261 punti. Ieri infatti, dopo 9
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Prelievi senza carta, pagamenti tramite app e bonifici istantanei. Sono solo alcune delle evoluzioni
Malgrado la sua giovane età, il BitCoin si è già reso protagonista di diverse avventure. È p
PREVISIONE Come da previsione scorsa tra venerdì e oggi, lunedì 20 Novembre 2017, sar
Piazza Affari. Inizio di settimana difficile per l’indice FTSE Mib, che dopo poco più di un’o