TRUMP MOMENT: ORO E PETROLIO ESPLOSIONE DEFLATIVA!

Scritto il alle 08:30 da icebergfinanza

Risultati immagini per trump gold cartoons

Nel fine settimana abbiamo visto come le aspettative di inflazione si sono tirate dietro tutte le materie prime, segnalando un’ esplosione…deflativa in arrivo!

Sul dollaro in effetti abbiamo visto giusto, ma non ci voleva poi molto, bastava fare il contrario di quello che si aspettava il mercato. Per le materie prime invece è stata un debacle e pensare che Trump

Immaginecliccare sull’immagine per ingrandire

Nel fine settimana ci siamo divertiti a smontare tutte le tesi di coloro che vedono chissà quale esplosione inflattiva, quelli che vedavano il petrolio a 70 dollari in poco tempo e l’oro di nuovo a 2000 entro chissà quando.

Aggiungetevi pure questa e fatevi una risata, mentre attendete la prossima guerra commerciale!

Davvero non si finisce mai di imparare il questa gabbia di matti che è la finanza, ci sono più matti qui dentro che in tutti i manicomi del globo messi insieme.

Dopo aver rotto le palle per mesi sul nuovo rischio referendum costituzionale Italia un rischio addirittura superiore alla Brexit per i loro pennivendoli ora vi dicono che non c’è problema, se vince il no al massimo va casa Renzi!

Fatevi una risata e studiate il comportamento del gregge!

Recentemente ho scritto che più che di analisi geopolitiche, macro o tecniche per la finanza servirebbe analisi comportamentale, ovvero quelli studi che incorporano nei mercati la psicologia dei comportamenti individuali e collettivi.

Il buon Adam ci aveva provato sin dall’inizio a spiegare il meccanismo dei comportamenti psicologici individuali con la sua Teoria dei sentimenti morali, ma qualche pirla neoclassico ha ritenuto più interessante manipolare la Ricchezza delle nazioni, tirando fuori la fesseri adelle aspettative razionali.

C’è voluta gente con la testa a posto come Edwards, Tversky e Kahneman per rispolverare i modelli cognitivi nel processo decisionale.

Noi come ben sanno gli amici di Machiavelli amiamo giocare con l’euristica prendendo decisioni sulla base di regole empiriche costruire su esperienze passate.

Se uno si ferma a riflettere quante volte in questi ultimi anni il famigerato gregge si è messo a belare all’inflazione urlando al lupo al lupo, si rende contro che i pregiudizi collettivi son fonte di contaminazione sociale con forte contenuto emotivo (panico e paura).

Vi ricordate i primi incontri e convegni con Icebergfinanza in giro per l’Italia?

Ebbene questa foto non mancava mai ed è perfetta per descrivere quello che è accaduto negli ultimi tre giorni sui mercati obbligazionari soprattutto americani…

Immagine1

Credo non serva aggiungere altro, buona consapevolezza!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (20 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +15 (from 17 votes)
TRUMP MOMENT: ORO E PETROLIO ESPLOSIONE DEFLATIVA!, 10.0 out of 10 based on 20 ratings
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Mancano ancora dei segnali importanti ma guardando i grafici intermarket sembra proprio che ci s
Da Montalbano ai Cesaroni, da Don Matteo a Rocco Schiavone, quanto costano le case nell’Italia
In molti si sono chiesti in questi giorni: “ma come è possibile far salire i tassi di interes
Ftse Mib: dopo la rottura di ieri dei 22.500 punti l'indice tricolore oggi intende recuperare tale l
Due sono i temi che appassionano da sempre e che hanno impatti mediatici oscillanti a seconda del co
sho Italia, la principessa sullo spread, questo probabilmente sarà il titolo del mio prossimo li
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Et voilà. Intermarket docet. Ne ho parlato copiosamente nei giorni scorsi e soprattutto nel vi
Ftse Mib: il Ftse Mib apre debole oggi e si mantiene ancora sul supporto statico dei 22.500 punti. N
Alla fine avevano ragione loro, Galbraith e Friedman le banche centrali servono a poco o a nulla