PERCHE’ IL QUANTITATIVE EASING DELLA BCE NON FUNZIONERA’

Scritto il alle 08:30 da icebergfinanza

Lo so non c’era bisogno di fare questo articolo per gli amici di Icebergfinanza e Machiavelli, ma ormai quotidianamente sono sempre di più coloro che salgono a bordo del nostro veliero ed è bene ricordare quello che la nostra esperienza e l’analisi empirica ci ha insegnato.

Magari loro, le banche centrali questo lo sanno, ma non hanno altre possibilità, hanno esaurito tutte le opzioni a loro disposizione, ora possono solo cercare di aiutare i loro azionisti ovvero le grandi banche.

Via Zero Hedge sul Financial Times almeno sono onesti e vi raccontano la realtà!

Tenuto conto di tutti i suggerimenti, promesse, garanzie, e le scommesse che sono state fatte, il quantitative easing, secondo Tyler Durden, sarà poco più che una (bip) in mezzo ad un’uragano. Ma mentre la maggior parte delle persone credono che questa volta è diverso e Draghi giovedi si prodigherà per fornire ai mercati la solita semplice retorica, gli investitori sono scettici circa la sua capacità di reflazionare realmente l’economia della zona euro (giustamente).

 

 

“Non stiamo imparando dal passato”… Why The ECB’s QE Won’t Work (In 4 Brief Minutes)

“Quando” ricchezza “aumenta [via QE attraverso la reflazione dei mercati], solo i più ricchi ovvero poche persone traggono beneficio”.

La notizia di ieri è che il TRICKLE DOWN PER POLLI E FESSI funziona da meraviglia che in Italia… Cresce la disuguaglianza, in mano a 80 “paperoni” la ricchezza del 50% della popolazione povera

Anche gli analisti del Credit Suisse, molto amici di Machiavelli ci sono arrivati…

How The ECB’s QE Is About To Send The Most Deflationary …

E si il quantitative easing avrà effetti deflazionistici sull’economia europea e l’inflazione diventerà un fantasma studiato solo sui libri di scuola.

Noi, sono sette lunghi anni che ve lo raccontiamo, ma come la storia insegna, Cassandra diventò… un mito!

Per chi vuole contribuire liberamente al nostro viaggio cliccando qui sopra è in arrivo l’analisi “Machiavelli 2015: esplosione deflattiva!” orizzonti e visioni per il 2015 e “Machiavelli 2015… la virtù e la fortuna.” Il Tuo sostegno è fondamentale per il nostro lavoro…

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta …

Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio … cliccando qui sopra o sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 7.3/10 (21 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +10 (from 12 votes)
PERCHE' IL QUANTITATIVE EASING DELLA BCE NON FUNZIONERA', 7.3 out of 10 based on 21 ratings
37 commenti Commenta
madmax
Scritto il 20 gennaio 2015 at 09:48

Capitano,
Prendere il FT, Funny Text, come metro di paragone mi pare azzardato, sono 10 anni che giornalmente scrivono male dell’Euro, senza mai scrivere nulla del disastro economico e sociale che hanno in casa, fateci caso quando lo leggete non troverete mai una “brutta” notizia sugli UK alla faccia della propaganda.
Per quello che riguarda gli gnomi Svizzeri la gelata deflazionistica se la sono cercata con la mossa della settimana scorsa.
Un amico mi diceva che il 70% della popolazione svizzera vive vicino ai confini (meno 70km) nella parte francese hanno aumentato la frequenza dei collegamenti con la Francia dove tutti vanno a fare la spesa oggi a prezzi ancora piu’ bassi…con il risultato di schiacciare i prezzi nella Confederazione.
Per cui oggi devo capire ancora il perche’ della mossa Svizzera!

atomictonto
Scritto il 20 gennaio 2015 at 10:11

FT è il principale braccio armato degli speculatori della City contro l’euro.
Sono 7-8 anni che leggo sempre le stesse manfrine a senso unico su FT ogni volta (spesso) che prendo un volo per lavoro.

Gli Inglesi stanno combattendo da anni la loro guerra contro l’euro perchè hanno capito benissimo che se l’euro sopravvive e si consolida loro avranno solo 2 opzioni: adottare il dollaro diventando a tutti gli effetti una colonia USA (che smacco!) o entrare nell’euro vivendola come una sconfitta storica.
FT non è altro che un megafono monocorde, posseduto tra l’altro in gran parte da Murdoch e Al Maktum entrambi mega-clienti dei grandi hedge fund di Londra (….facile fare i soldi potendo da una parte settare il patrimonio in una direzione e dall’altra gestendo le notizie che influenzano la direzione del mercato stesso eh?) :-)
Per quanto mi riguarda prestigio e blasone FT 9, credibilità negli ultimi anni 4.

atomictonto
Scritto il 20 gennaio 2015 at 10:15

madmax,

Appunto…
FT di oggi per dire dice che, poverini, la EU frenerà la possente crescita Britannica.
Sul fatto che sia tutta fuffa (debito aggregato oltre il 600% del PIL, RBS e Barclay’s salvate con centinaia di miliradi di debito pubblico e oggi di nuovo sull’orlo dello sfascio, il 70% della popolazione che non ha liquidità ma solo debiti-capestro con le carte revolving ad esempio) niente, zut, zero.
FT ignora.

madmax:
Capitano,
Prendere il FT, Funny Text, come metro di paragone mi pare azzardato, sono 10 anni che giornalmente scrivono male dell’Euro, senza mai scrivere nulla del disastro economico e sociale che hanno in casa, fateci caso quando lo leggete non troverete mai una “brutta” notizia sugli UK alla faccia della propaganda.
Per quello che riguarda gli gnomi Svizzeri la gelata deflazionistica se la sono cercata con la mossa della settimana scorsa.
Un amico mi diceva che il 70% della popolazione svizzera vive vicino ai confini (meno 70km) nella parte francese hanno aumentato la frequenza dei collegamenti con la Francia dove tutti vanno a fare la spesa oggi a prezzi ancora piu’ bassi…con il risultato di schiacciare i prezzi nella Confederazione.
Per cui oggi devo capire ancora il perche’ della mossa Svizzera!

kry
Scritto il 20 gennaio 2015 at 10:19

madmax,

____Per cui oggi devo capire ancora il perche’ della mossa Svizzera!_____ Non lo sapremo mai. Ipotizzo che il personale delle banche centrali lavorano per se stessi e per chi gli fa comodo il contrario di quello che dovrebbe fare l’istituzione per cui lavorano. Azzardo anche che , in barba [ o a causa del referendum ( visto che gli svezzeri avrebbero/potrebbero in futuro riproporlo )] , prima di levare il cap abbiano fatto un accordo con BCE + BCFrancia+BCGermania di non vendere i loro titoli in bilancio e di portarli a scadenza facendosi pagare in oro al prezzo della media degl’ultimi 2/3 anni che guarda caso era in una fascia +/-5% base 1000€ ( o 1200CHF ). Da queste parti si dice spesso che a pensar male spesso ci s’azzecca , vedremo.

kry
Scritto il 20 gennaio 2015 at 10:33

Kary Krukky essere contenti di nostri compiti fatti bene o dire che ci sono dei – meno…… http://www.istat.it/it/archivio/145600

dante5
Scritto il 20 gennaio 2015 at 10:34

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2015-01-19/il-terremoto-svizzero-arriva-danimarca-banca-centrale-taglia-tassi-difendere-cambio-165126.shtml?newComment=true#comments

Guarda caso sembra che il cattivone Orbàn, quello contro cui la stampa “democratica” mondiale tuona da anni e lo addita al pubblico ludibrio come un “dittatoruncolo” sia l’unico capo di Stato dei Paesi ex-comunisti che ha fatto dei provvedimenti effettivi a favore dei propri cittadini e non contro…”Strano”, no?:mrgreen:

dante5
Scritto il 20 gennaio 2015 at 10:36

Volevo dire naturalmente:

dante5@finanza,

dante5@finanza:
http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2015-01-19/il-terremoto-svizzero-arriva-danimarca-banca-centrale-taglia-tassi-difendere-cambio-165126.shtml?newComment=true#comments

Guarda caso sembra che il cattivone Orbàn, quello contro cui la stampa “democratica” mondiale tuona da anni e lo addita al pubblico ludibrio come un “dittatoruncolo” sia l’unico capo di Stato dei Paesi ex-comunisti che ha fatto dei provvedimenti effettivi a favore dei propri cittadini e non contro…”Strano”, no? :mrgreen:

john_ludd
Scritto il 20 gennaio 2015 at 10:49

madmax,

… Many economists believe that balance sheet losses are irrelevant for a central bank, so they should play no role in policy. But the SNB is 45 per cent owned by private shareholders, many of whom are individuals, who receive dividends from the SNB. The rest is owned by the cantons, which have been complaining recently about insufficient cash transfers from the SNB

This ownership structure contrasts sharply with most other central banks, which are in effect government departments, wholly owned by the treasury and therefore the taxpayer. The Swiss set-up makes the SNB particularly concerned about balance sheet losses, especially since disgruntled citizens can directly force changes in monetary and reserves policy via referendum…

tutto il resto che è stato scritto è foklore da parte di gente che non sa le cose ma pretedende di conoscerle…

http://www.snb.ch/en/ifor/public/qas/id/qas_unternehmen#t7

john_ludd
Scritto il 20 gennaio 2015 at 11:34

kry@finanza,

sorry Kry, io non il maestro di nessuno, anzi io sono nessuno. Un paio di volte la settimana scorro qualche blog, vi dedico i pochi minuti che meritano, il resto lo dedico al giardinaggio ai miei diari e al culto dell’inutile. Può darsi che scriva ancora qualcosa ma a che servirebbe ? IO NON CONOSCO il 99% DEI FATTI e il perchè degli stessi, perchè dunque aggiungere confusione al rumore ? Migliorebbe la vita di qualcuno o consumerebbe solo minuti preziosi ?

aorlansky60
Scritto il 20 gennaio 2015 at 11:37

@Madmax :

“Per cui oggi devo capire ancora il perche’ della mossa Svizzera!”

… … …

credo che gli svizzeri non siano dei coglioni (altrimenti, un paesucolo che non conta nulla sul mappamondo geografico, con poco più di 6 mln di abitanti, non sarebbe diventato così potente ed influente a livello mondiale da secoli, sapete a cosa alludo…);

credo semplicemente che abbiano fatto una scelta per salvaguardare la capra più preziosa che hanno (le proprie banche) sacrificando i cavoli (l’industria manifatturiera locale, specie quella legata all’export).

A volte, o anche spesso, non si riesce ad accontentare tutto e tutti…

mirrortrader
Scritto il 20 gennaio 2015 at 11:57

john_ludd@finanza:
[email protected],

sorry Kry, io non il maestro di nessuno, anzi io sono nessuno. Un paio di volte la settimana scorro qualche blog, vi dedico i pochi minuti che meritano, il resto lo dedico al giardinaggio ai miei diari e al culto dell’inutile. Può darsi che scriva ancora qualcosa ma a che servirebbe ? IO NON CONOSCO il 99% DEI FATTI e il perchè degli stessi, perchè dunque aggiungere confusione al rumore ?

PORKO KANE se non hai ragione al 100%.

kry
Scritto il 20 gennaio 2015 at 12:23

john_ludd@finanza,

Non mi sono mai meravigliato della tua UMILTA’ anzi per me sei come un maestro. L’impressione è che si consumerebbero minuti preziosi. Per quel che serve, io sono dell’idea che la vita di qulcuno migliora e che non aggiungi confusione al rumore anzi https://www.google.it/search?client=aff-maxthon-newtab&channel=t2&q=john+ludd&gws_rd=cr,ssl&ei=C-uVVLDkFdjxaNjhgcgK …… http://maraih.overblog.com/le-parole-di-john-ludd. Ciao.

kry
Scritto il 20 gennaio 2015 at 12:45

john_ludd@finanza,

E penso di comprendere…. Reragno Scrive:
9 gennaio 2015 alle 15:42
[email protected],
A proposito di John……….quando torna dal periodo sabbatico che si è regalato?
[ Quota ] [ Replica ]
Rating: 0 (from 0 votes)
Kry Scrive:
9 gennaio 2015 alle 15:54
[email protected],
Secondo me non scrive più , a ragione , apposta. Mai nessuno ha riportato un commento di tutti i link che ci ha proposto. ( il -1 me lo hai dato tu ? )

luigiza
Scritto il 20 gennaio 2015 at 12:51

john_ludd@finanza,

Ehilà’ John_Ludd ti credevo defunto travolto da slavina nella tua ultima escursione montana. :mrgreen:
Ben tornato, personalmente ti reputo il natuale integratore del Mazzalai.
Mi auguro interverrai spesso coi tuoi illuminanti commenti,

mirrortrader
Scritto il 20 gennaio 2015 at 13:10

Ludd, insegna anche a Kry a non far rumore, scrive su 50 blog diversi. Facendo alquanto rumore.

kry
Scritto il 20 gennaio 2015 at 13:45

mirrortrader@finanza:
Ludd, insegna anche a Kry a non far rumore, scrive su 50 blog diversi. Facendo alquanto rumore.

Puoi pure continuare a tapparti le orecchie , o meglio continuare a chiudere gli occhi e a navigare in altri 50 blog . Mi sembra che prima con risposta ” PORKO KANE se non hai ragione al 100%. ” ci fosse stato scritto…. sorry Kry, io non il maestro di nessuno…… Forse l’ho letto solo io. Ma in USA non ci sono cose più belle da fare che non star li a sentir il rumore che faccio ? Ciao simpaticone.

john_ludd
Scritto il 20 gennaio 2015 at 14:02

kry@finanza,

eh no Kry ! se rileggi i commenti che ho scritto negli ultimi anni, non quelli che mi sembra tu abbia conservato, sono opera di uno che non è umile neanche un pò ! ognuno di noi ha più aspetti, nessuno più vero degli altri e per lo più neppure ce ne accorgiamo, il che è normale dato che la quasi totalità dei nostri processi mentali è inconscio e riprendendo pari pari la definizione fornita da wikipedia “il termine inconscio sta a indicare genericamente tutte le attività mentali che non sono presenti alla coscienza di un individuo. In senso più specifico, rappresenta quella dimensione psichica contenente pensieri, emozioni, istinti, rappresentazioni, modelli comportamentali, spesso alla base dell’agire umano, ma di cui il soggetto non è consapevole”.

Non abbiamo la più pallida idea di chi siamo, cosa facciamo e perchè, eppure si cerca continuamente di trovare la ragione di una moltitudine di fatti tra loro intrecciati causati da una catena di altri fatti la cui origine si perde nel passato. La mente umana non è in grado di comprendere questa complessità, nè la mente di un singolo genio nè quella collettiva costituita dal sapere di centinaia di generazioni e codificato nei libri e nelle varie culture. Ci si strugge scrutando il futuro, che per definizione non esiste e mai esisterà. D’altra parte neppure conosciamo il passato, neppure il nostro, dato che il nostro cervello non è un registratore, memorizza solo frammenti che poi seppellisce nella palude della memoria per poi ricomporli non come sono avvenuti ma distorti dal tempo e dalle influenze culturali. Solo se resti da solo a lungo, lontano, insicuro, puoi forse renderti conto e solo per qualche istante di ciò che non sei e di ciò che non sai mentre ciò che sei e ciò che vorresti sapere ti è negato per sempre. Ma purtroppo, l’incapacità di sopportare la solitudine è la più grande delle sventure e accumuna la pressochè totalità delle persone.

Cosa potrebbe aggiungere una nota su questo o quell’evento da parte del tale che si firma John Ludd al diluvio di commenti da parte di gente che o non sa niente, ed è incapace si comprendere il valore del silenzio, o da parte di gente che qualcosa ha capito ma che sventuratamente, ma proprio per quella ragione, non riesce a trattenersi dal commentare tutto e di tutto in una sorta di bulimia informativa che vale e dura come la spuma bianca in cima all’ultima onda dell’oceano.

L’informazione non ha valore in sè, serve per comunicare meglio e comunicare è propedeutico al fidarsi l’uno dell’altro, ma milioni di anni di evoluzione hanno fatto sì che possiamo comunicare profondamente e quindi fidarci solo se siamo di fronte l’uno all’altro. Io conosco bene la lingua italiana, potrei scrivere per ore di quello che ti piacerebbe sentire ed essere perfettamente convincente anche se tutto ciò di cui scrivo è falso. Potrei poi andare su un blog differente e scrivere l’opposto, sempre in modo documentato e convincente e strappare gli applausi di un diverso Kry.

Ma una persona di fronte all’altra fa molta più fatica a mentire, entrano in gioco strumenti differenti, gli occhi che si muovono in un certo modo, il gesticolare delle mani e quell’indefinibile dote che è l’empatia e che non può esercitarsi attraverso una rete elettronica e che è ciò che ci rende unicamente umani, il prodotto di almeno due milioni di anni di evoluzione come primati ma molti di più se pensiamo che è posseduta da tanti esseri che sconsideratamente definiamo “animali”. Avete mai avuto un cane ? Dovrebbe essere obbligatorio avere un cane ! Internet è il prodotto più sofisticato e finale di un percorso evolutivo errato che tende a negare ciò che è umano, ma tutti i percorsi evolutivi errati non superano la prova del tempo.

PORTELLO
Scritto il 20 gennaio 2015 at 14:26

Bentornato John!

Internet e’ come una di quelle donne particolari che arrivano a volte nella nostra vita…ci prende e toglie molto e ci regala pero’ delle cose che non avevamo mai provato

la cosa bella credo e’ che molte persone si eran affezionate ai tuoi commenti e al tuo modo di vedere..ti ascoltavan nelle tue idee e previsioni (giuste o sbagliate)…

quindi vecchio brontolone di un John sii felice di avere qui sempre qualcuno che aspetta che torni a casa ;) anche io mi stavo preoccupando…

raccontaci se hai voglia qualcosa del tuo viaggio…tipo un momento di estasi o un incontro particolare…

e la prossima volta ci dai il numero di tel del bar in tibet dove vai così al massimo ti cerchiamo la

john_ludd
Scritto il 20 gennaio 2015 at 16:46

PORTELLO,

tu sei uno di quei tipi che mi stanno intrinsecamente simpatici ma io non faccio previsioni perchè da grande vorrei diventare saggio e i saggi non fanno MAI previsioni. Quelli che non sono saggi ma non sono neppure fessi, come me, possono al massimo pesare possibili scenari al fine di contenere al minimo l’ansia esistenziale che rende la vita spesso una vera merda anche se hai 10 volte più di quel che ti serve. E se è probabile che non diverrò mai saggio è pure probabile che se non diverrò povero troppo presto è perchè gli scenari che uno disegna nella propria mente non cambiano ogni 2 o 3 anni, ma ogni 25 o anche 50. Se quindi vedi bene, o almeno non vedi male, eviterai di perdere il tempo che chi segue la verità dei grafici consuma inutilmente tentando di battere il mercato che essendo un sistema caotico non può essere battuto se non x breve tempo e solo se si ha culo, qualità peratro assai utile nella vita. Il mediocre uomo occidentale con la sua cultura del breve termine, la sua convinzione di potere capire e di essere migliore ama ciò che sale e odia ciò che scende, adora il prezzo e non il valore. Ma questa società morente l’unica cosa che sa fare è fornire un prezzo che di per sè non vale nulla perchè ogni prezzo è relativo e per di più assegna un prezzo elevato a ciò che viene percepito come immediatamente scarso condannandosi a consumare tutto il più fretta possibile al fine di mantenere elevati i prezzi stessi ai quali ha assegnato la propria presunta prosperità, ma ciò è l’antitesti del valore e quindi noi moriremo prima del tempo perchè siamo collettivamente intrinsecamete una massa di IDIOTI.

mirrortrader
Scritto il 20 gennaio 2015 at 17:15

Concordo John… mi sono reso conto nei miei ultimi viaggi che non sappiamo nulla… e pretendiamo di sparare sentenze conoscendo 1% dei fatti.

Sapere di non sapere è la prima conquista.

stanziale
Scritto il 20 gennaio 2015 at 17:56

john_ludd@finanza,

Ciao John e bentornato anche da parte mia. Ne sono successe di cose in questi mesi e molte altre sembrano in ponte! Il mondo e’ sempre sull’orlo del patatrack, come tempo fa, del resto. Ci aspettiamo il tuo fattivo contributo, quando avrai riscaldato i motori…..eheheh.

john_ludd
Scritto il 20 gennaio 2015 at 18:00

stanziale@finanza,

non è successo niente di rilevante in questi mesi, guardi le cose troppo da vicino. Allontanati e vedrai meglio. Tutto è in moto da circa 40 anni, quello che vedi e su cui ti concentri è il rumore che copre il segnale.

madmax
Scritto il 20 gennaio 2015 at 18:02

john_ludd@finanza,

Complimenti per le riflessioni,
Non arrivo a tanto ma il tuo post mi ha riportato alla mente una frase che ho sentito da un amico orientale: noi in occidente viviamo come se non dovessimo morire mai (procastiniamo tutto, evitiamo un bacio o una parola dolce a chi amiamo preferendo altre cose aggiungo io) e poi muoriamo nel panico come chi non avesse vissuto mai!
Ho ripensato tante volte a questa frase e ti ringrazio per avermela ricordata…per cui stacco e vi saluto!!!!

PORTELLO
Scritto il 20 gennaio 2015 at 18:07

Caro John…non sai quanto tempo ho investito/sprecato a cercare di sapere..di conoscere..per forse sentirmi più’ sapiente e furbo degli altri…
qualche volta ho trovato degli autori o commentatori che mi hanno colpito particolarmente e quindi ne ho seguito i consigli o semplici idee…ho preso certe tranvate…
cmq e’ tutto un grande gioco..gli eventi posso seguire le regole economiche etc ma cmq ogni tanto arriva quel fatto inatteso e irrazionale che ti fotte…e’ il bello della vita forse…l imprevisto…che tante volte ci dimentichiamo…

ma pero’ toglimi una curiosita’..com’e’ andato sto viaggio..non e’ che per caso quando eri a 4mila metri al freddo per 3 mesi ti sei sentito un po come Sordi nel navigatore solitario… (per me un pezzo esagerato)
https://www.youtube.com/watch?v=GSNfTBsu3_M

dimmi la verita’ che la prossima volta vai in brasile via cuba facendo scalo a kiev e salutando un vecchio amico a seoul…

cmq vorrei molto un giorno incontrarvi a tutti per farci una sana risata

con simpatia

john_ludd
Scritto il 20 gennaio 2015 at 18:22

madmax,

quel che resta della civiltà odierna è la parte più vile. La morte ci arriva in casa in massa ogni giorno attraverso la TV: migliaia in Siria, in Iraq, in Nigeria ma non ce frega un cazzo perchè non è la nostra morte. La possibilità della nostra morte l’abbiamo rimossa perchè collettivamente siamo dei vigliacchi e ci preoccupiamo dei BTP o altro. Uno muore perchè un attimo prima era vivo ma chi non accetta l’idea e persino la necessità della propria morte non è in grado di vivera una vita piena, trascorrerà i suoi anni in un cantuccio a tremare nella speranza assurda di terminare i propri giorni a 90 completamente rincoglionito con un tubo davanti, uno dietro e uno in gola senza avere mai capito un cazzo di niente e senza avere mai vissuto un giorno vero. Una società può fare ribrezzo o destare ammirazione ma è sempre e comunque la somma delle persone che la compongono.

stanziale
Scritto il 20 gennaio 2015 at 18:28

john_ludd@finanza,

be’ direi che in italia non e’ successo niente, sul piano geopolitico si sono accentuate non poco le divisioni tra i 2 blocchi formatisi, anche se ancora siamo alle scaramucce( e speriamo tali restino)…….la tendenza di 40 anni sono d’accordo ma, non rispondermi, sei appena tornato, piano piano se hai voglia ci dirai qualcosa (sempre premesso che conosciamo l’1%, forse quolcosa piu’, ok)

john_ludd
Scritto il 20 gennaio 2015 at 21:19

stanziale@finanza,

non è successo niente di rilevante, nè in Italia nè altrove. Chi ha il cancro può facilmente ammarlarsi di polmonite e morirne ma in realtà non è la polmonite ad accopparlo. Quel che osservi a livello planetario è un raffreddore (l’Italia che collassa), una polmonite (il dissesto in Ucraina o in Medio Oriente), una grave forma di infezione intestinale (la deflazione da debiti). Si può morirne, ma il più delle volte con delle buone medicine è possibile scamparla. Ma se si confonde la causa con l’effetto, i sintomi con la malattia, le complicazioni con l’origine, non si comprende l’ineluttabile evidenza che questa civiltà sta collassando e la potenza del caos è sempre più prossima alle porte di casa, qualunque sia la casa e dovunque essa sia. Non credo in realtà che abbiamo molto da dirci, se continui a leggere Mazzalai ti basta e avanza anche se continua a far finta di non sapere distinguere il cancro da un’infezione intestinale.

soltero
Scritto il 20 gennaio 2015 at 21:31

IL MEDIOCRE UOMO OCCIDENTALE CON LA SUA CULTURA DEL BREVE TERMINE, LA SUA CONVINZIONE DI POTER CAPIRE E DI ESSERE LA MIGLIORE AMA CIO CHE SALE E ODIA CIO CHE SCENDE, ADORA IL PREZZO E NON IL VALORE
grandeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee…..
e ritorno a zappare la mia terra…

john_ludd
Scritto il 20 gennaio 2015 at 21:32

PORTELLO,

il valore dei miei viaggi è nullo per gli altri. Sono un’esperienza personale nè migliori nè peggiori delle vostre, ma sono le mie e io sono quel che ho vissuto come lo siete voi. A meno che non ci incontriamo per anni non è possibile alcuna reale comunicazione, solo uno scambio di informazioni. A volte quando incontro persone che non conosco e inizia la consueta schermaglia su cosa fai, dove vai etc… c’è sempre una certa curiosità iniziale perchè la mia esperienze è per loro inconsueta ma poi diventa presto incomprensione e noia. Non c’è modo di comunicare un’emozione, puoi solo viverla per poi parzialmente ricordarlo per riempire i momenti vuoti. E niente di ciò che vive un’altro vale più di quel che vivi tu, quindi se vuoi riempire la tua vita lo devi fare da solo, buttando a mare le tue paure.

trandafil
Scritto il 20 gennaio 2015 at 22:05

sono curioso di sapere quali sono “i 2 blocchi formatisi” che cita stanziale.. non crederete mica alla guerra Russia-NATO vero? suvvia non siate così grulli.. il mondo ha altri pressanti problemi che qualche esagitato nazionalista nell’insignificante Ucraina (i russi sono gli ultimi a voler guerre e Putin non è così pazzo come certi media occidentali lo dipingono)

ma questo john_ludd è lo stesso che tempo fa scriveva quei commenti-fiume sul peak oil ?
strano che non abbia citato il “piccolo” calo del prezzo del greggio.. ;)

trandafil
Scritto il 20 gennaio 2015 at 22:10

come mai nessuno ha fatto notare al blogger che quest’articolo è illeggibile? (almeno con Firefox)

john_ludd
Scritto il 20 gennaio 2015 at 22:24

trandafil@finanza,

allora esistono ancora i Troll, non mi sono davvero perso niente !

io spero che Mazzalai sia abbastanza lucido da capire quando è ora di scendere dal treno su cui sta ora insieme ai suoi fedeli prima che vada a schiantarsi perchè tutto sembra accadere all’improvviso ma in realtà un ponte crolla davvero in un istante ma solo dopo che è marcito per anni e anni…

“This brilliant, modern free trade system and all of its benefits cannot be implemented using the US dollar as a reserve currency. It shuts off commerce that in turn limits the use of commodities such as oil, metals, food and the like. Many hail the low price inflation in the US as a victory and ignore the intent other nations had in following “free trade”. That being to promote a world economy, not just a US economy.

Understand that the increased use of commodities is a good thing. It’s not just for the purpose of making rising chart pattern so speculators can sell their calls! Commodity usage creates real things and helps the lives of real people. When citizens gain real productive mechanisms, they hold real wealth. Some would have you believe that third world people are enriched by saving US treasury bonds, not true! The only way to increase world trade, with an eye on building new consumers in all countries, is to remove the overhang of “dollar settlement”.”

scritto il (3/14/99)

stanziale
Scritto il 20 gennaio 2015 at 22:30

trandafil@finanza,

Suvvia, io uso firefox e vedo benissimo, forse hai qualche problemino al computer…per quanto riguarda i 2 blocchi sono gli accordi russia-cina e Putin che ha fatto centinaia di incontri nel mondo con vari leader, nel 2014. La guerra in ucraina con rifornimenti consiglieri militari usa e aerei nei paesi baltici, polonia, altro non e’ che un delimitare i confini negli spazi appena conquistati, cosi’ come fanno i cani quando fanno pipi’. Il petrolio ed il rublo da una parte scendono, e l’oro dall’altra sale. la guerra quindi oltre che in ucraina e’ nella finanza. Naturalmente non si parla di scontro militare diretto russia -nato. Comunque, tutti fanno esercitazioni. Lo spettacolo pero’ non e’ gratis, paghiamo (le tasse).

PORTELLO
Scritto il 20 gennaio 2015 at 23:26

“E niente di ciò che vive un’altro vale più di quel che vivi tu, quindi se vuoi riempire la tua vita lo devi fare da solo, buttando a mare le tue paure.”

se non avessi il corpo coperto dai nei me lo tatuerei

grazie per il consiglio e la riflessione che comporta

laforzamotrice
Scritto il 21 gennaio 2015 at 19:58

john_ludd@finanza,

Che dire, la lettura di un tuo commento non è mai tempo sprecato. Bentornato.

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Apertura positiva per Piazza Affari, con il Ftse Mib che con un avvio in area 21.300 punti contabili
Il governo non demorde sulla pensione di cittadinanza e del relativo importo mensile di 780 euro, no
GAM: liquidazione dei fondi unconstrained/absolute return bond funds completata nei prossimi mesi.
Probabilmente molti di Voi non ci hanno fatto caso nell'ultimo manoscritto di Machiavelli, nella
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Forse qualcuno si sarà chiesto che fine avrò fatto. Purtroppo la vita spesso ci riserva delle
Ftse Mib: l'indice italiano è tornato sulla prima resistenza statica importante  a 21.122 punti, d
Riproduzione riservata STAY TUNED! Danilo DT (Clicca qui per ulteriori dettagli) Segui @in
Continua la costante e persistente sottovalutazione degli effetti della guerra commerciale in at
Sorpresa. Inflazione meno forte del previsto. Questo è un dato che potrebbe dare una boccata di o