MERKENZI: GERMANIA ITALIA 2 a 0

Scritto il alle 14:00 da icebergfinanza

…Cosi si auspicherà l’inazione al presente anche se essa significa gravi guai nel futuro!

«Tocca a noi in Italia fare le riforme se vogliamo la flessibilità dall’Europa» ha detto, invitando a frenare i contrasti interni. «Spero che adesso sia chiaro perché abbiamo modulato sui mille giorni il nostro impegno: perché questo è l’orizzonte di cui necessitiamo» ha detto Renzi.(La Stampa)

Mille e non più mille verrebbe da dire ma la sostanza è che l’Italia non avrà tempo 1000 giorni, tempo 365 giorni e tutti i nodi verranno al pettine.

 «Torniamo dall’Europa avendo vinto una battaglia di metodo e di sostanza» ha detto Renzi. il quale non ha alcuna fretta e fa partire i 1000 giorni dal mese di settembre.

“Ci prendiamo, dopo i primi 100 giorni più o meno scoppiettanti, un arco di tempo più ampio, di medio periodo, mille giorni, dal primo settembre 2014 al 28 maggio 2017”

Quindi 100 diventano 1000 e intanto il tempo passa, come tutte le promesse sino ad ora fatte e non mantenute, soprattutto quella che riguarda i debiti della Pubblica Amministrazione.

Quale battaglia ha vinto Renzi in Europa?

I toni della Ue sono cambiati ora però tocca a noi” ha aggiunto alla fine.

Infatti… (Il Sole 24 Ore Radiocor) – Bruxelles, 27 giu – “Le conclusioni del Consiglio europeo indicano chiaramente che il patto di stabilita’ deve essere applicato pienamente e contiene flessibilita’ sufficiente tenuto conto delle esigenze della crescita”.

Quello che è chiaro a tutto e probabilmente non a Renzi è che la flessibilità è sparita  sul cofinanziamento dei fondi Ue e sul pagamento dei debiti della Pubblica Amministrazione.

Se rimanda tutto a settembre come pensa di onorare l’ennesima balla signor Renzi?

Aveva detto ” … 22 miliardi già pagati e altri 68 che pagheremo entro luglio ” . Poi a Porta a porta, rivolto a Vespa: ” Il 21 settembre, a San Matteo ultimo giorno d’estate, se abbiamo sbloccato tutti i debiti della Pa, lei va in pellegrinaggio a piedi da Firenze a Monte Senario “

Morto un clown se ne fa un’altro verrebbe da dire!

Non solo per chi non avesse ancora capito l’antifona…

“In questi giorni ho sentito dei commenti che facevano pensare a questo”, ha affermato Barroso, che ha invece precisato: “Nessun primo ministro ha proposto di cambiare le regole e nemmeno di emendare il trattato”. Per il Presidente “le regole sono chiare. Abbiamo anche il Fiscal Compact, il Two Pact e il Six Pact e nessuno Stato membro ha parlato di cambiare queste regole”.

Non ha importanza, chi vuole intendere intenda, gli altri continuino a sognare.

Quindi uno a zero per la Merkel, ma non è finita qua o almeno sembra, anche se Fubini su Repubblica sembra avere la memoria corta…

La Ue all’Italia: pareggio di bilancio nel 2015 La Ue all’Italia: pareggio di bilancio nel 2015Malgrado l’accordo sulla flessibilità, le raccomandazioni del Consiglio sono più rigide di quelle di inizio giugno. Così il nostro Paese rischia di dover varare in autunno una manovra correttiva da almeno 25 miliardi

Se facciamo un passo indietro …

Rinvio pareggio di bilancio, il Consiglio boccia la richiesta

La questione è più politica che strettamente contabile. La bocciatura del rinvio del pareggio di bilancio decisa dall’Ecofin a metà giugno e ratificata nel vertice del Consiglio europeo appena concluso di cui parla oggi Repubblica peserà poco nella lista della spesa che il premier si prepara ad affrontare al ritorno della vacanze a settembre in vista del varo della legge di stabilità. Meno di due miliardi, sempre ammesso che le stime di crescita su cui si regge tutto l’impianto previsionale del governo non si rivelino poi infondate. Ma non passa comunque inosservata la coincidenza dei tempi: mentre il presidente del Consiglio era a Bruxelles per negoziare, a parole, maggiori margini di flessibilità all’interno del rispetto dei trattati esistenti, contemporaneamente lo stesso vertice sanciva nero su bianco la bocciatura alla prima e unica richiesta formale fatta dal governo di deroga ai patti europei.

…contemporaneamente lo stesso vertice sanciva nero su bianco la bocciatura alla prima e unica richiesta formale fatta dal governo di deroga ai patti europei...

Non c’è dubbio davvero una grande vittoria quella di Renzi, come Monti e Letta, la storia si ripete, due a zero per la Germania, due a zero per la Merkel.

«Non provate un brivido pensando di essere chiamati oggi a realizzare quel sogno degli Stati Uniti d’Europa, avuto da quella generazione che nelle macerie del dopoguerra iniziò la creazione di un nuovo soggetto?», dice Renzi.

Le macerie della Grecia le abbiamo già viste, qua e la anche quelle di altri paesi europei e anche in Italia si incomincia ad intravvedere qualcosa.

Ha dimenticavo! Se qualcuno crede davvero che la imminente riforma del lavoro possa produrre qualche effetto in assenza quasi totale di domanda, dia un’occhiata qui Flop del bonus giovani e continui a sognare.

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta …Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.5/10 (10 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +4 (from 6 votes)
MERKENZI: GERMANIA ITALIA 2 a 0, 8.5 out of 10 based on 10 ratings
Tags: , ,   |
7 commenti Commenta
dfumagalli
Scritto il 30 giugno 2014 at 15:11

Il dramma vero dell’Italia non è l’ennesima perdita contro la Merkel (prevedibile, LORO hanno il coltell… ehm il portafoglio dalla parte del manico).

Il dramma vero è che l’alternativa a un istrionico conta-palle è un evasore-ex-P2ista con la passione per le donnine, uno mezzo schizzato che ha subito un batostone elettorale e ora ha fatto voltafaccia peggio dei vecchi partiti oppure degli incapaci sciacquette inconcludenti e/o litigiose.

Ossia, non c’é n’é uno che uno che sia buono.

massimo84
Scritto il 30 giugno 2014 at 17:30

ok che l’offerta politica è deprimente
vogliamo parlare della domanda??
chi sono gli elettori?

se dicevi agli elettori 20 anni fa cosa sarebbe successo continuando nella politica del tassa-spendi e debito
quanti voti avresti preso?
neanche i familiari ti avrebbero votato.

laforzamotrice
Scritto il 30 giugno 2014 at 20:42

massimo84@finanzaonline,

Standing ovation, siamo nella [email protected]@a perchè siamo un popolo di [email protected]@i , il fatto è che siamo dei ladri, chi più chi meno, e che quando guardavamo, e guardiamo, chi rubava, ci incazzavamo non perchè rubavano, ma perchè non ci riuscivamo noi. Siamo cosi abituati a derubare lo stato, cosi stupidi da non capire che lo stato siamo noi, da non vedere in che disastro stiamo cadendo.
Gli esempi sono milioni, ma non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere. Siamo mafiosi dentro.

massimo84
Scritto il 30 giugno 2014 at 21:26

il “sistema” è entrato nelle case di tutti:

-pensioni retributive
-pensioni a 55 anni
– pensioni di vecchiaia
-baby pensioni
– deficit spending
-bolla immobiliare

solo così gli apicali potevano mangiare in pace
potevano esistere gli Amato, Napolitano, Berlusconi ecc ecc

e 20 anni fa se qualcuno avesse ammonito che sarebbe finita malissimo
avrebbe preso 1 voto: il suo
perchè?
perchè faceva comodo a tutti il “sistema”
a tutti!!

signor pomata
Scritto il 30 giugno 2014 at 21:46

In pratica se 20 anni fa dicevano il vero nessuno li votava e cosi oggi che se qualcuno ti dice che esiste altre vie gli si ride in faccia e si vota renzi sapendo che è uno che non può fare nulla.
Facciamo finta che nessuno ha capito ma di fatto quello che vogliono fare in molti lo hanno capito, il problema è che non si riesce a fermarli.
Come si può competere con radio giornali e televisioni??
La storia viene raccontata nel modo di far fare la scelta al popolo, come sempre spingendolo alle spalle in modo democratico.
Vedrete che qualche altro mese di propaganda e molti inizieranno a belare che l” unica soluzione è tagliare le pensioni e i salari altrimenti diventiamo come la grecia.
Non si potrà mai ne mai lo consentiranno di parlare dell” argomento europa e banca centrale e area valutaria europea in maniera ottimale, non possono consentire che troppi arrivino a capire che qualcosa non torna e che mentre si sogna ce lo stanno attizzando in cu..

dorf001
Scritto il 30 giugno 2014 at 23:54

state tranquilli.

quando sarete pronti emergerete. fidatevi.

ecco qui un breve video x voi : http://www.youtube.com/watch?v=BEJ8_IhGAq0

DORF

lacassandra
Scritto il 1 luglio 2014 at 14:21

Peccato per il renziano (ex montiano) Prandelli che il calcio giocato non consenta panzane, altrimenti i giornaloni confindustriali avrebbero scritto, dopo la sconfitta con la Costarica, che aveva battuto il Brasile 4 a 0.

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Gli small traders sono ancora in una situazione di sicurezza, però il quadro continua ad essere c
  Quando parlavo di mercato unidirezionale, molti facevano finta di non capire. Ora gli
Ftse Mib: l'indice italiano apre in gap up dopo il taglio del rating di Moody's che è stato comunqu
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Guest post: Trading Room #296. Sono state giornate difficili ma ora ci siamo tolti il dente del do
Dal 2011 la legge ha attribuito alla COVIP la vigilanza sugli investimenti e sulla composizione del
Tanto tuonò che piovve anche se in realtà, più che lampi quelli di Moody's si sono rivelati i
Analisi Tecnica Andiamo a chiudere il piccolo gap a 19660 e riprendiamom a scendere andando a testa
Stoxx Giornaliero Buona domenica a tutti, l’indice di riferimento europeo lascia invariata