LA FINE DEL DOLLARO…

Scritto il alle 08:08 da icebergfinanza

Abbiamo messo l’immagine del dollaro che si autodistrugge lentamente, più o meno la vulgata principale di questi ultimi 2 anni, le solite leggende metropolitane, la Cina, ora la Russia, tutti vendono dollari, tutti se ne disfano ma alla fine mister Greenback è sempre li, più in forma che mai…

Immagine

Sono guai grossi, soprattutto per i Paesi emergenti!

In questi 2 anni ho dovuto subire gli sberleffi di coloro che non perdevano giorno per rinfacciarmi la parità, prospettando chissà quali tracolli, 1,30 1,40 e 1,50.

Ora il momento è davvero vicino, non manca poi molto tecnicamente, l’ultimo passo.

Certo, la pazienza spesso non è una virtù in queste cose, ma noi la coltiviamo e la coltiveremo anche sui rendimenti, dove sta accadendo la stessa cosa, la verità è figlia del tempo.

Il canale, si aveva rotto il canale, ma poi alla fine ha dovuto fare i conti con la forza di gravità, in OUTLOOK 2022, il titolo principale era, questo sarà l’anno del dollaro e così è stato.

Lasciate perdere l’euro nei confronti del dollaro, l’euro è un cadavere ambulante, le prossime legislative in Francia, daranno la spallata definitiva.

Immagine

Quello che conta è che il dollar index ora è vicino a un momento topico. Non è ancora finita, come ben sanno i lettori di Icebergfinanza, l’obiettivo lo possono leggere nell’ultimo manoscritto, poi una pausa è necessaria.

Il bello ci sarà questa estate e la questione dollaro verrà sistemata per sempre o quasi.

C’è chi dice che i mercati sono razionali, che oggi sono loro che dettano le condizioni, no, loro non hanno nulla di razionale, soprattutto nei mercati azionari, facilmente manipolabili, ma nel mercato valutario con oltre 4 trilioni di dollari di transazioni al giorno non si scherza, menchemeno su quello obbligazionario.

Chi dice che il mercato obbligazionario sconta l’inflazione non sa quello che dice, l’inflazione sale da oltre un anno e il mercato si è svegliato solo lo scorso mese, i bond vigilantes scontano la recessione o depressione che verrà, avendo fatto appiattiere e invertire tutta la curva dei tassi.

Prima o poi qualcuno si sveglierà è inizierà a scontare pure la terza guerra mondiale, visto che tutti la vogliono. E certo l’Ucraina vincerà, più armi, più guerra, avanti contro il muro.

Con l’inflazione non si gioca, ma il pericolo vero resta la deflazione da debiti, ma non abbiamo fretta siamo sicuri che prima o poi, il mercato sarà costretto a scontare tassi ancora più bassi del minimo storico.

I banchieri centrali, le banche centrali sono il problema, sono loro che gonfiano le bolle, che alterano le condizioni economiche artificialmente, nella sostanza sono inutili come direbbero i nostri Friedman e Galbraith fanno solo guai.

Nessuno sa quello che fa, nessuno sa quale è il vero tasso di equilibrio, alzeranno i tassi il più possibile per poi farli tornare a zero, ma in realtà è una storia vecchia e già scontata.

Scontata dal mercato, 11 rialzi scontano, qualunque cosa faranno sarà un danno, troppo debito in circolazione, il debito o lo cancelli, oppure lui cancella l’economia e la crescita.

Lo so, è un concetto difficile da assimilare, eppure gli americani lo stanno capendo in questi giorni in cui le vendite immobiliari stanno crollando, niente soldini, niente redditi reali perchè l’inflazione ti mangia tutto, niente prestiti perchè i tassi sono raddoppiati.

Ma davvero i rendimenti hanno rotto al rialzo la trendline secolare? Come il dollaro?

Non c’è molto altro da raccontare, ma il bello sta davvero per iniziare, l’estate ormai è vicina e il rialzo dei mercati sta per giungere al termine.

A questo indirizzo il nostro PUNTOSELLA aggiornerà nei commenti la sua personale rubrica mensile…

ANGOLO CINEMATICA PUNTOSELLA

I manoscritti da inizio anno sono più che sufficienti per comprendere come coglierla, l’ultima grande occasione, la più colossale della storia, perché oggi sono tutti sul lato sbagliato di una barca che sta di nuovo per affondare.

Ricordo a tutti coloro che avessero bisogno, che ICEBERGFINANZA è anche consulenza a 360 gradi, in mezzo a questa tempesta perfetta.

Cliccando sul link qui sotto e mandando una mail a [email protected] è possibile avere una consulenza strategica sui possibili sviluppi macroeconomici e finanziari dei prossimi mesi, oltre a ricevere i nostri manoscritti. Buona giornata Andrea

Chiunque volesse sostenere il nostro viaggio riceverà in OMAGGIO le analisi di Machiavelli. Per contribuire al nostro viaggio basta cliccare SUL BANNER  a fianco dei post sul lato destro della pagina o andare alla sezione DONAZIONI…

SEMPLICEMENTE GRAZIE!

Tags: ,   |
1 commento Commenta
aorlansky60
Scritto il 27 Aprile 2022 at 08:32

IcebergFinanza ha scritto :

In questi 2 anni ho dovuto subire gli sberleffi di coloro che non perdevano giorno per rinfacciarmi la parità, prospettando chissà quali tracolli, 1,30 1,40 e 1,50.

Errate previsioni fatte da stolti profeti.

Rispetto all’€, Il $ può contare su diversi punti indiscutibili a suo favore :

– l’unità politica assoluta dei suoi 50 Stati emittenti che ne fanno una VERA UNIONE FEDERALE
– la potenza FINANZIARIA, ECONOMICA e MILITARE N.1 indiscussa del proprio Stato a livello globale
– una quasi totale autosufficienza energetica

che cosa è in grado di opporre l’Europa a quanto detto sopra?

– una assoluta divisione quando si tratta di prendere decisioni critiche (ogni Stato pensa prima ai propri interessi)
– l’UE è ancora finanziariamente ‘guidata’ dagli USA e non possiede un proprio ESERCITO ma un misto di ‘armate brancaleone’
– l’UE è quasi totalmente INSUFFICIENTE sul piano energetico

ora, considerando che sia BCE che FED basano la propria RICCHEZZA [e quindi la FIDUCIA da riversare ai MERCATI FINANZIARI] con LA STAMPA ILLIMITATA A LORO PIACERE DI DENARO FIAT NON ANCORATO A NULLA SE NON SOLO ALLA ‘GARANZIA’ CHE USA e UE propongono quali Stati sovrani, per quanto ho esposto sopra mi sembra fin troppo evidente quale delle due valute esce VINCENTE, rispetto a quella che ha un futuro ancora non ben delineato ma anzi alquanto incerto…

L’europa -intesa come UE- non può nemmeno sognarsi di costituire un alternativa al $ tramite l’€, infatti per il $ (sul quale gli USA basano la propria egemonia globale) il pericolo proviene da oriente…

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
ICEBERGFINANZA NEL MONDO
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Puntata speciale di Trading Floor con ospite Eugenio Sartorelli, trader professionista e docente Ma
La negazione in psicologia, determina una compromissione della realtà, fino al completo occulta
Indici azionari che stanno lavorando, ormai da molti giorni, importanti aree monetarie dove insiston
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Giornata di lunedì caratterizzata da lievi rialzi che hanno permesso, come vedremo nel dettaglio, f
Bear market? Oltre al mercato orso guardiamo agli effetti sui mutui immobiliari e ipotecari USA.
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Ftse Mib. Nonostante l'apertura negativa di oggi, il quadro tecnico di breve periodo rimane comunque
Il quadro del CFTC di Chicago continua ad illustrare uno scenario molto legato agli eventi geopo
CONTATORE