PANICO A WALL STREET!

Scritto il alle 07:58 da icebergfinanza

Cartoon of the Day: Panic-demic - 03.11.2020 panicdemic cartoon

Mentre alcuni analisti ed economisti, case di investimento, in preda al panico continuano a suggerire che la reazione degli investitori è esagerata di fronte a quello che sta accadendo, dopo perdite sino al 7 % ieri di Wall Street oggi è profondo rosso, dando ufficialmente per riattivato il famoso modellino di Machiavelli sul DAX che ha sfondato quota 10.000.

Image

Ma di questo ne parleremo in maniera approfondita nel fine settimana.

Se qualcuno non ha ancora chiara la dimensione di quello che sta accadendo, questa immagine potrebbe aiutarlo…

Ieri la dichiarazione ufficiale di pandemia da parte di un OMS che stava dormendo da tempo in attesa della scadenza dei bond legati alla pandemia…

Se qualcuno non ha ancora compreso la gravità del momento, se gli idioti continuano a far giocare partite di calcio in giro per l’Europa come se nulla fosse, bisognerebbe chiedere alla signora Merkel per quale motivo è così preoccupata…

Inoltre in situazioni come questa, dopo quello che sta succedendo, la sottovalutazione globale è il rischio principale, pensano di essere tutti immuni da quello che sta accadendo nel nostro Paese.

Ora mi interessa soprattutto evidenziare quello che è accaduto in questi giorni, soprattutto nelle giornate di venerdì e lunedì, quando i nostri tesorucci hanno polverizzato i massimi storici con i rendimenti del decennale e trentennale ormai vicini a ZERO!

Nel fine settimana vi racconteremo anche cosa ne pensiamo di fronte ad alcune considerazioni generali sul fatto che i rendimenti non possono andare a ZERO o in NEGATIVO in America.

Non è bastato il campanello di allarme di questa estate quando i famigerati fondi Natixis H2O giocando con i bond illiquidi hanno messo a repentaglio i soldi dei risparmiatori che avevano affidato a loro i risparmi…

NATIXIS H2O

La notizia è che…

H2O Asset Management ha inviato una lettera ai clienti avvertendo che i suoi fondi affrontano perdite “sorprendentemente elevate” a causa delle scommesse su obbligazioni e valute che si sono acuite durante le volatilità del mercato negli ultimi giorni.

Le posizioni di H2O più colpite dalle recenti fluttuazioni di mercati sono quelle short sul Treasury Usa e quelle lunghe sui governativi italiani. H2O non ha commentato, ma, anche prima del recente tumulto di mercato, il fondo bandiera Multibond da 4,3 miliardi di euro ha lasciato sul terreno in un mese il 25% e il suo ritorno è negativo se calcolato sull’anno passato, spazzando via un guadagno del 35%. [CITYWIRE] 

Vediamo di fare chiarezza prima che qualche scienziato ci faccia notare che in passato sono andati bene questi fondi.

Questi fondi sono andati bene, non perchè i gestori erano dei fuoriclasse, ma solo perchè negli ultimi anni bastava mettere denaro ovunque senza rischiare più di tanto, perchè la liquidità e il sostegno delle banche centrali era TOTALE.

Ora il giochino degli illiquidi o quello ancora più ridicolo di mettersi a scommettere contro i nostri tesorucci, ha trovato la sua giusta dimensione. Da mesi e mesi suggerisco di stare fuori o di uscire da azionario, titoli corporate e highyield soprattutto dal risparmio gestito passivo, nei prossimi mesi, già ora in molti si accorgeranno cosa intendevo.

A me non importa se negli ultimi tre anni le performance sono ancora positive, a me importa fare educazione finanziaria e comportamentale. Quando qualcuno ti propone uno strumento finanziario che rende talvolta oltre 10 o venti volte il rendimento di mercato, la prima regola è radrizzare le antenne, la seconda è rendersi conto che il campo dei miracoli non esiste!

Questi scienziati, ovviamente a leva, hanno scommesso contro i titoli di Stato americani e sono andati lunghi di titoli di Stato italiani.

Già questa estate il revisore di H2O aveva segnalato che i gestori avevano violato le regole, impegnandosi in operazioni esclusive con il controverso finanziere Lars Windhorst.

A guardare cosa è successo lunedì, verrebbe da dire si sale con le scale e si scende con l’ascensore.

H2O Asset Management, con sede a Londra, ha subito uno dei colpi più duri. Nella volatile negoziazione di lunedì, il suo fondo di punta Multibonds ha perso il 20% del suo valore a causa di scommesse sbagliate, secondo i dati diffusi mercoledì.
La strategia delle obbligazioni e delle valute ora ha perso il 40% dal suo picco del mese scorso, tagliando quello che era un fondo da € 5,7 miliardi solo settimane fa a € 3,5 miliardi ora.

Loro amano fare scommesse, noi no, noi proponiamo sicurezza da tempo, noi ragioniamo senza prendere rischi, perchè i bond sovrani sono l’ultima spiaggia dell’investimento mobiliare, un mondo di carta straccia fondato sul debito, il resto sono chiacchiere da bar.

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta, l’informazione indipendente…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.0/10 (10 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +9 (from 9 votes)
PANICO A WALL STREET!, 9.0 out of 10 based on 10 ratings
19 commenti Commenta
giacomocambiaso78
Scritto il 12 marzo 2020 at 11:59

E pensare che c’e’ chi si lamenta che la BCE non compra abbastanza corporate bonds…leggere che il sistema fallisce perche’ le banche centrali non fanno o non hanno fatto abbastanza e’ esilarante, da la misura dell’ignoranza della gente. Grazie per essere uno dei maggiori contribuenti della verita’ Andrea, cari saluti

john_ludd
Scritto il 12 marzo 2020 at 14:30

Rendimenti, capitale, non varranno nulla senza persone come il Dottor Roberto Stella, era il presidente dei medici di Varese. Le sue ultime parole: «Siamo qui per lavorare e combattere». Aveva 67 anni, aveva deciso di assistere fino all’ultimo tutti i suoi pazienti. Se tra 6 mesi sarete ancora vivi lo dovrete a uomini così. Piantiamola TUTTI QUANTI di scrivere cazzate su denaro e assimilati e chiniamo tutti la testa davanti a UOMINI come questo. Mi sento un verme al confronto.

puntosella
Scritto il 12 marzo 2020 at 14:40

Fuure Fdax

Altro valore strategico per il 2020 ed oltre è rappresentato
dal Punto di Equilibrio della traiettoria che segna 9.001,20
che se intersecata dal vettore Prezzo cambia VERSO

puntosella
Scritto il 12 marzo 2020 at 14:55

Qualora dovesse essere registrata l’intersecazione della traiettoria
posta a 9.001,10 s’intravede sul grafo un altro Punto di Equilibrio
che posto per tuo il 2020 a 7.888,85

il DJIA ci indica che in posizione di ALERT RIMBALZO


default
Scritto il 12 marzo 2020 at 15:19

Qualche commento sulla BCE che non taglia i tassi? Ora cosa succederà?

forex1960
Scritto il 12 marzo 2020 at 15:36

(Nel fine settimana vi racconteremo anche cosa ne pensiamo di fronte ad alcune considerazioni generali sul fatto che i rendimenti non possono andare a ZERO o in NEGATIVO in America). Andrea con queste premesse dobbiamo considerare che il massimo fatto in settimana scorsa sia il profitto che possiamo raggiungere, il trentennale a fatto un minimo di 0,692 .Saluti e grazie

apprendista
Scritto il 12 marzo 2020 at 16:53

Andrea come mai oggi nessun compratore per tbond book fatti da market maker con spread altissimi?
STO parlando di ETLX market

homo_invictus
Scritto il 12 marzo 2020 at 17:26

apprendista@finanza:
Andrea come mai oggi nessun compratore per tbond book fatti da market maker con spread altissimi?
STO parlando di ETLX market

Premetto che potrei sbagliarmi di grosso, ma ho idea, dallo scarico ingiustificato anche di oro e di altri beni rifugio, che qualcuno, qualche grosso fondo, sia finito in margin call, e anche di brutto. C’era troppa gente long a margine.

puntosella
Scritto il 12 marzo 2020 at 18:11

Giunto a questo livello è meglio portare a casa.

puntosella
Scritto il 13 marzo 2020 at 13:20

FDAX …9.857,28 Livello di demarcazione tra fine del rimbalzo e prosecuzione del rimbalzo

john_ludd
Scritto il 13 marzo 2020 at 13:51

puntosella@finanza,

Dato il livello di competenza che mostri con i numeri, comprenderai cosa sia un sistema stazionario ergodico, cioè quello di cui tratti nei tuoi studi. Bene il mondo è un sistema NON stazionario e NON ergodico ma per periodi anche ampi è metastabile. Ovvero per lunghi periodi, data la brevità della nostra vita, i dati del passato sono rappresentativi del presente. Poi BUM ! non lo sono più. Come l’acqua quando si congela, un passaggio di stato, chimicamente è la stessa cosa ma il comportamento diverso che più non si può. Lo stesso avviene per i sistemi biologici, economici, sociali, intere civiltà. Se capiti in un momento di biforcazione, un punto di singolarità, tutto quello che valeva prima non vale più. Solo le leggi di natura sono costanti e immutabili e sono quelle che dovrebbero essere le linee guida sulle quali costruire ogni sistema sociale e definire il proprio individuale comportamento. La domanda oggi non il prossimo livello del DAX ma è questa ? Abbiamo incontrato un punto di biforcazione ?

puntosella
Scritto il 13 marzo 2020 at 16:43

john_ludd@finanza,

————————————————————————————-
John, provo a risponderti ai numerosi quesiti che mi hai posto partendo da questo punto di domanda?

Solo le leggi di natura sono costanti e immutabili e sono quelle che dovrebbero essere le linee guida sulle quali costruire ogni sistema sociale e definire il proprio individuale comportamento. 

Essendo nato e vissuto per parte della mia vita in campagna, essendo figlio di contadini, ho anche zappato la terra,credo di conoscere quello che è il ciclo biologico della natura, essendo stato educato ad osservane i cicli e le suevariazioni, per cui, ..terra .. terra, posseggo le più elementari conoscenze, ma non di più, e pertanto la mia vitaè stata improntata al massimo rispetto cercando di fare il minor danno possibile, per cui sotto l’aspetto comportamentalenon mi sento di aver contribuito, se non al minimo, al su decadimento considerato l’evolversi tecnologico.
Questa la mia risposta per quanto riguarda il comportamento individuale, però u mi chiedi di esprimermi anche su comeagisce il mio comportamento nella costruzione del sistema sociale di cui faccio parte.
Ho superato la settantina, e nella mia gioventù sono stato “molto attivo” convinto di poter incidere per cambiare quella\questa società, ma ho \ abbiamo fallito….   eravamo solo dei sognatori, anche se ci siamo sporcati le mani,e soprattutto strumentalizzati…. il potere che combattevamo era come i mulini a vento contro cui combatteva  Don Chisciotte.
————————————————————–
La domanda oggi non il prossimo livello del DAX ma è questa ? Abbiamo incontrato un punto di biforcazione ?
Mi chiedi se siamo difronte ad un punto di biforcazione?
Ti rispondo con il mio vissuto.
Avevo 34 anni, sposato e due figli, digiuno di finanza, “una capra direbbe oggi qualcuno”, e succedevache assieme ad un collega andassimo, in un momento di pausa a prendere qualcosa al bar.
Appena si entrava nel locale, questo mio amico  ordinava velocemente il suo solito Campari e poi  “si fiondava” sui quotidiani, che generalmente erano posti sul freezer a pozzetto dei gelati, e la prima cosa che faceva ….. andava a leggere quelle pagine piene di numeri, poi dopo alcuni minuti si avvicinava albancone e brontolava incazzato. Questa scena si ripeté parecchie volte, quando un giorno mi disse che si era comprato, – lui matematico-programmatore -un Commodore 64 -, per cui all’ennesima incazzatura dalla lettura dei giornali, o meglio dire delle pagine finanziarie,lo consigliai di costruirsi “in COBOL” un sistemino e cosi poter seguire l’andamento dei suoi titoli. …. ti risparmio tutti gli improperi con cui mi apostrofò,…. la più bella era che io non conoscendo” una beata…”  di borsa non potevo sapere quante variabili esistevano che potevano condizionare il prezzo di borsa.

Quel giorno ebbe inizio la mia BIFORCAZIONE professionale ed esistenziale.

Ho iniziato un percorso che mi ha portato fattivamente a conoscere l’operatività finanziaria quotidiana in tutti  i suoi aspetti tecnici, gestionale, amministrativa, di analisi  ed anche  grandi personaggi della finanza italiana e non e soprattutto GRANDI UOMINI che governavano la finanza italiana, poiché pur  con tutti gli errori che abbiano potuto commettere, chi non fa non faglia, – sono stati a mio parere – quelli che hanno ricostruito l’Italia dopo la 2a guerra mondiale , senza  MAI approfittarsene del loro ruolo di comando, per cui anche a livello sociologico, nel corso degli anni ’90 ho assistito ad una biforcazione in cui la finanza da ancella si  è trasformata in regina  …. e chissà che….
Per il resto, ormai anziano, mi diletto nel leggere le risultanze del “macchinario” che mi sono costruito affidandole talvolta, sempre  gratuitamente all’amico Andrea che conosco dall’inizio del suo cammino e per il resto, come un bambino  continuo ad aver fiducia nei  giovani per cambiare questo tipo di società….. che al momento viaggia in un verso

Abbiamo incontrato un punto di biforcazione ?
Non sono un sociologo, per cui rispondo che non lo so, che lo dirà la STORIA
nei lustri o decenni futuri per chi ci sarà…. io no di certo.

PS: Ogni sistema ha una DIREZIONE ed un VERSO, per cui nel tempo, ad ogni cambio di VERSO  si verifica  una biforcazione…. per il mondo finanziario la direzione è obbligata da sx vs dx… quando non ci saranno più le borse…. non ci sarà più alcun sistema sociale che tenga, per cui penso che la lotta sia nel regolamentare da parte della politica lo strapotere di chi detiene il potere finanziario, anche se al momento la vedo dura, … molto dura…

silvio66
Scritto il 14 marzo 2020 at 00:12

Andando al pezzo così tra amici sul perché settimane…c’è il mantra che il caldo uccidera il virus. Somiglia più ad un auspicio ma facciamolo buono. Tra un mese/due viene caldo e riduce drasticamente il contagio. Non c’è la cura percui il problema nel reale rimane ma per i mercati potrebbe bastare e fare una pausa estiva. Inoltre, le volatilità le vedete tutti e a questa velocità non è che possiamo permetterci di andare avanti tantissimo…ma non si sa mai nevvero il bello della materia e proprio questo. Penso inoltre che questi danni li abbiamo fatti attaccando i vassalli e mi chiedo come andrà ora che si aggredisce il re.
Chiedo venia a tutte/i voi per non avervi salutato dopo una lunga pausa di scrittura…ma vi ho letti ciurmaglia perché Iceberg si legge sempre e ricordatevi che il Capitano non vive solo di pacche sulle spalle.

john_ludd
Scritto il 14 marzo 2020 at 16:49

puntosella@finanza,

Sei sicuramente una persona con un eccellente livello di comprensione. Sarei d’accordo su molto per quel vale, tranne un’affermazione, questa “…quando non ci saranno più le borse…. non ci sarà più alcun sistema sociale che tenga…” No, questo non ha alcun fondamento, appartiene solo a ciò che definiamo buonsenso cioè questo:

“Common sense is the collection of prejudices acquired by age eighteen.”

Sono le parole di un signore che, oltre alla teoria della relatività, ci ha lasciato altre verità decenni in anticipo sugli eventi, come queste:

“I fear the day that technology will surpass our human interaction. The world will have a generation of idiots.”

“Insanity: doing the same thing over and over again and expecting different results.”

Oggi assisto alla risposta insana come le precedenti di una delle culture più deteriori della lunga storia umana, quella anglo sassone che antepone l’economia (lo ha sempre fatto da quando esiste) alla cultura (sono dei bruti e dei ladri di opere altrui) e al rispetto della vita altrui che non hanno mai mostrato dai tempi di William S., ultimo esempio Boris J. che avverte la popolazione che dovrà rinunciare ai suoi “nonni” che sono visti solo come un costo.

Non mi faccio alcuna illusione, il corona virus non fermerà questa massa di criminali o muterà abbastanza il comportamento della massa di idioti che staziona là fuori e con i quali non ho nulla con cui condividere. Ma poi arriverà qualcos’altro e poi altro ancora e le generazioni di idioti si estingueranno insieme ai loro mentori e verranno sostituite da altre migliori nel senso evolutivo nel termine perché i sistemi biologici possono sopravvivere a lungo se e solo se si evolvono lungo un cammino di minimizzazione dell’entropia prodotta. Non è ciò che avviene ai nostri sistemi socio/economici quali essi siano. Ho solo un decennio meno di te e conto di avere ancora il tempo di godermi lo spettacolo della creazione, straordinario, incomprensibile e del tutto indifferente alla nostra sorte.

Ti saluto, con rispetto, ciao.

john_ludd
Scritto il 14 marzo 2020 at 16:58

silvio66@finanza,

Infatti a Singapore il virus è stato fermato grazie al caldo umido costante tutto l’anno e non grazie al miglior sistema sanitario del pianeta e a un’organizzazione statale autocratica ma efficiente ed efficace come nessun’altra al mondo. Nella città sacra di Qom la temperatura diurna è sui 26-28 gradi e muoiono come mosche malgrado Allah.

idleproc
Scritto il 15 marzo 2020 at 10:53

puntosella@finanza,

La differenza tra me e John è che sono convinto che il problema dell’entropia dando comunque come costante “un cammino di minimizzazione dell’entropia prodotta” lo risorvi allargando il prossimo sistema, è una cattiva scommessa di specie limitarsi al nostro bellissimo pianeta che sta diventando una pattumiera.
L’attuale sistema è finito e non è riformabile, per tenenerlo in piedi ci stanno portando verso un altro massacro e falliranno.
Per carattere sono un conservatore, mi piace l’illusione delle cose che funzionano bene, sempre e sono affidabili insieme alla ricerca del limite per superarlo in avanti.
Per puro egoismo personale e avendo una concezione esistenziale simile alla tua, speravo di passare qualche anno a studiare le mie cose per finire di concludere qualcosa di utile pur sapendo come sta andando, va e andrà l’intera vicenda, invece mi hanno disturbato e mi fanno perdere tempo cosa che odio.
E’ difficile entrare nell’ordine d’idee che un sistema è fottuto e doveva essere illuminante su cosa stavano combinando un libercolo di cospicue dimensioni allegato ad un giornalaccio italico nel quale c’era una frase del genere “banchieri e finanzieri salveranno il mondo”.
Sono quelle cose che leggi con la lettura veloce e poi finiscono nella spazzatura.
In qualsiasi sistema esiste il problema della gestione del capitale prodotto socialmente ma non lo chiamerei “finanza”, coi tuoi principii che condivido, dovresti trovargli un altro nome.

silvio66
Scritto il 15 marzo 2020 at 13:22

john_ludd@finanza,

Ciao John,
basterebbe rallentarlo in modo significativo per una falsa ripartenza. I dottori ci ricordano che i virus li teniamo in freezer e l’asfalto bollente non è l’ambiente preferito.

puntosella
Scritto il 15 marzo 2020 at 16:14

john_ludd@finanza,

John, non si può essere perfetti, nessuno di noi lo è, ma rimaniamo
tutti padroni delle nostre ipotesi, poi sarà la legge di Gompertz a
dirci se erano fattibili.

Ricambio il saluto.

puntosella
Scritto il 16 marzo 2020 at 10:19

idleproc@finanza,

“In qualsiasi sistema esiste il problema della gestione del capitale prodotto socialmente ma non lo chiamerei “finanza”, coi tuoi principii che condivido, dovresti trovargli un altro nome.”

idleproc….ho conosciuto personalmente quell’ambiente…

erano soprattutto GRANDI UOMINI che possedevano una grande qualità, saper raccordare le esigenze del mondo del lavoro con quelle di salvaguardia del risparmio, io li definivo i “banchieri di mezzo”…che purtroppo sono stati spazzati via da politici corrotti e senza attaccamento alla propria comunità che hanno svenduto il paese per incassare una misera commissione come i “sensali”, uomini che hanno lavorato avendo come finalità il
bene comune che è differente dal bene pubblico, ultimo paladino di questa visione è stato Vincenzo Maranghi,
disarcionato dai vari prodi_boys che parlavano il franco_tedesco, oltre che inglese e che ci hanno portato,
noi provinciali, nel mondo della finanza globale.

ildproc… devi considerare che allora gli strumenti finanziari erano rappresentati da due soli categorie: Azioni, appannaggio della medio_alta borghesia e poi il RISPARMIO degli ITALIANI che confluiva sui titoli di stato, il cosiddetto “bot people”, che diffidava enormemente di Piazza Affari e di tutto il contorno finanziario chegirava attorno, i cosiddetti finanzieri d’assalto, con i titoli atipici(Bagnasco, Cultrera, Sgarlata e company.)

**
Parlo volutamente del mondo del lavoro, poiché le imprese per costoro avevano una valenza sociale,
(la dignità dell’uomo si preserva attraverso il lavoro, questa era la filosofia di fondo, non quella di
prestare i soldi all’amici dell’amico, anche perché attraverso un’emissione obbligazionaria o un intervento
nel capitale aziendale si usavano soldi del pubblico ), indipendentemente di chi ne possedeva il capitale,
poiché la maggior parte erano capitalisti squattrinati, senza coraggio e senza visione del futuro

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
REVOLVERSMAPS

ICEBERGFINANZA NEL MONDO

Articolo dal Network
Ftse Mib. L'indice si è portato al test del supporto chiave a 19.174 punti. La rottura di tale liv
Guest post: Trading Room #370. Ultima analisi prima della pausa di agosto. E purtroppo non possiam
Continuano anche per il mese di agosto le contrapposizione monetarie delle movimentazioni di contrat
Analisi Tecnica Perdiamo il canale rialzista e con long black anche i 19300... La doji di indecisi
Tracy Inverso [Settimanale] (gg. 6)[Base Dati: 15 minuti] Tracy Inverso [Settimanale] (gg. 8)
Tracy [Settimanale] (gg. 6)[Base Dati: 15 minuti] Tracy [Settimanale] (gg. 8)[Base Dati: 15 m
Velocità t-2 / t-1 / T[Base Dati: 15 minuti] Velocità t-2 / t-1 / T[Base Dati: 15 minuti](P
  Stoxx Giornaliero   Buon inizio di settimana a tutti, lo Stoxx nella scorsa
DJI Giornaliero Ben ritrovati a tutti sul nostro aggiornamento mensile che riguarda l’anal
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u