TREASURIES: FINAL CALL

Scritto il alle 08:57 da icebergfinanza

Eccoci qui di nuovo insieme, dopo una settimana che resterà nella storia di Icebergfinanza, non tanto per quello che sta succedendo a livello globale con il coronavirus, di cui parleremo in un altro post, ma perchè l’analisi empirica, l’analisi cinematica hanno confermato le nostre previsioni, contro tutti, controcorrente.

Dopo aver abbattutto il nostro obiettivo stabilito nel 2014 a 1,75 % di rendimento il minimo storico è stato aggiornato in settimana ad un soffio dal nostro secondo obiettivo, 1,586 %.

Chi ha avuto la fortuna di seguire le nostre visioni da inizio anno ha portato a casa una performance, nonostante il livello attuale del dollaro di oltre il 15 %.

Chi ha usuffruito del nostro servizio di consulenza da inizio anno, ma non solo è stato gratificato.

Come abbiamo più volte detto ora non poniamo più limiti alla provvidenza.

L’intensità del movimento è tale e quale a quello verificatosi nell’ agosto dello scorso anno e i suoi futuri sviluppi propongono una dinamica simile ma di questo ne parleremo in futuro.

Qui sopra le curve dei tassi, non serve aggiungere altro.

La Fed è in trappola non ha scampo, deve tagliare immediatamente di almeno 50 punti base i tassi a breve termine nella prossima riunione, se la situazione precipita, dovrà farlo in una riunione di emergenza.

“I fondamenti dell’economia americana rimangono forti. Tuttavia, il coronavirus presenta rischi in evoluzione per l’attività economica. La Federal Reserve sta monitorando attentamente gli sviluppi e le loro implicazioni per le prospettive economiche. Utilizzeremo i nostri strumenti e agiremo in modo adeguato per sostenere l’economia “.

Il ricorso alla precisazione che i fondamentali dell’economia americana sono forti è il segnale che a breve avremo una nuova crisi.

Come sempre nella storia capacità finanziaria e perspicacia polita sono inversamente proporzionali. La salvezza a lunga scadenza non è mai stata apprezzata dagli uomini d’affari se essa comporta adesso una perturbazione nel normale andamento della vita e nel proprio utile. Cosi si auspicherà l’inazione al presente anche se essa significa gravi guai nel futuro. Questa è la minaccia per il capitalismo (…) E’ ciò che agli uomini che sanno che le cose vanno molto male fa dire che la situazione è fondamentalmente sana!

Questa frase del grande JK GALBRAITH è un’altra pietra fondamentale su cui si basa da anni il nostro viaggio insieme alla …”Verità figlia del Tempo!”

I dati macro arrivati negli ultimi giorni sono terrificanti!

Image

Un crollo che non si vedeva dai temi del fallimento della Lehman Brothers!

Image

Torno a ripetere che la frenata a livello mondiale era già in atto prima dell’avvento del coronavirus, nei dati di Giappone, Europa e Cina, quelli americani avevano bisogno di un ritocco per fare contento Donald, come gli ultimi sulle spese per costruzioni o ISIN manifatturiero.

Se qualche ingenuo non ha ancora capito cosa è successo, se crede che quello che è accaduto in questi giorni è causa esclusiva del coronavirus vuol dire che non ha capito nulla.

Non ha capito nulla di quello che è successo sul dollaro, sull’oro e soprattutto su alcune categorie di bond in circolazione o meglio non ha compreso per nulla quello che abbiamo scritto insieme a Machiavelli e sul blog per oltre 3 anni, sulla leva e sulle margin call, sulle gestioni passive e via dicendo.

Rapido accenno a quanto è successo su oro e dollaro, chi segue il nostro Machiavelli non può ritenersi sorpreso. Il tutto è stato dovuto a richieste di margine sui titoli che hanno comportato la chiusura di posizioni di attivo per liberare liquidità. Quello che è accaduto sul dollaro è la chiara dimostrazione di come la speculazione ha chiuso in fretta e furia tutte le posizioni a leva aperte sul mercato europeo. L’indebitamento della speculazione in euro a tassi zero, il carry trade per eccellenza ha comportato un disperato bisogno di acquisto di euro sul mercato che ha prodotto il recente movimento.

Forse ora qualcuno incomincia a capire per quale motivo da mesi suggerisco di stare lontani dai titoli corporate, soprattutto high yield e illiquidi.

Ascoltare solo ora due personaggi come El Erian e Roubini mettere in guardia dai rischi prospettando crolli del 40 % dell’azionario o gente come Dimon e Gundlach che sino a qualche mese fa prospettavano tassi al 4 o 5 % per il decennale usa, fa sorridere.

La nostra coerenza sta portando in suoi frutti, la storia e l’analisi empirica difficilmente sbagliano. Studiare comporta fatica, impegno passione, ma quando la verità si rivela, la soddisfazione non ha confini.

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.0/10 (10 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +6 (from 8 votes)
TREASURIES: FINAL CALL, 9.0 out of 10 based on 10 ratings
9 commenti Commenta
giacomocambiaso78
Scritto il 3 marzo 2020 at 10:24

e davanti a questa realta’ catastrofica vediamo Wall Street salire del 5% in una seduta solo perche’ il taglio dei tassi della Fed risulta ormai certo

noldor
Scritto il 3 marzo 2020 at 10:47

Un autorevole analista di cui per privacy non faccio il nome ha ipotizzato che la FED in risposta ad un rallentamento dell’economia potrebbe lanciare un QQE alla giapponese, ovvero un QE che ha per obiettivo quello di tenere bassi (e vicini a zero) i rendimenti dei titoli di stato del proprio governo su tutte le scadenze. Questo per permettere al governo americano di aumentare il debito in maniera considerevole ed intervenire con una sorta di New Deal del XXI secolo.
Se dovesse accadere questo la discesa dei rendimenti di queste settimane è solo un assaggio.

spark89
Scritto il 3 marzo 2020 at 11:33

La cosa più bella è che si sta difendendo la gente onesta, chi conta sui propri risparmi per una vecchiaia più possibile tranquilla, come il mio babbo.

E chi, come me e tanti altri, a 30 anni sta cercando con fatica di costruirsi una vita propria, una famiglia propria, col sudore della fronte.

Ancora grazie Andrea.

Marco Coco

cecinico
Scritto il 3 marzo 2020 at 13:44

Ritieni che questo disperato bisogno di acquisto di euro, dovuto al carry trade,continuerà? O ci sono margini di recupero sul dollaro?

omnia_funds
Scritto il 3 marzo 2020 at 17:04

Fed, mossa a sorpresa: tassi tagliati di 0,5 punti causa coronavirus.
Et voilà…

mashimo74
Scritto il 3 marzo 2020 at 18:57

che dire Andrea complimenti per la professionalità perchè, dove c’è vera professionalità, ci sono sempre ore ed ore di faticoso studio … purtroppo per me non ho fatto in tempo a salire sul treno dei bond ma, come tu sai e come da tempo ti scrivo, gold e silver fanno parte da moltissimo tempo dl mio portafoglio e delle mie analisi .. un abbraccio e avanti tutta

alayasf
Scritto il 3 marzo 2020 at 19:15

Va beh…
Andrea non ha fatto nemmeno in tempo a dire che la fed dovrà tagliare di corsa almeno 50 punti base…
Che la fed… Ha tagliato di 50 punti base…
E non è finita.

default
Scritto il 3 marzo 2020 at 19:56

Nel caso in cui la FED tagliasse ancora i tassi, le altre banche centrali reagiranno?

luigiza
Scritto il 4 marzo 2020 at 09:49

default@finanza:
Nel caso in cui la FED tagliasse ancora i tassi, le altre banche centrali reagiranno?

Taglieranno le donnole!

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
REVOLVERSMAPS

ICEBERGFINANZA NEL MONDO

Articolo dal Network
Il cross Eur Usd si dimostra molto interessante in questa fase di mercato Nel video TRENDS del We
Le movimentazioni monetarie degli ultimi due giorni di borsa mostrano l'indice Ftsemib in netta cont
Analisi Tecnica Perdiamo il canale rialzista e con long black anche i 19300... La doji di indecisi
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
I dati macro di venerdi hanno dato un po' di positività in più ma attenzione, in ambito intermar
Iniziamo con una bella notizia, nuovi minimi sul rendimento trentennale dei nostri tesorucci
Ftse Mib. Dopo la rottura della ex trend line rialzista che ha accompagnato i corsi da metà febbra
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Alla fine anche lo SP500 ce l’ha fatta, è tornato alle quotazioni a cui si trovava a metà fe
Avrete avuto modo ieri di vedere il post sulle aspettative di crescita economica redatte dal Con