AMERICA: ECLISSE DEI TASSI

Scritto il alle 10:00 da icebergfinanza

 

In attesa che in America smetta di nevicare e che i mercati e la Federal Reserve si preparino al leggendario aumento dei tassi estivo, noi torniamo a dare un’occhiata alle recenti dinamiche dell’economia americana, in attesa di osservare da vicino con Machiavelli  il contributo che i prossimi dati daranno alla crescita del secondo trimestre.

gdp_components_apr_15

Come potete vedere qui sopra non una sola componente fondamentale ha funzionato nel primo trimestre, con consumi dimezza ed esportazioni crollate, senza il contributo delle scorte, il Pil americano sarebbe finito sotto zero, come la temperatura che ogni anno immancabilmente accompagna il territorio americano.

Quello che è chiaro è che la colossale balla metropolitana secondo la quale un calo del prezzo del petrolio e quindi della benzina avrebbe sostenuto i consumi è stata spazzata via come neve al sole.

Nel primo trimestre i consumi in America si sono più che dimezzati.

Provate a riflettere…

Due esponenti della Federal Reserve, Stanley Fischer (vice presidente della Fed) e William Dudley (presidente Fed di New York) ritengono che il calo del petrolio alimenterà i consumi statunitensi. 

Lagarde: ‘La caduta del prezzo del petrolio è una buona notizia per l’economia mondiale’

Draghi: “I prezzi bassi del petrolio e l’euro più debole stanno aiutando l’economia”

O sono “ignoranti” e semplicemente attori politici che fanno quattro chiacchiere al bar.

Ciò che affascina è che in piena stagnazione globale qualche  pollo continua a far salire il prezzo del petrolio con il quale verrà arrostito, ma soprattutto qualche analista o governatore sogna chissà quale rimbalzo con prezzi che sono ormai saliti da 44 dollari a 60.

Noi siamo sempre disponibili a cambiare idea, non resta che attendere, infatti peggio di così non può andare e visto che in molti stanno ribassando le aspettative ogni sorpresa positiva sarà l’ennesimo miracolo per la fragile economia americana.

Ma cambiamo argomento e occupiamoci degli ultimi dati sui salari americani.

http://icebergfinanza.finanza.com/files/2015/05/ECIQ12015.png

A prima vista, ma solo a prima vista, un motivo in più per scommettere su un probabile rialzo dei tassi per il mese di giugno.

Un rapporto quello di marzo che segnala, una crescita del 0,3 % in termini reali, la migliore variazione dal mese di novembre, peccato che l’inflazione sono cinque mesi che non riesce a raggiungere l’obiettivo del 2 % tanto caro alla Fed, una salita del dato core che raggiunge a mala pena 1,3 % per tutto il 2014.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (13 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +9 (from 11 votes)
AMERICA: ECLISSE DEI TASSI, 10.0 out of 10 based on 13 ratings
2 commenti Commenta
aorlansky60
Scritto il 4 Maggio 2015 at 12:04

@IcebergFinanza

…dimenticavo, se qualcuno non riesce ancora a comprendere per quale motivo i salari non si alzano e i redditi della classe media americana continuano a scendere insieme agli investimenti, date un’occhiata qui sotto, uno dei sintomi della Grande Depressione del 1929… “BuyBack a gogo…”

giusto, Andrea; stò leggendo il testo di J.Galbraith che mi hai consigliato, il quale evidenzia quanto accaduto prima del 1929 in esatta (quasi incredibile) corelazione con ciò che stà accadendo attualmente : salari che non crescevano con la stessa ampiezza con cui crescevano gli utili aziendali, utili poi utilizzati dalle società stesse per le speculazioni in borsa che poi dettero vita al ben noto “crash”… similitudini assai singolari. I segnali e gli avvisi ci sono tutti.

dorf001
Scritto il 4 Maggio 2015 at 19:35

ANDREA, tu scrivi : Ciò che affascina è che in piena stagnazione globale qualche pollo continua a far salire il prezzo del petrolio con il quale verrà arrostito, ma soprattutto qualche analista o governatore sogna chissà quale rimbalzo con prezzi che sono ormai saliti da 44 dollari a 60.

eehhh non ci hai messo dentro tutto quello che la tivvù di stato racconta ogni ggiorno.

ma dai che è arrivata la ripresa. tutti felici.

ma non senti ciò che dice ballarò gigio vespa, e tutti gli altri c…..i dei talk show?

siamo dentro in un bel truman show. quando la gente si sveglerà dal sonno?

a quando ti vedremo in tivù?

ahimè in questo paese lercio, conta solo la tivù. sai la ggente….non conosce altro.

tranne i centri commerciali.

by DORF

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
ICEBERGFINANZA NEL MONDO
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
La volatilità sembra aumentare ma questo non spaventai i mercati e tantomeno le mani forti che
Staccare la spina è sicuramente utile per ricaricare le batterie ma ha un effetto collaterale.
Torniamo a occuparci di dinamiche economiche con l'ultimo dato arrivato dal settore dei servizi
Anche su questo ennesimo massimo i trigger operativi sono sempre gli stessi: aumento di put dietro a
Analisi Tecnica Beh, che dire .... Doppio test sul supporto a 23800 (livello costruito molti ann
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
24 Luglio. Veloce analisi intermarket di S&P500 relativamente alla scadenza trimestrale Sette
Ftse Mib. All’inizio della settimana l’indice italiano è stato travolto dalla volatilità fino
CONTATORE