MERKEL E IL PARADOSSO DEI TASSI EUROPEI

Scritto il alle 09:30 da icebergfinanza

Loro lo sanno eccome se lo sanno, ma non lo vogliono ammettere, ormai non hanno scampo hanno fallito ma non vogliono ammetterlo!

Non starò qui a ripetervi l’insostenibilità  di questa Europa e la sua gabbia monetaria in un sistema di economie non omogenee, ma la perla che ci regala Santa Angelina da Austerilitz vale la pena di leggerla, soprattutto dopo aver chiesto a Wiedmann cosa ne pensa mentre sta preparando il bunker antiatomico per proteggersi dall’iperinflazione dell’immaginazione alemanna…Il cancelliere tedesco mette a nudo la difficoltà dell’Eurotower di intervenire sul costo del denaro e il paradosso di Mario Draghi: “Se si trattasse solo di Berlino, dovrebbe alzare i tassi. Ma per altri Paesi dovrebbe intervenire per mettere a disposizione liquidità”  (…)  In campo è scesa anche Angela Merkel, il cui pensiero semplificato è: servirebbero tassi più alti per la Germania e più bassi per altri Paesi. E’ questo il paradosso di fronte al quale si trova la Bce, secondo il cancelliere tedesco. La Bce, dice, “si trova in una situazione molto complicata: se si considera la Germania, dovrebbe alzare di qualcosa i tassi d’interesse. Ma per altri Paesi dovrebbe invece fare ancora di più per mettere a disposizione più liquidità e, soprattutto, per far arrivare questa liquidità al finanziamento delle imprese”. “Vediamo bene – ha aggiunto – gli effetti nocivi dei tassi bassi sui clienti delle compagnie assicurative e sui risparmiatori – ha detto Merkel – e la mia preoccupazione è che i risparmiatori non perdano a un certo punto la pazienza”. Il paradosso del taglio dei tassi Bce.

Le compagnie assicurative tedesche intendeva dire Angelina, si quelle che da mesi stanno rastrellando titoli italiani per fornire rendimenti alle pensioni del popolo tedesche, visto che qualche pesce lesso sta ancora sguazzando nei rendimenti realmente negativi dei bund, in attesa dello tsunami che verrà!

« SOSTIENI L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta … Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando sul banner  in cima al blog o sul lato destro della pagina può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando qui sopra o sul lato destro del blog Semplicemente Grazie!

Vi aspettiamo tutti per la nuova avventura su   METEOECONOMY  per condividere insieme nuove informazioni e analisi non solo economico/finanziarie attraverso la tempesta perfetta.

Capito, non funzionano neanche i tassi in Europa, ma Angelina non vi dirà mai che in fondo in fondo va bene così, continuare ad emettere debito a gogo soprattutto prima delle elezioni ad interessi zero o negativi è una manna alla quale non si può rinunciare.

Su http://twitter.com/icebergfinanza mentre il mercato sognava l’ennesimo miracolo, ho scritto di sognarsi il ribasso dei tassi…NEIN NEIN NEIN!

Ora ecco un’altro genio tedesco, tutti figli del senno di poi in Germania…
 Un altra cosiderazione – in linea con l’idea di un’Europa a due velocità – è arrivata da Joerg Asmussen, membro del comitato esecutivo della Bce in quota tedesca. Un taglio ai tassi di interesse potrebbe non essere d’aiuto ai Paesi dell’eurozona in recessione, sostiene, anche perché consumatori e imprese non stanno finora beneficiando del costo del denaro ai minimi  dall’introduzione della moneta unica. Asmussen ha spiegato che l’effetto di una taglio dei tassi sarebbe “limitato” e potrebbe attenuare gli sforzi di consolidamento e riforme dei singoli Stati dell’eurozona.

Vi aspettiamo tutti per la nuova avventura su   METEOECONOMY  per condividere insieme nuove informazioni e analisi non solo economico/finanziarie attraverso la tempesta perfetta.

 “La politica monetaria – ha detto il membro del board intervenendo a Londra – non è un’arma buona per tutti gli usi e per combattere qualsiasi malattia economica”. Secondo gli analisti il rappresentante tedesco all’Eurotower ha voluto raffreddare le aspettative su un imminente taglio del costo del denaro da parte della Bce. Nell’intero consiglio direttivo il suo rappresenta un voto su 23. Asmussen ha voluto inoltre precisare che l’acquisto di asset finanziari, praticati dalla Fed e da Bank of Japan, “è non facilmente attuabile” per l’Eurozona perché i 17 Paesi hanno tassi di interesse diversi e perché le piccole e medie imprese ricorrono alle banche per finanziarsi e non ai bond. “L’area dell’euro – ha detto ancora Asmussen – deve andare avanti verso una più profonda Unione” economica e finanziaria.

Ma certo … “è non facilmente attuabile” per l’Eurozona perché i 17 Paesi hanno tassi di interesse diversi, ma è tutto diverso in Europa, ci vuole tanto a capirlo!

E’ vero il voto tedesco numericamente vale come il due di picche, Weidmann e Asmussen, ma prima delle elezioni non si fa nulla a meno che non viene giù la Germania e la sua economia.

Le imprese europee e soprattutto italiane ricorrono alle banche per finanziarsi e non ai bond, altra scoperta sull’acqua bagnata e allora incominciate a fornire loro direttamente liquidità scontando i crediti nei confronti delle PA, senza fare finta che non è un Vostro compito, siete i prestatori di ultima istanza dell’economia e non solo delle banche, anche se magari nessuno ve lo ha mai insegnato a meno che….

Per chi volesse sostenere liberamente il nostro viaggio o anche solo comprare il nostro libro è disponibile  MACHIAVELLI E L’ULTIMA GRANDE OCCASIONE! MACHIAVELLI E IL PILOTA AUTOMATICO!  visioni e orizzonti per i prossimi due mesi…

« SOSTIENI L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta … Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando sul banner  in cima al blog o sul lato destro della pagina può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando qui sopra o sul lato destro del blog Semplicemente Grazie!

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.8/10 (6 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)
MERKEL E IL PARADOSSO DEI TASSI EUROPEI, 9.8 out of 10 based on 6 ratings
6 commenti Commenta
john_ludd
Scritto il 26 aprile 2013 at 10:19

ABENOMICS ?

…the latest CPI report shows that the deflation is actually WORSENING. The Statistics Bureau in Japan reported that Japan’s National Core CPI fell to -0.5% in march, down from -0.3%. This was worse than expectations of -0.4%. The headline rate fell to -0.9% versus expectations of -0.8%.

The latest reading is the worst reading since 2010.

———-

BTP e BONOS non sono più terra di conquista delle assicurazioni nord europee ma terreno x i carry traders che vendono yen allo scoperto. Non ci sono capitali giapponesi in uscita, le loro istituzioni sono immobili, sono gli speculatori anglo-americani ed europei che annegano nella liquidità di FED e BCE a utilizzarla per questi giochetti destabilizzanti. Tra i tanti effetti demenziali di queste politiche da ultima spiaggia c’è anche questa.

Presto il Giappone inizierà una campagna x il riarmo che alcuni luminari in America stanno loro consigliando (in modo del tutto disinteressato naturalmente), che è certamente utile al prodotto interno lordo. Utilizzata in passato da Giappone e Germania non è poi finita un granché bene.

R.I.P.

giobbe8871
Scritto il 26 aprile 2013 at 14:28

john_ludd@finanza,

Grazie John per la notizia : 8O :o
….Non ci sono capitali giapponesi in uscita, le loro istituzioni sono immobili, sono gli speculatori anglo-americani ed europei che annegano nella liquidità di FED e BCE a utilizzarla per questi giochetti destabilizzanti.

giobbe8871
Scritto il 26 aprile 2013 at 14:31

quanto alla seconda news….Presto il Giappone inizierà una campagna x il riarmo che alcuni luminari in America stanno loro consigliando (in modo del tutto disinteressato naturalmente), che è certamente utile al prodotto interno lordo. Utilizzata in passato da Giappone e Germania non è poi finita un granché bene.

nessuna sorpresa. :wink: :(

io pronostico l’inizio dei primi scontri “armati” in contemporanea con l’inizio del crollo, o meglio del Grande Crollo borsistico del 2015 :twisted:

con la dimezzazione della popolazione mondiale anche il bisogno energetico cala cala cala…. :twisted: :wink:

giobbe8871
Scritto il 26 aprile 2013 at 14:32

quanto al puntuale post del grandissimo Mazzalai , io dico che super Mario Draghi non abbasserà i tasse BCE. :mrgreen: :twisted:

giobbe8871
Scritto il 26 aprile 2013 at 14:36

john_ludd@finanza,

Che significa R.I.P. ?

“rest in peace” ?

john_ludd
Scritto il 26 aprile 2013 at 17:20

giobbe8871@finanza,

la prima è una news, la seconda potrebbe diventarlo se il governo locale si fa abbindolare dai neocon che lo hanno proposto. E’ chiaro e in linea con la logica di potenza che gli USA stiano cercando di smarcarsi dal medio oriente per concentrarsi sul primo vero nemico che potrebbe batterli sul terreno economico e avere il giappone che si arma permetterebbe di stare in seconda linea invece che in prima. Un mondo diretto da pazzi/criminali ma lucidi è tendenzialmente predisposto a vedere azioni pazze/criminali mascherate come illuminata strategia

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Mercato azionario: titoli value e momentum a confronto I dati macroeconomici continuano ad uscire
Le rimodulazioni tariffarie sono ormai una consuetudine tra gli operatori di telefonia mobile (e fis
Ftse Mib: dopo una breve fase laterale, il 4 novembre l’indice italiano ha rotto in gap up il liv
E' l'indice più importante a Wall Street, quello da cui è dipeso il grande rally e tuttora dip
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
La notizia delle nevicate delle ultime ore che sta interessando le Dolomiti, potrebbe avere ricordat
Sui mercati finanziari la parola d'ordine è conoscenza. “Solo grazie alla conoscenza è possibile
“Solo grazie alla conoscenza è possibile assorbire gli urti del mercato senza cedere alla paura,
Signori manca poco. Tra qualche giorno arriverà la più grande IPO della storia, quella di Saud