SPAGNA …MOODYS OPERANDI!

Scritto il alle 14:00 da icebergfinanza

Modus operandi, un’espressione a volte usata per descrivere i tratti caratteristici e lo stile di operazione di un criminale!

MILANO – La Spagna è pronta a chiedere un intervento soft al fondo salva Stati: 45 miliardi che potrebbero non essere mai utilizzati, ma che permetterebbero alla Banca centrale europea di dara il via all’acquisto di titoli di Stato fino a 3 anni sul mercato secondario allentando la tensione sul costo del debito. L’annuncio potrebbe arrivare già domani in occasione del vertice europeo, ma i rumor sono stati accolti con soddisfazione dal mercato e da Moody’s: l’agenzia di rating ha mantenuto negativo l’outlook sul Paese, ma non ha tagliato – come temuto – il suo giudizio a “junk”, spazzatura. Una decisione motivata dalla convinzione che “il rischio che la Spagna perda accesso al mercato si è materialmente ridotto grazie alla volontà della Banca centrale europea di portare avanti l’acquisto di titoli di stato spagnoli per contenere la volatilità dei prezzi”. (Repubblica)

Ci hanno messo ben due mesi per arrivarci i pagliacci di Moody’s!

A quando l’upgrade del rating dello stato sovrano Italia?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (8 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +7 (from 7 votes)
SPAGNA ...MOODYS OPERANDI!, 10.0 out of 10 based on 8 ratings
7 commenti Commenta
ilcuculo
Scritto il 17 ottobre 2012 at 14:23

Esiste un concetto fondamentale in Fisica Sperimentale :

La misurazione altera la misura.

Con le opinioni delle agenzie di rating siamo alla condizione in cui l’opinione su una situazione determina la situazione.

Una agenzia indica che un titolo è Junk quando uno stato perde accesso al credito oppure quando un titolo viene indicato come Junk lo stato perde l’accesso al credito?

atomictonto
Scritto il 17 ottobre 2012 at 14:55

Ma infatti, se S&P e Fitch hanno almeno cercato di salvare la faccia negli ultimi 4-6 mesi questi di Moody’s, forse insoddisfatti del loro rating “Circus”, stanno ancora rendendosi ridicoli nell’ansia di accontentare i loro azionisti/speculatori.
Ma è possibile, guarda caso ieri quando l’Eurostoxx da conferma di inversione, di uscirsene con “L’area EU è ancora debole, la Grecia potrebbe uscire dall’Euro”?
La stessa, identica, noiosa, ripetitiva manfrina che ripetono ad orologeria da 3 anni?
Eddai…

claudio61
Scritto il 17 ottobre 2012 at 14:58

Curiosamente sarà perchè anche BoA ha aumentato l’interesse per i PIIGS, Italia in testa?
http://www.zerohedge.com/news/2012-10-17/bank-america-gimmicks-continue-chargeoffs-soar-highest-year-loan-loss-release-surges

dorf001
Scritto il 17 ottobre 2012 at 17:05

MONTI IL DISTRUTTORE E LE PROSSIME ELEZIONI

EUGENIO ORSO
Pauper class

Recita un’ANSA del 16 ottobre, riguardante il testo finale della cosiddetta Legge di Stabilità governativa:

Salta nella Legge Finanziaria la cosiddetta “tassa sugli invalidi”. Nel testo definitivo non ci sono più tra le norme fiscali i due commi che prevedevano la tassabilità Irpef delle pensioni e delle indennità di invalidità richiamati anche nel comunicato ufficiale del Cdm di martedì scorso. Tassate invece le pensioni di guerra.

Salta anche la stretta inizialmente prevista sui dipendenti pubblici per i permessi per l’assistenza di parenti disabili (L.104).La norma, inizialmente prevista, non é nel testo definitivo del Governo. Prevedeva la riduzione del 50% della retribuzione per i 3 permessi mensili e nessuna agevolazione per i disabili diversi da coniuge-figli.

Come si nota, tutte le manovre di questo governo – tralasciando qualche passo indietro e qualche “ripensamento”, come nel caso della “tassa sugli invalidi” – sono dirette contro le fasce più deboli della popolazione, e in particolare il direttorio Monti-Napolitano, con una viltà che non si cerca neppure di nascondere, si accanisce contro gli invalidi, gli anziani, i malati.

Ci si accanisce poi contro i lavoratori dipendenti privati e pubblici, e la fiscalità crescente è diretta contro di loro, perché sono loro che impoverendosi devono pagare quasi per intero lo scotto della crisi.

Se ai dipendenti pubblici si ridimensionano gli stipendi e persino i buoni pasto (imponendo loro una dieta), gli invalidi e i disabili, fra un po’, saranno a rischio di sopravvivenza fisica, primi colpiti dal progressivo ridimensionamento dell’assistenza e della sanità pubbliche, e questo lo scrivo senza alcuna (pur sottile) ironia. Ma c’è chi, per definizione e per “appartenenza di classe”, o per concreto potere finanziario ed economico, sfugge regolarmente al rigore euromontiano.

Sia mai che si colpiscano i guadagni della speculazione finanziaria, praticata su vasta scala dalle Aristocrazie globali, o quelli altrettanto pingui della grande criminalità organizzata!

Infatti, la speculazione finanziaria è l’attività caratteristica dei grandi Investitori/ Prenditori e l’occupazione preferita dalle Aristocrazie globali dominanti, mentre la grande criminalità organizzata è un referente importante, ineludibile, “stato nello stato” (almeno in Italia), un’entità criminal-finanziaria che, oltre a vendere preferenze elettorali ai politici (sarebbe il meno!) e muovere voti da Reggio a Milano, sposta allegramente capitali per miliardi di euro, ripuliti e riemersi dai mondi oscuri dell’extralegale, e con questi invade i mercati “legali”, alimentandoli.

Ma dove stanno gli incentivi alle imprese, da tutti invocati (montiani compresi) per il tanto santificato Sviluppo neocapitalistico, che sempre dovrebbe accompagnarsi alle eccezionali ondate di rigore antidebito e salvaeuro?

Per ora, non se ne vede concretamente traccia.

Si può parlare, piuttosto, di disincentivi e di nuove mazzate, perché, ad esempio, chi vanta crediti non ancora riscossi nei confronti della santità pubblica per beni venduti e servizi prestati, pur dovendo continuare a pagare per intero imposte dirette e contributi, pur dovendo versare l’IVA periodicamente, pur subendo la micidiale stretta del credito bancario che non accenna ad allentarsi, si vedrà “congelare” i suoi crediti verso la sanità fino alla fine del 2013, senza neppure la possibilità di tentare azioni esecutive per riscuoterli.

Così, invece di agevolare e velocizzare la riscossione dei crediti verso il settore pubblico da parte dei privati – cosa che non dovrebbe essere in contrasto con i precetti liberisti seguiti da Monti, da quel che mi consta – si penalizzano le imprese fornitrici, che ricevono un’altra botta in testa.

A forza di botte in testa, ben distribuite dal sistema bancario e da questo esecutivo, quello che fu in altri anni un “vivace” vivaio di piccole e medie imprese, ossia l’Italia della PMI, diventerà fra breve un grande cimitero industriale, e la PMI una specie in estinzione destinata a fossilizzarsi, come i trilobiti nel Permiano.

il tutto qui http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=10956

Io non riesco a capire perchè la gente è cosi’ cogliona che ancora và a votare. purtroppo questo è anche un paese di vecchi. e quelli non capiranno MAI chi è il nemico. ragionano ancora come se esistesse ancora la DX e la SX. però ci fanno del male enorme. ai loro figli e nipoti. e a parte pochissimi, sono egoisti. pensano solo a se stessi. alla loro pensione. e gli altri che si fottano. povero paese. comandato appunto da vecchi pazzi. vecchi di 90 anni. napisan x tutti.

by DORF

laverita
Scritto il 17 ottobre 2012 at 23:23

@Dorf
Non è che per i liberi professionisti vada meglio!
L’iva aggrava la situazione dei clienti, le detrazioni sono limitate anche per loro, la detraibilità auto al 20% (venti!), i clienti che non pagano è la norma, in generale la concorrenza (spesso sleale) è spietata, i volumi di lavori d spartirsi calano, i laureati aumentano esponenzialmente…..mi fermo qui.

dorf001
Scritto il 18 ottobre 2012 at 01:56

laverita@finanza,

senti, laverita, prima dovresti perdere il lavoro. poi ne riparliamo ok? comunque se non lo hai capito, siamo tutti sula stessa barca. e si chiama titanic italia. credo siano i liberi profesionsit, ma non solo, che folemente adorano e continuano ad appoggiare monti. lo capisci o no, che quello li’ ci porta direttamente alla fame? lui mica gli frega degli italiani/italioti. lui difende i suoi di padroni. che si chiamano inghilterra, usa e germania. sono le super banche mondiali insieme alle multinazionali. ti è chiaro il discorso’ inutile che parli di detrazioni, e di iva. vogliono che sto pese diventi terzo mondo. l’hai capito o no? tuto quello chenhai scritto è vero. e allora? non vedi l’apatia del popolo italiano? ci stanno impiccando e nessuno apre bocca. ma quali votazioni? se la gente fosse ancora un pò umana si rifiuterebbe in massa di andare a votare. andrebbe a roma in 5 milioni a ribaltare montecitorio. invece che fa la gente? si fa le pugnette…….questo siamo. il nulla…..

monti può fare quello che vuole. nessuno lo vuol fermare. non vedi casini come lo adora? e angelino? e bersani? che sarebbe del partito dei lavoratori. invece sta con le banche, contro il popolo. dimmi tu pensi di sapere. perchè il popolo non si ribella? perchè i genitori se ne fregano dei loro figli? e lasciano fare? che mnoti distrugga tutto? 50 anni di lotte operaie x i diritti di tutti? perchè i vecchi sono cosi’ egoisti? perchè sti vecchi se ne fregano sia dei loro figli che dei loro nipoti? questa è una enorme crisi antropologica. galattica direi. abbiamo perso la morale. abbiamo perso l’onore. abbiamo perso l’amore. dove vuoi che andiamo? se perdi questi 3 valori capitali non sei più nessuno. sei meno di un animale. questo siamo. o no?

a quando la rinascita?

by DORF

laverita
Scritto il 18 ottobre 2012 at 22:59

@ Dorf
Caro amico per cominciare non stai parlando con tuo fratello quindi modera il linguaggio.
1) Il lavoro non lo perdo, non posso, non ho un contratto.
2) Parli come se io avessi votato Monti…nessun elettore lo ha votato quindi neppure il sottoscritto “o capisci o no che quello lì….”.
3)Mi dici “dimmi tu pensi di sapere” io non penso di sapere nulla, da dove lo hai capito che io penso di sapere?
4) se Monti fosse sostenuto dai liberi professionisti non andrebbe lontano, sono 4 gatti!
5)Poi ricordati che a non votare non è che il mondo si ferma…il mondo va avanti comunque, bello sarebbe poter votare persone capaci che lavorino x il popolo e non x i poteri forti.

In conclusione io rispetto le tue idee che non sono molto lontane dalle mie ma vedi di moderare i toni nei confronti degli altri e cerca di capire che il tuo sacro principio del non voto non risolve i problemi….negli USA vota solo il 30% e non mi pare che se la passino benissimo.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Ftse Mib: apre debole l'indice italiano in attesa della Fed. Gli operatori attendono il meeting Fed
Secondo Treccani, estrapolare significa estrarre qualcosa da un contesto, estendere la validit
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
I mercati ci hanno regalato un 2019 (fino ad ora) molto positivo. La tendenza è restata unidire
Aggiornamento settimanale. L’esito mi sembra interessante, qui sotto a confronto inflow e out
Ftse Mib: continua la fase correttiva per l'indice italiano che si porta al test della trend line ri
Anche se molto in sordina, dalla Germania stanno arrivando notizie tutt'altro che favorevoli nei
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Uno dei problemi chiave del momento in cui viviamo è sicuramente il debito. Poi mettetela come
Il mercato prima corregge e poi rimbalza. la configurazione del COT Report cambia di pochissimo.