AMERICA…BAD NEWS, GOOD NEWS!

Scritto il alle 09:35 da icebergfinanza

Ormai è chiaro che nelle prossime settimane ogni cattiva notizia proveniente dall’economia americana sarà l’occasione per festeggiare un’eventuale nuova dose di droga prima dell’overdose finale.

La sintesi del nuovo rapporto occupazionale è estremamente deludente…

Soli 96.000 posti di lavoro dopo ormai tre anni e la più imponente serie di stimoli monetari e fiscali della storia dell’economia americana e mondiale, quando ne servirebbero almeno 125.000 per attenuare le pressioni demografiche e migratorie.

Non solo rivisti al ribasso anche i mesi di giugno da 64.000 a 45.000 e luglio da 163.000 a 145.000. Come abbiamo più volte dimostrato su questo blog, i sistemi di rilevazione del mercato del lavoro americano sono inattendibili ed obsoleti, soprattutto quando si affidano a modellini statistico stagionali che aggiungono o tolgono posti di lavoro solo sulla base di ipotesi che non hanno nulla a che vedere con la realtà.

Il tasso di disoccupazione americano è solo un semplice ed inattendibile specchietto per le allodole, tasso che riflette solo l’enorme, continuo e persistente declino della forza lavoro, ovvero di coloro che ormai hanno rinunciato alla speranza di trovare un posto di lavoro. Il tasso di disoccupazione reale dovrebbe essere ben oltre il 10 % calcolando quanti hanno abbandonato la forza lavoro in questi ultimi due anni.

Oltre 3,9 milioni di anime in più in America, nuovi nati e immigrati  a fronte di una forza lavoro aumentata di appena 700000 unità circa.

Stabile la settimana lavorativa e le ore lavorate mentre i guadagni orari sono diminuiti marginalmente. In sintesi solo retail a tempo determinato, lavori interinali, turismo e assistenza sanitaria a domicilio riescono a contrastare il declino di un’economia come quella americana che ha distrutto la sua classe media.

Non perdete …  ITALIA…Oltre l’ultima grande occasione!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.8/10 (9 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)
AMERICA...BAD NEWS, GOOD NEWS!, 9.8 out of 10 based on 9 ratings
Tags:   |
1 commento Commenta
carpif74
Scritto il 10 Settembre 2012 at 11:21

Andrea ho letto il tuo precedente intervento e noto come la tua visione (parlando dell’italia) sia rimasta sostanzialmente invariata e cioè non fidarsi mai delle fesserie dette in tv o sui giornali e vedere giustamente le potenzialità di una nazione.Adesso siccome tu parli che l’america è entrata ormai in recessione e lo vedremo nei prossimi dati che usciranno: ci dobbiamo aspettare altre turbolenze l’anno prossimo che ci porteranno a nuovi minimi? O credi che cmq resteremo su qyuesti livelli prima di rivedere la luce infondo al tunnel? Grazie tante

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
ICEBERGFINANZA NEL MONDO
Articolo dal Network
Credo sia giusto riprendere il discorso da dove lo avevamo lasciato, partendo proprio dalla slid
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ i
La ripartenza ciclica è una cosa nota. Spesso e volentieri si paragona la pandemia da Covid-19
Oggi è una giornata che rischia di diventare un vero “turning point”. Anche se il focus è
Indici azionari sotto pressione, volatilità implicite in aumento e deviazioni standard testate più
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ i
Ribadisco quanto detto nel post precedente. La giornata di DOMANI rischia di essere determinante
Questo post è la naturale prosecuzione di quello scritto ieri, che ovviamente vi invito a ripre
Inizio settimana che si contraddistingue da iniziali prese di profitto che hanno dato luogo ad un ri
Con le aspettative per un dato sull'occupazione in aumento, il consenso si aspettava un numero e
CONTATORE