AMERICA … ROMNEY: MORTO UN BUSH SE NE FA UN ALTRO!

Scritto il alle 13:59 da icebergfinanza

Mentre tutta l’attenzione è puntata sull’uragano che sta devastando l’Europa e continua la crociata contro lo stato sociale europeo andiamo a dare un’occhiata all’altra faccia della medaglia americana, alla lotta ideologica che ci attende nel prossimo autunno…

“Questa crisi non è stata originata in Europa: è incominciata in America del Nord. Il nostro settore finanziario è stato contaminato da pratiche non ortodosse di alcuni settori del vostro mercato finanziario”, aveva risposto molto arrabbiato, a un giornalista americano che all’ultimo G20 in Messico, faceva dell’ironia sul vecchio continente. José Manuel Barroso, presidente Ue, aveva rivelato agli americani e anche a noi stessi che l’Europa ha il suo orgoglio. “Francamente non siamo qui per prendere lezioni su come maneggiare l’economia”, aveva concluso. (…)  Giudizio ineccepibile, verità storica. Eppure, a cento giorni dalle presidenziali americane, come sempre il primo martedì di novembre, i responsabili del disastro economico occidentale, della più lunga e strutturale crisi dai tempi del ’29, rischiano di tornare al potere. Proprio loro, la stessa banda di Wall Street, i Gordon Gekko, gli unici ad essere più ricchi di prima.

 Come ogni candidato repubblicano, Mitt Romney si definisce un “nuovo Ronald Reagan”. Posto che secondo molti esperti Reagan abbia creato le premesse della crisi economica americana di oggi, iniziando lentamente a uccidere la middle class, le sue politiche erano pensate per l’America del 1981: un Paese in crisi d’identità, prima che economica. Il suo alla fine fu un successo spettacolare. Ma Reagan era il 40esimo presidente degli Stati Uniti. Fra cento giorni si elegge il 45esimo di un’altra America, un diverso Occidente.

 In ogni caso Romney, così tanto uomo di Wall Street da sembrare un’interpretazione di Crozza, non assomiglia a Reagan. E’ il clone di George Bush: nemmeno Alfano lo è così tanto di Berlusconi.

E’ inquietante quello che Romney promette nei suoi comizi: tagliare le tasse agli americani più ricchi, nessun controllo su Wall Street, ridurre quell’insieme di regolamenti che garantiscono quel poco di welfare americano, cancellazione di ogni segno di Medicare (a parte mitragliatori liberi per tutti, politiche anti-aborto e contro le unioni dello stesso sesso; inquinamento atmosferico; sfruttamento di ogni territorio americano, bello o brutto che sia, a fini energetici: il vecchio Teddy Roosevelt, un repubblicano vero, padre fra le tante cose dei grandi parchi naturali americani, si rigirerà nella tomba).

 Se vince il miliardario Mitt Romney che fino ad ora ha esibito solo le dichiarazioni dei redditi degli ultimi due anni, sparirà ciò che resta della middle class americana: quella che garantì l’uscita dalla Grande crisi, che ha liberato il mondo dal nazi-fascismo, che ha creato il boom americano, la “Greatest Generation” raccontata da Tom Brokaw, i suoi figli che hanno vinto la Guerra fredda, e i nipoti che hanno inventato Internet. Sparirà quel poco che Barack Obama è riuscito a fare, appesantito dall’eredità di debiti e guerre lasciatagli da George Bush.

E l’Europa non uscirà più dalla sua crisi: non intendo dire che ci sia un disegno politico per distruggere l’euro. E’ solo speculazione economica, un modo semplice per arricchirsi ancora di più. E’ quell’avidità – niente deve ostacolare il diritto di pochi di far soldi – che secondo Mitt Romney sarebbe un valore americano.

Se vince Romney l’America non sarà più un esempio. Sarà una tignosa superpotenza che accelererà la sua decadenza nel mondo che fu suo. IlSole24Ore

Tutto bene in America, anzi andrà benissimo nei prossimi anni. Morto un Bush se ne fa un’altro…auguri America ma soprattutto auguri Europa!

IN SERATA VERRA’ INVIATA…  una nuova analisi dedicata ai sostenitori di Icebergfinanza o a coloro che vorranno liberamente contribuire al nostro viaggio dal titolo… ” Italia…l’ultima grande occasione! ”

Sostieni l’informazione indipendente il Tuo sostegno è fondamentale per la prosecuzione di questa esperienza. Semplicemente GRAZIE!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.1/10 (9 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +4 (from 6 votes)
AMERICA ... ROMNEY: MORTO UN BUSH SE NE FA UN ALTRO!, 9.1 out of 10 based on 9 ratings
1 commento Commenta
atomictonto
Scritto il 30 luglio 2012 at 14:49

Gli Stati Uniti, che ho amato avendoci vissuto per anni da giovane, si stanno accartocciando su se stessi e non se ne rendono conto.
Un mix esplosivo di ultraviolenza nei media, allarme sociale come linea editoriale quasi unica dei grandi network, armi da fuoco militari vendute come fossero detersivi col 3×2 e “easy money” che crea situaizoni di squilibrio allucinanti (andate su YouTube e cercate “ferrari for birthday” e godetevi le decine di filmati di simpatici genitori – di solito lui ben vestito e sovrappeso e lei cotonata e laccata – che regalano ai figlioletti neo-patentati 18enni Porsche, BMW 4000cc, Ferrari ed ogni altro possibile esotismo su ruote) e vi potete fare una idea di dove e come finirà l’America.
Per ora alle naturali e crescenti pulsioni criminali degli homeless, della “white trash” che vive nei trailer di latta, delle minoranze (ma lo sapete che in USA 1 afro-americano su 4 o è in cella o ci è stato!?) sempre più inquiete e schiacciate ma armate fino ai denti il sistema ha opposto una polizia feroce, molto numerosa ed addestrata in maniera paramilitare.
Ma quanto durerà?
Quanto tempo manca prima che, nell’era dei social network, gruppi di svitati come il recente omicida del cinema oppure gruppi di semi-poveri e gente con poco da perdere si coalizzino organizzando pericolose formazioni armate che pianifichino raid nei quartieri dei ricchi con figlioletto in Ferrari?
Insomma, come può andare a finire una nazione con numeri enormi e crescenti di disagiati, un 2-3% di ricchi a livello nauseante e oltre 300.000.000 (si avete letto bene) di armi da fuoco circolanti tra i civili?
In un grande, sanguinoso e delirante rissone finale da saloon…

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Ftse Mib: l’indice italiano ha superato la soglia psicologica dei 25.000 punti e mette nel mirino
Non credo sia il caso di tornare sul perché i tassi di interesse si trovano in queste assurde p
Forse Voi ve lo siete perso, forse a Voi interessa poco o nulla, ma la figura dello psicopatico
Mercati sempre molto forti, niente e nessuno sembra poter interrompere o rallentare questa corsa. A
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Tutto non va, tutto non quadra. Eppure le borse continuano a salire. Ma come diavolo è possibil
Se c'è qualcosa che in questi ultimi anni è in correlazione con il valore di Bitcoin è il num
Ftse Mib: l'indice italiano prosegue al rialzo e mette nel mirino i 25.500 punti. Ricordiamo che da
Non davvero preoccupato, non ve lo nascondo, sono ore che sto aspettando che Donald Trump si met
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u