COME MILLE RANE IN PADELLA!

Scritto il alle 06:00 da icebergfinanza

 

Il solito grande  JohnMauldin con il titolo della sua ultima fatica mi ha dato l’imbeccata per un post che esplora i fondamentali dell’economia americana. Dopo Roma, Venezia, John si recherà a Trequanda piccolo e magico borgo mediovale abbarbicato su un collina senese nella mitica Toscana, terra da Icebergfinanza tanto amata insieme all’Umbria dai mille ricordi.

Mauldin è rimasto stupito ed incantato dalla nostra Italia, chissà quando riusciremo finalmente a comprendere il potenziale turistico esplosivo della nostra nazione e a sfruttarlo completamente, da nord a sud, nessuna regione esclusa, ognuna con il suo fascino.

" Gli investitori sono bravi ad assorbire informazioni di breve termine, ma hanno molto meno successo nell’assorbire le grandi tendenze strutturali e nelle comprensione di quando questi movimenti secolari si sono avverati. Forse gli investitori sono come le proverbiali rane nella padella, che non notano il lento e progressivo cambiamento che avviene intorno a loro ".

Sono più che certo che un mio caro ex collega di lavoro, si farà una sonora risata leggendo il titolo di questo post, che ben si adatta non solo alle dinamiche economiche ma anche a quelle antropologiche di questo tempo.

Ricordate le terapia olistica di Patch Adams Bernake…

WASHINGTON -( Repubblica)  L’economia Usa crescerà del 3,5% quest’anno per poi accelerare "un pò" nel 2011. (…) gli ultimi dati disponibili ci mostrano che il rafforzamento della domanda privata finale sosterrà la ripresa economica".(…)  La spesa dei consumatori probabilmente crescerà a un tasso moderato, sostenuta da un graduale aumento dell’occupazione e del reddito, da una maggiore fiducia e da miglioramento delle condizioni del credito".

Ebbene non sono passati che alcuni giorni e puntuale la realtà ha smentito l’ottimismo circoscritto di questo accademico grande conoscitore della "Lost Decade" e della "Grande Depressione", incapace di una diagnosi in grado di intravvedere la " Grande Recessione".

Vorrei chiarire un punto. Io non mi aspetto una nuova Grande Depressione, la depressione economica è già tra noi, io mi aspetto un nuovo lungo decennio perduto che probabilmente si aggiungerà a quello che abbiamo già subito.

Chiedo scusa al lettore se sarà un post un pochino tecnico, ma sono abbituato a dimostrare con dati oggettivi quello che altri dimostrano solo con il semplice ottimismo.

Le vendite al dettaglio, i consumi sono scese del 1,2 % contro le attese di un aumento dello  0,2 %, nulla di terribile sia chiaro,meno benzina e risparmio energetico, meno auto e materiali da costruzione e forniture da guardino, che preannunciano un collasso dei prossimi dati immobiliari ma nella sostanza i consumatori hanno tagliato la spesa in quasi ogni settore rispetto ai mesi precedenti.

Strano proprio ora che il mercato del lavoro si sta riprendendo. Tralascio l’indice di fiducia del Michigan che negli ultimi mesi non ha mai rispecchiato nella realtà dei dati ufficiali il presunto ottimismo dei consumatori americani.

Ma andiamo più nel dettaglio. Il 10 giugno la Federal Reserve ha rilasciato i cosidetti FLOW OF FUNDS il flusso dei fondi attraverso i vari soggetti istituzionali in America, nel primo trimestre del 2010 e il debito del settore corporate non finanziario è incrementato di oltre 2 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Ecco quindi che abbiamo una conferma della dinamica di deleveraging per quanto riguarda il settore privato delle famiglie ed una sensibile espansione del debito pubblico.

Il debito del  settore delle famiglie, è al settimo trimestre consecutivo di declino, unitamente a quello ipotecario e al credito al consumo, senza dimenticare che il famigerato MEW bancomat immobiliare dal quale gli americani attingevano il credito sulla base dell’aumento del valore delle abitazioni e si è significativamente contratto.

Ora analizzare sulle ali dell’entusiasmo olistico di Bernanke, significa non comprendere le dinamiche che stanno dietro ai consumi americani. Interessante è inoltre la continua espansione del debito degli Stati americani, debito che come sembra, l’amministrazione Obama ha intenzione di rilanciare con 50 miliardi di dollari di aiuti  per evitare i pesanti tagli all’istruzione, al pubblico impiego, ai servizi essenziali.

Sono ormai passati quattro mesi da quando scrissi  PENELOPE E LA TELA DELL’OCCUPAZIONE  e oggi qualcuno in America si sveglia, meglio tardi che mai!

Inoltre come riporta Bill di CalculatedRisk  dal NEWYORKTIMES   "State Plan Makes Fund Both Borrower and Lender"

Se non vi meraviglia, oggi nella disperazione e nella creatività finanziaria, si può anche, come sembra avvenire nello Stato di New York, consentire provvisoriamente di prendere in prestito sei miliardi di dollari per effettuare i pagamenti annuali dei fondi pensioni dello stato prendendo in prestito il denaro da qualche altro fondo pensione. Elementare no! 

Per chi è interessato nel link della Federal Reserve proposto, vi sono molte informazioni interessanti per intravvedere le attuale dinamiche di rientro o continua espansione del debito.

Bene, ora abbiamo due mesi di consumi anemici, e quindi non resta che attendere il terzo per avere una panoramica del PIL del secondo trimestre, PIL che già dovrà fare a meno della "favola" della ricostituzione delle scorte ovvero quella parte di ripresa supportata dalla naturale ricostituzione dei magazzini rimasti vuoti durante il collasso della produzione.

In parole povere siamo scesi ad un rapporto inventari / vendite addirittura inferiore al livello pre crisi.

Diamo ora un’occhiata alla seconda revisione del PIL del primo trimestre che si preannuncia intorno al 3 % anche nella prossima revisione in settimana. Non dimenticate che la cura olistica, l’ottimismo di Bernanke lo vede mediamente al 3,5 % per la fine dell’anno.

Proviamo a dare un’occhiata qui sotto osservando in che percentuale hanno influito esportazioni, consumi e inventari sulla crescita complessiva del 5,7 % nel favoloso quarto trimestre delle scorso anno.

 

Consumi 1,44 % Export 1,9 % ( tralasciando il meno 1,44 dell’import )  e inventari " Change in private inventories " 3,39 arrotondando si arriva al 6,79 %. Sarà interessante osservare l’apporto degli investimenti e la portata in particolarmodo di quelli residenziali relativi all’immobiliare, ma la sostanza non cambia, prepariamoci ad una frenata e ad un terzo trimestre decisamente recessivo.

Il contributo degli inventari sia nell’ultimo trimestre dello scorso anno e nel primo di quest’anno è sempre stato oltre il 50 % della crescita. Nel secondo diminuirà sensibilmente e nel terzo scomparirà, come scomparirà lo stimolo fiscale, che tanto terrorizza Paul Krugman.

 Thanks to Moody’s Economy.

Se non vi è sfuggito inoltre il recente andamento del dollaro ha decisamente frenato le esportazioni americane per il secondo mese consecutivo, allargando il deficit commerciale al livello del dicembre 2008. Inutile dire che le importazioni in termini reali sono aumentate più delle esportazioni anche perchè in America si imbarca sopratutto petrolio e materie prima ma si esporta prodotti finiti che stanno incominciando a subire la deflazione, ovvero l’impossibilità di trasmettere ai prodotti finiti l’aumento dell’energia.

Paul Krugman sul Financial Times ci parla della Rondine ripresa e dei falchi del deficit ma quello che sorprende è che chiama con il suo nome questa depressione:

(…) Operare drastici tagli alla spesa pubblica nel corso di una grave depressione economica è un metodo costoso e inefficace per ridurre il debito dello stato. Le misure di austerità sono costose perché deprimono ulteriormente l’economia, e sono inefficaci perché la contrazione della spesa pubblica frena il gettito.

Krugman prosegue…

" A quanto sembra, i falchi del disavanzo hanno preso il controllo del G-20. Il comunicato rilasciato dopo l’incontro dei ministri dell’Economia a inizio giugno prende le distanze dalla posizione pro-stimoli prevalente nelle riunioni del G-20 dei mesi precedenti. «I paesi con forti problemi di bilancio devono accelerare il ritmo del consolidamento», recita la dichiarazione. «Accogliamo con piacere la volontà, annunciata recentemente da alcuni paesi, di ridurre il deficit nel 2010 e rafforzare la situazione del bilancio e degli istituti di credito».
È una drastica inversione di rotta rispetto al comunicato precedente, rilasciato a fine aprile, che, fra le altre cose, faceva appello a «persistere (nelle politiche di stimolo) fino a quando il settore privato non sia saldamente nelle condizioni di trainare la ripresa».(…) È chiaro che la cosa giusta da fare è aspettare: l’economia dev’essere forte abbastanza da consentire alle banche centrali di usare la politica monetaria per compensare le contrazioni dell’attività economica innescate dall’austerità di bilancio. Ma no: i falchi del deficit esigono tagli in un momento in cui il tasso di disoccupazione nella zona euro rimane su livelli preoccupantemente alti e in molte nazioni i tassi d’interesse sono prossimi allo zero. (…) Riepiloghiamo: una politica accorta, secondo le raccomandazioni del G20 e di altre organizzazioni che la pensano allo stesso modo, consiste nel distruggere la ripresa economica per soddisfare ipotetiche richieste degli investitori, richieste che in realtà gli investitori non avanzano.

Vorrei chiedere a Krugman invece che continuare a ripetere la solita litania, se gli investitori non avanzano alcuna richiesta nei confronti della solvibilità degli stati sovrani europei oggi, inglesi e americani domani, per quale motivo molti continuano a trastullarsi con i credit default swap amplificando paure che non esistono, molti che nel caso europeo corrispondono quasi sempre ad un’unica controparte ovvero JPMorgan. Non è forse il caso che anche gli economisti sostengano una riforma del mercato dei derivati in maniera seria oltre la solita accademia.

Comunque non vi preoccupate, l’amministrazione Obama pare avere tutta l’intenzione di dare fuoco alle polveri del debito pubblico, visto che piano, piano lentamente si avvicinano inesorabilmente le elezioni di mid-term in America.

Abbiamo già visto in GRANDE DEPRESSIONE: 1936/1937 REMAKE! come la Storia si diverta a fare la rima, ma è indubbio che gli stimoli fiscali, male utilizzati per interventi di breve respiro che siano essi rottamazioni piuttosto che incentivi a coloro che probabilmente avrebbero acquistato una casa comunque,  hanno solo posticipato l’inevitabile soprattutto quando oltre 13.000 miliardi sono stati utilizzati per assorbire il debito del sistema finanziario destinando gli spiccioli all’economia reale.

Giappone, premier :rischiamo il crack "Potremmo finire come la Grecia" Il Giappone potrebbe fronteggiare un collasso finanziario simile alla Grecia, travolta dal peso del suo debito, se non avvierà un riordino dei conti pubblici. E’ l’allarme lanciato dal nuovo premier, Naoto Kan, che ha messo l’accento sulla necessità di promuovere "subito" il risanamento. Come è accaduto in Europa, "c’è il rischio di collasso se continuiamo a far crescere il debito pubblico e perdiamo la fiducia dei mercati", ha aggiunto Kan.(TG5)

CONFINDUSTRIA: Guidi, inseriamo pareggio bilancio in Costituzione SANTA MARGHERITA LIGURE (MF-DJ)–"La nostra proposta e’ semplice: inseriamo in Costituzione il pareggio di bilancio come hanno fatto i tedeschi e come, stando a quanto scrivono i giornali, pare siano intenzionati a fare anche i francesi". Ô quanto proposto da Federica Guidi, numero uno di Giovani Imprenditori Confindustria, durante il suo intervento al 40* convegno dell’associazione a Santa Margherita Ligure.

Qualcuno sussurra invece che….Il progetto tedesco di introdurre il pareggio di bilancio quale condizione per l’appartenenza all’euro è sbagliato per due motivi. Primo, non funzionerà, e quando ce ne renderemo conto la credibilità dell’euro subirà un ulteriore colpo: non ce n’era bisogno. Secondo, distrae dal vero problema dell’Europa, che è la crescita, non la finanza pubblica. Ciò non significa che ridurre la spesa pubblica e la dimensione degli stati sociali non sia una priorità in Europa. Ma se si sceglie di farlo occorre farlo in modo credibile e non velleitario, caratteristiche che mancano al progetto della signora Merkel.  LAVOCEinfo

Concludo infine ricordando quanto scrissi verso la fine del mese di marzo in " Inflazione e Deflazione: fantasmi macroeconomici. " un post dedicato ai sostenitori di Icebergfinanza:

…Le recenti dinamiche del Bund e la titanica fatica del decennale americano nel cercare di superare la linea maginot del 3,8 %, testimoniano che siamo vicini all’alba di un nuovo movimento per il mercato obbligazionario, un movimento che probabilmente confermerà le nostre visioni, di una lunga convalescenza dell’economia globale.

FRED Graph

Thanks to St.Louis Fed

Se qualcuno mai avesse avuto qualche dubbio su quale dei mercati finanziari stesse bleffando, credo che la fiducia data al mercato obbligazionario sia stata fondamentalmente ben riposta. Consiglio ai sostenitori di Icebergfinanza di andare a rileggersi l’ultimo post dal titolo " Oltre le apparenze di breve termine " nella parte fondamentale c’è molto di più di quello che il mercato non sia in grado di percepire.

Non basta certo un timido e naturale rimbalzo qualunque a fare cambiare le nostre rotte, le nostre carte nautiche, ne tantomeno una Moody’s qualsiasi che dopo aver seminato il panico in L’allarme di Moody’s: il rischio contagio esteso all’Europa oggi promuove i primi 30 istituti del continente che nello scenario peggiore possono reggere bene l’urto della crisi. Le banche Ue superano lo stress test

Ormai l’affidabilità delle agenzie di rating è pari a zero ma il mercato è spesso un oceano di ingenuità dove si dimentica sempre tutto e troppo in fretta, come mille rane immerse nell’acqua calda della padella finanziaria, ignari di quanto avviene intorno, in attesa di una consapevolezza che talvolta non arriva mai.

Nel frattempo il TEDSPREAD continua a salire, piano, piano inesorabilmente e i deposti overnight presso la Banca Centrale Europea continuano a battere ogni record, chissà forse la padella non scalda abbastanza, forse le rane amano solo il breve termine, ogni istante che sfugge via effimero.

Colgo nel frattempo l’occasione di ringraziare tutti i Compagni di viaggio per la stima e l’affetto dimostratomi in occasione della prenotazione del mio libro in uscita a settembre, scusandomi per l’impossibilità di rispondere a tutti.

Per chiunque volesse lasciare una prenotazione senza alcun impegno, per aiutarci ad avere un’idea di massima di quante copie mandare in stampa alla prima uscita l’appuntamento è cliccando qui sotto sul banner della Madre di tutte le crisi,  , dove troverete un assaggio di quello che verrà …..

 

SE VUOI SOSTENERE ICEBERGFINANZA CLICCA QUI SOTTO!
 

 
 
Icebergfinanza come un cantastorie che si  esibisce nelle strade e nelle piazze delle città!   

La "filosofia" di  Icebergfinanza resta e resterà sempre gratuitamente a disposizione di tutti nella sua "forma artigianale", un momento di condivisione nella tempesta di questi tempi, lascio alla Vostra libertà, il compito di valutare se Icebergfinanza va sostenuto nella sua navigazione attraverso le onde di questo cambiamento epocale!   

Non solo e sempre economia e finanza, ma anche alternative reali da scoprire e ricercare insieme cliccando qui sotto in ……… 

 
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
54 commenti Commenta
Scritto il 14 giugno 2010 at 08:42

Grande! Semplicemente Grande!Post alla"vecchia" …"vecchissima" maniera!!!Vento in poppa…Namasté……..Valentina

utente anonimo
Scritto il 14 giugno 2010 at 10:49

Potrebbe spiegarmi perchè lei non incita le banche centrali a stampare moneta visto la deflazione che stiamo attraversando ?In che modo stampare moneta è diverso da abbassare i tassi?In alter parole raggiunto il tasso 0%,  si passa naturalmente a stampare moneta o no?

utente anonimo
Scritto il 14 giugno 2010 at 11:02

+ 2%ma non doveva crollare tutto?onda devastanti ………….. ted spread ……………….. fallimenti ………………….prezzi delle case in caduta libera ………………… mutui ARMS ………………….breve periodo? sono oltre un anno che si vola alla grande.ogni tanto storna un po, ma questa e' grande borsa.Toro seduto.ps vedi che il tuo mondo non è diverso dagli altri, ho pubblicato una mail ad hoc e  hanno tentato di riempirmi di spam e virus.(veramente sfigati)

utente anonimo
Scritto il 14 giugno 2010 at 11:38

Toro e Andrea , sempre gli stessi,    capitano, Lo posso torturare ?scherzo naturalmente,  ricapitolo il mio punto di vista : i più strillano perchè si sentono minacciati nella lora tasca,  purtroppo per voi  , Cina India, Africae altri creceranno  avranno due pugni di riso anzichè uno , avranno un frigorifero etc.  e noi pagheremo  i paesi cosidetti occidentali .  la globalizzazione è  500 euro di stipendio per tutti ( piu o meno)  e solo io sono felice per questo ?

utente anonimo
Scritto il 14 giugno 2010 at 11:50

p.s  sono ancora più contento se penso a come finirà ,  per  religiosi, banche centrali, lobby e massoneria    ( 500 euro di stipendio mensile anche per loro ) naturalmente pensano di no perchè illuminati !!!

utente anonimo
Scritto il 14 giugno 2010 at 11:52

Montecristo:Come  previsto  il  rialzo  di  breve  periodo  c'è  stato,ora  ci  troviamo  a ridosso  della  settimana  delle scadenze molto importante.In  questa  settimana  è  inutile fare  previsioni  perchè i  mercati potrebbero  fare  di  tutto   spinti  dalle ricoperture  dunque  mercato sconsigliato  per   malati  di cuore.

Scritto il 14 giugno 2010 at 12:36

@2 ….perché stampare moneta oggi non serve a nulla in una debt deflation dinamica di deleveraging che serve solo a riempire le voragini patrimoniali aperte dal sistema finanziario. Nel frattempo l’economia reale subisce la deflazione da sovrapproduzione da eccesso di debito da basso ricorso al credito da depressione occupazionale e per finire da improvvisa isteria del debito sovrano per certi versi condivisibile basta pensare alla voragine AIG e Fannie Mae e Freddie Mac Andrea

Scritto il 14 giugno 2010 at 12:46

Vedi caro toro seduto noi abbiamo visioni di medio e lungo termine a differenza di te o meglio di voi che siete assillati dal breve termine dove i vostri clienti devono operare sempre e comunque Io vedo un ritorno sui minimi e non ho alcun interesse all’arco temporale anche perché sino ad ora le visioni macro mi hanno dato ragione sino a quanto accadra’ nei prossimi mesi droghe governative escluse. Quindi suggerisco di attendere gli eventi invece che esaltarsi o deprimersi nel breve termine in fondo nessuno ha la sfera di cristallo in questa putrida palude…..quindi consiglio un dialogo costruttivo diversamente suggerisco a chiunque di ignorare le continue provocazioni di chiunque sia specialmente se si tratta di dove va la borsa…..Andrea

utente anonimo
Scritto il 14 giugno 2010 at 13:51

Credo che molti siano disposti a molto prima di accettare di vivere con $ 500 al mese.Certo che per che oggi vive con $ 50 è una buona proposta, per chi vive con $5000 è pessima e inaccettabile.Si fanno guerre per molto meno.

utente anonimo
Scritto il 14 giugno 2010 at 14:18

caro amico,  condivido  che per alcuni è pessima proposta è che per altri ( 4 miliardi ) è un ottima proposta  ,    ed è pure vere che si fanno guerre per molto meno.  purtroppo !    ma questa è la situazione  loro crescono noi andiamo indietro, e chi si riempie la bocca di solidarietà di equo non so che , come pensa di farlo ,buttando qualche avanzo ? o andando a spasso a Trento con l'aria condizionata ?miliardi di persone reclamano il giusto ed è con questo che faremo i contianche se non ci piace. ti dirò  spero che gli stipendi cinesi arrivino presto a 5oo  euro   altrimenti  dovremo vivere con 300, euro ciao l''IGNORANTE

utente anonimo
Scritto il 14 giugno 2010 at 14:26

non capisco, per chi è interessato al puro trading, che differenza faccia un mercato toro o orso, dato che si può guadagnare long o short. Al più dovrebbe fare il tifo per la volatilità che amplia i guadagni (o le perdite!).Direi che solo un professionista del settore che vede fuggire i propri clienti in caso di mercati negativi può fare il tifo per il toro…..Diversamente se uno è interessato alle dinamiche di lungo periodo e ai risvolti sociali dell'economia le analisi di Andrea sono davvero lungimiranti.p.s.e la febbre spagnola?

utente anonimo
Scritto il 14 giugno 2010 at 14:33

Caro Toro seduto, non hai certo vista d'aquila. Dimmmi, cosa hai fatto, dal 2007 al 2008? E in questi 6 mesi del 2010?Questo mega bear market rally ha oramai quasi esaurito il fiato, se ti fai due conti in questi 4 mesi la borsa non ha guadagnato nulla, NULLA, altro che "si va alla grande da un anno".Se poi sei tra quelli che vogliono solo speculare (al ribasso o al rialzo) , non ci perdo nemmeno altro tempo a parlare con te, perche' quelli come te non apportano nessun beneficio generale alla societa': la speculazione in borsa e' sempre a somma zero, se tu vinci allora qualcun'altro ha perso.In ogni caso,a mio parere tutte le pedine sono in moto per un altro brusco calo delle borse da qui al 2011 e oltre, non appena ci renderemo conto che la cina non riesce a trainare, e che gli USA sono in stallo.Non che mi importi molto delle borse, il problema e' che qui l'economia mondiale sta' di nuova andando in avvitamento, ma sembra che contino solo le borse. Forse la sveglia arrivera' per ciascuno di noi, quando ci ritroveremo qualcuno in casa a cercare lavoro.

utente anonimo
Scritto il 14 giugno 2010 at 14:53

Caro Ingorante #10. Fosse solo il problema di andare a vivere tutti con 500 euro!Non e' solo un problema di potere di acquisto, ma anche di costi energetici per far andare la baracca. Il denaro facilita solo gli scambi, quello che davvero si scambia e' solo materia , informazione ed energia. Credi forse che, una economia cinese con modello economico capitalista possa ad un certo punto dire "va bene, ora siamo aarrivati al punto che ci prefiggevamo, e adesso restiamo in equilibrio"?E no, che non funziona cosi. Il sistema economico mondiale e' basato sul sistema degli interessi.Questo implica che ogni anno deve crescere l'output economico, altrimenti il sistema non puo' far altro che grippare, non ci sarebbe un collaterale per pagare gli interessi.Le recessioni, infatti, vengono superate solo facendo affidamento su una crescita futura, e per far questo si ricorre ai prestiti, che altro non sono che stampelle in grado di simulare una condizione economica "normale"  ottenuto mediante il trasferimanto nel futuro dei costi aggiuntivi.In pratica, un prestito e' un simulacro di "crescita", una sorta di tavoletta di legno messa su una buca.Ma la condizione e' che ci sia un altro lato della buca su cui appoggiare la tavoletta, e questo lato e' rappresentato dalla crescita futura.In un contesto di depressione pluri-decennale, dettate dalla legge senza appello della depletion energetica in corso,  sono proprio curioso di vedere quanto a lungo possano durare i sistemi di credito, quando all'orizzonte non ci sara' nessuna crescita plausibile su cui compensare.Ti dico io, dove si va a finire: verso una economia disintegrata, non piu' in grado di vedere al di la' dello stretto circondario. Molto di cio' che oggi e' globale, domani sara' forzosamente locale. I commerci intercontinentali non hanno futuro. Tutti dovremo adattarci a cio', volenti o nolenti.Sto avviamente parlando di scenari a 10-20 anni, escludedo conflitti militari di rilievo.No, davvero non mi preoccupa tanto guadagnare solo 500 euro al mese. Mi preoccupo piuttosto del fatto di poter avere, fra 10 o 20 anni,  abbastanza per vivere dignitosamente e sfamare la mia famiglia. Al superfluo si puo' rinunciare in ogni momento, anzi nella mia testa vi ho gia' rinunciato da tempo.SalutiPhitio

utente anonimo
Scritto il 14 giugno 2010 at 15:15

grazie phitio,è stato interessante leggere e apprezzare il tuo commento , condivido.vi prego anche di non arrabbiarvi con Toro,  il suo sistema di credenze e valori è cosi,  rispettiamolo cmq  magari un giorno camibierà idea.IGN

utente anonimo
Scritto il 14 giugno 2010 at 15:23

probabilmente molti di voi finiranno davvero per guadagnare 500 euro al mese, e sono anche troppi.in fondo è giusto che desideriate i crolli i fallimenti se questo vi fa stare bene, che il signore vi accontenti.+ 2,45 bull bull bullcomunque si guadagna bene anche quando scende.toro seduto

utente anonimo
Scritto il 14 giugno 2010 at 15:30

x3toro seduto sei un tonto.matonto ma tronto.concepisci questo blog come se fosse un blog di shortisti.non hai capito una fava

utente anonimo
Scritto il 14 giugno 2010 at 15:34

calma ragazzi  informiamoci su NALCOche ci fà  nel golfo del messico ?   di chi é ?

utente anonimo
Scritto il 14 giugno 2010 at 17:52

Quando il Comandante lo riterrà opportuno si potrebbe valutare ciò che il Ministro Tremonti ha detto al convegno Cisl a proposito dell' Impresa sociale.Saluti. Mauro

Scritto il 14 giugno 2010 at 20:04

Grande l'articolo del Capitano Andrea.Posto dei link interessanti………agli interessati:http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=7157http://www.stampalibera.com/?p=13309http://www.stampalibera.com/?p=13288#more-13288Un salutoSD

Scritto il 14 giugno 2010 at 20:04

Grande l'articolo del Capitano Andrea.Posto dei link interessanti………agli interessati:http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=7157http://www.stampalibera.com/?p=13309http://www.stampalibera.com/?p=13288#more-13288Un salutoSD

Scritto il 14 giugno 2010 at 20:04

Grande l'articolo del Capitano Andrea.Posto dei link interessanti………agli interessati:http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=7157http://www.stampalibera.com/?p=13309http://www.stampalibera.com/?p=13288#more-13288Un salutoSD

Scritto il 14 giugno 2010 at 20:04

Grande l'articolo del Capitano Andrea.Posto dei link interessanti………agli interessati:http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=7157http://www.stampalibera.com/?p=13309http://www.stampalibera.com/?p=13288#more-13288Un salutoSD

utente anonimo
Scritto il 14 giugno 2010 at 21:01

chissà come mai stasera non si sente gracidare RANA SEDUTA hihihihihihihihhii

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 09:21

I tonti siete voi che date credito a Toro (torto?) Seduto.Ma non vedete che vi prende per i fondelli?Uno che fa trading seriamente non parla come toro seduto.Mi fa pena.Ignoratelo, non abbassatevi al suo livello .CRISALIDE

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 10:57

+ 1,20% anche oggi, bull bull.e il ted spread? e i depositi overnight? e debiti sovrani?vi faccio una confidenza oggi mettero' short fino a fine mesepurtroppo vi insulterei e vi direi cosa penso di voi, ma c'e' sempre qualcuno che mi banna gli insulti, mentre quelli che ricevo non vengono bannati.complimenti per la democrazia dell'insulto, MazzaliToro seduto

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 11:19

Gentile Toro Seduto,Lei aveva detto che il 15 giugno avrebbe segnato la fine della negativita' e del pessimismo.Perche' oggi si mette short fino a fine mese?La saluto,Raffaele

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 11:30

perche' in questi tre giorni c'e' stata una risalita oltre ns. livelli tecnici  chiave che mi hanno portato a chiudere le posizioni long 10 minuti fa ed aprire shorttoro seduto

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 11:32

Ho capito, grazie.Come la vede da qui a settembre?Raffaele

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 11:45

dipende dalla profondità delle prossima discesa, se fa un minimo in giugno relativo o un minimo assoluto, solo dopo fine giugno è possibile costruire uno scenario attendibile.toro seduto

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 11:57

Per me trading range 18.700-20.750.Raffaele

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 12:11

Non e’ forse il caso di tenere in considerazione le elezioni di mid term dopo un ultimo affondo post trimestrali per l’estate ….in estate c’e ancora tempo per il 61’8 % di Fibo Hindemburg Omen

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 12:41

Il ciclo di medio e’ tuttora negativo e la prossima settimana avremo una nuova acellerazione al ribasso dopo le tre streghe e lo S&P500 tornera’ a testare 1040 Hindemburg Omen

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 14:10

presterei molta piu attenzione alle parole di stanotte alle 2 del presidente Obama,  e a quello che potrebbe accadere  nelle prossime 48 h,il destino dell'umanità è nelle mani di Dio

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 14:19

Montecristo:Per  30Scusa  cosa ha  detto  Obama  stanotte?

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 14:33

stanotte parlerà alla Nazione  (  deve ancora parlare ) parlerà della BP  e non so se altro   ma come saprai è su tutti i siti  c'è gia stato un ultimatum alla bp  48  h  per rimediare……………………..   dico :  TEMPO    ,ORE    , 48   dato    a chi ? per fare cosa ? naturalmente ti ho spiegato tutto sopra

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 14:51

per 32Che vuol dire che siamo nelle mani di Dio ?Semmai la BP è rovinata !ft

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 15:03

condivido l'opinione di Toro Seduto.Sono rientrato anche io short, in attesa del prossimo cigno nero, ormai mi sembra uno stormo di cigni neri…….

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 15:09

Montecristo:Anche  sul  bund  sembra  formarsi  un  cigno nero.

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 15:12

Montecristo:Fino a questi  livelli  di  spmib   20500  avevo  previsto  questo  rialzo  mentre ora  s'incomincia  a  notare  una  certa  debolezza.

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 15:14

Montecristo.Ma  siccome  è una  settimana  di scadenze  tecniche  nessuno  può  sapere  dove  finiscono le ricoperture.

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 15:56

Toro Seduto, stoppa gli shoooort altrimenti ci lasci lo scalpo!!!!

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 16:16

38 – classico esempio di fallito.toro seduto

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 16:21

bull bull bull, e tu sei short…

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 16:24

E' diventato un blog inutile.Faccio da me!

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 16:28

No, non e' diventato un blog inutile. E' piuttosto  vero che non è il caso di parlare di trading.Scusate,Raffaele

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 16:57

Montecristo:ma  dove  le  trovate   ste  immagini?Comunque  nonostante  abbia  previsto  rialzo e ribasso   sono  d'accordo  con  Andrea  quando  dice  che  questi  mercati  sono  una  fogna.

utente anonimo
Scritto il 15 giugno 2010 at 17:04

ECONOMIA DI GUERRA!!Questa crisi è come una guerra e tutte le soluzioni che verranno prese saranno soluzione da economia di guerra, da qualunque parti si giri il timone, ci sono onde alte 30 metri.Obbiettivamente  nessuno sa come si evolverà lo scenario, c'è chi dice che il passato e alle spalle e chi afferma  il contrario.Vedo il mondo accanito nel voler la caduta dell'Euro, chi per nazionalismo chi perché pensa che così si poteva mettere mano alle rotative e stampare altri soldi, ma l'Euro ha salvato il fondo schiena a tutti,  Francia e Germania in primis.Un Euro debole è una vera manna per le esportazioni, quindi alla BCE hanno capito che è meglio lasciar perdere le teorie economiche e meglio concentrarsi sull'economia reale e cosa c'è di più salutare di una bella svalutazione!!Qualcuno dice che in Italia il governo cadrà e per questo motivo, che Tremonti ha fatto una manovrina piccola piccola da 12 e 24 miliardi l'anno,(rispettivamente quest'anno e l'anno prossimo) invece di fare la manovra da 40 miliardi di Euro all'anno com'era necessario!!Questo significa che è prevista una crisi di governo inevitabile,  è chiaro che in qualche procura è stato intercettato qualcosa che pur non avendo forte valenza penale è dal punto di vista morale dirompente.In caso si andasse alle elezioni e meglio mostrarsi come quelli che non hanno versato troppo sangue tartassando i contribuenti, si potrà sempre dire che dall'altra parte ci sono orde di comunisti ammazza aziende.La Cina è pronta a scoppiare  e USA e Inghilterra non si riprenderanno facilmente, ma state tranquilli come ogni evento anche questo passerà, chiedete a qualche vecchietto cosa furono per l'Italia gli anni che vanno dal 1943 al 1950.Prima ci fu la morte, tanta morte, poi venne la più nera delle miserie c'era la fame di quella che non dormivi,  quante storie ci sarebbero da raccontare.Storie di miseria umana e spirituale ma anche  storie di grandi slanci umani e  altruismo.

Scritto il 15 giugno 2010 at 17:51

ecco il mondo,mentre 4 miliardi di persone lottano per un pugno di riso,  gli altri si divertono a giocare al ricco,   e se si incazzassero ,  o se fosse il contrario ?sarebbe cosi divertente vederli giocare a trading ?tutti hanno il diritto di sedere alla tavola del signore  ed io non ho mandato il mio cervello all'ammasso.si trattano come schiavi come servi  con elemosine e botte  , scorie  immondizia porcherie di ogni genere tra l'indifferenza totale di tuttitra scroscianti applausi delle democrazie è morta la civiltà, impegnata nel rifarsi le labbra le tette il culo , a rimettersi i capelli  a fare trading etc etc.  ed è stato distrutto il pianeta  terra.

Scritto il 15 giugno 2010 at 18:08

Vedo purtroppo che e’ ritornato il momento di rimettere la moderazione in fondo questo e’ il mondo in cui viviamo ed e’ importante esserne consapevoli anche se non ci piace. Buona serata Andrea

Scritto il 16 giugno 2010 at 07:41

Ma no dai Capitano!!Del resto alcuni commenti parlano da sè, e certi interventi rappresentano in modo veritiero, semplicemente ciò che siamo…la nostra umana fragilità….infinità debolezza..lo yin e lo yang è sempre ovunque basta non averne paura…e la sfrontatezza e maleducazione quando c'è, ritengo che non vada soppressa ma affrontata, poi a ciascuno navigare con gli strumenti di cui dispone…Anche se c'è qualcuno che dice che vivendo sperando si fa una brutta fine, c'è sempre  la speranza che "dal letame nascono i fiori" non credi!Il Compasso "brutto pendaglio da forca", che fine avevi fatto! Si sentiva la Tua mancanza e il Cucolo Ti si sente un pò meno…Si grande Raffaele questo non è proprio il posto per parlare di trading..non lo è..ma continuamo a volerlo fare……Vorrei invece chiedere al nostro caro toro seduto, cosa è per lui il mercato e  cosa l'economia reale, ed oltre al trading….sarei interessata a conoscere quali soluzioni prospetterebbe…grazie.Buon vento marinaiValentina

Scritto il 16 giugno 2010 at 13:37

38 e 40po po po po po    come intonava la canzone dei mondiali?quando toro seduto si mette short!!!!!!!ci vediamo prima del 30 giugnop.s. scusate se urto la sensibilità di chi non vuole sentire parlare di speculazionetoro seduto

Scritto il 16 giugno 2010 at 18:12

Lo sappiamo…lo sappiammo winner che sei anche toro seduto,mi sembra a volte… a volte, che tu abbia delle analogie anche con un certo dispensatore di verità, ma non ne sono sicura, …qualora fosse si..noto una certa evoluzione però…tipo iscrizione a splinder ed anche verbalebho! Comunque vedi Tu come vuoi firmarti…avrai i Tuoi motivi..il mio non è certo un nome di fantasia…anche se nei fumetti esiste una certa valentina c. e niente male! :-)scusa capitano la battuta "da bassa lega", ma mi è sorta spontanea!si ribadisco, la mia modesta opinione, ciascuno ovviamamente può parlare di ciò che crede, ancor di più poi, se lo fa con rispetto, ma semplicemente penso che non sia questo il luogo per  il trading…volendo se ne può sempre aprire uno specifico.Allora winner / toro seduto & C…non mi vuoi proprio rispondere…ti chiedo anche come vedi i mercati…come sono e come vorresti che fossero, critiche e soluzioni, se ci sono… da chi vi opera…" dal di dentro"..No…pazienza…Vento in poppa marinai, che facciate o non facciate trading…ma ciò che importa…è investire nei rapporti umani…certo che è assai più rischioso…

Scritto il 17 giugno 2010 at 08:53

voglio scusarmi sinceramente con tutti per i miei toni spesso irriverenti, soprattutto con Mazzalai.per Vale, come vedo i mercati? sono un mare con tanti squali e tanti piccoli pesci, sei sei accorto qualche pesce lo puoi anche prendere ma non devi esagerare.e' un luogo pieno di persone che credono di sapere, di poter prevedere ogni tanto per caso indovinano e passano alla storia ma è solo per la legge dei grandi numeri che cio' avvene, non e' un caso che non esiste al mondo un soggetto (che rende pubbliche le sue visioni)  che abbia previsto sia un calo che un rialzo consistente, sai perchè?te lo spiego io . chi si diletta nel fare "pubbliche" previsioni o le fa sempre positive, non so ad esempio Fugnoli o le fa sempre negative, tipo Faber, weiss etc è chiaro che entrambi hanno i loro momenti di gloria.per le regole :e' impossibile regolare diversamente i mercati in quanto i regolatori sono sempre schiacciati dai regolati.Toro seduto

Anonimo
Scritto il 17 giugno 2010 at 12:01

Chiedere scusa non è mai stato sintomo di debolezza anzi!In fondo basta davvero poco…pochissimoOggi caro winner, Toro seduto &C. chiunque tu sia, mi sei particolarmente piaciuto, ho apprezzato la risposta…non è che poi, nella tua visione  sui mercati tu abbia detto, anche se in modo sintetico, cose coì diverse da ciò che ci racconta il Capitano, gli squali insegnano…un punto però mi fa pensare non poco, …quando scrivi:…e' impossibile regolare diversamente i mercati in quanto i regolatori sono sempre schiacciati dai regolati…affermazione forte e certamente veritiera..disincantata, hai già risposto all'altra parte della domanda…l'impossibilità di pensare un mercato diverso…ecco qui io dissento, andando ad alimentare l'orda di quelli che  molti definiranno, idealisti, ingenui,..sognatori e quant'altro…cerco di capire, ma non mi adeguo e adeguerò mai…sarà la battaglia di Don chisciotte contro i mulini a vento?…e battaglia sia…ma rassegnarmi mai…anche"se un macigno dovesse schiacciarmi" mai…solo in tempo ce lo dirà…Buon ventoValenttina.p.s Ti leggo in forma Il Compasso…a vele spiegate…si non si può parlare di crisi se non di grande e profonda crisi di valori (in questo momento mi sempre di essere il capitano hihihi) tutto in fondo, tutto parte da ciò che sei, da ciò che fai e da come soprattutto lo fai fino ad arrivare ai regolati! Semplice, ingenuo, pensateci meno, assai meno di ciò che possa sembrare…molto… molto meno…

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Analisi Tecnica La shooting star della scorsa settimana con l'ipercomprato sono stati i segnali di
Stoxx Giornaliero Buona domenica a tutti, anche questa volta la regola non scritta, del binom
DJI Giornaliero Buona domenica a tutti, riprendiamo il nostro appuntamento mensile che rigua
T-1 Inverso [3-5 Giorni] (h. xx)[Base Dati: 15 minuti] T-1 Inverso [3-5 Giorni] (h. yy)[Base
T-1 [3-5 Giorni] (h. xx)[Base Dati: 15 minuti] T-1 [3-5 Giorni] (h. yy)[Base Dati: 15 minuti]
Velocità T-2 / T-1 / T / T+1 [Base Dati: 15 minuti] Velocità T-2 / T-1 / T / T+1[Base Dati:
La prossima settimana sarà quella del meeting FOMC. Un meeting dove il mercato si aspetta ormai
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Arriva un po' di debolezza ma in modo fin troppo aggressivo, intervengono le varie FED regionali p
Archiviata la scadenza agosto nel rispetto del pronostico di settlement avvenuto precisamente a 2219