COMMERCIAL REAL ESTATE BUST!

Scritto il alle 07:22 da icebergfinanza

http://bowmancommercial.com/resources/Bubble+Photo.jpg

Quando  scrissi   per la  prima volta questo post dal titolo VORTICE_IN_FORMAZIONE   Commercial Real Estate ne avevo accennato più volte in passato, avevo accennato alla possibilità che a seguito di una lunga e profonda recessione economica, prima o poi la fiaba dell’ immobiliare commerciale ( uffici, centri commerciali, capannoni, negozi e quant’altro avrebbero seguito con il tempo la dinamica recessiva.

Si trattava solo di tempo in quanto storicamente il CRE sviluppa il suo punto di massima espansione verso la metà di una recessione economica come evidenziato dal grafico qui sotto a differenza degli immobili commerciali che precedono ben prima le stesse recessioni economiche.

Ebbene ieri nella conference call Lehman Brothers comunica al mercato lo scorporo degli immobili commerciali ad una nuova società per un valore che va dai 25 ai 30 miliardi di dollari.

Dalle dichiarazioni di Lehman si desume anche che secondo la loro visione i prezzi delle abitazioni scesi sino ad ora di circa un 16/18 % scenderanno almeno sino al 32 % dal picco e per quanto riguarda alcuni stati tipo California e Florida sino al 50 %!

Aumenta quindi la possibilità di superare le dimensioni del crollo immobiliare relativo alla Grande Depressione del ’29! Ormai sono in tanti che procedono alla revisione delle aspettative e come dice Shiller è possibile che arriviamo ad un calo in media del 40 %.

Secondo Sheila Bair della Federal Deposit Insurance Corp. un numero sempre maggiore di banche dovrà far fronte al deterioramento delle condizioni del CRE Commercial Real Estate, c’è la possibilità che i futuri fallimenti possano includere le istituzioni di maggiore dimensione rispetto a quello che abbiamo visto nel recente passato. Lehman è una delle banche con maggior esposizione al settore CRE!

BANK_OF_AMERICA_SAYS_LOSSES_SHIFT_TO_COMMERCIAL_LOANS!

QUI avete una mappa aggiornata della situazione BANK CLOSURE MAP!

Bank_close

thanks to BIGPICTURE

L’importante è analizzare la situazione reale, ma oggi è una pratica annacquata dal pensiero che sempre le crisi si risolvono, che i prezzi non possono che salire, che sempre e comunque ce la caveremo! Inoltre come riporta CalculatedRisk sono diminuite in maniera sensibile le attività di progettazione il che porta a desumere che le richieste di uffici e centri commerciali sono in netto declino.

A_SQUEEZE_ON_RETAILERS_LEAVES_HOLES_AT_MALLS! titolava martedi il NYT ………

Space for Rent

Non vi è alcun dubbio che le luci in fondo al tunnel di questa crisi debbono fare ancora i conti con una serie di variabili impazzite che non hanno ancora manifestato i loro effetti sull’economia reale e sulla dinamica recessiva, senza dimenticare l’autentica bomba delle CREDIT CARDS , dinamica che verrà messa a dura prova dall’aumento esponenziale della disoccupazione e dal crollo dei consumi.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
7 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 11 settembre 2008 at 08:51

Caro Andrea dovrebbero darti una cattedra universitaria per l’ampiezza e la profondità delle tue analisi.

utente anonimo
Scritto il 11 settembre 2008 at 12:04

Un altro problema sottovalutato sull’immobiliare italiano, sono i costi di mantenimento a carico del proprietario, tasse, manutenzioni spese di gestione ecc., a meno chè non si trovi un affituario.
Poi c’è la questione delle dichiarazioni di conformita del fabbricato al momento dell’eventuale vendita . Per fortuna il nuovo governo ha abrogato la Legge che aveva fatto il governo precedente (chissa perchè??), non sò per quanto tempo perche siamo in Europa e qundi bisogna vedere cosa fanno gli altri Stati Membri.
Se rifanno la Legge precedente, son dolori per i fabbricati vecchi, per venderli probabilmente bisogna ristrutturarli abbastanza profondamente.
SD

utente anonimo
Scritto il 11 settembre 2008 at 14:18

Bravissimo Andrea, il tuo é un grande lavoro. Complimenti! Franco

utente anonimo
Scritto il 11 settembre 2008 at 17:55

veramente grato

utente anonimo
Scritto il 11 settembre 2008 at 19:40

a proposito dell’assicurazione dei depositi bancari, il guru buffet ha annunciato ai mercati di interrompere con decorrenza immediata da oggi, l’erogazione di tale copertura da parte delle sue società che offrono tale servizio a circa 3000 banche americane……conferma!!!? comunque andrea ti ringrazio perchè anch’io sono un laureando in economia bancaria, di cui ritengo il tuo blog materia indispensabile e obbligatoria per una laurea del genere! inoltre sono un consulente finanziario di un importante istituto di credito e mi prodigo da anni nel cercare di gestire i miei clienti in modo responsabile, SEMPRE CONTROCORRENTE E ORA CONSAPEVOLE! GRAZIE!

utente anonimo
Scritto il 11 settembre 2008 at 21:21

Grazie Andrea per le analisi così approfondite sulla economia americana. Ma come spieghi che la borsa americana ha perso da inizio anno solo circa la metà dei quelle europee nonostante sia l’epicentro della crisi e la improvvisa e forte rivalutazione del dollaro per nulla intaccata nemmeno ora da quanto costeranno la nazionalizzazione della F & F ?
C’è qualcosa che proprio mi sfugge .
Grazie

Ettore

utente anonimo
Scritto il 22 settembre 2008 at 14:10

Dear friend,

Realy it is very useful post , Accept my sincere thanks and appreciation

John Bill

————–
http://www.dirking.net

Jobs , companies , real estate , engineers , petroleum company

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: apre debole l'indice italiano in attesa della Fed. Gli operatori attendono il meeting Fed
Secondo Treccani, estrapolare significa estrarre qualcosa da un contesto, estendere la validit
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
I mercati ci hanno regalato un 2019 (fino ad ora) molto positivo. La tendenza è restata unidire
Aggiornamento settimanale. L’esito mi sembra interessante, qui sotto a confronto inflow e out
Ftse Mib: continua la fase correttiva per l'indice italiano che si porta al test della trend line ri
Anche se molto in sordina, dalla Germania stanno arrivando notizie tutt'altro che favorevoli nei
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Uno dei problemi chiave del momento in cui viviamo è sicuramente il debito. Poi mettetela come