LA QUIETE PRIMA DELLA TEMPESTA. Alle volte …ritornano ALAN GREENSPAN !

Scritto il alle 06:02 da icebergfinanza

.

………..Hai risolto l’indovinello chiese il Cappellaio Matto rivolto ad Alice.

 

No ci rinuncio rispose la bimba, ma qual è la risposta?

 

Non ne ho la più pallida idea…………, disse il Cappellaio! E si strinse nelle spalle!

 

Alle volte ritornano e così secondo la Reuters che riporta una nota dell’agenzia di stampa " Dow Jones" il parere dell’ex numero uno di Federal Reserve Alan Greenspan è  che probabilmente l’economia Usa prima della fine dell’anno entrerà in recessione!

 

"Quando ci si allontana in questo modo da una recessione inevitabilmente si creano le forze per la recessione successiva ed è quello di cui cominciamo a vedere i segnali. Per esempio negli Usa i margini di profitto… hanno iniziato a stabilizzarsi, segnale premonitore che ci troviamo nelle ultime fasi di un ciclo" ha detto.

 

"Anche se è certamente possibile che entriamo in recessione negli ultimi mesi dell’anno la maggioranza degli analisti non lo prevede, proiettando invece un certo rallentamento più avanti per il 2008" ha aggiunto".

 

In passato il "Greenspan Pensiero", l’alone di mistero che ogni sua parola, ogni suo intervento lasciavano nei mercati finanziari erano la testimonianza del fascino dell’uomo che ha con la sua politica monetaria, con la politica della "liquidità a basso costo" ha contribuito al più grande numero ravvicinato e concentrato di bolle finanziarie della storia economica.

 

Il carisma di Greenspan per i mercati finanziari, era addirittura arrivato al punto tale che era considerato il " Maestro " colui che come comandante della nave aveva la piena fiducia del suo equipaggio, dei suoi marinai!

 

Ora che il Greenspan pensiero è tornato, ed è tornato in grande stile direi, cosa succederà ai mercati finanziari?

Greenspan ha rinnovato inoltre l’allarme sul deficit pubblico e di conseguenza commerciale un vero e proprio motivo di allarme per riconoscere le prospettive a breve e lungo termine del ciclo economico americano e di conseguenza mondiale!

 

“L’attuale deficit di bilancio statunitense potrebbe…..avere gravi ripercussioni sulla crescita economica del paese nei prossimi decenni e pesare sulle spalle delle generazioni future!”, ha affermato il presidente della Federal Reserve Ben Bernanke, in una recente audizione alla commissione bilancio del senato. L’espansione del debito potrebbe innescare una crisi dalla quale si uscirebbe solo con drastici tagli alla spesa o con forti rialzi di tasse.

 

Per la prima volta  Bernanke si era dimostrato  estremamente chiaro! Certamente come al solito, non ha voluto calcare troppo la mano facendo riferimento solo ai conti pubblici ed a un ragionamento di lungo periodo!

 

Il ragionamento di Greenspan è di breve periodo!

 

Il Maestro e l’Allievo accomunati da un unico pensiero: il DEBITO PUBBLICO, la mancanza di risparmio, ma divisi sulle prospettive dell’economia considerando la recente rosea prospettiva comunicata da Bernanke!

 

Il deficit commerciale americano ha raggiunto recentemente il nuovo record negativo portandosi a 763,59 miliardi di dollari crescendo in un solo colpo del 5,3 % a 61,18 miliardi di dollari ( …..Blackstone ne ha presi solo….39 di miliardi a leva per acquistare EOP) mentre quello federale è sceso nel 2006 a 247,7 miliardi di  dollari!

 

Se tutto ad un tratto per effetto di un continuo aumento dei tassi in Giappone, il che è molto poco probabile finisse la favola dei " CARRY TRADE " cioè coloro che si indebitano a basso costo per inviare flussi finanziari in America e la Cina e le immense riserve di dollari dei paesi petroliferi dovessero prendere altre vie….. allora la favola avrebbe un finale da incubo!

 

I flussi di liquidità che provengono dai paesi asiatici e produttori di petrolio, sono l’altra faccia del colossale deficit commerciale americano e recentemente hanno subito una battuta di arresto di notevoli dimensioni!

 

Perchè il buon Greenspan con l’ausilio del suo leggendario carisma lancia questo messaggio……proprio quando la fiducia nella favola infinita sta raggiungendo il suo apice?

 

Il Bruco rivolgendosi ad Alice le chiese: Chi sei, bambina?

 

In questo momento non lo so, signore. Se potessi lo farei, ma purtroppo sono confusa, ho cambiato dimensioni dieci, cento, mille volte e questa è una cosa che sconcerta!

 

Devo dirti una cosa importante, bambina!

 

Ricordati di non perdere mai la calma, qualunque cosa accada!

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags:   |
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
CONSULENZA ECONOMICO FINANZIARIA
Articolo dal Network
Ftse Mib: dopo aver testato il supporto di breve a 21.795 punti, l'indice italiano ha superato nuo
Il governo Conte 2 ha finalmente riunificato nella sua persona il confronto con le parti sociali che
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Settembre può essere il momento giusto per cercare e trovare un nuovo lavoro e dare slancio all
Ftse Mib: l'indice italiano apre in rialzo e si riporta sopra i 22.000 punti. I livelli da monitorar
Oggi poche novità, in quanto ieri c'è stata la solita riunione della Federal Reserve, dove tra
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: operatori cauti in attesa delle decisioni del Presidente della Fed. I mercati scommettono
I fondi negoziali della previdenza complementare non sono a prestazione definita. Sono a prestazione
Tutti in attesa della risposta di Powell dopo il convinto sostegno espansivo fronte BCE di Dragh