FED: CAREFULLY…CAUTELA!

Scritto il alle 09:15 da icebergfinanza

IIHS crash test safety ratings draw poor reviews for Chrysler and Nissan - CBS News

Ieri tutti con il nasino all’insù ad osservare lo specchietto retrovisore della Fed, gente alla quale, come direbbe il vecchio e saggio Taleb, non dovrebbe essere più permesso di guidare uno scuolabus, che guidavano bendati e ubriachi, uno scuolabus che hanno sfasciato…

A coloro che guidavano uno scuolabus bendati (e l’hanno sfasciato) non dovrebbe essere mai più permesso di guidare un altro scuolabus. L’establishment economico (università, autorità di regolamentazione, funzionari delle banche centrali, funzionari governativi, economisti al servizio di varie organizzazioni) ha perso la propria legittimità a seguito del fallimento del sistema. Sarebbe imprudente e insensato da parte nostra se ci affidassimo alle capacità di questi esperti per uscire da questo caos. Al contrario, bisogna individuare le persone intelligenti e con le mani pulite.

E invece tutti li a leggere cosa si sono detti, nell’ultima riunione della Fed, le minute del FOMC…

Bla, bla, bla, sempre se solite cose, che ormai fanno parte del passato, molto è cambiato in questi giorni.

Secondo il senno di ieri, la maggior parte dei responsabili politici della Federal Reserve concorda sul fatto che un ulteriore rialzo dei tassi sarebbe “appropriato” e sottolinea la necessità di mantenere i tassi di interesse più alti più a lungo.

Ci vediamo!

Acuni hanno ritenuto probabile che nessun ulteriore aumento sarebbe giustificato.

Ne è passata di acqua sotto i ponti da allora, il mercato ha già deciso, nessun aumento dei tassi a novembre e neppure a dicembre.

Cautela, la parola d’ordine, si sono spaventati.

Ieri anche gli hedge fund, si sono spaventati.

E piano, piano, ci avviciniamo alla resa dei conti, alla possibile madre di tutti gli short squeeze della storia obbligazionaria.

Oggi uscirà il dato sull’inflazione al consumo, loro conoscono già il trend.

Ieri, i prezzi alla produzione hanno dimostrato che il recente rialzo del petrolio è stato uno scherzo.

A proposito, già finito il rimbalzo del gatto morto, no perchè lo scorso settimana, c’era la fila al supermercato delle fesserie, si il petrolio a 200, per la guerra in medio oriente.

Come riporta Zero Hedge, l’APi ha riportato un massiccio aumento delle scorte di greggio di quasi 13 mm di barili, il più grande da febbraio 2023.

Fonte: Bloomberg

Come dicevo ieri in molti sono rimasti delusi dai prezzi alla produzione, in molti scommettevano questa estate che la speculazione sui prezzi del petrolio avrebbe fatto risalire chissà cosa.

Reuters Graphics

Tutto qui?

Davvero poca roba!

Immagine

In Giappone si che i prezzi hanno preso un bella botta…

  • Prezzo dei beni delle società giapponesi in milioni (settembre) -0,3% rispetto all’aspettativa. 0,1% (precedente 0,3%)
  • Prezzo dei beni delle società giapponesi YY (settembre) 2,0% rispetto all’aspettativa. 2,3% (Prec. 3,2%, Rev. 3,3%)
  • Ordinativi di macchinari giapponesi in milioni (agosto) -0,5% rispetto alle previsioni 0,4% (precedente -1,1%)
  • Ordini di macchinari giapponesi YY (agosto) -7,7% rispetto alle previsioni -7,3% (Prec. -13,0%)

Pure in Germania, lo discesa è stata importante, passare dal 6,1% al 4,5 % non è uno scherzo.

La Germania è un morto che cammina, io me la immagino la signora Lagaffe che alla prossima riunione balbetta sui tassi e sull’inflazione…

Immagine

Holzmann il governatore della banca centrale austriaca, uno dei cani da guardia della Germnaia, ha affermato che l’inflazione potrebbe rivelarsi più forte del previsto e che la prossima crisi potrebbe colpire prima che le perdite del QE della BCE vengano recuperate.

E si, zio Adolfo, veniva dall’Austria!

Inoltre vuole che la BCE limiti la remunerazione dei depositi bancari al 90%.

Sintesi finale, per i prezzi alla produzione americani, oltre il 40% dell’aumento di settembre dei prezzi dei beni finali è riconducibile all’aumento dell’indice della benzina .

Immagine

Ciò che conta sono i servizi e i servizi, dimostrano che l’inflazione è contenuta.

Oggi, nulla di interessante mi aspetto, tenete d’occhio i prezzi degli affitti, valgono oltre un terzo dell’intero indice, il resto è fuffa.

Noi come sempre, confidiamo nella verità figlia del tempo!

E’ uscito l’ultimo manoscritto di Machiavelli ” THE GREAT DEPRESSION.” assolutamente fondamentale per comprendere cosa sta succedendo, da non perdere.

L’informazione indipendente ha bisogno anche del Tuo prezioso sostegno!

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

Machiavelli diceva che per governare …bisogna far credere!

Rivedetevi i due video pubblicati il mese scorso, sono fondamentali.

Abbiamo ricevuto molti attestati di stima per il nostro ultimo manoscritto, vi ringraziamo di cuore, le Vostre parole sono importanti!

Abbiamo bisogno del Vostro importante sostegno, abbiamo bisogno di Voi, non si resiste sul WEB, in mezzo a un mondo manipolato per 16 anni, se non si racconta la realtà, si cerca di trovare la verità.

Grazie di cuore per il Vostro sostegno!

I manoscritti da inizio anno sono stati una bussola perfetta dopo un periodo di crisi, ma come sempre la verità è figlia del tempo.

Ribadisco per l’ennesima volta che se ci sono problemi di ricezione, firewall, spam, comunicazione tra i diversi provider dovuti a invii multipli,  basta inviare una mail e il nostro STAFF  provvederà a risolvere il problema.

Grazie a chi vorrà contribuire liberamente al nostro viaggio!

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

 

Ricordo a tutti coloro che avessero bisogno, che ICEBERGFINANZA è anche consulenza a 360 gradi, in mezzo a questa tempesta perfetta.

Cliccando sul link qui sotto e mandando una mail a icebergfinanza@gmail.com è possibile avere una consulenza strategica sui possibili sviluppi macroeconomici e finanziari dei prossimi mesi, oltre a ricevere i nostri manoscritti. Buona giornata Andrea

Chiunque volesse sostenere il nostro viaggio riceverà in OMAGGIO le analisi di Machiavelli. Per contribuire al nostro viaggio basta cliccare SUL BANNER  a fianco dei post sul lato destro della pagina o andare alla sezione DONAZIONI…

SEMPLICEMENTE GRAZIE!

 

 

2 commenti Commenta
claudio70
Scritto il 12 Ottobre 2023 at 17:59

E niente,continuo a sostenere la nostra tesi deflazionistica, ciononostante dei dati non abbiamo mai certezza siano corretti o falsati,ora hanno aperto deliberatamente un altro fronte di guerra che potenzialmente potrebbe essere inflazionistico in mille modi e che useranno per i loro scopi,io comincio a pensare che difficilmente si recupererà le perdite se non altro in tempi brevi e forse mai visto il mio orizzonte temporale di vita e lo schifo a cui stiamo assistendo e non parlo del denaro ,uccidono indirettamente migliaia di persone senza battere ciglio per le loro malefatte, ripeto i miei mantra mai sfidare i padroni totali del vapore ed cercare per quanto possibile di lasciare i mercati finanziari che di fatto poco esistevano prima del 2008 ,sono diventati un fantasma dopo il 2009, ed oggi con l ingresso dei maledetti democratici sono solo un ricordo del passato

gnutim
Scritto il 16 Ottobre 2023 at 11:22

Andrea, può darsi che gli Usa ma anche in UE stiano cercando di prendere tempo per far ridurre la liquidità in eccesso con lentezza che è il vero problema ?
Ho come l’impressione che cerchino con la retorica e coi tassi di far decrescere la liquidità nel sistema facendo scendere pian piano le borse e incanalando il cash verso il debito statale per evitare una debacle. Tutto al rallentatore perchè se decidessero di accelerare il drenaggio di liquidità salterebbero bracconi un pò dappertutto. Condividi?

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
ICEBERGFINANZA NEL MONDO
Articolo dal Network
La Cina è un'immensa mina deflattiva esplosa nell'oceano globale, una spettacolare bolla immobi
Lo so, deve essere stato difficile per ben 13 anni aspettare l'inflazione, chiamare l'inflazione
Guest post: Trading Room #511. Il grafico FTSEMIB weekly ha una struttura che continua ad essere r
Malgrado i dati macro non sicuramente eccezionali per i mercati, con un'inflazione che sale e cambia
Giornata perfetta ieri, con nuovi massimi sui mercati europei come aveva previsto su Twitter il
Oggi, terzo venerdì del mese, è giornata di scadenze tecniche. Scadranno le opzioni su azioni, le
Viviamo davvero in un mondo di matti, basta guardare alla reazione isterica dei profeti dell'inf
Mentre a Francoforte si discute sul sesso degli angeli, sull'inflazione che sta per sparire come
Guest post: Trading Room #510. Il grafico FTSEMIB weekly ha una struttura chiara ed evidente. La l
C'è davvero da mettersi le mani nei capelli a pensare che le sorti dell'America sono un mano a
CONTATORE