FAKE NEWS A GOGO!

Scritto il alle 08:37 da icebergfinanza

Granlund cartoon: Fake news

 

Ci vuole tutto l’ottimismo di questo mondo per uscire dal pantano ucraino, tutto l’ottimismo possibile, soprattutto in mezzo a un oceano di incendiari che buttano benzina sul fuoco.

Bisogna partire da qui per comprendere cosa realmente è successo…

Il mondo è pieno di illustri personaggi che avevano messo in guardia dal rischio di un conflitto mondiale, ma che le abbia fatto l’attuale presidente degli Stati Uniti è surreale!

Consiglio atlantico degli Stati Uniti, 20 giugno 1997: il tema è l’espansione della Nato. Mentre JoeBiden annuncia lo stop all’importazione del petrolio di Mosca, ennesima sanzione in risposta all’invasione russa dell’Ucraina, il sito della rivista americana Newsweek pubblica un video di quasi un quarto di secolo fa. Sul palco parla l’allora senatore Biden ed esprime un concetto: “Annettere alla Nato gli Stati Baltici” sarebbe l’unica mossa che rischierebbe di provocare una “riposta vigorosa e ostile” da parte della Russia.

La scintilla in mezzo alla camera da gas ucraina è stata l’esercitazione Nato questa estate in Georgia, con la partecipazione anche di truppe ucraine.

Le Forze Armate della Georgia hanno avviato, lunedì 26 luglio, le esercitazioni militari Agile Spirit, che si terranno in tre basi di addestramento del Paese. Si tratta di Senkai, nell’Ovest della Georgia, del meridionale Orfololo e di Vaziani, situato nella periferia della capitale Tbilisi.

A riferirlo, il medesimo lunedì, è stato il quotidiano russo Kommersant. Secondo quanto reso noto, alle manovre militari prenderanno parte 1.600 soldati georgiani e 700 statunitensi. A questi si aggiungeranno altrettanti 250.000 militari appartenenti a 13 Stati sia membri sia partner dell’Alleanza Atlantica. Tra questi, la testata russa ha menzionato le forze armate dell’Ucraina, le quali sono giunte nel Paese caucasico, approdando nel porto di Poti.

Certo puoi discutere sin che vuoi di chi ha invaso e chi è oggi l’invasore, ma se un orso dorme, non puoi continuare a tirarli sassi!

Ora l’incidente non è più un incidente ma una guerra, una guerra che con sanzioni e divieti sta isolando la Russia, allontanandola dall’Europa e avvicinandola alla Cina.

Lunedì i nostri autotrasportatori si fermeranno, non per sciopero, ma per necessità, non è più conveniente portare in giro le merci…

Molte imprese hanno già chiuso, i licenziamenti seguiranno, non è più conveniente produrre e qualcuno ha il coraggio di parlare di rischio iperinflazione.

Ieri il banchiere nel Consiglio dei ministri, ha parlato di rischio recessione, solo rischio?

Letta, addirittura ha suggerito di chiudere subito tutte le importazioni di gas e petrolio russo, geniali quelli che sino a ieri ciuccivano il latte da madre Russia, giocando a fare i comunisti.

Si leggono tante di quelle fesserie sui nostri giornali che non è difficile comprendere perchè siamo negli ultimi posti per lo squallore della stampa nostrana.

Il covid è morto e sepolto, faranno miracoli per farlo riscuscitare al momento opportuno.

Ringraziamo la solerzia dei burocrati europei che sino a ora hanno dormito, sottovalutando le provocazioni della Nato, ma soprattutto ringraziamo il nostro banchiere, uno che con solerzia si è adeguato al suicidio di massa, autorizzando addirittura l’invio di armi all’Ucraina, giusto per trasformare il Paese in un pantano vietnamita.

Immagine

Solo rischio? E’ già realtà!

Ieri ha parlato la regina degli strafalcioni, non avevo dubbio, la stupidità dei banchieri centrali non ha confini, figurarsi un manichino.

Ha aperto la bocca e ha fatto volare i tassi, i rendimenti ovunque in Europa, soprattutto in Italia, lo spread è tornato alla fatidica quota di Machiavelli, 170 sopra c’è il vuoto!

Bla, bla, bla, le solite cose, per chi vive fuori dal mondo,  “L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia segna una svolta in Europa” ha detto, però noi andiamo avanti a giocare al falchetto dove lo metto!

Immagine

E’ pieno di inutili tedeschi che urlano alla Repubblica di Weimar, falchi ovunque a Francoforte, però la Bce ha rivisto pesantemente in peggio sia le stime sulla crescita, sia quelle sull’andamento dell’inflazione.

Qualche pirla oggi mi chiede se la vedo ora l’inflazione, non ci vuole la scienza per capire che con un petrolio sopra 100 continuerà a salire, a noi interessano i tassi e quelli credetemi non saliranno più di tanto, diversamente salterà tutto in aria e l’implosione deflattiva sarà terribile.

Non siamo negli anni settanta o ottanta, dove i salari volavano insieme all’inflazione e il lavoro abbandava, oggi c’è deflazione o stagnazione salariale ovunque e le aziende chiudono.

Nessuno assume in mezzo a questo inferno, nessuno!

I salari reali, ovvero depurati dall’inflazione, stanno collassando in America, figurarsi in Italia.

Immagine

thanks to ZeroHedge

Ma ovviamente il banchiere centrale di turno che ha il cervello depositato in una biblioteca, basta acquisti di titoli ma la stretta monetaria potrebbe esserci a partire da luglio, sempre che a luglio ci sia ancora l’Ucraina e l’Europa.

Lagarde insiste che non si è trattato di un’accelerazione verso la stretta e che potrebbero passare “settimane o mesi” prima che il Consiglio direttivo decida una stretta monetaria, dopo la fine dei programmi di acquisti – e sarebbe, peraltro, la prima in un decennio. Nel comunicato, rispetto ai precedenti, la formulazione è cambiata dall’avviso di terminare la fase emergenziale “poco prima” del rialzo dei tassi a “qualche tempo dopo”. Ma la stragrande maggioranza degli analisti ha già interpretato le decisioni della Bce come un ritorno più veloce a tempi molto meno generosi. Del resto, è la tendenza in atto anche negli Stati Uniti e nel Regno Unito – a fronte di un’inflazione molto più alta che in Europa.

Ma risulta così difficile comprendere che più questa guerra durerà e più le economie europee finiranno in una nuova depressione economica e che eventuali aumenti di prezzo non saranno assorbiti dai consumatori alla canna del gas.

Lo stanno già suggerendo le aziende, non è più conveniente produrre, figurarsi se alzano i salari o assumono, ma si sa, ilragonamento è difficile per coloro che credono che questa guerra sarà uno scherzo.

Ieri sono usciti i dati sull’inflazione al consumo USA, titoloni per il nuovo record mai visto da 40 anni, in realtà lo scorso mese era uguale e oggi però in mezzo c’è una guerra e un prezzo del petrolio che ha sfiorato i 130 dollari.

Ieri i rendimenti americani hanno superato i massimi annuali ma l’asta a 30 anni di ieri è stata stellare, un vero e proprio boom cone un aumento vertiginoso della domanda estera al 2° posto più alto mai registrato nella storia del Tesoro americano.

Un rendimento del 2,375 rispetto al 2,34 del mese precedente, variazione minima, nonostante il terrore dell’inflazione e un mercato che spera ancora in una guerra lampo!

Sono inoltre davvero onorato di poter contare sull’aiuto e la collaborazione di uno dei pionieri dell’analisi cinematica in Italia, “Puntosella” per gli amici di Machiavelli, un uomo meraviglioso, prima di tutto, che mi segue dagli albori di Icebergfinanza ma che solo da qualche mese ho incominciato a conoscere come professionista dalle mille e incredibili qualità, al quale mi legano soprattutto valori e visioni di vita.

A questo indirizzo il nostro PUNTOSELLA aggiornerà la sua personale rubrica mensile…

ANGOLO CINEMATICA PUNTOSELLA

I manoscritti da inizio anno sono più che sufficienti per comprendere come coglierla, l’ultima grande occasione, la più colossale della storia, perché oggi sono tutti sul lato sbagliato di una barca che sta di nuovo per affondare.

Ricordo a tutti coloro che avessero bisogno, che ICEBERGFINANZA è anche consulenza a 360 gradi, in mezzo a questa tempesta perfetta.

Cliccando sul link qui sotto e mandando una mail a icebergfinanza@gmail.com è possibile avere una consulenza strategica sui possibili sviluppi macroeconomici e finanziari dei prossimi mesi, oltre a ricevere i nostri manoscritti. Buona giornata Andrea

Chiunque volesse sostenere il nostro viaggio riceverà in OMAGGIO le analisi di Machiavelli. Per contribuire al nostro viaggio basta cliccare SUL BANNER  a fianco dei post sul lato destro della pagina o andare alla sezione DONAZIONI…

SEMPLICEMENTE GRAZIE!

3 commenti Commenta
aorlansky60
Scritto il 12 Marzo 2022 at 09:11

Noi [poveri sprovveduti] Europei dobbiamo Ringraziare di Cuore l’amministrazione USA (che di fatto dirige la NATO) per essere riuscita a mandare ‘in paranoia’ Putin… se nel 2021 (senza considerare quanto ‘di sporco’ ha fatto prima, molto discretamente sottobanco finanziando Zelensky) organizzi ben DUE ESERCITAZIONI NATO in UKRAINA mostrando ‘i muscoli del tuo apparato bellico’ sul confine Russo, come credi si sia sentito Putin?…

aorlansky60
Scritto il 12 Marzo 2022 at 09:16

Personalmente oltre ad avere molti dubbi e perplessità sull’operato (degli ultimi 8anni almeno) della NATO nell’Europa dell’Est, ho anche dei timori legati alla convinzione che negli USA cova una corrente di pensiero ad alto livello gerarchico direzionale (negli ambienti degli Stati Maggiori dell’Esercito, Marina e Aviazione tanto per essere chiari), che non preclude l’uso di ‘determinati apparati militari’ da mettere in campo (nel caso il conflitto prendesse davvero ‘una brutta piega’ e si dovesse allargare oltre i due Stati attualmente belligeranti) pur di ridimensionare le ambizioni di Putin, anche perchè tutto sommato il ‘loro’ territorio sovrano si trova piuttosto distante dalla zona in cui è in corso il conflitto, di conseguenza ‘loro’ avrebbero meno rischi da correre… non la stessa cosa si può dire per ‘noi’ europei…

aorlansky60
Scritto il 12 Marzo 2022 at 09:28

Ed ora che lo abbiamo ‘solleticato’ per bene, facendo di tutto e di più per ‘rompergli le scatole‘ dovremmo fare attenzione (se non è ormai troppo tardi) alla DETERMINAZIONE e alla FREDDEZZA che caratterizza ‘il personaggio’ al vertice di comando della Russia… A parte che egli ha pianificato col proprio staff nei minimi particolari (e già da diverso tempo) l’operazione bellica in corso in Ukraina, voglio ricordare cosa accadde nel 2002 a Mosca, quando in una sala cinematografica irruppero un gruppo di 30 ribelli ceceni che presero in ostaggio tutti gli spettatori presenti… Allora Putin ci mise 5 secondi nel decidere ‘come risolvere il problema’ : acconsentì l’uso di ‘gas nervini’ pompati nel sistema di ventilazione della sala da parte delle sue ‘forze speciali’ per stendere definitivamente quei 30 ribelli armati, cosa che riuscì alla perfezione, peccato solo che “stesero definitivamente” anche 200 spettatori russi inermi e innocenti, che Putin non esitò a mettere ‘sul piatto della bilancia’ come “costo da pagare” per la risoluzione del problema…

Questo fatto rende bene l’idea del ‘personaggio’ con cui si ha a che fare…

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
ICEBERGFINANZA NEL MONDO
Articolo dal Network
FTSEMIB 40 AGGIORNAMENTO DEL 29 FEBBRAIO 2024   Il grafico dei prezzi conferma visivamente
29 febbraio 2024 UNICREDIT Lettura grafica e analisi dei posizionamenti monetaria relativi alla sc
Come vedremo nel fine settimana insieme al nostro Machiavelli, le ultime minute hanno rivelato c
Guest post: Trading Room #512. Il grafico FTSEMIB weekly ha raggiunto vette importanti ma anche un
La trimestrale di NVIDIA stupisce i mercati e il rally continua. Ma allo stesso tempo, il mercato ob
La Cina è un'immensa mina deflattiva esplosa nell'oceano globale, una spettacolare bolla immobi
Lo so, deve essere stato difficile per ben 13 anni aspettare l'inflazione, chiamare l'inflazione
Guest post: Trading Room #511. Il grafico FTSEMIB weekly ha una struttura che continua ad essere r
Malgrado i dati macro non sicuramente eccezionali per i mercati, con un'inflazione che sale e cambia
Giornata perfetta ieri, con nuovi massimi sui mercati europei come aveva previsto su Twitter il
CONTATORE