CHINA USA… DECOUPLING!

Scritto il alle 13:49 da icebergfinanza

US-China Phase One Deal: Forwards, Backwards, and Sideways - Christopher A.  McNally - CHINA US Focus

Cosa esiste si più affascinate che osservare semplicemente che tutto ciò che sale prima o poi scende, elementare direbbe il nostro SherlocK Holmes, chi troppo in alto sale, cade sovente precipitevolissimevolmente.

No non mi riferisco solo a Tesla, ma pure a tutte le illusioni che si stanno diffondendo a piene mani in questi mesi, quello che contano sono i numeri e di numeri continuiamo a parlare…

Povero Donald la sua guerra alla Cina è stata semplicemente fallimentare, can che abbai non morde!

Si lo so che siete tutti intenti ad osservare cosa fanno Apple o Tesla, cosa dirà domani Lady Gaga o altre fesserie come l’average inflation targeting, ma la realtà è che i cinesi dove aver diffuso il virus ora sono più in forma che mai, export verso gli USA che va alla grande nonostante i dazo e con il cavolo che le importazioni di beni americani sono aumentate in barba alla fase uno di un accordo semplicemente ridicolo.

Nonostante la pandemia la Cina è riuscita ad aumentare il proprio surplus di bilancio, nonostante il crollo del commerci globale, ma il capolavoro è stato quello di far aumentare il deficit degli Stati Uniti.

Come ci racconta il professor Brad Sester, nonostante tutti i discorsi di Trump sul decoupling dalla Cina, la realtà è che gli Stati Uniti dipendono più che mai dalla Cina.

La quota cinese delle esportazioni globali ha raggiunto un record nel secondo trimestre, quasi il 20%. Il costante rafforzamento delle esportazioni ha aiutato la Cina a registrare surplus mensili (nelle merci) di circa $ 60 miliardi in luglio e agosto.

squilibrio del commercio mondiale di merci semplificato

E dal lato del deficit del libro mastro ci sono … gli Stati Uniti. Il deficit commerciale degli Stati Uniti (beni e servizi) ha superato i 60 miliardi di dollari a luglio, il livello più alto da molti anni .

equilibrio delle merci selezionare le economie

Ora aprite bene le orecchie, così vi togliete dalla testa la fine del dollaro, sempre che qualcuno ci arrivi a comprendere le cose semplici, come funziona il commercio mondiale…

La necessità di un disavanzo statunitense per compensare i surplus asiatici (e gli avanzi asiatici per colmare il deficit statunitense) è in qualche modo  confermata da tempo . Ciò che colpisce però è che la pandemia ha portato a una compressione della maggior parte degli altri squilibri commerciali, quindi quasi tutto ciò che rimane ora è il grande surplus cinese (dal 2 ° trimestre in poi) e l’altrettanto grande deficit degli Stati Uniti (dal 2 ° trimestre in poi).

surplus commerciale asia vs defict degli stati uniti

In sintesi un fallimento totale la politica commerciale di Donal Trump, non parliamo poi dell’Europa perché la situazione è ancora più allarmante, soprattutto per quanto riguarda la Germania.

 Ci sono ovviamente altri flussi commerciali: l’Europa ha un surplus con gli Stati Uniti che è in parte compensato dal suo deficit con la Cina, l’Australia ha un surplus con la Cina che è compensato da un deficit con gli Stati Uniti e così via. Ma il surplus dell’UE si è ridotto con la riduzione degli scambi (anche il surplus dell’UE è molto inferiore a quello della zona euro).

bilancia delle merci economie emergenti

 

Chi l’avrebbe previsto un anno fa, dice Brad Sester?

 

… c’è anche una dinamica politica che suggerisce che il rinnovato squilibrio trans-pacifico potrebbe essere durevole. Come ha notato Michael Pettis, la Cina ha risposto alla pandemia con politiche a sostegno delle imprese e della produzione ed è stata molto contenuta nel suo sostegno diretto al reddito per i consumatori e le famiglie.

Gli Stati Uniti, al contrario, hanno fornito molto sostegno alle famiglie, almeno inizialmente.

La risposta fiscale della Cina è generalmente stimata essere di gran lunga inferiore rispetto al 2009, mentre la risposta degli Stati Uniti (ad oggi) è stata più audace. Quel differenziale politico – più l’ attuale gestione del tasso di cambio della Cina che ha mantenuto lo yuan relativamente debole – potrebbe rafforzare il ritorno degli squilibri commerciali in stile pre-2008

Forse Trump non se ne è accorto o forse preferisce far finta di nulla, ma la Cina lo ha messo nel sacco.

Nel frattempo con tassi bassi si attenua l’esplosione che ha coinvolto i mutuatari americani con tasso di insolvenza sui mutui che era arrivato vicino ai livelli della crisi subprime.

Sebbene ciò rappresenti un miglioramento significativo, ci sono ancora quasi 2 milioni di mutuatari insolventi sui pagamenti dei mutui rispetto a febbraio prima della pandemia e pensare che c’è qualcuno che mira a rialzare i tassi a lungo termine.

Domani Lady Gaga, proverà a dire qualcosa di sensato sull’inflazione, dopo essere stata messa con le spalle al muro dalla Fed, come ho scritto un paio di settimane fa, la BCE non può in alcuna maniera intervenire modificando i suoi obiettivi di inflazione, senza il consenso della… Germania.

Al di la delle varie analisi che circolano sugli effetti degli obiettivi di inflazione media proposti, quello che era già certo da prima ovvero tassi bassi per decenni è oggi confermato dalle scelte di politica monetaria della FED.

L’Europa è in deflazione e ci resterà, punto e basta!

Dirà qualcosa sull’euro certamente, ridurrà le proprie stime sull’inflazione per i prossimi mesi, ma non sposterà di un millimetro il destino degli eventi.

Due giorni fa Trump ha dichiarato:

“Quindi, quando si menziona la parola decoupling, è una parola interessante”, ha detto Trump a una conferenza stampa del Labor Day alla Casa Bianca in cui ha promesso di riportare lavoro in America dalla Cina.

“Perdiamo miliardi di dollari e se non facessimo affari con loro non perderemmo miliardi di dollari. Si chiama decoupling, quindi inizierai a pensarci “”Se Biden vince, vince la Cina, perché la Cina sarà proprietaria di questo paese”, ha detto.

“Trasformeremo l’America nella superpotenza manifatturiera del mondo e porremo fine alla nostra dipendenza dalla Cina una volta per tutte. Che si tratti di decoupling o di tariffe massicce come ho già fatto, porremo fine alla nostra dipendenza dalla Cina, perché non possiamo fare affidamento sulla Cina “, ha detto Trump.

Peccato che come abbiamo già visto 4 anni sono stati un fallimento in questo senso, non puoi cambiare da un momento all’altro 20 anni di storia, di dominio del dollaro, di acquisti di treasuries da parte della Cina perché diversamente non saprebbe dove metterli questi dollari. Io me la immagino la Apple che riporta tutto in America, pagare gli operai americani con un pugno di riso, come sta facendo con i cinesi, i prezzi aumenterebbero e l’inflazione esploderebbe sempre che i salari siano tali da permettere alle aziende di trasferire i costi ai consumatori. Poi Powell aumenterebbe i tassi come piace a Donald e il dollaro si rafforzerebbe facendo crollare le esportazioni con tanti auguri ad America First.

Gli equilibri commerciali oggi sono tali che basta davvero un nulla per scatenare un uragano, non ci sarà alcun euro forte nei prossimi anni, un dollaro forte è nell’interesse del consumatore americano, conta “solo” per il 70 % del pil, perdere potere di acquisto oggi sarebbe un brutto biglietto da visita per Trump.

US Treasury Secretary Mnuchin's 'weaker dollar' comment takes heavy toll on  currency | South China Morning Post

“Vogliamo un dollaro stabile”, dice Mnuchin. “Il dollaro riflette un mucchio di soldi che tornano negli Stati Uniti … è la valuta di riserva del mondo e la proteggeremo”

Spero che il messaggio sia sufficientemente chiaro, poi tutto può succedere!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (7 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +4 (from 4 votes)
CHINA USA... DECOUPLING!, 10.0 out of 10 based on 7 ratings
6 commenti Commenta
madmax
Scritto il 9 settembre 2020 at 14:18

I polli siamo noi a seguire gli US, certo dobbiamo boicottare le fonti fossili russe come petrolio e gas, il petrolio lo comprano loro dalla russia, gli US importano piu’ petrolio dell’europa dalla russia strano no? Per il gas non lo dobbiamo comprare dai russi ma dagli americani, poveri babbei se pensate che facciano i nostri interessi rilegette la storia di Mattei e dell’Eni che gli yankee volevano chiudere per renderci dipendenti energeticamente.

idleproc
Scritto il 10 settembre 2020 at 10:37

madmax,

…il taglio dei nostri rifornimenti strategici e geopolitici in Mediterraneo, vedi Libia, vedi i tentativi di sconnetterci da rapporti con l’Egitto etc. sono stati l’aiutino a tenerci legati per il collo alla cosiddetta europa come ne fa parte del piano “costruttivo” dell’europa la disintegrazione sociale introdotta col traffico di schiavi e navi negriere che hanno messo in piedi, se li vanno a riprendere se cercano di scappare e tornare a casa loro.
Tutti in geopolitica e geoeconomia fanno i loro “interessi”, sei tu che devi fare i tuoi.
Poi esistono le “affinità” per non andare a fasi male sul serio globalmente, se ci sono Presidenze potenzialmente alternative alle dinamiche criminali e strategiche globali precedenti ancora attive come lo sono pienamente in “europa”.
Russia e Cina (non vista come una disputa commerciale come la vede personalmente DT) sono l’obbiettivo di destabilizzazione, associati ad altri all’interno della “riforma” globale sistemica.
Notevole il buon senso tradizionale dei russi e dei cinesi per la loro parte.
Sono l’obbiettivo dei globalisti finanziari e corporativo-oligarchici ormai sconnessi daille origini nazionali dei loro interessi e indifferenti ai loro popoli dei quali erano e si sono costruiti come la ruling class, sono oggi la ruling class globale o tentano di esserlo anche se in bancarotta o per evitare la bancaotta.
Questi ci porteranno alla guerra, non gli “Americani” o questo o quell’altro.
Ovvio che bisogna fermarli, mettendo insieme tutte le forze disponibili.

apprendista
Scritto il 12 settembre 2020 at 14:03

Cavolo, pensavo, è dal 2007 che ci guidi in questo scempio, chissà se un giorno potremmo incontrarci, con altri del blog, darci una pacca sulla spalla e ripetere all uniscono : che cazzo di periodo abbiamo passato magari ridendoci su bevendo qualcosa……. Mi piace pensare che quel giorno arriverà

phitio
Scritto il 14 settembre 2020 at 09:25

Molto bene. Ora proviamo a pensare ad un evento che metta offlne il 25% del petrolio globale per un periodo indefinito di mesi, forse anni.
Qualcuno in sala è in grado di modellare l’effetto di dieci chiavi inglesi buttate contemporaneamente negli ingranaggi del commercio globale?

idleproc
Scritto il 14 settembre 2020 at 19:56

apprendista@finanza,

Purtroppo sono personalmente coinvolto per via di un nipotino al primo anno di elementari e non ho molta voglia di ridere ma spero che andrà come desideri.

Puoi anche comiciare a ridere adesso grazie alla genialità del poplo a cui apparteniamo, se non lo avete già visto:

https://m.youtube.com/watch?v=feRdpm-1p5o

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
REVOLVERSMAPS

ICEBERGFINANZA NEL MONDO

Articolo dal Network
Le notizie sul vaccino danno entusiasmo al mercato e anche alle cosiddette mani forti che tornan
Sempre interessante vedere dove sono finiti i flussi finanziari nelle ultime settimane. Qui vede
Sempre interessante vedere dove sono finiti i flussi finanziari nelle ultime settimane. Qui vede
Ftse Mib. Si è un po’ placato l’ottimismo sull’indice italiano dopo il test di 22.334 punti
La premessa prima di iniziare oggi è che questo post non è per i deboli di cuore e suggerisco
Sono partite le iscrizioni per l’Innovability School, la scuola dedicata alle startup di stampo in
Aggiornamento dei posizionamenti monetari. Sulle Mibo continua la pressione dei future ma inizian
Eccoci qui, entrati nel nuovo mese che chiuderà questo maledetto e bisesto (lasciatemelo dire)
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Aggiornamento dei posizionamenti monetari. Su tutti i sottostanti prosegue il riposizionamento co