MES. BCE JUBILEE DEBT 2020!

Scritto il alle 08:30 da icebergfinanza

Uno stato di grazia impressionante quello che stiamo passando in questi tempi difficili, con strategie di protezione e incremento dei patrimoni e risparmi dei nostri clienti imponenti, ma soprattutto perchè in questi mesi e anni, tutto quello che abbiamo previsto si sta avverando.

Dopo essere stati gli unici in Italia ancora nel 2006 e 2009 a predirre la madre di tutte le crisi, la crisi subprime e lo scoppio della deflazione da debiti, dopo aver raccontato nei dettagli il fallimento della Grecia e la crisi italiana, aver suggerito di diversificare nel debito pubblico più sicuro al mondo ora ufficialmente abbiamo sfatato l’ultimo tabù dei circoli finanziari ed economici conservativi mainstream, la possibilità di cancellare il debito pubblico e privato da parte delle banche centrali.

La via di Damasco finanziaria è costellata di folgori improvvise, uno spettacolo pirotecnico degno dell’ipocrisia e ignoranza delle elite finanziarie, dai santuari della Bocconi e della Luiss sino a giungere alla miriade di personaggi, economisti e banchieri, fabbricatori di master e vincitori di Zecchini d’oro, che in questi anni hanno sollevato ironia di fronte all’unica possibilità, per ridurre la pressione distruttiva di una feroce deflazione da debiti.

Come quello sulla deflazione da debiti, questo resterà uno dei nostri post storici, qui vi racconteremo il grande inganno che ha caratterizzato le Vostre vite. Se non avete il tempo, trovatelo e condividete, diversamente continuate a prendere la pillola rossa e auguri per il Vostro futuro.

Cercheremo di raccontarvi tutto nella maniera più semplice possibile in questo post, tutti hanno diritto di sapere, di conoscere il grande inganno che ha caratterizzato questo secolo, come è stato possibile creare denaro dal nulla per salvare banche e banchieri, presentando il conto al contribuente, attraverso feroci tagli della Sanità e del welfare, deflazione salariale e licenziamenti di massa.

Il buon Henry Ford, il creatore dell’omonima fabbrica di auto americana, amava dire che per fortuna la gente comune non capisce come funziona il sistema bancario e monetario, perchè se ne fosse davvero consapevole, credo che prima di domani, scoppierebbe una rivoluzione.

Non che sia una novità per carità, vi ricordate quello che accade nel 2018 quando ci fu la proposta di cancellare 250 miliardi di debito pubblico italiano, apriti cielo, impossibile non succederà mai, mentre altri Paesi già lo stavano facendo…

Ieri all’improvviso, sul Corriere della Sera, si quel giornalino che ospita le ridicole geste del padre dell’austerità espansiva, una delle più stupide teorie economiche mai messe in circolazione, Alesina insieme a Giavazzi, ha scritto…

E se la BCE impugnasse un nuovo bazooka cancellando parte dei debiti pubblici che detiene?

La proposta e il (nuovo) ruolo della Bce

La loro proposta alternativa questa: la Banca centrale europea, che in questi anni di Quantitative easing (il famoso bazooka di Draghi) ha acquistato massicce dosi di titoli di Stato della zona euro, ossia di debito pubblico, potrebbe decidere di cancellare parte di quel debito, per alleggerire il fardello della crisi e dare ossigeno alla ripresa.

Come molti di Voi ricorderanno in questi anni, la deflazione da debiti non ammette repliche, la risposta empirica è semplice…

DEFLAZIONE DA DEBITI: COSA POTREBBE ACCADERE.

Risultati immagini per quattro opzioni deflazione da debiti

… in 23 episodi la crisi si risolse con una crescita futura del debito inferiore a quella del Pil, attraverso un calo del debito in termini nominali, in 12 episodi vi fu un aumento nominale della crescita attraverso la creazione di inflazione, la quale riduce il rapporto debito/crescita economica, in 7 episodi la contrazione del debito avvenne ad opera di fallimenti generalizzati pubblici e privati e solo in tre casi l’economia mostrò un livello di crescita in grado di far diminuire il rapporto debito/PIL.

Purtroppo, al momento attuale l’evidenza sembra far propendere tutto verso la terza ipotesi, ovvero la contrazione del debito attraverso fallimenti generalizzati o ristrutturazione del debito.

Infatti una serie di default e ristrutturazioni del debito sono la probabilità maggiore oggi e le banche sono quelle che dovranno sopportare il maggior peso dei default privati e statali a meno che, come vi ho sempre raccontato, le banche centrali non monetizzino il debito, CANCELLANDOLO.

Ma come sempre la fantasia supera la realtà ed allora ecco che a Francoforte si studia come cancellare definitivamente i crediti inesigibili e magari i miliardi di euro di derivati tossici che ha in pancia, Deutsche Bank…

O si certo, una bad bank non significa cancellare il debito, ma visto il successo delle ultime bad bank, soprattutto quelle degli austriaci che fanno i maestrini, direi che ci sono ZERO probabilità ASSOLUTE di vedere anche solo un centesimo e quindi anche le bad bank, spariranno nel nulla.

Ovviamente i “pasdaran” dell’azzardo morale, per il popolo ma non per le banche, il debito brutto e cattivo che va restitutito, in questi anni e soprattutto adesso che stanno subendo una clamorosa sconfitta, non perdono tempo per fare la morale anche di fronte ad una feroce pandemia, un evento naturale o causato da fattori esterni.

Oggi cari Ragazzi non è il tempo della morale calvinista, non è il tempo di ascoltare le presunte formichine olandesi e tedeschi che frodano e rubano attraverso dumping e paradisi fiscali fare la morale alle cicale del sud, si ascoltare qualche stupido politico, burocrate, economista o giornalista a libro paga nostrano, fare la maestrina prospettando penitenze o punizioni esemplari, l’unico IMPERATIVO MORALE è tenere insieme l’economia in questo Paese è permettere a milioni di persone di tornare a lavorare, a produrre a consumare, magari in maniera più sostenibile di prima, ma senza perdere tempo come si fa in Italia, perchè mentre discutiamo, il futuro è già cenere.

Un paio di anni fa, ho avuto un confronto aspro con uno dei tanti inutili e ignoranti professori che frequentano la Bocconi, gente che purtroppo sta rovinando tanti giovani con le sue assurde teorie, un certo Monacelli, che all’epoca scriveva così…

Un default della banca centrale

La narrazione (illusoria) sul ruolo della moneta e della banca centrale recita così: poiché la banca centrale è potenzialmente in grado di creare moneta in modo illimitato, ciò non porrebbe alcun limite alla sua capacità di acquisto di titoli. In estrema ipotesi, tutto il debito pubblico di un paese potrebbe essere acquistato e detenuto dalla banca centrale. Se, quindi, la banca centrale semplicemente bruciasse quei titoli, ciò non avrebbe alcuna conseguenza, perché le perdite potrebbero sempre essere ripianate stampando più moneta.

Eppure, nonostante si alimenti del potere inebriante di creare moneta dal nulla, la narrazione è del tutto fallace. Se la banca centrale bruciasse i 100 euro di titoli detenuti a bilancio, ciò comporterebbe una perdita dal lato delle attività di 100 euro. La perdita dovrebbe essere ripianata con maggiori entrate per ricapitalizzare la banca centrale stessa, che non potrebbero che venire dal bilancio dello stato attraverso maggiori tasse. In prima istanza, dunque, un falò dei titoli vorrebbe dire maggiori tasse.

No Monacelli, la perdita non deve essere ripianata con le tasse, primo perchè oggi, tranne i più fortunati, nessuno ha più redditi o profitti per pagare le tasse se continua così, secondo perchè la Banca Centrale delle banche centrali, la BIS Banca dei Regolamenti Internazionali ci dice che…

Le banche centrali non sono banche commerciali . Non cercano profitti. Né affrontano gli stessi vincoli finanziari delle istituzioni private. In termini pratici, ciò significa che la maggior parte delle banche centrali potrebbe perdere abbastanza denaro per rendere il loro patrimonio netto negativo e continuare a funzionare completamente con successo.

So che molti ragazzi che studiano alla Bocconi, leggono il blog, mi dispiace prendere a schiaffi le teorie di uno dei Vostri professori più in vista, ma capita quando questi Signori non studiano e raccontano leggende metropolitane!

Andrea Mazzalai on Twitter: "Dimenticavo oltre ad Alesina e ...

Ovviamente per il professore della Bocconi, Icebergfinanza è un troll molto noto, lo so Tommaso, brucia, essere asfaltato da un normale autodidatta, ma devi fartene una ragione se sei “ignorante”, se ignori la realtà e non la racconti ai tuoi studenti.

Quindi riassumendo, le banche centrali possono creare denaro dal nulla, risolvere molti problemi finanziari se c’è la volonta politica di farlo e poi perdere abbastanza denaro per rendere il loro patrimonio netto negativo e continuare a funzionare completamente con successo.

Chiaro il concetto e non penso serva il disegnino in questo caso!

Non vi annoierò tanto con inutili dettagli tecnici, ma come vedremo, in queste settimane la via di Damasco della redenzione monetaria è illuminata da folgorazioni continue.

Solo un idiota o un tedesco insieme ad un olandese, oggi può credere che i debiti che usciranno da questa depressione andranno rimborsati, nessuna possibilità ZERO ASSOLUTO, significherebbe grande depressione per almeno un trentennio.

Quello che è successo in America i nostri lettori e clienti lo sanno a memoria, come per magia per salvare banche e hedge fund falliti, prima a settembre 2019 e poi in queste settimane la Federal Reserve, ha messo in campo più di 5000 miliardi di dollari, contro i 25 del Governo italiano WOW….

How big could the Fed's balance sheet get? | Financial Times

Tu pensa che qualche ingenuo ancora crede che bastino i 26 miliardi del mes e le briciole degli altri programmi governativi, beata ignoranza.

Per fortuna che i cittadini italiani sono a casa al sicuro che si godono l’informazione di regime, che dipinge le meraviglie del Governo Conte, i miliardi di debiti che piovono sulle piccole e medie imprese italiane e l’elemosina per le partite IVA.

Iniziamo dal Sole 24 Ore, riporto solo uno articolo ma vi assicuro che ce ne sono a decine…

Peccato che il giorno clou non è tanto l’incontro dell’eurogruppo di giovedi che si annuncia come l’ennesimo buco nell’acqua del governo italiano, ma il 5 maggio dove forse  EI FUI SICCOME IMMOBILE DATO IL  MORTAL SOSPIRO DELL’EURO…

Li fuori, dentro le magnadore dorate dei club prestigiosi di Bruxelles e nei circoli esclusivi di economisti, giornalisti, editorialisti, banchieri e altre amenità varie, c’è la convinzione che l’euro è qui per restare per sempre.

Resterà per sempre solo se la Banca centrale europea farà il suo lavoro o tedeschi e olandesi se ne andranno a fare il loro euro austero e penitenziale.

Scherzi a parte, il 5 di Maggio, è previsto che la Corte costituzionale tedesca si pronunci di nuovo sulla legittimità del quantitative easing della Bce. In caso di parere negativo il Bundestag dovrà seguire la Costituzione federale, fregandosene dei trattati europei.

Vi annuncio già che Angela Merkel, oltre ad aver chiamato Conte per fargli fare i compitini a casa, ha telefonato a vari componenti suggerendo di fare i bravi e di non mettere in pericolo l’euro e la Germania, quindi si tratterà di un non evento a meno che quello che ci aspettiamo sul DAX non diventi realtà.

Se verrà dato il via libero definitivo al QE allora la monetizzazione del debito e la sua futurca cancellazione diventerà realtà, diversamente ai posteri l’ardua sentenza, direbbe il Manzoni, ricordando Napoleone.

Direttamente dalla Finlandia via VOX CEPR, Signori e SIgnore,  la conversione del debito…

Alla fine, spetta alla BCE

Date le dimensioni limitate dei programmi summenzionati (SURE, MES, BEU, EUROBOND) e gli elevati livelli di debito dei paesi interessati, evitare una nuova crisi del debito continua a dipendere dalla BCE, in quanto acquirente di ultima istanza del debito pubblico.

Qui sotto avete invece uno dei più spettacolari fallimenti della recente crisi greca, uno scienziato di nome Blanchard che ha distrutto un intero Paese con i suoi strampalati moltiplicatori fiscali che non sto a spiegarvi, in sintesi uno dei principali responsabili della tragedia greca…

 

Nel Regno Unito, il Ministero del Tesoro e la Banca d’Inghilterra hanno appena annunciato la riattivazione temporanea di un regime che consente alla banca centrale di finanziare direttamente la spesa pubblica.

In parole povere, la povera Inghilterra che doveva sparire dalla faccia della terra con la Brexit, oggi attraverso al Banca centrale monetizza direttamente le maggiori emissioni di debito da parte del Governo inglese.

In Giappone, si in quel Giappone dove il rapporto debito/pil è ormai vicino al 250 % il premier Abe promette 855 euro a tutti, nessuno escluso e dove li trova, telefonando alla Banca centrale e ordinando a Kuroda di stampare, stampare e ancora stampare, cancellando poi tutto al momento opportuno.

Qui sotto, la risposta all’ignorante professore della Bocconi, Monacelli…

Questa colonna sostiene che invece di aumentare le tasse e / o aumentare il debito pubblico per finanziare i necessari programmi fiscali, è giunto il momento di “soldi per elicotteri” – finanziamenti diretti e non rimborsabili da parte della banca centrale degli ulteriori trasferimenti fiscali ritenuti necessari.

Altro che tasse che non possono essere pagate, finanziamenti diretti e NON RIMBORSABILI da parte di una banca centrale.

Ma l’apoteosi arriva qui, nel prossimo articolo, il professore Giavazzi, si quello che ogni giorno dalle colonne del Corriere della Sera, un giornale ormai satirico, da lezione agli italiani insieme ad Alesina il padre dell’austerità espansiva, una delle teorie più ridicole della storia dell’economia mondiale…

EURO BREAK-UP: LA FINE DEL MONDO! | icebergfinanza

IN BARBA ALLO SPREAD: TITOLI DI STATO IL RITORNO DELLA MANINA ...

EURO BREAK-UP: LA FINE DEL MONDO! | icebergfinanza

Lo so, Ragazzi spiace smontare i Vostri idoli della domenica, ma questa è la triste realtà, oggi gli ignoranti insegnano.

Come direbbe il buon Taleb…

L’establishment economico (università, autorità di regolamentazione, funzionari delle banche centrali, funzionari governativi, economisti al servizio di varie organizzazioni) ha perso la propria legittimità a seguito del fallimento del sistema.
Sarebbe imprudente e insensato da parte nostra se ci affidassimo alle capacità di questi esperti per uscire da questo caos. Al contrario, bisogna individuare le persone intelligenti e con le mani pulite.

Ma torniamo a Giavazzi…

 

Questo shock da guerra richiederà un sostegno fiscale molto ampio. Il suo costo di finanziamento dovrebbe essere distribuito su diverse generazioni. Ciò può essere ottenuto mediante l’emissione di Eurobond non rimborsabili o con scadenza molto lunga. Dovrebbero essere sostenuti dalla BCE per mantenere basso l’onere finanziario.Questa colonna sostiene che nessun vincolo istituzionale o legale impedisce questa risposta politica. Un’azione tempestiva è fondamentale poiché consentire a una crisi di trasformarsi in molte persone potrebbe interrompere il progetto europeo, con implicazioni politiche di vasta portata e imprevedibili.

Apoteosi! EUROBOND NON RIMBORSABILI, SOSTENUTI DALLA BCE, NESSUNO VINCOLO ISTITUZIONALE O LEGALE IMPEDISCE CIO’

L’ultima ciliegina sulla torta la facciamo mettere da Mélenchon, il comunista francese, l’apoteosi rossa…

Wow, come cambiano le persone che ieri Vi facevano la morale e oggi Vi raccontano che tutto è possibile!

Leggo che sarà un settimana davvero interessante, poi arriverà il 5 maggio, anche questa ultima proposta fatta girare dalla maestrina di Bruxelles è inutile e dannosa…

BRUXELLES – Almeno 1000 miliardi da raccogliere sui mercati con bond europei gestiti dalla Commissione, da versare ai paesi più colpiti dalla pandemia in parte sotto forma di aiuti a fondo perduto, in parte come prestiti a tassi contenuti da rimborsare non prima di 20 anni. Prende forma il piano con il quale Ursula von der Leyen e Charles Michel sperano di mettere d’accordo i leader dell’Unione in occasione del video summit di giovedì prossimo…

Se metti sul mercato 1000 miliardi di euro di EUROBOND, CORONABOND, gli investitori si disferanno degli altri titoli di Stato dei singoli Paesi europei. Nel fine settimana Black Rock e Goldman Sachs hanno consigliato di acquistare i nostri titoli italiani, perchè loro credono che la BCE non ha alternative continuerà a MONETIZZARE e CANCELLARE tutto il debito.

Non è colpa mia credetemi ma del presidente americano Nixon!

Io invece suggerisco di aspettare ancora, in Europa le cose di solito vanno per le lunghe, a tempo debito ci saremo anche noi, ma per il momento è il caso di restare ai margini ad osservare cosa accadrà in un consiglio europeo inutile, almeno sino al 5 di maggio, inutile perchè qualunque accordo verrà trovato, con qualunque strumento, sarà obsoleto e mortale rispetto alla capacità di una Banca centrale di stampare all’infinito e perdere abbastanza denaro per rendere il suo patrimonio netto negativo e continuare a funzionare completamente con successo.

Lo so, la consapevolezza provoca rabbia, la rabbia di sapere che in questi anni, trilioni di dollari sono stati creati dal nulla per salvare banchieri criminali e politici corrotti, mentre al popolo si chiedevano sacrifici, ma ora è il momento del coraggio, se non lo fanno loro, lo faremo noi, prima riempiendo le piazze, poi attraverso il voto e infine…

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta, l’informazione indipendente…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.0/10 (12 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +7 (from 7 votes)
MES. BCE JUBILEE DEBT 2020!, 9.0 out of 10 based on 12 ratings
29 commenti Commenta
madmax
Scritto il 20 aprile 2020 at 08:47

Perche’ mai avremmo bisogno del MES? In Italia ogni anno vi sono 110 miliardi di evasione! Sai quanti MES coprono? Sai quanti letti di terapia intensiva?

kry
Scritto il 20 aprile 2020 at 10:31

Ciao Andrea vedere scritto deficit/pil del Giappone quasi 150 non fa nessun effetto
quasi 250 è più realistico.
Volevo aggiungere , sembra una novità
https://www.finanza.com/Finanza/Notizie_Mondo/Altri_paesi_Europa/notizia/Bce_e_Commissione_Ue_valutano_piano_per_creare_bad_bank_per_-519195
Buona giornata a tutti

    icebergfinanza
    Scritto il 20 aprile 2020 at 11:34

    Giusto grazie… refuso corretto!

noldor
Scritto il 20 aprile 2020 at 12:03

Sarà interessante vedere se queste misure verranno effettivamente implementate, penso che in ogni caso dovranno essere gli USA i primi a farlo perché hanno maggior peso geopolitico, e a seguire a ruota gli altri.

    icebergfinanza
    Scritto il 20 aprile 2020 at 13:02

    Chi l’avrebbe mai detto a parte Machiavelli e la sua deflazione da debito? ;-)

landini76
Scritto il 20 aprile 2020 at 12:13

e piattaforme di trading pronte ai prezzi negativi :-)

giacomocambiaso78
Scritto il 20 aprile 2020 at 12:31

La partigianeria non paga, finche’ un italiano su due vota pensando a “chi” dice cosa piuttosto che non “cosa” viene detto non c’e’ speranza per il popolo ignorante. la narrativa vuole che i populisti votino con la pancia e gli altri con il cervello, peccato sia l’opposto, questo tuo post eccezionale e’ solo l’ennesima prova. Grazie per il tuo lavoro

fabio
Scritto il 20 aprile 2020 at 14:23

Come al solito post bellissimo di grande consapevolezza grazie Andrea per il tuo lavoro : verità e realtà in un mare di menzogna in cui siamo purtroppo bombardati tutti i giorni

sapiosexual
Scritto il 20 aprile 2020 at 15:18

Grazie Andrea, il tuo dono di una scrittura limpida e didascalica è veramente utile e chiarificatorio in tempi incerti in cui si dice tutto e il contrario di tutto.
Detto questo, una domanda.
Il conflitto generalizzato fra istituzioni politiche ed economiche si sta acuendo in particolare qui in Europa (ad es. BCE vs Karlsruhe, visto che i tedeschi son furbi e politicizzano il diritto), con una politica che pone sempre più resistenza a riforme e provvedimenti sempre più necessari.
Io capisco la disillusione, ma siamo davvero sicuri che la Germania non cederà? Una Germania che già qualche mese fa nei tuoi articoli risultava indebolita in diversi indicatori, con una Merkel con i tremori in cerimonie pubbliche costretta ad abbandonare nel 2021 (senza degno erede), con i vari trucchi di prestigio a cui si è aggrappata negli anni sotto il più o meno silenzio di tutti, con il famoso “buco con intorno la banca” sempre a fare da sfondo oscuro, con una politica e un opinione pubblica paralizzata di fronte all’ennesimo ritorno di una pseudo destra-estremista e la carica dei verdi pieni di sensi di colpa?

E viene da chiedersi inoltre come mai l’Italia invece di capitalizzare sull’aver messo sulla difensiva (es. i vari “scusaci Italia”) e del cambio di narrazione (es. mancanza di solidarietà del nord eu), unendosi compatta per dare il colpo di grazia, si stia piuttosto sgretolando sia a livello politico (esemplare il putiferio del voto in parlamento UE sia per maggioranza che per opposizione) che a livello sociale (forse questo meno per fortuna).

Altri dubbi sorgono ad esempio su questi famosi eurobond, che non si capisce se realmente siano un problema per l’Italia intera (se la BCE fa acquisti illimitati su titoli di stato perchè dovrebbe essere un problema lo spostamento del mercato su eurobond? Visto che comunque parliamo di percentuali minori di debito italiano in mano a stranieri e visto che comunque la BCE dovrebbe fagocitare titoli per monetizzare, se ho capito bene (ammesso e non concesso)) o solamente per un’opposizione che vedrebbe vanificato il cavallo di battaglia di un’Europa cattivona e sbagliata? D’altra parte mi sembra che la condivisione del rischio nessuno dica sia sbagliata, ma solo irrealizzabile (poi ovvio dipende con quali meccanismi di garanzia).. Immagino che nei palazzi lassù sappiano che le varie destre/populisti/euroscettici siano solo in attesa dell’ennesimo fallimento per saccheggiare i vari governi eurofili. E che allo stesso tempo questi vari populisti tremino di fronte ad un possibile e vario cambio di rotta dell’Europa capace di inibire le varie propagande negative.

O forse sono fandonie dovute ad una quarantena che ti allontana dalla realtà..

    icebergfinanza
    Scritto il 20 aprile 2020 at 20:30

    Non sappiamo cosa succederà dentro il cervello dei politici, dietro le scrivanie di Bruxelles, stiamo a vedere, tempi interessanti. Abbraccio Andrea

silvio66
Scritto il 20 aprile 2020 at 17:38

Ciao Andrea,
siamo alla singolarità il barile va sotto 10 ripeto 10! L’anomalia il futures a 22 in contemporanea. Cosa accadrà adesso? La logica vorrebbe che il futures si allineasse al mercato scendendo del 50 secco domani ma con la logica ci pulito le unghie in questi casi. Qualcosa dovrà succedere però in quanto le due cose non stanno insieme.

    icebergfinanza
    Scritto il 20 aprile 2020 at 20:28

    Aspettiamo che la FED dia informazioni dettagliate a JPMorgan… ;-)

landini76
Scritto il 20 aprile 2020 at 20:31

INAUGURIAMO UNA NUOVA ERA; IL PETROLIO SOTTO ZERO , con prezzi negativi.

kry
Scritto il 20 aprile 2020 at 22:17

silvio66@finanza,
Ciao Silvio
siamo a -57
cosa vuol dire ?
Tutti i nodi vengono al pettine
o
prima o poi la realtà bussa alla porta ?
Siamo alle comiche , uno potrebbe dire sono plurimilionario mi hanno pagato milioni di dollari per portare a casa Xbarili di petrolio.
Però ora una domanda è d’obbligo
visto che tutto ha un prezzo , anche se negativo , questa volta chi paga ?
La FED ?

apprendista
Scritto il 21 aprile 2020 at 15:19

Ragazzi, Capitano, so che macchiavelli punta ad obiettivi ancora più ambiziosi ma 10Y a 0,57 e 30Y a 1,15 e $ a 1,08
Che dite si vende? Voi cosa avete fatto?
La mia paura è vendere e poi cash su banca italiana, forse meglio essere creditore degli USA?
Grazie a chi spenderà 2 parole

idleproc
Scritto il 22 aprile 2020 at 21:40

Sul “confronto” che hanno avuto in “europa” una delle ipotesi può essere questa:

https://youtu.be/n_1apYo6-Ow

Il piano “top secret” coronavirus potrebbe essere questo:

https://youtu.be/nORRgU8sGdE

idleproc
Scritto il 23 aprile 2020 at 15:18

Chi controlla l’informazione in senso tecnico quindi anche digitale controlla tutto.
Con l’alibi del coronavirus stanno zombizzando l’intera polpolazione col controllo digitale che NON è in mano pubblica e qundi potenzialmente soggetto a un controllo della popolazione diretto (certamente non da questi) e con la copertura ideologica dell’ideologia della rete.
Vedrete.
Facile provarlo, come è facile dare soluzioni alternative che però implicherebbe andare dritti al cuore di tutto quello che hanno combinato di nascosto e sottobanco con la copertura e direttiva “europea” con le “riforme” istituzionali, la svendita, le “agenzie” e le SpA più o meno anonime e triangolate e di casta, proseguiranno sulla stessa strada.
Vedrete e probabilmente vedranno.

john_ludd
Scritto il 25 aprile 2020 at 13:03

idleproc@finanza,

Stai usando internet dunque tutto quello che scrivi, tutto quello che leggi viene memorizzato. Usi una VPN ? Ok, sembra meglio ma solo se il gestore del servizio VPN non tiene un registro delle connessioni in uscita, tuttavia ti sei collegato a un sever di un gestore di servizi VPN e questo viene registrato e segnalato. Cosa ricerchi su Google ? E’ l’algoritmo stesso di Google che impara chi sei e ti propone i risultati delle ricerche in modo personalizzato. Compri on line ? Se non lo facevi da prima, lo farai da ora in poi. Dunque il tuo profilo di consumatore viene costruito e la prossima ricerca ti verrà proposto “ehi forse ti interessa anche questo ?”. Telefoni a qualcuno ? Registrato. Sei su un social tipo FB ? Forse tu no ma i tuoi figli sì, tu sei il passato, loro il futuro. Qui siamo su un’altro livello, i tuoi dati sono ciò che vendono con il tuo consenso, è nel contratto di 12.738 pagine che sottoscrivi quando ti registri a un servizio GRATIS. Mio nonno, che ne sapeva, diceva che gratis arrivano solo le sberle. Non vuoi usare l’app per il tracking ? Ma chiunque usa un cellulare è già tracciato, una cellula è molto piccola e come minimo sanno che sei lì dentro. Il posizionamento GPS lo puoi spegnere ? Forse, altrimenti la tua posizione è nota più o meno 10 metri, lo stesso quando sali in auto, il GPS del navigatore è lì che ti segue. Non è che devi aspettare un qualche futuro vicino o lontano, ci sei già dentro da lustri. Vuoi essere sovversivo usando internet ? What ? Si può fare diversamente ? Assolutamente sì. Non usare internet e nessuna infrastruttura tecnologica. Quante reti terroristiche o presunte tali hanno scoperto grazie a internet ? ZERO. Quando passi alla frontiera se hai 10.001 euro sei segnalato per l’eternità, se passa un Rom con la sua donna che indossa una collana da 100.000 euro no. Chi è il fesso tra i due ?

Ricordo nel 2010 durante un viaggio in Cina incontrai un giornalista israeliano che viveva là, sposato con una locale e un paio di bambini razza mista. Gli chiesi la ragione per cui a volte all’ingresso della metro c’erano capannelli di militari in assetto da guerra, vestiti di nero, elmi che rivelano solo gli occhi, giubbotti anti proiettile, scudi anti sommossa. C’è minaccia di terrorismo gli chiesi. Nessuna minaccia, non sono lì per quello, la risposta. Qui non è necessario in quanto la propaganda e il sistema educativo hanno risolto il problema alla fonte, non servono i militari, la gente si è crocefissa da sola 50 anni fa, non fuggiranno mai più, manco sanno di essere in gabbia. Pier Paolo Pasolini aveva perfettamente individuato la natura del sistema consumista, fascismo nella sua assoluta purezza e perfezione, senza alcuna opposizione. In fondo il fascismo è la costante universale delle strutture sociali umane nella sua moltitudine di nomi e di forme.

Philip Mirowski vive oggi e dai tempi di Pasolini è stato tutto perfezionato, portato a un livello superiore. Allora avevi il partito comunista, partiti socialisti, anche negli USA i sindacati avevano un ruolo. Ora non c’è più nulla, non esiste opposizione, il sistema se la crea da solo, puoi tenere un blog, dieci, mille, che parlano male, malissimo dei vari governi, ti spiegano per filo e per segno che sei in un sistema oligarchico e fascista, dimostrando a tutti gli altri che non è vero dato che puoi scrivere quel che vuoi. Speculiamo sui treasuries, sull’oro, sulle azioni, simboli supremi di questo sistema perchè si deve campare e una bottiglia di amarone è meglio di una di tavernello, sono nato benestante, non rischio il mio privilegio per aiutare un altro. Se vogliamo i benefici dei quali non vogliamo fare a meno (io non voglio) si deve rimanere dentro QUESTO sistema, rivoluzionario sarebbe regalare il proprio denaro ai poveri, anzi solo quello è rivoluzionario. C’è altro che non puoi fare, ci ha provato Assange, Snowden o Manning, vedi che fine hanno fatto.

Ma un modo per essere libero l’ho trovato tanto tempo fa, esco, lascio a casa il cellulare, vado in montagna, in mezzo a un deserto. La montagna è vera, l’oceano è vero, tutto il resto non lo è, strati di falsificazioni, illusioni, contorcimenti razionalizzanti a mascherare l’ineluttabilità della propria inadeguatezza, della propria debolezza di fronte alla moltitudine, non potendo convincerla, allora non puoi modificare nulla. L’uomo massa non si sposta, è una massa di granito, respira ma non è vivo.

In montagna, tra le rocce, tra i ghiacci, in mezzo a un deserto, a una grande foresta, fuori dai sentieri, non sono più inadeguato, non sono più debole, più salgo, più mi allontano, più rischio, meno mi sento debole, più sono solo e meno lo sono, è l’unico luogo in cui si può essere liberi.

Libertà e sicurezza sono antitetiche ma le persone cercano sicurezza e questa gli è stata donata ma era falsa e ora è tardi. Timeo danaos et dona ferentes.

idleproc
Scritto il 27 aprile 2020 at 15:48

john_ludd@finanza,

Siamo molto simili, immagino che sai anche valutare correttamente il rischio e sei preparato quando fai le cose che ami, è la preparzione che se qualcosa va sorto ti permette di volgere il caso a tuo favore con un po’ di fortuna.
Se ti sei trovato in qualche “difficoltà” vera, una di quelle dalle quali ormai eri convinto di non uscirne, probabilmente avrai anche osservato (forse a posteriori) la potente e indifferente alle tue sorti bellezza di ciò che ti stava intorno e che sarebbe rimasto dopo il tuo tempo.

idleproc
Scritto il 29 aprile 2020 at 01:33

john_ludd@finanza,

Per dirti con franchezza come la penso, hai rilevato nel tuo notevole post contraddizioni che reputo irrisolvibili e che sono a mio giudizio nella natura della nostra specie (e di altre).
La contraddizione individuo-essere sociale è dinamica e permanente, una doppia polarità irrisolvibile nella quale ci muoveremo fino a quando esisteremo come specie.
Sono garanzia di sopravvivenza, non il singolo polo della dinamica ma la stessa dinamica in sè.
Come esseri sociali interagiamo e siamo “gerarchici” e collettivi, anche quando la gerarchia viene negata, esiste sempre.
Le gerarchie si dovrebbero formare dinamicamente e non essere cristallizzate, formarsi sul problema sociale e di sopravvivenza indotta e sotto la pressione dalla realtà esterna che come specie dobbiamo affrontare in relazione con le altre e l’ambiente per l’allargamento della specie e l’espansione oltre gli attuali confini. Non avremo un gran futuro se restermo solo su questo pianeta, anche questa penso sia una spinta genetica di sopravvivenza.
La ricerca della “stabilità” è del tutto umana, ovvia, come il desiderio di azzerare il rischio che però si riproporrà sempre.
Anche in questa piccola comunità che si è ritrovata per caso si formano “gerarchie” come affinità spontanee e sociali che comunque mantengono forti e intatte le individualità.
In termini pratici sarei del tutto idiota se mi volessi mettere a competere col “capitano” o con te su altri temi ove ho solo da imparare.
E’ il sistema attuale che sta andando verso la fine, non la specie, fine che passa attraverso anche la fine del diritto di proprietà non sui mezzi che garantiscono all’individuo la libertà di scelta e la libertà individuale ma sul capitale sociale iperconcentrato che diventerà comune, non ci sarà la necessità di uno Stato e di una gerarchia o più gerarchie di comando cristallizzate.
Sarà una società auto-organizzante, decentrata fino all’individuo ma collettiva e globale sul futuro comune e sulle sfide che impongono l’espansione e la sopravvivenza che sono connesse, c’è molto spazio là fuori.
Questo potrebbe essere in via del tutto ipotetica un sistema futuro che considero il lato positivo ma nell’avvicinarsi dell’orrizzonte degli eventi esiste anche il lato negativo che sta al di qua dell’orrizzonte ed è prevedibile quasi nel dettaglio e sul quale non commento.
Nessuno è in grado di fare proggetti e previsioni oltre un orrizzonte che è un salto qualitativo dove varranno leggi diverse è non ci sarà lo stesso modo di pensare il mondo.

john_ludd
Scritto il 29 aprile 2020 at 17:26

idleproc@finanza,

Io non competo con nessuno e non voglio competere con nessuno, perché nessuno compete a pelare patate. Il futuro non mi interessa, l’unico evento certo è che in futuro sarò morto, mentre il passato è sinonimo di ricordo e ricordare mi dona solo malinconia non saggezza. Mi piace però collezionare aforismi, frasi di altri che sono stati o sono ancora intelligenti. Mi piace ancora di più in quanto non sono pensieri tra loro coerenti. La coerenza non è un valore, il più delle volte è mera testardaggine. L’intelligenza invece è un valore ma è indefinibile, quando la incontri però è probabile che la riconosci anche se fuori è buio pesto.

“Le previsioni sono estremamente difficili. Specialmente sul futuro.”
(Niels Bohr)

“Nulla nel mondo può essere immaginato in anticipo, neppure la minima cosa. Tutto è fatto di così tanti particolari unici che non possono essere previsti.”
(Rainer Maria Rilke)

“Fra le pene umane la più dolorosa è quella di prevedere molte cose e di non poterci fare nulla.”
(Erodoto)

“Aveva ancor troppo poco vissuto, per sapere che non v’è nulla di più imminente dell’impossibile e che se v’è una cosa che bisogna sempre prevedere, è l’imprevisto.”
(Victor Hugo)

“Chiunque faccia previsioni sarà fragile rispetto agli errori di previsione.”
Nassim Nicholas Taleb

“La probabilità che un evento raro si verifichi è semplicemente impossibile da calcolare.”
Nassim Nicholas Taleb

“E’ strano che un evento accada proprio perché non è stato previsto ?”
Nassim Nicholas Taleb

“Non prevedevo la sconfitta.”
Cyrielle Voguet

“Non direi che il futuro è necessariamente meno prevedibile rispetto al passato – penso che il passato non era prevedibile quando ha avuto inizio.”
Donald Rumsfeld

“Niente è così stupido ed infelice quanto attendersi una disgrazia. Che follia, anticiparsi il male prima che questo capiti !”
Lucio Anneo Seneca

“E nemmeno è utile sapere ciò che accadrà: gran miseria angustiarsi per ciò cui non puoi porre rimedio.”
Marco Tullio Cicerone

john_ludd
Scritto il 29 aprile 2020 at 17:51

idleproc@finanza,

Tutte le persone che si pongono ripetutamente in situazione di rischio solo per seguire un impulso emotivo sono dei sopravvissuti. Ma noi umani siamo emozione, siamo desiderio, quello di alcuni è dannoso agli altri, quello di persone come me è dannoso solo a noi stessi. E’ un investimento emotivo incontenibile, irrazionale, egoista e perdente come nessun’altro. Dovunque sono arrivato, non ho mai trovato nulla, solo la suprema indifferenza dell’universo, la solitudine di un uomo di fronte al vuoto. Eppure non posso fermarmi, sono su un sentiero da cui non posso deviare, che pretende non solo che sia in salute, ma fisicamente prestante, dunque condannato dalla decadenza a non poter apprezzare gli anni della saggezza. Subisco da un lato l’attrazione del pensiero dei mistici, della futilità dell’azione, dell’inevitabilità dell’accettazione, ma poi non posso, non ci sono mai riuscito. Un paio di giorni fa ho inviato a un amico un estratto della storia di Rohitassa, il sutra buddhista che amo di più e che è la mia condanna, se c’è qualcosa di vero è quello ma non posso accettarlo, devo mentire a me stesso per sentirmi vivo. Alla fine la sconfitta è certa ma perdere è una questione di metodo e il mio l’ho raffinato negli anni.

idleproc
Scritto il 30 aprile 2020 at 21:47

John, mai pensato che ti volessi mettere in competizione con qualcuno ma solo che identificato un problema, collaborassi per la visione sociale che hai a risolverlo e/o a definirne la natura.
Sulla “sconfitta”, intesa come specie e come singolo che quando sarà naturalmente sconfitto nel senso che schiatto, passerò il testimone e la scoinfitta semplicemente non esiste.

Non mi va di citare la misinterpretazione hollivudiana del romano mio omonimo gladiatore ma l’idea è quella.

Con vero affetto e stima, Massimo.

idleproc
Scritto il 30 aprile 2020 at 23:21

Ps. Scendendo dai massimi sitemi sul terreno pratico e grazie alla “distrazione” del coronavirus, non è che i nostri eroi si siano fermati con la faccenda del pubblico-privato sul nostro patrimonio e le catene societarie, fondazioni etc. compresa la gestiione di “associazioni” al quale il cittadino che si senta defraudato si possa rivolgere e ove ci sono sempre loro a gestirle.
Sono “ricostruzioni” di interconnessioni pluridecennali interessanti e divertenti da fare, nelle quali per un po’ mi vedranno impegnato solo per la storia, suggerimento che do’ anche ad altri, sempre per la storia durante la “pausa” cornavirus.

rberetta
Scritto il 3 maggio 2020 at 08:06

Avrei solo due domande, niente polemiche solo per capire come funziona:
1)visto che il gold exchange standard è stato abolito da Nixon, e quindi le banche centrali possono stampare denaro senza limite, e come dici tu e la banca dei regolamenti internazionali, le banche centrali possono lavorare anche con patrimonio negativo. Allora cosa impedisce che le banche centrali stampino tutto il denaro dal nulla é comprino tutto oro in circolazione sul mercato o qualsiasi altro bene in circolazione?
2)visto che le banche centrali possono lavorare con patrimonio negativo, come mai Argentina é fallira e Libano é in banca rotta? Non bastava stampare e comprare il proprio debito?

    icebergfinanza
    Scritto il 3 maggio 2020 at 08:34

    1) Ma sentito parlare di politica o geopolitica, mai sentito parlare di azzardo morale a basso regime, oggi è semplicemente successo il peggio che poteva accadere è stata lanciata una bomba atomica a idrogeno sulla terra, loro hanno la scusa per usare tutto l’arsenale solo ora prima no.
    2) Parlare come fanno molti di Argentina, Venezuela, Libano e via dicendo significa comprendere poco o nulla di come funziona il sistema monetario mondiale, ci sono nazioni di serie A e nazioni di serie B, storia, tessuto produttivo e via dicendo.
    3) Ti rispondo qui perchè ho detto spesso di non usare post a caso per fare domande a caso. Se ancora oggi credi alla stessa comunità scientifica che si è inventata molti dei virus e pandemie passate, pompando ovunque industrie farmaceutiche e alimentando un circolo vizioso nell’opinione pubblica, se credi ancora nonostante le evidenze siano queste, leggiti l’articolo precedente e le origini di quel laboratorio, sono i francesi i primi a mettere in dubbio tutto non i tedeschi o gli americani, se ti bevi il classico Burioni che sbandiera il virus naturale e non lasci aperta neanche per sbaglio la porta all’ipotesi che si tratti di un errore umano o di qualcosa di più terrificante, come lo è stato 11 settembre, significa che hai certezze che io non ho.

ilribassista
Scritto il 3 maggio 2020 at 16:48

john_ludd@finanza,

È sempre un piacere leggerti. Buona giornata.
L’uomo si rigenera e scarica le interferenze all’ombra di un albero.
Ovviamente potete non crederci .. ma così .. per curiosità .. fatelo ..
Come fa John.
Via lontano senza telefono e vedi se percepisci la differenza.
Non la sentite?
Provate una seconda volta.
E vedrete che apprezzerete cose che esistono e non vedevate.
Buona giornata a tutti

icebergfinanza
Scritto il 10 maggio 2020 at 09:51

*** COMUNICATO *** Comunico che oggi ( tanto per non cambiare ) abbiamo avuto problemi di invio multiplo con il SERVER di LIBERO. Grazie Andrea

SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
REVOLVERSMAPS

ICEBERGFINANZA NEL MONDO

Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Non dilunghiamoci sul ruolo che i titoli tech hanno avuto su questo rally di borsa. E come avret
Non dilunghiamoci sul ruolo che i titoli tech hanno avuto su questo rally di borsa. E come avret
Qualche giorno fa l’amico Marco ci ha parlato di una nuova asset class, perché di questo si t
Mentre gli americani festeggiano il loro giorno del Ringraziamento, aiutati dagli psicopatici ch
Tabella di analisi delle società quotate su Borsa Italiana con dividendi, debito, price earning e p
Eccoci qui per un veloce aggiornamento su uno dei titoli long che in molti abbiamo in portafoglio ov
Aggiornamento dei posizionamenti monetari. Sulle mibo prosegue il continuo aumento di posizioni p
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
L’interesse nei confronti della Cina è molto alto. È stato il primo a ripartire dalla crisi